Cloni Mac, per Psystar la fine della fine

Respinto anche l'appello del produttore di surrogati. Che sperava di sgretolare la granitica licenza del software Apple. Gli unici computer con la Mela sono quelli di Cupertino

Roma – Il giudice Mary Schroeder della Corte d’Appello statunitense ha stabilito nuovamente che Psystar, l’azienda che produceva hardware compatibile con Mac OS e che lo vendeva l’OS di Cupertino a bordo, viola il diritto d’autore di Apple, in particolare le licenze con cui distribuisce il suo sistema operativo, e che queste non costituiscono un abuso di diritto da parte di Cupertino.

Psystar si era difesa con le unghie e con i denti, ma alla fine era uscita sconfitta dalla battaglia legale che la contrapponeva ad Apple. La sentenza del tribunale d’appello , cui aveva fatto ricorso pur essendo ormai esclusa dal mercato, conferma quanto stabilito nei gradi precedenti a proposito della pratica di Apple di legare il suo software al suo hardware: fatto che non costituisce per il giudice un abuso delle clausole della licenza .

La vendita dei dispositivi Psystar con software Apple secondo il giudice costituisce invece una “violazione diretta del copyright, del marchio e costituisce una violazione della normativa in materia di competizione” secondo il Digital Millennnium Copyright Act ( DMCA ).

Sembra così definitivamente chiusa la vicenda. Psystar d’altronde ha già chiuso la sua attività anche a causa dell’ingiunzione permanente che Cupertino ha ottenuto contro la vendita dei cloni Mac .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • V67 scrive:
    Tranquilli se li sono già spartiti
    Il disavanzo sarà usato per finanziare il puttantour attraverso l'europa che ingaggeranno i nostri politici come si saranno intascati i dindi, ma che domande vi fate?Sempre se pagheranno...
  • leccascroti scrive:
    leccascroti di professione
    Simone Maga,Devoted to the development of new IT projects, design of architectures and definition of standards, with a focus on colleague's vagina and download of XXXXX the rest of the day
  • silvan scrive:
    Predisposizione
    Certe persone per qualsiasi cosa venga detta o fatta, tendono ad usare sempre il detto del povero Bartali: "L'è tutto sbagliato, l'è tutto da rifare". Spero ci siano anche molte persone più obiettive.
    • tcumcari scrive:
      Re: Predisposizione
      - Scritto da: silvan
      Certe persone per qualsiasi cosa venga detta o
      fatta, tendono ad usare sempre il detto del
      povero Bartali: "L'è tutto sbagliato, l'è tutto
      da rifare". Spero ci siano anche molte persone
      più
      obiettive.Quali persone? quelle che pagheranno in salatissimi canoni (e quindi in forma di tassa occulta) davvero le freuenze?
    • tcumcari scrive:
      Re: Predisposizione
      - Scritto da: silvan
      Certe persone per qualsiasi cosa venga detta o
      fatta, tendono ad usare sempre il detto del
      povero Bartali: "L'è tutto sbagliato, l'è tutto
      da rifare". Spero ci siano anche molte persone
      più
      obiettive.ah.. scusa ti sei dimenticato...Povero ilvio!...E il fazzoletto!(rotfl)(rotfl)ma chi sei Antonio Cornacchione?(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • silvan scrive:
        Re: Predisposizione
        No, sono un anti-disfattista.
        • gigi scrive:
          Re: Predisposizione
          il problema è che parte di quei 4 miliardi finiranno nelle casse telecom come "finanziamenti" per la nuava rete...che poi non si farà...tanto vale mettere in saccoccia tutto a far scendere il debito...da qualche parte si deve pur cominciare.
  • an0nim0 scrive:
    Perche' non ci crede nessuno?
    Secondo me saranno usati per finire di pagare il tunnel tra Ginevra e il Gran Sasso
    • Xovan scrive:
      Re: Perche' non ci crede nessuno?
      - Scritto da: an0nim0
      Secondo me saranno usati per finire di pagare il
      tunnel tra Ginevra e il Gran
      Sassolol
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Perche' non ci crede nessuno?
      - Scritto da: an0nim0
      Secondo me saranno usati per finire di pagare il
      tunnel tra Ginevra e il Gran
      Sasso Ma tu pensi veramente che telcom & Co paghino veramente ?
      • Sukas scrive:
        Re: Perche' non ci crede nessuno?
        - Scritto da: Picchiatell o
        - Scritto da: an0nim0

        Secondo me saranno usati per finire di
        pagare
        il

        tunnel tra Ginevra e il Gran

        Sasso
        Ma tu pensi veramente che telcom & Co paghino
        veramente
        ?Ovvio che a pagare siamo sempre noi utenti.. Tanto per cambiare
        • tcumcari scrive:
          Re: Perche' non ci crede nessuno?
          - Scritto da: Sukas
          - Scritto da: Picchiatell o

          - Scritto da: an0nim0


          Secondo me saranno usati per finire di

          pagare

          il


          tunnel tra Ginevra e il Gran


          Sasso

          Ma tu pensi veramente che telcom & Co
          paghino

          veramente

          ?
          Ovvio che a pagare siamo sempre noi utenti..
          Tanto per
          cambiareCerto ai "conXXXXX in uso" un bene comune (che è di tutti), incassato la tangente e trasformato il tutto in una stupenda "tassa occulta" che pagheranno tutti (gli utenti) è questa la "genialità" della "finanza creativa" cosa credevi? :p :p :p
          • tcumcari scrive:
            Re: Perche' non ci crede nessuno?
            - Scritto da: tcumcari
            - Scritto da: Sukas

            - Scritto da: Picchiatell o


            - Scritto da: an0nim0



            Secondo me saranno usati per
            finire
            di


            pagare


            il



            tunnel tra Ginevra e il Gran



            Sasso


            Ma tu pensi veramente che telcom & Co

            paghino


            veramente


            ?

            Ovvio che a pagare siamo sempre noi utenti..

            Tanto per

            cambiare
            Certo ai "conXXXXX in uso" un bene comune (che è
            di tutti), incassato la tangente e trasformato il
            tutto in una stupenda "tassa occulta" che
            pagheranno tutti (gli utenti) è questa la
            "genialità" della "finanza creativa" cosa
            credevi?
            :p :p :pvolevo dire "hai" NON "ai" (prima che il solito rompi-00 saccente del piffero posti la solita trollata).
      • tcumcari scrive:
        Re: Perche' non ci crede nessuno?
        - Scritto da: Picchiatell o
        - Scritto da: an0nim0

        Secondo me saranno usati per finire di
        pagare
        il

        tunnel tra Ginevra e il Gran

        Sasso
        Ma tu pensi veramente che telcom & Co paghino
        veramente
        ?eh eh eh!Ovvio che no !indovina chi paga! :D
  • tucumcari scrive:
    che bellzza!
    Il "principe" ha deciso di mettere all'asta tra i vassalli e valvassori (aka concessionari) un bene e di fare cassa onde foraggiare la sua corte (e la coorte) di clientes.Niente di nuovo (neppure secondo il Macchiavelli) quello che non torna è che il "bene" messo all'asta non è del principe ma bensì il nostro e a noi non ne è toccata una sola briciola.Quanto dovremo ancora aspettare per il ripristono della garande istituzione dello "ius primae noctis"?
    • dexter scrive:
      Re: che bellzza!
      intanto silvio comincia a montarsi tutte le donne adesso, così si porta avanti col lavoro..
    • Alberto F. scrive:
      Re: che bellzza!
      - Scritto da: tucumcari
      ... "ius primae noctis"?tucumcari mi sa che non hai letto i giornali / guardato telegiornali / letto sul web ... credo l'abbiano rispristinata nel 1994! ;)
      • tcumcari scrive:
        Re: che bellzza!
        - Scritto da: Alberto F.
        - Scritto da: tucumcari

        ... "ius primae noctis"?

        tucumcari mi sa che non hai letto i giornali /
        guardato telegiornali / letto sul web ... credo
        l'abbiano rispristinata nel 1994!
        ;)No è che datti i "soggetti" non sono certo che fosse proprio.... "primae"... e in ogni caso lo ius primae noctis si applica "una tantum" alla stessa persona non è mica anche "secundae" ecc...No?
  • il signor rossi scrive:
    Tanto per Romani ICT...
    ...significa decoder, digitale terrestre, televisione, tv via satellite e nient'altro.
    • mammolo scrive:
      Re: Tanto per Romani ICT...
      Povero cane
    • ottomano scrive:
      Re: Tanto per Romani ICT...
      - Scritto da: il signor rossi
      ...significa decoder, digitale terrestre,
      televisione, tv via satellite e
      nient'altro.Ma, soprattutto, non possono utilizzarli per abbassare il nostro enorme debito pubblico?
      • CHKDSK scrive:
        Re: Tanto per Romani ICT...
        4 miliardi di euro su 1900 sarebbero ben poca cosa :) Tanto vale reinvestire TUTTO nella fibra ottica
        • Polemik scrive:
          Re: Tanto per Romani ICT...
          Così quando l'Italia andrà in default la fibra verrà venduta a prezzo stracciato ai soliti noti...
        • Surak 2.0 scrive:
          Re: Tanto per Romani ICT...
          E' con codesta logica che il debito s'è creato e nessuno l'ha mai intaccato.Aggiungi quei 4 a tanti altri, e vedrai che la differenza la fai
        • pallino pinco scrive:
          Re: Tanto per Romani ICT...
          e certo... la fibra sì che è un investimento indispensabile...assurdo, il paese va a rotoli e secondo voi la priorità è poter scaricare i XXXXX più velocemente?
  • ruppolo scrive:
    Questo è un modo per...
    ...beccarsi una tangente.Prima chiedono miliardi per vendere le licenze, poi con questi soldi finanziano gli stessi a cui gliele hanno vendute.Una coerenza cristallina di questo sistema di ladri, iniziando dalla classe politica.
Chiudi i commenti