Chip cerebrale, si può fare

Ricercatori confermano: un sistema di elettrodi pensato per interfacciare cervello e computer è in grado di funzionare senza problemi per un lungo periodo. La sperimentazione ha avuto successo

Roma – BrainGate , il sistema hardware-software di interfacciamento tra cervello e computer in via di sperimentazione da anni su pazienti incapacitati a usare braccia e gambe, è in grado di funzionare senza problemi per un lungo periodo di tempo. Gli elettrodi non vengono rigettati dalla materia grigia con cui sono a contatto diretto , anche se resta da perfezionare il livello di efficienza dell’apparato.

I ricercatori della Brown University hanno pubblicato i risultati di uno studio su “S3”, una paziente affetta da tetraplegia sin dalla metà degli anni ’90 e incapacitata a usare braccia, gambe e corde vocali in seguito a un attacco apoplettico che ha danneggiato le terminazioni nervose del midollo allungato.

La donna partecipa alla sperimentazione di BrainGate dal 2005, e lo studio recentemente pubblicato svela che il sistema di elettrodi applicato alla materia grigia del suo cervello ha continuato a funzionare ininterrottamente per ben 1.000 giorni . Questa è la dimostrazione dell’efficacia della tecnologia, dicono gli ingegneri.

BrainGate è in grado di leggere le trasmissioni sinaptiche scambiate dai neuroni del cervello – trasmissioni che in condizioni normali dovrebbero portare all’esecuzione di movimenti nei muscoli o all’articolazione di parole – e trasformarle in movimenti del cursore su uno schermo di computer.

