C'è ENUM dietro il nuovo registro VoIP

Non è possibile sapere oggi quanti operatori decideranno di adottarne struttura e possibilità ma il nuovo giochino si propone di avvicinare i servizi oggi attivi e migliorare la qualità del VoIP
Non è possibile sapere oggi quanti operatori decideranno di adottarne struttura e possibilità ma il nuovo giochino si propone di avvicinare i servizi oggi attivi e migliorare la qualità del VoIP

Roma – Sta vedendo la luce senza troppa enfasi un registro che potrebbe rivelarsi decisivo nell’affermazione del VoIP, un insieme di informazioni di routing e numeri VoIP condiviso da società del settore e utilizzabili dagli aderenti al registro, capace di “avvicinare” le diverse reti VoIP e consentire una interoperabilità a largo spettro.

Questo è il progetto alla base di SPIDER (Service Provider ID E.164 Record Registry), creatura di una società non profit che intende fornire nuovi mezzi di “collegamento” tra provider di servizi VoIP e lo standard E.164 per i numeri telefonici internazionali approvato da ITU , International Telecommunications Union . E.164 può portare ai DNS utilizzando ENUM , un insieme di protocolli di comunicazione pensato per dar vita ad una struttura di comunicazione interoperabile capace di includere il VoIP e numerose altre applicazioni, sul quale si sta lavorando da tempo anche in Italia .

“SPIDER – si legge in una nota diramata dalla SPIDER Registry Inc. – darà ai fornitori di servizi di comunicazione e alle comunità VoIP un insieme base di strumenti database condivisi necessari per facilitare la condivisione, gestione e distribuzione di informazioni di indirizzamento tra partner fidati”. Chi aderirà a SPIDER, dunque, metterà in mezzo le proprie informazioni di routing e i numeri che gestisce attraverso i protocolli VoIP, ottenendo in cambio l’accesso alle informazioni fornite dagli altri partner. Risultato, secondo SPIDER Registry, è un colossale ed interoperabile ambiente di comunicazione integrata su IP .

I servizi di SPIDER non saranno gratuiti per i provider VoIP. Verranno gestiti da “registrar” accreditati che gestiranno gli account dei singoli clienti e che dovranno occuparsi della fatturazione e della gestione di ogni account. “Gli utenti di SPIDER – specifica la società – possono creare account, fornire numeri di riferimento in quell’account e specificare record di indirizzi di interconnessione e informazioni di routing da mettere a disposizione dei propri partner affinché lo inseriscano nei propri server ENUM/SIP per il routing delle chiamate”. Quello che fa SPIDER è dunque fornire un servizio di distribuzione di questi dati in tempo reale che garantisce la comunicazione tra utenti e fornitori diversi senza soluzione di continuità, dando peraltro la possibilità di un routing diretto end-to-end e quindi, con ogni probabilità, di maggiore qualità per le chiamate VoIP.

Il primo fornitore ad aderire al registro è l’americano Arbinet che ha accreditato presso SPIDER il suo registrar, PeeringSolutions, che già può contare su diversi operatori come clienti e che si propone di gestire e consentire la condivisione delle informazioni di routing in modo che i propri clienti “possano stabilire essenziali rapporti diretti di peering e scambiarsi traffico VoIP con un numero molto maggiore di service provider, senza i problemi di qualità, complessità e sicurezza” derivanti dal dover creare relazioni diverse e specifiche con ciascun fornitore.”

Difficile oggi prevedere il futuro successo di SPIDER e se, ed in che modo, operatori italiani decideranno di aderirvi. Per il momento nel nostro paese tutti i protagonisti del settore si stanno muovendo attorno ad ENUM sebbene ancora alcuni passi decisivi, anche sul piano regolamentare, debbano essere compiuti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 05 2006
Link copiato negli appunti