Chi ha paura dell'anarchia del web?

Il Presidente della Camera Laura Boldrini non ha mai parlato di leggi speciali per limitare l'anarchia online. Eppure ci si muove verso nuove misure di sorveglianza, con le nuove volanti cibernetiche

Roma – Nelle recenti dichiarazioni del Presidente della Camera Laura Boldrini, lo sconfinato ecosistema di Internet rischia di produrre un pericoloso effetto valanga con la facile moltiplicazione di messaggi minatori a sfondo sessuale. Se il web è vita reale, con la produzione di effetti reali, ciò che accade in Rete non deve essere considerato meno rilevante di quello che accade per le strade. Divampato il fuoco delle polemiche, Boldrini non ha mai avanzato quella che negli ultimi giorni si è rivelata la vera proposta della discordia: fermare “l’anarchia del web” con il pugno della legislazione speciale .

“Grazie per la solidarietà – ha cinguettato il presidente in riferimento ai messaggi ricevuti dopo le polemiche per il tenore della sua intervista – Mai parlato di anarchia o nuova legge per il web. Obiettivo è arginare la violenza contro le donne, anche in rete”. La stessa conduttrice dell’intervista, la giornalista Concita De Gregorio, ha sottolineato su Twitter come, in effetti, i contenuti andassero letti e non soltanto guardati. “Erano forzati i titoli – ha spiegato De Gregorio – ma nelle parole di @lauraboldrini non c’era nessuna accusa al web, anzi. Molto attenta, in ascolto”.

Dunque, “nessuna accusa al web, anzi”. A dispetto del titolo scelto da La Repubblica Boldrini: “Io minacciata di morte ogni giorno. Non ho paura ma stop all’anarchia del web” – l’attuale Presidente della Camera non ha mai affermato di voler predisporre una task force legislativa per regolamentare l’ecosistema connesso. Eppure, il nuovo Presidente del Senato Piero Grasso ha già ribadito la necessità di “leggi che proteggano dal web”. “Si devono avere delle leggi che colpiscano i reati commessi attraverso il web, di qualsiasi tipo – ha chiarito Grasso – dall’insulto alla minaccia, dall’ingiuria alle cose anche più gravi. Però occorre che ci sia una legge nazionale, ma soprattutto una volontà internazionale”.

Dopo l’intervista rilasciata da Boldrini a La Repubblica , il professore e giurista Stefano Rodotà ha invitato l’opinione pubblica ad un approccio più equilibrato: “C’è da dire che prima di parlare di una normativa speciale, bisognerebbe fare una ricognizione di tutte le leggi esistenti per verificare se servano o meno delle modifiche per Internet – ha spiegato Rodotà all’ Huffington Post – Sono convinto che vale sempre la vecchia regola per cui quello che è illegale offline, è illegale anche online”.

Se il web non rappresenta affatto un porto franco – “chiunque è soggetto alle stesse regole che valgono nella realtà quotidiana, per la diffamazione, le ingiurie, le minacce e via dicendo esiste il codice penale”, ha spiegato Rodotà – alcune fattispecie sono già coperte dalla legge Mancino, invocata dalla stessa Boldrini a proposito dell’incitamento al razzismo e all’odio razziale su web. Se poi si passa all’ attacco hacker contro i parlamentari cittadini di M5S, l’allarme è cresciuto a dismisura.

Annunciate dal comandante della Polizia postale e delle comunicazioni Antonio Apruzzese, le volanti di Internet piomberanno in caso di chiamata attraverso un pulsante predisposto sul portale del Commissariato della Polizia di Stato , proprio come avviene chiamando il 113 nella vita al di là della tastiera. “Pensate alle volanti che girano per le strade. Ecco, funzionerà così – ha spiegato Apruzzese – Nasceranno delle volanti anche per Internet, la polizia girerà sul web e monitorerà i social network pronta ad intervenire contro gli abusi, le diffamazioni, i falsi profili”.

