Caso Vividown, gli USA ammoniscono

L'ambasciatore statunitense in Italia ricalca il discorso di Hillary Clinton sulla libertà in Rete per esprimere il rammarico nei confronti della sentenza. Interviene anche Fioroni

Roma – La condanna di Google da parte dell’Italia rischia di diventare un caso diplomatico: “siamo negativamente colpiti” ha dichiarato in una nota l’ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, David Thorne.

L’ambasciatore, peraltro, si è addentrato nelle possibili interpretazioni della sentenza: “non siamo d’accordo sul fatto che la responsabilità preventiva dei contenuti caricati dagli utenti ricada sugli Internet Service Provider”. E ha ribadito nell’occasione il principio fatto proprio dalla politica estera statunitense con il discorso di Hilary Clinton all’indomani dell’ affaire Google in Cina: “Il principio fondamentale della libertà di Internet è vitale per le democrazie che riconoscono il valore della libertà di espressione e viene tutelato da quanti hanno a cuore tale valore”, specificando che “eventuale materiale offensivo non deve diventare una scusa per violare questo diritto fondamentale”.

Anche Giuseppe Fioroni, responsabile dell’area Welfare del PD e Ministro della Pubblica istruzione all’epoca dei fatti, è intervenuto sulla vicenda. Pur accogliendo con favore il “segnale di responsabilizzazione offerto dalla sentenza”, aggiunge una considerazione in più: “Fermo restando che la responsabilità di chi gestisce la Rete è innegabile, è anche vero che tramite quel video fu possibile risalire ai responsabili. Senza quel video, forse, mai avremmo saputo e di conseguenza forse mai avremmo inasprito la legislazione sanzionatoria nelle scuole contro il bullismo”, ha sottolineato riferendosi ai provvedimenti portati avanti sotto la sua amministrazione.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolo scrive:
    Mike Stock e Pete Waterman
    Mike Stock e Pete Waterman, i produttori di questa canzone, scriveranno la canzone per l'Eurovision Contest 2010 di Maggio 2010, cercate sul sito della BBC o in google "Stock, Aitken Waterman" ... stanno per tornare, :)
  • Nome e cognome scrive:
    Tokyo Troopers
    Ballano meglio gli amici di Rick dell'impero del male:http://www.youtube.com/watch?v=evQ0QNi2CzA
  • panda rossa scrive:
    ma quindi la rimozione non e' rimozione
    A casa mia rimozione significa cancellazione irreversibile (e possibilmente irrecuperabile anche con tecniche di analisi magnetica del disco).A casa di YT invece rimozione significa solo togliere il link al file che resta permanentemente nei loro archivi?Quindi anche il filmato del down preso a schiaffi non e' stato cancellato ma semplicemente de-linkato?
    • mr_caos scrive:
      Re: ma quindi la rimozione non e' rimozione
      ...piuttosto probabile.
      • Sgabbio scrive:
        Re: ma quindi la rimozione non e' rimozione
        No, assolutamente. I video rimossi rimangono nei loro server per un certo periodo di tempo, prima di essere cancellati.Se si sospende un accunt di youtube, viene tutto bloccato semplicemente.Un esempio è il canale di clieoMakeup che fu sospeso in un giorno per errore, ma dopo ritorno tutto con tanto di video e commenti.
    • Marco Girardi scrive:
      Re: ma quindi la rimozione non e' rimozione
      Si, i file vengono posti "offline" e rimossi solo dopo un certo periodo di tempo... non so dove l'ho letto, ma ne parlavano nello specifico in un articolo (e del resto era il meccanismo col quale funzionava deletube ecc.).Compresibile del resto: la linfa del portale (i video) sono un carico prezioso, anche quelli che oggi non possiamo vedere... ma che domani "potrebbero servire" (che poi possa essere piu' o meno legale.. e' un altro discorso).
      • Sgabbio scrive:
        Re: ma quindi la rimozione non e' rimozione
        Non è per i video rimossi per errore ?
      • Non mi voglio registrare scrive:
        Re: ma quindi la rimozione non e' rimozione
        Il fatto che sia legale o meno dipende dalle specifiche leggi che regolano il paese dove risiede il server. Non il nostro.Però, questo, i magistrati di Milano non l'hanno capito.
    • Funz scrive:
      Re: ma quindi la rimozione non e' rimozione
      - Scritto da: panda rossa
      A casa mia rimozione significa cancellazione
      irreversibile (e possibilmente irrecuperabile
      anche con tecniche di analisi magnetica del
      disco).Rimangono per un certo tempo memorizzati offline, anche per casi come questo in cui vengono cancellati per errore.Piuttosto: ma quel video non viola nessun rovescio d'automa? Com'è che si sono scusati tanto per l'errore? Oppure YT possiede i distorti d'autore? :p
  • Marco Girardi scrive:
    Nuovo errore nella news
    C'e' bisogno di una nuova correzione, come la seguente news: http://www.youtube.com/watch?v=oHg5SJYRHA0
Chiudi i commenti