Cina, stop alle VPN dal primo febbraio

Il Governo di Pechino si appresta a concretizzare la sua censura con una prossima stretta sulle connessioni virtuali private, usate dal popolo cinese per oltrepassare la Grande muraglia digitale e accedere al Web libero

Roma – Secondo alcune indiscrezioni il Governo di Pechino avrebbe chiesto agli Internet Service Provider di bloccare gli accessi individuali alle reti virtuali private entro il prossimo primo Febbraio .

La mossa rientra perfettamente nel programma di “cyber sovranità” del Presidente Xi Jinping: la Cina conta una popolazione online sterminata, 731 milioni di utenti, che corrispondono al 53,2 per cento dei cittadini, e un sistema capillare di controllo sulle informazioni e sui siti a cui tutti loro possono accedere. Talmente mastodondico da essere comunemente noto come “Grande muraglia digitale cinese”.

Agli utenti cinesi non restava pertanto che scavalcare la censura accedendo con la mediazione di servizi VPN in modo che la loro connessione a tali siti risultasse come proveniente da un diverso Paese. Già a gennaio su queste connessioni era arrivato il primo indizio dell’intenzione di adottare un’ulteriore stretta: il Governo aveva stabilito che i servizi VPN – oggetto già di diverse operazioni ufficiali o meno – potessero operare solo previa autorizzazione.

A occuparsi delle misure necessarie affinché il blocco diventi ora effettivo è il Ministro dell’Industria e della tecnologia informatica che ha già avvertito le aziende che i servizi di VPN potranno essere mantenuti solo per fini interni.

A dover intervenire sulle VPN saranno le compagnie di telecomunicazioni statali, tra cui China Mobile (860 milioni di utenti), China Unicom (268 milioni di abbonamenti) e China Telecom (227 milioni di abbonati). E GreenVPN ha già notificato ai propri utenti che interromperà il proprio servizio a partire dal primo luglio a seguito “di una comunicazione ricevuta dalle istituzioni”.

Restano dubbi circa le (attese) eccezioni, in particolare per quanto riguarda le grandi multinazionali che utilizzano le VPN oggetto delle autorizzazioni da parte delle autorità, utilizzate per motivi prettamente commerciali e per mantenere la possibilità di coordinamento con le proprie controparti stabilite fuori dai confini cinesi (per esempio al fine di invio o ricezioni di documenti sensibili).

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • 171d8cb6771 scrive:
    Che senso ha?
    Se avessero voluto facilitare il lavoro dei devops avrebbero potuto collaborare con Cygwin. Ubuntu gia non era una delle migliori distro, togli pure il DE e rimane solo la marketta.
    • radd scrive:
      Re: Che senso ha?
      Se uno ha il cervello che funziona usa solo linux per sviluppare, e lo usa come gli pare con o senza DE. Se proprio ha necessità di utilizzare quella specie di strumenti a nome VS, be, ora in parte ci sono anche su *x
      • Digital Coach Italia scrive:
        Re: Che senso ha?
        - Scritto da: radd
        Se uno ha il cervello che funziona usa solo linux
        per sviluppare, e lo usa come gli pare con o
        senza DE. Se proprio ha necessità di utilizzare
        quella specie di strumenti a nome VS, be, ora in
        parte ci sono anche su
        *xA volte ti trovi a sviluppare da clienti che hanno comprato le varie licenze di prodotti eseguibili su windows. In quel caso se non hai una macchina windows te la chiedono.
Chiudi i commenti