Cisco, router suscettibili alle backdoor

FireEye lancia l'allarme riguardi ai router Cisco infetti, con tanto di backdoor segreta, con poche istanze al momento note ma un livello di pericolosità parecchio alto. Una volta compromesso un router, l'intera rete è a rischio

Roma – I ricercatori di FireEye hanno scoperto SYNful Knock , un “impianto” malevolo progettato per prendere il posto del firmware legittimo di alcuni router Cisco e volto a garantire funzionalità di accesso nascoste alla gang degli ignoti cyber-criminali responsabili dell’operazione.

SYNful Knock è stato fin qui individuato su 79 router sparsi in 19 paesi, per la maggio parte negli Stati Uniti, Libano, Russia e India, rivelano i ricercatori, è sicuramente in grado di attaccare le serie Cisco 1841, 2811 e 3825 ed è pensato per arricchire il firmware standard con capacità malevole a dir poco inquietanti.

Il firmware modificato permette infatti di caricare diversi moduli funzionali sotto forma di hook nelle funzioni standard del codice Cisco o come codice binario indipendente, dicono da FireEye; il reboot del router elimina i moduli malevoli residenti in memoria, ma i cyber-criminali possono riavviarli inviando pacchetti TCP non-standard ai dispositivi compromessi.

Peggio ancora, all’interno del firmware malevolo è presente una backdoor che permette ai criminali di accedere al router da remoto (tramite console e Telnet) tramite una apposita password segreta. I router infetti sono stati compromessi tramite l’utilizzo di credenziali di accesso deboli o magari di default, dicono i ricercatori, mentre non esistono prove sul possibile exploit di falle zero day o altre vulnerabilità.

Da FireEye lamentano la disattenzione delle aziende quando si tratta della sicurezza dei router, componenti generalmente trascurati in favore di client e gadget mobile: ma un router compromesso rappresenta un punto di accesso critico per ogni rete telematica aziendale, avvertono i ricercatori, e una volta compromesso l’accesso l’intera rete diventa vulnerabile.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • privata amministra zione scrive:
    pagare e pagherete
    C' è la versione libera e gratuita non vi piace? Volete per forza il c***o di software/protocollo/formato closed nella PA? Si fa il calcolo e ve le pagate VOI le licenze, basta fare i 'nocchi col deretallo degli altri.
  • Zeus scrive:
    Spreco di soldi dei cittadini
    Ma qualcuno si è chiesto cosa se ne fa il ministero di 150.000 PC?E' così che buttano via i nostri soldi?150.000 PCE finora con licenze M$!Che schifo!
  • ........... ....... scrive:
    Diamo una mano a Maruccia
    Ecco la notizia da tradurre in italiano per lunedì, a 3 giorni di distanza da quando il resto del pianeta lo è venuto a sapere...MICROSOFT si rifiuta di usare Windows per i SUOI sistemi mission-critical! Per i server nei datacenter Azure (la gigantesca infrastruttura di cloud computing microsoft) si sono fatti la LORO distribuzione linux!!!http://linux.slashdot.org/story/15/09/18/1224234/m...Questa è la più grande umiliazione della storia dei winari! (rotfl) (rotfl)
    • bubba scrive:
      Re: Diamo una mano a Maruccia
      - Scritto da: ........... .......
      Ecco la notizia da tradurre in italiano per
      lunedì, a 3 giorni di distanza da quando il resto
      del pianeta lo è venuto a
      sapere...peggio... la notizia e' del 17 ... :)
      Questa è la più grande umiliazione della storia
      dei winari! (rotfl)
      (rotfl)in effetti e' una bella botta :D ... usano pure l'italianissimo Redis ...
      • Akira scrive:
        Re: Diamo una mano a Maruccia
        Se qualche anno fa MS riusciva a stare al passo adesso sono troppe le aziende prersone che lavorano intorno a Linux lato server ed il gap si sente, una azienda da sola non puo' farcela a seguire tutti i fronti come ha sempre fatto MS, da qualche parte rimane indietro e fisiologica la cosa.
    • Arciduca Onorario di Java scrive:
      Re: Diamo una mano a Maruccia
      - Scritto da: ........... .......
      Ecco la notizia da tradurre in italiano per
      lunedì, a 3 giorni di distanza da quando il resto
      del pianeta lo è venuto a
      sapere...

      MICROSOFT si rifiuta di usare Windows per i SUOI
      sistemi mission-critical! Per i server nei
      datacenter Azure (la gigantesca infrastruttura di
      cloud computing microsoft) si sono fatti la LORO
      distribuzione
      linux!!!

      http://linux.slashdot.org/story/15/09/18/1224234/m

      Questa è la più grande umiliazione della storia
      dei winari! (rotfl)
      (rotfl)Effettivamente è una legnatona bella forte... Praticamente Microsoft sta candidamente ammettendo che winzozz va bene solo per videogoichi, mestieri da segreteria, e XXXXXXXte varie. Mi stupisce che la notizia non stia avendo maggiore copertura mediatica.
    • . . . . . . . scrive:
      Re: Diamo una mano a Maruccia
      Se poi leggessi anche gli articoli linkati dal tuo capiresti che il linux che hanno sviluppato lo hanno fatto per essere installato sugli switch, ai fini di poter gestire bugfix e problematiche in modo centralizzato e uniforme a prescindere dal manufacturer dello switch fisico.Niente a che vedere quindi con l'OS che gira sui server Azure.
      • bubba scrive:
        Re: Diamo una mano a Maruccia
        - Scritto da: . . . . . . .
        Se poi leggessi anche gli articoli linkati dal
        tuo capiresti che il linux che hanno sviluppato
        lo hanno fatto per essere installato sugli
        switch, ai fini di poter gestire bugfix e
        problematiche in modo centralizzato e uniforme a
        prescindere dal manufacturer dello switch
        fisico.il catalyst e' uno switch... quello "va un po oltre" dai :)
        • . . . . . . . scrive:
          Re: Diamo una mano a Maruccia
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: . . . . . . .
          il catalyst e' uno switch... quello "va un po
          oltre" dai
          :)Certamente, ma non è nemmeno il caso di millantare che "nemmeno Microsoft usa più Windows sui suoi sistemi !!1one!" :)
    • ... scrive:
      Re: Diamo una mano a Maruccia
      - Scritto da: ........... .......
      Ecco la notizia da tradurre in italiano per
      lunedì, a 3 giorni di distanza da quando il resto
      del pianeta lo è venuto a sapere...l'unica mano da dare (ripetutamente= a maruccia sarebbe a palmo aperto, sulla una guancia all'andata e di rovescio sull'altra guancia al ritorno, e la mano dovrebbeessere dotata di opportuna velocita' di impatto. ripetendo urlado "SCRIVI MEGLIO CRIVI MEGLI SCIVI MEGLIO!!!"
  • lupoalberto65 scrive:
    Re: Ministero della difesa
    Visto che si parla di software alternativo a microsoft office è da escludere totalmente, che venga installato su sistemi mission-critical e per quanto riguarda l'esempio che hai citato, una sola base militare non fa testo.Per quanto mi riguarda sono favorevole all'uso di software free, ma il passaggio da software commerciale a software libero, fatto solo per motivi economici è solo il precludio di un disastro annunciato, se nei primi anni non si investe nella formazione del personale, sia per quanto riguarda gli utilizzatori finali, sia per quanto riguarda il personale tecnico e l'investimento da fare nei primi anni, sicuramente per essere efficacie, deve essere di molto superiore a quanto si spenderebbe, per rinnovare le licenze di office attualmente installate.Poi mi piacerebbe sapere, cosa pensano di utilizzare, come programma di posta, al posto di outlook, non mi sembra che ci siano software free che funzionano con i server exchange.
    • panda rossa scrive:
      Re: Ministero della difesa
      - Scritto da: lupoalberto65
      Visto che si parla di software alternativo a
      microsoft office è da escludere totalmente, che
      venga installato su sistemi mission-critical e
      per quanto riguarda l'esempio che hai citato, una
      sola base militare non fa
      testo.
      Per quanto mi riguarda sono favorevole all'uso di
      software free, ma il passaggio da software
      commerciale a software libero, fatto solo per
      motivi economici è solo il precludio di un
      disastro annunciato, se nei primi anni non si
      investe nella formazione del personale, sia per
      quanto riguarda gli utilizzatori finali, sia per
      quanto riguarda il personale tecnico eSi, come no... perche' per usare quel colabrodo di MSO sono stati tutti formati... ma va...
      l'investimento da fare nei primi anni,
      sicuramente per essere efficacie, deve essere di
      molto superiore a quanto si spenderebbe, per
      rinnovare le licenze di office attualmente
      installate.Libre Office e' AGGRATIS e funziona benissimo.L'investimento da fare e' zero.
      Poi mi piacerebbe sapere, cosa pensano di
      utilizzare, come programma di posta, al posto di
      outlook, non mi sembra che ci siano software free
      che funzionano con i server
      exchange.Solo un pazzo suicida userebbe sexchange come server di posta quando ci sono ottimi prodotti liberi, gratuiti, sicuri e con crittografie ad alto livello incorporate.E comunque i client di posta, uno vale l'altro visto che il protocollo e' standard.
      • lupoalberto65 scrive:
        Re: Ministero della difesa
        Il personale si è formato da solo nel corso di svariati anni, però la maggior parte utilizza solo le funzionalità base di office, naturalmente c'è del personale che utilizza anche le funzionalità più avanzate, sopratutto per quanto riguarda excel, queste persone hanno preparato e impostato il lavoro anche per gli altri.Dove lavoro adesso, vengo considerato un esperto di computer, solo perché sanno e mi chiedono, di salvargli i preferiti in internet explorer, ma utilizzano molti fogli di calcolo complessi in excel, che sicuramente non potranno essere convertiti al nuovo software. Il software sarà pure gratis, ma la formazione dei tecnici che dovranno risolvere i problemi non è gratis, come non è gratis anche la formazione del personale, e se si risparmia sulla formazione il lavoro si ferma, perché il personale non sarà più in grado di utilizzare quello prima funzionava perfettamente.Come server di posta si può utilizzare quello che si vuole, ma non ci sono alternative valide free, per sostituire quello che fa outlook.Come ultima cosa, una precisazione, i 150.000 di cui si parla, fanno parte della rete dati NON CLASSIFICATA che non è collegata alla rete dati CLASSIFICATA, su tale rete dati, non vengono trattati/lavorati documenti o quant'altro di CLASSIFICATO, quindi non c'è una necessità di crittografia superiore a quanto offerto dall'attuale parco software.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 settembre 2015 08.22-----------------------------------------------------------
        • panda rossa scrive:
          Re: Ministero della difesa
          - Scritto da: lupoalberto65
          Il personale si è formato da solo nel corso di
          svariati anni, però la maggior parte utilizza
          solo le funzionalità base di office,Quindi non ha alcuna difficolta' ad usare le funzionalita' equivalenti di LO
          naturalmente
          c'è del personale che utilizza anche le
          funzionalità più avanzate, sopratutto per quanto
          riguarda excel, queste persone hanno preparato e
          impostato il lavoro anche per gli
          altri.Quindi gli altri continueranno a non avere problemi.
          Dove lavoro adesso, vengo considerato un esperto
          di computer, solo perché sanno e mi chiedono, di
          salvargli i preferiti in internet explorer, Ecco, io una cosa del genere non la so fare.Sono anni che non uso il grovIEra.
          ma
          utilizzano molti fogli di calcolo complessi in
          excel, che sicuramente non potranno essere
          convertiti al nuovo software.Perche' no?Excel non ha mica funzionalita' esclusive.Alla fine sono celle che contengono valori.
          Il software sarà pure gratis, ma la formazione
          dei tecnici che dovranno risolvere i problemi non
          è gratis, come non è gratis anche la formazione
          del personale, e se si risparmia sulla formazione
          il lavoro si ferma, perché il personale non sarà
          più in grado di utilizzare quello prima
          funzionava perfettamente.Il dato di fatto e' che il ministero della difesa ha buttato MSO nel WC e tirato lo sciacquone.E se per formare il personale dovranno rinunciare ad acquistare un F16, tanto meglio.
          Come server di posta si può utilizzare quello che
          si vuole, ma non ci sono alternative valide free,
          per sostituire quello che fa
          outlook.Devo darti ragione. E' l'unico client di posta in grado di veicolare viruse senza bisogno dell'approvazione dell'utente.
          Come ultima cosa, una precisazione, i 150.000 di
          cui si parla, fanno parte della rete dati NON
          CLASSIFICATA che non è collegata alla rete dati
          CLASSIFICATA, su tale rete dati, non vengono
          trattati/lavorati documenti o quant'altro di
          CLASSIFICATO, quindi non c'è una necessità di
          crittografia superiore a quanto offerto
          dall'attuale parco
          software.E' comunque un buon inizio.E piu' gente critica questa scelta, piu' vuol dire che hanno fatto bene.
          • lupoalberto65 scrive:
            Re: Ministero della difesa
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: lupoalberto65

            Il personale si è formato da solo nel corso
            di

            svariati anni, però la maggior parte utilizza

            solo le funzionalità base di office,

            Quindi non ha alcuna difficolta' ad usare le
            funzionalita' equivalenti di
            LO
            Se le funzionalità fossero le stesse non ci sarebbero problemi, hai idea di quanti problemi sono sorti quando office dalla versione 2007 ha adottato i ribbon e la gente era abituata da più di vent'anni ai menu e in quell'occasione non c'è stato nessun problema di lettura dei file, ma solo il cambio dell'interfaccia.

            naturalmente

            c'è del personale che utilizza anche le

            funzionalità più avanzate, sopratutto per
            quanto

            riguarda excel, queste persone hanno
            preparato
            e

            impostato il lavoro anche per gli

            altri.

            Quindi gli altri continueranno a non avere
            problemi.
            Gli altri non avranno problemi, ma può darsi che l'altro sia in pensione, trasferito ad altro comando, ecc. e quindi se non più presente chi rimane se non è in grado di convertire i file si troverà nella XXXXX.

            Dove lavoro adesso, vengo considerato un
            esperto

            di computer, solo perché sanno e mi
            chiedono,
            di

            salvargli i preferiti in internet explorer,

            Ecco, io una cosa del genere non la so fare.
            Sono anni che non uso il grovIEra.
            Al lavoro, non hai possibilità di installare programmi, devi utilizzare i programmi che trovi installato sopra e comunque quelle persone hanno lo stesso problema anche con firefox.

            ma

            utilizzano molti fogli di calcolo complessi
            in

            excel, che sicuramente non potranno essere

            convertiti al nuovo software.

