Computer rotante a base di grafene

Un primo, importante passo per lo sviluppo di un computer in grado di processare informazioni su scala subatomica. Merito, come sempre, delle qualità del foglio di carbonio monomolecolare

Roma – Gli inventori del grafene sono stati recentemente insigniti del premio Nobel per la Fisica , grazie alle eccezionali qualità chimico-fisiche del nuovo materiale. E il grafene è alla base di un nuovo passo avanti compiuto nella realizzazione di tecnologie informatiche di nuova concezione, vale a dire la messa a punto di una tecnica di “tunnelling spin injection” che potrebbe costituire la base del cosiddetto spin computer .

In uno spin computer l’elaborazione delle informazioni avviene a livello subatomico , chiamando in causa direttamente i singoli elettroni e la loro proprietà intrinseca di polarizzazione detta appunto spin . Ogni elettrone può avere uno spin “up” o “down”, e se si riuscisse a sfruttare questa natura binaria per immagazzinare dati digitali si potrebbe avere accesso a capacità di memorizzazione sin qui inimmaginabili a una frazione dell’energia necessaria oggi.

I ricercatori della University of California, Riverside , sono riusciti a ottimizzare il processo di “iniezione” dello spin sugli elettroni di uno strato di grafene attraverso un elettrodo ferromagnetico. Questa tecnica è generalmente inefficiente, ma gli scienziati californiani sono riusciti nell’impresa adottando un materiale isolante in grado replicare l’ effetto tunnel attualmente usato per programmare le memorie NAND flash dei dischi SSD.

“Abbiamo registrato un incremento dell’efficienza di 30 volte nell’iniezione di spin con il quantum tunneling attraverso il materiale isolante nel grafene – spiega il professore associato Roland Kawakami che ha guidato la ricerca – Altrettanto interessante è il fatto che il materiale isolante funzionava come una valvola a una sola via, permettendo al flusso di elettroni di andare in una direzione – dall’elettrodo al grafene – ma non nell’altra”.

Il team di ricerca ha inoltre risolto il problema della scarsa capacità che ha il grafene di legare con altri materiali – in questo caso l’isolante necessario a replicare l’effetto di tunnelling spin injection – ricoprendolo con un sottile strato di titanio. Un’altra importante conseguenza del lavoro di Kawakami e soci è infine l’immagazzinamento di spin dalla durata molto superiore a quelle sin qui registrate : all’aumentare del ciclo vitale degli spin elettronici aumenta anche la quantità di operazioni digitali da poter applicare alle unità di informazione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • videoco techino scrive:
    ma noi...
    se il cd costerà 1 noi poveri videoteladri come faremo a farvi pagare 3.50 per poche ore di vedere un film? allora meglio francia inghilterra e usa con hadopi anche irlanda e nouva zelanda ma italia sempre dopo noi videoXXXXXri chiudiamo sempre se continua così
    • bubba scrive:
      Re: ma noi...
      - Scritto da: videoco techino
      se il cd costerà 1 noi poveri videoteladri come
      faremo a farvi pagare 3.50 per poche ore di
      vedere un film? allora meglio francia inghilterra
      e usa con hadopi anche irlanda e nouva zelanda ma
      italia sempre dopo noi videoXXXXXri chiudiamo
      sempre se continua
      cosìgli USA e UK pero' hanno cose come Netflix, Tivo o lo stream della BBC... un bel problema per i venditori di vhs :P)
      • videoco techino scrive:
        Re: ma noi...
        ma noi vogliamo lucrare su tutto senza rischi e senza fare nulla... w la francia w l'inghilterra con hadopi poi arriva in italia e voi scariconi dovete venire da noi videoteladri a farvi derubare!
        • 01234 scrive:
          Re: ma noi...
          aspettatemi che arrivo, eh? (rotfl)
        • panda rossa scrive:
          Re: ma noi...
          - Scritto da: videoco techino
          ma noi vogliamo lucrare su tutto senza rischi e
          senza fare nulla... w la francia w l'inghilterra
          con hadopi poi arriva in italia e voi scariconi
          dovete venire da noi videoteladri a farvi
          derubare!O sommo, mi hai convinto.Ho deciso che voglio contrastare questa mossa della Warner, aprendo io stesso una videoteca.Da che parte si comincia per aprire una videoteca?Illuminami.
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: ma noi...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: videoco techino

            ma noi vogliamo lucrare su tutto senza rischi e

            senza fare nulla... w la francia w l'inghilterra

            con hadopi poi arriva in italia e voi scariconi

            dovete venire da noi videoteladri a farvi

            derubare!

            O sommo, mi hai convinto.
            Ho deciso che voglio contrastare questa mossa
            della Warner, aprendo io stesso una
            videoteca.

            Da che parte si comincia per aprire una videoteca?
            Illuminami.Facnedosi la tessera del PDL.
          • videoco techino scrive:
            Re: ma noi...

