Censis: italiani uniti nel digitale

L'ultimo rapporto del Centro Studi Investimenti Sociali fotografa le abitudini mediali del Belpaese. In crescita il bit, soprattutto tra i giovani. La TV regna tra le fonti d'informazione. La carta stampata nelle sabbie mobili

Roma – “È l’era dei consumi multimediali personali e autogestiti”: questo il commento formulato dal Censis in merito al nono Rapporto sulla comunicazione intitolato “I media personali nell’era digitale”, promosso da 3 Italia, Mediaset, Mondadori, Rai e Telecom Italia. Un monitoraggio sull’evoluzione del consumo mediatico e un’osservazione delle abitudini fruitive degli italiani.

I dati si rivelano interessanti sia per fascia d’età sia per tipo di medium. In generale, gli utenti di Internet superano quota 50 per cento , cifra che fa da contraltare al calo dei lettori della carta stampata: meno 7 per cento in due anni .

Tra i giovani (14-29 anni), spopolano gli smartphone che, tuttavia, sono diffusi entro una fascia d’età chiaramente circoscritta (+3,3, con un’utenza che sale complessivamente al 17,6 e al 39,5 per cento tra i giovani). L’uso del telefono cellulare , in generale, registra una flessione di oltre 5 punti percentuali dal 2009 al 2011 per effetto della frenata negli acquisti generata dalla crisi economica. All’attenuazione del digital divide e alla crescita complessiva della fruizione digitale si accompagna l’incremento del press divide su tutti i fronti: gli italiani abituati alla lettura della carta stampata diminuiscono da 60,7 per cento del 2009 al 54,4. D’altro canto, la percentuale di coloro del tutto estranei alla cellulosa aumenta dal 39,3 al 45,6 per cento. Tale cambiamento dipende da una molteplicità di variabili, in particolare il progressivo allontanamento delle fasce di età più giovani (53,3 per cento) dai giornali e il conseguente aumento della navigazione in Rete.

Un altro focus della ricerca riguarda “la personalizzazione dei palinsesti di intrattenimento e dei percorsi individuali di accesso alle fonti di informazione”. L’utente è sempre più autonomo nella ricerca e nella fruizione dei contenuti che gli interessano , secondo le modalità più consone: ciascuno si costruisce una nicchia di consumi mediatici e palinsesti ad hoc . Indipendentemente dall’uso del televisore, la cui utenza rimane comunque stabile al 97,4 per cento, il 12,3 per cento della popolazione attinge ai siti Internet delle emittenti TV per seguire i programmi prescelti, il 22,7 utilizza YouTube, il 17,5 per cento segue programmi TV a mezzo P2P. Le percentuali crescono sensibilmente se si considera la fascia di età 14-29 anni.

Per quanto concerne le fonti di informazione, i telegiornali conservano lo scettro da re , godendo della fedeltà dell’80,9 per cento degli italiani. Tra i giovani il dato scende al 69,2 per cento. In generale, al secondo posto si collocano i giornali radio (56,4 per cento), poi i quotidiani (47,7 per cento) e i periodici (46,5 per cento). Seguono il televideo (45 per cento), i motori di ricerca come Google (41,4 per cento), i siti web di informazione (29,5 per cento), Facebook (26,8 per cento) e i quotidiani on line (21,8 per cento). Nel caso delle TV “all news” (16,3 per cento complessivamente), risultano discriminanti l’età (il dato sale al 20,1 per cento tra gli adulti) e il titolo di studio (il 21,7 per cento tra i diplomati e laureati). Le app per smartphone sono al 7,3 per cento di utenza e Twitter al 2,5 per cento .

