Cisco, MS e IBM insieme per le reti blindate

Microsoft aderisce all'iniziativa per la sicurezza voluta da Cisco per rafforzare la protezione delle reti aziendali da codici virali e altre minacce. IBM ha già annunciato il suo primo software conforme allo standard


Roma – La parola “sicurezza” avrà la stessa pronuncia per Cisco , Microsoft e IBM , tre colossi che si sono impegnati nel collaborare ad un progetto comune teso a rafforzare la sicurezza delle reti aziendali attraverso il controllo e la gestione degli accessi ad applicazioni e risorse di rete.

L’alleanza trova il proprio fulcro nel programma NAC (Network Admission Control), un’iniziativa patrocinata da Cisco per l’implementazione di policy e protocolli standard all’interno di alcune tipologie di prodotti per la sicurezza aziendale, che garantiscano l’interoperabilità fra soluzioni eterogenee. L’obiettivo è quello di ridurre i danni che virus, worm e altre minacce possono causare alle reti, e minimizzare l’impatto che hanno sull’operatività delle aziende.

NAC utilizza l’infrastruttura di rete per imporre l’osservanza delle policy di sicurezza a tutte le risorse collegate ad una LAN. Cisco ha spiegato che questo programma permette alle aziende di identificare eventuali dispositivi fuori norma o mal configurati e negare loro l’accesso alla rete, metterle in quarantena e/o concedere loro un uso limitato delle risorse informatiche. Lo scopo è soprattutto quello di prevenire che sistemi non conformi alle direttive di sicurezza aziendali, come notebook, PDA o drive USB, possano connettersi ad una LAN e diffondere, all’interno di questa, virus o altri codici malevoli. NAC fa parte della strategia “self-defending network” di Cisco volta a potenziare l’intelligence della rete per consentire a quest’ultima di identificare, prevenire e reagire automaticamente ad eventuali minacce alla sicurezza.

“L’elevata mobilità che caratterizza gli attuali ambienti informatici fa sì che sistemi e dispositivi con sistemi operativi non aggiornati, privi di firewall, affetti da vulnerabilità e dotati di password non sicure vengano connessi alla rete con troppa facilità. Senza un adeguato sistema di gestione proattiva questi dispositivi informatici a rischio sono in grado di infettare un’intera rete”, ha spiegato IBM in un comunicato. “Ad esempio, i professionisti che spesso si trovano in viaggio non hanno sempre l’opportunità di installare gli ultimi aggiornamenti di sicurezza sui propri notebook. Durante i vari spostamenti, il notebook rischia di essere infettato da worm diventando successivamente la principale fonte di rischio per l’intera rete aziendale. Una volta ricollegato il PC alla LAN, il worm potrebbe propagarsi e causare danni a tutta l’azienda, come interruzioni di servizio prolungate”.

Fra le società che sviluppano software per la sicurezza hanno aderito all’iniziativa Network Associates, Symantec, Trend Micro e, proprio in questi giorni, Computer Associates: tutte e quattro hanno già annunciato il rilascio, a novembre, delle prime soluzioni di sicurezza conformi al programma NAC.

“Impedire che alle reti dei clienti e alle applicazioni di business che esse eseguono si connettano periferiche non conformi alle policy aziendali è una priorità assoluta per Cisco” ha spiegato Bob Gleichauf, CTO del Security Technology Group della società. “L’adesione di queste società al programma NAC offrirà ai nostri clienti un modo nuovo ed estremamente efficace per combattere la diffusione di spyware, virus e worm nelle loro infrastrutture di business”.

IBM, che aveva già stretto una partnership con Cisco lo scorso febbraio, ha ora annunciato l’integrazione della propria suite di gestione Tivoli con le policy di sicurezza e le tecnologie di “auto-difesa” (verifica della conformità ed eventuale quarantena e adeguamento dei dispositivi non sicuri) previste da NAC.

