C'è Mandrake sul PC desktop di HP

HP ha lanciato sul mercato un PC desktop con il sistema operativo Mandrake Linux 9.1 preinstallato. Con un prezzo aggressivo, HP si rivolge alle piccole imprese


Palo Alto (USA) – HP, uno dei colossi che dopo IBM ha puntato di più sul business legato a Linux, sembra decisa ad esplorare con maggior convinzione il mercato dei PC Linux attraverso il rilascio, il prossimo lunedì, del Business Desktop d220, un PC da 349 dollari su cui gira il sistema operativo Mandrake Linux 9.1 .

La commercializzazione di questo nuovo PC con Linux preinstallato è frutto di una partnership stipulata all’inizio dello scorso anno fra HP e MandrakeSoft che prevede la certificazione, da parte di HP, del funzionamento di tutti i propri PC business con Mandrake Linux.

Per MandrakeSoft, che negli scorsi giorni ha espresso ottimismo sull’evolversi della propria situazione finanziaria, la presenza della propria distribuzione sul nuovo computer desktop di HP rappresenta un’importante opportunità per incrementare la base di clienti iscritti ai propri servizi a pagamento.

HP, che da quando si è fusa con Compaq è riuscita a proporre PC con prezzi più aggressivi rispetto al passato, rivolge il nuovo modello d220 alle piccole imprese, un settore che vede fra i suoi più diretti concorrenti IBM e Dell. Proprio quest’ultima, in occasione dell’annuncio della rivale, ha varato una promozione dedicata alle piccole imprese che prevede uno sconto di 50 dollari sul prezzo del proprio Dimension 2350, il cui costo è di 399 dollari.

Il d220, disponibile anche in versione con Windows XP al prezzo di 429 dollari, viene offerto in varie configurazioni: quella base, senza monitor né floppy drive, comprende un processore Celeron a 2 GHz, un hard disk da 40 GB e 128 MB di memoria DDR SDRAM.

HP offre MandrakeLinux come opzione su altri modelli di PC desktop, fra cui il 230, il 325, il D330 e il D530.

Negli scorsi giorni, HP ha anche annunciato un’estensione dell’alleanza globale con SuSE in base alla quale il colosso dei PC rivenderà e supporterà SuSE Linux Enterprise Server 8, basato sul codice di UnitedLinux, su server HP ProLiant standard e server HP basati su Itanium.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Penne USB e lettori mp3
    Forse qualcuno non lo sa, ma Linux gestisce egregiamente sia le penne USB che i lettori mp3 (sempre USB)...Io ho due lettori mp3 USB e una penna USB che era insieme ad unnotebook ASUS (serie M)...Ebbene sia con Mandrake che con SuSE, sttacchi la penna e dopo pochi secondi la trovi sul desktop e la puoi usare.Quando la stacchi anche l'icona scompare...Smettetela di dire fesserie, oppure passate dal kernel 2.2 al 2.4 ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Penne USB e lettori mp3
      - Scritto da: ittita
      Forse qualcuno non lo sa, ma Linux gestisce
      egregiamente sia le penne USB che i lettori
      mp3 (sempre USB)...

      Io ho due lettori mp3 USB e una penna USB
      che era insieme ad unnotebook ASUS (serie
      M)...

      Ebbene sia con Mandrake che con SuSE,
      sttacchi la penna e dopo pochi secondi la
      trovi sul desktop e la puoi usare.
      Quando la stacchi anche l'icona scompare...

      Smettetela di dire fesserie, oppure passate
      dal kernel 2.2 al 2.4 ;-)Vero.Ciò che volevo dire (OT invero) è che è inquietante vederel'impegno che certe persone impiegano in questo tipodi "controinformazione". E' singolare. Se vado a MediaWorld(per chi non lo sa è una sorta di megastore soprattutto dielettronica, elettrodomestici, musica, ecc) ci sono molteUSB pen esposte e sulla maggior parte c'è addirittura scrittoche sono compatibili Linux!Eppure capita il galoppino di turno che si affretta a postareche con Linux lui non può usare la USB pen.E' evidente che ci sono diverse persone letteralmente terrorizzate di fronte alla prospettiva di una diffusione di Linux.Mah! E pensare che questa cosa (cioè la diffusione di Linux) produrrebbe benefici per tutti, anche per gli utenti Microsoft.SalutiProspero
      • Anonimo scrive:
        Re: Penne USB e lettori mp3

        Eppure capita il galoppino di turno che si
        affretta a postarecome quelli che appena esce windows 2003 si affrettano a dire che non e' cambiato nulla rispetto a windows 2000, che loro appena installato hanno visto subito una schermata blu e che non riescono a lavorare per piu' di dieci minuti di seguito senza fare reboot
        che con Linux lui non può usare la USB pen.
        E' evidente che ci sono diverse persone
        letteralmente
        terrorizzate di fronte alla prospettiva di
        una diffusione di Linux.e viceversaci sono persone letteralmente terrorizzate dal fatto che linux ancora non ha sfondato e temono che non lo fara' mairicorda che, nonostante tutto, MS ha un eccesso di cassa tale che "regalera" ai suoi azionisti 10 miliardi di dollari di dividendi...
        Mah! E pensare che questa cosa (cioè la
        diffusione di Linux) produrrebbe benefici
        per tutti, anche per gli utenti Microsoft.l'unica cosa che produce benefici ai consumatori e' la concorrenza, che non vuol dire solo linux...io sarei piu' felice se si diffondesse BSD
        • Anonimo scrive:
          Re: Penne USB e lettori mp3

          come quelli che appena esce windows 2003 si
          affrettano a dire che non e' cambiato nulla
          rispetto a windows 2000, che loro appena
          installato hanno visto subito una schermata
          blu e che non riescono a lavorare per piu'
          di dieci minuti di seguito senza fare rebootperchè, non è vero?
          e viceversa
          ci sono persone letteralmente terrorizzate
          dal fatto che linux ancora non ha sfondato e
          temono che non lo fara' mai
          ricorda che, nonostante tutto, MS ha un
          eccesso di cassa tale che "regalera" ai suoi
          azionisti 10 miliardi di dollari di
          dividendi...
          la microsoft può fare quello che vuole con i suoi soldi... per me se linux non sfonda nel mercato consumer non è un problema, anzi.... continuerò ad usare qualcosa di molto funzionale e sicuro rispetto al 90% dei pc con m$!Poi se le persone con un minimo di intelligenza riuscirebbero a capire i reali benefici di Linux sui pc avremmo finalmente un vero sistema operativo funzionante!Io ho un computer con linux installato che spengo una volta ogni 15 giorni solo perchè ho paura che vada a fuoco, visto il caldo!Con windows 2000 professional, non scherzo, se vuoi vieni a casa mia e prova a lavorarci tu !Dura esattamente due giorni, dopodichè cade in blackout, schermo blu... non riesce a gestire gli interrupt!Linux è come il sapere: E' di tutti.
          l'unica cosa che produce benefici ai
          consumatori e' la concorrenza, che non vuol
          dire solo linux...
          io sarei piu' felice se si diffondesse BSDBSD... mi dispiace, non l'ho mai usato, non ho troppo spazio sull'hd per provare molti os. ... ma mi piacerebbe provarlo!
          • Vezz scrive:
            Re: Penne USB e lettori mp3
            - Scritto da: Anonimo


            come quelli che appena esce windows 2003
            si

            affrettano a dire che non e' cambiato
            nulla

            rispetto a windows 2000, che loro appena

            installato hanno visto subito una
            schermata

            blu e che non riescono a lavorare per piu'

            di dieci minuti di seguito senza fare
            reboot

            perchè, non è vero?No, non è vero...

            e viceversa

            ci sono persone letteralmente terrorizzate

            dal fatto che linux ancora non ha
            sfondato e

            temono che non lo fara' mai

            ricorda che, nonostante tutto, MS ha un

            eccesso di cassa tale che "regalera" ai
            suoi

            azionisti 10 miliardi di dollari di

            dividendi...



            la microsoft può fare quello che vuole con i
            suoi soldi... per me se linux non sfonda nel
            mercato consumer non è un problema, anzi....
            continuerò ad usare qualcosa di molto
            funzionale e sicuro rispetto al 90% dei pc
            con m$!Per fortuna che puoi usare quello che ti pare!
            Poi se le persone con un minimo di
            intelligenza riuscirebbero a capire i reali
            benefici di Linux sui pc avremmo finalmente
            un vero sistema operativo funzionante!Io ho un minimo di intelligenza, ma Linux non mi da nessun beneficio rispetto a Windows sul mio portatile. E' vero il contrario.
            Io ho un computer con linux installato che
            spengo una volta ogni 15 giorni solo perchè
            ho paura che vada a fuoco, visto il caldo!
            Con windows 2000 professional, non scherzo,
            se vuoi vieni a casa mia e prova a lavorarci
            tu !Ci lavoro tutti i giorni...
            Dura esattamente due giorni, dopodichè cade
            in blackout, schermo blu... non riesce a
            gestire gli interrupt!Solo il tuo computer. Solo il tuo. Non riesce a gestire gli interrupt ? Ma cosa stai dicendo !?
            Linux è come il sapere: E' di tutti.Vero.

            l'unica cosa che produce benefici ai

            consumatori e' la concorrenza, che non
            vuol

            dire solo linux...

            io sarei piu' felice se si diffondesse BSD

            BSD... mi dispiace, non l'ho mai usato, non
            ho troppo spazio sull'hd per provare molti
            os. ... ma mi piacerebbe provarlo!Provalo perchè ne vale la pena!
  • Anonimo scrive:
    Linux e usb con pen driver
    Ma questo nuovo kernel che genererà 505050505050550 di versioni nuove sarà in grado di gestire in maniera intelligente le porte USB e le Pen Driver che attualmente non sono gestite o cmq solo alcune di queste ????Perchè attualmente per quanto riguarda questo windows 98 è meglio .......!!!!!!!!!!!!!!.Ma speriamo .....................che anche questa critica che dovrebbe essere presa come costruttiva e non diffamatoria non venga eliminata dai gestori del forum.Ognuno di noi è tenuto a esprimere la propia opinione.Considerando questo sito un punto di riferimento per l' informatica mi è molto dispiacciuto che l' opinione di un' altra persona sia stata eliminata perchè mette in luce la verita di alcune mancanze di Linux.
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux e usb con pen driver
      se ti serve puoi scrivere tu il codice di gestione,dal momento che hai a disposizione il sorgente delkernel a differenza di win98.linux è il frutto del lavoro di moltissime persone,quindi anche tu puoi dare il tuo contributo :)Ciao Bilbo
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux e usb con pen driver
        - Scritto da: Anonimo
        se ti serve puoi scrivere tu il codice di
        gestione,
        dal momento che hai a disposizione il
        sorgente del
        kernel a differenza di win98.Adesso per scrivere un driver devi conoscere il sorgente di kernel?
        linux è il frutto del lavoro di moltissime
        persone,
        quindi anche tu puoi dare il tuo contributoIn altre parole arrangiati.... che vuoi è gratisssssss
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux e usb con pen driver
          - Scritto da: Anonimo
          Adesso per scrivere un driver devi conoscere
          il sorgente di kernel?
          assolutamente no, però puoi sempre verificare comefunziona la gestione dell'usb da parte del sistema,è sempre meglio avere i sorgenti, no?

          In altre parole arrangiati.... che vuoi è
          gratisssssss
          andando giù con la scure ... si, d'altrondeio se pago pretendo, se una cosa miviene offerta ringrazio :)ciao Bilbo
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux e usb con pen driver
          - Scritto da: Anonimo
          In altre parole arrangiati.... che vuoi è
          gratisssssssNessuno obbliga la gente ad usare linux....Se hai interesse lo provi... lo usi...Se manca del supporto, pace... arriverà...A me sembra che chi si accanisce contro linux lo fa solo perchè vorrebbe sbarazzarsi di windows ma non ha ne le capacità ne la voglia di imparare linux...POD
      • Anonimo scrive:
        nerd
        Ora capisci perchè Linux è e resta un prodotto per nerd smanettoni.
        • Anonimo scrive:
          Re: nerd
          ora capisco perché Windows è e resta per gli utonti :(no, seriamente, che discorso fai? Vuoi a tutti i costi fare l'attaccabrighe?
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux e usb con pen driver
      cos'e' un pen driver?ACD
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux e usb con pen driver
      - Scritto da: Anonimo
      Ma questo nuovo kernel che genererà
      505050505050550 di versioni nuove sarà in
      grado di gestire in maniera intelligente le
      porte USB e le Pen Driver che attualmente
      non sono gestite o cmq solo alcune di queste
      ????Le porte USB sono gestite perfettamente. Alcune periferiche USB non sono gestite, ma questo perchè manca il driver della periferica e non per la porta USB. Stesso discorso per i Pen Drive. Comunque molte periferiche USB che vengono viste come un'unità di immagazzinamento dati, come ad esempio i Pen Drive ma anche le macchine fotografiche digitali, utilizzano un protocollo standard chiamato mass storage. In questo caso non è necessario alcun driver specifico per vedere l'unita.
      Perchè attualmente per quanto riguarda
      questo windows 98 è meglioLascia perdere.... quando ho provato ad installare un mouse USB su Win98 è finita che sono passato a Win 2000..........
      che anche questa critica che dovrebbe essere
      presa come costruttiva e non diffamatoria
      non venga eliminata dai gestori del forum.
      Ognuno di noi è tenuto a esprimere la propia
      opinione.
      Considerando questo sito un punto di
      riferimento per l' informatica mi è molto
      dispiacciuto che l' opinione di un' altra
      persona sia stata eliminata perchè mette in
      luce la verita di alcune mancanze di Linux.Non credo sia successo. Forse i motivi erano altri.Immagino ti riferisca a questo post :http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=393317il quale non mette in luce alcuna mancanza, ma si limita a trolleggiare, e di conseguenza è stato spostato in un forum a lui più consono....Detto questo, il tuo ragionamento a livello di logica è giusto, ma in questo caso non c'è alcuna mancanza ini Linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux e usb con pen driver
        - Scritto da: Anonimo
        Lascia perdere.... quando ho provato ad
        installare un mouse USB su Win98 è finita
        che sono passato a Win 2000....Eh che esagerato adesso con win98 i mouse usb non funzionano, bisogna installare win2000 per farli andare.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux e usb con pen driver
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Lascia perdere.... quando ho provato ad

          installare un mouse USB su Win98 è finita

          che sono passato a Win 2000....

          Eh che esagerato adesso con win98 i mouse
          usb non funzionano, bisogna installare
          win2000 per farli andare.Mica ho scritto che non funzionano. Magari sul 99.999999% dei Win 98 i mouse USB funzionano perfettamente. Sul mio Win 98 non lo so...non sono riuscito a provarlo... Si è impallato durante l'installazione del driver della USB, con il risultato di spianare completamente tutti i driver installati, rendendo il sistema malfunzionante. Non avendo voglia di installare a mano tutti i driver ho preferito reinstallare il sistema ex-novo. Quando ho riprovato ad attaccare il mouse USB mi è successa esattamente la stessa cosa. A questo punto ho fatto che installare Win 2000....
    • pikappa scrive:
      Re: Linux e usb con pen driver
      aldilà della risposta un pò stupida(ma fattibile) di scriverti da solo i driver, credo che utilizzando il modulo usb-storage dovresti di fatto essere in grado di utilizzare tutte i PEN-DRIVE, a meno che questi non abbiano driver particolari, allora in quel caso la colpa è della casa produttrice che fa un prodotto non conforme allo standard e poi non rilascia i suoi driver (legittimo sia ben chiaro, solo che a quel punto c'è poco da fare) questo vale anche per le macchine fotografiche, che spesso sotto linux funzionano con lo stesso driver e vengono viste come dischi
  • Anonimo scrive:
    W Linus Torvalds!!!
    (linux)(linux)(linux)Abbasso i tipi ber_loschi che sanno (a malapena)usare solo win_zozz!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: W Linus Torvalds!!!
      - Scritto da: Anonimo
      (linux)
      (linux)
      (linux)

      Abbasso i tipi ber_loschi che sanno (a
      malapena)
      usare solo win_zozz!!!E soprattutto abbasso gli idioti che continuano a mettere insieme informatica e politica....
      • Anonimo scrive:
        Re: W Linus Torvalds!!!
        concordoquelli che vogliono politicizzare linux sukkano
      • Anonimo scrive:
        Re: W Linus Torvalds!!!
        - Scritto da:

        - Scritto da: Anonimo

        (linux)

        (linux)

        (linux)



        Abbasso i tipi ber_loschi che sanno (a

        malapena)

        usare solo win_zozz!!!

        E soprattutto abbasso gli idioti che continuano a
        mettere insieme informatica e
        politica....E soprattutto chi non capisce niente di politica
  • Anonimo scrive:
    Test a Tor Vergata
    In attesa del 2.6 ci hanno fatto fare dei test sul 2.5 (ultimissime versioni) per verificarne la preemptibilità.I risultati sono un po' scadenti, solo 50 preemption su 40000.In sostanza ancora non cambia nulla sispetto al kernel 2.4. Ne hanno di strada da fare!. A meno che non vogliano fare una 60ina di patch anche per il 2.6 mi sa che solo col 2.8 potremmo avere un kernel moderno e preemptibile...Il tutto perché gran parte delle syscall e degli interrupt sono ancora monolitici e specie con le syscall per disco o memoria ci possono essere centinaia di richieste non soddisfatte per chiamata...Inoltre come si capisce anche dai changelog le versioni 2.5 sanno essere molto schizzinose per l'hw su cui girano. Ma ovviamente per il 2.6 almeno questi problemi saranno sicuramente risolti.(PS per chi non lo sapesse le preemption sono le richieste di mettere in pausa l'esecuzione kernel mode da parte dei processi. Sono fondamentali per i sistemi che devono svologere operazioni ad alto livello di sincronia, dai giochi 3d ai software real-time. Evitano quelle fastidiose pause e lo stuttering che in casi di CPU che lavora al limite risulta particolarmente vistoso).
    • baudolino scrive:
      Re: Test a Tor Vergata
      Grazie per le informazioni. Veramente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Test a Tor Vergata

      In sostanza ancora non cambia nulla sispetto
      al kernel 2.4. Ne hanno di strada da fare!.
      A meno che non vogliano fare una 60ina di
      patch anche per il 2.6 mi sa che solo col
      2.8 potremmo avere un kernel moderno e
      preemptibile...Peccato. Eppure da quel che ho letto un po' di tempo fa erano convinti di riuscirci con il 2.6.Mi sa che devono ancora "giocarci" un po' per arrivare a dei risultati degni di tal nome...
    • Anonimo scrive:
      Re: Test a Tor Vergata
      - Scritto da: Anonimo
      I risultati sono un po' scadenti, solo 50
      preemption su 40000.
      In sostanza ancora non cambia nulla sispetto
      al kernel 2.4. Ne hanno di strada da fare!.
      A meno che non vogliano fare una 60ina di
      patch anche per il 2.6 mi sa che solo col
      2.8 potremmo avere un kernel moderno e
      preemptibile...lo stock kernel (quello di default) non ha abilitato una ceppa.Hai provato con le patch mm?Tieni, testa questo:Scarica l'ultima release del kernel.http://www.kernel.org/pub/linux/kernel/v2.5/linux-2.5.74.tar.bz2e applica la patch.http://www.kernel.org/pub/linux/kernel/people/akpm/patches/2.5/2.5.74/2.5.74-mm1/2.5.74-mm1.bz2Risultato? Latenze inferiori persino allo scheduler del BeOSCiao.
      • Anonimo scrive:
        Re: Test a Tor Vergata
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo


        I risultati sono un po' scadenti, solo 50

        preemption su 40000.

        In sostanza ancora non cambia nulla
        sispetto

        al kernel 2.4. Ne hanno di strada da
        fare!.

        A meno che non vogliano fare una 60ina di

        patch anche per il 2.6 mi sa che solo col

        2.8 potremmo avere un kernel moderno e

        preemptibile...

        lo stock kernel (quello di default) non ha
        abilitato una ceppa.

        Hai provato con le patch mm?

        Tieni, testa questo:

        Scarica l'ultima release del kernel.

        http://www.kernel.org/pub/linux/kernel/v2.5/l

        e applica la patch.

        http://www.kernel.org/pub/linux/kernel/people

        Risultato? Latenze inferiori persino allo
        scheduler del BeOS
        ottimo
    • Anonimo scrive:
      Re: Test a Tor Vergata

      (PS per chi non lo sapesse le preemption
      sono le richieste di mettere in pausa
      l'esecuzione kernel mode da parte dei
      processi. Sono fondamentali per i sistemi
      che devono svologere operazioni ad alto
      livello di sincronia, dai giochi 3d ai
      software real-time. Evitano quelle
      fastidiose pause e lo stuttering che in casi
      di CPU che lavora al limite risulta
      particolarmente vistoso)....per cui nemmeno stavolta riesco a farmi un DjSet basato su Linux......... PeccatoMi toccherà tenere Windows ancora per un po'....
  • Anonimo scrive:
    piccola correzzione
    non me ne voglia male il giornalista ma ho notato un piccolo errore nell'articolo. Linus Torvalds non è il padre del sistema operativo "linux" ma solo del suo kernel. Non confondiamo le due cose.. ciaociao.. :D
    • Anonimo scrive:
      Re: piccola correzzione
      - Scritto da: Anonimo
      non me ne voglia male il giornalista ma ho
      notato un piccolo errore nell'articolo.
      Linus Torvalds non è il padre del sistema
      operativo "linux" ma solo del suo kernel.
      Non confondiamo le due cose.. ciaociao.. :DLinux è il kernel
      • Anonimo scrive:
        Re: piccola correzzione
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        non me ne voglia male il giornalista ma ho

        notato un piccolo errore nell'articolo.

        Linus Torvalds non è il padre del sistema

        operativo "linux" ma solo del suo kernel.

        Non confondiamo le due cose.. ciaociao..
        :D

        Linux è il kernel
        Solo quando vi fa' comodo... quando serve invece, Linux diventa anche tutto quello che ci ruota intorno... mancanza di coerenza?
        • Mechano scrive:
          Re: piccola correzzione
          - Scritto da: Anonimo

          Linux è il kernel


          Solo quando vi fa' comodo... quando serve
          invece, Linux diventa anche tutto quello che
          ci ruota intorno... mancanza di coerenza?Non e' un una questione di comodo, e' un errore di chi scrive, che non sa che e' piu' giusto dare i giusti meriti a tutti coloro che stanno intorno a GNU. Molti di noi ed io stesso lo fanno ingenuamente o per comodita' non politica ma pratica di dover aggiungere tre maiuscole ed una barra quando si scrive velocemente un messaggio...--Ciao. Mr. Mechano
    • Anonimo scrive:
      Re: piccola correzzione
      - Scritto da: Anonimo
      non me ne voglia male il giornalista ma ho
      notato un piccolo errore nell'articolo.
      Linus Torvalds non è il padre del sistema
      operativo "linux" ma solo del suo kernel.
      Non confondiamo le due cose.. ciaociao.. :DMa il padre chi è secondo te? E' colui che mette il seme.In questo caso il seme è il "kernel" quindi è giusto definire Linus il padre naturale di Linux
      • KerNivore scrive:
        Re: piccola correzzione
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        non me ne voglia male il giornalista ma ho

        notato un piccolo errore nell'articolo.

        Linus Torvalds non è il padre del sistema

        operativo "linux" ma solo del suo kernel.

        Non confondiamo le due cose.. ciaociao..
        :D

        Ma il padre chi è secondo te? E' colui che
        mette il seme.
        In questo caso il seme è il "kernel" quindi
        è giusto definire Linus il padre naturale di
        LinuxResta il fatto che Il sistema usabile e che tutti usano e' GNU/Linux.E GNU esisteva prima di Linux.Quindi bisogna stare attenti a cosa si intende con "Padre di Linux" visto che quasi sempre con Linux si intende tutto il sistema.
        • Anonimo scrive:
          Re: piccola correzzione
          - Scritto da: KerNivore

          Resta il fatto che Il sistema usabile e che
          tutti usano e' GNU/Linux.

          E GNU esisteva prima di Linux.

          Quindi bisogna stare attenti a cosa si
          intende con "Padre di Linux" visto che quasi
          sempre con Linux si intende tutto il
          sistema.Quello che si intende "quasi sempre" non conta niente. Contano invece cosa dicono le fonti ufficiali. Dal sito http://www.gnu.org/gnu/gnu-history.it.html viene detto che:"L'obiettivo iniziale di un sistema operativo libero Unix-compatibile è stato raggiunto. Entro gli anni '90, avevamo o trovato o scritto tutti i maggiori componenti eccetto uno--il kernel. Poi Linux, un kernel libero, fu sviluppato da Linus Torvalds. "visto? "Poi LINUX, un KERNEL LIBERO, fu sviluppato da Linus Torvalds"Come vedi Linux è il nome del kernel e il padre di quel kernel è Linus Torvalds.
          • KerNivore scrive:
            Re: piccola correzzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: KerNivore




            Resta il fatto che Il sistema usabile e
            che

            tutti usano e' GNU/Linux.



            E GNU esisteva prima di Linux.



            Quindi bisogna stare attenti a cosa si

            intende con "Padre di Linux" visto che
            quasi

            sempre con Linux si intende tutto il

            sistema.

