Cina: solo connessioni autorizzate

Le VPN e le linee dedicate offerte dai fornitori di connettività locali potranno operare solo con il via libera di Pechino, concesso solo a chi proponga soluzioni business

Roma – Le vie di fuga che consentono di oltrepassare la Grande Muraglia Digitale eretta da Pechino devono essere accuratamente selezionate e soggette ad approvazione: la Cina ha stabilito che i servizi VPN, soluzione che consente di accedere ai contenuti e ai servizi sgraditi al governo, potranno operare solo previa autorizzazione. Come pressoché tutte le attività e i servizi online offerti ai cittadini della Rete cinese.

La Cina conta ora una popolazione online sterminata, 731 milioni di utenti, che corrispondono al 53,2 per cento dei cittadini: i costanti ritmi di crescita della società connessa, accompagnati dai propositi di apertura enunciati dal presidente Xi Jinping al World Economic Forum di Davos stridono solo apparentemente con le abitudini al controllo online da sempre esercitate da Pechino, nel nome del principio di sovranità sulla Rete che la Cina invoca per sé. Al centro dell’attenzione delle autorità ci sono ora le “connessioni a Internet non autorizzate”: i fornitori di connettività e i servizi da loro offerti, gli operatori di data center, di servizi CDN e coloro che propongono soluzioni di Virtual Private Network (VPN) sarebbero parte di un mercato che Pechino ritiene essere cresciuto in maniera “disordinata”, tanto da “necessitare di una regolamentazione urgente”.

L’ approccio adottato ora dalle autorità, pur non discostandosi dalle regole che già governano le Rete cinese, prevede una campagna di repulisti che durerà fino a marzo 2018 , così da estromettere i servizi forniti da operatori locali che non siano stati autorizzati.
Non che la Cina abbia mai lasciato briglia sciolta ai fornitori di servizi Internet: l’obbligo di registrazione e le limitazioni per gli operatori sono già in vigore da tempo . La macchina repressiva di Pechino, poi, è più volte stata innescata per le VPN: operazioni ufficiali e meno ufficiali si sono succedute negli anni nei confronti dei maggiori servizi che consentono una libera navigazione.

La recente regolamentazione prevede un più ferreo regime di autorizzazioni per VPN e linee dedicate , l’obbligo di verifica da parte degli ISP sugli usi non autorizzati delle connessioni, punizioni per i fornitori di servizi che non si adeguino o che eccedano quanto previsto dalla licenza ottenuta. Poiché la licenza è concessa solo per offrire servizi di connessione sicura in ambito business ed è vincolata ad un registro degli utenti serviti, secondo gli osservatori di Greatfire.org , attivisti che vigilano sulla censura cinese, la misura adottata rispetto alle VPN peserà soprattutto sulle aziende che se ne servono, che potrebbero doversi scontrare con la sospensione dei servizi da parte degli operatori che rinuncino ad offrirli.
I servizi messi a disposizione dall’estero, conferma VyprVPN, non dovrebbero essere colpiti dall’obbligo di registrazione e promettono di continuare ad operare regolarmente.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    il potere di M$ a washington
    il potere di M$ a washington... si misura anche con queste cose...un caso che va avanti da ANNI e ANNI che riguarda- una societa' usa --- filiale situata in irlanda (ok, non e' un fiveeyes, ma e' essenzialmente sotto la cupola mi6/ghcq)- la necessita di acquisire alcune mail (niente arresti o chissa che)- che riguardano un traffico di DROGAQuando il DOJ ha dovuto SFASCIARE un'intera azienda- situata ad honk kong (=non usa e nazione certo non fiveeyes)- posseduta da uno che aveva la residenza in new zeland (ok, fiveeyes... e infatti l'ha fatto spiare illegalmente dai servizi)- ..oltre allo sfascio ha fatto arrestare il tizio e co, con dispiegamento di mezzi stile SWAT ed elicotteri- ..voleva estradarlo- il 'crimine' era il file hostingNON ha avuto problemi a farlo in fretta e furia senza badare a spese
  • ... scrive:
    4 a 4 ancora per poco
    "i giudici si sono divisi 4 contro 4 salvando ancora Redmond" Trump deve nominare uno di quei giudici al posto di Antonin Scalia (mizzica Ciccio, un nome una garanzia :) morto nel febbraio dell' anno scorso.Vedremo da che parte sta il Donaldo.
    • ... scrive:
      Re: 4 a 4 ancora per poco
      AHAHAHAAHAHAAHAHAHHA... certo, credici che Donaldo sia il paladino che va contro le multinazionali, e per giunta americane... ma per favore... sarà molto peggio di Bush e Obama, vedrete.
      • HAHA HUHU scrive:
        Re: 4 a 4 ancora per poco
        - Scritto da: ...
        AHAHAHAAHAHAAHAHAHHA... certo, crediciNel mio vocabolario non esiste la parola "credo".
        che
        Donaldo sia il paladino che va contro le
        multinazionali, e per giunta americane... ma per
        favore... sarà molto peggio di Bush e Obama,
        vedrete.Chi te lo ha detto? La CNN?
        • ... scrive:
          Re: 4 a 4 ancora per poco
          No ma tu credici, dai. Sarà più bello poi sbatterti in faccia i fatti.
          • creditore scrive:
            Re: 4 a 4 ancora per poco
            - Scritto da: ...
            No ma tu credici, dai. Sarà più bello poi
            sbatterti in faccia i
            fatti.Qui l' unico credente (XXXXXXXX) sei tu.
      • xx tt scrive:
        Re: 4 a 4 ancora per poco

        AHAHAHAAHAHAAHAHAHHA... certo, credici che
        Donaldo sia il paladino che va contro le
        multinazionali, e per giunta americane... ma per
        favore... sarà molto peggio di Bush e Obama,
        vedrete.Che sia un paladino, no. Che si faccia gli affari suoi, si.Se gli affari suoi sono in contrasto con queste multinazionali, può succedere di tutto.Secondo me è ancora presto per capire dove andrà a parare.
  • iRoby scrive:
    USA e delocalizzazione
    Mi sa che se la giustizia USA perde le aziende spostano tutti i datacenter all'estero e la NSA perde il controllo su tutto.Io farei nel mondo una nazione che non deve rispondere a nessun'altra, con ideali spirituali di uguaglianza e amore messi in costituzione.Una zona non sismica. Con molta energia rinnovabile disponibile.E ci farei tutti i datacenter delle aziende IT del pianeta.Non so qualcosa tipo il Butan, o l'Islanda ma che stia fuori da interessi geopolitici internazionali.Anche la Svizzera, con bacini idroelettrici, e la sua costituzione neutrale. Paese ricco che quindi non ha bisogno di rivendersi i dati degli utenti.
    • rtfvcgt scrive:
      Re: USA e delocalizzazione
      - Scritto da: iRoby
      Mi sa che se la giustizia USA perde le aziende
      spostano tutti i datacenter all'estero e la NSA
      perde il controllo su
      tutto.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Quando i dati servono per consolidare il potere sono tutti a disposizione. Il resto sono dettagli tecnici.
    • xx tt scrive:
      Re: USA e delocalizzazione

      Mi sa che se la giustizia USA perde le aziende
      spostano tutti i datacenter all'estero e la NSA
      perde il controllo su
      tutto.Il data center è già all'estero:
      ...vede al centro i server Outlook localizzati in Irlanda e l'ordine di
      acXXXXX emesso nei confronti di informazioni ivi conservate contestato a
      Microsoft...Credo che se avessero anche solo una succursale nelle terre selvagge, qualche giudice cercherebbe lo stesso di ottenere i dati di tutto il mondo.L'unica è minacciare di abbandonare completamente le terre Yankee sperando che così Trump intervenga con una legge ad hoc.
      • iRoby scrive:
        Re: USA e delocalizzazione
        E speriamo che succeda.C'è tanta di quella XXXXX nel governo USA.L'ex senatore Paul Craig Roberts lo ha detto chiaramente che se Trump darà realmente seguito alle parole che va dicendo sul limitare il controllo lobbistico in USA lo faranno fuori come con Kennedy.http://comedonchisciotte.org/bravi-odiate-trump-per-la-cia-sara-piu-facile-assassinarlo/
        • panda rossa scrive:
          Re: USA e delocalizzazione
          - Scritto da: iRoby
          E speriamo che succeda.

          C'è tanta di quella XXXXX nel governo USA.

          L'ex senatore Paul Craig Roberts lo ha detto
          chiaramente che se Trump darà realmente seguito
          alle parole che va dicendo sul limitare il
          controllo lobbistico in USA lo faranno fuori come
          con
          Kennedy.Kennedy e' stato ucciso da un pazzo solitario.Ci sono fior di sentenze.Governo, FBI, CIA, esercito e tutte le altre agenzie governative hanno stabilito che l'assassino fu un pazzo, che purtroppo e' stato ucciso prima che fosse stato possibile interrogarlo.Mica crederai pure tu al complotto.
          • Gunnery Sergeant Hartman scrive:
            Re: USA e delocalizzazione
            "E' la dimostrazione di cosa può fare un marine motivato con la sua arma" cit.
          • iRoby scrive:
            Re: USA e delocalizzazione
            È vero hai ragione, sia mai che passi Sg@bbio e ci dia dei complottisti a tutti e due.Solo chi vive nel paese dei balocchi può credere ai complotti.Quello che viene dai governanti e dalle lobby sono solo cose per il nostro bene.Loro ci vogliono fare risparmiare, ci vogliono proteggere e farci crescere sani e forti, dandoci pieno stato sociale, piena occupazione, la migliore istruzione.
        • xx tt scrive:
          Re: USA e delocalizzazione

          L'ex senatore Paul Craig Roberts lo ha detto
          chiaramente che se Trump darà realmente seguito
          alle parole che va dicendo sul limitare il
          controllo lobbistico in USA lo faranno fuori come
          con
          Kennedy.Se ci pensi già ora non dovrebbe esserci più, visto la quantità e la qualità di nemici che ha (e non da ieri).Inoltre ha una spavalderia molto sospetta, nel prendere la gente che conta di petto pubblicamente.Dato che non si tratta di uno stupido, l'unica spiegazione è che ci sia qualche buon motivo perché Trump non sia ammazzabile, quantomeno al momento.
          • iRoby scrive:
            Re: USA e delocalizzazione
            O stia solo recitando.Dato che anche lui fa parte di quella cricca di individui che hanno fatto soldi con la globalizzazione e sfruttando il lavoro altrui.Mi piace solo quando dice che la FED deve tornare in mano allo Stato.
          • xx tt scrive:
            Re: USA e delocalizzazione

            O stia solo recitando.
            Dato che anche lui fa parte di quella cricca di
            individui che hanno fatto soldi con la
            globalizzazione e sfruttando il lavoro
            altrui.Impossibile: l'accanimento dei media è stato troppo pesante. E se avesse fatto finta, non sarebbe lui stesso in guerra con gli stessi.IMHO deve aver scelto una cricca mafiosa di nicchia che gli garantisse l'immunità dai proiettili vaganti.E forse il battesimo giudeo della figlia + lo spostamento dell'ambasciata a Gerusalemme potrebbero centrare qualcosina...Io lo vedo come il boss che vuole essere "il" padrone, buttando gli altri dalla torre per prendersi tutto il business e girandolo a gruppi di potere che si siano sottomessi a lui. Anche la cricca di cui sopra secondo me la sta più che altro usando.E' come il berlusca: non è fatto per convivere con altri padroni
  • Pippo Franco scrive:
    Solo negli states
    Possono creare una corte federale (o di altro ordine) con un numero pari di membri cosi da finire in cul de sac come questo con un 4 a 4 !!!
  • iRoby scrive:
    Diritto internazionale
    Ci vorrà un esperto di diritto internazionale.Di gente con le palle da conoscere molta giurisprudenza di vari paesi e gli accordi stipulati ce ne sono molto poche...
    • Il fuddaro scrive:
      Re: Diritto internazionale
      - Scritto da: iRoby
      Ci vorrà un esperto di diritto internazionale.
      Di gente con le palle da conoscere molta
      giurisprudenza di vari paesi e gli accordi
      stipulati ce ne sono molto
      poche...Sg@bbio?
      • Il fuddaro scrive:
        Re: Diritto internazionale
        - Scritto da: Il fuddaro
        - Scritto da: iRoby

        Ci vorrà un esperto di diritto internazionale.

        Di gente con le palle da conoscere molta

        giurisprudenza di vari paesi e gli accordi

        stipulati ce ne sono molto

        poche...

        Sg@bbio?Scusatemi.... ho dimenticato di dire che lui è due passi avanti.....
Chiudi i commenti