I ricercatori dicono che l’impianto ha funzionato senza problemi per 1.000 giorni, ma il numero di elettrodi funzionanti è diminuito dopo i primi sei mesi dall’impianto dell’apparato. Si tratta di un semplice problema tecnico ampiamente superato con miglioramenti ingegneristici alla tecnologia , dicono quelli della Brown, la sostanziale compatibilità di questa avveniristica interfaccia uomo-macchina è provata e resta l’ambizioso obiettivo di fornire ai pazienti inabilitati le stesse capacità di usare un mouse di una persona “normale”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • BLah scrive:
    Itune
    Perché scegliere un nome così simile? Pensano di attrarre clienti o essere più di moda? Microsoft, le tue scelte di marketing a volte proprio non le capisco.
  • lol scrive:
    leggendo fra le righe
    m$ ha dichiarato che un pc windows costa più di 700$ in un anno per la sola assistenza.ovviamente nessuno ci fa caso...contando i costi di obsolescenza e le licenze per tutto, pittosto faccio usare agli utenti haiku.
    • Anonymous scrive:
      Re: leggendo fra le righe
      - Scritto da: lol
      m$ ha dichiarato che un pc windows costa più di
      700$ in un anno per la sola
      assistenza.
      ovviamente nessuno ci fa caso...
      contando i costi di obsolescenza e le licenze per
      tutto, pittosto faccio usare agli utenti
      haiku.Mai avuti costi così alti per l'assistenza. Certo se ti affidi all'outsourcing, è abbastanza normale, considerando la speculazione e tutti i mangia-soldi-chiacchieroni che devono essere alimentati, formattando uindos ed installando 2 driver.
  • Rocco Vecchio scrive:
    con la testa tra le nuvole
    si. so di cosa sto parlando, almeno io. il concetto resta e rimane la differenza di cosa è PMI in italia e cosa lo è fuori dai nostri confini. iniziative come queste, puramente commerciali, danno l'idea che Microsoft, in buona compagnia di altri big del settore, non hanno compreso cosa siano esattamente le PMI italiane e le loro necessita in ambito IT. Qui in italia si lotta per avere una connettività decente in molti distretti industriali, come si fa a pensare di spostare tutto "fuori", "tra le nuvole".. Per non parlare della a volte esagerata ma onestamente inappuntabile questione del "a chi sto affidando i miei servizi?"!!La caratteristica tutta italiana del voler "umanizzare" ad ogni costo le relazioni è una delle principali motivazioni di sfiducia verso tutto quello che "non si vede".. Non è solo il clouding computing a non affascinare le PMI italiane. Comunque anche l'aspetto costi, per le PMI all'italiana, ribadisco, non è trascurabile. LA fortuna di BigM ed altri sta nel fatto che grazie alla assenza di politiche industriali dei nostri governi di questi ultimi anni, sottolineo TUTTI, le PMI in italia sono in via di estinzione.. Così Microsoft ed altri vedranno i loro modelli di marketing sul nostro paese divenire miracolosamente coerenti, e senza spiegarsi il come od il perchè, potranno festeggiare sulle lapidi di quello che è stato il motore di questo paese dagli anni 50 fino ad oggi.. Amen.
    • Anonymous scrive:
      Re: con la testa tra le nuvole
      - Scritto da: Rocco Vecchio
      si. so di cosa sto parlando, almeno io. il
      concetto resta e rimane la differenza di cosa è
      PMI in italia e cosa lo è fuori dai nostri
      confini. iniziative come queste, puramente
      commerciali, danno l'idea che Microsoft, in buona
      compagnia di altri big del settore, non hanno
      compreso cosa siano esattamente le PMI italiane e
      le loro necessita in ambito IT.Questo servizio, così come il Cloud Computing, sembrano più improntate per realtà estremamente differenti dalle nostre, tipo quelle americane. Ma va anche detto che negli USA, il budget assegnato ai reparti informatici è molto maggiore a quello nostro. Ciò è anche grazie al minor quantitativo di tasse ed oboli legato ai guadagni industriali e anche perchè le aziende sono concepite in maniera differente da quelle italiane. Da ste parti, tutte le aziende sono fortemente familiari. Quando i membri della famiglia hanno abbastanza soldi, a loro non importa più di investire. Mi son sentito rispondere "a noi non interessa crescere di più". Questi qua non sono veri imprenditori, ma solo paraculi che han avuto il XXXX (per l'appunto), di essersi accalappiati qualche buono cliente (ancora più tonto di loro), per spolparselo a dovere. Perchè di questo si tratta. Il sistema industriale italiano è abbastanza fermo. La speculazione è alle stelle. Per ogni scemenza, si paga 10 volte di più, in quanto è ormai contrastata da una marea di altre offerte, molto più competitive. Ed innovazione pari a 0. Ci sarà stata la crisi finanziaria, ma tante aziende basate sul nulla, purtroppo, sono rimaste in piedi.
      Qui in italia si
      lotta per avere una connettività decente in molti
      distretti industriali, come si fa a pensare di
      spostare tutto "fuori", "tra le nuvole".. Per non
      parlare della a volte esagerata ma onestamente
      inappuntabile questione del "a chi sto affidando
      i miei
      servizi?"!!Oltre al fatto che va fatta una chiara distinzione: non tutti i fornitori di servizi delle nuvole, sono di dimensioni pari ad Amazon. Molti però, fanno paragoni sempre e solo con questa. Ci sono aziendine di pseudo-informatici, i quali speculano alla grande sui loro clienti. Al posto di riuscire a ficcare il naso dentro i loro datacenter, ora cercano in tutti i modi di portargli il datacenter da loro, ovviamente omettendo tutti i contro che tale operazione include. Le aziende, spesso popolate da gente informaticalmente ignorante, buttano tutto fuori. Tanto l'approccio a queste tecnologie è da "gioielleria". Comprano PC non per usarli, ma così, perchè fa figo o perchè fa "innovazione", ma un reale impiego degli stessi, ben poche volte l'ho visto.Ovviamente, le aziende di outsourcing (che propongono anche soluzioni SaaS), vanno a nozze con tutto ciò e considera che le implementazioni dei sistemi-cloud, che ho visto io, sono PENOSE. Tanto vale piazzare tutto su un WinXP senza firewall. La sicurezza e le performance (nonche l'ottimizzazione) sono le stesse.Per non dire che, tra virtualizzazioni implementate dove non ce n'è bisogno, forgiate dalle azienduccole di outsourcing da strapazzo, fatte sul niente e piene di ciarlatani e strapagate (gente che piglia un linux qualsiasi, ci cambia 2 stringhe interne, in maniera da depistare eventuali controlli e poi rivende il tutto come se fosse OS proprietario, è proprio anti-etico ed illegale, ma lo fanno). Idem per il Cloud.
  • zupermario scrive:
    Vai con le chiacchiere di piazza
    MMahhh, 3 commenti, tanto tifo, 0 argomenti pratici. Sapete almeno di cosa state parlando?
    • Anonymous scrive:
      Re: Vai con le chiacchiere di piazza
      - Scritto da: zupermario
      MMahhh, 3 commenti, tanto tifo, 0 argomenti
      pratici. Sapete almeno di cosa state
      parlando?Sì. Tu invece?
      • zupermario scrive:
        Re: Vai con le chiacchiere di piazza
        - Scritto da: Anonymous
        - Scritto da: zupermario

