C'è l'Europa nel Linux cinese

L'iniziativa capeggiata dalla Cina per lo sviluppo di una piattaforma di computing aperta ha coinvolto anche due aziende europee, Bull e STMicroelectronics, che collaboreranno allo sviluppo dei componenti hardware e software


Ginevra – Ad appoggiare l’ambizioso progetto cinese Open Platform Initiative (OPI), il cui obiettivo è lo sviluppo di una piattaforma di computing basata su Linux, si sono aggiunti due gruppi industriali europei: la francese Bull e la svizzera STMicroelectronics . Le due aziende si affiancheranno al Commissariat à l’Energie Atomique (CEA), l’ente francese che per primo firmò, all’inizio dell’anno, un accordo di collaborazione con il ministro cinese per la scienza e la tecnologia.

Il Governo cinese spera che i nuovi alleati possano accelerare la creazione di una piattaforma hardware/software a basso costo basata esclusivamente su software open source. Nelle intenzioni dei suoi creatori tale piattaforma sarà sufficientemente flessibile e modulare per adattarsi ad una grande varietà di sistemi, inclusi PC, server, dispositivi mobili (PDA e smartphone) e device elettronici di consumo.

STMicroelectronics si occuperà dello sviluppo dei mattoni, quali chip e altri semiconduttori, che serviranno all’industria cinese per assemblare computer e altri dispositivi a basso costo seguendo le specifiche dell’OPI. Non è un caso che la Cina abbia scelto proprio ST come partner tecnologico del progetto: in questo paese, infatti, il chipmaker europeo è il secondo maggior fornitore di semiconduttori. ST, fra l’altro, utilizza già Linux all’interno di alcune sue soluzioni, fra cui la piattaforma mobile Nomadik.

La Cina, che ha fatto di Linux un proprio standard, ha come primo obiettivo quello di rendere la propria industria il più possibile indipendente dalle tecnologie proprietarie dei colossi occidentali e giapponesi. A tale scopo, negli ultimi anni il Governo locale ha finanziato lo sviluppo di prodotti tecnologici made in China, tra cui la distribuzione Linux di Red Flag , i processori Dragon e la piattaforma per telefoni cellulari Chinese 2000 Mobile Linux .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    HP: che delusione
    Ho dovuto mettere le mani su quattro proliant ML330 g3 per installare linux.La bella scoperta è che HP supporta solamente RHEE, Suse e United Linux, ovvero i linux a pagamento.Alla fine, con non piccole difficoltà sono riuscito ad installare RH9, anche se avrei voluto installare debian.Tutto grazie al controller RAID CSB6 (ServerWorks) di cui non è facile trovare un kernel di boot che lo supporti.Per installare debian avrei dovuto usare un disco scsi + un controller scsi. Installare debian su quel disco, compilarci il kernel, montare il disco raid e installarci il nuovo kernel (con initrd).Qualcuno potrebbe chiedersi perchè allora non attaccare il disco sulla catena ide. Il problema è che l'hp non vuole ciò, e infatti non farebbe neanche boot.Peccato per questi bei computer...
  • Anonimo scrive:
    Io voglio il Portatile!!!
    Con HW tutto funzionante sotto linux.Molto hardware è supportato ma i fornitori si dimenticano di scriverlo sulle scatole...Ti tocca sempre provere per verivicare se è compatibile.(linux)W:-}
    • Anonimo scrive:
      Re: Io voglio il Portatile!!!
      scrivere supporto linux è un rischio. Basta poco ed il pinguino non funziona. Ci sono tanti problemi, molte distro, si rischia facilmente di avere problemi. Ma se scrivi linux compatibile e non funziona ti possono fare causa senza problemi. Per questo è pericoloso. Molte periferiche funzionavano tranquillamente su XP ma solo quando c'è stata la sicurezza è apparso il logo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io voglio il Portatile!!!
      Comprati un Apple; periferiche funzionanti, gui stabile e un motore unix.Se non hai esigenze molto particolari, per il notebook consiglio Apple. Per il desktop, linux.
  • Anonimo scrive:
    Windows 2000 e` EAL4 da due anni...
    ...e Windows NT, come gia` detto, e` C3 da decenni.Ah, scusate, dimenticavo: quando e` un sistema Windows ad essere certificato e` un'inutile farsa, mentre quando e` Linux diventa un fatto profondamente significativo, giusto?
    • doppiaemme scrive:
      Re: Windows 2000 e` EAL4 da due anni...
      Hai ragione ma solo sul fatto della malafede delle modalità di presentazione delle notize. Sul fatto che queste cerificazioni siano utili oppure no dai un'occhita a questo documento dove ce n'è sia per *nix che per Windowshttp://eros.cs.jhu.edu/~shap/NT-EAL4.htmlSulla certificazione CX di NT stendiamo un velo pietoso ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Windows 2000 e` EAL4 da due anni...

        Sulla certificazione CX di NT stendiamo un
        velo pietoso ...In sostanza basta che sia MS che nemmeno le certificazioni non vanno bene. Un po' come i test sulle performance dei DB, finche' c'erano macchine Unix in testa erano IL verbo, ora che si leggono molte configurazioni SQL Server sono diventate prove fuffa.Prova ad argomentare il perche' del velo pietoso su NT4...
        • MemoRemigi scrive:
          Re: Windows 2000 e` EAL4 da due anni...
          - Scritto da: Anonimo
          Prova ad argomentare il perche' del velo
          pietoso su NT4...Se non sbaglio perchè la certificazione valeva SOLAMENTE SE il sistema era :- staccato da qualsiasi rete telematica- chiuso in un bunker a 300 metri sotto il suolo- spentoEffettivamente in 10 anni la certificazione si è dimostrata veritiera.
          • Anonimo scrive:
            Re: Windows 2000 e` EAL4 da due anni...


            Prova ad argomentare il perche' del velo

            pietoso su NT4...

            Se non sbaglio perchè la
            certificazione valeva SOLAMENTE SE il
            sistema era :Sbagli, chiaramente in malafede o solo perche' parli di cose che non conosci.La configurazione e' "fully networked"

            - staccato da qualsiasi rete telematica
            - chiuso in un bunker a 300 metri sotto il
            suolo
            - spentoDai, va a giocare con le macchinine in tangenziale...

