Centennial, Microsoft infila Office nella sandbox di Windows 10

Prime avvisaglie del progetto "bridge" pensato per far convergere il software per computer e lo Store del sistema operativo. Nuove informazioni (ufficiali) dovrebbero arrivare presto

Roma – Sullo Store di Windows 10 ha fatto la propria comparsa il primo frutto del Progetto Centennial, una delle tre iniziative “bridge” sopravvissute alla morte di Astoria che Microsoft dedica agli sviluppatori interessati a convertire app e software per il sistema operativo a finestre, piastrelle, cloud e aggiornamenti obbligatori.

Centennial dovrebbe fornire la possibilità di eseguire il porting del software W32 e delle applicazioni . NET in formato app universali (UWP), teoricamente in grado di girare indistintamente sulla versione per computer di Windows 10 così come su gadget Windows 10 Mobile e console videoludiche Xbox One.

Il primo esperimento con il bridge si è concretizzato nello store dell’OS sotto la dicitura “Centennial Office Test1”, e apparentemente rappresenta una (prima) versione UWP della suite Office 2016 per desktop/Win32; il download pesa 960 Megabyte, e al momento la suite in formato app non funziona, restituendo uno schermo bianco.

Project Centennial dovrebbe affiancare Web Bridge e Project Islandwood per la conversione rispettivamente di app in HTML5+JS e app per iOS, anche se al momento Microsoft non ha fornito aggiornamenti ufficiali significativi sui progressi dell’iniziativa.
Le attese si concentrano quindi sulla prossima conferenza BUILD.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti