C'era acqua su Marte

Uno dei rover marziani identifica una composizione rocciosa a base argilla. Segno della presenza di acqua nel passato del pianeta. E dove c'è acqua, spesso, c'è anche vita
Uno dei rover marziani identifica una composizione rocciosa a base argilla. Segno della presenza di acqua nel passato del pianeta. E dove c'è acqua, spesso, c'è anche vita

Opportunity ne ha fatta un’altra delle sue, e la nuova impresa consiste nello scovare una roccia argillosa subito battezzata “Esperance” da NASA e compatibile con la presenza di condizioni ideali per la vita in un passato remoto di Marte. Il rover a zonzo da 9 anni sul pianeta aveva in precedenza individuato sedimenti di gesso , e la nuova scoperta non fa che confermare le speculazioni degli scienziati statunitensi.

Su Marte c’è gesso, carbonio e ora anche argilla: la videocamera a bordo di Opportunity conferma come Esperance sia stata chiaramente modellata e alterata dal passaggio di copiose quantità di acqua, con caratteristiche e segni che i ricercatori NASA hanno qualificato come “possibilmente favorevoli alla vita”.

“L’acqua che si è mossa attraverso le spaccature nel corso della storia di questa roccia – ha dichiarato il lead investigator di NASA Steve Squyres – avrebbe garantito condizioni maggiormente favorevoli ai processi biologici di qualsiasi altro ambiente umido archiviato nelle rocce”.

Su Marte NASA continua a fare nuove scoperte, mentre sulla Terra gli archivisti rinvengono esemplari di rocce e polvere lunari vecchi di 40 anni: una serie di fiale risalenti alla storica missione Apollo 11 è stata identificata nei magazzini del Lawrence Berkeley National Laboratory, probabile lascito di ricerche scientifiche compiute in passato e che ora verrà rispedito al mittente (cioè NASA) in attesa di nuove occasioni di studio.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 05 2013
Link copiato negli appunti