CES 2014/ La tecnologia veste bene

Il mercato dei gadget wearable è ad un bivio: o il boom o la bolla. A Las Vegas sfilano prodotti di ogni foggia

Roma – Una delle visioni del futuro che sembrano sempre più concrete è quella che parla di innesti, tecnologia da indossare e metallo cromato: in una sola parola, cyberpunk. In particolare il Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas 2014 si è aperto all’insegna di quella categoria di prodotti definiti wearable indossabili – che sono pensati per integrare la tecnologia con il corpo e quindi nella vita dei singoli utenti , così come sta tentando di fare Mountain View con i suoi Google Glass.

D’altronde, che siano smartwatch, occhiali intelligenti o altri tipi di indumenti dotati di sensori ed integrati a dispositivi di controllo, il mercato della wearable technology è considerato tra i più redditizi del prossimo futuro: secondo una nuova ricerca condotta da Forrester il settore sta vivendo un vero e proprio boom che, se non si dissolverà come una bolla di sapone, è destinato a rendere la nuova tecnologia presto determinante nella vita delle persone. Secondo J.P. Gownder di Forrester “entro il 2020 sarà la normalità per gli impiegati di molte imprese”. E secondo una ricerca di Juniper , per i prossimi quattro anni si tratterà di un mercato da quasi 20 miliardi di dollari.

D’altra parte le potenzialità sono assolutamente grandissime: anche perché si tratta di un campo inesplorato e vastissimo, che va – partendo dal basso – dalla suola FootLogger sviluppata della sud-coreana 3L che, grazie ad otto sensori di pressione e tre accelerometri collegati via Bluetooth al dispositivo, permette di monitorare corsa e camminata dell’utente, fino alla start-up i4C Innovations che ha presentato Voyce , un collarino per controllare la salute del proprio cane .

Parlare di boom e di bolla, poi, non deve sembrare esagerato anche per quanto visto già solo nelle prime ore del CES: solo per quanto riguarda gli smartwatch sono già dieci le aziende che si sono fatte avanti con una propria offerta da polso, tra cui Burg Limited , Cookoo , Sonostar , Kronoz , Metawatch e Neptune Pine .
Non sono d’altronde solo piccole (e semi-sconosciute) aziende a tastare il polso del nuovo mercato: Qualcomm dovrebbe essere pronta con il suo Toq, così come Sony, LG, Epson ed Intel, nonché aziende che partono dal business delle tecnologie sportive come Garmin.

LG ha infatti presentato la fascetta da polso LG Lifeband Touch e le cuffie LG Heart Rate Earphones : non spingendo troppo sull’acceleratore, LG con entrambi i prodotti si limita ad offrire soluzioni destinate al fitness e al monitoraggio cardiaco e dell’attività sportiva , da collegare via Bluetooth con app, smartphone e cardiofrequenzimetro esistenti.

usb

Nella stessa direzione hanno deciso di correre anche Epson, Garmin e Sony, ognuna con un proprio braccialetto tecnologico con connessione Bluetooth: la prima ha lanciato Pulsense; la seconda Vívofit, che – a partire da 130 dollari – offre diverse funzioni di controllo, tra cui una barra rossa che avverte il possessore se non fa una regolare attività sportiva (o anche solo una camminata per spezzare la sedentarietà quotidiana); la terza Core, una fascetta per il monitoraggio fitness che arriverà in primavera sul mercato: collegata ad un’apposita app chiamata Lifelog, Sony intende farne una piattaforma aperta, puntando in questo senso allo sviluppo di un vero e proprio ecosistema.

Per quanto riguarda gli smartwach, poi, Pebble , startup già in grado di ottenere dieci milioni di dollari su Kickstarter, ha presentato Steel, nuovo modello in metallo che dal 28 gennaio sarà in vendita a 259 dollari (cento dollari in più del primo Pebble).

usb

Fra gli occhiali intelligenti, poi, al CES sono stati presentati anche i GlassUp di Vuzix che proiettano semplici righe di testo (ricette, tweet, email, indicazioni stradali ecc.) direttamente sulla propria visuale, evitando così il problema di sguardo perso nel vuoto che ha finora generato qualche ironia nei confronti dei Google Glass. Anche Epson si lancia sul mercato degli smart glass, esordendo così nel mercato wearable sia con un braccialetto che con gli occhiali: il suo prodotto si chiama Moverio BT-100 e, per 700 dollari, offre supporto Bluetooth, collegamento con Android 4.0, Dolby Digital Plus e sensori per il movimento della testa.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Marco Ravich scrive:
    Sono degli idioti !
    Ma perché - visto che tanto sta morendo - non lo fanno diventare open source ?Vedi mai che possa sopravvivere/rivitalizzarsi !
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: Sono degli idioti !
      - Scritto da: Marco Ravich
      Ma perché - visto che tanto sta morendo - non lo
      fanno diventare open source
      ?
      Vedi mai che possa sopravvivere/rivitalizzarsi !Evidentemente non c'è nessun vantaggio per Nokia/Microsoft nel rendere Symbian open source. Inoltre esistono già diversi OS mobile open source, dunque non avrebbe nemmeno tanto senso...
      • alro scrive:
        Re: Sono degli idioti !
        Symbian è Open Source in quanto Nokia lo ha donato alla Symbian Foundation. Non è però al momento supportato da nessun costruttore di hardware
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: Sono degli idioti !
          - Scritto da: alro
          Symbian è Open Source in quanto Nokia lo ha
          donato alla Symbian Foundation. Non è però al
          momento supportato da nessun costruttore di
          hardwareAh, interessante, non ne ero al corrente...allora ciò significa che Symbian non ha proprio futuro!
          • alro scrive:
            Re: Sono degli idioti !
            Ni. In realtà sta continuando a vivere sotto mentite spoglie nei cellulari della serie Asha, sempre della Nokia. Comunque è vero che ha, secondo me, imboccato la strada dell'oblio
          • Fai il login o Registrati scrive:
            Re: Sono degli idioti !
            In fondo è un peccato, la mia esperienza è che era un sistema affidabile e che richiedeva pochissime risorse.
          • Eugenio Guastatori scrive:
            Re: Sono degli idioti !
            - Scritto da: alro
            Ni. In realtà sta continuando a vivere sotto
            mentite spoglie nei cellulari della serie Asha,
            sempre della Nokia. Comunque è vero che ha,
            secondo me, imboccato la strada
            dell'oblioEcco appunto, lui continua a vivere su una serie di cellulari ancora in vendita, però lo store ufficiale chiude. Che dire ? In perfetto stile Nokia ... anzi no ... lo stile sarà perfetto quando dopo aver chiuso lo store venderanno un nuovo modello rivoluzionario con Symbian.
          • alro scrive:
            Re: Sono degli idioti !
            Io sono cliente Nokia da parecchi anni e non mi pare che come azienda sia così scalcinata verso i clienti. Hanno toppato con gli smartphone ed hanno abbandonato symbian per cercare di recuperare il terreno perduto. E comunque lo store ufficiale non chiude: non pubblicano più gli aggiornamenti alle app attualmente presenti sullo store
          • Eugenio Guastatori scrive:
            Re: Sono degli idioti !
            - Scritto da: alro
            Io sono cliente Nokia da parecchi anni e non mi
            pare che come azienda sia così scalcinata verso i
            clienti.Non sono scalcinati, sono così schizofrenici che non hanno rispetto nei confronti dei clienti e specialmente degli sviluppatori.C'è gente che ha speso migliaia di euro e centinaia di ore per produrre software per teminali con una durata sul mercato di meno di un anno, poi doveva ricominciare tutto da capo e ricertificare tutto.Ogni modello diverso, basato sul concetto che tutto il resto non esisteva.Al cliente arrivava di tutto, hanno cambiato più volte il software e tutte le volte c'erano versioni completamente differenti per MAC e Windows con limitazioni di ogni tipo e ovviamente non era nemmeno lontanamente pensabile farlo funzionare su Linux, in un upgrade del FW di due anni fa di un S40 mi sono ritrovato il client per il Lotus Note preinstallato.Adesso con Microsoft hanno migliorato, almeno sono chiari, da una parte i Lumia, e dall'altra gli ASHA che hanno il famoso supporto Java che forse era l'unico nel panorama dei telefoni del tempo che funzionava veramente bene (la maggior parte delle API ufficiali le hanno realizzate loro). Poi gli ASHA non so come sono ma a vederli così sembrano molto più plasticosi dei vecchi modelli, non so come renda la batteria e come siano in ricezione. Non vorrei che per abbassare i costi, abbiano fatto una joint venture con la NOKlA quelli che producevano i famosi dual sim con ricevitore tv analogico e antenna telescopica incorporata.
          • alro scrive:
            Re: Sono degli idioti !
            Questo non lo sapevo .... Io adesso ho un Lumia 625 e non è male anche se non è certo perfetto. Gli Asha li conosco poco anche io e mi pare proprio che siano pensati per mercati emergenti e non certo come top di gamma
        • Eugenio Guastatori scrive:
          Re: Sono degli idioti !
          - Scritto da: alro
          Symbian è Open Source in quanto Nokia lo ha
          donato alla Symbian Foundation. Non è però al
          momento supportato da nessun costruttore di
          hardwareVeramente, cercando Symbian Foundation, trovi come sito ufficiale questa pagina :http://licensing.symbian.org/Nella quale a metà c'è il link a :http://symbian.nokia.comche ti dice che sono chiusi dal 2012.Se poi tu riesci a darmi un link del codice Symbian potrebbe essere interessante almeno capire alcuni trucchi, visto che era un ottimo sistema operativo per i micro senza MMU ... ma dov'è ?
          • alro scrive:
            Re: Sono degli idioti !
            Mi sa che sono rimasto un po' indietro. Inizialmente Nokia aveva dichiarato di voler rendere symbian open source (vedi http://www.macitynet.it/Nokia_compra_Symbian_e_la_trasforma_in_progetto_open_source/ che è del 2008). Ma poi ci devono aver ripensato in quanto la piattaforma non è diventata open source ma aperta solo per le aziende che vi volevano partecipare.Non credo quindi che si trovino i sorgenti in rete :(
          • Leguleio scrive:
            Re: Sono degli idioti !

            Mi sa che sono rimasto un po' indietro.
            Inizialmente Nokia aveva dichiarato di voler
            rendere symbian open source (vedi
            http://www.macitynet.it/Nokia_compra_Symbian_e_la_Qui si spiega che la Nokia aveva usato un'espressione infelice: intendeva dire "open for businnes", non "open source":http://www.osnews.com/story/24622/Nokia_Symbian_Is_Not_Open_SourceÈ un fraintendimento che ha fatto il giro del mondo, tradotto in un centinaio di lingue. Aggiungo che la mania di chiamare "open" ciò che è "open source" crea fraintendimenti quasi ogni giorno. Paura di consumarsi le dita a digitare sei lettere in più, e la barra spaziatrice? Mah....
          • nome e cognome scrive:
            Re: Sono degli idioti !
            - Scritto da: alro
            Mi sa che sono rimasto un po' indietro.
            Inizialmente Nokia aveva dichiarato di voler
            rendere symbian open source (vedi
            http://www.macitynet.it/Nokia_compra_Symbian_e_la_Già, il fatto che tutti i dipendenti nokia coinvolti in symbian siano stati assunti da Accenture in un accordo di outsourcing la dice lunga sulla strategia.
    • anverone99 scrive:
      Re: Sono degli idioti !
      - Scritto da: Marco Ravich
      Ma perché - visto che tanto sta morendo - non lo
      fanno diventare open source
      ?
      Vedi mai che possa sopravvivere/rivitalizzarsi !appunto per quello
    • nome e cognome scrive:
      Re: Sono degli idioti !
      - Scritto da: Marco Ravich
      Ma perché - visto che tanto sta morendo - non lo
      fanno diventare open source
      ?
      Vedi mai che possa sopravvivere/rivitalizzarsi !E cosa gliene frega?
  • Commodore94 scrive:
    Bei tempi!
    Non scorderò mai il mio primo telefono "moderno". Un N70 che mi fece sognare. Gli installai persino Wolfenstein 3D e un lettore di file SID.In scuola nella mia classe su 16 persone 7 avevano l'N70!
  • ruppolo scrive:
    "La fine di Symbian è prossima!"
    Dal Gazzettino Informatico del 7 Gennaio 2007.
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: "La fine di Symbian è prossima!"
      - Scritto da: ruppolo
      Dal Gazzettino Informatico del 7 Gennaio 2007.2010: la fine di flashhttp://www.juliusdesign.net/9335/html5-e-davvero-la-fine-di-adobe-flash-sondaggio/ed infatti ancora oggi ci sono siti che lo usano...
Chiudi i commenti