            Da che parte si comincia per aprire una videoteca?
            Illuminami.dalla stanza in fondo al corridoio sulla sinistra. in francia non scaricano più ormai è finita per voi downloader e noi abbiamo prosperità prenderemo altre ville, macchine più grosse e venderemo ancora masterizzati! w la francia, w l'inghilterra
  • Jacopo Monegato scrive:
    da convincere
    non i musicisti, che guadagnano da concerti e merchandising i loro indotti maggiori, ma le major che incassano quasi l'80 per cento della vendita di ogni CD.diavolo cane finalmente un altro che se ne accorge
  • mauro scrive:
    Cura dimagrante
    Quello che le majors dovrebbero fare è di sbarazzarsi di un po' di personale che non serve più, tagliare gli stipendi agli altri e metterli a fare qualcosa di utile (e vendere i cd non è affatto utile, visto che non li vuole più nessuno): così ridurranno le spese al minimo, la maggior parte degli incassi andranno ai pochi che hanno veramente lavorato per produrre qualcosa, e potranno lasciare i brani liberamente copiabili (e a quel punto, magari trovano chi è disposto a comprare per sostenere l'autore... di certo nessuno è disposto a farlo, se la maggior parte dei soldi va alla major).E se non riescono a fare così, tanto vale che chiudano del tutto, e licenzino tutti dal primo all'ultimo.
  • Fetente scrive:
    No, non funziona così
    Qualsiasi studentello di economia sa benissimo che un'azienda ha come obiettivo il raggiungimento del cosiddetto "ottimo", in particolare per quanto riguarda il profitto. Non è sempre vero, anzi non lo è quasi mai, che l'ottimo profitto si ottenga aumentando il numero di pezzi venduti a discapito del prezzo di vendita. Anzi, in genere è meglio contenere il numero di pezzi a valori limitati, per non doveri investire troppo in impianti, materie prime, trasporti, manodopera eccetera, e fare quindi in modo che la conseguente "scarsità" del bene contribuisca a mantenere abbastanza alto il prezzo di vendita. Questo fa sì che il PROFITTO sia più alto, nonostante il numero di pezzi venduti sia INFERIORE.Questo, tra l'altro, è il motivo per cui l'eliminazione della pirateria non può assolutamente, come qualcuno vorrebbe farci credere, provocare una riduzione dei prezzi. Anzi, l'aumentata "scarsità" del bene provocherebbe alla lunga un aumento dei prezzi.Sono elementi basilari di economia... un minimo di cultura, in tutti i campi, è necessario per non farsi XXXXXXX.
    • panda rossa scrive:
      Re: No, non funziona così
      - Scritto da: Fetente
      Qualsiasi studentello di economia sa benissimo
      che un'azienda ha come obiettivo il
      raggiungimento del cosiddetto "ottimo", Qualsiasi studentello di economia sa che tutti questo bel discorso si applica a beni materiali o a servizi.Non e' applicabile a beni digitali replicabili all'infinito a costo zero.
      • ThEnOra scrive:
        Re: No, non funziona così
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Fetente

        Qualsiasi studentello di economia sa benissimo

        che un'azienda ha come obiettivo il

        raggiungimento del cosiddetto "ottimo",

        Qualsiasi studentello di economia sa che tutti
        questo bel discorso si applica a beni materiali o
        a
        servizi.

        Non e' applicabile a beni digitali replicabili
        all'infinito a costo
        zero.Già... dillo a chi si occupa di finanza...
      • Uno di passaggio scrive:
        Re: No, non funziona così
        - Scritto da: panda rossa
        Qualsiasi studentello di economia sa che tutti
        questo bel discorso si applica a beni materiali o
        a
        servizi.

        Non e' applicabile a beni digitali replicabili
        all'infinito a costo
        zero.Ma qui si parla di cd e dvd, quindi beni materiali
        • bubba scrive:
          Re: No, non funziona così
          - Scritto da: Uno di passaggio
          - Scritto da: panda rossa

          Qualsiasi studentello di economia sa che tutti

          questo bel discorso si applica a beni materiali
          o

          a

          servizi.



          Non e' applicabile a beni digitali replicabili

          all'infinito a costo

          zero.

          Ma qui si parla di cd e dvd, quindi beni materialicon pur sempre un costo marginale basssissimo, specie se in proporzione a quei dvd da 29,99 eu, o a quelle raccolte di telefilm o cartoon (vecchi) da 9,99eu l'uno [e dei quali, per avere la season, ne devi comprare una 30ina, se va bene]
  • Anonimo scrive:
    SCOPERTA SENSAZIONALE!
    WOW!Oggi è un giorno che rimarrà nella memoria di tutti: Rob Dickens scopre l'acqua calda.
  • ThEnOra scrive:
    Indovinello
    Secondo voi il restante 20% cos'è?
    • panda rossa scrive:
      Re: Indovinello
      - Scritto da: ThEnOra
      Secondo voi il restante 20% cos'è?L'ulteriore quota da eliminare non appena abbiamo portato a casa questo ribasso dell'80%.
      • ThEnOra scrive:
        Re: Indovinello
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: ThEnOra

        Secondo voi il restante 20% cos'è?

