Come ti accelero il server

Nasce una nuova classe di net appliance che ha per obiettivo l'incremento delle prestazioni dei server. Il segreto? Tanta cache e qualche buon algoritmo per il recupero dei dati


Sunnyvale (USA) – CacheFlow ha “inventato” un’altra classe di appliance, i “server accelerator”, scatolette in grado di dare una spinta alle prestazioni dei server più trafficati, dove spesso risiedono siti web o applicazioni stand alone che fanno intenso uso di database.

La nuova famiglia di appliance di CacheFlow, a ben vedere, prende in eredità alcune delle funzionalità di caching dei tradizionali proxy server, ma a differenza di questi possono vantare configurazioni hardware e algoritmi specificamente ottimizzati per gestire l’accesso dinamico a dati e pagine Web.

CacheFlow mira soprattutto al mercato dei database server Unix di fascia alta, un settore dove i dirigenti dell’azienda sostengono che la loro tecnologia può arrivare a quintuplicare o addirittura a decuplicare la larghezza di banda di un singolo server.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti