Cina: crescono le loro ambizioni spaziali

Cina: crescono le loro ambizioni spaziali

La Cina spinge sull'acceleratore e prosegue il suo piano dedicato allo spazio: in arrivo tre missioni sulla Luna e un rientro da Marte.
La Cina spinge sull'acceleratore e prosegue il suo piano dedicato allo spazio: in arrivo tre missioni sulla Luna e un rientro da Marte.

Mentre continuiamo a parlare spesso della corsa allo spazio dei privati e dell’America, non c’è da dimenticare anche ciò che sta facendo la Cina. Tra le tante cose, stanno organizzando tre missioni sulla Luna, il rientro di un campione di Marte, l’assaggio di un asteroide, la realizzazione di un rivelatore spaziale di onde gravitazionali e la produzione di un telescopio simile all’Hubble.

Si tratta di un programma quinquennale, quindi nulla di strano, ma è evidente che la Cina sta spingendo al massimo sul suo piano spaziale. L’astronomo Shuang-Nan Zhang dell’Istituto di Fisica delle Alte Energie di Pechino, afferma che tutto ciò figura un buon segno, “una crescita continua dell’investimento nell’esplorazione dell’universo”.

La Cina programma i suoi prossimi cinque anni nello spazio

Per quanto riguarda l’asteroide, la missione potrebbe avvenire nel 2024 e simulerebbe quelle di Hayabusa (Giappone)  e Osiris-Rex (NASA): la durata dovrebbe avvicinarsi ai 10 anni, nella quale verrebbe estratto un campione dall’asteroide HO3, così da riportarlo sulla Terra. Successivamente, il viaggio proseguirebbe verso 311P/Panstarrs, una cometa.

cina

Le tre missioni lunari invece sono tutte e tre focalizzate sul polo sud del satellite per creare una base lunare: la missione Chang’e-7 (2024) servirà per fare una mappatura generale, la Chang’e-6 per prelevare campioni e infine la Chang’e-8, programmata per il 2030, servirà a testare nuove tecnologie.

Per i campioni da Marte invece, la missione partirà nel 2028 e sarà incentrata ad avere nuovi dati relativi al Pianeta Rosso. La Cina infine non nasconde l’interesse di arrivare su Giove e le sue lune, così da rimanere al passo con l’Europa, che ha in piano la missione Juice e Clipper, entrambe previste per i prossimi 2 anni.

Ricordiamo infine che la Cina comunque collaborerà con il resto del mondo: l’Agenzia spaziale cinese ha in programma di ampliare e approfondire il tutto soprattutto per quanto riguarda la Luna, ma anche con la stazione spaziale Tiangong (che è in costruzione) e con l’esplorazione planetaria.

Fonte: ANSA
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 24 feb 2022
Link copiato negli appunti