Cina, carote e bastoni propagandistici

Pechino concede il libero accesso ai media stranieri. Nel contempo fa appello ai netizen per dimostrare che la Cina è unita contro le rappresentazioni di sé offerte dal resto del mondo

Roma – Concessioni e propaganda, una maggiore libertà di esprimersi e di informarsi e nel contempo una più influente azione di orientamento dell’opinione pubblica: la Cina sperimenta le strategie di comunicazione in rete in vista delle prossime Olimpiadi, dosando con oculatezza apertura e iniezioni di nazionalismo mediatico. Wikipedia è ora accessibile, ma sta raccogliendo numerosissime adesioni una petizione che si scaglia contro la parzialità con cui i media occidentali stanno rappresentando il dipanarsi degli eventi in Tibet .

È accaduto nei giorni scorsi per BBC: improvvisamente i cittadini della rete cinesi hanno avuto la possibilità di accedere alla versione inglese del sito. Ora anche la versione in inglese di Wikipedia è accessibile al di là della grande muraglia.

L’enciclopedia libera ha sempre funzionato a singhiozzo per gli utenti della Repubblica Popolare: la revoca del bando non appare un segnale sincero di apertura in quanto alcune voci sensibili continuano ad essere inaccessibili.

Si tratta di una mossa mediatica in vista dell’avvicinarsi delle Olimpiadi, una reazione alle lasche raccomandazioni dispensate dal Comitato Olimpico, spiegano gli osservatori. Si tratta di una sfaccettatura della vasta strategia messa in atto dalla macchina propagandistica locale: allentare la tensione censoria, spingendo contemporaneamente sull’orgoglio nazionalistico dei propri cittadini.

Il secondo aspetto della tattica di Pechino sembra essere ben esemplificato da una petizione pubblicata su Sina.com , il portale dedicato all’intrattenimento che vanta milioni di utenti di lingua cinese disseminati in tutto il globo. L’obiettivo della petizione? Testimoniare al mondo che i cittadini cinesi sanno scindere realtà da sensazionalismo, che riconoscono come i media occidentali usino una lente deformante per leggere gli avvenimenti in Tibet, che sono pienamente soddisfatti di come Pechino stia gestendo la situazione a Lhasa.

La petizione di Sina.com

Sono oltre 2 milioni le adesioni, adesioni che aumentano al ritmo di 10mila all’ora, sospinte dalla visibilità che i servizi di informazione di tutto il mondo stanno offrendo all’iniziativa. Sono oltre due milioni coloro che ritengono che “CNN, BBC e altri media occidentali abbiano rappresentato in maniera falsa o distorta i violenti episodi di vandalismo avvenuti all’inizio di marzo a Lhasa”. Tutti i firmatari si scagliano contro i media esteri, tutti i firmatari sostengono con orgoglio l’impegno della nazione in cui vivono. Se la maggior parte delle adesioni proviene dalle regioni della Cina, sono oltre 50mila le firme lasciate da netizen localizzati all’estero . È questa una petizione che mira ad infiammare lo spirito nazionalistico della popolazione: uno strumento che facendo leva sul senso di appartenenza non può che consolidare l’ opinione pubblica ufficiale .

Anche questo aspetto della strategia sembra essere stato accuratamente studiato dalle autorità di Pechino: Reporters Sans Frontières ha pubblicato un documento ottenuto da una fonte anonima. Redatto dalle autorità locali nel 2007 in vista delle Olimpiadi, nel documento si pianifica una tattica per gestire al meglio media e opinione pubblica: si parla di bilanciare apertura e propaganda , di mostrarsi disponibili alla libera circolazione delle idee senza rinunciare a controllare e ad indirizzare i flussi di informazione. Il documento prevede una menzione speciale per le strategie da adottare sul web: si parla di consolidare la propria presenza in rete, si parla di aumentare il livello dell’orientamento delle opinioni online.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Valerio Billera scrive:
    Dell e Ubuntu
    Spero vivamente che un'azienda come la Dell possa realmente diventare competitiva a livello mondiale, forse più di quanto lo è già. Non dimentichiamoci che è stata tre le prime a promuovere la vendita di Computer con Ubuntu preinstallato. Inoltre ho scoperto da poco, che hanno pure attivato un Repositories tutto loro proprio per ubuntu, grazie al quale la gente potrebbe perdere molto meno tempo nella ricerca dei driver e nel compiere svariate operazione, come quella, per esempio, dell'aggiornamento del BIOS. In questo articolo http://linux.billera.eu/?p=263 è spiegato sia come aggiungere i repositories Dell, che come aggiornare il Bios attraverso i pacchetti dei repositories Dell.
  • obm scrive:
    pessimo customer care
    ero intenzionato a comprare un dell senza windows[*] forte della possibilità di "personalizzare" i pc1) dal sito non ho trovato l'opzione per escludere l'oem preistallato2) il commerciale si è categoricamente rifiutato di togliere windows dal portatile perché (testuali parole) "l'azienda non può vendere senza sistema operativo". chiedere di mettere linux al posto di windows ha destato molta ilarità, ma mi era stato assicurato il diritto di recesso previsto nella licenza oem (il famoso rimborso)3) ho comprato il portatile tramite sito, è arrivato e l'ho avviato, ho constatato che la licenza di vista si può solo accettare (non esiste il rifiuto!), ho spento e formattato, poi ho garbatamente chiesto il rimborso con varie mail...- dapprima nessuna risposta- poi un garbato rifiuto- poi un secco rifiuto perché la clausola di recesso me la sarei sognata- poi la prima risposta non preconfezionata che mi domandava spiegazioni- poi una risposta in cui affermano che l'oem non sarebbe valida (quindi posso piratare windows?)- poi un "provi pure ma non rimborsiamo e le storie di rimborso sono leggende metropolitane"- poi un "aveva da comprarlo senza windows"- poi un "certo che lo vendiamo senza windows"- poi un "si pigli l'avvocato che da qui non la spunta"4) dopo un mese di discussioni quasi quotidiane ho contattato l'aduc che mi ha invitato a far da me e a informarli dell'esito5) alla fine dell mi ha mandato un modulo per valutare la qualità del customer care: ho fatto un pessimo commento, ma non sono mai stato contattato per ulteriori chiarimentigiudicate voi la correttezza di quest'azienda[*] uso linux, non voglio vista e ho comunque una licenza completa di xp
    • anonimo scrive:
      Re: pessimo customer care
      Te la stai prendendo con una delle aziende che offrono veramente un servizio di garanzia decente per una scemenza, si perchè quando Dell ha detto che averebbe equipaggiato computer con liunx hanno scontato solo di 70 euro i computer che lo installavano rispetto a windows, ma vabbe avresti diritto a quei 70 euro in meno se compravi un computer con linux installato, ma cosi non è stato.Per il resto è una cosa abbastanza spinosa perchè nel contratto d'acquisto tu accetti la licenza oem, e visto che non hai ottenuto ascolto prima di comprarlo avresti dovuto tenerti la licenza windows o non comprare affatto.
      • obm scrive:
        Re: pessimo customer care
        - Scritto da: anonimo
        Te la stai prendendo con una delle aziende che
        offrono veramente un servizio di garanzia decente
        per una scemenza,invece è molto grave prendere per i fondelli un cliente perché chi compra è quasi sempre in una situazione più debole perché non non è mai sensato imbarcarsi in cause contro simili colossi per pochi soldi.trovo anche grave che l'azienda non abbia fatto nulla dopo il mio commento negativo segno che il modulo di valutazione cade nel vuoto e non c'è una solida attenzione alla qualità.perdendo me dell ha perso anche i clienti che avrei portato (lavorando nel settore si parla anche di forniture per uffici) e otterrà anche una pessima pubblicità ogni volta che mi si chiederà un parere. contenti loro...
        Per il resto è una cosa abbastanza spinosa perchè
        nel contratto d'acquisto tu accetti la licenza
        oem, e visto che non hai ottenuto ascolto prima
        di comprarlo avresti dovuto tenerti la licenza
        windows o non comprare affatto.qui sbagli di grosso: quando compri accetti le condizioni di vendita e non l'oem di windows. per aggirare questo problema infatti alcuni (ma non dell) nelle condizioni di vendita scrivono che in caso di recesso dall'oem si considera nulla la vendita (contestabile come clausola vessatoria).
    • Bars scrive:
      Re: pessimo customer care
      Strano, forse non sei un utente aziendale. Io 4 mesi fa ho acquistato un Latitude e quando ho chiesto mi hanno detto che rifiutando Windows venivano tolti 30 euro (mi sembra, comunque la cifra era bassa). Gli ho detto di lasciarlo.Ora ne ho ordinato un altro con Windows. Sai cosa, mi sembra che i commerciali italiani (hanno sede a Cagliari) che rifilano adesso non se ne intendano molto. Il mio contatto attuale non conosce nemmeno i prodotti.Lo staff tecnico invece è eccellente, i problemi li risolvono in modo velocissimo e rispondono subito (almeno per la mia esperienza).Comunque riguardo alla qualità dei prodotti (nei notebook) io non comprerei da aziende che non siano Dell, Hp o Lenovo. I Thinkpad ad esempio sono delle rocce.
  • FridayChild scrive:
    Autogoal
    Pessima notizia. Era una delle ragioni per scegliere Dell, e nel mio caso si e' rivelata determinante in diversi casi.
  • Termite scrive:
    Si fregano molti clienti
    Secondo me si fregano parecchi clienti togliendo le personalizzazioni. Non dico le ca**te dei colori ma l'hardware é fondamentale... io per esempio quello schifo di schede video integrate Intel non le voglio!!!
  • Musikele scrive:
    fortunato possessore Dell customizzato
    Salve, ho comprato un computer Dell XPS M1330 verso febbraio. Le modifiche che ho fatto alla configurazione standard sono le seguenti: 1. batteria da 85W2. 3 gb di ram 3. processore da 2.0 ghz (mi sembra che di default ci fosse il 1.8)4. Nvidia 128 MB (di default c'era la Intel)- NON ho preso Office (c'era di default)- NON ho preso l'antivirus McAfee(ho installato antivir) purtroppo non potevo scegliere di prenderlo senza sistema operativo, lo sappiamo tutti come funzionano gli accordi tra aziende. E purtroppo pur non avendo scelto office mi sono ritrovato con Microsoft Works, che vi giuro, non ho mai usato. (ma a che serve? :S )Con queste modifiche arrivavo a pagarlo 1200...e poi garanzia per 3 anni + assicurazione danni accidentali 1 anno, 300 in più, quindi costo totale 1500.Nel complesso, ho cambiato poche cose perchè ho preferito l'assicurazione, ma se non l'avessi scelta sicuramente avrei preso un hd da 200 gb (ora è da 160 gb). Le mie conclusioni? Ho costruito il portatile su misura. Tutte le persone che conosco (studio informatica!) mi hanno chiesto "ma ti fidi a comprare un pc su internet?!" e poi quando l'hanno visto si sono rifatti gli occhi. Per me la possibilità di scegliere è stata fondamentale: nei negozi non trovavo nulla che mi soddisfasse completamente, mancava sempre qualcosa, e alla richiesta "ma l'assistenza chi me la fa?" tutti rispondevano: "ah beh non noi, noi vendiamo solo.." quindi alla fine se proprio deve succedere qualcosa, manco col negoziante puoi parlare. Per questo ho scelto Dell, che mi ha venduto un 13" ad un prezzo molto più basso di concorrenti come Sony o Hp, che tra l'altro non avevano le stesse caratteristiche (consideriamo sempre il prezzo senza assicurazione, che ci ho messo io di mia spontanea volontà). E' un po' come linux (che ho installato istantaneamente): la possibilità di scegliere è un diritto che gli sviluppatori mettono nelle tue mani, sta a te fare la scelta più adatta ai tuoi scopi. Altri non ti trattano così bene. E con altre soluzioni (proprietarie) sei vincolato: ti piace la collina con il cielo azzurro di sfondo? devi prenderti pure il pulsante start... Se Dell cambia la propria strategia, mi sentirò doppiamente fortunato ad averne approfittato nel momento giusto. Grazie!
    • mio nonno scrive:
      Re: fortunato possessore Dell customizzato
      - Scritto da: Musikele
      Salve,
      ho comprato un computer Dell XPS M1330 verso
      febbraio. Le modifiche che ho fatto alla
      configurazione standard sono le seguenti:

