Chrome vola, IE perde colpi

Le ultime statistiche sulla diffusione dei browser indicano che Google ha guadagnato terreno a scapito di Microsoft

Roma – Con la fine del 2011 anche i browser hanno tirato le somme. Le ultime analisi sulla diffusione dei software di navigazione dicono che Internet Explorer continua a perdere terreno, pur restando in vetta, e che la sedicesima versione di Chrome è la più popolare di tutte.

Attualmente il browser Microsoft detiene ancora il 51,9 per cento del mercato, ma lo studio di Net Application sottolinea che sono comunque sette punti percentuali in meno rispetto alle statistiche dello scorso anno. Di questo passo la sua popolarità potrebbe anche scendere al di sotto del 50 per cento entro il mese di marzo.

Google Chrome, che sta per spodestare (o ha spodestato già, a seconda dei punti di vista) Firefox dal secondo gradino del podio, ha invece raggiunto un nuovo traguardo pari al 19,1 per cento. Secondo le statistiche Net Application, se continua a crescere con questo ritmo arriverà oltre il 20 per cento già a febbraio. Le altre posizioni della classifica restano praticamente invariate, con Safari di Apple attualmente fermo intorno al 5 per cento e Opera che rimane a galla con un 1,66 per cento.

Le proiezioni dello studio StatCounter tirano in ballo altri metodi per calcolare la diffusione di questi browser su scala mondiale ma il risultato non cambia: Internet Explorer sta perdendo colpi e Chrome è il software che sta beneficiando maggiormente di questa situazione.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Massimilian o Brunozzi scrive:
    Anniversario con il nuovo commodore c64x
    ciao, io ho festeggiato l'anniversario dei 30 anni del c64 acquistando il nuovo commodore c64x in italia su http://www.amibyte.com Attacchi il tuo emulatore e ti spari un Defender of the Crown o un Raid over Moscow..che spettacolo!
  • Nazifascist i di Paolo Barrai. scrive:
    MAURIZIO BARBERO DI TECHNOSKY UCCIDE
    PADANAZISTASSASSINO MAURIZIO BARBERO DI TECHNOSKY GENOVA ( GRUPPO ENAV). IN COLLABORAZIONE CON XXXXXRROTTISSIMO GUIDO PUGLIESI E SERVIZI SEGRETI ASSASSINI DI BERLUSCONI (GIRI NAZI DI FINMECCANICA), ORGANIZZAVA MOLTI OMICIDI.
  • LaNberto scrive:
    Il mio ricordo
    Dopo aver messo da parte soldi per un bel po' sganciai 550.000 lire per il C=64 e il registratore.era (mi pare) il 1984.C'era un sacco di software ma l'utilizzo vero venne circa un anno dopo, quando comperai il drive e la stampante MPS803 (900.000 lire il tutto).La stampante era curiosamente a 8 aghi. nessuno ricorda le stampate senza discendenti? La p, la q, la g erano alzate per stare sulla linea di base e non discendevano (appunto) al di sotto com'è normale.Allora il programma che utilizzavo di più era lo SpeedScript che avevo trovato in una rivista: il programma si caricava nella memoria alta e lasciava liberi 42 Kb per scrivere! era magia...Mi ricordo anche la MOSTRUOSA differenza in alcuni giochi: la versione C64 di Ghostbusters era incomparabile a quella dello Spectrum...Nell 87 feci un viaggio negli USA e mi portai il GEOS 1.2 (da noi sarebbe arrivato parecchi mesi dopo), ma soprattutto il GeoWrite 2.0 (110$ dell'epoca il tutto)Con lo SpeedDOS (70.000 lire) andava che era un piacere.Con esso scrissi e impaginai la tesina di fisica della maturità che fece scalpore: font e figure nel testo :DL'unico problema era che le ognuna delle 15 pagine tutta grafica richiedeva alla mia stampantina 22 minuti per essere stampata...Lo vendetti a pezzi l'anno dopo, ma in tutto, ricordo, ci feci più di un milione...Che rimpianto ogni tanto.SYS64738-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 gennaio 2012 16.58-----------------------------------------------------------
  • Non Me scrive:
    Il sucXXXXX del C=64
    Era dovuto al fatto che fu rilasciata l'intera ROM con tanto di commenti.E c'erano smanettoni diversi da quelli di adesso ;-)
    • grubbolo scrive:
      Re: Il sucXXXXX del C=64
      - Scritto da: Non Me
      Era dovuto al fatto che fu rilasciata l'intera
      ROM con tanto di
      commenti.
      E c'erano smanettoni diversi da quelli di adesso
      ;-)Anche prima del rilascio era già un sucXXXXX.E gli smanettoni hanno fatto cose che nemmeno i progettisti della Commodore avrebbero immaginato e che tanto meno potevano essere commentate
    • maxsix scrive:
      Re: Il sucXXXXX del C=64
      - Scritto da: Non Me
      Era dovuto al fatto che fu rilasciata l'intera
      ROM con tanto di
      commenti.Già.
      E c'erano smanettoni diversi da quelli di adesso
      ;-)Quelli erano SMANETTONI, ora ci sono solo quaquaraquà che pensano tutto il giorno a come cambiare il tema e la suoneria al proprio telefono per essere più geek degl'altri.
  • uno nessuno scrive:
    non lo posso leggere
    Non ce la posso fare a leggere l'ennesimo articolo di Mariuccia! Forse sarebbe divertente, perchè scoprirei che l'individuo in questione crede che il Commodore 64 sia una lavatrice a 64 bit, però l'ignoranza mi deprime...E' andato a casa berlusconi, possibile che non si riesca a mandare a casa questo qua??
  • armando li bovi scrive:
    c 64
    che nostalgia, impiegai giorni per fare un programmino in basic che spostase un oggetto grafico in lungo ed in largo sul foglio...
    • pippo75 scrive:
      Re: c 64
      - Scritto da: armando li bovi
      che nostalgia, impiegai giorni per fare un
      programmino in basic che spostase un oggetto
      grafico in lungo ed in largo sul
      foglio...usavi uno sprite e prendevi spunto dalla "mongolfiera" ;).
      • bubba scrive:
        Re: c 64
        - Scritto da: pippo75
        - Scritto da: armando li bovi

        che nostalgia, impiegai giorni per fare un

        programmino in basic che spostase un oggetto

        grafico in lungo ed in largo sul

        foglio...

        usavi uno sprite e prendevi spunto dalla
        "mongolfiera"
        ;).pero' cosi non imparava a ridisegnare&rimappare la mappa caratteri :)
  • pippo75 scrive:
    Primo Giovedini
    Ma nessuno lo vuole ricordare?E il professore Helmut Skarsus?
  • pippo75 scrive:
    Primo Giovedini
    Ma nessuno lo vuole ricordare?
  • Utente scrive:
    C64 Rules!
    L'ho avuto a circa 10 anni ed ho imparato a programmare in basic ed assembly... oggi lavoro nell'ICT e ho un'azienda.Purtroppo i dirigenti Commodore hanno avuto altro a cui pensare (manovre di mercato...?!) per cui il C64 prima e l'Amiga dopo non hanno avuto strada libera, altrimenti ci sarebbero forse standard diversi oggi e migliori tecnologie (basti pensare che alcune caratteristiche sono ANCORA OGGI non replicate sui computer - p.es. gli screen multirisoluzione dell'Amiga) e che alcune operazioni richiedono spreco di risorse immenso. Chi non ha conosciuto il C64 non riuscirà probabilmente a fare un gioco in 64K (meno, in effetti) di RAM e una CPU da neanche 1Mhz!! Personalmente (io progetto e sviluppo anche firmware) riprenderei alcune caratteristiche dei computer Commodore primari (C64 e Amiga, appunto) per implementarle con le nuove tecnologie di oggi, ma la ricerca in Italia NON è finanziata, come sappiamo!
    • uno nessuno scrive:
      Re: C64 Rules!
      Beh Windows, almeno fino a NT, non ha avuto niente di realmente utile che l'Amiga non avesse gia' implementato in modo molto più stabile...Quelli erano tempi in cui c'era un modo diverso di sviluppare. Oggi le nuove mode le puoi vedere nei progetti di software libero - non perchè siano peggiori dei software proprietario (anzi!), ma perchè non possono avere molti segreti. Che poi, arrivati a questo punto, è l'unico pregio che si può ancora cercare in un software senza sentirsi un bambino di 3 anni in cerca di babbo natale.Dicevo, guarda i software liberi: ce n'è forse uno - a parte forse Debian e altri 2 o 3 - che applica il motto "it will be released when it's ready"? No. Eppure, se non è pronto, solo un cretino può pensare di rilasciarlo. Un cretino o... un capoprogetto.Quello che dovrebbe essere lapalissiano è diventato utopia.
      • .... parole sante scrive:
        Re: C64 Rules!
        gia'. Vengono rilasciati da project leader mentecatti e sviluppatori SOTTOSVILUPPATI. Risorse computazionali enormi e risultati discutibili.....
        • uno nessuno scrive:
          Re: C64 Rules!
          Sì, e bug a iosa. Rilasciano qualche beta, se va bene hanno una test suite che copre meta' del codice, e poi rilasciano delle versioni "di produzione" che sono dei colabrodi. Prima che siano utilizzabili, a volte, bisogna aspettare diverse patch.E poi, come dici tu, spreco di risorse allucinanti. Esattamente QUALE delle funzionalita' di Windows 7 giustifica - nel senso che non si poteva fare diversamente - system requirements molto più alti di Windows NT? Io non ne trovo nemmeno una, a parte il fatto che trovo quel sistema operativo inutilizzabile per la sua ossessione di sicurezza (fittizia) e per la sua lentezza.
  • unaDuraLezione scrive:
    Re: sigh
    contenuto non disponibile
    • panda rossa scrive:
      Re: sigh
      - Scritto da: unaDuraLezione

      L'ho proposto ai miei pupi (ben prima della
      prova di Wired)


      e me lo hanno bocciato.

      Come dargli torto...

      eh bè... col ben di dio disponibile oggi.Certo. Il paragone non regge confronti.Ma se prendiamo il MAME o alcuni porting dei giochi d'epoca sui sistemi attuali, http://retrospec.sgn.net/ , posso affermare che i bimbi di oggi ci giocano eccome!
      Inoltre, anche tralasciando l'aspetto visivo (su
      quello sonoro il SID è unaXXXXXta anche oggi) il
      gameplay della maggior parte giochi oggi
      apparirebbe frustrante per i
      giocatori.No, per niente. Vedi sopra.
      Era spietato e non si faceva scrupoli di farti
      reiniziare da zero l'intero gioco per un
      nonnulla.Una difficolta' ulteriore!
      Ma in certi casi (il suddetto Bubble bobble)
      sarebbe anche oggi un gameplay
      perfetto...Lo e'!Vedi MAME.

      Loro non potevano capire.

      ognuno ha le sue esperienze non puio pensare di
      riproporre le tue agli altri a decadi di
      distanza.Pero' la storia va ricordata.I miei bimbi hanno toccato con mano i giochi d'epoca: hanno il diritto di sapere perche' oggi i giochi sono cosi', e quale strada e' stata percorsa per arrivare ai giochi cosi'.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: sigh
        contenuto non disponibile
        • mura scrive:
          Re: sigh
          - Scritto da: unaDuraLezione
          Prova a vederne un paio per ricordarti di quando
          st*nz1 fossero i programmatori.A tal proposito mi torna in mente quel katakis che se morivi ripartivi con un niente di powerup qualunque livello stessi affrontando ... praticamente un game over assicurato fintanto che non imparavi a memoria tutto il gioco.
          • Guybrush scrive:
            Re: sigh
            - Scritto da: mura
            A tal proposito mi torna in mente quel katakis
            che se morivi ripartivi con un niente di powerup
            qualunque livello stessi affrontando ...
            praticamente un game over assicurato fintanto che
            non imparavi a memoria tutto il
            gioco.Che poi con i giochi della serie Nemesis/Menace/Blood Money(amiga) s'erano imparati a lasciare una parte dei power-up a galleggiare nei dintorni, cosi' da avere qualche chance.
            Infatti io ho un Mame ben fornito nel netbook che
            mi porto
            ovunque.Se ricordo bene c'è pure la versione per DS/DSi del mame. Li' dentro ha ancora un bel perché. [...]
            Al Mame sì, ma i giochi Arcade erano normalmente
            ben calibrati, anche se tendenti al difficile
            (per farti usare il
            'continue').Difficile? Amico, durante le sedute a Dragon's Spirit, DANGARD, Ye Air Kung Fu, Wonder Boy, Street Fighter ecc... ecc... ecc... ho fatto cose, con queste mani, che pochi mortali possono anche solo sognare.Se dovessi mettere un elenco delle macchine da bar che ho "sfondato" con 1 solo gettone... ah!
            Io tutt'oggi non uso il continue col Mame, se non
            per motivo di 'studio' dei livelli
            avanzati.Brav, brav...

            Ti assicuro che ai tempi di C64 (a in parte anche
            di Amiga) la calibrazione delle difficoltà del
            gameplay erano lasciate al caso il più delle
            volte.Vero, ma questo li rendeva solo più interessanti (anche Katakis).
            Le eccezioni come bubble bobble erano proprio
            conversioni dall'arcade o rare
            perle.Be' le "rare perle" di cui parli erano tante.Mounty on The Run, per esempio. Nemesis the Warlock. Sky Hunter. Warhawk. Solo Flight. JI-Joe. Atzec Challenge. Cauldron I e II. Druid (mi fermo qua se no finisco i caratteri). Alcune conversioni erano "superiori" all'originale, come nel caso di Defender of The Crown: l'inserimento di 2 schemi ulteriori nella gestione delle battaglie quali Outflank e Bombard davano piu' spessore alle battaglie.Insomma il C=64 ha fatto veramente scuola.
            Ai tempi ero regazzino che entrava in mondi
            nuovi, per cui erano 'problemi' accettabili, ma
            oggi è un altro
            discorso.Ni.Se provi a confrontare i giochi di allora con quelli di oggi il confronto e' impietoso, ma per gestire il gameplay occorrono ancora pochi kB o meno. Non so che eta' hanno i pargoli, ma sarebbe bello se imparassero a "giocare" con c-robots.
            su questo senza dubbio.
            Ci sono gli emulatori e anche i video su youtube
            con i longplay di quasi tutti i
            giochi.Ci sono anche le macchine virtuali... peccato che non si possa ri-creare un'amiga virtuale!
            Prova a vederne un paio per ricordarti di quando
            st*nz1 fossero i
            programmatori.Eh eh eh... chi ha detto "ghost'n gobllins"?C'era un punto al IV livello che non si passava neanche con le vite infinite. O lo sapevi fare, O non passavi, punto. Richiedeva una scelta di tempi/riflessi/tecnica assolutamente PERFETTA.Gia' a meta' del II livello le cose si facevano DIFFICILI per la presenza del ghiaccio e la bastardaggine dei programmatori era quella di usare sia l'effetto "scivolamento" che ritardava tutti i cambi di direzione e i tentativi di fermarsi. Puoi immaginarti con quali conseguenze.Pero' al IV livello, nella citta' sotterranea prima del ponte-di-fuoco, c'è un punto, XXXXXXXXssimo, dove c'è un passaggio che crolla.Se salti troppo presto il passaggio inizia a crollare dove atterri, sei costretto a saltare ancora per atterrare dall'altra parte e mentre sei in "alto" emerge un mostro dal terreno che ti "tocca" e ti fa saltare all'indietro. Morto.Se salti troppo tardi stesso discorso: atterri sopra al mostro e salti all'indietro (se hai ancora la corazza, se no sei morto subito).Se tenti di attraversare senza saltare il ponte crolla, tu precipiti nelle fiamme e amen.Se fai crollare il ponte e resti sul lato sbagliato... quello ERA l'unico passaggio. Puoi anche suicidarti o attendere il "time up" e morire.La soluzione? Sparare in basso con la lancia un'istante prima di saltare. La lancia e' abbastanza lenta da colpire il mostro mentre e' ancora in volo e ucciderlo.Anche la torcia puo' aiutare: la sua fiammata dura a lungo e uccide il mostro mentre esce (solo ricordarsi di sparare alto che la traiettoria e' curva), ma arrivare a quel punto con la torcia è un suicidio. L'ascia aiuta pure e l'unico che non serve a niente in QUEL frangente e' l'arma piu' utile del gioco: il pugnale. Che in quel livello abbonda.La bastardaggine del gioco, ovviamente, e' tale per cui l'ultima arma scelta rimane anche nella "vita" successiva.Che fare se hai il pugnale (cosa ovvia) e arrivi a quel punto?Se hai abbastanza vite (se non sei morto fino a quel punto ne hai 5) devi tornare indietro fino a quasi inizio livello, prendere la lancia e tornare al punto col ponte-che-crolla.Se non e' bastardaggine questa...GT
          • panda rossa scrive:
            Re: sigh
            - Scritto da: Guybrush
            La soluzione? Sparare in basso con la lancia
            un'istante prima di saltare. La lancia e'
            abbastanza lenta da colpire il mostro mentre e'
            ancora in volo e
            ucciderlo.NOOOOOOOOOOOOO!Ci voleva la lancia?????? :|Mi stai dicendo che ho sprecato un anno della mia vita per niente???
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: sigh
            contenuto non disponibile
    • Marco santini scrive:
      Re: sigh
      metà non funzionavano mai! :-) mi ricordo quando comprai "dragons lair" con grafica troppo avanti per quei tempi. Facevo partire la cassetta per caricarlo prima di andare a mangiare e dopo 40 minuti stava ancora caricando :-)
  • unaDuraLezione scrive:
    Ancora programmato dagli appassionati...
    contenuto non disponibile
    • panda rossa scrive:
      Re: Ancora programmato dagli appassionati...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      p.p.s.
      ma a PI in questi giorni è entrato il magnete
      della morte in sala
      server?No, semplicemente i server di PI usano windows.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Ancora programmato dagli appassionati...
        contenuto non disponibile
        • panda rossa scrive:
          Re: Ancora programmato dagli appassionati...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          E tu credi che un altro OS possa resistere al
          magnete della
          morte?
          Leggi bene :)
          http://www.supermagnete.de/ita/Q-51-51-25-NCerto che no, ma in questo caso non e' stato il magnete.Il blocco randomico, repentino e reiterato del sistema e' una prerogativa esclusiva e brevettata di M$.
          • ingiurioso scrive:
            Re: Ancora programmato dagli appassionati...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: unaDuraLezione