            Quello che si intende "quasi sempre" non
            conta niente. Contano invece cosa dicono le
            fonti ufficiali.
            Dal sito
            http://www.gnu.org/gnu/gnu-history.it.html
            viene detto che:
            "L'obiettivo iniziale di un sistema
            operativo libero Unix-compatibile è stato
            raggiunto. Entro gli anni '90, avevamo o
            trovato o scritto tutti i maggiori
            componenti eccetto uno--il kernel. Poi
            Linux, un kernel libero, fu sviluppato da
            Linus Torvalds. "

            visto? "Poi LINUX, un KERNEL LIBERO, fu
            sviluppato da Linus Torvalds"

            Come vedi Linux è il nome del kernel e il
            padre di quel kernel è Linus Torvalds.Bravo, ora che non hai scritto niente di diverso da quello che ho detto io, e che non hai aggiunto niente, sei contento ?Li leggi i post oppure fai il copia incolla cosi' a cazzo ?
          • Anonimo scrive:
            Re: piccola correzzione
            - Scritto da: KerNivore
            Bravo, ora che non hai scritto niente di
            diverso da quello che ho detto io, e che non
            hai aggiunto niente, sei contento ?

            Li leggi i post oppure fai il copia incolla
            cosi' a cazzo ?Mi sa che tu non leggi i tuoi mentre li scrivi.Io prima scrivo che linux è il padre del kernel, poi tu fai reply e dici che invece bisogna stare attenti perché "quasi sempre" linux viene associato con tutto il sistema.E allora che cazzo me lo dici a fare a me visto che io ho detto che è il padre del solo kernel? Non fare reply solo perché ti piace scrivere l'ultimo messaggio.
          • KerNivore scrive:
            Re: piccola correzzione

            Mi sa che tu non leggi i tuoi mentre li
            scrivi.
            Io prima scrivo che linux è il padre del
            kernel, poi tu fai reply e dici che invece
            bisogna stare attenti perché "quasi sempre"
            linux viene associato con tutto il sistema.
            E allora che cazzo me lo dici a fare a me
            visto che io ho detto che è il padre del
            solo kernel? Non fare reply solo perché ti
            piace scrivere l'ultimo messaggio.No, tu hai dei problemi linguistici non indifferenti.Tu quotando l'altro hai scritto :

            Linus Torvalds non è il padre del sistema

            operativo "linux" ma solo del suo kernel.

            Non confondiamo le due cose.. ciaociao.. :D
            Ma il padre chi è secondo te? E' colui che mette il seme.
            In questo caso il seme è il "kernel" quindi è giusto definire Linus il
            padre naturale di Linuxe' quindi chiaro che tu hai affermato che Linus e' il padre di tutto il sistema (GNU/Linux) solo perche' e' il padre del kernel.Io ti ho fatto notare che non e' cosi' ed ho aggiunto che di solito, quando si parla di Linux si intende tutto il sistema, senza voler affermare che sia cosa giusta (infatti io mi riferisco sempre al sistema con GNU/Linux).Quindi e' evidente che hai torto.
          • Anonimo scrive:
            Re: piccola correzzione
            - Scritto da: KerNivore
            No, tu hai dei problemi linguistici non
            indifferenti.Sentiamo dai......

            In questo caso il seme è il "kernel" quindi
            è giusto definire Linus il
            padre naturale
            di Linux

            e' quindi chiaro che tu hai affermato che
            Linus e' il padre di tutto il sistema
            (GNU/Linux) solo perche' e' il padre del
            kernel.
            Quindi e' evidente che hai torto. Bella questa, allora vedi che non leggi? Sul sito gnu.org c'è scritto che Linux è il kernel ti ricordi? Io ho detto che Linus ha creato il kernel e che quindi è il padre di linux.Capisci mia lingua? Ci arrivi? Linux = KernelKernel = Linuxio dire linus avere fatto kernelovverokernel = linuxovveroio dire linus avere fatto linuxlinux= kerneldove tu vedere io scrivere che Linus essere padre di intero sistema Gnu/Linux. Tu aquila avere visioni?Detto questo. Impara l'educazione, se uno ti fa una precisazione è inutile che lo attacchi neanche ti avesse ammazzato la famiglia. Non serve a assolutamente a niente.
          • KerNivore scrive:
            Re: piccola correzzione
            - Scritto da: Anonimo
            dove tu vedere io scrivere che Linus essere
            padre di intero sistema Gnu/Linux.
            Tu aquila avere visioni?PER L'ULTIMA VOLTA :---------------------------------------------------------------------------------

            Linus Torvalds non è il padre del sistema

            operativo "linux" ma solo del suo kernel.

            Non confondiamo le due cose.. ciaociao.. :D
            Ma il padre chi è secondo te? E' colui che mette il seme.
            In questo caso il seme è il "kernel" quindi è giusto definire Linus il
            padre naturale di Linux ----------------------------------------------------------------------------------Queste sono parole tue quotate. Ora te le spiego, cosi' forse le capisci anche te.1. Il tipo dice : "Linus non e' il padre del "SISTEMA OPERATIVO LINUX", ma solo del suo kernel (usando Linux nella sua accezione non corretta, ma diffusa)"quindi e' ovvio che stiamo parlando dell'intero sistema.2. Tu dici : - il padre e' colui che mette il seme - il seme e' il kernel (dell'intero sistema) dicendo che il seme e' il kernel e che il padre di tutto e' il padre del seme dici automaticamente che linus e' il padre del sistema intero, che e' quello che ti sto contestando da 8 post
            Detto questo. Impara l'educazione, se uno ti
            fa una precisazione è inutile che lo
            attacchi neanche ti avesse ammazzato la
            famiglia. Non serve a assolutamente a
            niente.Non servira' a niente, ma, e' molto irritante, sopratutto quando ha torto.
          • Anonimo scrive:
            Re: piccola correzzione
            - Scritto da: KerNivore
            dicendo che il seme e' il kernel e che il
            padre di tutto e' il padre del seme dici
            automaticamente che linus e' il padre del
            sistema intero, che e' quello che ti sto
            contestando da 8 postNo, il tipo dice che l'articolo non è corretto perché Linus non è il padre dell'intero sistema operativo.Io gli dico solo che invece Linus è il padre del kernel (del seme) e do per sottointeso che Linux è il kernel stesso perché, dio santo, l'articolo parla del kernel!!!! In ogni caso non dico assolutamente che è il padre dell'intero sistema operativo. E comunque nei messaggi dopo specifico più volte il concetto che Linux è il Kernel stesso. Quindi non so proprio perché continui a polemizzare attribuendomi significati che non ho mai espresso. Linus il padre dell'intero sistema operativo? Mai detto. Hai distorto tu tutto il senso dei miei post.
            Non servira' a niente, ma, e' molto
            irritante, sopratutto quando ha torto.Evita di iniziare polemiche inutili se sei un tipo dai nervi fragili.
          • Anonimo scrive:
            Dateve pace...
            .. che siete ridicoli.manco i ragazzini..tsk!
          • Anonimo scrive:
            Re: Dateve pace...
            - Scritto da: Anonimo
            .. che siete ridicoli.
            manco i ragazzini..tsk!Hai ragione, anzi siccome ai matti bisogna dare ragione dico che: Linus è il padre dell'intero sistema operativo.Costì stanotte dorme contento.Anzi visto che ci sono do anche una motivazione: E' vero il progetto GNU è nato prima del Kernel. Però senza il kernel "Linux Sistema Operativo" non sarebbe nato e non si sarebbe sviluppato come lo conosciamo ora.Anche l'ovulo viene creato prima dell'arrivo del seme che lo feconda. Il sistema GNU è nato prima, però alla fine chi l'ha fecondato è stato Linus Torvalds dando il suo seme (kernel) al progetto GNU. Quindi si può ritenere il padre naturale di Linux OS. Poi il fatto che il figlio sia cresciuto e si sia sviluppato senza l'aiuto del padre non toglie la paternità a Linus.Io comunque propongo un test del DNA e lascerei l'ultima parola al tribunale dei minori.
          • Anonimo scrive:
            gne gne gne
            Renditi conto di quanto sei sfigato.
          • Anonimo scrive:
            Re: gne gne gne
            - Scritto da: Anonimo
            Renditi conto di quanto sei sfigato.Chi non ha niente da dire insulta gli altri....... E scommetto che gne gne lo usi veramente nelle conversazioni
          • Anonimo scrive:
            Re: piccola correzzione
            - Scritto da: KerNivoreBravo, ora che non hai scritto niente di
            diverso da quello che ho detto io, e che non
            hai aggiunto niente, sei contento ?

            Li leggi i post oppure fai il copia incolla
            cosi' a cazzo ?E' inutile che ti scaldi, tu hai specificato che GNU è nato prima di Linux e lui ti ha solo detto che anche se nato prima linux è per definizione solo il kernel. Magari fossero in tanti a fare copia e incolla alla cazzo andando a cercare informazioni precise anziché fare flame solo per soddisfare il proprio ego frustrato
          • KerNivore scrive:
            Re: piccola correzzione
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: KerNivore
            Bravo, ora che non hai scritto niente di

            diverso da quello che ho detto io, e che
            non

            hai aggiunto niente, sei contento ?