      1. batteria da 85W
      2. 3 gb di ram
      3. processore da 2.0 ghz (mi sembra che di
      default ci fosse il
      1.8)
      4. Nvidia 128 MB (di default c'era la Intel)

      - NON ho preso Office (c'era di default)
      - NON ho preso l'antivirus McAfee(ho installato
      antivir)

      purtroppo non potevo scegliere di prenderlo senza
      sistema operativo, lo sappiamo tutti come
      funzionano gli accordi tra aziende. E purtroppo
      pur non avendo scelto office mi sono ritrovato
      con Microsoft Works, che vi giuro, non ho mai
      usato. (ma a che serve? :S
      )

      Con queste modifiche arrivavo a pagarlo 1200

      ...e poi garanzia per 3 anni + assicurazione
      danni accidentali 1 anno, 300 in più, quindi
      costo totale
      1500.

      Nel complesso, ho cambiato poche cose perchè ho
      preferito l'assicurazione, ma se non l'avessi
      scelta sicuramente avrei preso un hd da 200 gb
      (ora è da 160 gb).


      Le mie conclusioni?
      Ho costruito il portatile su misura. Tutte le
      persone che conosco (studio informatica!) mi
      hanno chiesto "ma ti fidi a comprare un pc su
      internet?!" e poi quando l'hanno visto si sono
      rifatti gli occhi. Per me la possibilità di
      scegliere è stata fondamentale: nei negozi non
      trovavo nulla che mi soddisfasse completamente,
      mancava sempre qualcosa, e alla richiesta "ma
      l'assistenza chi me la fa?" tutti rispondevano:
      "ah beh non noi, noi vendiamo solo.." quindi alla
      fine se proprio deve succedere qualcosa, manco
      col negoziante puoi parlare. Per questo ho scelto
      Dell, che mi ha venduto un 13" ad un prezzo molto
      più basso di concorrenti come Sony o Hp, che tra
      l'altro non avevano le stesse caratteristiche
      (consideriamo sempre il prezzo senza
      assicurazione, che ci ho messo io di mia
      spontanea volontà).

      E' un po' come linux (che ho installato
      istantaneamente): la possibilità di scegliere è
      un diritto che gli sviluppatori mettono nelle tue
      mani, sta a te fare la scelta più adatta ai tuoi
      scopi. Altri non ti trattano così bene. E con
      altre soluzioni (proprietarie) sei vincolato: ti
      piace la collina con il cielo azzurro di sfondo?
      devi prenderti pure il pulsante start...


      Se Dell cambia la propria strategia, mi sentirò
      doppiamente fortunato ad averne approfittato nel
      momento giusto.


      Grazie!anchio ho un portatile della dell ( un vostro 1700) e la personalizzazione e una gran cosa :)
      • Funz scrive:
        Re: fortunato possessore Dell customizzato
        - Scritto da: mio nonno[cut 100 righe quotate]
        anchio ho un portatile della dell ( un vostro
        1700) e la personalizzazione e una gran cosa
        :)http://www.youtube.com/watch?v=kCscWlOiXd0
    • dodies scrive:
      Re: fortunato possessore Dell customizzato
      salve, sono interessato all'xps1330.Due domande e da quello che hai scritto penso possa proprio rispondermi.Durata batteria con il sistema in uso? è realmente vicino ad un mac come autonomia? o bisogna aspettarsi i cali drastici della possibilità di lavoro?Linux: se riuscito a far funzionare tutto? compreso multimedia...telecomando e simili?Ti ringrazio per le risposte che vorrai darmi.saluti.
      • TodoTeatro scrive:
        Re: fortunato possessore Dell customizzato
        Allora, riguardo alla batteria, io ho solo quella da 85W. Sporge 3 cm fuori dal pc ma ti permette di lavorare 3 ore senza corrente, mentre se non lavori arriva anche a 5. Sotto linux sono riuscito a far funzionare tutto, compreso il lettore di impronte digitali.Purtroppo mancano i software per fare tutto ma è una figata fare il login passando il dito... I tasti magici (stop play e pause) li ha riconosciuti da solo, e il telecomando lo stesso. chicche: la batteria ha, dietro, un comodo pulsantino che se premuto ti avvisa tramite led quanta carica è rimasta. (dicono ce ce l'hanno pure i mac sta cosa). Funziona anche staccata dal pc
        • TodoTeatro o Musikele scrive:
          Re: fortunato possessore Dell customizzato
          sono sempre io a seconda della notizia mi firmo in modo diverso... mea culpa
        • dodies scrive:
          Re: fortunato possessore Dell customizzato
          Grazie della risposta.Si sono funzioni simili a quelle dei mac...devo provare a fare alcuni preventivi e valutare l'acquisto.Tieni conto che un macbook con 1400 permette di lavorare (per quello che ho trovato io come indicazioni) attorno alle 4/5 ore.Buon proseguo. Do#
    • Gi. R. scrive:
      Re: fortunato possessore Dell customizzato
      sono decisamente d'accordo con te.sono un fortunato possessore del XPS M1330, un notebook davvero stupendo (tra l'altro in versione (RED) è ancora più bello) con una configurazione personalizzata ad hoc (prezzo simile al tuo) con garanzia di 3 anni ed assistenza tecnica a domicilio. Più un anno di garanzia per danni accidentali (con sostituzione del pc)è il mio quarto DELL in 10 anni (tutt'ora il primo vecchio inspiron 8000 funziona) e sono sempre stato molto più che soddisfatto...speriamo che non cambino troppo le politiche adottate... c'è gente, come me, che ha sempre cercato la personalizzazione come requisito fondamentale per procedere all'acquisto di un pc (portatile e non)
  • vac scrive:
    Troppe Poche Opzioni.
    Già le opzioni erano poche, ora andra' anche peggio.
  • MAH scrive:
    Acer li sta facendo tutti neri.
    Prezzi troppo bassi,nessuno è in grado di competere.
    • Ottav(i)o Nano scrive:
      Re: Acer li sta facendo tutti neri.
      E sta facendo neri anche gli utenti, il mio notebook (aziendale) dopo un anno di lavoro si è guastato irreparabilmente, così come quello di due miei colleghi.E i prezzi degli HP sono ultraconcorrenziali.Comunque, intendiamoci, non è che gli HP non si rompano mai; però la loro assistenza è ciò che fa la differenza
      • paoloholzl scrive:
        Re: Acer li sta facendo tutti neri.

        E i prezzi degli HP sono ultraconcorrenziali.
        Comunque, intendiamoci, non è che gli HP non si
        rompano mai; però la loro assistenza è ciò che fa
        la
        differenza ..Gli Acer che nel tempo abbiamo acquistato avevano un ottimo rapporto prezzo prestazioni ma una fragilità e un tasso di guasti pauroso, per cui abbiamo smesso l'acquisto.Negli HP sulla fascia professional è possibile richiedere l'assistenza On Site e questo è un bene (che per esempio era il tallone d'achille di Asus).Abbiamo notato una differenza abissale su qualità e assistenza tra fascia Home e Professional (per cui gli home non li compriamo più).Ecco un esempio di un pc di fascia Home:HPPavillon zd8156EA.Macchina Home con eccezionale rapporto prezzo prestazioni (allora).Arriva con falso contatto a connettore audio, problemi al masterizzatore, e non legge le XD.Mandato a riparare torna con solo un problema risolto.Poi un bel giorno non parte più.Spedito torna riparato (main board?).Poi striscia bianca sulla matrice video.Spedito torna riparato ma gli altri problemi rimangono.Peccato che per imballaggio errato arriva con il cabinet rotto.Rispedito torna riparato (ovviamente con sempre il problema su masterizzatore e XD card mai risolto).BASTA ci 'rifiutiamo' di mandarlo ancora in assistenza!Ogni volta (in particolare la prima tempi di attesa biblici e cliente incazzato).Tutti interventi in garanzia, se non HP di MediaWorld (estensione 3 anni), comunque un delirio ...
    • mmmm scrive:
      Re: Acer li sta facendo tutti neri.
      - Scritto da: MAH
      Prezzi troppo bassi,
      nessuno è in grado di competere.Quoto. Il mio acer me lo godrei al massimo se non avesse svista e dal sito della Dell avevo visto che per avere più o meno la stessa configurazione dovevo scuciare 400 euro (300 + 100 di spedizione) in più.
      • Pippo Santoanast aso scrive:
        Re: Acer li sta facendo tutti neri.
        - Scritto da: mmmm
        - Scritto da: MAH

        Prezzi troppo bassi,

        nessuno è in grado di competere.

        Quoto. Il mio acer me lo godrei al massimo se non
        avesse svista e dal sito della Dell avevo visto
        che per avere più o meno la stessa configurazione
        dovevo scuciare 400 euro (300 + 100 di
        spedizione) in
        più.Io ho trasfornmato praticamente tutti gli Acer passati fra le mie mani da Vista a XP senza nessun problema...E hai ragione. Sono MOLTO più performanti, dopo!
    • il signor rossi scrive:
      Re: Acer li sta facendo tutti neri.
      - Scritto da: MAH
      Prezzi troppo bassi,
      nessuno è in grado di competere.già, il problema è se vai a vedere quanto si guastano!
      • Pippo Santoanast aso scrive:
        Re: Acer li sta facendo tutti neri.
        - Scritto da: il signor rossi
        - Scritto da: MAH

        Prezzi troppo bassi,

        nessuno è in grado di competere.

        già, il problema è se vai a vedere quanto si
        guastano!Nella mia esperienza aziendale, nessuno, tranne una porta di rete guasta, sostituita con un dongle usb
        100 Mbit!
    • obm scrive:
      Re: Acer li sta facendo tutti neri.
      ho visto acer nuovi guastarsi in pochi mesi al punto di essere inservibili e iniziare un calvario avanti e indietro dall'assistenza.
    • Gauss scrive:
      Re: Acer li sta facendo tutti neri.
      Si certo....si vede che leggi il sole24ore tu!Acer li fa neri? Si in guasti forse! O ti basi sulla presenza dei centri commerciali?
Chiudi i commenti