Ci sarà un telefono Microsoft: ma non Pink

Per la prima volta BigM sembra decisa a lanciare un design di riferimento che semplifichi lo sviluppo di nuovi smartphone con Windows Mobile. Mentre il telefono made in Redmond sembra svanito per sempre

Roma – Nel tentativo di favorire la diffusione del proprio sistema operativo mobile, e di far decollare insieme ad esso il suo nuovo app store Marketplace , Microsoft fornirà ai produttori di device un design di riferimento che semplifichi la progettazione di smartphone basati su Windows Mobile.

A rivelarlo è Andy Lees, vicepresidente del gruppo Mobile Communication di Microsoft, che in una intervista a IDG News Service ha detto che con questa mossa la sua azienda vuole introdurre nel settore dei telefoni mobili un processo di sviluppo simile a quello utilizzato dai produttori di PC.

Sebbene Lees non abbia fornito alcun dettaglio sul futuro design di riferimento di Microsoft, generalmente tali progetti descrivono i componenti base di un dispositivo e come questi lavorano insieme: lo scopo è quello di fornire ai produttori un progetto già definito a basso livello ma ampiamente personalizzabile ad alto livello , dunque capace di tagliare i tempi e i costi di sviluppo dei nuovi apparecchi senza negare ai produttori la possibilità di differenziare i loro prodotti da quelli della concorrenza.

Il lancio di un design di riferimento potrebbe significare l’arrivo sul mercato di smartphone con Windows Mobile più economici , capaci di rivaleggiare con quelli basati su Symbian, Android e altre piattaforme mobili anche nella fascia bassa del mercato. Del resto Microsoft sta rifocalizzando il proprio business legato a Windows Mobile sulla vendita di contenuti, servizi e applicazioni , e in quest’ottica il neonato Marketplace introdotto con Windows Mobile 6.5 è destinato a giocare un ruolo molto importante.

Ma se da un lato Microsoft propone reference design per smartphone basati su Windows Mobile, dall’altro latro c’è chi afferma che l’azienda abbia praticamente abbandonato il suo progetto “segreto” Pink per lo sviluppo di uno smartphone col suo marchio.

Secondo quanto dichiarato a AppleInsider da una fonte rimasta anonima, Microsoft non avrebbe saputo sfruttare l’esperienza e le capacità del team di Danger , un produttore californiano di smartphone acquisito nel 2008: al contrario, il colosso di Rredmond avrebbe licenziato parte degli ex-impiegati Danger e “spinto” al licenziamento molti altri. Chi ha lasciato il progetto di sua iniziativa lo avrebbe fatto perché frustrato dall’indifferenza con cui Microsoft avrebbe accolto le idee e i suggerimenti di chi, in Danger, aveva già lavorato allo sviluppo dello smartphone Sidekick .

Sempre secondo la fonte, nel progettare Pink Microsoft avrebbe commesso anche diversi errori strategici e tecnici , quali ad esempio il tentativo di sviluppare telefoni CDMA/EVDO che UMTS/HSPA a partire dallo stesso design: il problema, continua la fonte, è che le due versioni di Pink nessitano di chip e antenne radio completamente differenti, e ciò influisce in modo determinante sui relativi design hardware.

Se si dà fiducia a queste indiscrezioni, sembra dunque che la risposta di Microsoft a iPhone si materializzerà in modo differente, forse anche perché BigM ha sostanzialmente perso interesse verso un telefono che porti la sua firma: e l’annuncio di un imminente design di riferimento per smartphone di terze parti non fa che rafforzare questo sospetto.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Abbio scrive:
    Re: Gioco d'azzardo o Visione artificiale?
    Beh il sistema tutor è un sistema di visione artificiale molto, ma molto più semplice di quanto questo ragazzo voglia implementare nei casinò!!!Le telecamere devono solo riconoscere le autovetture distinguendole fra loro, spesso segmentando la taglia e riconoscendola.... ciò avviene all'inizio e alla fine del tratto tutor e si fa la media della velocità...Qui le telecamere devono riconoscere molteplici aspetti che derivano dall'attività del contare: non so se si faccia riferimento anche a gestualità facciali che il contatore non riesce a nascondere, comunque si deve correlare le puntate al punteggio di banco e giocatore.La differenza mi pare abissale!!!
  • Eretico scrive:
    Re: Contare NON E' barare
    Chiaro.Ma la cosa ai biXXXXXXeri da molto fastidio. Percui, pur essendo legale, ti mettono alla porta e comunque si sa benissimo chi è capo di queste organizzazioni al limite del legale se non proprio disonesti e con forti appoggi governativi.Se ti piace usare la testa in gioco dove nessuno te lo può vietare, ma anzi è ben accetta, gioca a scacchi. Anche nei tornei professionistici ci sono in palio un bel po di soldini.
    • Plissken scrive:
      Re: Contare NON E' barare
      Che schifo, era molto meglio quanto gli universitari erano contro questi succhiasoldi e non lobotomizzati dalla distopia capitalista.
      • Eretico scrive:
        Re: Contare NON E' barare
        C'è anche da dire che i soldi fanno comodo a tutti. Se tu avessi sviluppato un SW di questo tipo molto probabilmenti faresti la stessa cosa. Non ci vedo nulla di male e non me la prederei con gli universitari in questione. Nessuno ti o mi obbliga a giocare ai casinò reali o virtuali che siano.
  • nokiafan scrive:
    non solo
    sanno in tempo reale chi vinceeeeeeeeeee
Chiudi i commenti