            Perche' no?
            Excel non ha mica funzionalita' esclusive.
            Alla fine sono celle che contengono valori.
            Se usi excel solo per fare la lista della spesa, sicuramente non avrai problemi a passare a libreoffice, ma se usi macro complesse o magari funzioni scritte in visual basic, fogli di calcolo che scaricano dati da un database sql, non credo proprio che riuscirai a portare lo stesso lavoro in libbreoffice.A casa visto che non devo lavorare, sul pc ho appunto installato libbreoffice che per quel poco che mi capita di fare a casa è sempre andato bene, ma recentemente ho acquistato un nas a più dischi, su cui ci ho installato un server mysql, che uso insieme a kodi per gestire la mia biblioteca multimediale, alla fine della scansione della libbreria video/audio, ho pensato di fare le correzioni del database direttamente dal pc e non tramite kodi, quindi come farei in ufficio, ho creato un file con office base (in ufficio userei access) e ho cercato di collegarmi al server, al primo tentativo non ci sono riuscito perché non c'era il relativo driver odbc, colpa mia, perché pensavo che fosse compreso nell'installazione di libbreoffice, scarico il driver, lo installo e ritento il collegamento, riesco a collegarmi al server, solo che ogni venti secondi, office base va in tilt e praticamente non riesco a fare quasi nessuna modifica al database, questo non è un problema a casa, ma lo sarà sicuramente al lavoro.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ministero della difesa
            - Scritto da: lupoalberto65
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: lupoalberto65


            Il personale si è formato da solo nel corso

            di


            svariati anni, però la maggior parte
            utilizza


            solo le funzionalità base di office,



            Quindi non ha alcuna difficolta' ad usare le

            funzionalita' equivalenti di

            LO



            Se le funzionalità fossero le stesse non ci
            sarebbero problemi, hai idea di quanti problemi
            sono sorti quando office dalla versione 2007 ha
            adottato i ribbon e la gente era abituata da più
            di vent'anni ai menu e in quell'occasione non c'è
            stato nessun problema di lettura dei file, ma
            solo il cambio dell'interfaccia.Non ho idea: se avessi soldi da buttare preferirei mille volte usarli come carta igienica che spenderli per comprare quella roba che hai nominato.E comunque sono allergico al ribbon.


            naturalmente


            c'è del personale che utilizza anche le


            funzionalità più avanzate, sopratutto per

            quanto


            riguarda excel, queste persone hanno

            preparato

            e


            impostato il lavoro anche per gli


            altri.



            Quindi gli altri continueranno a non avere

            problemi.



            Gli altri non avranno problemi, ma può darsi che
            l'altro sia in pensione, trasferito ad altro
            comando, ecc. e quindi se non più presente chi
            rimane se non è in grado di convertire i file si
            troverà nella XXXXX.Manuali, questi sconosciuti...


            Dove lavoro adesso, vengo considerato un

            esperto


            di computer, solo perché sanno e mi

            chiedono,

            di


            salvargli i preferiti in internet
            explorer,




            Ecco, io una cosa del genere non la so fare.

            Sono anni che non uso il grovIEra.



            Al lavoro, non hai possibilità di installare
            programmi, devi utilizzare i programmi che trovi
            installato sopra e comunque quelle persone hanno
            lo stesso problema anche con firefox.Dipende dal lavoro.E comunque quando mi capitano questi clienti talebani, ho sempre la mia chiavetta con tutto il sw necessario. Oppure porto il mio portatile.


            ma


            utilizzano molti fogli di calcolo complessi

            in


            excel, che sicuramente non potranno essere


            convertiti al nuovo software.



            Perche' no?

            Excel non ha mica funzionalita' esclusive.

            Alla fine sono celle che contengono valori.



            Se usi excel solo per fare la lista della spesa,E con questo hai smarcato il 99.99% dell'uso che ne fa l'utente medio anche in azienda.
            sicuramente non avrai problemi a passare a
            libreoffice, ma se usi macro complesse o magari
            funzioni scritte in visual basic, fogli di
            calcolo che scaricano dati da un database sql,
            non credo proprio che riuscirai a portare lo
            stesso lavoro in
            libbreoffice.Chi ha creato quelle macro e quelle formule?Chi lo ha fatto lo puo' fare anche per LIBO.
            A casa visto che non devo lavorare, sul pc ho
            appunto installato libbreoffice che per quel poco
            che mi capita di fare a casa è sempre andato
            bene, ma recentemente ho acquistato un nas a più
            dischi, su cui ci ho installato un server mysql,
            che uso insieme a kodi per gestire la mia
            biblioteca multimediale, alla fine della
            scansione della libbreria video/audio, ho pensato
            di fare le correzioni del database direttamente
            dal pc e non tramite kodi, quindi come farei in
            ufficio, ho creato un file con office base (in
            ufficio userei access) e ho cercato di collegarmi
            al server, al primo tentativo non ci sono
            riuscito perché non c'era il relativo driver
            odbc, colpa mia, perché pensavo che fosse
            compreso nell'installazione di libbreoffice,
            scarico il driver, lo installo e ritento il
            collegamento, riesco a collegarmi al server, solo
            che ogni venti secondi, office base va in tilt e
            praticamente non riesco a fare quasi nessuna
            modifica al database, questo non è un problema a
            casa, ma lo sarà sicuramente al
            lavoro.Al lavoro si usano database relazionali.Oracle.Access e' stato un cancro le cui conseguenze ci perseguiteranno per decen ni, e il fatto che LB abbia un simil access, e' una di queste conseguenze.Mai usato e mai vorro' usarlo.Il database deve essere relazionale e accessibile via SQL.
          • lupoalberto65 scrive:
            Re: Ministero della difesa




            naturalmente



            c'è del personale che utilizza
            anche
            le



            funzionalità più avanzate,
            sopratutto
            per


            quanto



            riguarda excel, queste persone
            hanno


            preparato


            e



            impostato il lavoro anche per gli



            altri.





            Quindi gli altri continueranno a non
            avere


            problemi.






            Gli altri non avranno problemi, ma può darsi
            che

            l'altro sia in pensione, trasferito ad altro

            comando, ecc. e quindi se non più presente
            chi

            rimane se non è in grado di convertire i
            file
            si

            troverà nella XXXXX.

            Manuali, questi sconosciuti...
            Esperienza e buon senso, questi sconosciuti.Ho il manuale di manutenzione della mia macchina, se voglio su internet posso trovare anche il manuale che hanno le officine, possono leggerli tutte le volte che voglio, ma non essendo portato per la meccanica, anche leggendoli 1000 volte, ciò non mi trasforma in un meccanico, ma nonostante non sia portato per la meccanica, non ho nessun problema a utilizzare la macchina.Senza considerare poi che non esiste il manuale di Libreoffice, ma c'è solo l'help in linea, ma sai che la maggior parte dei utenti non ha conoscenza dell'esistenza dell'help in linea (esperienza), salvo attivarla solo per sbaglio quando premono qualche tasto per sbaglio, certo su internet si può trovare tutte le informazioni che si vuole (se le sai trovare), ma vedi la maggior parte dei 150.000 pc non ha acXXXXX a internet, ma solo alla rete interna.




            ma



            utilizzano molti fogli di calcolo
            complessi


            in



            excel, che sicuramente non
            potranno
            essere



            convertiti al nuovo software.





            Perche' no?


            Excel non ha mica funzionalita'
            esclusive.


            Alla fine sono celle che contengono
            valori.






            Se usi excel solo per fare la lista della
            spesa,

            E con questo hai smarcato il 99.99% dell'uso che
            ne fa l'utente medio anche in
            azienda.Non so dove hai lavorato, se hai mai lavorato, ma sopratutto nel settore amministrativo e logistico, si utilizza molto excel, in maniera abbastanza avanzata.


            sicuramente non avrai problemi a passare a

            libreoffice, ma se usi macro complesse o
            magari

            funzioni scritte in visual basic, fogli di

            calcolo che scaricano dati da un database
            sql,

            non credo proprio che riuscirai a portare lo

            stesso lavoro in

            libbreoffice.

            Chi ha creato quelle macro e quelle formule?
            Chi lo ha fatto lo puo' fare anche per LIBO.
            Ma se quella persona non è più presente, cosa molto probabile, visto che in marina, ogni 6/7 anni si cambia ufficio o comando, tutto il lavoro che ho impostato nei uffici/comandi dove ho lavorato fino adesso, solo quelli preparati prima del passaggio all'euro non sono più utilizzabili, tutti gli altri invece funzionano ancora, ogni tanto qualcuno via email mi chiede di fare qualche aggiornamento, ma una cosa è fare un semplice aggiornamento, un'altra e reimpostare il lavoro di un'altro ufficio, se non sono più presente.

            A casa visto che non devo lavorare, sul pc ho

            appunto installato libbreoffice che per quel
            poco

            che mi capita di fare a casa è sempre andato

            bene, ma recentemente ho acquistato un nas a
            più

            dischi, su cui ci ho installato un server
            mysql,

            che uso insieme a kodi per gestire la mia

            biblioteca multimediale, alla fine della

            scansione della libbreria video/audio, ho
            pensato

            di fare le correzioni del database
            direttamente

            dal pc e non tramite kodi, quindi come farei
            in

            ufficio, ho creato un file con office base
            (in

            ufficio userei access) e ho cercato di
            collegarmi

            al server, al primo tentativo non ci sono

            riuscito perché non c'era il relativo driver

            odbc, colpa mia, perché pensavo che fosse

            compreso nell'installazione di libbreoffice,

            scarico il driver, lo installo e ritento il

            collegamento, riesco a collegarmi al server,
            solo

            che ogni venti secondi, office base va in
            tilt
            e

            praticamente non riesco a fare quasi nessuna

            modifica al database, questo non è un
            problema
            a

            casa, ma lo sarà sicuramente al

            lavoro.

            Al lavoro si usano database relazionali.
            Oracle.

            Access e' stato un cancro le cui conseguenze ci
            perseguiteranno per decenni, e il fatto che LB
            abbia un simil access, e' una di queste
            conseguenze.
            Mai usato e mai vorro' usarlo.
            Il database deve essere relazionale e accessibile
            via
            SQL.No, la vera conseguenza è che access si connette senza problemi a server sql, ti permette di fare query e report direttamente utilizzando i dati sul server, il programma inserito in libreoffice invece no e probabilmente sarà anche un problema fare la stessa cosa da calc. Sei convinto poi che gli unici database siano quelli relazionali, quindi se tu fossi un amministratore di sistemi e venisse uno che ti chiede di creargli un database per la lista della cancelleria, uno per il materiale delle pulizie o qualsiasi altro motivo, tu senza problemi gli creeresti un database sul server e daresti l'acXXXXX da amministratore a chiunque te lo chiederebbe e dimmi, quali strumenti di libreoffice potrebbe utilizzare per inserire, aggiornare, consultare i dati. Parli di clienti talebani, ma mi sa che l'unico talebano sei tu.
    • lupoalberto65 scrive:
      Re: Ministero della difesa
      Sono in Marina e quindi sono a conoscenza solo di quello che viene utilizzano in Marina, nei datacenter vengono utilizzati server con installato sopra unix (non linux), con installato sopra oracle database, poi ci sono i server con sopra windows server, per utilizzarli con server exchange, server sql, server internet.
      • bubba scrive:
        Re: Ministero della difesa
        - Scritto da: lupoalberto65
        Sono in Marina e quindi sono a conoscenza solo di(..)
        sopra oracle database, poi ci sono i server con
        sopra windows server, per utilizzarli con server
        exchange, server sql, server
        internet.li usate per i penetration test? :D tipo la us.navy insomma...
      • ........... ........ scrive:
        Re: Ministero della difesa
        - Scritto da: lupoalberto65
        Sono in Marina e quindi sono a conoscenza solo di
        quello che viene utilizzano in Marina, nei
        datacenter vengono utilizzati server con
        installato sopra unix (non linux), con installato
        sopra oracle database, poi ci sono i server con
        sopra windows server, per utilizzarli con server
        exchange, server sql, server
        internet.Unix non è (più) un sistema operativo, semmai è uno standard. QUALE "unix" sarebbe installato? Gli unici totalmente aderenti allo standard sono Solaris e OSX (e non credo proprio che usino i mac), gli altri sono unix-like, come il kernel linux e i vari BSD.E parlando di un tuo post precedente, non c'è alcun legame tra i server di posta e i client da usare: tutti client funzionano con tutti i server.Non so che mestiere tu faccia in Marina, ma per il bene dell'Italia spero che lì dentro ci sia gente più preparata.
  • ........... .... scrive:
    Notizia data con due giorni di ritardo
    ... e rispetto a slashdot, che è un sito straniero!Ma a che XXXXX servite voi di PI se vi limitate a tradurre notizie da siti esteri persino quando riguardano l'Italia!
  • panda rossa scrive:
    Re: Ministero della difesa
    - Scritto da: lupoalberto65

    PS. Per la redazione, veramente terribile e
    orrendo, il vosto sistema di commenti, questo
    commento l'ho dovuto riscrivere 4 volte, ogni
    volta alla fine si cancellava quanto scritto,
    alla fine ho dovuto scriverlo con un editor
    esterno.Il sistema di commenti di PI e' ottimo.Nessuno di noi commentatori abituali ha problemi.Non e' che stai usando windows, per caso?
    • lupoalberto65 scrive:
      Re: Ministero della difesa
      Uso Windows 10 con firefox, con cui non ho mai avuto problemi nel fare commenti, fino adesso.
      • piaccapi scrive:
        Re: Ministero della difesa
        - Scritto da: lupoalberto65
        Uso Windows 10 con firefox, con cui non ho mai
        avuto problemi nel fare commenti, fino
        adesso.about:configaccessibility.blockautorefresh=true
  • collione scrive:
    Re: W Window10, W MS, W Office 2016
    - Scritto da: maxbasi
    Odio anche Unix ti consiglio allora di studiarne l'architetturanon i comandi, perchè sono oggettivamente brutti, con millemila opzioni oscure, ma l'architettura è quanto di meglio sia stato creatoconsidera ad esempio quant'è facile aggiungere un driver ed usarlo grazie all'esportazione di un file node in /dev ( su windows o vai di ioctl o aspetti che ms implementi una bella api )oppure considera un setup particolare del filesystem ( non previsto da chi realizza le distribuzioni linux/unix ) con unix puoi impilare uno sopra l'altro vari driver ( intesi alla larga e quindi comprendenti filesystem, lvm, crittografia, ecc... ) nel modo che puoi ti aggradae questo sempre grazie alla logica del "tutto è un file"oppure pensa ai log ( o altri file che il kernel e soci usano per comunicare informazioni ) in formato testuale e che puoi leggere come ti pare ( quello che systemd sta distruggendo purtroppo )ecco, studiati bene l'architettura di unix e ti accorgerai che ( ancora oggi ) è avanti a windows
    • piaccapi scrive:
      Re: W Window10, W MS, W Office 2016
      - Scritto da: collione
      - Scritto da: maxbasi[cut]
      oppure pensa ai log ( o altri file che il kernel
      e soci usano per comunicare informazioni ) in
      formato testuale e che puoi leggere come ti pare
      ( quello che systemd sta distruggendo purtroppo
      )[/cut]Guarda, stavo per risponderti di getto proprio su questo punto finché non ho letto la fine della frase :D
  • El Pincho scrive:
    Re: Ministero della difesa
    - Scritto da: lupoalberto65
    PS. Per la redazione, veramente terribile e
    orrendo, il vosto sistema di commenti, questo
    commento l'ho dovuto riscrivere 4 volte, ogni
    volta alla fine si cancellava quanto scritto,
    alla fine ho dovuto scriverlo con un editor
    esterno.Se ti dovesse ricapitare di scrivere, entra nella visualizzazione classica.Dall'altra parte succede qualcosa di strano che tutti sanno ma che ufficialmente non esiste, un po` come i segreti di stato.
    • bubba scrive:
      Re: Ministero della difesa
      - Scritto da: El Pincho
      - Scritto da: lupoalberto65


      PS. Per la redazione, veramente terribile e

      orrendo, il vosto sistema di commenti, questo

      commento l'ho dovuto riscrivere 4 volte, ogni

      volta alla fine si cancellava quanto scritto,

      alla fine ho dovuto scriverlo con un editor

      esterno.

      Se ti dovesse ricapitare di scrivere, entra nella
      visualizzazione
      classica.
      cmq se puoi permetterti un browser serio (tipo firefox insomma) -
      about:config -
      accessibility.blockautorefresh = true e passa la merdura
      Dall'altra parte succede qualcosa di strano che
      tutti sanno ma che ufficialmente non esiste, un
      po` come i segreti di
      stato.:)
    • ... scrive:
      Re: Ministero della difesa
      - Scritto da: El Pincho
      - Scritto da: lupoalberto65


      PS. Per la redazione, veramente terribile e

      orrendo, il vosto sistema di commenti, questo

      commento l'ho dovuto riscrivere 4 volte, ogni

      volta alla fine si cancellava quanto scritto,

      alla fine ho dovuto scriverlo con un editor

      esterno.

      Se ti dovesse ricapitare di scrivere, entra nella
      visualizzazione
      classica.

      Dall'altra parte succede qualcosa di strano che
      tutti sanno ma che ufficialmente non esiste, un
      po` come i segreti di
      stato.grazie a questa idea del refresh, io ho ridotto visite e post al solo sabato mattina quando ho tempo.
  • FDG scrive:
    Re: W Window10, W MS, W Office 2016
    - Scritto da: maxbasi
    Odio...Mi pare tu abbia una visione molto istintiva dell'informatica.
    Ma domandina da ignorante di GNU ecc di chi è la
    responsabilità di un ipotetica backdoor dentro il
    software free?Basta cercarehttp://lmgtfy.com/?q=Libre+Office
    • maxbasi scrive:
      Re: W Window10, W MS, W Office 2016
      Grazie per avermi mostrato come cercare su google! ;)Effettivamente sono un po' pigro (ecco spiegata la mia avversione x Java/Unix and co.[Ufficio Complicazioni Affari Semplici])... Ad esempio ancora oggi non capisco perchè l'installer del JDK non setta la CLASSPATH o la JAVA_HOME automaticamente e devo farlo io a mano, questa cosa mi manda in BESTIA, si lo ammetto, fin da quando IBM mi sviolinava quanto figo fosse JAVA nel 1994 al posto dello SMALLTALK (google.com metti smalltalk <invio
      ) La mia era ovviamente ironia e provocazione.Dai!!! Avevo ovviamente già letto prima di scrivere, nella loro sezione <Who are we?
      , che: "LibreOffice is developed by users who, just like you, believe in the principles of Free Software " .Sai ci sono persone che odiano le cose o le complicazioni e altre che odiano le persone che la pensano diversamente da lui.Io appartengo al primo gruppo, spero che tu mi faccia compagnia . Mi dispiace ma sono fatto cosi istintivo, che pero' è sinonimo anche di genuino. Tutti "sputano" su MS (anch' io lo faccio a volte x carità, e impreco contro zioBill con i 1000 bug che ci sono) ma nessuno ha veramente idea del miracolo che hanno fatto, da sempre, le migliaia di combinazioni di hardware su cui gira con semplicita Windows /Office...Linux ci ha messo 20anni a diventare semplice e usabile su quasi tutti i pc (certo poi se installi CITRIX receiver e non va... tanti auguri...).Ma veniamo al punto, come al solito ci fanno scannare sulle ideologie e poi loro fanno le scelte solo per spartire la TORTA. Guardiamo oltre, senza fare i saputelli ho ragione io, hai ragione tu... il problema non è usare MSO o LO ma avere la garanzia che un documento sia sempre leggibile, quindi dotando il format (qualunque sia) con il reader opportuno.Il problema non è solo software, come fai a leggere oggi un ODT scritto in un floppy disk? o tra 15anni su un CD... mi spiace io sono molto pragmatico, il buon vecchio smanettone, fin dai tempi dello mio amato zx spectrum 16k...non mi interessa copyright, dogmi, iso, per me una cosa funziona bene o male, è complessa o semplice, lo deciso io, non me lo certifica un documento scritto da burocrati e teorici.Parliamo di libertà. Interoperabilità..TUTTI i produttori usano microUSB perché lEuropa non obbliga allora Apple ad usare lo spinotto universale ???Queste sono azioni REALI che mi convincerebbero della loro buona fede.A me sembra che queste direttive siano fatte sempre e solo per interessi personali di pochi, la libertà è una cosa che parte sempre dal basso a mio modesto parere.ciao.
      • panda rossa scrive:
        Re: W Window10, W MS, W Office 2016
        - Scritto da: maxbasi
        Grazie per avermi mostrato come cercare su
        google!

        ;)
        Effettivamente sono un po' pigro (ecco spiegata
        la mia avversione x Java/Unix and co.[Ufficio
        Complicazioni Affari Semplici])...

        Ad esempio ancora oggi non capisco perchè
        l'installer del JDK non setta la CLASSPATH o la
        JAVA_HOME automaticamente e devo farlo io a mano,Si chiama liberta' di scelta.Java non si permette di imporre niente.
        questa cosa mi manda in BESTIA, si lo ammetto,
        fin da quando IBM mi sviolinava quanto figo fosse
        JAVA nel 1994 al posto dello SMALLTALK
        (google.com metti smalltalk <invio
        )

        La mia era ovviamente ironia e provocazione.E anche una abbondante dose di ignoranza.
        Dai!!! Avevo ovviamente già letto prima di
        scrivere, nella loro sezione <Who are
        we?
        , che: "LibreOffice is developed by
        users who, just like you, believe in the
        principles of Free Software "
        .
        Sai ci sono persone che odiano le cose o le
        complicazioni e altre che odiano le persone che
        la pensano diversamente da
        lui.La vita e' una lotta (cit.)
        Io appartengo al primo gruppo, spero che tu mi
        faccia compagnia . Mi dispiace ma sono fatto cosi
        istintivo, che pero' è sinonimo anche di genuino.No, e' sinonimo di ignorante.
        Tutti "sputano" su MS (anch' io lo faccio a volte
        x carità, e impreco contro zioBill con i 1000 bug
        che ci sono)Ecco, bravo.
        ma nessuno ha veramente idea del
        miracolo che hanno fatto, da sempre, le migliaia
        di combinazioni di hardware su cui gira con
        semplicita Windows /Office...Le migliaia di combinazioni hardware su cui gira quella roba sono all'incirca UNA: x86
        Linux ci ha messo
        20anni a diventare semplice e usabile su quasi
        tutti i pc (certo poi se installi CITRIX receiver
        e non va... tanti
        auguri...).Linux era semplice ed usabile anche 20 anni fa.
        Ma veniamo al punto, come al solito ci fanno
        scannare sulle ideologie e poi loro fanno le
        scelte solo per spartire la TORTA.Torta a cui tu contribuisci usando quel sistema.Linux e' libero, non ci sono torte.
        Guardiamo
        oltre, senza fare i saputelli ho ragione io, hai
        ragione tu... Tu non hai ragione di sicuro!
        il problema non è usare MSO o LO ma
        avere la garanzia che un documento sia sempre
        leggibile, quindi dotando il format (qualunque
        sia) con il reader
        opportuno.E la soluzione prevede di NON USARE MSO visto che da 20 anni MSO e' incompatibile con se stesso, senza contare che gira solo su una piattaforma.
        Il problema non è solo software, come fai a
        leggere oggi un ODT scritto in un floppy disk? Devo farti un disegnino?
        o tra 15anni su un CD... Nello stesso modo. Se tu invece di scegliere con cura l'hardware lo compri dal MW col SO preinstallato, non ti lamentare se poi non funziona.
        mi spiace io sono molto
        pragmatico, il buon vecchio smanettone, fin dai
        tempi dello mio amato zx spectrum 16k...E sei finito ad usare M$.Tu lo usavi solo per giocare ad ATIC ATAC lo zx.Se lo avessi usato per programmare, oggi non saresti qui a spargere ignoranza.
        non mi
        interessa copyright, dogmi, iso, per me una cosa
        funziona bene o male, è complessa o semplice, lo
        deciso io, non me lo certifica un documento
        scritto da burocrati e
        teorici.Strano. Potresti essere un ottimo cliente apple.Hai mai pensato a farti due giorni di fila davanti all'applestore?
        Parliamo di libertà. Quindi M$ e' fuori dal discorso.
        Interoperabilità..Quindi M$ e' fuori dal discorso.
        TUTTI i
        produttori usano microUSB Dove? Nel frullatore?Il mio PC ha delle USB normalissime.
        perché lEuropa non
        obbliga allora Apple ad usare lo spinotto
        universale ???Un dozzinale cavetto nero? Che oVVoVe...
        Queste sono azioni REALI che mi
        convincerebbero della loro buona
        fede.Per dirla come Aniello Caputo: ma che ce frega a noi di eppol?
        A me sembra che queste direttive siano fatte
        sempre e solo per interessi personali di pochi,
        la libertà è una cosa che parte sempre dal basso
        a mio modesto parere.La liberta' esclude M$. Sono concetti agli antipodi.
  • kruks scrive:
    Re: W Window10, W MS, W Office 2016
    - Scritto da: maxbasi
    Faccio il programmatore da sempre
    Ma stranamente non ho mai amato il free
    softwareodio Java (c++ tutta la
    vita)
    Odio anche Unix e quindi sono di parte MS
    Ma domandina da ignorante di GNU ecc di chi è la
    responsabilità di un ipotetica backdoor dentro il
    software free
    ?È responsabile la persona che ha scritto il codice relativoalla gestione della backdoor, se ha deliberatamente e coscentementevoluto metterla per poterla utilizzare.Infatti il software libero (e qui si traduce libero, non gratis) hail sorgente disponibile. In più se il software è più complesso di unsemplice script di shell, avrà un controllo di revisione, e tuttolo storico delle modifiche, commit per commit, possono essere visionatie controllati.
    Microsoft sarà anche una corporate interessata a
    lucrare ma ha anche delle responsabilità,
    credo.Lo credi? in effetti quando sottoscrivi l'EULA dovresti leggere qualcosa del tipo "Limitazioni delle responsabilità", e le responsabilità MS si limitano a danni agli apparati hardware per un'ammontare non superiore al valore della licenza acquistata.Visto che sei un utente MS non vedo perché dovresti credere a qualcosa che la stessa MS dice non essere vera.ps.: geniale l'idea del reload della pagina, vero? specialmente quando stai scrivendo un commento, ti distrai e tah, form vuota :)
    • FDG scrive:
      Re: W Window10, W MS, W Office 2016
      - Scritto da: kruks
      Infatti il software libero (e qui si traduce
      libero, non gratis) ha il sorgente disponibile. In più se il software è
      più complesso di un semplice script di shell, avrà un controllo di
      revisione, e tutto lo storico delle modifiche, commit per commit,
      possono essere visionati e controllati.E' di chi gestisce il repository e fa si che il codice committato venga sottoposto a review. In questo caso The Document Foundation.
      • Albedo 0,9 scrive:
        Re: W Window10, W MS, W Office 2016
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: kruks


        Infatti il software libero (e qui si traduce

        libero, non gratis) ha il sorgente
        disponibile. In più se il software
        è

        più complesso di un semplice script di
        shell, avrà un controllo
        di

        revisione, e tutto lo storico delle
        modifiche, commit per
        commit,

        possono essere visionati e controllati.

        E' di chi gestisce il repository e fa si che il
        codice committato venga sottoposto a review. In
        questo caso The Document
        Foundation.Secondo me la responsabilità è di chi sfrutta il codice free all'interno di un suo prodotto, software o server.
        • FDG scrive:
          Re: W Window10, W MS, W Office 2016
          - Scritto da: Albedo 0,9
          Secondo me la responsabilità è di chi sfrutta il
          codice free all'interno di un suo prodotto,
          software o server.Chiediamo ad un avvocato :)
      • kruks scrive:
        Re: W Window10, W MS, W Office 2016
        TUTTI possono leggerlo. È aperto.- Scritto da: FDG
        - Scritto da: kruks


        Infatti il software libero (e qui si traduce

        libero, non gratis) ha il sorgente
        disponibile. In più se il software
        è

        più complesso di un semplice script di
        shell, avrà un controllo
        di

        revisione, e tutto lo storico delle
        modifiche, commit per
        commit,

        possono essere visionati e controllati.

        E' di chi gestisce il repository e fa si che il
        codice committato venga sottoposto a review. In
        questo caso The Document
        Foundation.
        • FDG scrive:
          Re: W Window10, W MS, W Office 2016
          - Scritto da: kruks
          TUTTI possono leggerlo. È aperto.Si, ma uin pochi lo andranno a fare. E sicuramente costa un sacco di tempo andare a spulciare tutto il codice quando magari ti limiti ad usarlo come binario.Il soggetto che può aver ha attivo un meccanismo di review di quello che viene messo nel codice dai committer è chi gestisce il repository. E mi pare che sia una cosa fatta per progetti di una certa dimensione.
  • ... scrive:
    Microsoft Office
    Microsoft Office, standard de factooMicrosoft Office, standard defecato?Meditate gente, meditate.
  • Duca Conte Semenzara scrive:
    Silenzio!
    [img]http://i.imgflip.com/r82ho.jpg[/img]
  • ... scrive:
    asini
    cucca cuccaccòcucca cuccacchìcucca cuccaccòcocchiccochiccochicchichicchichi
  • Alvaro Vitali scrive:
    Ma che migrazione devono fare?
    Ma avete visto le conferenze stampa della Polizia quando arrestano qualche delinquente?Usano M$ Power Point per una presentazione formata da una sola pagina dove c'è la foto del delinquente e sotto i dati anagrafici.Negli uffici comunali usano Office su un PC, come fosse una normale macchina da scrivere, per compilare un certificato di residenza o uno stato di famiglia; per il bilancio comunale usano Excell con una formuletta che somma le entrate e le uscite e mostra il totale.Più o meno queste sono anche le esigenze del Ministero della Difesa.Mi spiegate allora, che ca**o di migrazione devono fare?
    • Akira scrive:
      Re: Ma che migrazione devono fare?
      La polizia non fa parte del ministero della difesa sono i carabinieri a farne parte, la proposta di avere un unico corpo non e' mai passata.
    • mimmo scrive:
      Re: Ma che migrazione devono fare?
      LAvori al ministero della difesa?io si, e ti assicuro che passare da MS Office a Libre Office non sara' indolore, anzi.perche' i documenti che girano qua dentro, non sono per niente due fogli excel con 4 somme incroce, sono molto piu' complessi.specialmente i fogli excel, che tu ci creda o no, sono estremamente complessi e pieni zeppi di macro...stratificate negli anni!!!!PEr quanto riguarda documenti Word, ti do ragione, per quelli non cisara' alcun problema, ma per Excel invece sara' un po' una mazzata.inoltre si usa anche molto Access....inoltre se vogliamo parlare di MS in generale, si usa moltissimo Outlook e la rete e' basata tutta su Windows.quindi passare all'OS , non sara' facile.poi certo, siamo tutti fannulloni, quindi qualcosa dovremo pur fare, no ????a parte le battute, non credo che si risparmiera' chissacche'!e' solo una manovra di propaganda, come dire "sono stato il primo ministro a portare un ministero a Libre Office".senza contare che tanti server sono ancora MS (quando linux sarebbe stata la scelta migliore) e i prodotti MS lato server la fanno da padrona (con buona pace delle accoppiate Linux - java - ApacheWeb - Tomcat - mysql - postgresql - ....)
  • gilbert scrive:
    Re: W Window10, W MS, W Office 2016
    Ecco a voi Siore e Siori un peracottaro prolisso.
  • Ingenuo scrive:
    E se non fosse per il risparmio
    Io non so come ragionino al Ministero della Difesa, ma forse pensare di affidare i documenti riservati del SISMI ad un sistema che per metà si trova sui server di una multinazionale americana, qualcuno lo ha trovato un pochino ... come dire ... scomodo.Poi evidentemente la versione ufficiale è quella che un ente che compra bombardieri e navi, vuole risparmiare sulle licenze di office, tanto la gente ormai crede a tutto.Crede a tutto e compra tutto, dalle telecamere cloud, agli smartphone che localizzano costantemente in che stanza di casa tua sei, e chiaramente windows 10 a cui affida i segreti industriali, e si fa leggere da Cortana le email riservate ad uso interno.Forse al Ministero della Difesa hanno standard leggermente superiori, almeno spero.
    • mimmo scrive:
      Re: E se non fosse per il risparmio
      - Scritto da: Ingenuo
      Io non so come ragionino al Ministero della
      Difesa, ma forse pensare di affidare i documenti
      riservati del SISMI ad un sistema che per metà si
      trova sui server di una multinazionale americana,
      qualcuno lo ha trovato un pochino ... come dire
      ...
      scomodo.
      E tu pensi che i PC su cui ci sono documenti riservati sono accessibili da internet?A parte che MS Office non e' per meta' su internet e meta' su pc,lo sara' magari la versione gratis che viene messa sui pc consumer, ma quella che viene usata in ufficio e' tutta offline, credimi.
      Poi evidentemente la versione ufficiale è quella
      che un ente che compra bombardieri e navi, vuole
      risparmiare sulle licenze di office, tanto la
      gente ormai crede a
      tutto.
      Su questo sono d'accordo, non si risparmia un bel niente!gli sprechi nei ministeri sono da altre parti.Non e' certo per colpa di MS Office che si spende troppo nei ministeri!!!!