        L'ulteriore quota da eliminare non appena abbiamo
        portato a casa questo ribasso
        dell'80%.Beh... abbassare o eliminare l'IVA non sarebbe una cattiva idea... oppure basta comprare il CD a Livigno... o su Internet :D
  • Star scrive:
    Balzo evolutivo ?
    Siamo di fronte ad un balzo evolutivo ?Un manager dotato di intelligenza che propone una cosa che per tutti i compratori era data per scontata ma che le Major sembrano voler ignorare !La notizia ha dell'incredibile !!! :o
  • 01234 scrive:
    l'ultima frase...
    ...è la chiave: le major prendono l'80% di ? 10/20/30 ?come possono accettare di passare a 80c?questi vedono la musica come un limone da spremere, non importa se poi compensano con il num di acquisti...
    • M.R. scrive:
      Re: l'ultima frase...
      Se invece di un album ne vendono 30 vedi che il loro guadagno resta invariato (forse 50 se mettiamo che aumentano un po' le spese)
      • 01234 scrive:
        Re: l'ultima frase...
        e io ti ripeto che la mia opinione, per quel che vale, è che il ragionamento è giusto, ma le major non lo faranno proprio
    • panda rossa scrive:
      Re: l'ultima frase...
      - Scritto da: 01234
      ...è la chiave: le major prendono l'80% di ?
      10/20/30
      ?Semplice. Eradicando l'erbaccia parassita che si succhia l'80% in cambio di nulla si avra' musica che costa l'80% in meno.
  • Sgabbio scrive:
    una cosa sensata!
    Con un minor prezzo, si abbassa la sogna di chi può comprare :D
    • ThEnOra scrive:
      Re: una cosa sensata!
      - Scritto da: Sgabbio
      Con un minor prezzo, si abbassa la sogna di chi
      può comprare
      :DBeh, anche no... se sei abituato a non comprare non capisco per devi iniziare proprio ora... no?
      • panda rossa scrive:
        Re: una cosa sensata!
        - Scritto da: ThEnOra
        - Scritto da: Sgabbio

        Con un minor prezzo, si abbassa la sogna di chi

        può comprare

        :D

        Beh, anche no... se sei abituato a non comprare
        non capisco per devi iniziare proprio ora...
        no?Ecco perche' tu non sei dirigente della warner!
        • ThEnOra scrive:
          Re: una cosa sensata!
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: ThEnOra

          - Scritto da: Sgabbio


          Con un minor prezzo, si abbassa la sogna di
          chi


          può comprare


          :D



          Beh, anche no... se sei abituato a non comprare

          non capisco per devi iniziare proprio ora...

          no?

          Ecco perche' tu non sei dirigente della warner!Ah, perchè adesso vuoi sostenere che abbassando i costi dell'album digitale tu lo acquisteresti?
          • panda rossa scrive:
            Re: una cosa sensata!
            - Scritto da: ThEnOra
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ThEnOra


            - Scritto da: Sgabbio



            Con un minor prezzo, si abbassa la sogna di

            chi



            può comprare



            :D





            Beh, anche no... se sei abituato a non
            comprare


            non capisco per devi iniziare proprio ora...


            no?



            Ecco perche' tu non sei dirigente della warner!

            Ah, perchè adesso vuoi sostenere che abbassando i
            costi dell'album digitale tu lo
            acquisteresti?Digitale? Dove c'e' scritto digitale?Io sto parlando di CD/DVD mica di files.
          • 01234 scrive:
            Re: una cosa sensata!
            ehm....cd e dvd SONO digitali...
          • panda rossa scrive:
            Re: una cosa sensata!
            - Scritto da: 01234
            ehm....cd e dvd SONO digitali...Si parla di dischi di plastica col buco in mezzo rispetto a dei files.drm
          • 01234 scrive:
            Re: una cosa sensata!
            allora forse la parola digitali non è la più adatta a distinguerli ;-)
          • panda rossa scrive:
            Re: una cosa sensata!
            - Scritto da: 01234
            allora forse la parola digitali non è la più
            adatta a distinguerli
            ;-)Evidentemente no.Chiamiamo CD quelli col buco, e files quelli senza buco.CD sono quelli che si vendono e che ha senso comprare.Files sono quelli che si scaricano e che non ha senso comprare.
          • 01234 scrive:
            Re: una cosa sensata!
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: 01234

            allora forse la parola digitali non è la più

            adatta a distinguerli

            ;-)

            Evidentemente no.apposto così :-)
          • fox82i scrive:
            Re: una cosa sensata!
            potrebbe essere una buona idea!
          • riddler scrive:
            Re: una cosa sensata!
            Mai avuto problemi a comprare un cd interessante (nuovo o usato) a 5 euro.
      • Sgabbio scrive:
        Re: una cosa sensata!
        Tu la vedi troppo estrema la questione.Lo si diceva sempre che per combattere la pirateria bisogna far prezzi modici dove si può è visto che qualcuno nel settore ci sta pensando, la cosa non è poi tanto incredibile come si pensava.Gli ultimi cd che ho preso, costavano 1 euro in un cestone delle offerte, giusto per la cronaca :D
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: una cosa sensata!
      Il fatto che si possa comprare non implica che si debba comprare per forza: soprattutto, se si può avere la stessa cosa gratis.
Chiudi i commenti