C'è del DRM in quel MacBook

Apple sistema il trackpad dei suoi laptop, gli utenti smanettano su quelli dei vecchi modelli. E nel frattempo si scopre che la DisplayPort si è portata in dote un sistema che controlla la fruibilità dei video

Roma – Sorpresa! Assieme alla discussa DisplayPort, la nuova interfaccia per collegare i monitor integrata nei recenti aggiornamenti in alluminio della linea MacBook e MacBook Pro, Apple ha inserito nei suoi laptop anche un piccolo regalo senz’altro gradito ai suoi utenti: il DRM . Un sistema di cifratura software è ora in grado di stabilire dove passano i segnali video, e dunque di impedire la riproduzione di film e serie TV acquistate su iTunes Store su uno schermo diverso da quello del Mac.

Si chiama HDCP ( High Definition Content Protection ), ed è di fatto uno standard per i contenuti ad alta definizione: c’è su tutti i contenuti video distribuiti con Blu-Ray , tanto per fare un esempio, e consente di cifrare con una valida protezione AES a 128bit il segnale in uscita dal sistema di riproduzione. Nel caso dei MacBook, la variante impiegata si identifica più precisamente con la sigla DPCP ( DisplayPort Content Protection ), ed impedisce di riprodurre su schermi o proiettori esterni tramite l’uscita video integrata i contenuti protetti dalla versione 3 del sistema di protezione FairPlay di Apple.

A quanto pare, gran parte dei contenuti aggiunti recentemente a iTunes Store sono stati codificati con questa nuova release del DRM di Cupertino: alcune prove effettuate dimostrerebbero che il problema non riguarda i materiali presenti già da tempo sul marketplace virtuale di Apple, codificati ancora con la vecchia versione 2 dell’algoritmo. L’introduzione della DisplayPort, quindi, oltre ad un’apprezzabile diminuzione dei consumi e una migliore resa sui grandi display, si porterebbe in dote anche una meno auspicabile limitazione sulla possibilità di fruizione da parte degli utenti del materiale regolarmente acquistato : eventuali filmati provenienti da altre fonti (illecite) non essendo stati codificati in questo modo potranno essere liberamente visualizzati su qualsiasi schermo o proiettore.

Se la faccenda, come pare , sarà difficile da digerire per i Mac user, Apple potrebbe sempre decidere per una modifica dell’algoritmo FairPlay per consentire certe operazioni. D’altra parte, è raro che un prodotto sia perfetto nella sua prima incarnazione, e di certo i nuovi MacBook non fanno eccezione: alcuni utenti avevano lamentato un fastidioso bug che affliggeva il nuovo trackpad di vetro, che in talune situazioni risultava come congelato, probabilmente a causa di un problema del driver.

Apple nelle scorse ore ha rilasciato una patch per correggere il problema : si chiama MacBook, MacBook Pro Trackpad Firmware Update 1.0 : pesa poco meno di un megabyte, e in pochi passaggi consente di ovviare al freeze temporaneo del trackpad. L’ installazione dura pochi minuti, non c’è bisogno di riavviare, e il risultato è un dispositivo di input come nuovo – o per meglio dire, come avrebbe dovuto essere sin dall’inizio.

Tra le caratteristiche principali del nuovo trackpad c’è anche la capacità di gestire gesture multitouch fino a quattro dita : sfiorandolo si possono attivare Exposé e Spaces, le due estensioni multidesktop e di gestione delle finestre di Mac OS X, rendendo più semplice l’utilizzo del notebook anche senza l’ausilio del mouse. Sebbene questa possibilità fosse per il momento riservata solo alle ultime incarnazioni di MacBook, Pro e Air, un utente è riuscito ad attivarle anche su una vecchia versione del portatile ultraleggero di Apple, grazie ad un piccolo espediente software.

