Cina, 12 anni al cyberdissidente recidivo

Yang Tianshui, scrittore ed attivista democratico cinese, è stato condannato a 12 anni di reclusione. Era il promotore di una campagna via Internet per richiedere elezioni libere nella Repubblica Popolare
Yang Tianshui, scrittore ed attivista democratico cinese, è stato condannato a 12 anni di reclusione. Era il promotore di una campagna via Internet per richiedere elezioni libere nella Repubblica Popolare

Pechino – Uno scrittore cinese anticomunista, attivo sin dal 1989 e reduce da 10 anni di prigionia per reati d’opinione, è stato condannato a 12 anni di reclusione per aver promosso via Internet una campagna in favore del difficoltoso processo di democratizzazione. Tali attività sono esplicitamente proibite dalle istituzioni cinesi e vengono punite con pene estremamente severe.

Yang Tianshui, membro dell’associazione di scrittori International PEN , immaginava che la ” rivoluzione di velluto ” in chiave cinese avrebbe potuto sbocciare attraverso il passaparola telematico. Lo scrittore, attivo in politica e schierato dalla parte della democrazia sin dai fatti di Tienanmen, era già stato condannato a 10 anni di reclusione nel 1990.

La sentenza del tribunale popolare di Pechino, emessa nei giorni scorsi, parla di “sovversione” e “complotto ai danni dello stato”. “È innocente”, ha detto Li Jianquiang, l’avvocato dello scrittore, in un intervento pubblico raccolto dai reporter di Reuters . Le prove utilizzate dai magistrati per incastrare Yang, secondo alcune fonti locali, sono una raccolta di articoli pubblicati su svariati forum e blog. Contrariamente a quanto avvenuto in passato , nessuna azienda occidentale sembra coinvolta nella cattura e nell’incarcerazione del dissidente.

Tuttavia, come si apprende dai membri del Committee to Protect Journalist , Yang è finito dietro le sbarre perché sospettato di “collaborare con forze ostili basate all’estero”. Il celebre giornale russo Pravda offre una lettura ancora più dettagliata dell’accaduto, sul quale è immediatamente calato un alone di mistero da parte degli organi d’informazione cinesi: Yang avrebbe inviato impressioni, opinioni ed informazioni ad una “associazione per i diritti umani”, probabilmente Human Rights Watch o Human Rights in China .

Negli ultimi mesi le autorità della Repubblica Popolare hanno intensificato le attività antisovversive sul web, a caccia di scrittori e giornalisti da incarcerare per reati d’opinione. Questo giro di vite sta interessando soprattutto le province di Guangdong, Shandong e Jiangsu. Secondo il China Digital Times , gli organi di polizia telematica non vogliono soltanto catturare i dissidenti politici che si esprimono su Internet, ma anche i religiosi appartenenti a varie confessioni di matrice cristiana.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 05 2006
Link copiato negli appunti