            Li leggi i post oppure fai il copia
            incolla

            cosi' a cazzo ?

            E' inutile che ti scaldi, tu hai specificato
            che GNU è nato prima di Linux e lui ti ha
            solo detto che anche se nato prima linux è
            per definizione solo il kernel.Anche te non hai capito un cazzo.Vi consiglio la lettura di qualche buona grammatica, oppure un corso di concentrazione per riuscire a comprendere il significato di quello che leggete.
          • Anonimo scrive:
            tempo perso
            Lascia perdere, già dal primo reply avresti dovuto capire che ti rivolgevi a dei cerebrolesi
          • Anonimo scrive:
            Re: tempo perso
            - Scritto da: Anonimo
            Lascia perdere, già dal primo reply avresti
            dovuto capire che ti rivolgevi a dei
            cerebrolesiForse sei tu il cerebroleso
      • Anonimo scrive:
        Re: piccola correzzione
        - Scritto da: Anonimo
        Ma il padre chi è secondo te? E' colui che
        mette il seme.
        In questo caso il seme è il "kernel" quindi
        è giusto definire Linus il padre naturale di
        LinuxE la "vagina" di Linux quale sarebbe allora? ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: piccola correZione
      Ah, correzione con una Z sola! :-)
      non me ne voglia male il giornalista ma ho
      notato un piccolo errore nell'articolo.
      Linus Torvalds non è il padre del sistema
      operativo "linux" ma solo del suo kernel.
      Non confondiamo le due cose.. ciaociao.. :D
    • Terra2 scrive:
      ma va va...
      - Scritto da: Anonimo
      non me ne voglia male il giornalista ma ho
      notato un piccolo errore nell'articolo.
      Linus Torvalds non è il padre del sistema
      operativo "linux" ma solo del suo kernel.
      Non confondiamo le due cose.. ciaociao.. :DGlielo dirò a mio padre stasera!"Hei tu! Chi ti credi di essere? Hai trato fuori sono uno spermatozoo! Il resto è tutta roba mia!" :D
      • Anonimo scrive:
        Re: ma va va...
        - Scritto da: Terra2

        - Scritto da: Anonimo

        non me ne voglia male il giornalista ma ho

        notato un piccolo errore nell'articolo.

        Linus Torvalds non è il padre del sistema

        operativo "linux" ma solo del suo kernel.

        Non confondiamo le due cose.. ciaociao..
        :D

        Glielo dirò a mio padre stasera!
        "Hei tu! Chi ti credi di essere? Hai trato
        fuori sono uno spermatozoo! Il resto è tutta
        roba mia!" :D"E non si sa nemmeno se quello spermatozoo era veramente tuo :-)"(Ovviamente _non_ e' riferita a te personalmente ! Mi raccomando : non prendertela, che col clima che c'e' in questo forum di solito ... :-) ! !!
    • paulatz scrive:
      Re: piccola correzzione
      E' la solita menata di GNU/Linux, allora perchè nonGNU/KDE/XF86/emacs/cups/apache/inetd/....../bdflush/usb-storage0/Linux ?Io credo che Richard Stallman farebbe mooolto meglio a stare zitto, di tanto in tanto, invece che stressare il barbagallo con sta storia di GNU/questo e GNU/quell'altro(linux) -- (linux) -- (linux)
  • Anonimo scrive:
    Una domanda...
    scusate la domanda da utente alle prime armi di Linux... dunque io uso Mandrake 9.1 e per curiosità prossimamente mi avvicinerò alla Red Hat 9, entrambe hanno il kernel 2.4 (se non sbaglio) ecco, ma il kernel è aggiornabile? se si, come? se no, perchè? Ringrazio tutti e mi scuso per l OT, ma visto che ho molta voglia di imparare qualcosa di nuovo, ho colto la palla al balzo.
    • Goul_duKat scrive:
      Re: Una domanda...
      - Scritto da: Anonimo
      scusate la domanda da utente alle prime armi
      di Linux... dunque io uso Mandrake 9.1 e
      per curiosità prossimamente mi avvicinerò
      alla Red Hat 9, entrambe hanno il kernel
      2.4 (se non sbaglio) ecco, ma il kernel è
      aggiornabile? se si, come? se no, perchè?
      Ringrazio tutti e mi scuso per l OT, ma
      visto che ho molta voglia di imparare
      qualcosa di nuovo, ho colto la palla al
      balzo.lo aggiorni scaricando la nuova versione in sorgenti o rpm e poi lo configuri con i tuoi moduli per le periferiche e lo installi e riavvii il pc e scegli dal menu il nuovo kernel che hai messose ti piacciono le sfide ci sono gia' scaricabili le versioni 2.5 che ti danno alcune feature della futura 6 ma non sono dichiarati stabili ed hanno qualche bug fs ed altrocmq se tieni la 2.4 aggiornala ogni volta che esce una nuova release stabile e magari segui anche le segnalazioni dei vari bug trovati che almeno ti paraculi ... con patch ecc ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Una domanda...
      Perche' vuoi passare dalla Mandrake alla Redhat?Cosi' per provare o altro?Ricordati di provare anche la Suse e la Slackware!ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Una domanda...
        - Scritto da: Anonimo
        Perche' vuoi passare dalla Mandrake alla
        Redhat?
        Cosi' per provare o altro?

        Ricordati di provare anche la Suse e la
        Slackware!Io le ho provate tutte e devo dire che la mia preferita è la Suse perché sul desktop ha un'immagine di sfondo molto accattivante e delle icone molto belle. Inoltre ha yast che mi permette di installare facilmente degli rpm del 1830
        • Anonimo scrive:
          Re: Una domanda...

          Io le ho provate tutte e devo dire che la
          mia preferita è la Suse perché sul desktop
          ha un'immagine di sfondo molto accattivante
          e delle icone molto belle. Inoltre ha yast
          che mi permette di installare facilmente
          degli rpm del 1830Scusa ma se devi cambiare sfondo reinstalli il sistema?Preferisci suse per una jpeg e qualche xpm?Se dici così, qualche utente windows potrebbe pensare che le distribuzioni linux non permettono di cambiare sfondo! :)Salutigl :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Una domanda...
            - Scritto da: Anonimo
            Scusa ma se devi cambiare sfondo reinstalli
            il sistema?L'avevo scritto per scherzo, però sai che a un mio amico a cui avevo installato la Suse 8.0 appena ha visto lo sfondo blu della 8.2 ha voluto aggiornarla a tutti i costi
          • Anonimo scrive:
            Re: Una domanda...
            - Scritto da: Anonimo
            Scusa ma se devi cambiare sfondo reinstalli
            il sistema?
            Preferisci suse per una jpeg e qualche xpm?
            Se dici così, qualche utente windows
            potrebbe pensare che le distribuzioni linux
            non permettono di cambiare sfondo! :)Tutti volevano GNU/Linux facile, mo' guarda cosa arriva.Non e' un volersi sentire geek e snob, ma mi viene da piangere a pensare questo quindicennio di Windows cosa ci ha portato...Mi viene da piangere piu' per loro che per i piu' esperti, a come sono stati lobotomizzati e il cervello lo hanno lasciato fuori dalle "Finestre" per l'appunto...Scusate senza offesa... :-)Ma prevedo per il mio e per tutti i LUG un lavoro di disintossicazione per nulla facile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Una domanda...
            - Scritto da: Anonimo


            Io le ho provate tutte e devo dire che la

            mia preferita è la Suse perché sul desktop

            ha un'immagine di sfondo molto
            accattivante

            e delle icone molto belle. Inoltre ha yast

            che mi permette di installare facilmente

            degli rpm del 1830

            Scusa ma se devi cambiare sfondo reinstalli
            il sistema?
            Preferisci suse per una jpeg e qualche xpm?
            Se dici così, qualche utente windows
            potrebbe pensare che le distribuzioni linux
            non permettono di cambiare sfondo! :)

            Saluti
            gl :)/modalità emulazione quasar onMa come, non sapete che per cambiare sfondo su Linux bisogna ricompilare il kernel? E che ogni volta che lo fate dovete pagare le royalties a IBM? Aiuuuto, usate Windows invece./modalità emulazione quasar offScusate ma questa mi è scappata ;-)Prospero
          • Fafifugno scrive:
            Re: Una domanda...
            - Scritto da: Anonimo
            /modalità emulazione quasar on

            Ma come, non sapete che per cambiare sfondo
            su Linux bisogna ricompilare il kernel? E
            che ogni volta che lo fate dovete pagare le
            royalties a IBM? Aiuuuto, usate Windows
            invece.