Insomma, basterà cliccare su una piccola icona per inviare una segnalazione per un eventuale scippo digitale, dal momento che lo stesso comandante Apruzzese ha riconosciuto la particolare gravità dei reati legati al furto d’identità online . “Questi criminali del web sono sempre più bravi a infettare computer e telefonini – ha continuato Apruzzese – hanno scoperto armi micidiali come il virus Zeus e il BotNet, Robot Network, con cui possono controllare milioni di apparecchi, intere mandrie”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gingle scrive:
    Anche qui
    Caspita, si sperava di non trovare tanta colpevole ignoranza, pregiudizi, antisemitismo, mai morti da hitler in poi. Brutta storia.
    • G. Almansi scrive:
      Re: Anche qui
      I muri si fanno per difendersi da chi ci vuole attaccare. Lo scopo infatti è stato raggiunto, da quando il muro esiste gli attacchi suicidi sono diminuiti del 70%. Certo che i palestinesi non hanno fatto muri, Israele attacca solo per autodifesa quindi se non subisce attentati non ha nessun interesse a colpire.
      • Gingle scrive:
        Re: Anche qui
        Discorso ineccepibile; tra l'altro, ascoltando altre fonti, gli attacchi terroristi palestinesi sono diminuiti più del 90% : molte vite umane salve, molte famiglie che possono fare la loro vita in santa pace, senza essere dilaniati o sgozzati insieme ai loro figli di pochi mesi. Ma il grande problema è di chi è cieco e sordo ideologicamente, oltre che ad essere un grande ignorante, che beve tutto quello che gli propina la propaganda goebbelsiana. Infatti non c'è peggior individuo che non voglia ragionare, ammorbato -per di più- dall'antisemitismo, mai sepolto.
  • R.P. scrive:
    leggi sotto
    palestina XXXXX
  • pietro scrive:
    i muri
    io mi chiedo:ti fai un muro all'inerno di casa tua?no il muro lo fai al confine, con un muro si sottointende che di là c'è uno stato e di qua ce n'è un altro e il muro non lo hanno mica fatto i palestinesi.
  • iso and standard scrive:
    in realta'
    In realta' e' l'ISO 3166 che ha cambiato la definizionedi "Palestina".. e google usa i codici standard internazionaliISO3166 per definire le localizzazioni del suo portalehttp://www.iso.org/iso/country_codes
  • ndr scrive:
    ...
    "...le aziende private non dovrebbero intromettersi nella politica internazionale..."...e vice versa.
    • tucumcari scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: ndr
      "...le aziende private non dovrebbero
      intromettersi nella politica
      internazionale..."

      ...e vice versa.Già si potrebbe comunque sempre chiedersi cosa c'entrassero AT&T e Anaconda col colpo di stato contro Allende in cile....E come mai i petrolieri non siano mai stati dei fans di Chávez...La Halliburton era del tutto contraria all'intervento in Iraq... :DE (giacche ci siamo) è del tutto evidente che L'industria bellica (israeliana e non) che fa miliardi a palate col conflitto tifi sicuramente per un proXXXXX di pacificazione tra israeliani e palestinesi...Chi dice mai che le corporation fanno politica? :DBabbo natale lo ho visto ieri l'altro assieme a biancaneve e i sette nani e tutti assieme mi hanno assicurato che cicciolina è vergine e Calvi si è suicidato sotto il ponte dei frati neri.
      • ndr scrive:
        Re: ...

        Chi dice mai che le corporation fanno politica?
        :DIo ho forse detto il contrario?
        Babbo natale lo ho visto ieri l'altro assieme a
        biancaneve e i sette nani e tutti assieme mi
        hanno assicurato che cicciolina è vergine e Calvi
        si è suicidato sotto il ponte dei frati
        neri.Una cosa mi è venuta in mente, appena ho letto questo articolo: "Vedrai che al primo commento che non solidarizza con Israele partono le reazioni isteriche".In un mondo in cui chiunque esprime idee diverse da quelle di Israele viene etichettato come "il male"...c'è ben poco da star tranquilli. Non certo per "il male", quanto piuttosto per il buonismo qualunquista che circonda i poveri agnelli innocenti israeliani.
        • R.P. scrive:
          Re: ...
          guarda che è esattamente il contrario, secondo l'opinione pubblica falso-moralista benpensante buonista ecc., funziona così:israele = male, a prescinderepalestina = bene, a prescindere, con un'altra uguaglianza: terrosisti=eroi
          • Mortez Kurtizlava scrive:
            Re: ...
            Dove l'hai visto questo film?
          • Fredo scrive:
            Re: ...
            Si gli israeliani sono così buoni che ogni tanto uccidono un migliaio di palestinesiIn fondo e meglio che non si riproducano molto , Sai in futuro a forza di insediamentiNei territori occupati devono espandere i loro territori.Allora viva Israele e gli usa e abbassò i palestinesi delinquenti
      • andrea c. scrive:
        Re: ...
        Che le corps fanno politica, lo dice il trattato di Lisbona.E lo documentò Paolo Barnard.http://www.youtube.com/watch?v=AZl_zxjeYKc
Chiudi i commenti