            E tu credi che un altro OS possa resistere al

            magnete della

            morte?

            Leggi bene :)

            http://www.supermagnete.de/ita/Q-51-51-25-N

            Certo che no, ma in questo caso non e' stato il
            magnete.
            Il blocco randomico, repentino e reiterato del
            sistema e' una prerogativa esclusiva e brevettata
            di
            M$.http://www.computerworld.com/s/article/9223069/Websites_apps_vulnerable_to_low_bandwidth_bot_free_takedown_say_researchers
  • oltrelamente scrive:
    SPECTRUM
    Io provengo dallo spectrum. Dopo PONG nel 1982, regalatomi da mio zio quando avevo 12 anni, 3 anni dopo riusci a convincere i miei a comprarmi uno spectrum ZX-80, di cui ricordo ancora un gioco pazzesco chiamato ALCHIMIST. Che tempi! ammetto che oggi non ho piu la passione di allora, ma questa è un'altra storia.....:)
    • oltrelamente scrive:
      Re: SPECTRUM
      trovato!!!! : http://www.youtube.com/watch?v=Bi4FPoaaPx8
    • prova123 scrive:
      Re: SPECTRUM
      Prova Starstrike 3D o the Sentinel o Knight Lore ... magari sul Nintendo DS: http://zxds.raxoft.cz/Per il C64 sempre su DS: http://www.ds-xtra.com/FrodoDSCosì per fare accumunare nelle lacrimuccie amici e nemici di un tempo :D
      • bubba scrive:
        Re: SPECTRUM
        - Scritto da: prova123
        Prova Starstrike 3D o the Sentinel o Knight Lore
        ... magari sul Nintendo
        DS:
        http://zxds.raxoft.cz/

        Per il C64 sempre su DS:
        http://www.ds-xtra.com/FrodoDS

        Così per fare accumunare nelle lacrimuccie amici
        e nemici di un tempo
        :Dio uso Frodo sulla wii ;)
        • pippo75 scrive:
          Re: SPECTRUM


          e nemici di un tempo

          :D
          io uso Frodo sulla wii ;) <quando ci vuole
          Io uso Gandalf su Xbox ;) </quando ci vuole
    • bubba scrive:
      Re: SPECTRUM
      - Scritto da: oltrelamente
      Io provengo dallo spectrum. condoglianze :)un C= addicted. ;)
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: SPECTRUM
      - Scritto da: oltrelamente
      Io provengo dallo spectrum. Dopo PONG nel 1982,
      regalatomi da mio zio quando avevo 12 anni, 3
      anni dopo riusci a convincere i miei a comprarmi
      uno spectrum ZX-80, di cui ricordo ancora un
      gioco pazzesco chiamato ALCHIMIST. Che tempi!
      ammetto che oggi non ho piu la passione di
      allora, ma questa è un'altra
      storia.....:)Poveraccio, ti hanno fregato allora...
      • oltrelamente scrive:
        Re: SPECTRUM
        non direi, se non fosse stato x quei tempi oggi non saprei usare software come olly debugger, IDA, e cose varie. Ma lascia stare, come ho gia detto, è un'altra storia
  • FridayChild scrive:
    uhm?
    il c16 non ha nulla in comune con il c64, salvo il case. non capisco perche' e' stato citato come "membro della famiglia".poi, di versioni portatili ci fu solo l'executive, se non intendete quella specie di joystick con giochi incorporati prodotto da una delle tante incarnazioni finte del marchio c= nel terzo millennio.comunque, tanti auguri c64!
  • zal scrive:
    Senza prezzo
    Roba senza prezzo: "LOAD "$",8,1", regolare l'azimuth del lettore di cassette, i primi video XXXXX di 4 secondi, la mia prima chat via BBS (avevo il telefono quello analogico con la rotella...), il sistema operativo GEOS anni luce prima di MAC e WIN.... senza prezzo.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Senza prezzo
      Sai che il geos esisteva anche per pc?Ed esisteva anche per apple 2, e per commodore 128.
      • pippo75 scrive:
        Re: Senza prezzo
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Sai che il geos esisteva anche per pc?GeoWork Ensemble, da qualche parte ho la demo, se non ricordo male 5 floppy da 720k.Originale e completo costava uno sproposito, forse il doppio di windows 3.Nessuno ricorda MagicDesk?
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Senza prezzo
          - Scritto da: pippo75
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Sai che il geos esisteva anche per pc?


          GeoWork Ensemble, da qualche parte ho la demo, se
          non ricordo male 5 floppy da
          720k.

          Originale e completo costava uno sproposito,
          forse il doppio di windows
          3.Per la cronaca: è ancora in vendita (Breadbox ensemble, si chiama adesso), sempre a 16 bit, e mi pare costi 99$ (quindi, ancora più sproporzionato che in passato)

          Nessuno ricorda MagicDesk?Me lo ricordo... era quello che aveva un cursore controllato dal joystick a forma di manina... e il word proXXXXXr che imitava la macchina per scrivere (con tanto di disegno del carrello).
    • bubba scrive:
      Re: Senza prezzo
      - Scritto da: zal
      Roba senza prezzo: "LOAD "$",8,1", regolare
      l'azimuth del lettore di cassette, i primi video
      XXXXX di 4 secondi, la mia prima chat via BBS
      (avevo il telefono quello analogico con la
      rotella...), il sistema operativo GEOS anni luce
      prima di MAC e WIN.... senza
      prezzo.ti quoto... ma la memoria "gloriosa e mitica" ti fa un po esagerare.. il GEOS non poteva essere "anni luce" prima del mac... visto che la gui traeva ispirazione da quella macos, che era di un paio d'anni prima (o anche di piu se includi quel coso del Lisa)Cmq viva il XXXXX... slide pseudoanimate a 2 colori ma molto carine :))riguardo le chat.. c'e' stato un periodo (breve per fortuna) in cui ero costretto a usare modem & userport ttl-232 sul Vic20 (ricordo a 22 colonne!) e RIDIGITARE un terminale seriale minimo (sono poi poche righe) in basic, ad ogni accensione.. LOL
      • zal scrive:
        Re: Senza prezzo
        E' vero, mi sono lasciato andare :). Cmq gran bei tempi...
        • Jazz scrive:
          Re: Senza prezzo
          Gran bei tempi in cui la tecnologia era per pochi eletti.Oggi invece le cose sono più semplici e più alla portata di tutti, per fortuna.
          • panda rossa scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: Jazz
            Gran bei tempi in cui la tecnologia era per pochi
            eletti.Sbagli.A quei tempi la tecnologia era proprio per tutti e tutti partivano alla pari.
            Oggi invece le cose sono più semplici e più alla
            portata di tutti, per
            fortuna.Oggi non e' affatto piu' semplice: tutto nascosto da strati di sistema operativo, framework, drm, e interfacce varie.A quei tempi potevi fare qualunque cosa.Oggi non piu'.Non e' ne' piu' semplice ne' piu' alla portata di tutti.Oggi per fare qualunque cosa, anche la piu' stupida, devi dipendere da un sacco di requisiti.
          • ingiurioso scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Jazz

            Gran bei tempi in cui la tecnologia era per
            pochi

            eletti.

            Sbagli.
            A quei tempi la tecnologia era proprio per tutti
            e tutti partivano alla
            pari.


            Oggi invece le cose sono più semplici e più
            alla

            portata di tutti, per

            fortuna.

            Oggi non e' affatto piu' semplice: tutto nascosto
            da strati di sistema operativo, framework, drm, e
            interfacce
            varie.

            A quei tempi potevi fare qualunque cosa.
            Oggi non piu'.

            Non e' ne' piu' semplice ne' piu' alla portata di
            tutti.
            Oggi per fare qualunque cosa, anche la piu'
            stupida, devi dipendere da un sacco di
            requisiti.Quoto!
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Jazz

            Gran bei tempi in cui la tecnologia era per
            pochi

            eletti.

            Sbagli.
            A quei tempi la tecnologia era proprio per tutti
            e tutti partivano alla
            pari.


            Oggi invece le cose sono più semplici e più
            alla

            portata di tutti, per

            fortuna.

            Oggi non e' affatto piu' semplice: tutto nascosto
            da strati di sistema operativo, framework, drm, e
            interfacce
            varie.

            A quei tempi potevi fare qualunque cosa.
            Oggi non piu'.

            Non e' ne' piu' semplice ne' piu' alla portata di
            tutti.
            Oggi per fare qualunque cosa, anche la piu'
            stupida, devi dipendere da un sacco di
            requisiti.Ma molti di quei requisiti non contemplano la "conoscenza", il dramma è tutto lì
          • pippo75 scrive:
            Re: Senza prezzo

            Non e' ne' piu' semplice ne' piu' alla portata di
            tutti.
            Oggi per fare qualunque cosa, anche la piu'
            stupida, devi dipendere da un sacco di
            requisiti.in che senso ?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Senza prezzo
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: unaDuraLezione
            In ordine di astrazione framework, api
            stratificate,
            driver.
            Macchine come C64 e Amiga avevano hardware
            praticamente immutabile, con 4 righe di codice
            potevi accedere ad esso pienamente, senza
            dipendere da un solo byte di codice scritto da
            terzi.
            Volevi disegnare un cerchio? lo disegnavi pixel
            per pixel nella bitmap della memoria, accedendo
            direttamente ad essa calcolando le coordinate dei
            pixel con un algoritmo
            tuo.
            Oggi useresti una funzione del framework, E, aggiungo io, oggi quasi nessun programmatore saprebbe disegnare un cerchio pixel per pixel, ne' avrebbe la piu' pallida idea di che cosa sia una tabella di coseni pre-calcolati.La pappa pronta fa marcire i denti!
          • pippo75 scrive:
            Re: Senza prezzo
            .
            Macchine come C64 e Amiga avevano hardware
            praticamente immutabile,questo era un problema, l'evoluzione poteva creare problemi.Il C64 ha avuto varie versioni, e non tutte perfettamente uguali, c'erano varie cose in cui non erano tutti compatibili, si doveva leggere un valore per scoprire quale 64 si stava usando.
            Oggi useresti una funzione del framework, che
            dialoga con un api dell'OS, che a sua volta
            dialoga con l'api del driver.
            E scriveresti una roba tipo
            "mywindow.drawcircle(x,y,r,color)" senza avere la
            più pallida idea di quale sia il modo efficiente
            per calcolare le coordinate del cerchio.oppure passi al lato sotto del framework ed accedi ad un livello più vicino all'HW.Però a meno che non ci siano bug particolari il programma gira su molti HW differenti.
            Le poche righe assembly sui vecchi computer
            invece, continuano e continueranno a girare
            perfettamente senza dipendere da nulla e nessuno,
            finché l'hardware non si
            guasterà.Oggi, cambieresti scheda video per quale motivo che non conosco e potresti trovarti fregato.Utilizzando questi Framework, senza cambiare nulla mi troverei ottimizzato per l'HW sottostante ( sperando di non trovare driver scritti male ).
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Senza prezzo
            contenuto non disponibile
          • zal scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: Jazz
            Gran bei tempi in cui la tecnologia era per pochi
            eletti.

            Oggi invece le cose sono più semplici e più alla
            portata di tutti, per
            fortuna.E' vero. Mancavano i troll... :D
          • ingiurioso scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: Jazz
            Gran bei tempi in cui la tecnologia era per pochi
            eletti.

            Oggi invece le cose sono più semplici e più alla
            portata di tutti, per
            fortunaMa sentito scemenze del genere. Evidentemente non sai neanche di cosa parli.
          • Jazz scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: ingiurioso
            - Scritto da: Jazz

            Gran bei tempi in cui la tecnologia era per
            pochi

            eletti.



            Oggi invece le cose sono più semplici e più alla

            portata di tutti, per

            fortuna

            Ma sentito scemenze del genere. Evidentemente non
            sai neanche di cosa
            parli.So esattamente di cosa parlo.L'informatica oggi è alla portata di tutti.Di saper disegnare un cerchio con del codice non interessa nulla a nessuno.
          • panda rossa scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: Jazz
            So esattamente di cosa parlo.
            L'informatica oggi è alla portata di tutti.Quello che e' alla portata di tutti e' l'acXXXXX allo strumento informatico.La sua comprensione e il saperlo utilizzare e' una cosa che sara' sempre al di fuori.Quindi non sai di che cosa parli.
            Di saper disegnare un cerchio con del codice non
            interessa nulla a nessuno.Non interessera' a te che non sai di che cosa parli.A chi l'informatica la studia, interessa eccome.
          • Jazz scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Jazz

            So esattamente di cosa parlo.

            L'informatica oggi è alla portata di tutti.

            Quello che e' alla portata di tutti e' l'acXXXXX
            allo strumento
            informatico.
            La sua comprensione e il saperlo utilizzare e'
            una cosa che sara' sempre al di
            fuori.
            Quindi non sai di che cosa parli.Come già detto, so esattamente di cosa parlo.Alla gente NON interessa e NON serve conoscere "come funziona", quanta "RAM" ha, quanta "CACHE" serve al sistema, quanti "MHz, GHz,THz" deve avere il proXXXXXre, quanto "CORE" gli servono.La gente ha bisogno di sfogliare i suoi album di foto, sentire la sua musica, scrivere il suo diario/libro/ricetta e pubblicarlo/stamparlo.
            Non interessera' a te che non sai di che cosa
            parli.Sono programmatore. Uno dei pochi che capisce che alla gente comune queste cose interessano meno di zero.Quando fai un programma, devi costruire qualcosa di SEMPLICE, con meno OPZIONI, devi dare al CLIENTE qualcosa che possa USARE SENZA LIBRETTO DI ISTRUZIONI.Alla gente NON serve, non interessa ed è una perdita di tempo conoscere il Circle(Xc,Yc,r,spessore,colore). Nel mio caso era questo il tipo di istruzione con un Sinclair, anni 80 (ed ero un bambino).
          • Jazz scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: Jazz
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Jazz


            So esattamente di cosa parlo.


            L'informatica oggi è alla portata di
            tutti.



            Quello che e' alla portata di tutti e'
            l'acXXXXX

            allo strumento

            informatico.

            La sua comprensione e il saperlo utilizzare
            e'

            una cosa che sara' sempre al di

            fuori.