            /modalità emulazione quasar offLOLLISSIMO !!!!!
            Scusate ma questa mi è scappata ;-);-)
            ProsperoCiao Fafifugno
          • Anonimo scrive:
            Re: Una domanda...
            - Scritto da: Anonimo
            Scusa ma se devi cambiare sfondo reinstalli
            il sistema?No, io compro un computer nuovo e installo tutto lì sopra
      • Anonimo scrive:
        Re: Una domanda...
        - Scritto da: Anonimo
        Perche' vuoi passare dalla Mandrake alla
        Redhat?
        Cosi' per provare o altro?

        Ricordati di provare anche la Suse e la
        Slackware!

        ciaobeh, la slack... cosa dire?! è il meglio del meglio!lascia stare mandrake&co. e buttati su questa distribuzione con tutta la voglia che c'hai!
        • Fafifugno scrive:
          Re: Una domanda...
          - Scritto da: Anonimo
          beh, la slack... cosa dire?! è il meglio del
          meglio!E di Gentoo che ne pensate ?CiaoFafifugno
    • Anonimo scrive:
      Re: Una domanda...
      Per RedHat c'è la documentazione ufficiale al sito:http://www.redhat.com/support/resources/howto/kernel-upgrade/che spiega come aggiornare il kernel con rpm (una facilità pazzesca),in più se non vuoi sbatterti con up2date (servizio a pagamento RHN)ti evita le 3 cose in croce che devi fare a mano.Per mandrake non so, ma credo che non ci siano grosse differenze.Ciao Bilbo
    • Anonimo scrive:
      Re: Una domanda...
      - Scritto da: Anonimo
      [...] prossimamente mi avvicinerò
      alla Red Hat 9, entrambe hanno il kernel
      2.4 (se non sbaglio) ecco, ma il kernel è
      aggiornabile? se si, come? se no, perchè?Ti parlo da vecchio utente RH. Il kernel e' aggiornabile, ti scarichi le nuove versioni dal sito RH. Ti sconsiglio vivamente di utilizzare un kernel 'vanilla' (p.es. quello scaricato in sorgenti da www.kernel.org) perche' la RH applica un numero indecente di patches ai suoi kernel, e un kernel 'pulito' potrebbe dare qualche problema.
      • Anonimo scrive:
        Re: Una domanda...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        [...] prossimamente mi avvicinerò

        alla Red Hat 9, entrambe hanno il kernel

        2.4 (se non sbaglio) ecco, ma il kernel è

        aggiornabile? se si, come? se no, perchè?

        Ti parlo da vecchio utente RH.
        Il kernel e' aggiornabile, ti scarichi le
        nuove versioni dal sito RH.
        Ti sconsiglio vivamente di utilizzare un
        kernel 'vanilla' (p.es. quello scaricato in
        sorgenti da www.kernel.org) perche' la RH
        applica un numero indecente di patches ai
        suoi kernel, e un kernel 'pulito' potrebbe
        dare qualche problema.Scusa le domande, ma sono un utente veterosclerotico, ovvero ero rimasto quando ai tempi della slack 3.0 la distribuzione dei sorgenti del kernel girava su qualsiasi distribuzione.A che cavolo servono le patch della RH per il "suo" kernel ?Anche tutte le altre distribuzioni personalizzano il kernel o ne esiste ancora qualcuna che usa il kernel "standard" ?Ciao,-Ale
        • Shu scrive:
          Re: Una domanda...
          - Scritto da: Anonimo
          A che cavolo servono le patch della RH per
          il "suo" kernel ?Praticamente tutte le patch che RH applica sono "trovabili" in giro per Internet.Lo fa per aumentare le prestazioni, per supportare periferiche non supportate dai kernel stable, per aggiungere agevolazioni per l'utente, ecc. ecc.In particolare se non usi il kernel RH ma quello vanilla potresti avere il RAID che non funziona piu`, l'automounter dei CD e floppy che non vanno, alcune schede di rete non supportate o problemi di questo tipo.
          Anche tutte le altre distribuzioni
          personalizzano il kernel o ne esiste ancora
          qualcuna che usa il kernel "standard" ?Praticamente tutte applicano patch. Forse e` rimasta fuori solo slackware.Debian e` molto meno impositiva di RH, infatti ci gira tranquillamente il kernel standard, e le patch che applicano solitamente sono solo di sicurezza. Le altre major-distro applicano patch alla stregua di RH.
          • Anonimo scrive:
            Re: Una domanda...
            io ho tranquillamente installato il 2.4.21 su rh9 e gira tutto l'hardware che ho.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una domanda...
      - Scritto da: Anonimo
      scusate la domanda da utente alle prime armi
      di Linux... dunque io uso Mandrake 9.1 e
      per curiosità prossimamente mi avvicinerò
      alla Red Hat 9, entrambe hanno il kernel
      2.4 (se non sbaglio) ecco, ma il kernel è
      aggiornabile? se si, come? se no, perchè? Il kernel di ogni distribuzione linux e' aggiornabile. Puoi scaricare le varie versioni dai mirror della tua distribuzione oppure scaricare il sorgenti da www.kernel.org e ricompilarteli tu.Io personalmente preferisco scaricarmeli da kernel.org e ricmpilarmeli io pero' dipende da come ti trovi meglioCiao
    • KerNivore scrive:
      Re: Una domanda...
      - Scritto da: Anonimo
      scusate la domanda da utente alle prime armi
      di Linux... dunque io uso Mandrake 9.1 e
      per curiosità prossimamente mi avvicinerò
      alla Red Hat 9, entrambe hanno il kernel
      2.4 (se non sbaglio) ecco, ma il kernel è
      aggiornabile? se si, come? se no, perchè? E' aggiornabile compilandotelo a mano, a patto che tu abbia almeno le versioni minime richieste di alcuni pacchetti (leggi in /Documentation/Changes nei sorgenti per sapere quali versioni servono e per quali pacchetti)Altrimenti aspetti i pacchetti mandrake che si porteranno nelle dipendenze tutte le info necessarie per aggiornare correttamente il sistema.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Linux nuovo?
    Wow!Non vedo l'ora di ricompilargli il kernel!:D
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux nuovo?
      Guarda che ricompilare il kernel non e' una cosa difficile piu' di quanto non lo sia andare nel pannello di controllo, cambiare 4 cavolate e riavviare la macchina.Che rito mistico e misterioso questa ricompilazione del kernel!
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux nuovo?
      - Scritto da: Anonimo
      Wow!
      Non vedo l'ora di ricompilargli il kernel!
      :DPer tutti coloro che non sapessero cosa significhi nella pratica ricompilare il kernel ecco i comandi in sequenza strettamente necessari dopo aver scaricato e decompresso in una directory a piacere il kernel linux:make mrpropermake menuconfigmake depmake cleanmake bzImagemake modulesmake modules_installTutto qui. I tempi di compilazione per un kernel monolitico customizzato stanno mediamente sui 10 minuti, fatevi un caffè nel frattempo.Quando il compilatore ha finito avrete due file da copiare nella directory di boot:bzImagesystem.mapRiavviate il PC ed il nuovo kernel è servito.Niente di così mistico e inafferrabile anche per un ragazzino.Tamerlano
      • stevie scrive:
        Re: Linux nuovo?
        - Scritto da: Anonimo
        Per tutti coloro che non sapessero cosa
        significhi nella pratica ricompilare il
        kernel ecco i comandi in sequenza
        strettamente necessari dopo aver scaricato e
        decompresso in una directory a piacere il
        kernel linux:

        make mrproperOccorre solo la prima volta, oppure al cambio del kernel, altrimenti il .config va a farsi f*****e ;-) ;-) ;-)
        make menuconfig
        make dep
        make cleanmake dep e make clean, dopo l'avvento del 2.6, non ci saranno più (non occorre più già ora, con il 2.5.74)
        make bzImage
        make modules
        make modules_installCon il 2.6 si dovranno solo dare questi 3 comandi (o in alternativa anche un solo make, mi pare, ma non sono sicuro)
        Tutto qui. I tempi di compilazione per un
        kernel monolitico customizzato stanno
        mediamente sui 10 minuti, fatevi un caffè
        nel frattempo.
        Quando il compilatore ha finito avrete due
        file da copiare nella directory di boot:

        bzImage
        system.mapil bello è che, teoricamente, se i sorgenti sono accessibili anche dal link simbolico "linux" dentro /usr/src, quei due file non occorre neanche spostarli (anzi, copiarli)
        Riavviate il PC ed il nuovo kernel è servito.
        Niente di così mistico e inafferrabile anche
        per un ragazzino.Vero! :-)Regards,Stevie
      • Vaira scrive:
        Re: Linux nuovo?

        Riavviate il PC ed il nuovo kernel è servito.Non prima di aver lanciato lilo però.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux nuovo?
          - Scritto da: Vaira

          Riavviate il PC ed il nuovo kernel è
          servito.