Microsoft ha invece annunciato, come parte dell’accordo con Cisco, l’intenzione di rendere la propria tecnologia Network Access Protection (NAP), già parzialmente introdotta in Windows Server 2003, interoperabile con NAC. Ciò costringerà il big di Redmond a rinviare il debutto della gran parte delle funzionalità previste dalla prossima versione di NAP al 2007, anno di lancio di Longhorn.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Volevo sapere cosa ne pensate di ANTs
    http://www.myjavaserver.com/%7Egwren/home.jsp?page=custom&xmlName=ants
    • Anonimo scrive:
      Re: Volevo sapere cosa ne pensate di ANT
      e' migliorato parecchio, pero' l'utenza latita come sugli altri programmi dello stesso tipo.
  • Anonimo scrive:
    Major,non sono dei demoni...
    "Il topic e' ovviamente per attirare l'attenzione sul post"Parecchia gente continua a insultare le case discografiche. Ma sapete e/o siete in grado di capire che compito hanno loro ?Immaginate d'essere un artista e voler incidere il vostro CD.... Pensate di farcela a vedere il vostro album esposto sugli scaffali dei negozi ?Probabilmente sapete che l'incisione del disco costa, ma sapete anche che il compito principale delle major e' pubbliccizzare i prodotti,gestire la rivendita,gestire l'uscita nel determinato giorno,PAGARE GENTE COME ME per fare in modo che il prodotto sia esposto quel giorno e presente nei negozi.Oltre che le major quindi i costi del cd vanno divisi:- MAJOR- ARTISTI- COSTI DI PRODUZIONE- TRASPORTO ( e non e' poco fidatevi )- CAMPAGNE PUBBLICITARIE- CARTELLONISTICA VARIA - AGENTI DI COMMERCIO ( il mio caso )- NEGOZIATIOrbene, quindi, con le vendite ribassate negli ultimi 3 anni del quasi 50% vi lamentate perche' costano molto ?!Si ora risponderete...abbassa il prezzo e vedrai che si venderanno.... Ma non pensate che minor prezzo=maggiori vendite e che magari alla fine, si salta fuori il fatturato di 3 anni fa, ma tutte le altre persone che ci lavorano sotto, che devono fare, abbassarsi la busta paga, si perche' se il prodotto venduto e' maggiore e il rendimento e' uguale, significa piu' tempo di gestione....Sono certo che le major non moriranno, anche se, per assurdo succedesse, questo significa che ogni artista dovra' arrangiarsi....e' si...dovra' fare tutto da solo...pensate quindi che il prezzo calera'.....sognate pure...
    • Anonimo scrive:
      Re: Major,non sono dei demoni...
      impara a fare il tuo mestiere, impara a gestire un magazzino o repertorio (come lo chiameresti tu) impara a non buttare via soldi ed investirli in modo oculato vedrai che risparmierai un sacco e potrai abbassare i prezzi ....per il resto fatti un trapianto di bandana così forse ragioni meglio...
      • Anonimo scrive:
        Re: Major,non sono dei demoni...
        - Scritto da: Anonimo
        impara a fare il tuo mestiere, impara a
        gestire un magazzino o repertorio (come lo
        chiameresti tu) impara a non buttare via
        soldi ed investirli in modo oculato vedrai
        che risparmierai un sacco e potrai abbassare
        i prezzi ....
        per il resto fatti un trapianto di bandana
        così forse ragioni meglio...Quoto in pieno !!!Mica tutti abbiamo scritto sulla faccia Giocondor !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Major,non sono dei demoni...
        e aggiungo anche togli la voce "pubblicità" visto che a fine corsa me la fai pagre a me ... se non vendi i casi sono 2 o hai un prodotto di m**** o non sai investire i soldi ... in ogni caso: abbassa i prezzi.
    • ryoga scrive:
      Re: Major,non sono dei demoni...
      - Scritto da: Anonimo
      Probabilmente sapete che l'incisione del
      disco costa, ma sapete anche che il compito
      principale delle major e' pubbliccizzare i
      prodotti,gestire la rivendita,gestire
      l'uscita nel determinato giorno,PAGARE GENTE
      COME ME per fare in modo che il prodotto sia
      esposto quel giorno e presente nei negozi.In un mercato sano, quei costi risultano assimilabili in scala nazionale....figurati in quella internazionale!
      Oltre che le major quindi i costi del cd
      vanno divisi:
      - MAJOR( Sacrosanto)
      - ARTISTI( Sacrosanto)
      - COSTI DI PRODUZIONE( un 3% ? )
      - TRASPORTO ( e non e' poco fidatevi )( Usa internet = 0.03% )
      - CAMPAGNE PUBBLICITARIE( come sopra = 0.003% )
      - CARTELLONISTICA VARIA ( inutile )
      - AGENTI DI COMMERCIO ( il mio caso )
      - NEGOZIATI?????????

      Orbene, quindi, con le vendite ribassate
      negli ultimi 3 anni del quasi 50% vi
      lamentate perche' costano molto ?!Si...perche' il loro prezzo e' raddoppiato.Come dire.... prima si vendeva 1 milione di dischi a 20.000 lire.Oggi 500.000 a 22?Quindi se funziona questa equzione, funziona anche quella di 10 milioni di dischi a 1.000 lire
      Sono certo che le major non moriranno, anche
      se, per assurdo succedesse, questo significa
      che ogni artista dovra' arrangiarsi....e'
      si...dovra' fare tutto da solo...pensate
      quindi che il prezzo calera'.....sognate
      pure...Ti confido una cosa che forse nessuno t'ha detto.La musica e' vista come arte.Chi fa arte, NON LAVORA.Se tu intendi musica = lavoro allora mi sa che devi cambiar mestiere.Perche' hai dai 20 ai 40 anni e non hai ancora combinato nulla nella vita.( L'ultima frase potevo risparmiarmela, ma ho perso troppo tempo nel risponderti e quindi te la meriti )
    • TPK scrive:
      Re: Major,non sono dei demoni...
      - Scritto da: Anonimo
      - TRASPORTO ( e non e' poco fidatevi )Ah, e' per quello che se compri un brano su internet lo paghi 1 euro...
    • Anonimo scrive:
      Re: Major,non sono dei demoni...
      - Scritto da: Anonimo
      "Il topic e' ovviamente per attirare
      l'attenzione sul post"

