Codec, MPEG entra in gioco

Il gruppo di lavoro per gli standard di compressione audiovisivi decide di prendere posizione nell'attuale querelle sui brevetti dei codec telematici: MPEG vuole realizzare un nuovo standard libero da copyright

Roma – Nell’attuale contesa fra i codec multimediali per lo streaming di rete, l’organizzazione che ha dato origine alla rivoluzione della compressione dei contenuti in formato digitale prende posizione e si schiera apertamente dalla parte del codice “royalty-free”. Il Moving Picture Experts Group (MPEG) pianifica la formulazione di un nuovo standard , una tecnologia di compressione video universale a costo zero adatta alle esigenze della Internet moderna.

La proposta arriva dal 95esimo meeting del gruppo di lavoro, e prevede una “convocazione” per le parti interessate – aziende, organizzazioni e quant’altro – entro il prossimo marzo. L’obiettivo è mettere a punto le specifiche di uno standard soggetto al “Type-1 licensing”, vale a dire utilizzabile a piacimento senza l’obbligo di corrispondere compensazioni monetarie a chicchessia.

Lo standard a cui pensa MPEG è “in linea con gli attuali modelli di utilizzo di Internet”, ed è in grado di raggiungere “una performance di compressione sostanzialmente migliore” di quella ottenibile grazie a MPEG-2 – comparabile con il profilo base dei codec H.264/MPEG-4 AVC .

Tra Google che avvolge VP8 della “openness” del progetto WebM , e MPEG-LA (organizzazione industriale per il controllo dei brevetti multimediali che nulla ha a che spartire con il gruppo di lavoro MPEG propriamente detto) che decide conseguentemente di attivare il suo notevole fuoco legale contro l’iniziativa di Mountain View, MPEG spera di dirimere una volta per tutte la questione dando vita a un nuovo standard universale e accettabile da tutti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • genesys87 scrive:
    e chi non ha 12 smartphone?
    Semplice, si scarica i 12 video da youtube, estrae le tracce audio con ffmpeg, le riunisce come gli pare con audacity.
    • Funz scrive:
      Re: e chi non ha 12 smartphone?
      - Scritto da: genesys87
      Semplice, si scarica i 12 video da youtube,
      estrae le tracce audio con ffmpeg, le riunisce
      come gli pare con
      audacity.E poi tutti quanti vanno a vedere il risultato su Youtube.E lasciano il disco sullo scaffale :p
    • Sborone di Rubikiana memoria scrive:
      Re: e chi non ha 12 smartphone?
      Perché, aprire 12 schede del browser è così difficile? :p
      • pippO scrive:
        Re: e chi non ha 12 smartphone?
        - Scritto da: Sborone di Rubikiana memoria
        Perché, aprire 12 schede del browser è così
        difficile?
        :pauguri per la sincronizzazione ;)
        • Sborone di Rubikiana memoria scrive:
          Re: e chi non ha 12 smartphone?
          È più semplice di quel che sembra, basta sfruttare i 12secondi di sincronizzazione dell'inizio. :)
          • pippO scrive:
            Re: e chi non ha 12 smartphone?
            - Scritto da: Sborone di Rubikiana memoria
            È più semplice di quel che sembra, basta
            sfruttare i 12secondi di sincronizzazione
            dell'inizio.
            :)Dubito che tu riesca a stare nei millisecondi richiesti per una buona riuscita...Per un bel tutorial leggi qui:http://bpmdj.yellowcouch.org/djskills.htmlsoprattutto questa parte:"Changing Tempo & Accuracy of Pitch Shifters";)
Chiudi i commenti