Cento milioni di OpenOffice

di Fabrizio Bartoloni - Alla OOoCon 2009, i successi e gli insuccessi del progetto open source. L'Italia detiene il primato dei download. L'intervista al presidente PLIO Italo Vignoli
di Fabrizio Bartoloni - Alla OOoCon 2009, i successi e gli insuccessi del progetto open source. L'Italia detiene il primato dei download. L'intervista al presidente PLIO Italo Vignoli

“Cento Milioni”, questo il titolo scelto per l’edizione 2009 dell’ OOoCon , la conferenza annuale di OpenOffice.org svoltasi al 3 al 6 Novembre nei palazzi del centro storico di Orvieto, proprio a sottolineare l’importante traguardo di download dal rilascio della versione 3 di questa suite.

La migrazione ad OOo del Comune di Bologna è stato il primo dei casi studio in esame: un progetto privo di precedenti per dimensioni nel nostro paese in cui 3.600 PC coinvolti hanno dovuto far fronte a una licenza di Office97 giunta ormai a fine vita. “Avremmo dovuto comprare altrettante nuove licenze a prezzo pieno, 300 euro l’una, invece migrare ad OpenOffice 2.4.2 l’intero parco macchine è stato possibile spendendo un totale di 80mila euro in due anni suddivisi tra una borsista della locale università e la consulenza e formazione da parte di Yacme , una azienda privata del campo OSS” ci spiega al termine del suo intervento l’Ing. Massimo Carnevali, responsabile ICT del capoluogo felsineo. “Il Comune ha speso 580mila euro di licenze software nel 2006, le previsioni per il 2010 sono di 400mila euro grazie all’open source” aggiunge. Una metà delle workstation ha compiuto una transizione completa, delle restanti, complice la ragnatela di circa seicento applicativi in gioco (Lotus Domino, SAP etc), 900 hanno dovuto optare per la coesistenza delle due soluzioni e in altre 900 c’è stato un upgrade parziale (Office97 è installato ma invisibile all’utente). Per fine anno si prevede di completare il processo transitivo una volta risolte le dipendenze binarie dalle DLL di Domino e dalle funzioni peculiari di MS Office. Anche l’opera di formazione del personale sul nuovo pacchetto di ufficio sembra aver dato frutti positivi, il sistema di feedback su un campione di 300 dipendenti comunali ha rilevato un tasso di gradimento compreso tra 3.5 e 4 su un massimo di 5. Il piano successivo, nelle intenzioni di Carnevali, è di migrare anche il sistema operativo ad una soluzione open source, nella fattispecie Linux.

Il secondo caso studio si svolge a Roedovre, città danese di meno di 40mila abitanti. La municipalità si trova ad abbandonare Office 2003 in maniera graduale, la gestione dei documenti passa da una forzata integrazione tra MS Word e Notes in cui si può gestire solo un documento alla volta, dove troppi messaggi di errore affollano lo schermo e la pubblicazione online avviene manualmente. Leif Lodahl, project manager a Magenta ApS e coordinatore per la Danimarca di OOo, ne racconta la dinamica: “Siamo partiti dalla soluzione dei problemi, abbiamo creato una applicazione dummy il cui unico scopo fosse di mostrare come li avevamo risolti e quali migliorie avessimo apportato. 300 template sono stati convertiti, sono state create estensioni e configurazioni personalizzate, inoltre ora Notes e OpenOffice.org sono ora molto più vicini di quanto accadesse col vecchio pacchetto Microsoft. L’esperienza utente è migliorata quanto la produttività, sono spariti i messaggi di errore e i documenti sono al sicuro dal rischio di sovrascrizione involontaria”. Questo in 1-2 anni allocando 180mila euro di spesa.