Infine uno scatto abbastanza impietoso sui giornalisti del Belpaese: scarsamente indipendenti ed eccessivamente legati al potere politico o finanziario, di conseguenza complessivamente inaffidabili.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Internet è un diritto inalienabile
    Internet è un diritto inalienabile. <b
    Universal Declaration of Human Rights </b
    <i
    Article 19 </i
    Everyone has the right to freedom of opinion and expression; this right includes freedom to hold opinions without interference and to seek, receive and impart information and ideas through <b
    any media </b
    and regardless of frontiers.http://www.un.org/en/documents/udhr
    • Get Real scrive:
      Re: Internet è un diritto inalienabile
      Quindi anche il telefono è un diritto inalienabile?Non mi pare.La lista dei "diritti" sanciti dalla Dichiarazione Universale rimasti lettera morta in gran parte del mondo è lunga.L'unico "diritto" che esiste è quello garantito dalla forza.
      • anony scrive:
        Re: Internet è un diritto inalienabile
        - Scritto da: Get Real
        Quindi anche il telefono è un diritto inalienabile?
        Non mi pare.il <i
        diritto a comunicare </i
        è inalienabile, indipendentemente dal mezzo usato.se, ipoteticamente, l'unico mezzo che avessi di comunicare e di esprimere la tua opinione fosse il telefono, allora sì. togliertelo costituirebbe una violazione dei diritti fondamentali.
        L'unico "diritto" che esiste è quello garantito
        dalla
        forza.sì sì, certo. guarda che i tempi degli uomini delle caverne è finito da un bel pezzo. ora è la conoscenza e la tecnologia che contano. la "forza bruta" è retaggio del passato.
    • ahboh scrive:
      Re: Internet è un diritto inalienabile
      *yawn*
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Winston Churchill
    Se 2 persone fumano sotto il cartello "Vietato fumare" gli fai la multa,se 20 persone fumano sotto il cartello "Vietato fumare" chiedi loro di spostarsi,se 200 persone fumano sotto il cartello "Vietato fumare" togli il cartello. <i
    Winston Churchill </i
    • ahboh scrive:
      Re: Winston Churchill
      - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      Se 2 persone fumano sotto il cartello "Vietato
      fumare" gli fai la
      multa,
      se 20 persone fumano sotto il cartello "Vietato
      fumare" chiedi loro di
      spostarsi,
      se 200 persone fumano sotto il cartello "Vietato
      fumare" togli il
      cartello.

      <i
      Winston Churchill </i
      già, peccato non funzioni esattamente con tutto.
  • pocomolto scrive:
    Continuo a dire sempre la stessa cosa...
    Se tante persone sono "mariuole", forse è il sistema che non funziona.
  • Guybrush scrive:
    18.000.000
    Su 65.000.000 fa un bel 27% della popolazione.Piu' di un quarto della popolazione.Togli loro Internet.Vai, ecco come ti crolla un'economia.Prendo il popcorn e mi godo lo spettacolo.Il copyright è nocivo. Questa e' la dimostrazione empirica.GT
    • panda rossa scrive:
      Re: 18.000.000
      - Scritto da: Guybrush
      Su 65.000.000 fa un bel 27% della popolazione.
      Piu' di un quarto della popolazione.E sono quelli che hanno individuato, cioe' quelli col mulo H24.A questi ci sono da aggiungere gli scaricatori occasionali, che a spanne saranno un altro 25%.
      Togli loro Internet.
      Vai, ecco come ti crolla un'economia.L'importante e' difendere la rendita di Lady Carla'.
      Prendo il popcorn e mi godo lo spettacolo.Fammi posto che mi siedo anche io. :p
      Il copyright è nocivo. Questa e' la dimostrazione
      empirica.Capiranno solo quando saranno sul lastrico a mendicare e riceveranno solo sputi in faccia.
    • ThEnOra scrive:
      Re: 18.000.000
      Beh, sarei curioso di capire la % di italiani che non paga (evade) le tasse... applicando il tuo ragionamento dovremmo difenderli.Tutto ciò, per dirti: cambia argomentazione. So che puoi far di meglio.
      • Guybrush scrive:
        Re: 18.000.000
        - Scritto da: ThEnOra
        Beh, sarei curioso di capire la % di italiani che
        non paga (evade) le tasse... applicando il tuo
        ragionamento dovremmo
        difenderli.Normalmente quando paghi una tassa ricevi in cambio un servizio, per cui chi riceve un servizio e (mediante un artificio, un inganno, qualcosa) non paga sta effettivamente rubando qualcosa.Banalmente: la luce dei lampioni viene pagata con le nostre tasse. Se tu puoi camminare la notte in città e riesci a vedere, ma non paghi le tasse... stai rubando la luce. Idem per l'asfalto delle strade, le pattuglie della polizia, l'anagrafe ecc... ecc... ecc... Spiega, perfavore, quale servizio riceve chi scarica un film, una musica, un libro.GTGT
        • Ozymandias scrive:
          Re: 18.000.000
          Se due persone fumano sotto il cartello "divieto di fumare" gli fai la multa, se venti persone fumano sotto il cartello "divieto di fumare" chiedi loro di spostarsi, se duecento persone fumano sotto il cartello "divieto di fumare" togli il cartello (W. Churchill)
          • Uno a caso scrive:
            Re: 18.000.000
            No. Arrivo col Kalasnikov.
          • Uno a caso scrive:
            Re: 18.000.000
            P.S. In Italia c'erano milioni di persone che fumavano nei locali pubblici. Hanno tolto il cartello? No. Hanno levato le persone che fumavano!!
          • panda rossa scrive:
            Re: 18.000.000
            - Scritto da: Uno a caso
            P.S. In Italia c'erano milioni di persone che
            fumavano nei locali pubblici. Hanno tolto il
            cartello? No. Hanno levato le persone che
            fumavano!!Non c'era il cartello.Hanno messo il cartello.I non fumatori hanno iniziato a prendere consapevolezza dei propri diritti e cominciato ad invitare i fumatori ad andare altrove.E i fumatori sono andati a fumare altrove.Ma questo perche' in italia c'e' un ampia maggioranza di non fumatori.
          • aPenguin scrive:
            Re: 18.000.000
            Questa cosa del fumo vietato ha avuto sucXXXXX non tanto perchè è diventata legge, quella è stata solo la spinta finale, ma anche perchè a molti fumatori da fastidio l'odore nei locali e negli uffici. E da fumatore preferisco anch'io che sia andata così.Una buona legge funziona se tutte le parti, o la maggior parte delle persone coinvolte sono daccordo, come in questo caso. Lo stesso non lo si può dire per quanto riguarda di tutto questo accanimento nei confronti di chi condivide.Condividere è cosa buona e giusta O)
          • Darwin scrive:
            Re: 18.000.000
            - Scritto da: aPenguin
            Questa cosa del fumo vietato ha avuto sucXXXXX
            non tanto perchè è diventata legge, quella è
            stata solo la spinta finale, ma anche perchè a
            molti fumatori da fastidio l'odore nei locali e
            negli uffici. E da fumatore preferisco anch'io
            che sia andata
            così.Quoto.Anche io, che sono un fumatore, sono d'accordo con quella legge e mi da fastidio quell'odore nei locali e negli uffici.Non lo sopporto nemmeno in casa e in macchina, infatti quando fumo esco fuori :P
            Una buona legge funziona se tutte le parti, o la
            maggior parte delle persone coinvolte sono
            daccordo, come in questo caso. Lo stesso non lo
            si può dire per quanto riguarda di tutto questo
            accanimento nei confronti di chi
            condivide.Anche quì concordo.
            Condividere è cosa buona e giusta O)"Raccogliere dati è un passo verso la saggezza, ma condividerli fa nascere una comunità" (IBM Prodigy ads)
          • Fininsvest scrive:
            Re: 18.000.000
            ricorda che quelli che non fumano sono la maggioranza della popolazione...
          • anony scrive:
            Re: 18.000.000
            - Scritto da: Uno a caso
            P.S. In Italia c'erano milioni di persone che
            fumavano nei locali pubblici.e ci sono ancora. solo che adesso fumano a mezzo metro di distanza dalla porta d'entrata, appena fuori dal locale...come dire: fatta la legge, trovato l'inganno.
          • Sgabbio scrive:
            Re: 18.000.000
            Bhe oddio, non è che non si fumi più nei locali pubblici, quest'ultimi si devono attrezzare per fare un area per i fumatori.
          • Joe Tornado non loggato scrive:
            Re: 18.000.000
            Molti fumatori sono favorevoli a questo divieto. Ex adverso, molta gente che non scarica, è contraria a limitazioni in tal senso.
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: 18.000.000
            - Scritto da: Uno a caso
            P.S. In Italia c'erano milioni di persone che
            fumavano nei locali pubblici. Hanno tolto il
            cartello? No. Hanno levato le persone che
            fumavano!!Ah, che bello, così adesso nessuno fuma? No, fumano tutti per strada! Una rottura di cog***ni!!! Sinceramente preferivo prima...e così vogliono evitare che la gente scarichi dal web? Benone, così si tornerà allo scambio p2p (person2person). Ci sono cose che non si possono fermare! Così come non si riuscirà mai a far smettere di fumare la gente, così non si potrà nemmeno fermare la condivisione di file, sia essa legale o meno...
          • prova123 scrive:
            Re: 18.000.000
            mi ricordo nel 1980 le radio libere e le compilation di canzoni ... ma non mi ricordo di internet o siti ftp .... eppure le cassette vergini a nastro magnetico se ne vendevano a fiumi ... che cosa avrà avuto mai tutta sta gente da registrare ... forse le riunioni condominiale ... bah
          • p4bl0 scrive:
            Re: 18.000.000
            - Scritto da: Mela avvelenata
            - Scritto da: Uno a caso

            P.S. In Italia c'erano milioni di persone che

            fumavano nei locali pubblici. Hanno tolto il

            cartello? No. Hanno levato le persone che

            fumavano!!

            Ah, che bello, così adesso nessuno fuma? No,
            fumano tutti per strada! Una rottura di
            cog***ni!!! Sinceramente preferivo prima...perché? qual è il problema?
            e così
            vogliono evitare che la gente scarichi dal web?
            Benone, così si tornerà allo scambio p2p
            (person2person). Ci sono cose che non si possono
            fermare! Così come non si riuscirà mai a far
            smettere di fumare la gente, così non si potrà
            nemmeno fermare la condivisione di file, sia essa
            legale o
            meno...
          • La nonna della SIAE scrive:
            Re: 18.000.000
            - Scritto da: Uno a caso
            No. Arrivo col Kalasnikov.questa si chiama dittatura però
          • prova123 scrive:
            Re: 18.000.000
            Attento ai cecchini appostati alle finestre. Prima di agire, sicuramente salverei la partita. Anche se con la moda dei checkpoint bisogna fare più attenzione. :D
          • Urukay scrive:
            Re: 18.000.000
            - Scritto da: Ozymandias
            Se due persone fumano sotto il cartello "divieto
            di fumare" gli fai la multa, se venti persone
            fumano sotto il cartello "divieto di fumare"
            chiedi loro di spostarsi, se duecento persone
            fumano sotto il cartello "divieto di fumare"
            togli il cartello (W.
            Churchill)mi hai preceduto... questa è una massima democratica che i nostri politicanti dovrebbero prendere seriamente a cuore!
          • La nonna della SIAE scrive:
            Re: 18.000.000
            e perchè mai? quella è una massima espressa da un libero democratico, i nostri politicanti non sono democratici
          • rik scrive:
            Re: 18.000.000
            si ma loro le sigarette le pagano!!!
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: 18.000.000

            si ma loro le sigarette le pagano!!!Ma ne diventano anche proprietari.Se tu mi vendi un film, il film diventa mio?
        • Fininsvest scrive:
          Re: 18.000.000
          non rubi la luce xke non la togli a nessuno a meno che non ti attacchi con il cavo :D
      • pocomolto scrive:
        Re: 18.000.000
        - Scritto da: ThEnOra
        Beh, sarei curioso di capire la % di italiani che
        non paga (evade) le tasse... applicando il tuo
        ragionamento dovremmo
        difenderli.