È bastato confrontare la vecchia versione del modulo del trackpad con quella nuova inserita di default in un nuovo modello per scoprire alcune voci che le differenziavano: copiando e incollando , michaelb (questo il nick con cui si firma l’hacker) è riuscito ad abilitare le nuove gesture anche sul suo MacBook Air di inizio 2008 . L’hack è probabilmente destinato a fungere su tutte le versioni di laptop Apple dotate di trackpad multitouch, sebbene per il momento sia sconsigliabile procedere alle modifiche a meno che non si sia in grado di ripristinare il sistema o sia possibile eventualmente reinstallare da zero il sistema operativo.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Matteo Cologni scrive:
    Info su StartOffice09 for Mac
    con startoffice09 posso importare e modificare i file con estensione .wps di Works?RingraziandoViMatteo Colognialpiprealpi@tin.it
  • politca del culo scrive:
    potica del *a*z*
    Chi andava a comprare avanzi di magazzino con PPC dopo l'annuncio del passaggio a Intel sapeva che non avrebbe avuto tutte le applicazioni in futuro...ma ti sembra che uno che compera 1 g5 a 2ghz tower abbia preso 1 fondo di magazzino????Poi con gli universal mi sembra che anche microsoft (e qui è detto tutto) sia riuscita quasi abbastanza bene a fare 1 suite office sia per ppc sia per intel.Java poi è multipiattaforma ed è della sun....mah
    • Sgabbio scrive:
      Re: potica del *a*z*
      Staroffice e Openoffice, mica sono fatti in java, eh ? Solo una parte di esse è scritta con quel linguaggio, che tra l'altro sarà convertito.
  • Barak scrive:
    Lightning
    Non lightening.Just for the record.
  • atroce scrive:
    politica del *a*z*
    Ma vacca boia... i requisiti minimi????P3 per i PC normali e processore intel per i Mac??? e i G3, ma soprattutto i G4 e i G5???e' atroce pensare che chi ha acquistato 1 G5 adesso non può adoperare l'ultima release ufficiale di openoffice o di staroffice...E dire che se ne sn usciti con gli universal binary.....poi fosse 1 programma di quelli pesanti (ma funziona sui p3 con 256 mb di ram....).Si può considerare ufficialmente cominciata l'era del "ciap programming" (in altre parole "programmare a culo")
    • VITRIOL scrive:
      Re: politica del *a*z*
      - Scritto da: atroce
      Ma vacca boia... i requisiti minimi????
      P3 per i PC normali e processore intel per i
      Mac??? e i G3, ma soprattutto i G4 e i
      G5???OpenOffice 3 ha anche un porting per Mac PPC, però non è ancora stato rilasciato ufficialmente, ed è ancora considerato in fase di testing:http://porting.openoffice.org/mac/download/aqua.htmlSalutiVITRIOL
    • ... scrive:
      Re: politica del *a*z*
      mah il motivo principale è che il 90% dei programmatori di oggi programma "a diagrammi uml", non sa un cavolo di intel, ppc e compagnisai i disastri che avranno combinato nella gestione dei dati, essendo ppc big endian, figurati che cavolo ne potrà sapere un programmatore moderno...non sanno nemmeno cos'è un byte
    • iRoby scrive:
      Re: politica del *a*z*
      Ma un cambio di architettura non è mai stato indolore...Chi andava a comprare avanzi di magazzino con PPC dopo l'annuncio del passaggio a Intel sapeva che non avrebbe avuto tutte le applicazioni in futuro...
  • geppo scrive:
    importare pdf
    "...la capacità di importare e modificare i documenti PDF..."Qualcuno mi sa dire come si importano documenti i pdf?Quello che ho visto è che Draw apre i pdf con effetti bizzarri, perdendo la maggior parte della formattazione non elementare, e niente più.
    • VITRIOL scrive:
      Re: importare pdf
      - Scritto da: geppo
      "...la capacità di importare e modificare i
      documenti
      PDF..."

      Qualcuno mi sa dire come si importano documenti i
      pdf?
      Quello che ho visto è che Draw apre i pdf con
      effetti bizzarri, perdendo la maggior parte della
      formattazione non elementare, e niente
      più.Io uso Sun PDF Import 0.3.2 su OpenOffice (non so quale versione usa StarOffice), ma non mi sembra così drammatico come dici tu. Certo l'importazione è perfettibile con documenti complessi, ma, in genere, può anche essere accettabile. Considera che attualmente il filtro è considerato ancora in beta.La vera funzionalità killer però è il supporto dei PDF ibridi, che rende praticamente inutile l'importazione dei PDF classici per documenti generati con OpenOffice stesso. Questa funzionalità IMHO è più importante del filtro di importazione.SalutiVITRIOL
      • sylvaticus scrive:
        Re: importare pdf
        cosa sono i PDF ibridi ?
        • VITRIOL scrive:
          Re: importare pdf
          - Scritto da: sylvaticus
          cosa sono i PDF ibridi ?In pratica un PDF ibrido è un normale PDF, che però contiene incorporato il documento ODF originale che lo generato, il tutto in un unico file.Un PDF ibrido può essere letto tranquillamente da qualsiasi lettore PDF, ma quando viene aperto all'interno di OpenOffice, non viene caricato il PDF, ma il programma legge il documento originale incorporato. Quindi è possibile editare il documento come si vuole, e poi esportarlo nuovamente come PDF ibrido (o salvarlo in ODF, a piacere).In questo modo chi possiede solo un lettore PDF può visualizzarlo e stamparlo con tutti i vantaggi del formato, mentre chi possiede OOo (o altro futuro programma compatibile) lo potrà modificare come meglio crede.Sun PDF Import importa anche i PDF tradizionali, però essendo PDF un formato poco adatto alla modifica, ci sono delle limitazioni sia di conversione che di editing. Il formato PDF ibrido risolve brillantemente il problema di visualizzazione e stampa accurata del documento, mantenendo la piena possibilità di modifica.E' come avere due formati in uno, praticamente.SalutiVITRIOL
      • geppo scrive:
        Re: importare pdf
        Io uso Sun PDF Import 0.3.2 su OpenOffice...Ora lo provo! Sui PDF ibridi concordo in pieno, ma ora ho davvero bisogno di importare formulari modificarli e ritrasmetterli senza perdere una virgola di formattazione. L'idea del burocrate è che io li stampi e li mandi per posta ordinaria, non mi piegherò mai!
        • VITRIOL scrive:
          Re: importare pdf
          - Scritto da: geppo
          ma ora ho davvero bisogno di importare formulari
          modificarli e ritrasmetterli senza perdere una
          virgola di formattazioneLa fedeltà dipende molto dal tipo di documento, ma se perdi qualcosa lo puoi sempre risistemare. Certo, è lavoro in più, però dal mondo del software libero o anche solo free non è che vengono molte alternative. Il formato PDF non è nato per la modifica, e OOo 3.0 fa già qualcosa che pochi fanno, anche se i margini di miglioramento sono notevoli.SalutiVITRIOL
  • Tecnico scrive:
    finalmente
    non se ne poteva più di openoffice e degli esaltati fan markettati che sostengono questo obrobrio di codice open source.almeno dietro staroffice c'è una delle aziende più serie del mercato IT, con un base di installato enorme e un supporto FANTASTICO (provate il supporto SUN per credere...).Open Source? no no noClosed source Star Office? yes yes yesmi sembra talmente ovvio...
    • Sgabbio scrive:
      Re: finalmente
      Questa è una trollata scarsa, anche perchè Star office si basta sui sorgenti di OO 3 :D
    • Utente scrive:
      Re: finalmente
      Definire close source Star Office che sostanzialmente non è che OpenOffice.org 3.0 rebrandizzato e potenziato da Sun è quanto meno curioso.Se fai riferimento al fatto che Sun offre assistenza per Star Office mentre ritieni che OpenOffice.org non ha alcuna assistenza, anche qui sbagli. La Sun offre, ovviamente a pagamento, un pacchetto di assistenza anche per OpenOffice.org vedi qui: http://www.sun.com/service/serviceplans/software/index.jsp.Inoltre, Sun è uno dei principali finanziatori e sviluppatori di OpenOffice.org, quindi fare distinzioni tra OpenOffice.org e Star Office è fuoriluogo perchè si sta parlando, salvo piccoli dettagli, dello stesso prodotto tanto che nell'avvio di Openoffice.org appare il logo di Sun! Semplicemente sono due offerte che sono destinati a due mercati diversi.
    • Federico Buonanno scrive:
      Re: finalmente
      A prescindere da un discorso della qualità del software open source, su cui hai opinioni precise , credo che vada precisato che openoffice è primariamente sviluppato e supportato da personale pagato da SUN che lavora nella sede SUN di Amburgo.Occupano tre piani e sono circa 150.Ad essi si sono affiancati 38 sviluppatori IBM.Questo dato di fatto contrasta con le tue considerazioni rispetto alla maggiore o minore qualità del codice se sviluppato e supportato da SUN. Spero di essere stato chiaro, senza polemica.
    • VITRIOL scrive:
      Re: finalmente
      - Scritto da: barra78
      Openoffice, staroffice, lotus symphony
      condividono la quasi totalità del codice.I primi due sì, mentre il terzo non direi. Symphony usa un core basato sul vecchio codice di OOo (1.1.x), ma ha una interfaccia grafica completamente diversa e basata su Eclipse. Difficilmente può essere considerato un semplice fork, perché gli interventi sono troppo massicci.SalutiVITRIOL
      • barra78 scrive:
        Re: finalmente
        Beh però il nuovo menu di avvio in openoffice 3 è basato sul lavoro fatto da IBM, tutto sommato penso che l'utilizzo di eclipse non abbia poi allontanato molto i 2 applicativiA tal proposito cmq una curiosità: cosa viene utilizzato per sviluppare oOo? Netbeans o altro?E ancora: l'applicativo di IBM è ottimo IMHO, mi piace un sacco. E' forse ancora acerbo: manca il supporto ai 64bit in linux ed è arrivata da pochissimi giorni una versione davvero compatibile con ubuntu. Inoltre l'interfaccia sia su windows che su linux deve migliorare un pochino, alcuni piccoli difetti sono fastidiosi però guardo con fiducia al futuro di questo programma.
        • VITRIOL scrive:
          Re: finalmente
          - Scritto da: barra78
          Beh però il nuovo menu di avvio in openoffice 3 è
          basato sul lavoro fatto da IBM, tutto sommato
          penso che l'utilizzo di eclipse non abbia poi
          allontanato molto i 2
          applicativiPerò l'interfaccia è la prima cosa che vede l'utente, e questo dà ai due prodotti un look and feel diverso:http://img522.imageshack.us/img522/8834/ooocb3.pnghttp://img522.imageshack.us/img522/2839/symta1.png
          A tal proposito cmq una curiosità: cosa viene
          utilizzato per sviluppare oOo? Netbeans o
          altro?Non lo so :-)SalutiVITRIOL-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 novembre 2008 09.43-----------------------------------------------------------
    • ciccio scrive:
      Re: finalmente
      - Scritto da: Tecnico
      non se ne poteva più di openoffice e degli
      esaltati fan markettati che sostengono questo
      obrobrio di codice open
      source.

      almeno dietro staroffice c'è una delle aziende
      più serie del mercato IT, con un base di
      installato enorme e un supporto FANTASTICO
      (provate il supporto SUN per
      credere...).

      Open Source? no no no
      Closed source Star Office? yes yes yes

      mi sembra talmente ovvio...A me sembra ovvio che tu sia un tecnico si, ma degli sciacquoni dei cessi pubblici della tua città....
    • GoldenBoy scrive:
      Re: finalmente
      ah sun ha fatto una fatica...ha impacchettato insieme OO 3,thunderbird con l'estensione di lightning...e questa sarebbe la novità? :-|Comodità forse, ma novità proprio...
    • PGStargazer scrive:
      Re: finalmente
      - Scritto da: Tecnico
      non se ne poteva più di openoffice e degli
      esaltati fan markettati che sostengono questo
      obrobrio di codice open
      source.

      almeno dietro staroffice c'è una delle aziende
      più serie del mercato IT, con un base di
      installato enorme e un supporto FANTASTICO
      (provate il supporto SUN per
      credere...).

      Open Source? no no no
      Closed source Star Office? yes yes yes

      mi sembra talmente ovvio...a me sembra talmente ovvio che sei un mvp M$solitamente far finta di essere di parte però aizzante battagliero puzza di markettaro laureato o laureando (dipende dai casi) in economia e commercio o medicina ma non attacca più eh...Il tuo nick pure è un tutto un programma; quando si sente la parola professionale o qualsiasi cosa che esprime apparenza di esperienza è palese che è tutto fumo e niente arrostoriprova magari sarai più fortunato...
  • ... scrive:
    Quanto spazio occupa?
    Un amico oggi mi chiama, gli hanno appena dato un EEE-PC in comodato d'uso e ci trova installato StarOffice, dice che occupa 800Mb, è possibile? OpenOffice se non sbaglio ne occupa meno della metà, che diffeenze ci sono?
    • tuba scrive:
      Re: Quanto spazio occupa?
      contando che openoffice È staroffice...sun ha rilasciato sotto licenza proprietaria il programma e l'ha chiamato staroffice e sotto gpl e l'ha chiamato openoffice ma alla fine sono identici
    • VITRIOL scrive:
      Re: Quanto spazio occupa?
      - Scritto da: ...
      Un amico oggi mi chiama, gli hanno appena dato un
      EEE-PC in comodato d'uso e ci trova installato
      StarOffice, dice che occupa 800Mb, è possibile?
      OpenOffice se non sbaglio ne occupa meno della
      metà, che diffeenze ci
      sono?La maggior parte dello spazio in più è occupato da una ricca collezione di modelli di documento e immagini clipart, che non sono presenti in OpenOffice.Quindi, pur essendo un'aggiunta utile e piacevole, non è nulla di essenziale. Poi ci sono gli strumenti e i filtri proprietari Sun, ma di sicuro non occupano così tanto spazio.SalutiVITRIOL
    • PGStargazer scrive:
      Re: Quanto spazio occupa?
      leggendo i forum tutti hanno piallato apposta la versione sun sui loro eeepcDel resto a forza di ottimizzare swap no swap patch e servizi del sistema winzozz per evitare di riempire i loro ssd da qualche manciata di gigabyte devono eliminare i programmi utili (rotfl)
Chiudi i commenti