      Forse al Ministero della Difesa hanno standard
      leggermente superiori, almeno
      spero.Speri male....per me questa manovra e' tutta pubblicita' stile Renzi.
  • panda rossa scrive:
    Re: W Window10, W MS, W Office 2016
    - Scritto da: maxbasi
    Faccio il programmatore da sempre
    Ma stranamente non ho mai amato il free
    softwareodio Java (c++ tutta la
    vita)Ok, sei quello che noi chiamiamo "sparagestionali".
    • ... scrive:
      Re: W Window10, W MS, W Office 2016
      invece Java... solo mega progettoni... panda... metti in moto e vai...Qual'era quel comune del nord Italia che era passato al mondo open e dopo 6 mesi? un anno? sono tornati ad usare Microsoft? Questa volta anche avra' lo stesso epilogo.
  • ... scrive:
    Re: W Window10, W MS, W Office 2016
    - Scritto da: maxbasi
    Faccio il programmatore da sempre
    Ma stranamente non ho mai amato il free
    softwareodio Java (c++ tutta la
    vita)
    Odio anche Unix e quindi sono di parte MS
    Ma domandina da ignorante di GNU ecc di chi è la
    responsabilità di un ipotetica backdoor dentro il
    software free
    ?
    Microsoft sarà anche una corporate interessata a
    lucrare ma ha anche delle responsabilità,
    credo . ^^^^^^^e questo taglia la testa al toro.
    • m5s scrive:
      Re: W Window10, W MS, W Office 2016
      - Scritto da: ...
      - Scritto da: maxbasi

      Faccio il programmatore da sempre

      Ma stranamente non ho mai amato il free

      softwareodio Java (c++ tutta la

      vita)

      Odio anche Unix e quindi sono di parte MS

      Ma domandina da ignorante di GNU ecc di chi è
      la

      responsabilità di un ipotetica backdoor dentro
      il

      software free

      ?

      Microsoft sarà anche una corporate interessata a

      lucrare ma ha anche delle responsabilità,

      <b
      credo </b
      .
      ^^^^^^^
      e questo taglia la testa al toro.E dice di fare il programmatore !!!Gli compro un software, poi mi si rompe il pc e vengo a cercarti per farmelo ricomprare da te :D
  • RiCci scrive:
    Standard "de facto" vs. certificato?
    Buongiorno,La questione non è solo sul fatto che questo formato risulta"aperto", quanto sul fatto che questo formato è l'unico effettivamente certificato ISO (ISO 26300:2006), ossia è l'unico completamente documentato ed è l'unico che, proprio per queste caratteristiche, può garantire la possibilità di essere correttamente letto anche nel futuro e senza legare il tutto ad un software particolare.Questo, dovrebbe anche rendere questo formato "preferito" agli occhi di una qualunque azienda/organizzazione che voglia definirsi "certificata ISO".
    • MisterX scrive:
      Re: Standard "de facto" vs. certificato?
      - Scritto da: RiCci
      Buongiorno,
      La questione non è solo sul fatto che questo
      formato risulta"aperto", quanto sul fatto che
      questo formato è l'unico effettivamente
      certificato ISO (ISO 26300:2006), ossia è l'unico
      completamente documentato ed è l'unico che,
      proprio per queste caratteristiche, può garantire
      la possibilità di essere correttamente letto
      anche nel futuro e senza legare il tutto ad un
      software
      particolare.
      Questo, dovrebbe anche rendere questo formato
      "preferito" agli occhi di una qualunque
      azienda/organizzazione che voglia definirsi
      "certificata
      ISO".Come questo allora: http://www.iso.org/iso/home/store/catalogue_tc/catalogue_detail.htm?csnumber=61750(metto il link solo alla parte 1, ci sono le altre poi)
    • Prozac scrive:
      Re: Standard "de facto" vs. certificato?
      - Scritto da: RiCci
      Buongiorno,
      La questione non è solo sul fatto che questo
      formato risulta"aperto", quanto sul fatto che
      questo formato è l'unico effettivamente
      certificato ISO (ISO 26300:2006), ossia è l'unico
      completamente documentato ed è l'unico che,
      proprio per queste caratteristiche, può garantire
      la possibilità di essere correttamente letto
      anche nel futuro e senza legare il tutto ad un
      software
      particolare.
      Questo, dovrebbe anche rendere questo formato
      "preferito" agli occhi di una qualunque
      azienda/organizzazione che voglia definirsi
      "certificata
      ISO".Anche OOXML è uno standard ISO: ISO/IEC DIS 29500
      • RiCci scrive:
        Re: Standard "de facto" vs. certificato?
        Vero...Interessante però notare come il formato ISO non sia il formato predefinito della suitehttps://technet.microsoft.com/it-it/library/Cc179191.aspxCome si può notare, il formato ISO stricted è la "seconda scelta"..Non è molto utile un formato ISO se serve solo di facciata..
        • Prozac scrive:
          Re: Standard "de facto" vs. certificato?
          - Scritto da: RiCci
          Vero...
          Interessante però notare come il formato ISO non
          sia il formato predefinito della
          suite

          https://technet.microsoft.com/it-it/library/Cc1791

          Come si può notare, il formato ISO stricted è la
          "seconda
          scelta"..Già. E solo perché hai Office 2013. Se fossi rimasto a Office 2010 (come molti nostri PC in azienda), la seconda scelta non l'avresti avuta... Solo il docx "transitional".
          Non è molto utile un formato ISO se serve solo di
          facciata..Secondo me hanno lasciato come "prima scelta" la versione "transitional" per compatibilità con gli Office 2010 che la versione "strict" non la leggono.
          • Prozac scrive:
            Re: Standard "de facto" vs. certificato?
            Beh, in realtà Office è compatibile con ODF.Vedremo quanto ci metteranno a buttare via i documenti Word, Excel, PowerPoint, Access che sicuramente avranno e che dovranno sostituire con i rispettivi ODF.Comunque pure io sono contento se la PA passa a documenti salvati con standard aperti e fruibili da qualsiasi applicazione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 settembre 2015 17.44-----------------------------------------------------------
          • Prozac scrive:
            Re: Standard "de facto" vs. certificato?
            Eh... Il servizio militare... Che bei ricordi!!! :D :D :D
  • il padrino del popolino scrive:
    CVD - nel DNA
    Siamo in itaglia e come da tradizione il popolino bue tifa per il mafioso...
  • ... scrive:
    ora ci vorrebbe uno post da XXXXXXX
    Chi ci pensa? tuinpics? mezzaXXXXXXX?
  • AntiPI scrive:
    Sì bravi censurate sto XXXXX
    Ciò non cambia il fatto che siete un sito che dà notizie riguardanti l'Italia in ritardo persino su siti stranieri, e nemmeno vi salva dall'incipiente bancarotta del vostro editore.
  • Simone scrive:
    la questione di findo .....
    Non mi pare che nessuno abbia centrato il punto fondamentale. Dare la possibilità al cittadino di poter leggere documenti pubblici (scritti da persone pagate con soldi pubblici) senza imporre uno strumento particolare. E questo può essere ottenuto con un VERO standard aperto, cosa che M$ ha contrastato fino ad ora. Per quelli che vogliono coninuare ad utilizzare Office che lo facciano pure, i soldi sono loro, ma non chiedetemeli per acquistare una suite di cui non sento alcuna esigenza!
    • MicroShit Supporter scrive:
      Re: la questione di findo .....
      In realta' qualcuno ha accennato al fatto che i documenti rilasciati/richiesti dalla PA <b
      debbano obbligatoriamente essere in formato ODF. </b
      Questo mi sembra sia il punto che sottolinei e che e' effettivamente quello assolutamente fondamentale.Dal momento che i files saranno rilasciati/richiesti con questo <b
      standard realmente aperto e libero </b
      ognuno potra' scegliere se farsi strozzare da Mafiasoft con l'ennesimo Office 2016 e poi 18 e poi... oppure scaricarsi liberamente e gratuitamente LibreOffice. <b
      In questo momento questa scelta e' preclusa arbitrariamente ad ogni cittadino. </b
    • MisterX scrive:
      Re: la questione di findo .....
      - Scritto da: Simone
      Non mi pare che nessuno abbia centrato il punto
      fondamentale. Dare la possibilità al cittadino di
      poter leggere documenti pubblici (scritti da
      persone pagate con soldi pubblici) senza imporre
      uno strumento particolare. E questo può essere
      ottenuto con un VERO standard aperto, cosa che M$
      ha contrastato fino ad ora. Per quelli che
      vogliono coninuare ad utilizzare Office che lo
      facciano pure, i soldi sono loro, ma non
      chiedetemeli per acquistare una suite di cui non
      sento alcuna
      esigenza!Si ma canni in pieno però: OOXML è standard aperto e comunque i documenti di solito vengono rilasciati in PDF. Inoltre, giusto per affossare completamente il tuo post, MS Office gestisce ODF quindi tu puoi continuare ad usare il tuo prodotto (se successivo a office 2007 se non ricordo male) e salvere in ODF.A dire il vero, io fare proprio così: prima di decidere di passare ad altro farei un anno o due di passaggio a ODF continuando ad utilizzare MS Office.
      • panda rossa scrive:
        Re: la questione di findo .....
        - Scritto da: MisterX
        A dire il vero, io fare proprio così: prima di
        decidere di passare ad altro farei un anno o due
        di passaggio a ODF continuando ad utilizzare MS
        Office.Per fortuna tu non hai potere decisionale.Hanno deciso di defenestrare M$ e du usare ODT.Non ti resta che rosikare!
        • MisterX scrive:
          Re: la questione di findo .....


          Per fortuna tu non hai potere decisionale.
          Hanno deciso di defenestrare M$ e du usare ODT.

          Non ti resta che rosikare!Io non rosico per niente, son contento ed ho mandato complimenti a LibreItalia alla persona di Sonia Montegiove.
      • effeuno scrive:
        Re: la questione di findo .....
        OOXML: uno standard ISO da 6000 pagine, con enormi ambiguità, innumerevoli termini indefiniti e che neanche Microsoft implementa completamente e correttamente. Infatti non lo propone come default ed usa .docx, .xslx, etc., che sono abbastanza fuori standard rispetto a OOXML da rendere quasi impossibile l'interoperabilità, (cfr. pure http://ooxmlisdefectivebydesign.blogspot.it/2008/02/truth-about-microsoft-office.html per qualche esempio di problemi di interoperabilità con gli stessi prodotti Microsoft).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 settembre 2015 14.01-----------------------------------------------------------
        • MisterX scrive:
          Re: la questione di findo .....
          - Scritto da: effeuno
          OOXML: uno standard ISO da 6000 pagine, con
          enormi ambiguità, innumerevoli termini indefiniti
          e che neanche Microsoft implementa completamente
          e correttamente. Infatti non lo propone come
          default ed usa .docx, .xslx, etc., che sono
          abbastanza fuori standard rispetto a OOXML da
          rendere quasi impossibile l'interoperabilità,
          (cfr. pure
          http://ooxmlisdefectivebydesign.blogspot.it/2008/0
          --------------------------------------------------
          Modificato dall' autore il 17 settembre 2015 14.01
          --------------------------------------------------Lo so e non lo metto in dubbio, solo che per la legge è standard e aperto, quindi può essere utlizzato.
          • nevvero scrive:
            Re: la questione di findo .....
            - Scritto da: MisterX
            - Scritto da: effeuno

            OOXML: uno standard ISO da 6000 pagine, con

            enormi ambiguità, innumerevoli termini
            indefiniti

            e che neanche Microsoft implementa
            completamente

            e correttamente. Infatti non lo propone come

            default ed usa .docx, .xslx, etc., che sono

            abbastanza fuori standard rispetto a OOXML da

            rendere quasi impossibile l'interoperabilità,

            (cfr. pure


            http://ooxmlisdefectivebydesign.blogspot.it/2008/0

            È un articolo del 2008, sono passati 7 anni. Ere geologiche dal punto di vista informatico.
      • Prozac scrive:
        Re: la questione di findo .....
        - Scritto da: MisterX
        - Scritto da: Simone

        Non mi pare che nessuno abbia centrato il
        punto

        fondamentale. Dare la possibilità al
        cittadino
        di

        poter leggere documenti pubblici (scritti da

        persone pagate con soldi pubblici) senza
        imporre

        uno strumento particolare. E questo può
        essere

        ottenuto con un VERO standard aperto, cosa
        che
        M$

        ha contrastato fino ad ora. Per quelli che

        vogliono coninuare ad utilizzare Office che
        lo

        facciano pure, i soldi sono loro, ma non

        chiedetemeli per acquistare una suite di cui
        non

        sento alcuna

        esigenza!

        Si ma canni in pieno però: OOXML è standard
        aperto e comunque i documenti di solito vengono
        rilasciati in PDF. Inoltre, giusto per affossare
        completamente il tuo post, MS Office gestisce ODF
        quindi tu puoi continuare ad usare il tuo
        prodotto (se successivo a office 2007 se non
        ricordo male) e salvere in
        ODF.Forse ho capito male io, ma Simone tutte queste cose le dice...Quando parla di standard aperto, evidenzia il fatto che sia VERO. Cioè, da quello che ho capito, Simone sa benissimo che OOXML è ufficialmente uno standard aperto ma, secondo lui, non è un VERO standard aperto visto che l'implementazione più famosa e diffusa di questo standard (docx) non è compatibile al 100% con lo standard stesso (in realtà questo discorso, secondo me, è valido fino a Office 2010, con Office 2013 le cose cambiano).E anche nella seconda parte mi sembra in accordo con quello che obietti tu. Lui dice che se uno vuol continuare a usare Office, bene... Cavoli suoi. Io la interpreto come: se per aprire/salvare file ODF, vuoi utilizzare Office anziché LibreOffice, cavoli tuoi. L'importante è che si utilizzi uno standard aperto VERO (odf).Questo è come ho interpretato io il suo post...
        • MisterX scrive:
          Re: la questione di findo .....

          Questo è come ho interpretato io il suo post...Si, forse hai ragione, non so dire con precisione cosa intendesse quando diceva "vero".In ogni caso nel suo post io ho dato maggiore importanza alla parte "Per quelli che vogliono coninuare ad utilizzare Office che lo facciano pure, i soldi sono loro, ma non chiedetemeli per acquistare una suite di cui non sento alcuna esigenza!" che ho inteso come, interpretazione mia, "se non mi fate usare uno standard io sno obbligato a comprare una suite, in particolar modo MSOffice"Su tal punto ho allora ribadito che OOXML è standard, probabilmente non "vero" come dici tu, ma è scritto su una ISO e quindi se io pubblica amministrazione ti mando un documento docx ad esempio, tu lo puoi leggere ANCHE con altre suite, prime fra tutte Libreoffice!Altri software che leggono ooxml li trovi su wikipedia inglese: https://en.wikipedia.org/wiki/Office_Open_XML#Application_supportCome vedi (e come vede anche Simone), prodotti gratuti per aprire OOXML ce ne sono.ciao
          • Rantolo scrive:
            Re: la questione di findo .....
            - Scritto da: MisterX
            Altri software che leggono ooxml li trovi su
            wikipedia inglese:
            https://en.wikipedia.org/wiki/Office_Open_XML#Appl

            Come vedi (e come vede anche Simone), prodotti
            gratuti per aprire OOXML ce ne
            sono.Cito dalla lista:- LibreOffice supports reading & writing Office Open XML files.- OpenOffice from version 3.0 has been able to import Office Open XML files.Quindi teoricamente con LibreOffice saresti a posto ma il problema dello standard OOXML è che è (volutamente) di difficile implementazione, complicato, contraddittorio ed esageratamente articolato e chiunque usi LibreOffice, come *qualsiasi altro* software della lista da te riportata, si lamenta che non riesce a riprodurre correttamente tutti i documenti OOXML dando la colpa all'applicativo.Il risultato è che solo MS Office è compatibile perfettamente con sé stesso (e neanche con OOXML) e in questo modo MS alimenta il suo mercato e mantiene il predominio.Di tutto questo ha colpa l'ISO che a suo tempo votando lo standard ha completamente perso la faccia, ma anche le istituzioni che sarebbero le uniche a poter spezzare questo monopolio se solo imponessero ODF come standard per la comunicazione interna ed esterna nella PA visto che le ragioni ci sarebbero tutte.MS sarebbe obbligata a perfezionare la sua interazione con ODF, che al momento è di gran lunga peggiore di quella che LibreOffice ha con OOXML (e la pianterebbe di usare warning nei suoi software che avvisano che l'uso di ODF "si può fare ma sarebbe meglio evitare") e anche gli altri applicativi sarebbero di gran lunga facilitati nell'implementazione dello standard con grande giovamento per tutto il mercato.A quel punto ognuno farebbe le sue scelte in base alle sue personali convenienze, cosa che al momento è difficile da fare.
          • MisterX scrive:
            Re: la questione di findo .....

            Quindi teoricamente con LibreOffice saresti a
            posto ma il problema dello standard OOXML è che è
            (volutamente) di difficile implementazione,
            complicato, contraddittorio ed esageratamente
            articolato e chiunque usi LibreOffice, come
            *qualsiasi altro* software della lista da te
            riportata, si lamenta che non riesce a riprodurre
            correttamente tutti i documenti OOXML dando la
            colpa
            all'applicativo.

            Il risultato è che solo MS Office è compatibile
            perfettamente con sé stesso (e neanche con OOXML)
            e in questo modo MS alimenta il suo mercato e
            mantiene il
            predominio.
            Di tutto questo ha colpa l'ISO che a suo tempo
            votando lo standard ha completamente perso la
            faccia, ma anche le istituzioni che sarebbero le
            uniche a poter spezzare questo monopolio se solo
            imponessero ODF come standard per la
            comunicazione interna ed esterna nella PA visto
            che le ragioni ci sarebbero
            tutte.

            MS sarebbe obbligata a perfezionare la sua
            interazione con ODF, che al momento è di gran
            lunga peggiore di quella che LibreOffice ha con
            OOXML (e la pianterebbe di usare warning nei suoi
            software che avvisano che l'uso di ODF "si può
            fare ma sarebbe meglio evitare") e anche gli
            altri applicativi sarebbero di gran lunga
            facilitati nell'implementazione dello standard
            con grande giovamento per tutto il
            mercato.
            A quel punto ognuno farebbe le sue scelte in base
            alle sue personali convenienze, cosa che al
            momento è difficile da
            fare.Il fatto che MS Office non supporti correttamente OOXML (a meno di aprire un documento nuovo in modalità stric ecc ecc) o che magari non supporti apposta ODF abbastanza bene ecc, per assurdo è un motivo in più per continuare ad usare MS Office ancora per qualche anno.Mi spiego meglio: in questo momento OOXML è ufficialmente standard, altri software posso leggere OOXML, quello depositato come ISO ovviamente, mentre Microsoft può leggersi l'ISO di ODF ed implementarla. Adesso io, da utilizzatore, mi aspetto che le due suite (ed anche altre) possano scambiarsi dati senza alcun problema, giusto? Invece ti accorgi che magari i documeni che mandi in coservazione sostitutiva (utilizzata nella PA), o quelli che mandi ad un ente o ad un'altra azienda ecc ecc, non sono leggibili correttamente. Qualche anno fa l'enorme forza di Microsoft l'avrebbe fatta "vincere" in questa situazione, credo invece che ai nostri giorni non servirebbe aspettare molto prima che qualcuno denunci la non aderenza agli standard che gli hanno fatto perdere tempo e denaro, arrivando magari anche ad una class action dove possibile, ad un commissione all'interno del parlamento europeo e cose di questo tipo. Insomma, Microsoft sarebbe costretta ad adeguarsi a rispettare gli stessi standard che lei dichiara, pena figure di plata e rimborsi milionari.Quello che voglio dire è che deve essere la pratica e la legge a far venire fuori la non correttezza di una azienda, fare discorsi tecnici, per quanto esattissimi, nei forum non serve a nulla perché la maggior parte degli utenti e aziende si fidano delle specifiche dichiarate e finché non viene fuori qualche scandalo e proXXXXX non cambierà nulla.Questo non toglie che nel frattempo ogni migrazione che non sia un buco di denaro pubblico vada benissimo.
          • panda rossa scrive:
            Re: la questione di findo .....
            - Scritto da: MisterX

            Il fatto che MS Office non supporti correttamente
            OOXML (a meno di aprire un documento nuovo in
            modalità stric ecc ecc) o che magari non supporti
            apposta ODF abbastanza bene ecc, per assurdo è un
            motivo in più per continuare ad usare MS Office
            ancora per qualche
            anno.Ma sei fuori?Proprio per i motivi che hai detto NON E' CONCEPIBILE che una amministrazione pubblica adotti M$.I documenti devono poter essere liberamente accessibili e fruibili, quindi occorre un software GRATUITO che rispetti gli STANDARD.
            Mi spiego meglio: in questo momento OOXML è
            ufficialmente standard, altri software posso
            leggere OOXML, quello depositato come ISO
            ovviamente, mentre Microsoft può leggersi l'ISO
            di ODF ed implementarla.Lo standard e' solo ODF. OOXML e' una farloccata da non prendere neanche in considerazione.
            Adesso io, da
            utilizzatore, mi aspetto che le due suite (ed
            anche altre) possano scambiarsi dati senza alcun
            problema, giusto?Chiedi a M$ perche' non lo fa.
            Invece ti accorgi che magari i
            documeni che mandi in coservazione sostitutiva
            (utilizzata nella PA), o quelli che mandi ad un
            ente o ad un'altra azienda ecc ecc, non sono
            leggibili correttamente.Sono leggibili correttamente se salvati in formato standard.Se non lo sono, e' perche' quello che usano non salva in formato standard.E che cosa usavano fino a ieri? Ops, usavano M$.
            Qualche anno fa l'enorme
            forza di Microsoft l'avrebbe fatta "vincere" in
            questa situazione, credo invece che ai nostri
            giorni non servirebbe aspettare molto prima che
            qualcuno denunci la non aderenza agli standard
            che gli hanno fatto perdere tempo e denaro,
            arrivando magari anche ad una class action dove
            possibile, ad un commissione all'interno del
            parlamento europeo e cose di questo tipo.Si, come no...Stanno ancora aspettando i soldi dell'ultima multa.
            Insomma, Microsoft sarebbe costretta ad adeguarsi
            a rispettare gli stessi standard che lei
            dichiara, pena figure di plata e rimborsi
            milionari.No. M$ deve chiudere!
            Quello che voglio dire è che deve essere la
            pratica e la legge a far venire fuori la non
            correttezza di una azienda, fare discorsi
            tecnici, per quanto esattissimi, nei forum non
            serve a nulla perché la maggior parte degli
            utenti e aziende si fidano delle specifiche
            dichiarate e finché non viene fuori qualche
            scandalo e proXXXXX non cambierà
            nulla.Sta cambiando invece.
            Questo non toglie che nel frattempo ogni
            migrazione che non sia un buco di denaro pubblico
            vada
            benissimo.Il buco di denaro pubblico si forma NON MIGRANDO!
          • MisterX scrive:
            Re: la questione di findo .....


            Ma sei fuori?no
            Proprio per i motivi che hai detto NON E'
            CONCEPIBILE che una amministrazione pubblica
            adotti
            M$.Sul fatto che adotti posso anche darti ragione, ma principalmente si parla di amministrazione che MS Office lo hanno già.
            I documenti devono poter essere liberamente
            accessibili e fruibili, quindi occorre un
            software GRATUITO che rispetti gli
            STANDARD.Ti è stato già spiegato che software gratuiti che leggono e scrivono OOXML ci sono.

            Lo standard e' solo ODF. OOXML e' una farloccata
            da non prendere neanche in
            considerazione.Questo lo sappiamo io e te e migliaia di altri tecnici ed appassionati, ma il punto è che OOXML è uno standard ISO e la legge italiana lo riconosce come tale, tu non puoi rifiutarti di utilizzare qualcosa (anche se hai ragione nella pratica) se la legge ti dice che lo puoi fare. Sarebe preferivile, aspicabile e tutto quello che ti pare, ma se io ente X ti mando un file OOXML tu non puoi rifiutarti di non gestirlo o di chiamare la finanza ecc ecc, tu in teoria manco sai con che software l'ho generato, a te deve bastare sapere che è standard ISO.

            Chiedi a M$ perche' non lo fa.Non serve chiederlo, si sa già.

            Sono leggibili correttamente se salvati in
            formato
            standard.
            Se non lo sono, e' perche' quello che usano non
            salva in formato
            standard.
            E che cosa usavano fino a ieri? Ops, usavano M$.E' quello che sto dicendo: bisogna far scoppiare uno scandalo, una class action o qualcosa del genere.

            Si, come no...
            Stanno ancora aspettando i soldi dell'ultima
            multa.Non mi interessa multare Microsoft, mi interessa sollevare la percezione (che poi è reale) che MS Office non supporti correttamente gli stadard, né il suo OOXML e magari neppure ODF (non lo so questo). A te può sembrare una idea strampalata perché sappiamo bene che sei un MS hater essenzialmente, ma ti ricordo che con lo stesso principio Internet Explorer è stato sempre più abbandonato nonostante il preinstallato: la gente ha iniziato a capire come funzionasse peggio sia per sicurezza sia per adesione agli standard, gli sviluppatori a rompersi per dover fare sempre siti in due o tre versioni diverse. Adesso la situazione è questa: http://www.w3schools.com/browsers/browsers_stats.aspLe rivoluzioni avvengono lentamente, dal basso, questa è la mia idea, nel 2008 tu eri uno che gridava tanto contro IE ed al preinstallato, avresti mai pensato che adesso è sotto il 10%?

            No. M$ deve chiudere!Come tutte le aziende avrà il suo ciclo, per quello che può valere ti suggerisco di non farti il sangue marcio nel frattempo, semina e vedrai che raccoglierai ma se semini in granturco il mezzo al mare, cioè ti incaponisci in qualcosa di non fattibile, perdi solo tempo. Guarda LibreItalia, un po' alla volta sta ottenendo risultati, si lavora con molta pazienza.

            Sta cambiando invece.
            Bene, allora non c'è problema.

            Il buco di denaro pubblico si forma NON MIGRANDO!Il buco di denaro pubblico si forma quando butti via i soldi, cioè quello che spendi non genera efficienza nell'azione amministrativa. Tu ami tanto l'open ma se io PA spendo 1.000.000 di euro in assistenza RedHat e non uso red-hat (pensavo di installare invece poi ho messo ubuntu...) allora è un buco anche quello. Oppure uso apache e poi faccio un progetto da 100.000 euro pagando una software-house e poi il progetto non lo usa nessuno. Insomma, di casi di denaro gettato ce ne sono tanti, non dipende solo dal software open o closed che sia.
          • panda rossa scrive:
            Re: la questione di findo .....
            - Scritto da: MisterX



            Ma sei fuori?

            noEppure sembrerebbe...


            Proprio per i motivi che hai detto NON E'

            CONCEPIBILE che una amministrazione pubblica

            adotti

            M$.

            Sul fatto che adotti posso anche darti ragione,
            ma principalmente si parla di amministrazione che
            MS Office lo hanno
            già.M$ Office soggetto a diventare OBSOLETO con la nuova versione INCOMPATIBILE CON LE PRECEDENTI (as usual) gia' pronta per essere rivenduta da parte dei soliti INTERMEDIARI PARASSITI.

            I documenti devono poter essere liberamente

            accessibili e fruibili, quindi occorre un

            software GRATUITO che rispetti gli

            STANDARD.

            Ti è stato già spiegato che software gratuiti che
            leggono e scrivono OOXML ci
            sono.Ma visto che Libre Office preferisce adottare ODF, non vedo il motivo di complicarsi la vita.

            Lo standard e' solo ODF. OOXML e' una
            farloccata

            da non prendere neanche in

            considerazione.

            Questo lo sappiamo io e te e migliaia di altri
            tecnici ed appassionati, ma il punto è che OOXML
            è uno standard ISO Anche ODF.
            e la legge italiana lo
            riconosce come tale, Riconoscerlo != essere obbligati ad usarlo
            tu non puoi rifiutarti di
            utilizzare qualcosa (anche se hai ragione nella
            pratica) se la legge ti dice che lo puoi fare.No. Se la legge dice che posso farlo, vuol dire che posso anche non farlo.Ne riparliamo quando la legge dira' che DEVO farlo.
            Sarebe preferivile, aspicabile e tutto quello che
            ti pare, ma se io ente X ti mando un file OOXML
            tu non puoi rifiutarti di non gestirlo o di
            chiamare la finanza ecc ecc, tu in teoria manco
            sai con che software l'ho generato, a te deve
            bastare sapere che è standard
            ISO.E tu mandamelo. Io lo converto in ODF e lo gestisco.

            Chiedi a M$ perche' non lo fa.

            Non serve chiederlo, si sa già.E per questo motivo che bisogna abbandonare M$ al piu' presto.

            Sono leggibili correttamente se salvati in

            formato

            standard.

            Se non lo sono, e' perche' quello che usano
            non

            salva in formato

            standard.

            E che cosa usavano fino a ieri? Ops, usavano
            M$.


            E' quello che sto dicendo: bisogna far scoppiare
            uno scandalo, una class action o qualcosa del
            genere.No, bisogna usare Libre Office e ODT, e dimenticarsi di M$.

            Si, come no...

            Stanno ancora aspettando i soldi dell'ultima

            multa.

            Non mi interessa multare Microsoft, mi interessa
            sollevare la percezione (che poi è reale) che MS
            Office non supporti correttamente gli stadard, né
            il suo OOXML e magari neppure ODF (non lo so
            questo). A te può sembrare una idea strampalata
            perché sappiamo bene che sei un MS haterIo non sono un M$ hater. Io amo M$ alla follia: se non ci fosse M$ non potrei essere cosi' consapevole di quanto e' importante la liberta'
            essenzialmente, ma ti ricordo che con lo stesso
            principio Internet Explorer è stato sempre più
            abbandonato nonostante il preinstallato: la gente
            ha iniziato a capire come funzionasse peggio sia
            per sicurezza sia per adesione agli standard, gli
            sviluppatori a rompersi per dover fare sempre
            siti in due o tre versioni diverse. Adesso la
            situazione è questa:
            http://www.w3schools.com/browsers/browsers_stats.aAppunto, e senza alcun bisogno di sollevare XXXXXX.Basta semplicemente ignorarlo e confinarlo nelle barzellette.
            Le rivoluzioni avvengono lentamente, dal basso,
            questa è la mia idea, nel 2008 tu eri uno che
            gridava tanto contro IE ed al preinstallato,
            avresti mai pensato che adesso è sotto il
            10%?Certo che si. Come penso che finira' sotto il 10% anche office e pure windows.Il raggiungimento della liberta' e' irreversibile: indietro non si torna.

            No. M$ deve chiudere!

            Come tutte le aziende avrà il suo ciclo, per
            quello che può valere ti suggerisco di non farti
            il sangue marcio nel frattempo, semina e vedrai
            che raccoglierai ma se semini in granturco il
            mezzo al mare, cioè ti incaponisci in qualcosa di
            non fattibile, perdi solo tempo. http://www.architetturaecosostenibile.it/green-life/curiosita-ecosostenibili/orto-subacqueo-130/
            Guarda
            LibreItalia, un po' alla volta sta ottenendo
            risultati, si lavora con molta
            pazienza.E fanno bene il loro lavoro.

            Sta cambiando invece.



            Bene, allora non c'è problema.





            Il buco di denaro pubblico si forma NON
            MIGRANDO!

            Il buco di denaro pubblico si forma quando butti
            via i soldi, cioè quello che spendi non genera
            efficienza nell'azione amministrativa. Hai appena descritto le licenze a M$.
            Tu ami
            tanto l'open ma se io PA spendo 1.000.000 di euro
            in assistenza RedHat e non uso red-hat (pensavo
            di installare invece poi ho messo ubuntu...)
            allora è un buco anche quello.Quello e' un investimento.
            Oppure uso apache
            e poi faccio un progetto da 100.000 euro pagando
            una software-house e poi il progetto non lo usa
            nessuno.Se fai un progetto che non usa nessuno c'e' un errore a monte, che non dipende certo da apache o dal sistema operativo.
            Insomma, di casi di denaro gettato ce ne
            sono tanti, non dipende solo dal software open o
            closed che
            sia.Cominciamo a non buttare i soldi in inutili licenze che foraggiano solo intermeidari parassiti, poi penseremo anche al resto.
          • panda rossa scrive:
            Re: la questione di findo .....
            doppio post-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 settembre 2015 09.39-----------------------------------------------------------
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: la questione di findo .....
        - Scritto da: MisterX
        - Scritto da: Simone

        Non mi pare che nessuno abbia centrato il
        punto

        fondamentale. Dare la possibilità al
        cittadino
        di

        poter leggere documenti pubblici (scritti da

        persone pagate con soldi pubblici) senza
        imporre

        uno strumento particolare. E questo può
        essere

        ottenuto con un VERO standard aperto, cosa
        che
        M$

        ha contrastato fino ad ora. Per quelli che

        vogliono coninuare ad utilizzare Office che
        lo

        facciano pure, i soldi sono loro, ma non

        chiedetemeli per acquistare una suite di cui
        non

        sento alcuna

        esigenza!

        Si ma canni in pieno però: OOXML è standard
        aperto e comunque i documenti di solito vengono
        rilasciati in PDF. Inoltre, giusto per affossare
        completamente il tuo post, MS Office gestisce ODF
        quindi tu puoi continuare ad usare il tuo
        prodotto (se successivo a office 2007 se non
        ricordo male) e salvere in
        ODF.
        A dire il vero, io fare proprio così: prima di
        decidere di passare ad altro farei un anno o due
        di passaggio a ODF continuando ad utilizzare MS
        Office.Negli ospedali del Veneto è da diversi anni che si è passati ad open office e/o libre office e non mi sebra ci siano stati grandi problemi!
    • nome e cognome scrive:
      Re: la questione di findo .....

      ottenuto con un VERO standard aperto, cosa che M$
      ha contrastato fino ad ora. Per quelli cheCosa ti impedisce di scrivere un software che legga i formati standard di office e seconda cosa, cosa ti impedisce di salvare in un qualsiasi formato diverso da quelli standard di office tipo PDF?Ti dico invece cosa ti impedisce di salvare in quell'aborto di ODF: la mancanza di uno standard approvato che funzioni decentemente.
      chiedetemeli per acquistare una suite di cui non
      sento alcuna
      esigenza!Ma fino a ieri libreoffice non apriva perfettamente i documenti creati con office?
      • panda rossa scrive:
        Re: la questione di findo .....
        - Scritto da: nome e cognome
        Ti dico invece cosa ti impedisce di salvare in
        quell'aborto di ODF: la mancanza di uno standard
        approvato che funzioni decentemente.Ecco un altro rosikone intermediario parassita che ha conumato gli incisivi alla notizia dell'articolo in oggetto!
        • nome e cognome scrive:
          Re: la questione di findo .....

          Ecco un altro rosikone intermediario parassita
          che ha conumato gli incisivi alla notizia
          dell'articolo in
          oggetto!Ahah... ma non hai ancora capito? Basta aspettare e tutti tornano indietro. Un anno ancora e sarà il turno di Monaco, al ministero il problema di aspettare manco si porrà: non migreranno nemmeno un computer.Ogni anno è l'anno di linux per qualcuno, l'anno dopo è l'anno del ritorno a windows.PS: Questa ti ha fatto passare il mal di pancia per Pesaro che torna indietro?
    • mimmo scrive:
      Re: la questione di findo .....
      guarda che il ministero della difesa non si interfaccia con i cittadini.ma rilascia solo documenti per uso interno o per le aziende con cui lavora.inoltre "legge" i documenti dei fornitori che sono fatti con MS Office, ovviamente.e sai quanti problemi ci saranno di conversione di tabelle Excel ???piene zeppe di macro VB?sara' un bagno di sangue! ma se qualcuno vuole sfruttare questa cosa politicamente...ebbene questi sono i risultati!Un passaggio fatto in fretta e furia e senza pianificazione...per poi tornare, chissa', dopo un cambio di governo, al buon vecchio MS Office
  • AntiPI scrive:
    Notizia data con 2 giorni di ritardo
    L'associazione LibreItalia l'ha annunciato 2 giorni fa, e slashdot, sito STRANIERO,l'ha riportato lo stesso giorno. Mi dite che senso ha l'esistenza di PI se non ha più notizie esclusive, si limita a tradurre notizie da siti esteri, e addirittura dà in ritardo rispetto ai siti stranieri le notizie che riguardano L'ITALIA?!
  • ... scrive:
    troppo bello per essere vero
    mi aspetto milioni di spesa per conversione documenti (mazzette agli amici), seguito da altri milioni di spesa per tornare indietro "perche abiamo speso troppo, quindi spendiamo ancora di pu' per rimettere le cose come erano prima" (Altre mazzette agli amici).Pesaro docet.
    • maxsix scrive:
      Re: troppo bello per essere vero
      - Scritto da: ...
      mi aspetto milioni di spesa per conversione
      documenti (mazzette agli amici), seguito da altri
      milioni di spesa per tornare indietro "perche
      abiamo speso troppo, quindi spendiamo ancora di
      pu' per rimettere le cose come erano prima"
      (Altre mazzette agli
      amici).
      Pesaro docet.You win.
      • bubba scrive:
        Re: troppo bello per essere vero
        - Scritto da: maxsix
        - Scritto da: ...

        mi aspetto milioni di spesa per conversione

        documenti (mazzette agli amici), seguito da
        altri

        milioni di spesa per tornare indietro "perche

        abiamo speso troppo, quindi spendiamo ancora
        di

        pu' per rimettere le cose come erano prima"

        (Altre mazzette agli

        amici).

        Pesaro docet.

        You win.il meglio sarebbe convertire tutto in .pages ,no ? :)
        • collione scrive:
          Re: troppo bello per essere vero
          - Scritto da: bubba
          il meglio sarebbe convertire tutto in .pages ,no
          ?
          :)farebbe bene a correre per installare il fix alle due nuovissime vulnerabilità degli icosi
          • bubba scrive:
            Re: troppo bello per essere vero
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: bubba


            il meglio sarebbe convertire tutto in .pages
            ,no

            ?

            :)

            farebbe bene a correre per installare il fix alle
            due nuovissime vulnerabilità degli
            icosima Apple Pages e' il migliore DTP/wordproXXXXXr di sempre[tm], se devi convertire migliaia di documenti meglio farlo verso il formato di Pages, no? :D
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: troppo bello per essere vero
      - Scritto da: ...
      mi aspetto milioni di spesa per conversione
      documenti (mazzette agli amici), seguito da altri
      milioni di spesa per tornare indietro "perche
      abiamo speso troppo, quindi spendiamo ancora di
      pu' per rimettere le cose come erano prima"
      (Altre mazzette agli
      amici).
      Pesaro docet.potrà anche essere, ma almeno i nuovi documenti saranno in un formato open!
    • mimmo scrive:
      Re: troppo bello per essere vero
      - Scritto da: ...
      mi aspetto milioni di spesa per conversione
      documenti (mazzette agli amici), seguito da altri
      milioni di spesa per tornare indietro "perche
      abiamo speso troppo, quindi spendiamo ancora di
      pu' per rimettere le cose come erano prima"
      (Altre mazzette agli
      amici).
      Pesaro docet.gia' e' probabile.cmq non e' che cosi' si risparmia chissa' che'!!!il vero sperpero non e' certo un centinaio di licenze MSOffice , ma ben altro!vedi, appunto, aerei inutili....
  • Orlangio scrive:
    Solo uno spreco
    E' solo uno spreco di risorse a carico del NSA per continuare a monitorare nei dettagli i documenti prodotti all'interno del nostro ministero della difesa. Comunque finché userà Windows saranno sempre 100% NSA compliant.
    • ... scrive:
      Re: Solo uno spreco
      - Scritto da: Orlangio
      E' solo uno spreco di risorse a carico del NSA
      per continuare a monitorare nei dettagli i
      documenti prodotti all'interno del nostro
      ministero della difesa. Comunque finché userà
      Windows saranno sempre 100% NSA
      compliant.tranquillo, gli applicativi possono essere quelli che ti pare, tanto e' windows direttamnte ad avere un buco grosso cosi' perennemente sifonato da NSA e soci. o si cambia tutto o e' inutile parlare di sicurezza.
  • ex ex ex scrive:
    Vantaggi di Libre Office
    Il Ministero potrà quindi comprare qualche aereo in più.
    • Ottimista scrive:
      Re: Vantaggi di Libre Office
      - Scritto da: ex ex ex
      Il Ministero potrà quindi comprare qualche aereo
      in
      più.non credo propio con i costi assurdi che hanno i mezzi militari una nave 1 miliardo di euro, 1 aereo costa 30 40 milioni alla volta, magari qualche ricambio salta fuori (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • maxsix scrive:
      Re: Vantaggi di Libre Office
      - Scritto da: ex ex ex
      <s
      Il Ministero </s
      <b
      Il magnaschei responsabile di questo </b
      potrà quindi comprare qualche aereo
      in
      più.Fixed.
  • panda rossa scrive:
    Libiamo!
    [img]http://www.leonesommelier.it/wp-content/uploads/2015/01/o-CHAMPAGNE-facebook.jpg[/img][img]http://blog.cookaround.com/taorminamagazine/wp-content/uploads/2015/02/champagne-01-foto.jpg[/img]La giornata non poteva cominciare in modo migliore.
  • giogher scrive:
    Libre Office
    Lo standard è Office.L'utente medio lo usa a casa e in ufficio. Passare a Libre Office, oltre ad avere noti problemi di compatibilità tra documenti Word (perdita di formattazione ecc...) Excel (formule ecc...) sarà necessario riconvertire e sistemare i documenti già fatti. Oltre al fatto che gli utenti devono imparare da zero un nuovo programma.Quindi non si risparmia niente in termini di soldi.Se poi il passaggio viene usato per strappare una migliore offerta a Microsoft, ben venga
    • gnammolo scrive:
      Re: Libre Office
      tra l'altro il risparmio economico della migrazione è ridicolo. Se fossero passati in toto a Linux allora, visto che sono i PC del ministero della difesa, la cosa avrebbe avuto senso per questioni di sicurezza ma così il vantaggio non c'è.
      • ex ex ex scrive:
        Re: Libre Office
        - Scritto da: gnammolo
        tra l'altro il risparmio economico della
        migrazione è ridicolo. Se fossero passati in toto
        a Linux allora, visto che sono i PC del ministero
        della difesa, la cosa avrebbe avuto senso per
        questioni di sicurezza ma così il vantaggio non
        c'è.Mah, non so quanto siano veloci le operazioni della Difesa via linea di comando (una specie di DOS). Oppure per gli enti importanti si faranno le applicazioni ad hoc che i piani bassi sbandiereranno come esistenza di applicazioni non precisando che per il desktop a livello di massa siamo ancora alla preistoria.Vedo che su Linux pro si dice che W10 ha copiato. Pienamente d'accordo. Ma di programmi che funzionano anche se non sei un importante studio cinematografico o del governo, ci sono.
    • panda rossa scrive:
      Re: Libre Office
      - Scritto da: giogher
      Lo standard è Office.Office e' un lock-in, non uno standard.
      L'utente medio lo usa a casa e in ufficio.Se lo fa, vuol dire che sta usando software piratato, almeno a casa.Usare Libre Office vuol dire nella maggior parte dei casi rientrare nella legalita'.
      Passare a Libre Office, oltre ad avere noti
      problemi di compatibilità tra documenti Word
      (perdita di formattazione ecc...) Excel (formule
      ecc...) E' un problema di M$, di cui non ce ne puo' fregar di meno.
      sarà necessario riconvertire e sistemare
      i documenti già fatti. Se li avevi fatti in modo standard, non c'e' alcun bisogno.
      Oltre al fatto che gli
      utenti devono imparare da zero un nuovo
      programma.Cosa che gia' fanno ogni volta che Office cambia versione, dai menu, ai ribbon, alle piastrelle...Libre Office invece non cambia.
      Quindi non si risparmia niente in
      termini di
      soldi.Non si pagano piu' licenze a M$ tramite gli intermediari parassiti.E questo e' gia' un risparmio.
      Se poi il passaggio viene usato per strappare una
      migliore offerta a Microsoft, ben
      vengaNessuna offerta puo' essere meglio di ZERO.M$ ha perso.L'open alla lunga vince sempre.Si comincia con Libre Office, e si finira' con linux.Non c'e' piu' posto per i dinosauri.
      • giogher scrive:
        Re: Libre Office
        1) non c'entra piratare il software. Le persone a casa usano Office e non libre Office che ti piaccia l'idea o meno2) Forse non lavori con Office 8 ore al giorno. per questo non ti frega niente se devi rifare tutte le formule di Excel o riformattare i testi, perchè Libre Office non è pienamente compatibile.3) un conto è trovare le voci nel menù un altro è dover imparare da zero. E' di questo che si tratta4) Pensi forse che il software libero una volta installato funzioni per sempre ? la manutenzione andrà fatta comunque e alla lunga con Libre Office e il pinguino non risparmi.
        • panda rossa scrive:
          Re: Libre Office
          - Scritto da: giogher
          1) non c'entra piratare il software. Le persone a
          casa usano Office e non libre Office che ti
          piaccia l'idea o
          menoE l'hanno pagato in contanti come si dovrebbe fare, o hanno scaricato il craccone, come hanno effettivamente fatto?Perche' con WIN10, come ben sai, Office 365 non ti chiede piu' "Inserire il codice di attivazione", ma piu' semplicemente "Inserire il numero di carta di credito".
          2) Forse non lavori con Office 8 ore al giorno.Certo che no. Con libre office dopo un'oretta ho finito il documento.
          per questo non ti frega niente se devi rifare
          tutte le formule di Excel o riformattare i testi,
          perchè Libre Office non è pienamente
          compatibile.M$ non e' pienamente compatibile.Libre Office usa formati STANDARD.Io non ho mai avuto problemi coi miei documenti: li porto benissimo da un sistema ad un altro.E ai clienti mando direttamente il pdf.
          3) un conto è trovare le voci nel menù un altro è
          dover imparare da zero. E' di questo che si
          trattaDescrivi un caso pratico specifico.
          4) Pensi forse che il software libero una volta
          installato funzioni per sempre ? la manutenzione
          andrà fatta comunque e alla lunga con Libre
          Office e il pinguino non
          risparmi.Ma non devi pagare M$ per l'assistenza.Utilizzi i tecnici che hai in casa.
          • nevvero scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: panda rossa
            M$ non e' pienamente compatibile.
            Libre Office usa formati STANDARD.Uno standard è qualche cosa di diffuso ovunque.Che standard utilizza LO?E da chi altro è utilizzato?Al momento, lo standard de facto è uno e di certo non è quello di LO.
            E ai clienti mando direttamente il pdf.E se i clienti devono modificare qualcosa?
            Descrivi un caso pratico specifico.Come preparare un documento word in cui intestazione, tabelle, importi totali e indirizzi vengono presi da DB.
            Ma non devi pagare M$ per l'assistenza.
            Utilizzi i tecnici che hai in casa.E quelli sono gratis?
          • panda rossa scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: nevvero
            - Scritto da: panda rossa


            M$ non e' pienamente compatibile.