        Tutto ciò, per dirti: cambia argomentazione. So
        che puoi far di
        meglio.Infatti il problema delle tasse è uguale: Aliquote altissime 38, 40 % Tasse sempre sugli stessi: stipendi fissi case benzina aziende Nessun controllo o scarsi controlli su: commercianti (bar ristoranti negozi vari) medici artigiani (idraulici ecc...) Debolezza politica nel gestire seriamente il problema "(altrimenti i mariuoli non mi votano..)"Inutile essere ipocritila ricetta è perfetta per istigare all'evasione.
        • Guybrush scrive:
          Re: 18.000.000
          - Scritto da: pocomolto[...]
          Inutile essere ipocriti
          la ricetta è perfetta per istigare all'evasione.Peggio.Rende economicamente vantaggioso evadere le tasse.GT
          • La nonna della SIAE scrive:
            Re: 18.000.000
            ricordo pure di un certo Silvio che affermò anni fa che era un dovere morale evadere le tasse in uno Stato ad alta tassazione come il nostro
          • ahboh scrive:
            Re: 18.000.000
            - Scritto da: La nonna della SIAE
            ricordo pure di un certo Silvio che affermò anni
            fa che era un dovere morale evadere le tasse in
            uno Stato ad alta tassazione come il
            nostroSilvio Orlando, l'attore? Silvio Pellico, lo scrittore?oppure Silvio Berlusconi, l'operaio tessile cinquantenne morto mesi fa in montagna?
          • monocellula re scrive:
            Re: 18.000.000
            - Scritto da: ahboh
            - Scritto da: La nonna della SIAE

            ricordo pure di un certo Silvio che affermò
            anni

            fa che era un dovere morale evadere le tasse
            in

            uno Stato ad alta tassazione come il

            nostro

            Silvio Orlando, l'attore? Silvio Pellico, lo
            scrittore?
            oppure Silvio Berlusconi, l'operaio tessile
            cinquantenne morto mesi fa in
            montagna?: )
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: 18.000.000
            Se non ricordo male, c'era anche un Bill Gates condannato a morte per stupro e omicidio (omonimo dell'altro Bill Gates)
      • gerry scrive:
        Re: 18.000.000
        - Scritto da: ThEnOra
        Beh, sarei curioso di capire la % di italiani che
        non paga (evade) le tasse... applicando il tuo
        ragionamento dovremmo
        difenderli.Mica solo il suo :) <i
        e tasse sono giuste se al «33%, se vanno oltre il 50% allora è morale evaderle» </i
        (Berlusconi)http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2004/02_Febbraio/17/berlusconi2.shtmlAnche io sono convinto che se un CD costa più di 5 Euro è giusto scaricarlo :D(Non è per trollare, ma chiediamoci se non da un cattivo esempio)
        • rik scrive:
          Re: 18.000.000
          secondo me un audi dovrebbe costare 20000 euro non 50000 domani vado a rubarla alla concessionaria
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: 18.000.000
            Il solito esempio idiota...Ok: io sono il concessionario. Ho 20 audi nel negozio. Se dopo che sei passato tu, ne ho ancora 20, va tutto bene, altrimenti tu finisci in galera. Chiaro?
      • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
        Re: 18.000.000

        % di italiani che non paga (evade) le tasse...
        applicando il tuo ragionamento dovremmo difenderli.Le tasse servono per la <b
        collettività </b
        !Ritenta, sarai più fortunato... <b
        ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
        P-)
    • Dilling scrive:
      Re: 18.000.000
      Certo che aver controllato 18 milioni di persone per poi avere 10 persone che sono arrivati al 3 avvertimento e che quindi ora andranno da un giudice in un anno e mezza dall'approvazione della legge è sicuramente una grossa vittoria contro i Filesharers ahahahahahah, ma perché non ci dicono anche quanto tutto questo è costato alle major ed allo Stato?
    • Funz scrive:
      Re: 18.000.000
      - Scritto da: Guybrush
      Su 65.000.000 fa un bel 27% della popolazione.
      Piu' di un quarto della popolazione.
      Togli loro Internet.
      Vai, ecco come ti crolla un'economia.

      Prendo il popcorn e mi godo lo spettacolo.
      Il copyright è nocivo. Questa e' la dimostrazione
      empirica.2019 fuga da ParigiTrama: A fronte della piaga crescente della pirateria, il Governo francese ha recintato di alte mura tutta l'ile de France, rinchiudendovi 18 milioni di trasgressori. I quali però non se la passano tanto male, e passano tutto il tempo a guardare e scambiarsi film piratati. Al che il Governo decide di reclutare l'agente Iena Ruppolinski, ex spacciatore di DVD a noleggio e altri crimini, che in cambio della libertà dovrà penetrare nella città del peccato e tartassare i condannati con i suoi insopportabili discorsi :p
Chiudi i commenti