Canada, un tracker CC per i pirati

È stato lanciato dal nascente Partito Pirata. Per promuovere il P2P come mezzo di diffusione della cultura

Roma – Il Partito Pirata canadese ha inaugurato un tracker torrent per contenuti Creative Commons.

screenshot L’organizzazione, attiva da qualche mese e ancora in attesa dell’ approvazione federale , ha attirato l’attenzione lanciando un proprio tracker: l’ obiettivo è dimostrare che filesharing e BitTorrent non sono una minaccia, ma un grande mezzo per promuovere la cultura e il lavoro degli artisti, slegando così il connubio P2P uguale illegalità.

“Vogliamo mostrare agli artisti – ha raccontato il portavoce Jake Daynes – come poter utilizzare il P2P per garantirsi marketing e distribuzione globale a costi molto contenuti”.

Dal punto di vista tecnologico, è stato adottato RivetTracker e verrà distribuito il materiale rilasciato dagli artisti sotto licenza CC . Per il momento pochi. Anche perché il sistema non appare snello: dovranno essere i singoli artisti a comunicare per email l’intenzione di far ospitare il loro lavoro.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    L'avidità di questi signori
    è incredibile... e poi proprio loro si attaccano alla net neutrality, per difendere le loro politiche veramente truffaldine (per quanto legali)?
Chiudi i commenti