            Libre Office usa formati STANDARD.
            Uno standard è qualche cosa di diffuso ovunque.
            Che standard utilizza LO?Open document.
            E da chi altro è utilizzato?Tutto il mondo accademico, per esempio.
            Al momento, lo standard de facto è uno e di certo
            non è quello di
            LO.Esci dalla cameretta e vai a vedere com'e' fatto il mondo.

            E ai clienti mando direttamente il pdf.
            E se i clienti devono modificare qualcosa?I clienti non modificano i miei documenti.

            Descrivi un caso pratico specifico.
            Come preparare un documento word in cui
            intestazione, tabelle, importi totali e indirizzi
            vengono presi da
            DB.A parte "word" che sulla stragrande maggioranza dei server non gira, quello che hai descritto puo' essere reso da una procedura automatica che produce un pdf. Sono dati che non c'e' bisogno di modificare in locale visto che stanno su DB.

            Ma non devi pagare M$ per l'assistenza.

            Utilizzi i tecnici che hai in casa.
            E quelli sono gratis?Li hai in casa: li pagheresti comunque.
          • nevvero scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: nevvero

            - Scritto da: panda rossa




            M$ non e' pienamente compatibile.


            Libre Office usa formati STANDARD.

            Uno standard è qualche cosa di diffuso
            ovunque.

            Che standard utilizza LO?

            Open document.


            E da chi altro è utilizzato?
            Tutto il mondo accademico, per esempio.Non è affatto vero, buona parte del mondo accademico usa un linguaggio di programmazione per scrivere tesi, articoli, libri e riviste.

            Al momento, lo standard de facto è uno e di
            certo

            non è quello di

            LO.
            Esci dalla cameretta e vai a vedere com'e' fatto
            il
            mondo.Parlo del mondo del lavoro, che evidentemente conosci poco e travisi molto.


            E ai clienti mando direttamente il pdf.

            E se i clienti devono modificare qualcosa?
            I clienti non modificano i miei documenti.I tuoi... altri devono.
            A parte "word" che sulla stragrande maggioranza
            dei server non gira, quello che hai descritto
            puo' essere reso da una procedura automatica che
            produce un pdf. Sono dati che non c'e' bisogno di
            modificare in locale visto che stanno su
            DB.Questo sempre nel mondo reale, nella realtà è diverso.Se hai dati aggiornati che su DB ancora non possono andare?Ho un'enormità di casi del genere. Specie nelle grandi aziende.


            Ma non devi pagare M$ per l'assistenza.


            Utilizzi i tecnici che hai in casa.

            E quelli sono gratis?
            Li hai in casa: li pagheresti comunque.No, li devi prima formare, non li hai in casa. Costi in più inutili.
          • panda rossa scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: nevvero
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: nevvero


            - Scritto da: panda rossa






            M$ non e' pienamente compatibile.



            Libre Office usa formati STANDARD.


            Uno standard è qualche cosa di diffuso

            ovunque.


            Che standard utilizza LO?



            Open document.




            E da chi altro è utilizzato?

            Tutto il mondo accademico, per esempio.
            Non è affatto vero, buona parte del mondo
            accademico usa un linguaggio di programmazione
            per scrivere tesi, articoli, libri e
            riviste.Un linguaggio di programmazione per scrivere testi? (newbie)


            Al momento, lo standard de facto è uno
            e
            di

            certo


            non è quello di


            LO.

            Esci dalla cameretta e vai a vedere com'e'
            fatto

            il

            mondo.
            Parlo del mondo del lavoro, che evidentemente
            conosci poco e travisi
            molto.Ovviamente per "mondo del lavoro" mi riferisco ai reparti ICT delle aziende, non certo alle reception degli alberghi.



            E ai clienti mando direttamente il
            pdf.


            E se i clienti devono modificare
            qualcosa?

            I clienti non modificano i miei documenti.
            I tuoi... altri devono.Ripeto: i clienti non modificano i documenti dei fornitori.

            A parte "word" che sulla stragrande
            maggioranza

            dei server non gira, quello che hai descritto

            puo' essere reso da una procedura automatica
            che

            produce un pdf. Sono dati che non c'e'
            bisogno
            di

            modificare in locale visto che stanno su

            DB.
            Questo sempre nel mondo reale, nella realtà è
            diverso.
            Se hai dati aggiornati che su DB ancora non
            possono
            andare?Ripeto quanto detto sopra: stiamo parlando di reparti ICT di aziende, non delle reception di alberghi.
            Ho un'enormità di casi del genere. Specie nelle
            grandi aziende.Parli di aziende che non hanno un reparto ICT (strano se hanno un DB aziendale).In ogni caso quello che dici e' follia.Transazioni non tracciabili... brrr....



            Ma non devi pagare M$ per
            l'assistenza.



            Utilizzi i tecnici che hai in casa.


            E quelli sono gratis?

            Li hai in casa: li pagheresti comunque.
            No, li devi prima formare, non li hai in casa.
            Costi in più
            inutili.Una azienda con un reparto ITC non ha tecnici in casa?Ma che cosa stai dicendo?
        • Jaggguar scrive:
          Re: Libre Office
          - Scritto da: giogher
          1) non c'entra piratare il software. Le persone a
          casa usano Office e non libre Office che ti
          piaccia l'idea o
          menoSono a casa ed uso Libreoffice.Anche il mio vicino di casa.
          2) Forse non lavori con Office 8 ore al giorno.
          per questo non ti frega niente se devi rifare
          tutte le formule di Excel o riformattare i testi,
          perchè Libre Office non è pienamente
          compatibile.Si rifanno una volta, fine. L'importante è: usare ODF.
          3) un conto è trovare le voci nel menù un altro è
          dover imparare da zero. E' di questo che si
          trattaLa maggior parte degli utenti mal sopporta il Ribbon.Fai un po' tu.
          4) Pensi forse che il software libero una volta
          installato funzioni per sempre ? la manutenzione
          andrà fatta comunque e alla lunga con Libre
          Office e il pinguino non
          risparmi.Guarda a caso da altre parti lo hanno fatto. Ed hanno risparmiato, soprattutto sul lungo termine.Quindi i casi sono due. O sei di Pesaro, o sei di Redmond.
          • giogher scrive:
            Re: Libre Office
            Il discorso potrebbe continuare all'infinito.Non sono di Pesaro e neanche di M$. Mi confronto spesso con aziende che hanno fatto il passaggio da Office a Libre Office. Dovreste sentire le maledizioni degli impiegati prima di dire che basta riscrivere le formule una volta e che siete ben in due persone che usano Libre Office.
          • panda rossa scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: giogher
            Il discorso potrebbe continuare all'infinito.
            Non sono di Pesaro e neanche di M$. Mi confronto
            spesso con aziende che hanno fatto il passaggio
            da Office a Libre Office. Dovreste sentire le
            maledizioni degli impiegati prima di dire che
            basta riscrivere le formule una volta e che siete
            ben in due persone che usano Libre
            Office.Io sento tutti i giorni le maledizioni degli impiegati che usano windows.E a differenza tua che sei un markettaro, io lavoro nell'IT e quindi le bestemmie di chi deve usare i sistemi le sento per davvero.P.S.Indovina qual e' quel foglio elettronico idiota che ha localizzato i nomi delle funzioni in italiano, rendendo le formule INCOMPATIBILI col resto del mondo.
          • giogher scrive:
            Re: Libre Office
            Ma chi ti credi essere per dare del markettaro ? La vori nell'IT perchè hai scritto 30000 post ? alla fine sei lì tutti i giorni a picchiare il tuo bel faccione su Microsoft.
          • Izio01 scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: giogher
            Il discorso potrebbe continuare all'infinito.
            Non sono di Pesaro e neanche di M$. Mi confronto
            spesso con aziende che hanno fatto il passaggio
            da Office a Libre Office. Dovreste sentire le
            maledizioni degli impiegati prima di dire che
            basta riscrivere le formule una volta e che siete
            ben in due persone che usano Libre Office.Sei tu che hai detto che "Le persone a casa usano Office e non libre Office che ti piaccia l'idea o meno". Non è più vero.Quanto all'"imparare da zero un nuovo programma" non diciamo idiozie, per favore! Se osservo i documenti prodotti qui in azienda, nel 99% dei casi non devi imparare assolutamente niente perché le cose le fai in maniera identica. Creare elenchi, stili, immagini... non è che con LibreOffice tu debba fare apt-get, eh! Il rimanente1% sono quei documenti in cui Office decide inspiegabilmente di mandare a ranare la numerazione progressiva dei paragrafi e devi aggiustarla a mano, perdendo ovviamente il renumber automatico se inserisci un nuovo paragrafo in mezzo. Questo bug è in effetti difficilmente portabile su altre piattaforme.
        • Lorenzo scrive:
          Re: Libre Office
          Tutte opinioni ... In ogni caso calc funziona perfettamente con i dcoumenti di excel anzi alcuni vecchi documenti excel che con office nuovo non vanno su calc vanno perfettamente , provare prima di partire per partito preso , grazie.
          • mimmo scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: Lorenzo
            Tutte opinioni ...
            In ogni caso calc funziona perfettamente con i
            dcoumenti di excel

            anzi alcuni vecchi documenti excel che con office
            nuovo non vanno su calc vanno perfettamente ,
            provare prima di partire per partito preso ,
            grazie.ah si? e anche le formule scritte in VB???dai, MS Office e' molto + produttivo di Libre Office, non c'e' paragone riguardo la qualita'!certo, altro e' chiedersi se serva veramente...e secondo me alleamministrazioni pubbliche non serve.quindi finalmente un ministero passa a Libre Office, ma speriamo che questo esperimento non lo facciano fallire!
        • Fai il login o Registrati scrive:
          Re: Libre Office
          - Scritto da: giogher
          2) Forse non lavori con Office 8 ore al giorno.
          per questo non ti frega niente se devi rifare
          tutte le formule di Excel o riformattare i testi,
          perchè Libre Office non è pienamente
          compatibile.Lavoro con Excel 8 ore al giorno. Difficoltà di conversione ne ho incontrate, ma una volta sistemate ora va tutto bene.
          3) un conto è trovare le voci nel menù un altro è
          dover imparare da zero. E' di questo che si
          trattaAssolutamente no, guarda, non sai di cosa stai parlando.
          4) Pensi forse che il software libero una volta
          installato funzioni per sempre ? la manutenzione
          andrà fatta comunque e alla lunga con Libre
          Office e il pinguino non
          risparmi.E chi dice che la manutenzione su software libero costa più che su closed?
          • Prozac scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: Fai il login o Registrati
            E chi dice che la manutenzione su software libero
            costa più che su
            closed?I "cantinari" qui su PI.Ogni volta che qualcuno critica positivamente Microsoft, se ne escono con: tu "tecnico windows" povero pezzente che guadagni in media un terzo di un sistemista *nix con appena 5 anni d'esperienza...Ergo, la manutenzione di sistemi *nix costa 3 volte di più che quella di sistemi windows :P
          • Prozac scrive:
            Re: Libre Office
            A me lo dici?Dillo a "Fai il login o registrati".Lui parla di "manutenzione del software open".Io ho risposto a lui.Se ti interessa intervenire in questa parte della discussione, si sta parlando di "manutenzione del software open".Visto che pensavo non servisse manutenzione per usare LibreOffice, ho dedotto che "Fai il login o registrati" parlasse di sistema in generale.E quando si parla di sistema e open source, diciamo che i più famosi sono quelli della famiglia *nix. Non convieni con me?
          • Jaguarevole con Merdeces scrive:
            Re: Libre Office
            Linux non è della "famiglia *nix" a meno che tu non intenda Posix in cui però non c'è la "n".
    • pentolino scrive:
      Re: Libre Office
      secondo me è qualcosa da vedere in prospettiva; spero in un giorno in cui MS office non sarà più lo standard, da qualche parte bisognerà pure iniziare.Inoltre ritengo che gli uffici pubblici abbiano il dovere morale di usare software e formati liberi; credo anche che tutto il software che rilasciano (per esempio agenzia delle entrate) debba essere sotto licenza libera e a codice pubblico
      • Izio01 scrive:
        Re: Libre Office
        - Scritto da: pentolino
        secondo me è qualcosa da vedere in prospettiva;
        spero in un giorno in cui MS office non sarà più
        lo standard, da qualche parte bisognerà pure
        iniziare.
        Inoltre ritengo che gli uffici pubblici abbiano
        il dovere morale di usare software e formati
        liberi; credo anche che tutto il software che
        rilasciano (per esempio agenzia delle entrate)
        debba essere sotto licenza libera e a codice
        pubblicoBravissimo, ottime osservazioni, condivido.
      • MisterX scrive:
        Re: Libre Office

        Inoltre ritengo che gli uffici pubblici abbiano
        il dovere morale di usare software e formati
        liberi; credo anche che tutto il software che
        rilasciano (per esempio agenzia delle entrate)
        debba essere sotto licenza libera e a codice
        pubblicoE la morale la decidi tu? puoi dirmi se è morale fare le puzzette in ascensore e dare la colpa a qualcun altro? puoi dirmi dove si compra il tuo vangelo? grazie
    • Rantolo scrive:
      Re: Libre Office
      Lo standard dovrebbe essere quello del documento. La PA dovrebbe usare *obbligatoriamente* ODF e poi usare l'applicativo che più gli aggrada facendo gli opportuni calcoli di convenienza economica, di tempi, di personale eccetera.La cosa più fastidiosa è sentire la gente che si lamenta che Libre Office non è sempre in grado di aprire correttamente un documento OOXML, ma nessuno dice che razza di assurdità e di complicazioni ci siano in quel tipo di formato e nessuno dice delle carenze di Office nel formattare correttamente un documento ODF.Obbligare all'uso di ODF è l'unica via, e questo lo può fase solo la pubblica amministrazione, dovrebbe essere imposto per legge per chi vuole scambiare documenti con la PA. Costringerebbe MS ad adeguare Office e a quel punto vinca il migliore.
      • andrea scrive:
        Re: Libre Office
        abbiamo 150 mila pc nel ministero della difesa? ma come e' possibile? parliamo di crisi, tagli esodati e quant'altro e poi paghiamo 150 mila persone al computer nel minietro della difesa???
      • MisterX scrive:
        Re: Libre Office
        - Scritto da: Rantolo
        Lo standard dovrebbe essere quello del documento.
        La PA dovrebbe usare *obbligatoriamente* ODF e
        poi usare l'applicativo che più gli aggrada
        facendo gli opportuni calcoli di convenienza
        economica, di tempi, di personale
        eccetera.

        La cosa più fastidiosa è sentire la gente che si
        lamenta che Libre Office non è sempre in grado di
        aprire correttamente un documento OOXML, ma
        nessuno dice che razza di assurdità e di
        complicazioni ci siano in quel tipo di formato e
        nessuno dice delle carenze di Office nel
        formattare correttamente un documento
        ODF.

        Obbligare all'uso di ODF è l'unica via, e questo
        lo può fase solo la pubblica amministrazione,
        dovrebbe essere imposto per legge per chi vuole
        scambiare documenti con la PA. Costringerebbe MS
        ad adeguare Office e a quel punto vinca il
        migliore.Pur essendo d'accordo con, ricordo che OOXML per la legge italiana (e per gli standard internazionali) è standard e aperto.
    • ... scrive:
      Re: Libre Office
      - Scritto da: giogher
      Lo standard è Office.Direi di fermarci qui nella lettura. Povero XXXXXXXX....
    • AntiPI scrive:
      Re: Libre Office
      - Scritto da: giogher
      Lo standard è Office.
      L'utente medio...IL fatto che tu sia l'utonto medio (cioè un cretino) non significa che tutti gli altri lo debbano essere per forza.
    • collione scrive:
      Re: Libre Office
      - Scritto da: giogher
      problemi di compatibilità tra documenti Word
      (perdita di formattazione ecc...) Excel (formule
      ecc...) sarà necessario riconvertire e sistemarema i pdf non si usano più?la prassi è usare i pdf per l'utenza e i vari odf/ooxml per le attività interneovviamente all'interno puoi imporre una migrazione, compreso usare il semplicissimo plugin odf per word
    • MisterX scrive:
      Re: Libre Office
      - Scritto da: giogher
      Lo standard è Office.
      L'utente medio lo usa a casa e in ufficio.Una volta forse. A casa sempre più persone usano Libreoffice
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: Libre Office
      - Scritto da: giogher
      Lo standard è Office.
      L'utente medio lo usa a casa e in ufficio.
      Passare a Libre Office, oltre ad avere noti
      problemi di compatibilità tra documenti Word
      (perdita di formattazione ecc...) Excel (formule
      ecc...) sarà necessario riconvertire e sistemare
      i documenti già fatti. Oltre al fatto che gli
      utenti devono imparare da zero un nuovo
      programma.Quindi non si risparmia niente in
      termini di
      soldi.
      Se poi il passaggio viene usato per strappare una
      migliore offerta a Microsoft, ben
      vengaLo standard era office fino al 2001 poi introdussero l'interfaccia aborto Ribbon e passarono al formato docx, è molto più somiogliante ad office 2001 open office o libreoffice piuttosto che l'ultimo M$ office!Fra l'altro a me fa XXXXXXXre trovare gente che salva in docx anzichè nel ben più compatibile doc, ben venga a questo punto odf!
      • nevvero scrive:
        Re: Libre Office
        - Scritto da: Enjoy with Us
        - Scritto da: giogher
        Fra l'altro a me fa XXXXXXXre trovare gente che
        salva in docx anzichè nel ben più compatibile
        doc, ben venga a questo punto
        odf!ti dà fastidio che si usi meno un formato vecchio e dimensionalmente enorme... di 12 anni fa?
        • panda rossa scrive:
          Re: Libre Office
          - Scritto da: nevvero
          - Scritto da: Enjoy with Us

          - Scritto da: giogher


          Fra l'altro a me fa XXXXXXXre trovare gente
          che

          salva in docx anzichè nel ben più compatibile

          doc, ben venga a questo punto

          odf!
          ti dà fastidio che si usi meno un formato vecchio
          e dimensionalmente enorme... di 12 anni
          fa?Magari ha un computer di 12 anni fa e il docx non riesce ad aprirlo.E comunque e' un comportamento veramente idiota quello di salvare nel formato proprietario piu' recente senza che il documento contenga oggetti specifici dell'ultimo formato.
          • nevvero scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: nevvero

            - Scritto da: Enjoy with Us


            - Scritto da: giogher




            Fra l'altro a me fa XXXXXXXre trovare
            gente

            che


            salva in docx anzichè nel ben più
            compatibile


            doc, ben venga a questo punto


            odf!

            ti dà fastidio che si usi meno un formato
            vecchio

            e dimensionalmente enorme... di 12 anni

            fa?


            Magari ha un computer di 12 anni fa e il docx non
            riesce ad
            aprirlo.Problemi suoi. È ora di aggiornarsi, il mondo va avanti.
            E comunque e' un comportamento veramente idiota
            quello di salvare nel formato proprietario piu'
            recente senza che il documento contenga oggetti
            specifici dell'ultimo
            formato.Guarda che è un formato del 2007... lol.Sei rimasto indietro.
          • panda rossa scrive:
            Re: Libre Office
            - Scritto da: nevvero

            Magari ha un computer di 12 anni fa e il
            docx
            non

            riesce ad

            aprirlo.
            Problemi suoi. È ora di aggiornarsi, il
            mondo va
            avanti.Al mondo ci sono due tipi di persone: i fessi che fanno due notti di fila per prendere l'ultimo modello di iCoso, e tutti gli altri.Evidentemente tu e lui state in due gruppi diversi.

            E comunque e' un comportamento veramente
            idiota

            quello di salvare nel formato proprietario
            piu'

            recente senza che il documento contenga
            oggetti

            specifici dell'ultimo

            formato.
            Guarda che è un formato del 2007... lol.Come tutti i formati non standard, ha la scadenza.Una volta scaduto devi buttare via tutto e pagare daccapo.
            Sei rimasto indietro.Ti sbagli: io non sono ne' indietro ne' avanti. Io sono al di sopra.
  • non so scrive:
    alternativa
    molte persone che lavorano su PC in ufficio utilizzano programmi delle suite di Microsoft e di Adobe senza in realtà averne veramente bisogno. In primo luogo perchè non è da tutti conoscere e lavorare bene con applicativi di questo calibro e come seconda cosa perchè nel loro lavoro non hanno bisogno di applicativi così sofisticati. Servono senza dubbio alternative tuttavia credo che LibreOffice a Apache OpenOffice.org non abbiano colto nel segno le necessità delle persone che cercano un'alternativa (gratuita).Sicuramente non sono necesseria 2 suite da ufficio libere così simili tra loro, credo invece che sarebbe utile averne almeno una che invece di puntare a ricostruire in versione libera quello che era sostanzialmente Microsoft Office 2000, di creare qualcosa di nuovo e più semplice da usare. Purtroppo questo lo sta facendo ancora una volta Microsoft con Office 365 e le suite open invece di essere dinamiche e più propositive si ritrovano ad essere inseguitrici di una società che si muove come un carro armato.Questo nuovo progetto comunque è una bella sfida e, se il ministero dovesse contrubuire allo sviluppo della suite, una conquista informatica importante.
    • nevvero scrive:
      Re: alternativa
      - Scritto da: non so
      sarebbe utile averne almeno una che invece di
      puntare a ricostruire in versione libera quello
      che era sostanzialmente Microsoft Office 2000, di
      creare qualcosa di nuovo e più semplice da usare.
      Purtroppo questo lo sta facendo ancora una volta
      Microsoft con Office 365 e le suite open invece
      di essere dinamiche e più propositive si
      ritrovano ad essere inseguitrici di una società
      che si muove come un carro
      armato.Stessa cosa che ha fatto anche Apple con iWorks
  • pax2 scrive:
    Finalmente era ora
    Se tutto va bene sono soldi risparmiati e in piena era di spending review dove anche il servizio sanitario nazionale si tende a ridurlo e a non garantirlo a tutti e' davvero un'ottima notizia.Speriamo vada tutto bene e che anche le altre amministrazioni pubbliche (scuole in primis) facciano questo passo.Il privato invece scelga pure cio' che ritiene opportuno anche se conosco diversi casi in cui la piccola azienda con libre office si trova benissimo.Saluti a tutti.
    • panda rossa scrive:
      Re: Finalmente era ora
      - Scritto da: pax2
      Se tutto va bene sono soldi risparmiati e in
      piena era di spending review dove anche il
      servizio sanitario nazionale si tende a ridurlo e
      a non garantirlo a tutti e' davvero un'ottima
      notizia.Come non concordare?
      Speriamo vada tutto bene e che anche le altre
      amministrazioni pubbliche (scuole in primis)
      facciano questo
      passo.Ci sara' da vincere una forte resistenza di tutti quegli intermediari parassiti (tipicamente piddini) che vivono del magna magna sulle licenze e sugli appalti del close software.Ma l'importante e' avere iniziato.
      Il privato invece scelga pure cio' che ritiene
      opportuno anche se conosco diversi casi in cui la
      piccola azienda con libre office si trova
      benissimo.Gran parte dell'economia italiana e' basata sulle piccole aziende, dove Libre Office spopola.
      • MisterX scrive:
        Re: Finalmente era ora


        Ci sara' da vincere una forte resistenza di tutti
        quegli intermediari parassiti (tipicamente
        piddini) che vivono del magna magna sulle licenze
        e sugli appalti del close
        software.Se l'articolo parla di qualunquismo allora ti quoto. Se parla di una interessante novità (fatta in tempo di governo PD e centro destra tra l'altro), allora no.
      • nome e cognome scrive:
        Re: Finalmente era ora

        Gran parte dell'economia italiana e' basata sulle
        piccole aziende, dove Libre Office
        spopola.ROTFL.
      • mimmo scrive:
        Re: Finalmente era ora
        piu' che altro spopola la versione pirata di MS Office!!!!
  • aleppe scrive:
    Allora c'è speranza...
    ...per il genere umano.Rinunciare al bacatissimo e ormai defunto e seppellito Openoffice è prova di una insperata lungimiranza.Se a questo buon inizio seguirà:1) il rifiuto/riscrittura delle inevitabili macro MS, che non potrebbero girare mai su LibreOffice2) il solo standard odf per la condivisione di documenti3) uno scudo impenetrabile verso mazzettari/markettari di ogni rismaallora un moderato ottimismo è più che giustificabile (e sarebbe pure auspicabile che chi utilizza LO in contesti del genere contribuisse in maniera considerevole)
    • MicroShit Supporter scrive:
      Re: Allora c'è speranza...
      Quotone!
    • MisterX scrive:
      Re: Allora c'è speranza...

      3) uno scudo impenetrabile verso
      mazzettari/markettari di ogni
      rismaPerché? Non sai che anche dietro Libreoffice ci sono giri di soldi? e ti dirò di più: secondo te è più facile pagare mazzette comprando servizi o comprando licenze?
      • aleppe scrive:
        Re: Allora c'è speranza...
        - Scritto da: MisterX

        3) uno scudo impenetrabile verso

        mazzettari/markettari di ogni

        risma

        Perché? Non sai che anche dietro Libreoffice ci
        sono giri di soldi? e ti dirò di più: secondo te
        è più facile pagare mazzette comprando servizi o
        comprando
        licenze?Dove sta scritto che il free software è gratuito e non va pagato?Il costo c'è sempre ma non hai un lock-in e l'unica discriminante sarà fra i fuffaroli e chi sa lavorare sul serio
    • Fai il login o Registrati scrive:
      Re: Allora c'è speranza...
      Viene fatto. Io lavoro in una PA passata ad AOO: è stato trovato un bug di incompatibilità con Sharepoint, bug che è stato riscontrato pure su LO. Così è stato assunto un programmatore che ha creato la patch ed ora è inclusa nella versione fresh di LO e sarà inclusa nella prossima di AOO.
  • Psicologo scrive:
    Cosa dicono i bookmakers?
    A quanto lo danno il ritorno ad Office entro 2 anni?
    • ... scrive:
      Re: Cosa dicono i bookmakers?
      - Scritto da: Psicologo
      A quanto lo danno il ritorno ad Office entro 2
      anni?Ma XXXXXXXXXXXX, idiota
      • Feet on the Ground scrive:
        Re: Cosa dicono i bookmakers?
        Perchè? È una domanda legittima. Finora, queste "migrazioni" a "soluzioni FOSS", "Linux" e via dicendo si sono rivelate solo una manovra per ottenere migliori offerte da Microsoft.Guardiamo in faccia la realtà: se queste "soluzioni" fossero davvero valide, non ci sarebbe mercato per Windows o MacOS. Invece, Linux è una percentuale irrilevante - o, meglio, risibile, del mercato.Questa è la realtà. Il resto sono favole per i bambocci. :)
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Cosa dicono i bookmakers?
      - Scritto da: Psicologo
      A quanto lo danno il ritorno ad Office entro 2
      anni?anche meno, arriverà presto da microsoft un'offerta che non potranno rifiutare :)
      • collione scrive:
        Re: Cosa dicono i bookmakers?
        - Scritto da: Nome e cognome
        - Scritto da: Psicologo

        A quanto lo danno il ritorno ad Office entro 2

        anni?

        anche meno, arriverà presto da microsoft
        un'offerta che non potranno rifiutare
        :)il cannone mozzato di un carro armato? (rotfl)
    • panda rossa scrive:
      Re: Cosa dicono i bookmakers?
      - Scritto da: Psicologo
      A quanto lo danno il ritorno ad Office entro 2
      anni?Lo danno 100:1Puoi vendere casa, farti anticipare il TRF, richiedere pure un prestito, e poi giocarti tutto.
    • bradipao scrive:
      Re: Cosa dicono i bookmakers?
      - Scritto da: Psicologo
      A quanto lo danno il ritorno ad Office entro 2 anni?Possono anche tornare ad Office, l'importante è che sia mantenuto il formato ODF dei documenti.
      • ... scrive:
        Re: Cosa dicono i bookmakers?
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: Psicologo

        A quanto lo danno il ritorno ad Office entro 2
        anni?

        Possono anche tornare ad Office, l'importante è
        che sia mantenuto il formato ODF dei
        documenti.certo, poi quando esce microsoft office quellodiadesso+1 introducono una "piccola incompatibilita migliorativa" e il formato odf te lo pippi su per il XXXX. microsoft e' anni che fa XXXXXte del genere, ma dove vivi?
        • FDG scrive:
          Re: Cosa dicono i bookmakers?
          - Scritto da: ...
          certo, poi quando esce microsoft office
          quellodiadesso+1 introducono una "piccola
          incompatibilita migliorativa"...Una volta si potevano permettere di farlo. Oramai...
    • ... scrive:
      Re: Cosa dicono i bookmakers?
      - Scritto da: Psicologo
      A quanto lo danno il ritorno ad Office entro 2
      anni?chiedi a maxsix: un quanto addentro al lerciume apple, di queste cose e' esperto.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Cosa dicono i bookmakers?
      - Scritto da: Psicologo
      A quanto lo danno il ritorno ad Office entro 2
      anni?I bookmakers dicono zero computers migrati, e inchiesta per abuso d'ufficio e truffa ai danni dello stato tra un paio d'anni. Purtroppo per ogni euro scommesso vinci 30 centesimi.
Chiudi i commenti