            Quindi non sai di che cosa parli.
            Come già detto, so esattamente di cosa parlo.
            Alla gente NON interessa e NON serve conoscere
            "come funziona", quanta "RAM" ha, quanta "CACHE"
            serve al sistema, quanti "MHz, GHz,THz" deve
            avere il proXXXXXre, quanto "CORE" gli
            servono.
            La gente ha bisogno di sfogliare i suoi album di
            foto, sentire la sua musica, scrivere il suo
            diario/libro/ricetta e
            pubblicarlo/stamparlo.


            Non interessera' a te che non sai di che cosa

            parli.
            Sono programmatore. Uno dei pochi che capisce che
            alla gente comune queste cose interessano meno di
            zero.
            Quando fai un programma, devi costruire qualcosa
            di SEMPLICE, con meno OPZIONI, devi dare al
            CLIENTE qualcosa che possa USARE SENZA LIBRETTO
            DI
            ISTRUZIONI.
            Alla gente NON serve, non interessa ed è una
            perdita di tempo conoscere il
            Circle(Xc,Yc,r,spessore,colore). Nel mio caso era
            questo il tipo di istruzione con un Sinclair,
            anni 80 (ed ero un
            bambino).Anzi, se ricordo bene, c'era anche l'opzione per il colore del riempimento.
          • panda rossa scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: Jazz
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Jazz


            So esattamente di cosa parlo.


            L'informatica oggi è alla portata di
            tutti.



            Quello che e' alla portata di tutti e'
            l'acXXXXX

            allo strumento

            informatico.

            La sua comprensione e il saperlo utilizzare
            e'

            una cosa che sara' sempre al di

            fuori.


            Quindi non sai di che cosa parli.
            Come già detto, so esattamente di cosa parlo.
            Alla gente NON interessa e NON serve conoscere
            "come funziona", quanta "RAM" ha, quanta "CACHE"
            serve al sistema, quanti "MHz, GHz,THz" deve
            avere il proXXXXXre, quanto "CORE" gli
            servono. <i
            La gente ha bisogno di pilu </i
            (cit.)
            La gente ha bisogno di sfogliare i suoi album di
            foto, sentire la sua musica, scrivere il suo
            diario/libro/ricetta e
            pubblicarlo/stamparlo.E un computer che c'entra in tutto questo?

            Non interessera' a te che non sai di che cosa

            parli.
            Sono programmatore. Uno dei pochi che capisce che
            alla gente comune queste cose interessano meno di
            zero.Programmerai le app tipo ifart da VENDERE a 0.99, e prima programmavi loghi e suonerie.Tu un server non lo hai mai visto neppure in bitmap.
            Quando fai un programma, devi costruire qualcosa
            di SEMPLICE, con meno OPZIONI, devi dare al
            CLIENTE qualcosa che possa USARE SENZA LIBRETTO
            DI ISTRUZIONI.Quante XXXXXXcce.Un programma deve risolvere il problema per cui viene scritto.L'informatica non ammette ignoranza.
            Alla gente NON serve, non interessa ed è una
            perdita di tempo conoscere il
            Circle(Xc,Yc,r,spessore,colore). E infatti la gente non deve mettere le mani nel codice.
            Nel mio caso era
            questo il tipo di istruzione con un Sinclair,
            anni 80 (ed ero un
            bambino).Non c'era lo spessore e il colore nella sintassi del CIRCLE del sinclair anni 80. Solo centro e raggio.http://www.worldofspectrum.org/ZXBasicManual/zxmanchap17.html
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Senza prezzo
            - Scritto da: Jazz
            Gran bei tempi in cui la tecnologia era per pochi
            eletti.

            Oggi invece le cose sono più semplici e più alla
            portata di tutti, per
            fortuna.Per fortuna di chi, esattamente?
        • Marto tortio scrive:
          Re: Senza prezzo
          http://www.youtube.com/watch?v=P9XKM_y8fD4
  • panda rossa scrive:
    Hey Hey sexteen key
    http://www2.b3ta.com/heyhey16k/
  • sentinel scrive:
    Tempi mitici
    In effetti all'epoca sembrava di essere agli alboridell'informatica, quanto meno dell'home computing.Per i giochi era uno spasso invitare gli amici perinterminabili sfide (alcune anche di diverse ore...);la casa sembrava un porto di mare per l'andirivieni dicuriosi e/o aficianados. Anche con la programmazionesi muovevano i primi passi, con lo scoglio maggiorerappresentato dai lunghissimi listati da digitare in BASICper ottenere programmini anche stupidi...
    • James Kirk scrive:
      Re: Tempi mitici
      - Scritto da: sentinel
      curiosi e/o aficianados. Anche con la
      programmazione
      si muovevano i primi passi, con lo scoglio
      maggiore
      rappresentato dai lunghissimi listati da digitare
      in
      BASIC
      per ottenere programmini anche stupidi...Io usavo il Simon's Basic che offriva molti comandi in più, e faceva risparmiare un sacco di tempo. I più bravi scrivevano routine in Assmbler usando i mitici comandi PEEK e POKE con cui si facevano un sacco di belle cosette.Comunque bei tempi e, soprattutto, occhi arrossati; ore di computing avendo come schermo il TV di casa non ha certo giovato alla vista :-)
      • sentinel scrive:
        Re: Tempi mitici
        - Scritto da: James Kirk[CUT]Anche con la

        programmazione

        si muovevano i primi passi, con lo scoglio

        maggiore

        rappresentato dai lunghissimi listati da
        digitare

        in

        BASIC

        per ottenere programmini anche stupidi...

        Io usavo il Simon's Basic che offriva molti
        comandi in più, e faceva risparmiare un sacco di
        tempo. I più bravi scrivevano routine in
        Assmbler usando i mitici comandi PEEK e POKE con
        cui si facevano un sacco di belle
        cosette.Vero ma purtroppo uno dei problemi legati alla diffusionedel Simon's Basic era dovuto all'acquisto della cartucciaoriginale contenente l'interprete. Troppo costoso all'epocaper diffonderlo ben bene fra gli appassionati.
        Comunque bei tempi e, soprattutto, occhi
        arrossati; ore di computing avendo come schermo
        il TV di casa non ha certo giovato alla vista
        :-)Può darsi, ma è stata meglio la TV che i primi monitora fosfori verdi... Brrrr... :|
    • Marco santini scrive:
      Re: Tempi mitici
      ricordo il mitico programma a fine manuale...8 pagine di basic per vedere una mongolfiera stilizzata fare la diagonale dello schermo!
      • sentinel scrive:
        Re: Tempi mitici
        - Scritto da: Marco santini
        ricordo il mitico programma a fine manuale...8
        pagine di basic per vedere una mongolfiera
        stilizzata fare la diagonale dello
        schermo!Si una volta si prese coraggio ed alternandosi in due persone(una dettava e l'altra digitava) alla fine si completòpure quel rito di iniziazione informatica... ;)
  • styx scrive:
    "diverse versioni di c64"
    alcune anche portatili. E' un po forte come affermazione.Di c64 vero e proprio ce n'e' stato uno (o cinque, se _proprio_ guardiamo con un occhio piu allargato** ,ma tutte le cose "chiave" erano le stesse). Nessuno "portatile"Le altre perlopiu' sono REVISIONI del medesimo hw (stile c64c/c64g, impatto pressoche' nullo), "scatole commerciali" stile c64aldi o prototipi.Gli unici che si discostano effettivamente un po sono :- l'SX64 (trasportabile da 11kg con monitor e 1541 integrato ,assenza porta tape e relativo kernal mod, differente userport ecc) - il Commodore MAX (che era per il mercato jappa - un proto-c64 con assenza di porte ecc)- la console Commodore 64 Games System (assenza tastiera e certe porte, kernal po diverso, ecc)- quel c64 reincassato in un case del PET (solo mercato Usa)Di questi, che avevano effettivamente qualche variazione sostanziale (anche se non profonda), l'unico IMHO "vero" prodotto era il SX64... gli altri erano mezzi prototipi ben poco pubblicizzati e sviluppatiIl C64DTV , il Chameleon e le altre 24 diavolerie inventate DOPO la morte della Commodore, ovviamente non sono dei commodore 64... bellizzimi cosetti per carita'... ma non li chiamerei "una versione del c64"W il C64! :)
  • Il Gargilli scrive:
    Qualcuno si ricorda..
    .. il Koala Painter! :DIo ne fui letteralmente rapito. Un software che, per l'epoca, fu davvero un miracolo. Feci diversi disegni con quel programma, che dovrei ancora avere in qualche floppy (sempre che con il tempo non si siano smagnetizzati)Esisteva anche un ottimo software per copiare e spostare grandi quantità di dati, che fondamentalmente usava la ram come immagazzinamento, per poi riversare nel floppy successivo.. ma non ricordo il nomeAloha!
    • Il Gargilli scrive:
      Re: Qualcuno si ricorda..
      L O LL'ho trovato.. mitico!!https://en.wikipedia.org/wiki/Fast_Hack%27em
      • styx scrive:
        Re: Qualcuno si ricorda..
        - Scritto da: Il Gargilli
        L O L

        L'ho trovato.. mitico!!

        https://en.wikipedia.org/wiki/Fast_Hack%27emroba tosta :) io non ho memoria particolare di questi sw di copia... a parte le cartridge... la Isepic e un altra (clonate :P) le ho ancora... (non erano ovviamente la stessa cosa..)
      • grubbolo scrive:
        Re: Qualcuno si ricorda..
        - Scritto da: Il Gargilli
        L O L

        L'ho trovato.. mitico!!

        https://en.wikipedia.org/wiki/Fast_Hack%27emIl Fast Hack'Em aveva molte modalità di funzionamento che erano a tutti gli effetti vari programmi a se stanti che condividevano di massima l'interfaccia.Tra queste ve n'era una a doppio drive e persino una che programmava la copia direttamente nella RAM del floppy drive e poi procedeva alla copia dopo un reset e senza l'aiuto del C64.Prima di lui il software di copia più usato era stato il Double Image (http://noname.c64.org/csdb/release/?id=47038), mentre la palma del più veloce spetta indubitabilmente al Burstnibbler che grazie allo SpeedDos permetteva di copiare un intero disco in 15 secondi.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Qualcuno si ricorda..
      Me lo ricordo.... io non ce l'avevo :'( , ma era citato su tutte le riviste dell'epoca.
    • styx scrive:
      Re: Qualcuno si ricorda..
      - Scritto da: Il Gargilli
      .. il Koala Painter! :D

      Io ne fui letteralmente rapito. Un software che,
      per l'epoca, fu davvero un miracolo. Feci diversi
      disegni con quel programma, che dovrei ancora
      avere in qualche floppy (sempre che con il tempo
      non si siano
      smagnetizzati)si certo che mi ricordo :) salvava la bitmap in modo molto semplice e infatti i file koala erano diventati un po uno standard... ma avevi anche la "mitica" tavoletta grafica? (in teoria il sw nacque per/con quella)

      Esisteva anche un ottimo software per copiare e
      spostare grandi quantità di dati, che
      fondamentalmente usava la ram come
      immagazzinamento, per poi riversare nel floppy
      successivo.. ma non ricordo il
      nomeeh buonanotte ..per c64 esisteranno 1729 programmi di copia diversi.. non so :)
      • Il Gargilli scrive:
        Re: Qualcuno si ricorda..
        [..si certo che mi ricordoSorride salvava la bitmap in modo molto semplice e infatti i file koala erano diventati un po uno standard... ma avevi anche la "mitica" tavoletta grafica? (in teoria il sw nacque per/con quella)..]Ahahah! No, la tavoletta non la avevo, però me l'hai fatta ricordare :)[..per c64 esisteranno 1729 programmi di copia diversi.. non so :)..]Guarda, ti posso assicurare che come Fast Hack'em non esisteva niente.Davvero, era avanti anni luce rispetto agli altri. Ricordo ancora che, spesso e volentieri, andavo a casa di questo amico con il mio 1541 (originale, non quello piccolino) e lo collegavo al suo.. e facevo copie on-the-fly di interi floppy in mezzo minuto.Un saluto
        • Prugnoso scrive:
          Re: Qualcuno si ricorda..
          Mai capito perché davanti risultava 154I (con la i di imola) e dietro il model name risultava invece 1541
        • Joe Tornado scrive:
          Re: Qualcuno si ricorda..
          Io utilizzavo un programmetto chiamato Super Copy '86 ... in quattro passate copiava un disco su un altro, con tutte le protezioni !
    • norman scrive:
      Re: Qualcuno si ricorda..
      uh si' ce l'avevo! e poi quelle riviste di giochi in edicola?
      • Prugnoso scrive:
        Re: Qualcuno si ricorda..
        - Scritto da: norman
        uh si' ce l'avevo! e poi quelle riviste di giochi
        in
        edicola?Due su tutte. New Special Playgames e Special Program (per i patiti della cassettina) :D
    • Stefanino scrive:
      Re: Qualcuno si ricorda..
      - Scritto da: Il Gargilli
      .. il Koala Painter! :DCome non ricordarlo![yt]5MerukXSZTI[/yt]
      • nome e cognome scrive:
        Re: Qualcuno si ricorda..
        - Scritto da: Stefanino
        - Scritto da: Il Gargilli

        .. il Koala Painter! :D

        Come non ricordarlo!Anche a me è venuto in mente quel film, in realtà la scena prima...[yt]http://www.youtube.com/watch?v=u8Bi5JxwKN8[/yt]
        • nome e cognome scrive:
          Re: Qualcuno si ricorda..
          - Scritto da: nome e cognome
          - Scritto da: Stefanino

          - Scritto da: Il Gargilli


          .. il Koala Painter! :D



          Come non ricordarlo!

          Anche a me è venuto in mente quel film, in realtà
          la scena
          prima...
          [yt] http://www.youtube.com/watch?v=u8Bi5JxwKN8 [/yt]
  • uno qualsiasi scrive:
    Non ha lasciato discendenti?
    I proXXXXXri ARM hanno una architettura che discende da quella del commodore 64 (o meglio, dall'acorn BBC, che comunque usava il 6502 come il commodore 64).Il primo proXXXXXre ARM fu usato su un computer chiamato Archimedes, ed all'epoca la sigla ARM significava Acorn Risc Machine. L'architettura era derivata dal 6502 in modo da mantenere una compatibilità parziale con il vecchio BBC.
    • _bubu_ scrive:
      Re: Non ha lasciato discendenti?
      Questa l'hai sentita al bar sotto casa?L'ARM è un RISC 32 bit, il 6502 un CISC 8 bit.Come paragonare le mele con le pere....
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Non ha lasciato discendenti?
        http://it.wikipedia.org/wiki/Architettura_ARM#Storia
        • bufale scrive:
          Re: Non ha lasciato discendenti?
          il termine RISC, si riferisce alla semplicità delle istruzioni ( non al fatto che ce ne sono poche nell'instruction set di una CPU ) di una CPU. Sotto questo aspetto, il 6502 segue una filosofia che e' antitetica a quella risc disponendo di istruzioni che possono indirizare la memoria applicando offset contenuti in registri a indirizzi di base memorizzati in ram ( duplice livello di indirezione!). ProXXXXXri come l'8080 e lo z80 nonche i x86 progenitori dei moderni pentium, richiedevano piu' istruzioni per emulare un'indirizzamento pre/post indexed del 6502. Quindi questo proXXXXXre e' paradossalemente piu' CISC di altri. La realtà e' che questa CPU era architetturalmente molto semplice, il che consentiva di avere opcode che stavano in un byte. Anche il numero di registri era ridotto all'osso, fattore tuttaltro che positivo. Tutto li.
    • bufale scrive:
      Re: Non ha lasciato discendenti?
      - Scritto da: uno qualsiasi
      I proXXXXXri ARM hanno una architettura che
      discende da quella del commodore 64 (o meglio,
      dall'acorn BBC, che comunque usava il 6502 come
      il commodore
      64).

      Il primo proXXXXXre ARM fu usato su un computer
      chiamato Archimedes, ed all'epoca la sigla ARM
      significava Acorn Risc Machine. L'architettura
      era derivata dal 6502 in modo da mantenere una
      compatibilità parziale con il vecchio
      BBC.Questa caz zz a t a la lanciata un qualche cogli ... che di cpu ne capisce quanto un uomo del paleolitico e si e' diffusa a macchia d'olio. C'e' ancora qualcuno che ogni tanto se ne esce con la storia del 6502 antenato del RISC. Veramente triste...
  • pjt scrive:
    Che tempi...
    ... che erano quelli: tante piattaforme in competizione, spazio per tutti, e possibilità per chiunque di fare soft in maniera semplice...Che nostalgia...Comunque lo ZX Spectrum era meglio ;) (giosto per ircordar le flame war dei tempi)
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Che tempi...

      Comunque lo ZX Spectrum era meglio ;) (giosto per
      ircordar le flame war dei
      tempi)Io con il commodore potevo far girare i programmi su cassetta dello spectrum (esisteva l'emulatore... probabilmente uno dei primi emulatori della storia). Tu, con lo spectrum, non potevi far girare i programmi del commodore (nonostante lo spectrum avesse un proXXXXXre più veloce)
      • panda rossa scrive:
        Re: Che tempi...
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Comunque lo ZX Spectrum era meglio ;) (giosto
        per

        ircordar le flame war dei

        tempi)

        Io con il commodore potevo far girare i programmi
        su cassetta dello spectrum (esisteva
        l'emulatore... probabilmente uno dei primi
        emulatori della storia). Tu, con lo spectrum, non
        potevi far girare i programmi del commodore
        (nonostante lo spectrum avesse un proXXXXXre più
        veloce)Non che emulasse tutto...Ad ogni buon conto a quei tempi non c'era quasi nessun problema tra sedia e tastiera. C'e' da chiedersi perche'.
        • pjt scrive:
          Re: Che tempi...
          - Scritto da: panda rossa
          Ad ogni buon conto a quei tempi non c'era quasi
          nessun problema tra sedia e tastiera. C'e' da
          chiedersi
          perche'.Quei problemi c'erano anche allora. Solo che c'era meno gente e più disponibilità ad aiutare gli altri...
          • mura scrive:
            Re: Che tempi...
            - Scritto da: panda rossa
            Oggi invece: "NON FUNZIONA PIU' IL COMPUTER! IO
            NON HO FATTO NIENTE!" e trovi il cavo di rete
            infilato nella 220V.Si oppure non appena hanno un problema ti smollano tutto e pretendono che tu gli metti a posto le XXXXXte che hanno combinato senza nemmeno chiedersi il perchè e/o sbattersi un minimo per imparare a non rifarle.
          • Findi scrive:
            Re: Che tempi...
            soldi facili...;-)
          • pippo75 scrive:
            Re: Che tempi...

            La differenza era che a quel tempo c'era gente
            disposta a chiedere e farsi aiutare, disposta a
            capire e volonterosa di imparare.queste persone ci sono ancora, solo che è cresciuto il numero di persone formato "pappa pronta".Comunque dal punto di vista informatico oggi è molto meglio, Pensa solo ad internet, acXXXXX ad una quantità infinita di materiale.Poi il costo del materiale, quando un lettore di floppy disk costava 1.000.000 lire. Dischetti da 300kb circa. Oggi con 30 euro compri una chiavetta con capacità 16.000.000KB, diciamo circa tanti dischetti.Una volta i 16 colori andavano bene, oggi sono 16milioni di colori......................
          • Findi scrive:
            Re: Che tempi...
            ...e gli spari il prezzo di un pc nuovo (+ manodopera)...altrimenti si possono rivolgere:1) all'ipermercato e arrangiarsi2) all'apple store e arrangiarsimi raccomando, mai niente gratis a chi pecca di comodità!!;-)
      • iome scrive:
        Re: Che tempi...
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Comunque lo ZX Spectrum era meglio ;) (giosto
        per

        ircordar le flame war dei

        tempi)

        Io con il commodore potevo far girare i programmi
        su cassetta dello spectrum (esisteva
        l'emulatore... probabilmente uno dei primi
        emulatori della storia). Tu, con lo spectrum, non
        potevi far girare i programmi del commodore
        (nonostante lo spectrum avesse un proXXXXXre più
        veloce)Il Commodore sta all'iphone come lo spectrum sta a GNU/linux.I fighetti cerebrolesi prendevano i C64, gli smanettoni col saldatore lo ZX Spectrum.Nulla e' cambiato.
        • Joe Tornado scrive:
          Re: Che tempi...

          Il Commodore sta all'iphone come lo spectrum sta
          a
          GNU/linux.
          I fighetti cerebrolesi prendevano i C64, gli
          smanettoni col saldatore lo ZX
          Spectrum.A me il C64 fu regalato senza averlo prima chiesto ... basta questo per appormi l'etichetta di fighetto cerebroleso ?
          Nulla e' cambiato.Confermo ... purtroppo non ci libereremo mai di certa gente ...
          • panda rossa scrive:
            Re: Che tempi...
            - Scritto da: Joe Tornado
            A me il C64 fu regalato senza averlo prima
            chiesto ... basta questo per appormi l'etichetta
            di fighetto cerebroleso ?Quelli che ricevono in regalo l'ipad senza averlo chiesto come sono?


            Nulla e' cambiato.

            Confermo ... purtroppo non ci libereremo mai di
            certa gente
            ...Ci pensera' la crisi...
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Che tempi...


            A me il C64 fu regalato senza averlo prima

            chiesto ... basta questo per appormi
            l'etichetta

            di fighetto cerebroleso ?

            Quelli che ricevono in regalo l'ipad senza averlo
            chiesto come
            sono?Trova un altro parametro di confronto : a me il C64 fu regalato nel 1989, era il computer che costava di meno !
          • iRoby scrive:
            Re: Che tempi...
            - Scritto da: panda rossa
            Quelli che ricevono in regalo l'ipad senza averlo
            chiesto come sono?Oh pensa a qualcuno gli hanno regalato casa senza averlo chiesto... :Dhttp://www.adgnews24.com/2011/12/17/scajola-a-giudizio-a-roma-per-la-casa-pagata-a-sua-insaputa/
        • grubbolo scrive:
          Re: Che tempi...
          - Scritto da: iome
          - Scritto da: uno qualsiasi


          Comunque lo ZX Spectrum era meglio ;) (giosto

          per


          ircordar le flame war dei


          tempi)



          Io con il commodore potevo far girare i
          programmi

          su cassetta dello spectrum (esisteva

          l'emulatore... probabilmente uno dei primi

          emulatori della storia). Tu, con lo spectrum,
          non

          potevi far girare i programmi del commodore

          (nonostante lo spectrum avesse un proXXXXXre più

          veloce)

          Il Commodore sta all'iphone come lo spectrum sta
          a
          GNU/linux.
          I fighetti cerebrolesi prendevano i C64, gli
          smanettoni col saldatore lo ZX
          Spectrum.
          Nulla e' cambiato.Ma falla finita, che dopo due ore di uso vi si squagliavano tutti i tasti :P
        • ... scrive:
          Re: Che tempi...

          Il Commodore sta all'iphone come lo spectrum sta
          a
          GNU/linux.
          I fighetti cerebrolesi prendevano i C64, gli
          smanettoni col saldatore lo ZX
          Spectrum.
          Nulla e' cambiato.eh???? questa mi è nuova...evidentemente non sai cos'è il C64, se non per sentito dire :)era il pc MENO COSTOSO e sicuramente era per smanettoni, visto che di default ti buttava dentro un interprete basic...
      • pjt scrive:
        Re: Che tempi...
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Io con il commodore potevo far girare i programmi
        su cassetta dello spectrum (esisteva
        l'emulatore... probabilmente uno dei primi
        emulatori della storia). Tu, con lo spectrum, non
        potevi far girare i programmi del commodore
        (nonostante lo spectrum avesse un proXXXXXre più
        veloce)L'emulatore di ZX per C64 non lo ricordo: comunque doveva andare vermente piano, dovendo emulare una CPU più veloce...Non è che ti confondi con l'emulatore ZX per L'Amiga (cempre Commodore)?
      • prova123 scrive:
        Re: Che tempi...
        Prova a fare girare Batman ... tanto per citarne uno ... poi ne parliamo :DSicuramente su quell'emulatore giravano i programmi in basic ... il C64 ed il 3D "non erano compatibili" sullo spectrum tutti i giochi più belli erano in 3D. Il C64 aveva di buono il 2D parallattico, una versione scarsa del 3D.Senza parlare del discorso programmazione...
        • bubba scrive:
          Re: Che tempi...
          - Scritto da: prova123
          Prova a fare girare Batman ... tanto per citarne
          uno ... poi ne parliamo
          :D

