CES 2014/ Asus lo fa strano

Il produttore taiwanese presenta i suoi nuovi dispositivi tra PadFone maxi e mini, smartphone con CPU Intel e convertibili. Nel mobile non si butta via niente, nemmeno Windows 8
Il produttore taiwanese presenta i suoi nuovi dispositivi tra PadFone maxi e mini, smartphone con CPU Intel e convertibili. Nel mobile non si butta via niente, nemmeno Windows 8

I tempi sono quello che sono ma Asus pensa a investire in nuovi gadget avanzati, e una parte significativa delle novità che la casa taiwanese ha in serbo per gli utenti la si è vista al CES 2014 con il debutto di nuovi PadFone smartphone x86 e chi più ne ha più ne metta.

Il PadFone, tanto per cominciare, si fa in due: il bizzarro ibrido smartphone-tablet (dove il tablet è un guscio che fa da schermo esterno all’hardware del telefonino inserito sul retro) si guadagna l’esclusiva americana con AT&T e diventa PadFone X , dispositivo che tra le altre cose dovrebbe essere il primo gadget Voice over LTE (VoLTE, chiamate vocali via linea dati 4G) commercializzato dal provider a stelle e strisce.

PadFone X si installa in uno schermo HD da nove pollici e fa girare Android 4.4 “KitKat”, mentre il nuovo PadFone mini gioca al ribasso con le specifiche del modello mini già presente sul mercato e fa uso di un dock-display esterno da 7 pollici. La versione di Android è in questo caso la 4.3.

Anche la linea di smartphone ZenFone fa girare Android, ma le CPU impiegate in questo caso sono i SoC Atom di Intel: i tre terminali sono accomunati dall’architettura x86 e da una nuova interfaccia chiamata ZenUI (presente anche su PadFone mini), mentre per le specifiche si va dalla CPU Atom Z2520 a 1,2GHz di ZenFone 4 al processore Atom a 2GHz di ZeFone 5 e ZenFone 6. Il modello extra-lusso comprende una fotocamera da 13 megapixel, il prezzo è ancora tutto da scoprire.

E Windows? Al CES 2014 Asus aveva novità in serbo anche per il nuovo OS piastrellato di Redmond, e la prima di queste novità è il convertibile laptop-tablet Transformer Book : dotato di CPU fino a Core i7 e display ISP Full HD da 13,3 pollici, il dispositivo si può usare in modalità mobile (Android) o modalità PC (Windows 8) scegliendo uno dei ambienti disponibili con la semplice pressione di un tasto. La tastiera-dock inclusa fornisce un ulteriore sottosistema di storage magnetico da 1 Terabyte oltre all’SSD da 128 Gigabyte integrato nel tablet.

Per quanto riguarda i sistemi Windows 8 “puri”, infine, Asus ha svelato VivoTab Note 8 : il tablet x86 è dotato di uno schermo da 8 pollici, una CPU Atom Z3740, 2 Gigabyte di RAM, fino a 64 Gigabyte di storage e una stilo digitale Wacom. Assente una qualsivoglia uscita HDMI, in compenso il prezzo è popolare sia per il modello da 32 Gigabyte (299 dollari) che per quello da 64 GB (349 dollari).

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 01 2014
Link copiato negli appunti