      Parecchia gente continua a insultare le case
      discografiche. Ma sapete e/o siete in grado
      di capire che compito hanno loro ?Certo, fare soldi, soldi, soldi, il piu' possibile, sulla pelle di quanti piu' possibile.E come se non bastasse vogliono pure vederci tutti in galera.Se non altro, organizzazioni come Cosa Nostra, si limitano solo a fare soldi, senza mandare in galera nessuno.
      Immaginate d'essere un artista e voler
      incidere il vostro CD.... Che ci vuole? 5 minuti con Nero.
      Pensate di farcela
      a vedere il vostro album esposto sugli
      scaffali dei negozi ?Ah, ecco.Se io fossi un artista, e sottolineo artista, avrei piacere a vedere che la mia opera fosse diffusa e apprezzata, non penserei certo a ricavarci un utile.Quindi dello scaffale mi fregherebbe poco o niente.Un bel brano diffuso in rete e una pagina con le date dei miei concerti, ecco quello che farei.
      Probabilmente sapete che l'incisione del
      disco costa, Il costo di un CD acquistato in germania e' di 15 centesimi.Un PC e un masterizzatore ce l'hanno tutti.
      ma sapete anche che il compito
      principale delle major e' pubbliccizzare i
      prodotti,Bel coraggio a chiamarli "prodotti".La buona musica non ha bisogno di certe pubblicita'...
      gestire la rivendita,gestire
      l'uscita nel determinato giorno,PAGARE GENTE
      COME ME per fare in modo che il prodotto sia
      esposto quel giorno e presente nei negozi.Che cosa faresti tu per fare in modo che il prodotto sia esposto quel giorno?
      Oltre che le major quindi i costi del cd
      vanno divisi:
      - MAJORZero con P2P
      - ARTISTIE qui possiamo discutere
      - COSTI DI PRODUZIONEZero con P2P
      - TRASPORTO ( e non e' poco fidatevi )Zero con P2P
      - CAMPAGNE PUBBLICITARIEZero con P2P
      - CARTELLONISTICA VARIA Zero con P2P
      - AGENTI DI COMMERCIO ( il mio caso )Zero con P2P
      - NEGOZIATIChe roba e'? Comunque sempre zero con P2P
      Orbene, quindi, con le vendite ribassate
      negli ultimi 3 anni del quasi 50% vi
      lamentate perche' costano molto ?!Direi proprio di si.
      Si ora risponderete...abbassa il prezzo e
      vedrai che si venderanno....
      Ma non pensate che minor prezzo=maggiori
      vendite e che magari alla fine, si salta
      fuori il fatturato di 3 anni fa, ma tutte le
      altre persone che ci lavorano sotto, che
      devono fare, abbassarsi la busta paga, si
      perche' se il prodotto venduto e' maggiore e
      il rendimento e' uguale, significa piu'
      tempo di gestione....
      Sono certo che le major non moriranno, anche
      se, per assurdo succedesse, questo significa
      che ogni artista dovra' arrangiarsi....e'
      si...dovra' fare tutto da solo...pensate
      quindi che il prezzo calera'.....sognate
      pure...Io mi sono registrato sul sito di Elio e le S.T.
    • Anonimo scrive:
      Re: Major, sono dei demoni...

      Oltre che le major quindi i costi del cd
      vanno divisi:
      - MAJORStipendio da impiegato, e si taglia il costo. Al mannaggèr non va bene? Si cerca un settore che non sia in crisi.
      - ARTISTIArtisti a chi? Quelli che fanno dei brani che stanno in classifica una settimana ad una posizione direttamente proporzionale al costo della campagna di marketting e che a 30 anni finiscono drogati e alcoolizzati e i volponi si riprendono tutto quello che gli hanno dato? Diamogli la paga di un orchestrale o di tanti bravi jazzisti che lavorano dal vivo (e sanno pure leggere una partitura a prima vista), o anche meno per evitare confronti imbarazzanti tra questi ragazzotti che lo/la danno e dei VERI professionisti, che ben che vada gli fanno da accompagnatori per un centesimo del loro cachet.E se non gli va bene, si trovano un settore che non è in crisi e se sanno fare qualcosa a parte darla/lo possono pure farsi una carriera onesta e meritata.
      - COSTI DI PRODUZIONESee, bum, hanno tutti puntato sul digitale per abbattere i costi di produzione e registrazione. hai idea quanto costava uno studio di registrazione e montaggio analogico e quanto meno spendi col digitale? Hai idea di quanto costi stampare su plastica e allumino un cd (un decimo che a masterizzarlo).
      - TRASPORTO ( e non e' poco fidatevi )See, bum2, e tutte le aziende che trasportano beni deperibili allora dovrebbero fallire! Anzi, no aspetta, hai ragione, data la qualità tendente a nulla della musica che si vende, E' un bene deperibile, perchè alla fine della campagna pubblicitaria (quando l'ha data/o al produttore) l'"artista" non si vede(vende più.
      - CAMPAGNE PUBBLICITARIE
      - CARTELLONISTICA VARIA
      - AGENTI DI COMMERCIO ( il mio caso )
      - NEGOZIATIMa che siete, più belli degli altri? Per tutti i settori quando c'è crisi si riorganizza e si rivedono le strategie, NON potete pensare di continuare per una strada che non reca profitto, sempre che non stiate a piangere miseria per assicurarvi appoggi e sovvenzioni, con i soldi delle nostre tasse. Ultimamente è molto di moda.E poi piantatela di dire che MTV e le radio sono care, voi vendete un bene, i diritti di trasmettere la musica, loro vendono un bene, pubblicizzarla, chi decide se uno vale più dell'altro?E' una negoziazione che fa il libero mercato, quando avrete realmente pochi fondi di conseguenza MTV avrà pochi inserzionisti e i prezzi cambieranno (a meno che non si metta a fare pubblicità di pendole e padelle).Se non vi piace il libero mercato compratevi una nazione e fatevi i vostri f**** prezzi di stato per i vostri sudditi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Major, sono dei demoni...
        Come pensavo....dalle risposte non avete capito na mazza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Major, sono dei demoni...
          - Scritto da: Anonimo
          Come pensavo....dalle risposte non avete
          capito na mazza.E di grazia,cosa si doveva capire?Che il campo della musica ha regole che sono diverse da quelle che regolano il resto del mondo?Spiegati meglio: cosa non siamo riusciti a capire?
  • Anonimo scrive:
    Ma volete RUBARE?
    Non capite che comprando i cd laddove costano meno, voi RUBATE?Esempio: ho visto un cd che mi piaceva in due negozi: nel primo costava 20 Euro, nel secondo 22.Lo ho comprato, ovviamente, nel secondo.Altrimenti avrei RUBATO due Euro all'artistaPentitevi, e' ora!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma volete RUBARE?
      - Scritto da: Anonimo
      Non capite che comprando i cd laddove
      costano meno, voi RUBATE?
      Esempio: ho visto un cd che mi piaceva in
      due negozi: nel primo costava 20 Euro, nel
      secondo 22.
      Lo ho comprato, ovviamente, nel secondo.
      Altrimenti avrei RUBATO due Euro all'artista
      Pentitevi, e' ora!passa da me, ti do' una copia gratis e poi manda 2 euro all'artista per posta cosi' il furto non sussiste.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma volete RUBARE?
      - Scritto da: Anonimo
      Non capite che comprando i cd laddove
      costano meno, voi RUBATE?

      Esempio: ho visto un cd che mi piaceva in
      due negozi: nel primo costava 20 Euro, nel
      secondo 22.

      Lo ho comprato, ovviamente, nel secondo.

      Altrimenti avrei RUBATO due Euro all'artista

      Pentitevi, e' ora!http://www.play.com per un furto moooolto più consistente;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma volete RUBARE?
        mica tantoconviene tipo amazon.como ancora meglio amazon.ca
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma volete RUBARE?
          - Scritto da: Anonimo
          mica tanto
          conviene tipo amazon.com
          o ancora meglio amazon.caAttenzione: se spendi oltre 100$ c'è la dogana:'(
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma volete RUBARE?
            Il P2P non è furto, è ora di piantarla con questa storia, tanto non fate pena a nessuno! I veri ladri siete voi, gli ultimi che possono permettersi di fare la morale agli altri. Volete i soldi? Chiedeteli alla Telecom, con le bollette che paghiamo (vedi la vicenda ADSL - Francia) ci siamo ampiamente pagati tutto ciò che è possibile scaricare in internet.Vergognatevi, buffoni!
    • ryoga scrive:
      Re: Ma volete RUBARE?
  • Anonimo scrive:
    La Mafia ringrazia.
    Grazie :D
  • Max3D scrive:
    non e' il solo
    non ho capito bene com'e' possibile, ma da emp3world.comsi possono scaricare mp3 alla faccia delle major O_o
  • Anonimo scrive:
    PER GLI OTTUSI!
    "Secondo David Martin, direttore dell'antipirateria BPI, "che sia un individuo che condivide file sui network del peer-to-peer o imprese che cercano di far soldi senza permesso con il diritto d'autore dei nostri associati, il servizio antipirateria di BPI è qui per proteggere i diritti dei nostri membri"".A questo individuo vorrei solo far notare che CON IL P2P NON CI GUADAGNA NESSUNO PERCHE' NESSUNO VENDE!!!E comunque se c'è qualcuno che vende a prezzi bassi non vuol dire che non ha autorizzazioni! "Va segnalato che, intanto, non esauriscono i propri servizi di vendita a prezzi bassissimi altri siti russi, come i celebri mp3search o allofmp3, che consentono per pochi dollari di scaricare musica di ogni genere. Basti pensare che per 10 dollari o giù di lì è possibile scaricare l'opera omnia di Adriano Celentano, uno dei musicisti italiani più noti e da tempo avversario del download via P2P. Ma l'attività di questo genere di siti, come si ricorderà, è una pratica che i produttori qui da noi hanno definito illegale, pur non potendo evidentemente far nulla per impedire un commercio che prosegue indisturbato".Sì, infatti, anche il commercio della MAFIA proseguirà sempre più indisturbato e se la gente si rivolgerà ai marocchini per cd e dvd in seguito alla morte del p2p (x le dita!!!) sarà SOLO COLPA LORO che lo stanno combattendo, perchè quella è gente che gli originali non li comprerà mai a prezzi DA FURTO!
    • Anonimo scrive:
      Re: PER GLI OTTUSI!