Chi invece è dovuta tornare sui suoi passi è stata l’ Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica . Massimiliano Falcinelli, systems engineer presso la stessa, riferisce di un ambiente quantomeno sui generis con uffici e laboratori sparsi su tutto il globo attraverso ogni fuso orario, necessità di reazione tempestiva ai problemi e di sicurezza massima cui sinora solo la casa di Redmond sembra poter rispondere con una assistenza adeguata, nonostante le direttive generali delle Nazioni Unite, da cui l’AIEA dipende, impongano di adottare l’OSS ovunque sia possibile. Se aggiungiamo l’ostilità degli scienziati coinvolti renitenti al cambiamento, abbiamo OpenOffice installato su davvero poche postazioni in ambiti molto limitati e marginali. Nei quattro giorni dei lavori congressuali gran parte degli interventi era ad uso e consumo degli sviluppatori, eppure non sono mancati spunti d’interesse per il vasto pubblico di utenti. Abbiamo incontrato Italo Vignoli, responsabile marketing di OpenOffice.org e presidente PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org, rivolgendogli alcune domande.

PI: Questo è il primo OOoCon dopo l’acquisizione da parte di Oracle, ciò ha comportato qualche cambiamento finora?
Italo Vignoli: No, o meglio, non ancora, l’Unione Europea ha al momento congelato tutto per ragioni di antitrust come ben sapete ma la dichiarazione d’intenti rilasciata ad aprile di voler aumentare l’investimento nel nostro progetto ci fa ben sperare.

PI: Da un lato OOo lotta per garantire la massima compatibilità con MS Office, dall’altro sembra voler cercare una propria identità, distinguendosi grazie a soluzioni originali ( OpenOfficeMouse , OOo4Kids o le varie incarnazioni semi-proprietarie): in che modo sta riuscendo o meno in quest’ultimo compito?
IV: È doveroso distinguere tra la comunità e l’azienda. Tra le attività collaterali Renaissance e Performance sono nate all’interno della comunità, mentre RedFlag e IBM Lotus Symphony sono cresciute grazie ad un apporto misto delle multinazionali IT e dei volontari e non rappresentano per forza il senso evolutivo di OpenOffice, il discorso è ancora più vero se parliamo di OOo4Kids nato da un solo personaggio che non gode di grande popolarità all’interno della comunità, anche perché vuole imporre le sue idee al resto del mondo (e quando c’è riuscito ha creato dei danni che nel caso della versione nativa per Mac sono ancora visibili). Si formano delle fazioni contrapposte tra loro che insistono per inserire il loro codice nel fork principale senza prima seguire i protocolli ufficiali di sviluppo mettendo a rischio la stabilità dell’intera suite.

PI: Qual è la situazione di OOo in Italia?
IV: Non è un caso che Orvieto abbia battuto Pechino ed Helsinki nella lizza per aggiudicarsi l’OOoCon 2009, stranamente (sic, ndr) l’Italia è il paese dove è più diffuso. Siamo l’unica nazione in cui i suoi download superano il numero di PC venduti, ben otto milioni di copie scaricate, superando quindi il 10 per cento dei parlanti il nostro idioma quando lingue molto più diffuse a livello internazionale quali francese e tedesco sono ferme all’8 per cento. A Settembre abbiamo toccato il record sfondando quota 855.000 in un mese.

PI: Quali sono i rapporti con Microsoft, data la presenza di loro rappresentanti all’evento, Pier Paolo Boccadamo (Platform Strategy Director, ndr) tra il pubblico e Doug Mahugh tra i relatori?
IV: Tra PLIO e Microsoft vige il rispetto reciproco, una condizione che ha attirato accuse di collaborazionismo da parte dell’area più estremista del progetto. All’atto pratico un muro contro muro riguardo l’interoperabilità dei formati e temi simili non giova a nessuna delle due parti in causa e men che meno all’utenza, la prima ad esserne danneggiata. Le polemiche sorte attorno agli errori supporto ODF in MS Office su cui tanto si sono imbufaliti esponenti di aziende ed enti internazionali, pronti a gridare al sabotaggio, non ci trovano concordi, sarebbe contro il loro interesse mutilare la propria suite.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti