BSA, il nuovo corso della zarina

Il coordinator del copyright voluto da Obama passerà alla guida della associazione antipirateria che si batte contro la distribuzione illecita del software

Roma – Voluta dall’Amministrazione Obama nel ruolo di intellectual property enforcement coordinator , la zarina del copyright Victoria Espinel passerà alla guida di una tra le associazioni più potenti nell’industria tecnologica globale. Diventerà infatti nuovo presidente e CEO di BSA – The Software Alliance a partire dal prossimo 3 settembre .

Da Oracle a Microsoft, i principali produttori di software sul mercato globale sono rappresentati da BSA in una pressante attività di lobbying al Congresso. Alla zarina del diritto d’autore toccherà il delicato compito di intraprendere nuove strategie anti-pirateria per limitare il fenomeno della distribuzione di programmi illeciti da Internet al mercato nero.

Dalla chiusura in massa dei domini pirata al contestato meccanismo dei six strikes – gli allarmi del copyright modellati sui principi della Dottrina Sarkozy – il lavoro di Espinel è stato apprezzato dalle major discografiche e dalle potenti case di produzione cinematografica di Hollywood. Il presidente statunitense è ancora alla ricerca del prossimo coordinator della proprietà intellettuale. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paul scrive:
    abbattimento dei costi
    mmh direi che è una cosa buona,trovo immorale avere brevetti per 100 anni. Il tutto però mi sembra una manovra per abbattare i costi dello sviluppo software con la crisi che c'è altro che libertà.Per ora quelli che ci rimettono sono i programmatori... già producono servizi non tangibili...d'ora in avanti vengono ulteriormente declassati...
    • Sg@bbio scrive:
      Re: abbattimento dei costi
      Declassati ? Ehh già evitare il brevetto del doppio click sarà una cosa che farà fallire la professione.
      • WrziQCWXwqM BcIJz scrive:
        Re: abbattimento dei costi
        http://loannocreditcheck.tk/#5657 loan no credit check, http://directlenderloans.nu/#7599 direct lender loans, http://personalloansforpeoplewithbadcredit.nu/#8819 personal loans for people with bad credit,
      • wPBLUXyud scrive:
        Re: abbattimento dei costi
        http://abilifygeneric.pw/#4732 abilify generic,
  • stefano lavori scrive:
    eggrazie
    Da uno che si chiama FOSS che ci si aspettava?
    • king volution scrive:
      Re: eggrazie
      - Scritto da: stefano lavori
      Da uno che si chiama FOSS che ci si aspettava?non hai capito nullail foss attiene al copyright, e il copyright non c'entra NULLA con i brevetti...
  • king volution scrive:
    errata corrige
    la notizia è davvero una bella notizia!riguardo l'articolo però... andiamo proprio maluccio...cito: ... lo stesso ministro Foss ha sottolineato come l'abolizione dei brevetti software rimpiazzi un meccanismo legislativo durato oltre 60 anni, lanciando la Nuova Zelanda verso un sistema più flessibile e moderno nella protezione del copyright . brevetti e copyright sono come mele e pere...
  • MacGeek scrive:
    E in Europa?
    Perché io mica l'ho capito benissimo come funziona qui...In teoria non ci dovrebbero essere, no?
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: E in Europa?
      - Scritto da: MacGeek
      Perché io mica l'ho capito benissimo come
      funziona
      qui...
      In teoria non ci dovrebbero essere, no?In parole molto povere: il software è protetto dal diritto d'autore. Ma se si fa una macchina innovativa grazie al software, allora l'accoppiata è brevettabile.
    • Shedar scrive:
      Re: E in Europa?
      Qui i brevetti sul software non esistono.Se però un algoritmo è parte integrante di un sistema hardware "innovativo" è brevettabile.Poi se rompi a qualche azienda grande, aspettati comunque una causa... di solito così il grande vince sul piccolo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 settembre 2013 09.31----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 settembre 2013 09.34-----------------------------------------------------------
  • Vindicator scrive:
    Precisazione importante.
    http://legislation.govt.nz/sop/government/2013/0237/latest/TMPN10044.htmlE' solo il SOFTWARE fine a sè stesso a non essere brevettabile, ma non completamente, fanno il preciso esempio del software di una lavatrice, che con un software nuovo si rivela più efficace. In quel caso il software è brevettabile perché fa parte di un sistema brevettabile che è appunto la lavatrice.Quindi occhio a cantare vittoria perché il confine è ancora più "fuzzy", insomma mi pare ci siano tutti gli estremi per avere gli aborti patentati moderni come la gesture per sbloccare un telefono.
    • king volution scrive:
      Re: Precisazione importante.
      - Scritto da: Vindicator
      http://legislation.govt.nz/sop/government/2013/023