      Basti pensare che per 10 dollari o
      giù di lì è possibile
      scaricare l'opera omnia di..... si , effettivamente 10 dollari per quella roba sono un furto, dovrebbero punirli e obbligarli a vendere solo buona musica.
  • Anonimo scrive:
    50000 una dieci mille volte
    Credo che questo dimostri come qualcosa si puo' fare quando chi opera deve rispettare le leggi (il sito aveva i server negli USA? Ecco li' che deve rispettare le leggi). Il problema oggi che ci sono paesi come la Russia che le leggi sul diritto d'autore non sanno dove stanno di casa.
    • samu scrive:
      Re: 50000 una dieci mille volte
      - Scritto da: Anonimo
      Il
      problema oggi che ci sono paesi come la
      Russia che le leggi sul diritto d'autore non
      sanno dove stanno di casa.in quegli stessi paesi massacrano e condannanola gente con la pena di morte, ma nessuno se n'e' maifregato di questo.Ora tutti a declamare l'uniformita' legislativa ma, non per i diritti umani fondamentali, bensi' per quelli d'autore ...che bello!
    • Anonimo scrive:
      Re: 50000 una dieci mille volte
      - Scritto da: Anonimo
      Credo che questo dimostri come qualcosa si
      puo' fare quando chi opera deve rispettare
      le leggi (il sito aveva i server negli USA?
      Ecco li' che deve rispettare le leggi). Il
      problema oggi che ci sono paesi come la
      Russia che le leggi sul diritto d'autore non
      sanno dove stanno di casa.la Russia ha una legge sui diritti d'autore... su PI ne è hanno parlato qualche giorno fa...
    • Anonimo scrive:
      Re: 50000 una dieci mille volte

      Il problema oggi e' che ci sono paesi come la
      Russia che le leggi sul diritto d'autore non
      sanno dove stanno di casa.Se le leggi vengono fatte male e a favore di pochicome in italia ben venga l'anarchia in stile russo chealmeno favorisce i consumatori;se poi c'e' quanlcuno che ci fa soldi dietro al postodelle major che differenza fa? non e' che gli uni sianomeglio degli altri.........
  • Anonimo scrive:
    Basta P.I.
    Ma non capite che insistere in questo modo e pubblicare link diretti a siti proibiti fate solo e soltanto pubblicita' gratuita al catalogo Russo ??!!Io ci lavoro ragazzi con la musica, capito ?!
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta P.I.
      - Scritto da: Anonimo
      Ma non capite che insistere in questo modo e
      pubblicare link diretti a siti proibiti fate
      solo e soltanto pubblicita' gratuita al
      catalogo Russo ??!!
      Io ci lavoro ragazzi con la musica, capito ?!meglio che cambi mestiere :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta P.I.
      ma fatti furbo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta P.I.
      mi**** che str******* che hai detto.... sei parvaso dallo spirito carbonaro della giouvane itaglia?
    • ryoga scrive:
      Re: Basta P.I.
      Oddio......ora si lamentano pure quelli che stanno sotto le stazioni dei metro' a suonare........ :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta P.I.
      - Scritto da: Anonimo
      Ma non capite che insistere in questo modo e
      pubblicare link diretti a siti proibiti fate
      solo e soltanto pubblicita' gratuita al
      catalogo Russo ??!!
      Io ci lavoro ragazzi con la musica, capito ?!dovresti spiegare meglio la tua posizione; e' un po'che scrivi e dici di essere produttore, tuttavia finoraun confronto fra utenti e produttori finora non c'e' mai stato,anzi come disse qualcuno che sta nei palazzi dove si comandac'erano gli emissari delle case che si facevano tutti gli uffici dei senatori soffiandogli al collo per pilotare le decisioni (e visto che siamo italiani sta' pur certo che gira anche qualche bustarella).Di fronte ai fatti degli ultimi anni e' perfettamente lecito che siamo completamente prevenuti al punto dal mandare te e altre persone a quel paese.Se sei uno di loro invece di nasconderti dietro ai favori ai tuoi amici ministri scendi a discuterne oppure tornatene dai tuoi avvocati a pensare alla prossima mossa; se non sei uno di loro spiegaci la tua posizione e i problemi che hai.
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta P.I.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Ma non capite che insistere in questo
        modo e

        pubblicare link diretti a siti proibiti
        fate

        solo e soltanto pubblicita' gratuita al

        catalogo Russo ??!!

        Io ci lavoro ragazzi con la musica,
        capito ?!

        dovresti spiegare meglio la tua posizione;
        e' un po'
        che scrivi e dici di essere produttore,
        tuttavia finora
        un confronto fra utenti e produttori finora
        non c'e' mai stato,
        anzi come disse qualcuno che sta nei palazzi
        dove si comanda
        c'erano gli emissari delle case che si
        facevano tutti gli uffici dei senatori
        soffiandogli al collo per pilotare le
        decisioni (e visto che siamo italiani sta'
        pur certo che gira anche qualche
        bustarella).
        Di fronte ai fatti degli ultimi anni e'
        perfettamente lecito che siamo completamente
        prevenuti al punto dal mandare te e altre
        persone a quel paese.
        Se sei uno di loro invece di nasconderti
        dietro ai favori ai tuoi amici ministri
        scendi a discuterne oppure tornatene dai
        tuoi avvocati a pensare alla prossima mossa;
        se non sei uno di loro spiegaci la tua
        posizione e i problemi che hai.Prego : http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=773646
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta P.I.

          Prego :
          punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=773646lette anche le risposte, perfettamente prevedibili;mi viene in mente quel proverbio, chi semina tempesta raccoglie tempesta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta P.I.
            - Scritto da: Anonimo


            Prego :


            punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=773646

            lette anche le risposte, perfettamente
            prevedibili;
            mi viene in mente quel proverbio, chi semina
            tempesta raccoglie tempesta.MA siete proprio fuori di testa...dico io...ma vi rendete conto ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Basta P.I.

            MA siete proprio fuori di testa...dico
            io...ma vi rendete conto ?suggerisco il termine, "esasperati dagli eventi";non vedo come dargli torto, se la situazione e' arrivata a questi limiti e' indubbio che c'e' qualcosa che non funziona.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta P.I.
      - Scritto da: Anonimo
      Io ci lavoro ragazzi con la musica, capito ?!e allora?e allora?e allora?!Lavori per dei ladri legalizzati, francamente non me ne importa nulla del tuo destino. Ma puoi stare tranquillo. Le major non moriranno mai.. non ti lasceranno a casa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta P.I.

      Io ci lavoro ragazzi con la musica, capito ?!sei l'agente di commercio di prima, vero?Mi spieghi a cosa serve la tua figura nel campo dei CD? Tu vai nei negozi e proponi i cd da acquistare al negozio come si fa con le scarpe e i taralli? Beh...completamente inutile. Io se voglio un cd originale me lo compro all'estero. Appoposito ho appena comprato il cd con dvd dei duran duran...l'ho pagato 17.50 euro in Italia quello senza dvd ne costa 18...Mi spieghi perchè a fronte di circa 4 euro di risparmio dovrei comprare in Italia per foraggiare te e la Siae?E poi per farti dispetto pubblico anche altri link (li conoscono tutti, ma solo per farti dispetto)www.mp3search.ru ecco.:$
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta P.I.

        Io se voglio un cd originale me lo compro
        all'estero. Appoposito ho appena comprato il
        cd con dvd dei duran duran...l'ho pagato
        17.50 euro in Italia quello senza dvd ne
        costa 18...la frase esatta dovrebbe contenere qualche punto in più :) quindi la riscrivo:A proposito ho appena comprato il cd con dvd dei duran duran...l'ho pagato 17.50 euro su play.com. In Italia quello senza dvd ne costa 18...
        • Anonimo scrive:
          Re: Basta P.I.
          Io invece non compro più nulla ed anzi all'estero compro solo i supporti vergini, così non do manco una lira alla SIAE :DDa me, mai più un euro avrete.
  • Alessandrox scrive:
    l'opera omnia di Adriano Celentano
    Andrebbe resa illegale sempre e comunque.... :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opera omnia di Adriano Celentano
      quoto
    • Anonimo scrive:
      Re: l'opera omnia di Adriano Celentano
      - Scritto da: Alessandrox
      Andrebbe resa illegale sempre e comunque....
      :DPensare che esiste un gruppo sconosciuto di nome Omnia Opera che ha fatto musica stupenda (rock/space); mi sembra un insulto.
  • Anonimo scrive:
    seeee... salutateli!!!!
    in Russia, capirai...che fanno, li vanno a prendere vestiti benebene col colbacco con la stella rossa oppure gli offrono un lavoro e cercano di farli atterrare in territorio britannico?...illusi... CIAOOOOOOOO!!!! :D:D:D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    link pericolosi eh? ;-)
    il link diretto a scaricamento di materiale che in italia è considerato illegale... rissssssssssssssschiooooooooobbbbriviiiiiiiidooooooooooooooo!! :-D--commento all'articolo http://punto-informatico.it/p.asp?i=50073
    • Anonimo scrive:
      Re: link pericolosi eh? ;-)
      - Scritto da: Anonimo
      il link diretto a scaricamento di materiale
      che in italia è considerato
      illegale...
      rissssssssssssssschiooooooooo

      bbbbriviiiiiiiidooooooooooooooo!! :DNon credo sia questo il caso, altrimenti Libero doveva già aver chiuso, no?
    • Anonimo scrive:
      Re: link pericolosi eh? ;-)
      non essere ridicolo .. ti pare "diretto"' ?
    • Anonimo scrive:
      Re: link pericolosi eh? ;-)
      - Scritto da: Anonimo
      il link diretto a scaricamento di materiale
      che in italia è considerato
      illegale...

      rissssssssssssssschiooooooooo

      bbbbriviiiiiiiidooooooooooooooo!! :D

      --
      commento all'articolo
      punto-informatico.it/p.asp?i=50073 Ve lo ricordate Brian di Nazareth, la scena dove il sacerdote viene lapidato al posto del bestemmiatore appena legge la bestemmia nella sentenza di condanna?Mi piacerebbe una scena simile dove il PM si becca 4 anni ogni volta che nella requisitoria cita un sito illegale:considerata la logorrea degli uomini di legge italiani, minimo si becca 400 anni :D
Chiudi i commenti