Cloud, Deutsche Telekom chiede degli argini

Il provider tedesco chiede all'Unione Europea di muoversi attivamente per la protezione dei server fra le nuvole del Vecchio Continente contro le tendenze spionistiche delle autorità statunitensi

Roma – Deutsche Telekom (DT) scende in campo in difesa del cloud computing europeo: T-Systems, la branca del provider tedesco che fornisce servizi IT, chiama in causa le autorità di Bruxelles affinché si muovano per garantire l’inviolabilità dei server tra le nuvole del Vecchio Continente – in particolare contro le policy statunitensi che parlano di cessione dei dati terzi alle autorità indipendentemente dal luogo del mondo in cui essi si trovino.

Il motivo del contendere è la ben nota zona grigia presente nelle regole della gestione della privacy dei dati archiviati su (cloud) server europei, regole a cui si appellano le società USA quando si dicono costrette a fornire l’accesso ai dati alle autorità del loro paese qualora queste lo richiedessero.

DT non ci sta e vuole riformare questo stato di cose: “Gli americani dicono che qualsiasi cosa succeda rilasceranno i dati al governo se costretti a farlo, da qualunque parte del mondo” spiega il CEO di DT Reinhard Clemens, ma “alcune società tedesche non vogliono che altri accedano ai loro sistemi”.

Sarebbe opportuno definire una sfera legale europea nella quale operare senza ingerenze, continua Clemens, chiedendo alla Comunità Europea di muoversi affinché vengano create garanzie capaci di difendere il cloud europeo dagli accessi esterni indebiti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • collione scrive:
    questa è innovazione
    http://www.tomshw.it/cont/news/android-risponde-ai-comandi-vocali-italiani-a-cuccia/33496/1.htmltra poco google ci offrirà un motore che capisce la nostra lingua :D
    • hermanhesse scrive:
      Re: questa è innovazione
      Veramente, proprio per il suddetto motivo, già lo fa.E lo faceva anche prima, perchè ok che ora ci sono i command in italiano, ma la ricerca ha sempre funzionato ;) .
  • Tok scrive:
    Mi chiedevo....
    ma c'e' ancora qualcuno che lo usa Bing? LOL
    • monmartre scrive:
      Re: Mi chiedevo....
      Beh, io uso alternativamente uno o l'altro a seconda delle ricerche che devo fare. Bing è un po' più pertinente di Google quando le risposte possono essere migliaia; se dovessi cercare "iva al 21%", quindi, utilizzerei Bing, se dovessi cercare "gestione errori nei cicli con VBA" utilizzerei Google.Post ScriptumPer lo stesso motivo se dovessi cercare file da scaricare utilizzo Google: molti più risultati, molte più possibilità di trovare qualcos'altro di inteterssante.
    • Uniformi Pancotto scrive:
      Re: Mi chiedevo....
      - Scritto da: Tok
      ma c'e' ancora qualcuno che lo usa Bing? LOLBing... LOL :D
  • Cane Mannaro scrive:
    Vietato cambiare browser
    E il bello è che per garantire questi "vantaggi" e per farli migliorare nel tempo, non potrai mai cambiare il pc o il browser, o un alcuni casi non potrai neanche aggiornare il browser dato che rischieresti di perdere tutti i cookie, un vero dramma!!!!
    • giacche scrive:
      Re: Vietato cambiare browser
      Non so quale browser utilizzi, ma i cookie sono sincronizzabili tra pc diversi e sistemi operativi diversi.E poi non vedo dove sia il dramma, siamo parlando di ricerche internet, mica di resoconti fiscali.
      • Cane Mannaro scrive:
        Re: Vietato cambiare browser
        Suppongo che ti stai riferendo esclusivamente agli utenti loggati su Bing, perché quando l'utente è anonimo (non loggato), non capisco in che modo i cookie possano essere sincronizzati da un pc all'altro!Il browser utilizzato non c'entra nulla, dato che nessun browser è in grado di riconoscere l'utente finché questo non esegue il login.NOTA: il dramma era inteso in senso ironico...
        • giacche scrive:
          Re: Vietato cambiare browser
          Avevo inteso che il dramma era ironico... ;)Comunque, giusto per ragionarci sopra, i cookie possono tranquillamente essere sincronizzati tra vari pc tramite browser.Dipende da quale browser utilizzi, ovviamente, ma ormai tutti hanno questa funzionalità, se non direttamente, sicuramente tramite componente aggiuntivo.
          • napodano scrive:
            Re: Vietato cambiare browser
            giusto per essere più chiaro, Firefox ha questa opzione integrata dalla versione 4 ma tramite plugin si poteva già usare dalla versione 3.6. Guarda nelle opzioni.prima di allora si poteva comunque usare una versione di quelle installabili su penna USB o portarsi in giro la cartella profiles
        • Bad Sapper scrive:
          Re: Vietato cambiare browser
          - Scritto da: Cane Mannaro
          Suppongo che ti stai riferendo esclusivamente
          agli utenti loggati su Bing, perché quando
          l'utente è anonimo (non loggato), non capisco in
          che modo i cookie possano essere sincronizzati da
          un pc
          all'altro!

          Il browser utilizzato non c'entra nulla, dato che
          nessun browser è in grado di riconoscere l'utente
          finché questo non esegue il
          login.

          NOTA: il dramma era inteso in senso ironico...Qualcuno ha letto l'articolo ?Mi sembra chiaro che le ricerche per i non loggeti sono orientate in base all'ultimo mese di attività ...
  • Nemo scrive:
    Viva il tracciamento
    "pattern comportamentali" per ogni singolo netizen impegnato a usare il servizio con regolarità -
    tracciamentomodificherà di conseguenza i risultati di ricerca -
    mi farà vedere sempre le stesse cose?
  • me medesimo scrive:
    concetto obsoleto...
    ...avanti il prossimo grazie
Chiudi i commenti