Btjunkie e il proxy in G

I gestori del noto motore di ricerca BitTorrent annunciano la realizzazione di un proxy a mezzo Google Apps. Per scoprire se la polizia italiana bloccherà anche gli indirizzi IP del gigante di Mountain View

Roma – Un vero e proprio grido di guerra, recentemente lanciato dai gestori del noto motore di ricerca BitTorrent BtJunkie.org . Il search engine del torrentismo potrebbe presto tornare in vita, grazie ad un servizio proxy creato ad hoc attraverso Google Apps . Una promessa che potrebbe accendere la già tesa battaglia con le autorità italiane.

La vicenda è ormai nota: alla fine dello scorso aprile, l’accesso dall’Italia al portale BtJunkie era stato inibito nell’ambito dell’operazione Poisonous Dahlia . La Guardia di Finanza di Cagliari aveva successivamente chiesto che gli ISP rendessero inaccessibile il servizio proxyitalia.com , sfruttato – almeno secondo l’accusa – per permettere agli utenti italiani di continuare a scaricare illegalmente.

Stando a quanto riportato dalla testata specializzata TorrentFreak , gli stessi gestori di BtJunkie vorrebbero ora sfruttare Google Apps per realizzare un proxy ad hoc e combattere così il provvedimento del sostituto procuratore Pilia. Per scoprire se “la polizia bloccherà anche gli indirizzi IP di Google”.

Resta da capire se il colosso di Mountain View accetterà di ospitare il proxy annunciato dai gestori di BtJunkie, mettendosi in conflitto con le autorità del Belpaese. Sembra comunque che la crociata del motore del torrentismo verrà portata avanti tramite l’aggiramento continuo dei blocchi ordinati dal sostituto procuratore del capoluogo sardo.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti