Camera, interrogazione sul codice aperto

Un deputato del PdL ha posto alcune domande al ministero della Pubblica Amministrazione. Vorrebbe sapere se siano in atto le dovute verifiche dei vantaggi derivanti dall'adozione del software open source

Roma – Vorrebbe sapere se il ministero della Pubblica Amministrazione stia compiendo le verifiche necessarie sui possibili vantaggi all’interno di una fase progressiva di migrazione verso il software libero . Si tratta del deputato del Popolo delle Libertà (PdL) Rocco Girlanda, che ha recentemente presentato alla Camera dei Deputati un’interrogazione destinata al dicastero della Pubblica Amministrazione e Innovazione.

Un’interrogazione partita da alcune premesse. In primis, dall’istituzione nel 1993 dell’ Autorità Informatica per la Pubblica Amministrazione (AIPA), con compiti di vigilanza sul mercato dell’informatica pubblica e di realizzazione di grandi progetti infrastrutturali. Poi, da quello che dal 2009 si chiama digitpa .

“Il ministero della Pubblica Amministrazione – si legge nel documento relativo all’interrogazione – ha sempre avuto tra i suoi obiettivi l’aumento dell’efficienza della PA e della fruibilità da parte degli utenti. Questo presupposto passa attraverso la funzionalità dei sistemi informatici e digitali con i quali la pubblica amministrazione stessa si trova ad operare”.

Per questo – secondo Girlanda – bisognerebbe valutare le opportunità offerte da quei software in grado di alleggerire i sistemi informatici . Oltre a ridurre la spesa per il costo delle licenze e resistere meglio agli attacchi di natura cibernetica. Più sicuri e funzionali dunque, in una parola, sintetizza Girlanda, aperti.

L’interrogazione ha citato vari esempi dall’Europa e dal mondo, compreso quello della Commissione del Vecchio Continente che ha recentemente istituito un gruppo transnazionale per l’introduzione di programmi open source nella PA dei vari paesi membri. Perciò sarebbe necessario – secondo Girlanda – valutare appieno le conseguenze di un’apertura ridotta nei confronti dei software a codice aperto, anche a fronte dell’evoluzione tecnologica dei prodotti telematici e della necessità di poter parlare con una voce comune a livello europeo e internazionale.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • speedyx scrive:
    Free Software Foundation
    Meno male che c'è la Free Software Foundation a difendere la libertà del world wide web.Speriamo che riescano a convincere Google, che è una delle poche Corporation a mostrare grande rispetto per la comunità free software e open source.Forse proprio il leader tra le corporations.
    • collione scrive:
      Re: Free Software Foundation
      a google conviene e per un semplice motivotramite youtube imporrà vp8 e costringerà microsoft e apple a pagare le royalties e sarò libero di implementare il formato in android e chromeos senza dover pagare nessuno
      • Funz scrive:
        Re: Free Software Foundation
        - Scritto da: collione
        a google conviene e per un semplice motivo

        tramite youtube imporrà vp8 e costringerà
        microsoft e apple a pagare le royalties e sarò
        libero di implementare il formato in android e
        chromeos senza dover pagare
        nessunoFarebbe veramente bene, e tutti noi utenti ne avremmo un bel vantaggio. Speriamo vada proprio così (e che Google glielo ficchi nel didietro a MS e AAPL :p)
      • Francesco_Holy87 scrive:
        Re: Free Software Foundation
        Beh... Dopo aver pagato pure 125 milioni... :P
    • ssss scrive:
      Re: Free Software Foundation
      una corporation che riesce ad avere operai spendendo poco e niente in proporzione a cosa ottiene.
    • Matt scrive:
      Re: Free Software Foundation
      - Scritto da: speedyx
      Meno male che c'è la Free Software Foundation a
      difendere la libertà del

      world wide web.
      Speriamo che riescano a convincere Google, che è
      una delle poche Corporation a mostrare grande
      rispetto per la comunità free software e open
      source.
      Forse proprio il leader tra le corporations.Il problema di fondo è che se tutto è Free, si rischia di ritrovarsi per monopolista proprio quello che vuole tutto Free... cioè Google.Tutto è Free, nessuno guadagna, tranne quello che è così forte da poter campare di pubblicità: GOOGLE.E gli altri annaspano: non mi sembra così positivo.
      • LaNberto scrive:
        Re: Free Software Foundation
        ci sono anche quelli che vendono parecchio, per esempio
      • eeeee scrive:
        Re: Free Software Foundation
        credevi che il software gratis (non discutiamo su open o meno) fosse per avvantaggiare le piccole software house di sviluppatori?non pagherai 500 dollari di licenza di eclipse ma in cambio ti restano solo le applicazioni web e i servizi vari
  • collione scrive:
    doppia licenza....
    ...e passa la pauragoogle può recuperare i soldi spesi e quando lo riterrà opportuno passare solo alla licenza opensource abolendo quella commercialel'ha fatto trolltech non vedo perchè non possa farlo googlepoi a google non serve vendere un codec, google è search, pubblicità, non softwarese google si butta nel software lo fa solo per avere un'arma in più contro microsoft
    • Nome e cognome scrive:
      Re: doppia licenza....
      Collione,un nome una garanzia
      • Pizzuco scrive:
        Re: doppia licenza....
        Finché leggevo l'articolo mi si formava nella mente l'idea della doppia licenza... Alla fine dello stesso ho pensato: "è proprio la via!".Quindi sono d'accordo con... l'Innominabile ("collione").;-)p.s. Ricordo a tutti che un'alternativa aperta nelle specifiche, open source nel codice di riferimento, royalty free, all'avanguardia e scalabile dallo streaming ad oltre il FullHD c'era già, ma la sua creatrice (a mio sapere) non si impegna troppo nel promuoverla...Qual è?Dirac / Schrödinger, della BBC, che è già più avanti nel percorso evolutivo anche circa il controllo brevetti infranti, data la sua modularità che favorisce la riscrittura di parti eventualmente coinvolte, ...http://diracvideo.org/Un bel dialogo costruttivo tra Google e BBC, ma anche Rai ed altri non sarebbe male...Forza attori del gioco!
        • Cognome e nome scrive:
          Re: doppia licenza....
          Aggiungerei anche che i Collioni sono sempre in coppia.
          • Glione e Cognome scrive:
            Re: doppia licenza....
            E infatti mancava solo la testa di... ma argomentare sul perché la doppia licenza non è una soluzione no eh?
          • J_R scrive:
            Re: doppia licenza....
            A google inrteressa solo il profitto quando ve lo mettete in testa che le cose open-source sono solo briciole nell'enorme panorama mondiale?? ho lavorato 5 anni per google e so come fanno.....ora ho la mia piccola società ad AUSTIN in TEXAS , collaboro ancora con loro ..... ma su moltissime cose sono in disaccordo.
        • Steve Robinson Hakkabee scrive:
          Re: doppia licenza....
          si ma per quando rendereanno libera la licenza, sarà già un codec vecchio, sostituito da uno ancora più efficente.
    • advange scrive:
      Re: doppia licenza....
      Sottoscrivo in pieno: la regola potrebbe essere la solita, licenza gratuita per chi fa applicazioni open source, licenza commerciale per gli altri.Esempio: Mozilla vuole aggiungere il supporto a VP8 su Firefox? Gratis.Lo vuole fare MS per IE? O paga 10 milioni di dollari o rilascia IE sotto licenza GPL; stesso discorso per Opera, ovviamente.A quel punto o Google viene ripagata dell'investimento in breve tempo o avremo un esplosione di player ed encoder GPL.
      • pentolino scrive:
        Re: doppia licenza....
        - Scritto da: advange
        Sottoscrivo in pieno: la regola potrebbe essere
        la solita, licenza gratuita per chi fa
        applicazioni open source, licenza commerciale per
        gli
        altri.
        Esempio: Mozilla vuole aggiungere il supporto a
        VP8 su Firefox?
        Gratis.forse però non è così semplice ed il problema sta proprio nella GPL; firefox se non sbaglio è rilasciato sotto MPL. Non so fino a che punto la Mozilla Foundation voglia rischiare di dovere cambiare licenza.
        Lo vuole fare MS per IE? O paga 10 milioni di
        dollari o rilascia IE sotto licenza GPL; stesso
        discorso per Opera,
        ovviamente.questo mi pare giustissimo
        A quel punto o Google viene ripagata
        dell'investimento in breve tempo o avremo un
        esplosione di player ed encoder
        GPL.speriamo
        • advange scrive:
          Re: doppia licenza....

          forse però non è così semplice ed il problema sta
          proprio nella GPL; firefox se non sbaglio è
          rilasciato sotto MPL. Non so fino a che punto la
          Mozilla Foundation voglia rischiare di dovere
          cambiare licenza.Tripla licenza: MPL, GPL, LGPL, a seconda degli usi.
          • pentolino scrive:
            Re: doppia licenza....
            appunto, ma l' adozione nel suo interno di una libreria GPL ne forzerebbe (salvo trucchi varii) il rilascio sotto GPL, e mi sembra appunto questo il problema.Dunque non sarebbe così semplice per google usare una licenza che garantisca la comunità e i suoi introiti e che non sia "virale" come la gpl.
          • Klut scrive:
            Re: doppia licenza....
            Mmmhh non credo che sarebbe questo il problema. Non è che esistono tre versioni di firefox con tre diverse licenze, esiste una sola versione e un solo codice sorgente utilizzabile a scelta con una tra tre licenze.Da http://www.gnu.org/licenses/license-list.html#MPL leggo:"However, MPL 1.1 has a provision (section 13) that allows a program (or parts of it) to offer a choice of another license as well. If part of a program allows the GNU GPL as an alternate choice, or any other GPL-compatible license as an alternate choice, that part of the program has a GPL-compatible license."Dal momento che il codice di Firefox di base viene proprio distribuito con la possibilità di scelta tra le tre licenze, credo proprio che possa essere linkato a codice GPL.L'unico problema sorgerebbe se qualcuno prendesse il codice di Firefox e lo ridistribuisse solo con licenza MPL rimuovendo le altre due. In questo caso, dovrebbe rimuovere la parte linkata di codice GPL.Ma dubito che esistano fork o distribuzioni di Firefox abbastanza diffuse distribuite solo con MPL...
          • panda rossa scrive:
            Re: doppia licenza....
            - Scritto da: pentolino
            appunto, ma l' adozione nel suo interno di una
            libreria GPL ne forzerebbe (salvo trucchi varii)
            il rilascio sotto GPL, e mi sembra appunto questo
            il
            problema.
            Dunque non sarebbe così semplice per google usare
            una licenza che garantisca la comunità e i suoi
            introiti e che non sia "virale" come la
            gpl.Ma quante storie.Che cosa ha la GPL di tanto terrificante.Che scrivessero il codice e lo rilasciassero al mondo: il mondo potra' soltanto ringraziare!
          • pentolino scrive:
            Re: doppia licenza....
            - Scritto da: panda rossa
            Ma quante storie.?
            Che cosa ha la GPL di tanto terrificante.assolutamente nulla, la trovo la miglior scelta per il codice libero.
            Che scrivessero il codice e lo rilasciassero al
            mondo: il mondo potra' soltanto
            ringraziare!sicuro!Quello che dico io è che non tutti sono disposti a rilasciare il codice in GPL e la libertà sta anche nel non obbligarli! E dunque se Mozilla rilascia firefox sotto tripla licenza perchè deve restringersi ad una sola?
          • Klut scrive:
            Re: doppia licenza....
            Può continuare a rilasciarlo sotto tre licenze quanto vuole, a patto che non si restringa alla sola MPL.
      • LaNberto scrive:
        Re: doppia licenza....
        - Scritto da: advange
        Esempio: Mozilla vuole aggiungere il supporto a
        VP8 su Firefox?
        Gratis.
        Lo vuole fare MS per IE? O paga 10 milioni di
        dollari o rilascia IE sotto licenza GPL; stesso
        discorso per Opera,
        ovviamente.E allora MS appoggia un altro codec e siccome è il browser più diffuso lo mette in tasca a tutti.
        • advange scrive:
          Re: doppia licenza....

          E allora MS appoggia un altro codec e siccome è
          il browser più diffuso lo mette in tasca a tutti.Tutto giusto se non fosse che non tra un paio di anni non lo sarà più (sì, lo so, sto azzardando una previsione) e che se IE non avrà il supporto a YT si suicida direttamente
          • LaNberto scrive:
            Re: doppia licenza....
            mah, il mercato è più complesso di quanto sembra e secondo me è difficile azzardare previsioni simili. Tieni presente però che anche youtube campa di pubblicità, e nessuno è disposto a privarsi del 50% degli introiti scegliendo un codec nuovo e sconosciuto
          • advange scrive:
            Re: doppia licenza....

            mah, il mercato è più complesso di quanto sembra
            e secondo me è difficile azzardare previsioni simili.Per questo le faccio io che sono un semplice troll di PI ;)
            Tieni presente però che anche youtube
            campa di pubblicità, e nessuno è disposto a
            privarsi del 50% degli introiti scegliendo un
            codec nuovo e sconosciutoÈ chiaro che la tattica è graduale: si introduce nella beta in modo da affiancare quello Flash (come già ora fanno con H.264) e così via. Intanto applicano il supporto a Chrome (e anche Firefox non dirà di no). Nel giro di 3 o 4 anni il risultato sarà raggiunto. Già ora, del resto, credo che molto del sucXXXXX di Chrome sia dovuto al fatto che è molto pubblicizzato su YT.
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: doppia licenza....
            - Scritto da: advange
            Nel giro di 3 o 4 anni
            il risultato sarà raggiunto.3 o 4 anni sono un'era geologica sia in campo informatico che economico.Detto in altre parole, Google non ha speso più di 100 milioni per un piano a 3 o 4 anni, ma per un rientro immediato e sviluppi molto più lunghi.Detto in altre altre parole, tra 3 o 4 anni VP8 sarà open per obsolescenza.
          • Klut scrive:
            Re: doppia licenza....

            Detto in altre parole, Google non ha speso più di
            100 milioni per un piano a 3 o 4 anni, ma per un
            rientro immediato e sviluppi molto più lunghi.Nell'ultimo anno IE ha perso 10 punti percentuali, di cui 5 sono andati a Firefox e 5 a Chrome.Di questo passo, è molto probabile che la loro somma superi IE anche solo tra un anno... Non è che per Google 100 milioni siano chissà quale investimento critico da salto nel buio... investirli con un rientro entro un paio d'anni non mi sembra mica tanto improbabile.Fermo restando che spesso Google acquista anche solo per tagliare le gambe alla concorrenza, vedi acquisti di motori di ricerca vari dei quali non era certo interessata alla tecnologia.
            Detto in altre altre parole, tra 3 o 4 anni VP8
            sarà open per obsolescenza.Questa non la capisco... Google non ha mica acquistato VP8, ha acquistato l'azienda che ha prodotto VP8... e che tra 3 o 4 anni, con Google o senza Google, avrebbe prodotto VP10 o quello che sarà...Possedere e progettare gli sviluppi di VP8 oggi non è mica equivalente ad aspettare che VP8 diventi obsoleto per usarlo...
          • Momento di inerzia scrive:
            Re: doppia licenza....
            - Scritto da: Klut
            Non è che per Google 100 milioni siano chissà
            quale investimento critico da salto nel buio...
            investirli con un rientro entro un paio d'anni
            non mi sembra mica tanto
            improbabile."Un paio d'anni" è già diverso da "3 o 4"
            Questa non la capisco... Google non ha mica
            acquistato VP8, ha acquistato l'azienda che ha
            prodotto VP8... e che tra 3 o 4 anni, con Google
            o senza Google, avrebbe prodotto VP10 o quello
            che
            sarà...
            Possedere e progettare gli sviluppi di VP8 oggi
            non è mica equivalente ad aspettare che VP8
            diventi obsoleto per
            usarlo...Segui il discorso dei post precedenti: si parlava di rendere open VP8 e rientrare dell'acquisto in 3 o 4 anni
          • Klut scrive:
            Re: doppia licenza....

            "Un paio d'anni" è già diverso da "3 o 4"Il paio d'anni derivava dal mio discorso precedente, visto che si parlava del tempo necessario di superare lo share di IE e io penso che ci vorrà di meno.Sul paio d'anni si può tranquillamente investire... ma d'altronde anche sui 3 o 4, ripeto, non è che 100 milioni per Google sianno chissà che.
            Segui il discorso dei post precedenti: si parlava
            di rendere open VP8 e rientrare dell'acquisto in
            3 o 4 anniE si, ma google non deve rientrare dall'acquisto di VP8, deve rientrare dall'acquisto della ON2.
          • advange scrive:
            Re: doppia licenza....

            3 o 4 anni sono un'era geologica sia in campo
            informatico che economico.È un limite massimo
            Detto in altre parole, Google non ha speso più di
            100 milioni per un piano a 3 o 4 anni, ma per un
            rientro immediato e sviluppi molto più lunghi.Perché Google avrebbe paura di 100 milioni di dollari?Google può permettersi investimenti anche 20 volte maggiori e con tempi di rientro di 10 anni, se vuole.
            Detto in altre altre parole, tra 3 o 4 anni VP8
            sarà open per obsolescenza.Questa è una battuta davvero demenziale. Vuoi dirmi che H.264 che ha più di 4 anni è open per obsolescenza. Per favore, attacca il cervello prima di scrivere queste sciocchezze, che da te non me le sarei aspettate.
          • FinalCut scrive:
            Re: doppia licenza....
            - Scritto da: advange
            Questa è una battuta davvero demenziale. Vuoi
            dirmi che H.264 che ha più di 4 anni è open per
            obsolescenza. Per favore, attacca il cervello
            prima di scrivere queste sciocchezze, che da te
            non me le sarei
            aspettate.Beh, di sicuro già si sta pensando al suo sucXXXXXre:http://www.macitynet.it/macity/aA42130/hvc_in_sviluppo_il_sucXXXXXre_dellh_264.shtmlSecondo me prima che qualcuno richieda il pagamento di qualche licenza nel 2015, il codec h264 sarà già storia.Senza contare il fatto che la mossa di Google potrebbe essere proprio SOLO ed esclusivamente tattica per fare pressione sull'mpeg group e forzarlo a chiudere una volta per tutte con la storia stile spada di Damocle sulle licenze... del tipo: "Youtube è h264 "oggi" ma se continuate con la storia delle licenze nel 2015 non ci metto nulla a cambiare codec, quindi sediamoci e ragioniamo"D'altronde a Youtube interessa che TUTTI i browser usino un unico formato video standard senza distinzioni, come oggi è flash.(linux)(apple)
          • advange scrive:
            Re: doppia licenza....

            Beh, di sicuro già si sta pensando al suo sucXXXXXre:
            http://www.macitynet.it/macity/aA42130/hvc_in_svilPerdonami, ma questa frase mi sembra abbastanza inutile: chiunque studi un codec di fatto sta pensando ad un "sucXXXXXre" di H.264; VP8 non lo sarebbe? Secondo i primi test sarebbe nettamente migliore di H.264, quindi ON2 è già molto avanti.
            Secondo me prima che qualcuno richieda il
            pagamento di qualche licenza nel 2015, il codec
            h264 sarà già storia.Anch'io lo ritengo probabile; ma, d'altro canto, non possiamo prevederlo. La verità è che dare gratis ora è un'ottima tattica; una volta che tutti sono costretti ad usarlo poi si possono spremere utenti e aziende con la H.264 tax. Che potrà esplicarsi in vari modi, ma che tutti saremo costretti a pagare, se H.264 vincerà.
            Senza contare il fatto che la mossa di Google
            potrebbe essere proprio SOLO ed esclusivamente
            tattica per fare pressione sull'mpeg group e
            forzarlo a chiudere una volta per tutte con la
            storia stile spada di Damocle sulle licenze...
            del tipo: "Youtube è h264 "oggi" ma se continuate
            con la storia delle licenze nel 2015 non ci metto
            nulla a cambiare codec, quindi sediamoci e ragioniamo"Mah, io credo che Google faccia bene a tentare di imporre i suoi formati: investire 100 milioni solo per agitare una vaga minaccia non ha molto senso.

            D'altronde a Youtube interessa che TUTTI i
            browser usino un unico formato video standard
            senza distinzioni, come oggi è flash.
            (linux)(apple)Esatto: se è uno standard libero sarò anche più contento. Ma credo che solo Google ha la forza per imporlo (libero o non che sia).
          • FinalCut scrive:
            Re: doppia licenza....
            - Scritto da: advange

            Senza contare il fatto che la mossa di Google

            potrebbe essere proprio SOLO ed esclusivamente

            tattica per fare pressione sull'mpeg group e

            forzarlo a chiudere una volta per tutte con la

            storia stile spada di Damocle sulle licenze...

            del tipo: "Youtube è h264 "oggi" ma se continuate

            con la storia delle licenze nel 2015 non ci metto

            nulla a cambiare codec, quindi sediamoci e
            ragioniamo"

            Mah, io credo che Google faccia bene a tentare di
            imporre i suoi formati: investire 100 milioni
            solo per agitare una vaga minaccia non ha molto
            senso.eh eh avevo ragione io ;)adesso la minaccia è più concreta:http://punto-informatico.it/2857199/PI/News/codec-html-5-google-apre-vp8.aspx(linux)(apple)
        • collione scrive:
          Re: doppia licenza....
          si certo, poi all'utente glielo spieghi tu perchè con ie non si vede youtube?
          • LaNberto scrive:
            Re: doppia licenza....
            illuso, l'utente lo chiede a youtube, non certo a IE. Ancora non hai imparato come ragionano gli utonti?
          • panda rossa scrive:
            Re: doppia licenza....
            - Scritto da: LaNberto
            illuso, l'utente lo chiede a youtube, non certo a
            IE. Ancora non hai imparato come ragionano gli
            utonti?Il mio sito lo spiega chiaramente e in 4 lingue, all'utonto che si presenta con IE, perche' non puo' vedere niente.
          • LaNberto scrive:
            Re: doppia licenza....
            La maggior parte delle attività invece preferisce non perdere clienti
          • panda rossa scrive:
            Re: doppia licenza....
            - Scritto da: LaNberto
            La maggior parte delle attività invece preferisce
            non perdere
            clientiLa mia attivita' consiste nel contribuire a fare una rete migliore e quindi inibire il mio sito a chi usa IE rientra nell'oggetto sociale della mia attivita'.
          • LaNberto scrive:
            Re: doppia licenza....
            È una scelta
    • dddd scrive:
      Re: doppia licenza....
      a parte che opensource può essere commerciale...a voi interessa il software libero o il software gratis?che vi cambia se mettono doppia licenza e dentro Flash coninuate ad usare software non libero?nulla.e dubito che google lo renda libero visto l'ingente esborso che ha dovuto sostenere per comprarlo. Almeno nel breve terimine, dovrà recuperare l'investimento e può farlo facendo continuare a pagare le royalties come sono ora o - come ho letto in un altro post - rendendo la licenza compatibile con la MPL e la GPL e obbligando i big a pagare la (enorme) licenza per poter correre dietro ai browser liberi.Ma questo potrebbe essere anche uno svantaggio per youtube se il passaggio viene ostacolato o non ben pianificato imho.
      • LaNberto scrive:
        Re: doppia licenza....
        o, visto che H264 è già potentissimo sul mercato (DVD, telefoni, dispositivi portatili, codec hardware dedicati anche molto costosi), rimane leader del mercato e fine lì
Chiudi i commenti