      E' solo il SOFTWARE fine a sè stesso a non essere
      brevettabile, ma non completamente, fanno il
      preciso esempio del software di una lavatrice,
      che con un software nuovo si rivela più efficace.
      In quel caso il software è brevettabile perché fa
      parte di un sistema brevettabile che è appunto la
      lavatrice.
      Quindi occhio a cantare vittoria perché il
      confine è ancora più "fuzzy", insomma mi pare ci
      siano tutti gli estremi per avere gli aborti
      patentati moderni come la gesture per sbloccare
      un telefono.giustissima puntualizzazionegrazie
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Precisazione importante.
      Come in Italia.
    • Marko scrive:
      Re: Precisazione importante.
      Ok, il sw in quel caso è brevettato insieme alla lavatrice, per cui un altro produttore di lavatrici che voglia usare lo stesso principio (cioè la stessa logica nel sw) dovrà sottostare al brevetto.Tuttavia, se quella stessa tecnica sw può essere utile in un'applicazione diversa dalle lavatrici, può essere usato liberamente perché non si rientra più nel caso protetto da brevetto. E questo può andar bene. Il problema è quando si brevetta il sw in quanto tale.
      • risposta scrive:
        Re: Precisazione importante.
        Mi sembra in realtà sensato. Non brevetto il codice software che fa fare alcune azioni diverse alla lavatrice, ma le azioni che fa la lavatrice stessa, frutto di una ricerca sulla lavatrice (mentre il software è solo una serie di comandi che permette di effettuare le azioni volute).Non è per denigrare il software ma al suo interno, se va bene, ci solo solo piccolissime componenti veramente innovative (avrebbe senso al limite brevettare alcuni algoritmi veramente ottimizzati per ridurre la complessità o che hanno la correttezza garantita), il resto è un buon lavoro ma finalizzato sempre a soddisfare esigenze diverse dal software stesso.
        • Marko scrive:
          Re: Precisazione importante.
          No, a maggior ragione non si dovrebbe brevettare un algoritmo innovativo, che è qualcosa di matematico, di astratto. I brevetti nascono per riconoscere un compenso all'ideatore di una invenzione pratica che la vuole condividere col mondo (a differenza della segretezza delle invenzioni che alimentano politiche di spionaggio industriale e concorrenza sleale). Ciò che dovrebbe essere brevettabile è una soluzione nuova ad un problema tecnico-pratico, non un qualcosa che ha più a che fare con la logica e la matematica.
  • il signor rossi scrive:
    Speriamo!
    In Italia i nostri politici non sanno neanche di cosa si sta parlando, in Europa le lobby hanno lavorato bene ultimamente, ma se qualcuno (tipo Germania o qualche paese nordico) iniziasse a fare misure simili piano piano potremmo arrivarci anche noi...
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Speriamo!
      - Scritto da: il signor rossi
      ... ma se qualcuno (tipo
      Germania o qualche paese nordico) iniziasse a
      fare misure simili ...In Germania brevettano tutto in barba alle leggi dell'Unione. Non aspettarti niente di buono in questo senso dai tedeschi.
    • Shedar scrive:
      Re: Speriamo!
      In europa per ora il software non è brevettabile... per fortuna.Poi con l'aiuto degli italiani riusciremo a darci anche questa zappa sui piedi... ma questo è un altro discorso.
Chiudi i commenti