            Effettivamente in 10 anni la certificazione
            si è dimostrata veritiera.Beh, se vai avanti a dire s**o****e per 10 anni ti daranno un Nobel.
        • doppiaemme scrive:
          Re: Windows 2000 e` EAL4 da due anni...
          Non mi sono spiegato molto bene.E dire che ti ho pure dato ragione.Il documento che to ho consigliato di leggere critica la certificazione o meglio l'uso che se fa. La cerificazione è asettica ed è il risoltato di una procedura da quì a dire che un sistema è sicuro mi sembra ne passi ancora:"These requirements are not good enough to make the system secure. It also needs to be acknowledged that commercial UNIX-based systems like Linux aren't any better "Se poi qualcuno pesa diversamente stessa certificazione a seconda che si rilasciata per *nix o windows non è un problema mio.Se non ricordo male la prima certificazione CX per NT era valida con la condizione a contorno del cavo di rete staccato ma mi posso sbagliare. Invece ricordo bene che prima di SP3 le passoword di autenticazione per accedere alle share giravano in chiaro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows 2000 e` EAL4 da due anni...
      - Scritto da: Anonimo
      ...e Windows NT, come gia` detto, e` C3 da
      decenni.Si lo sappiamo.... e allora?Se prendo la patente non posso dirlo in giro perché quelli con più anni di me ce l'anno gia?Si chiama pubblicizzare il proprio prodotto con conferenze stampa.Hai presente cos'é la pubblicità?Non il Fud, la pubblicità...
  • Anonimo scrive:
    Alle tante...
    A 11 anni dalla certificazione Cx di windows NT.Sempre molto avanti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Alle tante...
      - Scritto da: Anonimo
      A 11 anni dalla certificazione Cx di windows
      NT.
      Sempre molto avanti.Si caro troll, solo che winzozz non gira sui server né delle forze armate (Solaris), né di enti quali CIA, NSA ecc. ecc.Chissà perché!!!Ora pigliati le certificazioni dello zio bill e vai ad espletare le tue funzioni fisiologiche in bagno.....cosa farci poi dopo lo sai!11 di sasser, blaster e scemate varie.....ma va!!!!:p
    • Anonimo scrive:
      Re: Alle tante...
      - Scritto da: Anonimo
      A 11 anni dalla certificazione Cx di windows
      NT.
      Sempre molto avanti.Fa un calcolo(Anno di nascita di linux) - (anno di nascita di linux)=?Poi datti la risposta.Ah, di quanto é un numero maggiore o inferiore a 11?
  • Terra2 scrive:
    Chissà perchè...
    ...alla HP abbiano deciso di investire tempo e soldi su Linux!?Ma soprattutto che motivazioni daremmo di questo fenomeno, se cercassimo di decifrare una politica aziendale tramite gli stessi luoghi comuni che applichiamo ad i sedicenni che si rifliutano di usare i prodotti made in redmond? Ecco qui una serie di ottime ipotesi(*):Alla HP puntano su Linux perchè sono pazzi! Certo, tutti il mondo sta andando su windows, anche per il mercato server, e loro sprecano tempo ad implementare una versione di Linux per le loro macchine... si... devono essere proprio usciti di senno!E se fossero le loro frustrazioni che vengono a galla? Se ostentassero anticonformismo solo per una immatura voglia di essere al centro dell'attenzione?Ma certo! Consci del fatto che non riusciranno mai ad essere più grandi di IBM e stufi di perdere fette di business a causa della DELL, sfogano la loro smania di egocentrismo facendo i "diversi"!Tra non molto li vedremo fare squatting in piazza per pubblicizzare le loro fotocamere digitali, metteranno in vendita la serie "ProLiant Flowerpower" con i case adornati di fiori multicolori e cominceranno a rifornire i loro punti vendita spostandosi con vecchi furgoncini volkswagen odorosi di incenso ed altre erbe!O forse sono comunisti? Humm... devo dire che l'idea non mi aveva mai sfiorato prima, ma alla luce degli ultimi fatti...!L'ultimo commerciale HP con cui ho parlato sembrava così "sintetico", la classica spia bolscevica addestrata dal KGB a comportarsi come un decadente capitalista quasi perfetto! Ma c'era qualcosa che non mi convinceva, un "non-so-che di proletario" nei suoi gesti e nelle sue parole... eppoi aveva i calzini rossi! Ok, era un rosso molto scuro, ma sempre di rosso si trattava! E' evidente! L'HP è un *kolchoz* comunista che da anni trama per invadere l'occidente ed ora con Linux si prepara a sferrare l'attacco finale!E se invece volessero solo rimediare qualche ragazza? Probabile no? Ormai non va più di moda il borghesuccio incravattato tutto "ufficio e famiglia".Da anni Holliwood propone modelli alternativi dove il "lavoro da impiegto" al massimo funge da copertura! Le ragazze vanno pazze per i poliziotti infiltrati, gli eroi maledetti, le spie smemorate ma soprattutto per gli hacker!Ecco cosa stanno facendo! Stufi di essere ignorati dalle segretarie e trattati con sufficienza dalle cameriere che rassettano le loro camere durante le trasferte di lavoro; commerciali, sviluppatori ed hardwaristi HP vogliono solo darsi una sana "botta di vita" e trombicchiare qua e la!(*) [questa intro non la volevo fare... ma copi c'è sempre il fesso che non si accorgerebbe che sto scherzando...]
  • Anonimo scrive:
    Mandrake avrà la EAL5
    Finanziata dal Governo Francese...come la mettiamo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mandrake avrà la EAL5
      - Scritto da: Anonimo
      Finanziata dal Governo Francese
      ...come la mettiamo?La mettiamo in dispensa (troll)
Chiudi i commenti