        MMahhh, 3 commenti, tanto tifo, 0 argomenti

        pratici. Sapete almeno di cosa state

        parlando?

        Sì. Tu invece?Mah non lo so, sono solo 25 anni che lavoro nel settore, d'altronde c'e' sempre da imparare, tu che motivi tangibili hai per dire che questa cosa non funziona o non va bene a priori?
        • killtroll scrive:
          Re: Vai con le chiacchiere di piazza
          - Scritto da: zupermario
          - Scritto da: Anonymous

          - Scritto da: zupermario


          MMahhh, 3 commenti, tanto tifo, 0 argomenti


          pratici. Sapete almeno di cosa state


          parlando?



          Sì. Tu invece?

          Mah non lo so, sono solo 25 anni che lavoro nel
          settore, d'altronde c'e' sempre da imparare, tu
          che motivi tangibili hai per dire che questa cosa
          non funziona o non va bene a
          priori?25 anni che fai cosa? Il fatto che per un quarto di secolo tu abbia pulito il XXXXX di fianco alla sala server, non fa di te automaticamente un informatico.
          • zupermario scrive:
            Re: Vai con le chiacchiere di piazza
            Aaahhhhh ma allora mi hai riconosciuto!!! Mi pareva infatti che tu eri quello addetto a vuotare i posacenere alla sala server, ci incontravamo sempre, io a pulire i cessi e tu a vuotare i posacenere, alla stessa ditta!Che bel gioco, dai, adesso tocca a te trovare un altro insulto a caso.- Scritto da: killtroll
            - Scritto da: zupermario

            - Scritto da: Anonymous


            - Scritto da: zupermario



            MMahhh, 3 commenti, tanto tifo, 0 argomenti



            pratici. Sapete almeno di cosa state



            parlando?





            Sì. Tu invece?



            Mah non lo so, sono solo 25 anni che lavoro nel

            settore, d'altronde c'e' sempre da imparare, tu

            che motivi tangibili hai per dire che questa
            cosa

            non funziona o non va bene a

            priori?

            25 anni che fai cosa? Il fatto che per un quarto
            di secolo tu abbia pulito il XXXXX di fianco alla
            sala server, non fa di te automaticamente un
            informatico.
  • hacher scrive:
    la gestione del compiuter a microsof ???
    aha aha aha ma chi saranno quei folli che daranno la gestione dei compiuter alla microsof? tanto vale suicidarsi!
  • Anonymous scrive:
    Unica utilità...
    .. di questa soluzione c'è qualora possa essere acquistata ed utilizzata nella cloud aziendale. Andare in outsourcing per cose simili, è una PURA FOLLIA. E' l'ultima frontiera dell'outsourcing-speXXXXne, pieno di esaltati che giocano col PC e si gasano a parole.Da quel che ho potuto vedere invece, sembra essere un servizio fornito da cloud pubbliche, ed allora, a sto punto, se lo possono anche tenere.I costi sono proibitivi per un serio investimento da parte delle aziende. L'informazione legata alle tecnologie di cloud computing è pari a 0 e molto spesso usato per manipolare i responsabili aziendali, presentando loro soluzioni-panacea, senza uno straccio di analisi critica e basate sullo sfruttamento dell'onda emotiva, come giustificazione nell'acquisto di software inutili, costosi e dalle capacità che vanno ben oltre le reali esigenze dell'azienda stessa.
Chiudi i commenti