          Non prima di aver lanciato lilo però.Beh e se uno usa SILO o grub ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux nuovo?

        Per tutti coloro che non sapessero cosa
        significhi nella pratica ricompilare il
        kernel ecco i comandi in sequenza
        strettamente necessari dopo aver scaricato e
        decompresso in una directory a piacere il
        kernel linux:Io uso Linux da anni ma non ho mai ricompilato il kernel, e vorrei capire che vantaggi ci sono a farlo. Il sistema funziona bene, riconosce tutte le periferiche, è stabile, e se aggiungo qualcosa di nuovo basta un "insmod" a sistemare tutto. Ricompilare il kernel che vantaggio mi darebbe? Una maggiore velocità? Grazie.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux nuovo?

          Io uso Linux da anni ma non ho mai
          ricompilato il kernel, e vorrei capire che
          vantaggi ci sono a farlo. Il sistema
          funziona bene, riconosce tutte le
          periferiche, è stabile, e se aggiungo
          qualcosa di nuovo basta un "insmod" a
          sistemare tutto. Ricompilare il kernel che
          vantaggio mi darebbe? Una maggiore velocità?
          Grazie.linux ti offre diversi approcci alla gestione del tuo kernel, l'approccio modulare che è quello utilizzato di default nelle distribuzioni ti consente di avere un kernel minimale che carica a runtime i moduli che gli servono se sono disponibili.Poi naturalmente puoi caricare manualmente (o meglio in uno script di boot) tutti i moduli che ti servono successivamente.Il kernel così strutturato è general-purpose e si adatta dinamicamente a pressochè qualunque hardware.Un approccio di tipo alternativo consiste nel compilare un kernel di tipo monolitico, in cui tramite il comando "make menuconfig" scegli selettivamente di integrare nel kernel tutto ciò che ti serve e nulla di più, senza creare nemmeno un modulo esterno, mantenendo comunque l'opzione di poter caricare manualmente i moduli a runtime.Questo approccio è in assoluto il più performante in termini di boot e di gestione delle risorse del kernel in quanto tutto ciò che ti serve viene caricato in memoria in blocco al boot e non vi sono carichi/scarichi dei moduli.Vi è anche una componente di sicurezza in più e basta disabilitare il caricamento di successivi moduli a runtime per avere un sistema letteralmente blindato.Puoi per esempio compilarti un kernel come un vestito su misura ottenendo un kernel monolitico dell'ordine di 1MB compilandolo espressamente per il tuo processore e per le risorse presenti sulla tua macchina in cui sono compilati esclusivamente i moduli che ti servono.I tempi di boot di un kernel monolitico possono scendere anche a 20-25 secondi dall'accensione al login su un PIII600.Tamerlano
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux nuovo?

            Vi è anche una componente di sicurezza in
            più e basta disabilitare il caricamento di
            successivi moduli a runtime per avere un
            sistema letteralmente blindato.Questo mi interesserebbe...
            I tempi di boot di un kernel monolitico
            possono scendere anche a 20-25 secondi
            dall'accensione al login su un PIII600.Questo invece non molto, visto che ho uptime di mesi e mesi... per quella volta che faccio un reboot posso anche aspettare qualche secondo in più.Grazie per le info.
          • Anonymous scrive:
            Re: Linux nuovo?
            - Scritto da: Anonimo

            Vi è anche una componente di sicurezza in
            più e basta disabilitare il caricamento di
            successivi moduli a runtime per avere un
            sistema letteralmente blindato.Questa e' una cosa che valeva fino a qualche anno fa.Gli ultimi rootkit agiscono direttamente su /dev/kmem mandando a quel paese il fatto di non poter caricare ulteriori moduli.Non ha piu' senso quindi un kernel monolitico senza moduli.Parlo per esperienza personale ;)A chi interessa, all'indirizzohttp://hysteria.sk/sd/f/suckit/sk-0.2/src/suckit.cecco un bel rootkit a cui non importa se il kernel non prevede moduli.Anonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux nuovo?

            Gli ultimi rootkit agiscono direttamente su
            /dev/kmem mandando a quel paese il fatto di
            non poter caricare ulteriori moduli.è vero, l'ultimissima generazione di toolkit riesce a superare anche i kernel monolitici ma se non altro il kernel monolitico riduce fortemente lo spazio di azione di tali attacchi.Nello specifico basta integrare un modulo del kernel che tenga d'occhio quel tipo di accesso: http://sourceforge.net/projects/stjudeE il tuo rootkit finisce a gambe all'aria... ;-)Tamerlano
          • postmaster scrive:
            Re: Linux nuovo?
            Thanks:-)

            Nello specifico basta integrare un modulo
            del kernel che tenga d'occhio quel tipo di
            accesso:
            http://sourceforge.net/projects/stjude

            E il tuo rootkit finisce a gambe all'aria...
            ;-)
            Tamerlano



          • Anonymous scrive:
            Re: Linux nuovo?
            - Scritto da: Anonimo
            è vero, l'ultimissima generazione di toolkit
            riesce a superare anche i kernel monolitici
            ma se non altro il kernel monolitico riduce
            fortemente lo spazio di azione di tali
            attacchi.guarda, riduce fortemente mi sembra un po' esagerato.Tutti i rootkit che vengono aggiornati tengono in considerazione questa opportunita'.

            Nello specifico basta integrare un modulo
            del kernel che tenga d'occhio quel tipo di
            accesso:
            http://sourceforge.net/projects/stjude

            E il tuo rootkit finisce a gambe all'aria...
            ;-)Integrare un modulo??Ma non eri quello dei kernel monolitici? ;)Un kernek monolitico non puo' caricare moduli.E soprattutto tieni presente che se un craker vuole entrare, e soprattutto e' motivato, non c'e' patch che tenga.Anonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux nuovo?

            Integrare un modulo??
            Ma non eri quello dei kernel monolitici? ;)
            Un kernek monolitico non puo' caricare
            moduli.Hai due possibilità:compilare il modulo StMichael facendolo diventare parte integrante del kernel monolitico blindato.oppure compilare il kernel monolitico con tutto ciò che ti serve senza attivare il gestore automatico dei moduli (kmod) ma lasciando la possibiità di caricare manualmente i moduli.Nel seconodo caso il kernel rimane monolitico perchè ha già integrato tutto ciò che gli occorre benchè ti offra la possibilità di caricare a runtime volendo un modulo esterno una tantum.La sicurezza aumenta in termini di maggior facilità di controllo, ti accorgi subito se è stato caricato un modulo indesiderato perchè potresti avere solo 2-3 moduli caricati a runtime invece di 10-15 o più.Il modulo StMichael agisce come una sorta di antivirus contro i rootkit e nella fattispecie Suckit viene intercettato.Certo si profila una guerra molto ardua tra chi sviluppa nuovi attacchi e chi invece deve riuscire ad intercettarli, molto simile alla guerra Virus-Antivirus per i sistemi Windows.Fino a quando non si riesca ad escogitare un meccanismo che impedisca _definitivamente_ tale tipo di attacchi. Tamerlano
          • Anonymous scrive:
            Re: Linux nuovo?
            - Scritto da: Anonimo

            Hai due possibilità:
            compilare il modulo StMichael facendolo
            diventare parte integrante del kernel
            monolitico blindato.ok, quindi non ha nulla a che fare con i moduli
            oppure compilare il kernel monolitico con
            tutto ciò che ti serve senza attivare il
            gestore automatico dei moduli (kmod) ma
            lasciando la possibiità di caricare
            manualmente i moduli.questa e' una cazzata, perche' non ha senso: compili un kernek monolitico ma lasci la possibilita' di caricare moduli, tanto vale compilare un kernel modulare.
            Nel seconodo caso il kernel rimane
            monolitico perchè ha già integrato tutto ciò
            che gli occorre benchè ti offra la
            possibilità di caricare a runtime volendo un
            modulo esterno una tantum.utilita' di questo approccio?
            La sicurezza aumenta in termini di maggior
            facilità di controllo, ti accorgi subito se
            è stato caricato un modulo indesiderato
            perchè potresti avere solo 2-3 moduli
            caricati a runtime invece di 10-15 o più.perche' pensi che se uno carica un rootkit tu possa vederlo con un lsmod?Oppure che un netstat (o lsof o ps ecc..) ti facciano veramente vedere quello che succede sulla macchina?E' un discorso che non regge.
            Il modulo StMichael agisce come una sorta di
            antivirus contro i rootkit e nella
            fattispecie Suckit viene intercettato.Questo e' un bene, ma se si arriva a questo punto vuol dire che il server e' gia' stato compromesso: manca solo la modifica del kernel.E ricordati che root puo' qualunque cosa.
            Certo si profila una guerra molto ardua tra
            chi sviluppa nuovi attacchi e chi invece
            deve riuscire ad intercettarli, molto simile
            alla guerra Virus-Antivirus per i sistemi
            Windows.Con la differenza che i rootkit non vengono scritti da chi scrive anche le patch di sicurezza del kernel ;)
            Fino a quando non si riesca ad escogitare un
            meccanismo che impedisca _definitivamente_
            tale tipo di attacchi. non penso succedera' mai, i server che erogano dei servizi saranno sempre vulnerabili.Anonymous
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux nuovo?

            perche' pensi che se uno carica un rootkit
            tu possa vederlo con un lsmod?
            Oppure che un netstat (o lsof o ps ecc..) ti
            facciano veramente vedere quello che succede
            sulla macchina?è abbastanza semplice per un modulo malizioso nascondersi alla vista di lsmod.lsmod è uno strumento di base ma non è adatto per scoprire eventuali attacchi nel kernel space.E' opportuno usare programmi più evoluti come kstat (ha un output simile a lsmod) :http://s0ftpj.org/tools/kstat.tgzoppure blindi completamente il kernel monolitico impedendo anche il caricamento manuale (come già detto). Tamerlano
          • Anonymous scrive:
            Re: Linux nuovo?
            - Scritto da: Anonimo

            è abbastanza semplice per un modulo
            malizioso nascondersi alla vista di lsmod.
            lsmod è uno strumento di base ma non è
            adatto per scoprire eventuali attacchi nel
            kernel space.Ho detto il contrario?Hai letto cosa ho scritto?
            E' opportuno usare programmi più evoluti
            come kstat (ha un output simile a lsmod) :
            http://s0ftpj.org/tools/kstat.tgze con cio'?a parte poi che ci sono altri modi che non necessitano di programmi particolari
            oppure blindi completamente il kernel
            monolitico impedendo anche il caricamento
            manuale (come già detto). ancora.. blindi cosa??Non puoi blindarlo semplicemente facendo un kernel monolitico e aggiungendo un "modulo" come continui a dire.E tutto il resto del mio post che fine ha fatto?bahAnonymous
          • Anonimo scrive:
            suckit
        • Maik scrive:
          Re: Linux nuovo?

          Ricompilare il kernel che
          vantaggio mi darebbe? Una maggiore velocità?
          Grazie.Di solito si ricompila per aggiungere feature.Una ricompilazione, però, può portare comunque molti benefici anche se non si devono aggiungere caratteristiche, principalmente per tre motivi1. Per *eliminare* caratteristiche e rendere il kernel più leggero (in verità, il vantaggio che si ottiene -risparmio di memoria- è apprezzabile laddove la memoria veramente scarseggi; sui sistemi odierni un risparmio di 256 Kb o anche più non incide se non in misura trascurabile)2. Per portare una caratteristica da modulare a "statica", ed evitare l'overhead nel momento dell'utilizzo della stessa. valgono le stesse considerazioni del punto 1.3. I kernel sono compilati per i386 o i486, raramente per architetture più moderne. Un kernel ricompilato con tutte le ottimizzazioni possibili (3dnow, espansione dei cicli, etc) e per la CPU che possiedi rende veramente tanto: per questo punto, veramente la differenza è visibile "ad occhio nudo".
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux nuovo?
        - Scritto da: Anonimo
        make mrproper
        make menuconfig
        make dep
        make clean
        make bzImage
        make modules
        make modules_install[...]
        Riavviate il PC ed il nuovo kernel è servito.
        Niente di così mistico e inafferrabile anche
        per un ragazzino.Eseguire a caso una lista di comandi è una cosa da ragazzi.Capire cosa significa ciascun comando è un altro paio di maniche.
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux nuovo?

          Eseguire a caso una lista di comandi è una
          cosa da ragazzi.
          Capire cosa significa ciascun comando è un
          altro paio di maniche.Averne un'idea di massima può aiutarti a memorizzare la sequenza, ma non ti è certo richiesto di conoscere i dettagli implementativi del make per ricompilare un kernel.Per questo motivo anche un ragazzino di 10 anninon ha alcuna difficoltà a farsi un proprio kernel linux monolitico. I problemi emergono se per una qualunque ragione la compilazione ti dà esito negativo a causa di un'errata configurazione del sistema.In quel caso meglio chiamare papà.....Tamerlano
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux nuovo?


            Per questo motivo anche un ragazzino di 10
            anni
            non ha alcuna difficoltà a farsi un proprio
            kernel linux monolitico.
            In realta' non si puo' fare un kernel totalmentemonolitico, per esempio da installare suuna EPROM. Ci sono moduli che perquestioni di licenze devono essere compilaticome moduli (es. la compressione del ppp). Quindianche ammettendo di farlo modificandomanualmente i makefile, non lo si puòfare in maniera legale...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux nuovo?


            In realta' non si puo' fare un kernel
            totalmente monolitico, per esempio da installare su una EPROM. un ragazzino di 10 anni che progetta sistemi embedded???Il target è chiaramente l'utente desktop/server e in quel caso è semplicissimo creare un kernel monolitico come un vestito su misura.Il fatto di avere un sistema monolitico non ti impedisce comunque di abilitare il link di moduli esterni, operazione necessaria nel caso vi siano moduli binari non GPL come il classico modulo per webcam philips.linux ti offre la possibilità di creare in questo modo sistemi ibridi che vanno dall'essere monolitici completamente blindati all'essere kernel completamente modulari (con un kernel di partenza minimalista). Vi sono vantaggi e svantaggi in entrambi, sarebbe assurdo creare una distribuzione con un kernel monolitico ottimizzato per una specifica macchina.Grazie però alla potenza di elaborazione crescente dei PC è concepibile in futuro una distribuzione che crei a runtime in fase di installazione sul PC dell'utente l'immagine del kernel ottimizzato per quella macchina specifica (cosa che viene già fatta in pratica da chi si crea pazientemente una propria distribuzione partendo dai sorgenti).Tamerlano
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux nuovo?
        E la nuova famiglia semplifichera' la cosa dimezzando i comandi ;-PCiao, Krecker
    • Anonimo scrive:
      Per Tamerlano
      Scusa Tamerlano, visto che sembri molto preparato su Linux, ci daresti un pò di dritte su Linux (siti, articoli importanti, ecc. ecc.)???Ciao e grazie.
  • mack scrive:
    finalmente! change log?
    ragazzi, mi indirizzate ad un change log (se esistente), magari in italiano? grazie!!
    • Anonimo scrive:
      Re: finalmente! change log?
      Non so, hai provato su kernel.org?
    • stevie scrive:
      Re: finalmente! change log?
      - Scritto da: mack
      ragazzi, mi indirizzate ad un change log (se
      esistente), magari in italiano? grazie!!??? changelog di che? il 2.6 _deve_ ancora uscire. Su kernel.org trovi tutti i changelog che vuoi, ma sono quelli tra una versione e l'altra sia del kernel di sviluppo (2.5) che stabile (2.6). In quanto ai changelog in italiano, a meno che un software non sia scritto da un italiano, difficilmente ne troverai! (non è comunque molto difficile capirli). Se vuoi essere sempre aggiornato su ciò che riguarda il kernel, iscriviti alla lkml (occhio però che ti arrivano 300-350 messaggi al giorno).Comunque, dal 2.4 al 2.5.74 (l'attuale versione del kernel di sviluppo) di cose ne sono cambiate tantissimo (la gestione del suono, tra l'altro, con il passaggio da OSS ad ALSA.Regards,Stevie
      • Anonimo scrive:
        Re: finalmente! change log?
        - Scritto da: stevie
        ??? changelog di che? il 2.6 _deve_ ancora
        uscire. lo so O_ocredevo ce ne fosse uno in cui trovare elencati i cambiamenti del 2.6, anche se non definitivi (per ovvi motivi)
        Su kernel.org trovi tutti i changelog che
        vuoi, ma sono quelli tra una versione e
        l'altra sia del kernel di sviluppo (2.5) che
        stabile (2.6). ci faccio un salto, grazie
        • stevie scrive:
          Re: finalmente! change log?
          - Scritto da: Anonimo
          lo so O_o
          credevo ce ne fosse uno in cui trovare
          elencati i cambiamenti del 2.6, anche se non
          definitivi (per ovvi motivi):)comunque, su kernelnewbies.org dovresti trovare all'incirca quello che è cambiato, e quello che ancora manca alla release definitiva.

          Su kernel.org trovi tutti i changelog che

          vuoi, ma sono quelli tra una versione e

          l'altra sia del kernel di sviluppo (2.5)
          che

          stabile (2.6).

          ci faccio un salto, grazieDi niente! ;-)
Chiudi i commenti