          Sicuramente su quell'emulatore giravano i
          programmi in basic ... il C64 ed il 3D "non erano
          compatibili" sullo spectrum tutti i giochi più
          belli erano in 3D. Il C64 aveva di buono il 2D
          parallattico, una versione scarsa del
          3D.
          Senza parlare del discorso programmazione...MAH... non so dire se tutti i giochi piu belli sullo spectrum fossero in 3D, ma sicuramente non vedo come potrebbero essere migliori di quelli su C64, visto che era inferiore in TUTTO(*) tranne il clock della cpu... capisco che questo parametro puo essere importante per la velocita' di calcolo di oggetti 3d... ma immagino che essere compensato con sprite e gestione irq/collisioni ... diciamo che saranno mediamente pari ,vah :P)(*)mi riferisco a suono, colori/risoluzioni, gestione collisioni, sprite..
          • panda rossa scrive:
            Re: Che tempi...
            - Scritto da: bubba
            MAH... non so dire se tutti i giochi piu belli
            sullo spectrum fossero in 3D,Piu' bello e' un concetto soggettivo.I giochi in 3D isometrica erano sicuramente affascinanti, ma se poi manca la giocabilita', alla fine non puoi mica dare un giudizio complessivo elevato.Ant Attack era molto giocabile.Knight Lore lo era sicuramente meno, per quanto mi riguarda.
            ma sicuramente non
            vedo come potrebbero essere migliori di quelli su
            C64, visto che era inferiore in TUTTO(*) tranne
            il clock della cpu...Per questo motivo i giochi dell'epoca erano differenziati per piattaforma.Difficilmente c'era il titolo sia per una macchina che per l'altra.E quando c'era, uno dei due era un porting inguardabile.I giochi per C64 sfruttavano le caratteristiche di quell'hardware.I giochi per ZX sfruttavano le caratteristiche di quell'hardware.La cosa che mi affascinava era invece come, con sofisticatissime tecniche di software, fossero riusciti a superare parecchi limiti dell'hardware dello ZX, facendo musiche a due voci basate sul buzzer, o gestendo le collisioni di sprite riducendo al minimo il colour clash.
            capisco che questo parametro puo essere
            importante per la velocita' di calcolo di oggetti
            3d... ma immagino che essere compensato con
            sprite e gestione irq/collisioni ... diciamo che
            saranno mediamente pari ,vah
            :P)E diciamolo.
          • bubba scrive:
            Re: Che tempi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: bubba


            MAH... non so dire se tutti i giochi piu
            belli

            sullo spectrum fossero in 3D,

            Piu' bello e' un concetto soggettivo.
            I giochi in 3D isometrica erano sicuramente
            affascinanti, ma se poi manca la giocabilita',
            alla fine non puoi mica dare un giudizio
            complessivo
            elevato.
            Ant Attack era molto giocabile.
            Knight Lore lo era sicuramente meno, per quanto
            mi
            riguarda.si "bello" e' soggettivo ovviamente ,si faceva una valutazione a spanne.. concordo con la faccenda giocabilita'.Cionondimeno ho buttato il nome su google e a veder le schermate non mi sembravano queste gran cose inarrivabili per un C64... ho pensato subito a zaxxon (x dire).Poi ho letto su en.wiki"While both Q*bert and Zaxxon used isometric projection, the shading and extra degree of freedom (ability to go up and down instead of just north, south, east and west) introduced in Ant Attack were innovative for personal computer game of the time. The author himself has proposed that it "...was the first true isometric 3D game...".[1]"Allora mi sono detto "AH OK, allora ci sta.. non era una considerazione prestazionale ma di 'primato'"... perche, anche vedendo Ant Attak su youtube, a parte l'"averlo fatto prima", non mi sembra di vedere niente di non fattibile su un C64... direi al 99% quel che lo speccy poteva guadagnare in velocita' di calcolo, lo perdeva per ridisegnare la bitmap e gestire le collisioni... problemi che il c64 aveva infinitamente di meno, potendo contare sui 8 sprite hw ("truccabili" per diventare 16 ecc).Il tutto con risoluzione superiore volendo (e/o maggiori colori..)
            Per questo motivo i giochi dell'epoca erano
            differenziati per
            piattaforma.
            Difficilmente c'era il titolo sia per una
            macchina che per
            l'altra.
            E quando c'era, uno dei due era un porting
            inguardabile.

            I giochi per C64 sfruttavano le caratteristiche
            di
            quell'hardware.
            I giochi per ZX sfruttavano le caratteristiche di
            quell'hardware.Mah si e no.... cioe in generale il ragionamento fila... (a volte pur essendoci l'hw piu che adatto, si facevano porting orrendi) ma poveretto lo speccy sul campo audio-video era proprio inferiore ...potevi avere altre "commodity" ..chesso' l'usare un registratore standard... o altre che non mi sovvengono :P
            La cosa che mi affascinava era invece come, con
            sofisticatissime tecniche di software, fossero
            riusciti a superare parecchi limiti dell'hardware
            dello ZX, facendo musiche a due voci basate sul
            buzzer, o gestendo le collisioni di sprite
            riducendo al minimo il colour
            clash.Eri uno spectrumaro? allora anche tu hai dei difetti :DCmq sicuramente quelle macchinette, impegnandosi per sfruttare al max l'hw, tiravano fuori cose impensate... (ma le magie pero' no ..gli sprite proprio lo speccy non li aveva).Pensa, io -tecnicamente- il c64 non l'ho mai avuto xche sono passato da tanto tempo col vic20, al salto con c128 e 1570. Il c128 aveva DECISAMENTE cose piu interessanti del c64 (a parte lo z80 intendo)... la ram, il clock a 2mhz in fastblank, e la cpu grafica.. il curiosissimo VDC.. con una gestione talmente incasinata, che SOLO IN TEMPI RECENTI sono riusciti a carpirne dettagli 'segreti' per fargli fare cose 'impossibili'

            capisco che questo parametro puo essere

            importante per la velocita' di calcolo di
            oggetti

            3d... ma immagino che essere compensato con

            sprite e gestione irq/collisioni ... diciamo
            che

            saranno mediamente pari ,vah

            :P)

            E diciamolo.Si diciamolo.. ma imho per quanto riguarda i game 3D sono stato troppo buonista :)
          • prova123 scrive:
            Re: Che tempi...
            Sullo spectrum er possibili utilizzare anche il bordo, con un amico avevamo scritto una routine che permetteva di scrivere del testo che scrollava sul bordo superiore dello schermo (quello delle righine durante il loading): l'avevamo utilizzata per le nostre personali cassette come intro ;) :'(
          • prova123 scrive:
            Re: Che tempi...
            mi ricordo che avevo craccato il mitico turbo di G.B.MAX e mi ero fatto un editor per configurare i parametri per il carico dei blocchi di programma e della scelta dei colori delle righine di loading ... codice macchina disassemblato e riassemblato a "mano" (con gli array di data) è stato il primo programma che ho craccato :'(
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Che tempi...
            Ci si è riusciti anche con il C64 ! (lo ricordo su alcune demo e schermate di caricamento di Turrican II versione disco)
          • bubba scrive:
            Re: Che tempi...
            - Scritto da: prova123
            Sullo spectrum er possibili utilizzare anche il
            bordo, con un amico avevamo scritto una routine
            che permetteva di scrivere del testo che
            scrollava sul bordo superiore dello schermo
            (quello delle righine durante il loading):
            l'avevamo utilizzata per le nostre personali
            cassette come intro ;)
            :'(de facto anche sul c64... magie del vertical raster e degli sprite... cmq onore e gloria a chi spendeva settimane a cercare trick sul VIC-II (e sul omologo speccy)... io rispetto alla media dei miei conoscenti ero certamente un hacker, ma c'era gente 1000 volte + esperta (e poi cmq non avevo pazienza di stare 2 mesi per scrivere sw 'serio', bitmap & co incluse ... e inoltre per lungo tempo in realta mi sono dedicato al vic20 ... dove mi divertivo tra l'altro a dumpare su nastro(!) le cartridge che prendevo a noleggio(!!)
          • grubbolo scrive:
            Re: Che tempi...
            - Scritto da: prova123
            Sullo spectrum er possibili utilizzare anche il
            bordohttp://www.c64.com/interviews/honig.html
          • prova123 scrive:
            Re: Che tempi...
            Comunque Starstrike 3D era in soggettiva ... ;)
Chiudi i commenti