Chiude Lavabit, inizia l'epidemia delle email cifrate?

I federali avrebbero messo gli occhi sugli archivi del provider. Che chiude i battenti per evitare di essere costretto ad aprire i lucchetti. Silent Circle, la creatura di Zimmerman, lo segue a stretto giro
I federali avrebbero messo gli occhi sugli archivi del provider. Che chiude i battenti per evitare di essere costretto ad aprire i lucchetti. Silent Circle, la creatura di Zimmerman, lo segue a stretto giro

Lavabit, servizio di email sicura (cifrata) in attività da anni, chiude i battenti. Aver fornito i propri servigi a Edward Snowden, la talpa al centro del Datagate che con le sue rivelazioni ha svelato al mondo le pratiche di sorveglianza globale e tentacolare messe quotidianamente in atto dall’intelligence statunitense, ha stuzzicato le attenzioni dei segugi federali.

Nell’annunciare la chiusura di Lavabit, il fondatore Ladar Levison pubblica un messaggio di commiato particolarmente inquietante: la scelta era tra il diventare “complice di crimini contro i cittadini americani” o chiudere il servizio di email sicura dopo 10 anni di attività. Levison dice di non poter nemmeno spiegare il perché di questa scelta, visto che il Congresso americano ha approvato leggi in contrasto con il Primo Emendamento che dovrebbe – in teoria – garantirgli il diritto di parola in una situazione del genere.

Il fondatore di Levison non lo dice, ma è chiaro che dietro la decisione di chiudere Lavabit c’è l’intelligence USA, evidentemente interessata ad avere accesso alle comunicazioni telematiche (presenti e magari future) di Snowden passate attraverso i server del servizio.

Lavabit ha scelto la morte commerciale al posto della complicità con NSA e compagnia, una scelta che però non è piaciuta a tutti i 350mila utenti che usavano il servizio e che ora si lamentano dell’interruzione improvvisa o dell’impossibilità di accedere all’account di posta protetto per migrare e salvare le comunicazioni offline.

La vicenda Lavabit preoccupa , ma a quanto pare è solo l’inizio di una reazione a catena che minaccia di travolgere i servizi di email sicura accessibili su computer e gadget mobile: Silent Circle, la piattaforma di comunicazioni cifrate creata da Phil Zimmerman (PGP), ha deciso di giocare di anticipo sugli uomini in nero della NSA disabilitando il servizio di email cifrata Silent Mail . È per proteggere in anticipo i pezzi da novanta – capi di stato, reporter, attivisti – che usano il servizio, spiega la società.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 08 2013
Link copiato negli appunti