Carnivore sotto controllo?

Il testo approvato dalla Camera dei Rappresentanti fa sperare che l'FBI possa agire ma solo se autorizzata da un giudice


Washington (USA) – Una piccola ma importante vittoria sembra essere sul punto di consumarsi nella capitale americana. E’ infatti passato un emendamento alla legge anti-terrorismo che in queste settimane entrambi i rami del Congresso stanno discutendo, un emendamento che impedisce all’FBI di usare Carnivore senza la specifica autorizzazione di un magistrato.

Come noto, Carnivore, o DCS 1000, è un sistema che permette il monitoraggio di tutte le comunicazioni elettroniche di una persona sospetta attraverso l’installazione di appositi applicativi presso i provider, gestiti direttamente dai cybercops dell’FBI.

Il rischio che si è palesato in queste settimane, e che è palese in molti passi della legge anti-terrorismo, è quello di un possibile “controllo a tappeto” senza alcuna sorveglianza sui sorveglianti, cioè l’FBI.

Ora l’emendamento presentato dal leader democratico alla Camera dei Rappresentanti Dick Armey richiede all’FBI di ottenere il via libera da un magistrato, prima di avviare la raccolta delle comunicazioni elettroniche dei sospetti. Sebbene non risolva tutte le questioni sul tappeto, e che riguardano tutto ciò che va dalla privacy alla libertà di espressione, in molti applaudono l’emendamento perché offre quantomeno un “freno giuridico” all’uso indiscriminato di Carnivore.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    se ci pensa M$
    siamo a posto...hihhghghghghgg;-0)dalla notizia...
    che siano adottate le migliori tecnologie
    disponibili per la gestione della sicurezza,eggia qua...
    oltre a garantire il rispetto delle regole
    contrattuali si sa...ghghghghghgghghhghg
    e la corretta applicazione delle procedure per la
    gestione dei reclami."da bene a meglio...ghghghghghg ;-0)
  • Anonimo scrive:
    Iniziamo bene: progettofiducia.it usa ASP!!!!!
    Il sito progettofiducia.it e`sponsorizzato,tra l'altro, da:MICROSOFTTELECOMTELECOM ITALIA NETWORK--------------------------ed oltretutto il sito stesso e`fatto in asp, usando Internet Information Server,che gira SOLO sotto Windows.Ma dove colpiscono gli hackers?Come si vede da questo URL:http://defaced.alldas.de/?archives=osil sistema operativo che vienecolpito per il 63% delle volte dagli hackerse`M I C R O $ O F T W I N D O W S sono proprio curioso di sapere con quale faccia tosta si permettano di promuovere siti di e-commercebasandosi sul sistema operativo piu`soggetto ad attacchi informaticiPino Silvestre
Chiudi i commenti