Cisco, l'arma in più della censura cinese?

Nuova denuncia per il presunto appoggio ai rastrellamenti online del governo di Pechino

Roma – Nuova denuncia nei confronti di Cisco: ancora una volta gli vengono contestati rapporti particolari con le autorità di Pechino .

A rivolgersi ai tribunali statunitensi, stavolta, sono 13 cittadini cinesi: sarebbero stati vittime nel loro paese di arresti e torture per dei contenuti pubblicati online e riterrebbero che in tutto questo Cisco abbia svolto un ruolo determinante in quanto fornitrice della strumentazione tecnica necessaria al controllo della rete, nonché addestratrice informatica degli uomini di Pechino.

Cisco ha respinto le accuse definite “senza basi” o mere ripetizioni di casi già in esame. È la terza volta, infatti, che l’azienda di San José viene portata in tribunale per questioni attinenti la collaborazione con Pechino.

Secondo l’ultima accusa , mossa dal movimento Falun Gong inviso a Pechino, Cisco avrebbe messo le sue tecnologie a disposizione delle autorità per creare quello che viene definito “Golden Shield” (scudo dorato) a protezione dell'”ordine online”.

Attraverso Human Rights Law Foundation Falun Gong aveva portato davanti ad un tribunale statunitense Cisco per denunciarne la corresponsabilità nell’arresto e nella conseguente detenzione e tortura di 5mila suoi membri: è grazie alla sua tecnologia – sostiene l’accusa – che Pechino ha potuto stroncare il gruppo di coloro che dagli anni 90 considerava pericolosi dissidenti politici.

Cisco ha sempre detto di non offrire servizi o prodotti particolari alla Cina , ma di limitarsi a rispettare gli standard internazionali, nonché le leggi in materia statunitensi.

Sullo stesso argomento, peraltro, EFF ha lanciato una campagna di sensibilizzazione sulle presunte responsabilità di Cisco e all’azienda intende sottoporre una petizione con cui le chiede di ergersi a difesa dei diritti umani degli attivisti cinesi.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uno qualsiasi scrive:
    Era ora!
    Ci voleva un gigante come Google, per convincere questi dinosauri ad abbandonare il vecchio modello di business per iniziarne uno nuovo.Ben fatto, Google! Lo speravo da un pezzo.
  • Sandro kensan scrive:
    Google è la migliore
    I ragazzi di Google sono veramente in gamba.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Google è la migliore
      speriamo che adesso non assisteremo più ad atti indegni.
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Google è la migliore
        - Scritto da: Sgabbio
        speriamo che adesso non assisteremo più ad atti
        indegni.In che senso? Intendi richieste di risarcimento da parte di Mediaset? Secondo me continueranno ad esserci.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Google è la migliore
          no, l'abuso di richieste di rimozione per violazione del C, solo a scopo di censura e la rimozione dell'audio d'interi video per pochi secondi di roba coperta da C.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Google è la migliore
      Google è la peggiore!Google non vuole cambiare le cose perché lo ritiene giusto né vuole cambiare qualcosa nel verso giusto. Google vuole solo fare affari e trarre profitto da Youtube e dal materiale protetto da copyright (e cioè da ciò che è stato creato da altri). Praticamente guadagnare dal lavoro altrui. Per una coincidenza questa cosa piace a molti, ai creduloni che credono che google voglia rivoluzionare l'idea del copyright davvero, quando invece Google vuole solo soldi! E piuttosto che niente è disposta a condividerli anche con chi il materiale protetto da copyright l'ha creato! che gentili eh!Ma Google è un'azienda che pensa a sé. Poi ci sono i fanboy di google che sono tantissimi e che pensano che google non sia evil e faccia il bene degli utenti...
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Google è la migliore

        Google non vuole cambiare le cose perché lo
        ritiene giusto né vuole cambiare qualcosa nel
        verso giusto. Google vuole solo fare affari e
        trarre profitto da Youtube e dal materiale
        protetto da copyright (e cioè da ciò che è stato
        creato da altri). Praticamente guadagnare dal
        lavoro altrui.E fa bene. Come si dice: "Il nemico del mio nemico è mio amico"
        • ABC scrive:
          Re: Google è la migliore

          E fa bene. Come si dice: "Il nemico del mio
          nemico è mio amico"Si, così è proprio come dicono i fessi.
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Google è la migliore
        - Scritto da: Nome e cognome
        Google è la peggiore!De gustibus non disputandum esthttp://it.wikipedia.org/wiki/De_gustibus_non_disputandum_est
  • Gungrave scrive:
    Ottimo
    Ottima notizia!come al solito l'importante è fare business, almeno in questo caso ne beneficiamo noi utenti della rete.
  • Sgabbio scrive:
    che sia la fine....
    ....della violazione del copyright come arma di censura ?
  • prova123 scrive:
    Quando ...
    i Commerciali hanno la "C" maiuscola."Certo è che sono stati necessari quattro anni di zizzania legale per raggiungere un accordo che YouTube aveva sostanzialmente già messo sul tavolo con l'introduzione di Content ID e il suo progressivo affinamento".Il mondo sta cambiando e solo gli stupidi non cambiano idea... l'alternativa è soccombere.
Chiudi i commenti