ComScore: Apple su, Blackberry giù

I dati relativi al mercato mobile USA incoronano ancora Android e Apple nelle rispettive categorie. Ma le buone notizie arrivano per tutti: per esempio HTC pare abbia rimesso a posto i conti

Roma – Lo stato di salute del mercato degli smartphone a stelle e strisce è da molti ritenuto fondamentale per stabilire il successo o decretare la decadenza di un marchio o un sistema operativo. Per questo gli ultimi dati ComScore che incoronano senza ombra di dubbio Apple e Android come marchio e OS trionfatori del comparto segnano una tendenza interessante: a cedere terreno è soprattutto Blackberry, con Symbian ridotto a una frazione dello zero e Windows Phone che non riesce a catturare nuovi adepti.

Rispetto allo scorso febbraio, Apple si conferma leader della classifica: il 41,9 per cento del mercato è a suo appannaggio, in crescita dello 0,6 per cento, esattamente la stessa decrescita registrata da LG e HTC messe assieme (0,3 a testa). Al secondo posto segue Samsung, che da sola si accaparra il 27,8 per cento: anche il marchio coreano cresce, dello 0,8 quindi più di Cupertino, poi la già citata LG (6,5), Motorola (6,3 stabile) e infine HTC che chiude la top5 (5,1 per cento). Con Apple e Samsung che si accaparrano di fatto il 60 per cento del mercato da sole , agli altri resta da spartirsi le briciole: si tratta comunque di una torta enorme, dunque ce n’è per tutti.

Se si guarda ai dati dell’ultimo trimestre sui sistemi operativi, la situazione cambia di poco: Android si conferma la preferenza degli statunitensi nel 52,1 per cento dei casi (dato stabile), Apple sale al 41,9 (ovviamente i dati coincidono, visto che l’unico produttore di dispositivi iOS sta a Cupertino) e guadagna quel 0,6 per cento che Blackberry perde calando al 2,3 per cento. Non esplode e non convince ancora, almeno in Nordamerica, Microsoft: Windows Phone non riesce a salire oltre il 3,4 per cento, un valore inferiore agli auspici di Redmond e che non avvicina neppure lontanamente i record dei primi due in classifica.

Nel complesso la situazione resta tutto sommato stabile: Android e iOS sono al vertice della popolarità e non paiono intenzionati a mollare, Windows Phone stenta e non decolla, ma ormai è senza dubbio la terza forza del mercato, Blackberry sta lentamente ma inesorabilmente perdendo terreno e non pare ci siano in circolazione altri sistemi operativi in grado di modificare a stretto giro questa classifica. Chi pare trarre giovamento da questa situazione, nonostante sia in debito di market share , è HTC: sorprendendo gli analisti ha pubblicato una trimestrale in nero, ovvero con i conti in ordine , e si tratta di una bella svolta da parecchi mesi a questa parte.

Il nuovo HTC One M8, il cui lancio è stato baciato dall’approvazione della critica e del pubblico, i nuovi modelli di fascia media e una certa attenzione per l’igiene nella contabilità hanno contribuito a questo risultato: il profitto si assesta su un modesto totale di 55 milioni di dollari, ma è un gran passo in avanti rispetto allo scorso anno , e anche il fatturato cresce in modo sostanziale raddoppiando rispetto al trimestre precedente. Il marchio di Taiwan non potrà certo rilassarsi e tirare i remi in barca, ma almeno la proverbiale luce in fondo al tunnel è ora visibile .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anna scrive:
    patricovaldez6@gmail.com
    prova di AnnaSono commerciale più la parte di quelli che si dicono prestatori sono tutti un .je sono alla ricerca di prestito quello fa 2 anni io sono stato realizzato scroccato dai generi. Io ho visitato un sito d'avviso di prestito tra privato serio ovunque nel mondo ed ho conosciuto signore arduo, del nome PATRICO VALDEZ che mi ha conceduto un prestito di 200.000? che devo rimborsare su 20 anni con molto un debole interesse da parte sua cioè 2% su tutta la mia durata di prestito e là il giorno dopo mattina ho ricevuto il denaro senza protocollo. Necessità di credito personale, la vostra banca rifiuta di voi accordate di prestito, siete in CSI ed altro vi consiglio di indirizzarvi a lui e stringete soddisfa ma attenzione a voi che non amare rimborsare i prestiti. Ecco il suo e-mail: patricovaldez6@gmail.com
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Comunicato Partito Pirata Italiano
    Lindustria culturale vuole rivoluzionare il web. E reciproco.Apprendiamo oggi che il Sig. Polillo, editore e presidente di Confindustria Cultura Italia, ha deciso di esprimere al mondo quella che è la sua concezione di web in questo recente articolo apparso online, sul sito ufficiale di Laura Boldrini. E probabilmente, non solo la sua.Mai lettura è stata più dolorosa, dellapprendere che qualcuno preferisca anteporre gli interessi economici di pochi ai diritti di molti. Ma il culmine del dolore sfocia nel momento in cui il web viene considerato al pari di una qualsiasi Azienda, al pari di un qualsiasi mercato economico, in unottica meramente finanziaria orientata al profitto. Profitto, inutile dirlo, generato ai danni di tutti.Cè troppa mistificazione, in tutto questo. Si tratta di un attacco frontale atto a sminuire chi, come noi, il web lo difende a spada tratta. Vogliono etichettarci come difensori di non si sa quale potente lobby economica inesistente, quando in realtà gli unici a trarre profitto da possibili limitazioni del diritto allespressione dei netizens sono proprio quelle Aziende rappresentate dalla Confederazione.Non esistono produttori di cultura, la cultura deve essere di tutti. Non esiste il furto di film o di qualsiasi altra opera intellettuale digitale, ne esiste la condivisione su larga scala. Lavvento di Internet ha cambiato molte cose, ma quello che molti non hanno ancora realizzato è che il web può essere un enorme propulsore per leconomia. Il problema è lapproccio.La cultura non ha bisogno di essere creata, veicolata, plasmata a misura di conto corrente. La cultura ha bisogno di essere diffusa e condivisa a titolo gratuito, generando interesse mediatico ed attenzione, per poi essere eventualmente monetizzata tramite canali alternativi. La cultura è il nostro passato, il nostro presente, e vogliamo che sia anche il nostro futuro. Ma in un mondo nel quale linformazione viaggia in tempo reale, che senso ha cercare di applicare ragionamenti capitalistici che nulla hanno a che vedere con il concetto stesso di cultura? Che senso ha proporre al pubblico prodotti che non desiderano a prezzi poco appetibili, quando si potrebbe abbracciare il crowd-funding per fornire loro ciò che desiderano alla giusta cifra?Lindustria dei contenuti vittima del 2.0 non ha saputo adeguarsi a quello che è lo spirito libero, un po anarchico, del web. Non ha saputo capire che per attuare quella transizione dal reale al virtuale di cui si parla, bisogna rivedere i fondamenti stessi di un sistema capitalistico che non tiene conto degli interessi dellutente finale. E quella stessa industria oggi è lì, alla porta, pronta a sfondarla ed a fare irruzione per arrestare tutti coloro che hanno scelto la Rete come casa: godendo nel privare la gente della loro felicità.E visto che, a dire di altri, la nostra è una posizione di assoluto dominio nel mondo del web lasciatecelo dire, in conclusione, evidentemente non siamo gli unici a pensarla così. Là fuori è pieno di Pirati che inconsapevolmente militano nel perseguire i nostri stessi obiettivi. Ed è solo grazie a loro che oggi possiamo scrivere la presente risposta in quello che consideriamo essere un angolo di utopia, ci rattrista solo vedere che altre persone invece di godersi le infinite possibilità di tutta questa tecnologia pensano invece ad inseguire una gioia effimera e decisamente egoista.http://www.partito-pirata.it/2014/07/lindustria-culturale-vuole-rivoluzionare-web-reciproco/
  • ... scrive:
    una sola domanda
    ma dove e' finita quella sticchiona di Tesoro?
  • bestiaccia65 scrive:
    nessuno è padrone di zero e uno
    Se il linguaggio informatico è binario il copyright non ha senso.lo zero e uno non hanno padroni!
    • ThEnOra scrive:
      Re: nessuno è padrone di zero e uno
      Sai quanti "0" e quanti "1" ci vogliono per fare il giro della terra?Non mi rispondere che dipende dalla grandezza del font! :D
      • ... scrive:
        Re: nessuno è padrone di zero e uno
        [yt]Twsl_kAt8Zo[/yt]
        • bestiaccia65 scrive:
          Re: nessuno è padrone di zero e uno
          Divertente. Rinvio il link di youtube al mittente Speravo in argomentazioni sensate. Voglio troppo !
          • ... scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            Intelligentone, la XXXXXXXXXX era per thenora. Ma vai a nasconderti!
      • bubba scrive:
        Re: nessuno è padrone di zero e uno
        - Scritto da: ThEnOra
        Sai quanti "0" e quanti "1" ci vogliono per fare
        il giro della
        terra?
        Non mi rispondere che dipende dalla grandezza del
        font!
        :Dva in loop pero', perche' i font sono a loro volta rappresentati da bit (o sono extradimensionali?) :)
        • ThEnOra scrive:
          Re: nessuno è padrone di zero e uno
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: ThEnOra

          Sai quanti "0" e quanti "1" ci vogliono per fare

          il giro della

          terra?

          Non mi rispondere che dipende dalla grandezza
          del

          font!

          :D
          va in loop pero', perche' i font sono a loro
          volta rappresentati da bit (o sono
          extradimensionali?)
          :)Anche noi siamo solo zeri e uno... però mi piace pensare che i maschetti sono "1" e la femminucce "0"... ovvio no? ;)
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: nessuno è padrone di zero e uno
        contenuto non disponibile
    • qwertyuiop scrive:
      Re: nessuno è padrone di zero e uno
      - Scritto da: bestiaccia65
      Se il linguaggio informatico è binario il
      copyright non ha
      senso.

      lo zero e uno non hanno padroni!vero, ma nemmeno le lettere dell'alfabeto non hanno padroni, ma con la loro combinazione ci puoi scrivere un romanzo. e quello è protetto da copyright, ahimè
      • ... scrive:
        Re: nessuno è padrone di zero e uno
        - Scritto da: qwertyuiop
        vero, ma nemmeno le lettere dell'alfabeto non
        hanno padroni[yt]AeQxiqPDWw4[/yt]
      • bestiaccia65 scrive:
        Re: nessuno è padrone di zero e uno
        La cultura dovrebbe essere gratuita o per lo meno molto meno cara di oggi.Dopo un anno o due i guadagni sono già stati acquisiti. Ingordi
        • 2014 scrive:
          Re: nessuno è padrone di zero e uno
          - Scritto da: bestiaccia65
          La cultura dovrebbe essere gratuita o per lo meno
          molto meno cara di
          oggi.
          Producila tu, chi te lo impedisce?
          • 2048 scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            - Scritto da: 2014
            Producila tu, chi te lo impedisce?fanne a meno tu, chi te lo impedisce?
          • cicciobello scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            Ne fa già a meno, a giudicare da quello che scrive.
          • 2014 scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            - Scritto da: cicciobello
            Ne fa già a meno, a giudicare da quello che
            scrive.sei riuscito a capire il red book?
          • bestiaccia65 scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            Al solito. Quando non si hanno argomentazioni per contestare le affermazioni altrui si offende. Paura?
      • krane scrive:
        Re: nessuno è padrone di zero e uno
        - Scritto da: qwertyuiop
        - Scritto da: bestiaccia65

        Se il linguaggio informatico è binario

        il copyright non ha senso.

        lo zero e uno non hanno padroni!
        vero, ma nemmeno le lettere dell'alfabeto non
        hanno padroni, ma con la loro combinazione ci
        puoi scrivere un romanzo. e quello è protetto
        da copyright, ahimèSi puo' sempre eliminare, mica e' stato inciso sulle tavole della legge a martellate da Thor.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: nessuno è padrone di zero e uno
        - Scritto da: qwertyuiop
        vero, ma nemmeno le lettere dell'alfabeto non
        hanno padroni, ma con la loro combinazione ci
        puoi scrivere un romanzo. e quello è protetto da
        copyright, ahimèInfatti è una stortura, i più grandi capolavori dell'arte e della letteratura sono stati creati senza bisogno del copyright. Addirittura nell'antichità mancava pure il diritto d'autore (che è unicamente il diritto dell'autore a dire "questo l'ho fatto io").
        • 2014 scrive:
          Re: nessuno è padrone di zero e uno
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          - Scritto da: qwertyuiop

          vero, ma nemmeno le lettere dell'alfabeto non

          hanno padroni, ma con la loro combinazione ci

          puoi scrivere un romanzo. e quello è
          protetto
          da

          copyright, ahimè

          Infatti è una stortura, i più grandi capolavori
          dell'arte e della letteratura sono stati creati
          senza bisogno del copyright.E guarda i risultati, un sacco di opere scritte per ingraziarsi il mecenate di turno :D
          • 2048 scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            - Scritto da: 2014
            E guarda i risultaticapolavori che oggi si studiano a scuola.
            un sacco di opere scritte
            per ingraziarsi il mecenate di turno
            :Dnon vantarti troppo della tua ignoranza ;)
          • 2014 scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            - Scritto da: 2048
            - Scritto da: 2014


            E guarda i risultati

            capolavori che oggi si studiano a scuola.Bravo, tornaci


            un sacco di opere scritte

            per ingraziarsi il mecenate di turno

            :D

            non vantarti troppo della tua ignoranza ;)Buona lettura:http://www.enotes.com/homework-help/who-was-shakespeares-patron-165523P.S. è uno dei tanti
          • 2048 scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            - Scritto da: 2014

            capolavori che oggi si studiano a scuola.

            BravoBravo anche a te per l'onestà: hai detto una cosa, ti ho mostrato una serie di controesempi ed ora hai ammesso di essere in errore.
          • cicciobello scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            Infatti tornare a quel modello sarebba un'ottima soluzione.
          • 2014 scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            - Scritto da: cicciobello
            Infatti tornare a quel modello sarebba un'ottima
            soluzione.tornaci pure, e porta i nostri omaggi al RE :D
          • krane scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            - Scritto da: 2014
            - Scritto da: cicciobello

            Infatti tornare a quel modello

            sarebba un'ottima soluzione.
            tornaci pure, e porta i nostri omaggi al RE :D... E visto l'attuale panorama politico italiano se vedi che il RE non e' proprio subnormale portacelo pure qua !
        • Allibito scrive:
          Re: nessuno è padrone di zero e uno
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          - Scritto da: qwertyuiop

          vero, ma nemmeno le lettere dell'alfabeto non

          hanno padroni, ma con la loro combinazione ci

          puoi scrivere un romanzo. e quello è
          protetto
          da

          copyright, ahimè

          Infatti è una stortura, i più grandi capolavori
          dell'arte e della letteratura sono stati creati
          senza bisogno del copyright. Addirittura
          nell'antichità mancava pure il diritto d'autore
          (che è unicamente il diritto dell'autore a dire
          "questo l'ho fatto
          io").Il diritto alla copia è più vecchio di quanto tu creda, dovresti studiare la storia e ti accorgeresti che nell'antichità non serviva protezione se non quella dell'autore, ma solo perchè riprodurre una statua o un un libro (a mano9 richiedeva una certa perizia e impegno. Con l'avvento della facilità di copia (la stampa a caratteri mobili) le cose sono cambiate in fretta ma una sorta di protezione è ancora precedente.
          • krane scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: qwertyuiop
            Il diritto alla copia è più vecchio di quanto tu
            creda, dovresti studiare la storia e ti
            accorgeresti che nell'antichità non serviva
            protezione se non quella dell'autore, ma solo
            perchè riprodurre una statua o un un libro (a
            mano9 richiedeva una certa perizia e impegno.Non e' questione di credere eh, basta guardare nei libri di storia.Inoltre ha perfettamente ragione e la tua risposta lo conferma: con i caratteri mobili i costi sono scesi (e infatti si e' iniziato a piratare i libri tipo la bibbia), ora con il digitale sono scesi ulteriormente e tu pretendi ci si basi su leggi precedenti ai caratteri mobili.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: nessuno è padrone di zero e uno
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: qwertyuiop


            vero, ma nemmeno le lettere dell'alfabeto
            non


            hanno padroni, ma con la loro combinazione
            ci


            puoi scrivere un romanzo. e quello è

            protetto

            da


            copyright, ahimè



            Infatti è una stortura, i più grandi capolavori

            dell'arte e della letteratura sono stati creati

            senza bisogno del copyright. Addirittura

            nell'antichità mancava pure il diritto d'autore

            (che è unicamente il diritto dell'autore a dire

            "questo l'ho fatto

            io").
            Il diritto alla copia è più vecchio di quanto tu
            creda, dovresti studiare la storia e ti
            accorgeresti che nell'antichità non serviva
            protezione se non quella dell'autore, ma solo
            perchè riprodurre una statua o un un libro (a
            mano9 richiedeva una certa perizia e impegno. Con
            l'avvento della facilità di copia (la stampa a
            caratteri mobili) le cose sono cambiate in fretta
            ma una sorta di protezione è ancora
            precedente.Sappiamo chi ha scritto l'ANTICO TESTAMENTO?Sappiamo se OMERO era lo stesso che ha scritto sia l'Iliade sia l'Odissea, o magari erano due scrittori diversi?A proposito, quanti fiorini prese Dante Alighieri dal suo mecenate per la Divina Commedia?Lo sai che in molti casi le opere di Mozart attingono a piene mani dal repertorio popolare?E gli amanuensi medioevali? Tutti pirati che non davano un soldo all'autore né ai suoi discendenti, non facevano neanche ricerche per vedere se c'erano discendenti?
    • 2014 scrive:
      Re: nessuno è padrone di zero e uno
      - Scritto da: bestiaccia65
      Se il linguaggio informatico è binario il
      copyright non ha
      senso.

      lo zero e uno non hanno padroni!Tranquillo, quelli che produci tu non interessano a nessuno
    • 2014 scrive:
      Re: nessuno è padrone di zero e uno
      - Scritto da: bestiaccia65
      Se il linguaggio informatico è binario il
      copyright non ha
      senso.

      lo zero e uno non hanno padroni!Tranquillo, quelli che produci tu non interessano a nessuno
  • ... scrive:
    Dov'è "La SIAE"?
    Meglio noto come "Pianeta Video"?Di solito lui si fionda come una molla su queste notizie, forte del fatto che e' spalleggiato dalla Redazione e che i suoi post non vengono mai cancellati.Cos'e', c'e' lo sciopero dei troll prezzolati?
    • ... scrive:
      Re: Dov'è "La SIAE"?
      - Scritto da: ...
      Meglio noto come "Pianeta Video"?

      Di solito lui si fionda come una molla su queste
      notizie, forte del fatto che e' spalleggiato
      dalla Redazione e che i suoi post non vengono mai
      cancellati.

      Cos'e', c'e' lo sciopero dei troll prezzolati?http://www.youtube.com/watch?v=Twsl_kAt8Zo
  • djechelon scrive:
    Sconti
    A fine giugno ddlstorage ha offerto insoliti e [b]sospetti[/b] sconti sugli abbonamenti trimestrali e semestrali.Il 3 luglio il blackout. ddlstorage non accetta connessioni da rete tor, ma attraverso proxy stranieri adesso diversi link risultano non disponibili, cioè file cancellati.Tutta la questione è sospetta.
    • gigi caio scrive:
      Re: Sconti
      sul web ho trovato una guida su come accedere dall'estero, spero sia utileeccolahttp://www.chiccheinformatiche.com/come-raggingere-il-sito-ddlstorage-com-dopo-il-suo-oscuramento/
      • djechelon scrive:
        Re: Sconti
        Non so se stai facendo autopromozione dell'articolo (che peraltro è inesatto: se usi Tor vieni bloccato direttamente da ddlstorage), comunque anche con proxy l'errore è che il file è stato cancellato.Almeno per un pacchetto in particolare, non so gli altri ma credo-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 luglio 2014 09.33-----------------------------------------------------------
  • ratte scrive:
    A me mi funziona
    Ciao Giangiacomo Pilia, io uso un cavolo di proxy qualunque ed i 2 siti in oggetto funzionano come treni.... perfetti... quindi: a che serve lo stipendio che te magni? Come direbbero i piratastri informatici. AYFKM?Ciao Giangi, trova per te un lavoro vero, che tu sappia fare ed al servizio dei cittadini, visto che sono loro che ti danno lo stipendio.
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Re: 1.300.000 euro
    - Scritto da: Allibito
    - Scritto da: ziovax

    che potevano essere nelle casse degli aventi

    diritto, se solo avessero offerto un servizio

    analogo.
    Aridaje.... non devi essere bravo in matematica.
    Quella cifra divisa fra gli aventi diritto di
    tutti i film e di tutta la musica sarebbe una
    rovina,E per quale motivo? LORO non hanno la scusa dei diritti da dover pagare quindi si trovano esattamente nelle stesse identiche condizioni di chi apre un sito pirata.Visto che LORO dicono che i pirati ci guadagnano (perché secondo loro le spese di server e banda sono nulle) allora non vedo perché non debbano guadagnarci anche i detentori dei diritti.La risposta a tale banale quesito può essere:1) sono ingordi e invece di accontentarsi di guadagnare 0,20 centesimi a click pretendono di guadagnare 100 volte tanto2) hanno una filiera inutile da mantenere: stampatori, distributori, trasportatori, negozianti, magazzinieri, e tutta questa gente pretende di guadagnare soldi nonostante il fatto che con il download digitale gratuito loro non abbiano dovuto fare una ceppa di XXXXXXX3) sono incapaci di sfruttare le loro opere, al punto che molte di queste sono disponibili unicamente tramite la pirateria: libri, dischi, software, film e libri, da anni fuori catalogo e non reperibili fisicamente, potrebbero tornare ad esserlo in digital delivery ma gli editori, legati ossessivamente al supporto fisico e alla filiera di cui sopra, sono incapaci di capire che mentre col fisico hai un numero minimo di copie necessario per coprire i costi, col digitale puoi guadagnare anche con una copia sola (ovviamente non vendendola, ma tramite la pubblicità e le donazioni) e il guadagno comunque sarà netto perché i costi di quella copia sono pari a 0 euro e 0 centesimi (l'opera è già stata creata e i suoi costi sono già stati ammortizzati, quindi è indifferente se la copia digitale è disponibile oppure no e tali costi non possono certo ricadere sulla copia digitale: le opere devono coprire i costi tramite la sala cinematografica, i concerti, le edizioni limitate, i gadget, le promozioni, le personalizzazioni, gli sponsor: tutte cose non replicabili a costo zero, a differenza della copia digitale).4) mentono riguardo i guadagni e in realtà tutti i siti pirata sono in perdita, i ricavi coprono solo una parte dei costi e le persone che si mettono ad aprire i siti pirata fanno attività non retribuita paragonabile a qualunque <b
    volontariato </b
    (parola che i produttori e quelli come te non conoscono, ma che consiglio di cercare sul dizionario)
    • ... scrive:
      Re: 1.300.000 euro
      [yt]Bt_kR7u6mM4[/yt]
    • Un signore scrive:
      Re: 1.300.000 euro
      Ancora non hanno capito che è l'offerta a doversi adeguare alla domanda e non viceversa.In questo i rappresentanti della filiera non hanno voce in capitolo.
      • Un signore scrive:
        Re: 1.300.000 euro
        - Scritto da: Un signore
        Ancora non hanno capito che è l'offerta a doversi
        adeguare alla domanda e non
        viceversa.
        In questo i rappresentanti della filiera non
        hanno voce in
        capitolo.Nel senso che quando le major lo riterranno conveniente, lo faranno.
      • massimo scrive:
        Re: 1.300.000 euro
        e' l'offerta che crea la domanda !!!!!
    • Allibito scrive:
      Re: 1.300.000 euro
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      - Scritto da: Allibito

      - Scritto da: ziovax


      che potevano essere nelle casse degli
      aventi


      diritto, se solo avessero offerto un
      servizio


      analogo.

      Aridaje.... non devi essere bravo in
      matematica.

      Quella cifra divisa fra gli aventi diritto
      di

      tutti i film e di tutta la musica sarebbe una

      rovina,

      E per quale motivo? LORO non hanno la scusa dei
      diritti da dover pagare quindi si trovano
      esattamente nelle stesse identiche condizioni di
      chi apre un sito
      pirata.
      Visto che LORO dicono che i pirati ci guadagnano
      (perché secondo loro le spese di server e banda
      sono nulle) allora non vedo perché non debbano
      guadagnarci anche i detentori dei
      diritti.
      La risposta a tale banale quesito può essere:
      1) sono ingordi e invece di accontentarsi di
      guadagnare 0,20 centesimi a click pretendono di
      guadagnare 100 volte
      tanto
      2) hanno una filiera inutile da mantenere:
      stampatori, distributori, trasportatori,
      negozianti, magazzinieri, e tutta questa gente
      pretende di guadagnare soldi nonostante il fatto
      che con il download digitale gratuito loro non
      abbiano dovuto fare una ceppa di
      XXXXXXX
      3) sono incapaci di sfruttare le loro opere, al
      punto che molte di queste sono disponibili
      unicamente tramite la pirateria: libri, dischi,
      software, film e libri, da anni fuori catalogo e
      non reperibili fisicamente, potrebbero tornare ad
      esserlo in digital delivery ma gli editori,
      legati ossessivamente al supporto fisico e alla
      filiera di cui sopra, sono incapaci di capire che
      mentre col fisico hai un numero minimo di copie
      necessario per coprire i costi, col digitale puoi
      guadagnare anche con una copia sola (ovviamente
      non vendendola, ma tramite la pubblicità e le
      donazioni) e il guadagno comunque sarà netto
      perché i costi di quella copia sono pari a 0 euro
      e 0 centesimi (l'opera è già stata creata e i
      suoi costi sono già stati ammortizzati, quindi è
      indifferente se la copia digitale è disponibile
      oppure no e tali costi non possono certo ricadere
      sulla copia digitale: le opere devono coprire i
      costi tramite la sala cinematografica, i
      concerti, le edizioni limitate, i gadget, le
      promozioni, le personalizzazioni, gli sponsor:
      tutte cose non replicabili a costo zero, a
      differenza della copia
      digitale).
      4) mentono riguardo i guadagni e in realtà tutti
      i siti pirata sono in perdita, i ricavi coprono
      solo una parte dei costi e le persone che si
      mettono ad aprire i siti pirata fanno attività
      non retribuita paragonabile a qualunque
      <b
      volontariato </b
      (parola che i
      produttori e quelli come te non conoscono, ma che
      consiglio di cercare sul
      dizionario)Sono diverse le parole di cui non conosci il significato e tutto il tuo discorso fa acqua da tutte le parti.1) Non capisco chi altri si accontenta di guadagnare quanto stabilito da te e non quanto stabilisca il mercato.2) inutile per chi? per te forse, sarebbe come dire aboliamo i treni perchè io vado sempre in macchina. Tu sei padrone di vedere film come credi, altri non la pensano come te e hanno il piacere di acquistare l'opera del loro artista preferito nel formato che preferiscono e credo che meritino il tuo rispetto.3)Sei ancora libero di farlo tu, crea un'opera e poi divulgala come meglio credi, sembri un genio della finanza che ha capito ciò che centinaia di manager non riescono a capire, ma le opere purtroppo per te sono loro e a loro spetta decidere. I costi sono stati ammortizzati? Come dire che se compro una macchina da noleggiare, una volta raggiunto la spesa per l'acquisto, posso regalarla. Prova a dividere anche le perdite, allora. :-)4) Tasto ironia on - Lo so che sono tutti in perdita e i gestori sono tutti buoni samaritani, so anche che gli asini volano e il nostro Signore è morto di freddo, ma sfruttare il lavoro e gli investimenti di altri non è ammesso dalla legge, anche se si capisce benissimo che lo facciano con scopi umanitari, il simpatico gestore di Mega ne è una dimostrazione evidente. Tasto ironia off.I produttori non conosceranno la parola "volontariato" ,ma i tuoi amici non conoscono le parole "lavorare, ideare, investire, realizzare, produrre, distribuire ecc ecc". Divulgare e lucrare quel che ha fatto un altro, non è proprio un comportamento da tenere ad esempio.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: 1.300.000 euro
        contenuto non disponibile
        • Allibito scrive:
          Re: 1.300.000 euro
          - Scritto da: unaDuraLezione
          mi spiace per te, ma quasiasi discorso cade di
          fronte all'illogica tutela post mortem e al
          pagamento anticipato tramite gabella su device e
          memorie (oltre a mille altre cose che no ho
          voglia di
          elencare).

          Finchè ci saranno queste cose la gente non avrà
          alcuno
          scrupolo.
          Non è una minaccia, non è una derisione.
          E' un dato di fatto. Libero di non accettarlo, ma
          la cosa sicura è che non convincerai
          nessuno.

          Ora vai pure avanti a fare paragoni che non
          c'entrano un tubo con oggetti
          materiali.Il primo errore è considerare la fisicità di una proprietà, come se chi crea un film o una canzona non impieghi risorse, tempo e perizia.Tutte le proprietà del mondo sono tramandate da padre a figlio, questa invece ha una scadenza e per me non è neanche giusta, ma avere per sempre un conteggio su tutte le opere sarebbe pazzesco e quindi va bene così, ma non meno di così.Per lo scrupolo, non servono scusanti, so bene quanto sia facile trovare un appiglio per giustificare un comportamento scorretto. Quando tradisci un amico, non ammetteresti mai di essere meschino, la prima cosa che diresti è: " se lo merita, ha fatto diversi errori".
          • krane scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: unaDuraLezione

            Ora vai pure avanti a fare paragoni che non

            c'entrano un tubo con oggetti materiali.
            Il primo errore è considerare la fisicità di una
            proprietà, come se chi crea un film o una canzona
            non impieghi risorse, tempo e perizia.Sbaglio un film o si ripaga nelle prime settimane di cinema oppure non si ripaga ?
            Tutte le proprietà del mondo sono tramandate da
            padre a figlio, questa invece ha una scadenza e
            per me non è neanche giusta, ma avere per sempre
            un conteggio su tutte le opere sarebbe pazzesco e
            quindi va bene così, ma non meno di così.Eppure attualmente e' cosi: visto che i detentori dei diritti spesso non sono persone (che muoiono) ma corporazioni.
            Per lo scrupolo, non servono scusanti, so bene
            quanto sia facile trovare un appiglio per
            giustificare un comportamento scorretto. Quando
            tradisci un amico, non ammetteresti mai di essere
            meschino, la prima cosa che diresti è: " se lo
            merita, ha fatto diversi errori".E se oggettivamente uno continua a sbagliare tu per quanto gli dai fiducia ? Perche' il cliente non e' un crevino come sembri voler far passare tu.
          • Allibito scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Allibito

            - Scritto da: unaDuraLezione



            Ora vai pure avanti a fare paragoni che
            non


            c'entrano un tubo con oggetti materiali.


            Il primo errore è considerare la fisicità di
            una

            proprietà, come se chi crea un film o una
            canzona

            non impieghi risorse, tempo e perizia.

            Sbaglio un film o si ripaga nelle prime settimane
            di cinema oppure non si ripaga
            ?


            Tutte le proprietà del mondo sono tramandate
            da

            padre a figlio, questa invece ha una
            scadenza
            e

            per me non è neanche giusta, ma avere per
            sempre

            un conteggio su tutte le opere sarebbe
            pazzesco
            e

            quindi va bene così, ma non meno di così.

            Eppure attualmente e' cosi: visto che i detentori
            dei diritti spesso non sono persone (che muoiono)
            ma
            corporazioni.Al massimo società, almeno in Italia, conosci i nomi di qualche produttore? No, immaginavo.Il diritto allo sfruttamento economico di un'opera è cedibile, ma spesso rimane in mano all'autore, vedi per la musica.per il cinema esiste la figura del produttore che paga l'operato di tutti gli artisti per poi sfruttare quei diritti. Dove vedi il marcio? E' come comprare qualsiasi altra cosa o come finanziare la ricerca, non cambia nulla.


            Per lo scrupolo, non servono scusanti, so
            bene

            quanto sia facile trovare un appiglio per

            giustificare un comportamento scorretto.
            Quando

            tradisci un amico, non ammetteresti mai di
            essere

            meschino, la prima cosa che diresti è: " se
            lo

            merita, ha fatto diversi errori".

            E se oggettivamente uno continua a sbagliare tu
            per quanto gli dai fiducia ? Perche' il cliente
            non e' un crevino come sembri voler far passare
            tu.presumo tu non abbia capito.
          • krane scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito

            E se oggettivamente uno continua a sbagliare tu

            per quanto gli dai fiducia ? Perche' il cliente

            non e' un crevino come sembri voler far passare

            tu.
            presumo tu non abbia capito.Ho capito benissimo: tu tenti di truffare la gente vendendo licenze spacciandole per arte, questo grazie alla legge che ti consenti di farlo invece di essere giustamente arrestato come truffatore.
          • bubba scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Allibito



            E se oggettivamente uno continua a
            sbagliare
            tu


            per quanto gli dai fiducia ? Perche' il
            cliente


            non e' un crevino come sembri voler far
            passare


            tu.


            presumo tu non abbia capito.

            Ho capito benissimo: tu tenti di truffare la
            gente vendendo licenze spacciandole per arte,
            questo grazie alla legge che ti consenti di farlo
            invece di essere giustamente arrestato come
            truffatore.chiedigli come spiega il ritornello che i $$ servono per finanziare gli autori, quando questo dura +150 anni.
          • krane scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Allibito





            E se oggettivamente uno continua a

            sbagliare

            tu



            per quanto gli dai fiducia ? Perche'
            il

            cliente



            non e' un crevino come sembri voler
            far

            passare



            tu.




            presumo tu non abbia capito.



            Ho capito benissimo: tu tenti di truffare la

            gente vendendo licenze spacciandole per arte,

            questo grazie alla legge che ti consenti di
            farlo

            invece di essere giustamente arrestato come

            truffatore.
            chiedigli come spiega il ritornello che i $$
            servono per finanziare gli autori, quando questo
            dura +150
            anni.No, gli chiedo perche' sull'insegna del negozio c'e' scritto Film o dischi invece di: licenze d'uso. Se quando qualcuno entra dicendo che vorrebbe comprare un film o un disco gli spiega che lui non vende altro che licenze.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            Il primo errore è considerare la fisicità di una
            proprietà, come se chi crea un film o una canzona
            non impieghi risorse, tempo e perizia.Quindi tu paghi l'idraulico un euro ogni volta che apri il lavandino da lui riparato. Paghi il medico ogni giorno che stai bene dopo essere guarito. Paghi l'avvocato ogni giorno che passi in libertà dopo essere stato assolto da false accuse grazie al suo operato.Tutti questi professionisti al pari degli artisti hanno impiegato risorse, tempo e perizia.Quando e quante volte sono stati pagati?
            Tutte le proprietà del mondo sono tramandate da
            padre a figlio, questa invece ha una scadenza e
            per me non è neanche giusta, ma avere per sempre
            un conteggio su tutte le opere sarebbe pazzesco e
            quindi va bene così, ma non meno di così.LE PENSIONI NON PASSANO AI FIGLI (a meno che non sono minorenni o studenti al momento di rimanere orfani e solo fino alla maggiore età, o al massimo a 26 anni)
            Per lo scrupolo, non servono scusanti, so bene
            quanto sia facile trovare un appiglio per
            giustificare un comportamento scorretto. Quando
            tradisci un amico, non ammetteresti mai di essere
            meschino, la prima cosa che diresti è: " se lo
            merita, ha fatto diversi errori".Tranquillo, quelli come te non saranno mai miei amici.
          • Allibito scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: Allibito

            Il primo errore è considerare la fisicità di
            una

            proprietà, come se chi crea un film o una
            canzona

            non impieghi risorse, tempo e perizia.

            Quindi tu paghi l'idraulico un euro ogni volta
            che apri il lavandino da lui riparato. Paghi il
            medico ogni giorno che stai bene dopo essere
            guarito. Paghi l'avvocato ogni giorno che passi
            in libertà dopo essere stato assolto da false
            accuse grazie al suo
            operato.
            Tutti questi professionisti al pari degli artisti
            hanno impiegato risorse, tempo e
            perizia.
            Quando e quante volte sono stati pagati?Se inventi l'ABS, le case automobilistiche ti devono riconoscere una royalty ogni volta che commercializzano una vettura che monta la tua invenzione. Sono modi diversi di essere retribuiti, l'idraulico lo paghi anche se il giorno dopo il tubo perde ancora, il medico anche se dopo due giorni muori, il loro lavoro finisce in quel momento. La canzone, se non la compra nessuno, hai lavorato per niente. Non puoi sommare cavoli e limoni.


            Tutte le proprietà del mondo sono tramandate
            da

            padre a figlio, questa invece ha una
            scadenza
            e

            per me non è neanche giusta, ma avere per
            sempre

            un conteggio su tutte le opere sarebbe
            pazzesco
            e

            quindi va bene così, ma non meno di così.

            LE PENSIONI NON PASSANO AI FIGLI (a meno che non
            sono minorenni o studenti al momento di rimanere
            orfani e solo fino alla maggiore età, o al
            massimo a 26
            anni)dai un'occhiata su wikipedia per scoprire la differenza tra proprietà e diritti acquisiti di qualsiasi natura. La pensione non è una proprietà.Ancora tenti di sommare cavoli e limoni.

            Per lo scrupolo, non servono scusanti, so
            bene

            quanto sia facile trovare un appiglio per

            giustificare un comportamento scorretto.
            Quando

            tradisci un amico, non ammetteresti mai di
            essere

            meschino, la prima cosa che diresti è: " se
            lo

            merita, ha fatto diversi errori".

            Tranquillo, quelli come te non saranno mai miei
            amici.Ci puoi giurare, chi non ha nemmeno il coraggio di ammettere l'evidenza e dire semplicemente:" non ho scuse, so che non è giusto, so che è un reato, ma fino a che riesco a farlo mi approprio di tutto quello che trovo senza pagare i giusti diritti perchè non ho soldi da spendere", non merita neanche il mio saluto.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            Se inventi l'ABS, le case automobilistiche ti
            devono riconoscere una royalty ogni volta che
            commercializzano una vettura che monta la tua
            invenzione. Sono modi diversi di essere
            retribuiti, l'idraulico lo paghi anche se il
            giorno dopo il tubo perde ancora, il medico anche
            se dopo due giorni muori, il loro lavoro finisce
            in quel momento. La canzone, se non la compra
            nessuno, hai lavorato per niente. Non puoi
            sommare cavoli e limoni.Sta a te venderla. Esattamente come fa il pittore, artista pure lui, che dipinge un quadro e vende la tela (non la jpg del quadro).Vuoi vendere una canzone? Fallo, al prezzo che ti pare, ma poi non esiste che pretendi di continuare a guadagnare soldi da quella canzone. Se vuoi altri soldi, scrivi un'altra canzone.Così gira il mondo.


            Tutte le proprietà del mondo sono
            tramandate

            da


            padre a figlio, questa invece ha una

            scadenza

            e


            per me non è neanche giusta, ma avere per

            sempre


            un conteggio su tutte le opere sarebbe

            pazzesco

            e


            quindi va bene così, ma non meno di così.



            LE PENSIONI NON PASSANO AI FIGLI (a meno che non

            sono minorenni o studenti al momento di rimanere

            orfani e solo fino alla maggiore età, o al

            massimo a 26

            anni)

            dai un'occhiata su wikipedia per scoprire la
            differenza tra proprietà e diritti acquisiti di
            qualsiasi natura. La pensione non è una
            proprietà.Un terreno agricolo è una proprietà, ma se i figli non arano e non concimano e non innaffiano, in sostanza SE NON CONTINUANO A LAVORARE ESATTAMENTE COME FACEVA IL PADRE, il terreno diventa arido e non ci crescerà più manco una patata.
            Ancora tenti di sommare cavoli e limoni.Tu pretendi che i frutti continuino a crescere da soli.Non solo: che da soli si colgano e si vendano.Il tutto senza che chi pretende di guadagnarci abbia mai fatto nulla per meritarselo.Un ARTISTA studia.Quelli che tu vuoi mantenere a vita è gente che al massimo ha fatto il grande fratello.E io quelli non voglio mantenerli, voglio che VADANO A LAVORARE perché starsene spaparanzati in poltrona ad aspettare che i soldi arrivino da soli non è un lavoro. Chiunque se facesse così senza mai muovere un dito finirebbe presto in mezzo a una strada, perché io dovrei finire in mezzo alla strada e loro no?


            Per lo scrupolo, non servono scusanti, so

            bene


            quanto sia facile trovare un appiglio per


            giustificare un comportamento scorretto.

            Quando


            tradisci un amico, non ammetteresti mai di

            essere


            meschino, la prima cosa che diresti è: " se

            lo


            merita, ha fatto diversi errori".



            Tranquillo, quelli come te non saranno mai miei

            amici.

            Ci puoi giurare, chi non ha nemmeno il coraggio
            di ammettere l'evidenza e dire semplicemente:"
            non ho scuse, so che non è giusto, so che è un
            reato, ma fino a che riesco a farlo mi approprio
            di tutto quello che trovo senza pagare i giusti
            diritti perchè non ho soldi da spendere", non
            merita neanche il mio
            saluto.La tua motivazione è che vuoi che io mantenga dei personaggi che non hanno mai fatto niente per meritarsi di essere mantenuti. Quello che tu vuoi non solo non è giusto, ma è profondamente sbagliato. Il fatto che quei personaggi tramite le loro azioni di lobby abbiano la legge dalla loro parte non rende il loro atteggiamento (di nullafacenti) più giusto. Esattamente come il fatto che Maria Antonietta sperperava i soldi dei contadini divertendosi e giocando d'azzardo non era giusto.Lei però venne ghigliottinata.A noi invece basta togliere ciò che quelli che tu difendi bramano più di tutto, e cioè il denaro. Non potendoglielo togliere (checché tu ne dica), li costringiamo a spenderlo in ulteriori quanto inutili azioni di lobby ed in medicine. La selezione naturale farà il resto.
          • Ignurant scrive:
            Re: 1.300.000 euro

            Quindi tu paghi l'idraulico un euro ogni volta
            che apri il lavandino da lui riparato. Paghi il
            medico ogni giorno che stai bene dopo essere
            guarito. Paghi l'avvocato ogni giorno che passi
            in libertà dopo essere stato assolto da false
            accuse grazie al suo
            operato.
            Tutti questi professionisti al pari degli artisti
            hanno impiegato risorse, tempo e
            perizia.
            Quando e quante volte sono stati pagati?
            Ma furbo, tu paghi ogni volta che ti vedi un film che hai comprato? O se compri un CD, paghi ogni volta che lo ascolti?Ma perchè usate sempre questi mantra con fallacia logica? è da anni che sento questo sciocchezze, non stanno in piedi, punto, mettetila via.

            LE PENSIONI NON PASSANO AI FIGLI (a meno che non
            sono minorenni o studenti al momento di rimanere
            orfani e solo fino alla maggiore età, o al
            massimo a 26
            anni)
            Ma cosa c'entrano le pensioni, altra furbizia estrema qua, parliamo di eredità, tuo padre ti ha lasciato la casa? si o no? e tu la lascerai ai tuoi figli. Quanti anni la puoi tenere al massimo? 70? o per sempre? e allora taci, i diritti di sfruttamento si passano e si vendono, fattene una ragione.
            Tranquillo, quelli come te non saranno mai miei
            amici.Quelli che ragionano?
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant

            Quindi tu paghi l'idraulico un euro ogni
            volta

            che apri il lavandino da lui riparato. Paghi
            il

            medico ogni giorno che stai bene dopo essere

            guarito. Paghi l'avvocato ogni giorno che
            passi

            in libertà dopo essere stato assolto da false

            accuse grazie al suo

            operato.

            Tutti questi professionisti al pari degli
            artisti

            hanno impiegato risorse, tempo e

            perizia.

            Quando e quante volte sono stati pagati?



            Ma furbo, tu paghi ogni volta che ti vedi un film
            che hai comprato? O se compri un CD, paghi ogni
            volta che lo ascolti?Spiegami cos'è che si compra, il FILM o il SUPPORTO?Perché se ho un film in VHS devo ripagare a prezzo pieno il DVD?Perché se ho un film in DVD devo ripagare a prezzo pieno il BR?Se ho già il film in altro formato ho già pagato il diritto di vedere quel film, quindi perché dovrei pagarlo a più del costo del supporto? (=circa 6 centesimi)
            Ma perchè usate sempre questi mantra con fallacia
            logica? è da anni che sento questo sciocchezze,
            non stanno in piedi, punto, mettetila via.Non ruberesti mai un'AUTONon ruberesti mai una BORSANon ruberesti mai un TELEVISORENon ruberesti mai un CELLULARENon ruberesti mai un FILMSono loro che dicono che il DVD è il FILM ed è come un oggetto materiale, quindi quando lo compro ne faccio quello che voglio esattamente come per l'auto, la borsa, il cellulare, il televisore, il lampadario, il pane, il cibo per il cane e la lettiera per il gatto.
            Ma cosa c'entrano le pensioni, altra furbizia
            estrema qua, parliamo di eredità, tuo padre ti ha
            lasciato la casa? si o no? e tu la lascerai ai
            tuoi figli.Il signor Giorgio Faletti ha accumulato denaro mentre era in vita? Sì o no? Se se l'è giocato tutto al casinò, ai figli non andrà una lira, esattamente come i figli di un notaio, di un medico, di un insegnante o di un operaio che abbia dilapidato tutto il suo patrimonio. Se invece ha messo qualche soldo da parte, prenderanno quello che ha messo da parte. Niente di più.
            Quanti anni la puoi tenere al
            massimo? 70? o per sempre? e allora taci, i
            diritti di sfruttamento si passano e si vendono,
            fattene una ragione.E' sbagliato, i diritti di sfruttamento già durano troppo ma poi il fatto stesso che l'autore possa cederli è una cosa talmente ridicola da essere patetica. A quel punto cedesse pure il fatto di essere l'autore. Da oggi, studenti italiani, segnatevi bene questa: la Divina Commedia non è più di Dante Alighieri, ma di Pasquale Alighieri, suo pronipote fiorentino vivente nel 2014. Ah, e ovviamente dovete pagare i diritti d'autore a Pasquale Alighieri.

            Tranquillo, quelli come te non saranno mai
            miei

            amici.

            Quelli che ragionano?Quelli come te che attaccano a vanvera credendo di fare i sapientoni e che vengono messi a posto con una XXXXXXXXXX.
          • Ignurant scrive:
            Re: 1.300.000 euro

            Spiegami cos'è che si compra, il FILM o il
            SUPPORTO?
            Perché se ho un film in VHS devo ripagare a
            prezzo pieno il
            DVD?
            Perché se ho un film in DVD devo ripagare a
            prezzo pieno il
            BR?
            Se ho già il film in altro formato ho già pagato
            il diritto di vedere quel film, quindi perché
            dovrei pagarlo a più del costo del supporto?
            (=circa 6
            centesimi)Ma cosa cambi discorso??? Preso in fallo? Quante volte paghi l'ascolto di un CD o la visione di un film che hai comprato? Te lo dico io: UNA, esattamente come il tuo casso di idraulico o avvocato, se poi hai bisogno nuovamente lo RIPAGHI, come l'idraulico, il dottore ed il film/CD.Fine, attaccati ad altro adesso.

            Non ruberesti mai un'AUTO
            Non ruberesti mai una BORSA
            Non ruberesti mai un TELEVISORE
            Non ruberesti mai un CELLULARE
            Non ruberesti mai un FILM

            Sono loro che dicono che il DVD è il FILM ed è
            come un oggetto materiale, quindi quando lo
            compro ne faccio quello che voglio esattamente
            come per l'auto, la borsa, il cellulare, il
            televisore, il lampadario, il pane, il cibo per
            il cane e la lettiera per il
            gatto.A parte che quella è una pubblicità e non una consulenza legale, tu devi decidere come vuoi comportarti. A te ed a quelli come te fa comodo trattare le opere come beni fisici a volte, e come bene digitali altre volte. Infatti mi fai esempi strampallati tu per primo. Comunque tu comprati pure il film o il CD, nessuno ti dice niente se te lo rippi per vederlo nel media center, non ti preoccupare, ma se lo condividi un po' le pallllle a qualcuno girano, come dargli torto? Chi lo fa non ha rispetto per niente e per nessuno, è questa la cosa grave, che come si ragiona in questo settore, si ragiona per tutto il resto, del filmetto che metti in internet non me ne può XXXXXXX un tubo, ma dello status mentis di chi ha l'arroganza di fare quello che vuole, quello si che mi preoccupa.

            Il signor Giorgio Faletti ha accumulato denaro
            mentre era in vita? Sì o no? Se se l'è giocato
            tutto al casinò, ai figli non andrà una lira,
            esattamente come i figli di un notaio, di un
            medico, di un insegnante o di un operaio che
            abbia dilapidato tutto il suo patrimonio. Se
            invece ha messo qualche soldo da parte,
            prenderanno quello che ha messo da parte. Niente
            di
            più.Invece no, gli lascia le sue rendite, esattamente come a te rimangono i bot e cct, e lo stesso valore delle casa che aumenta negli anni. Se Faletti avesse scritto un libro una settimana prima di morire (pace all'anima sua) a chi andrebbero gli incassi? Puoi contestare il periodo (70 anni) ma non la logica che ci sta sotto. E comunque hai cambiato discorso la seconda volta, quindi hai cannato sia il paragone di prima che quello dopo, bella testolina che hai... e continui pure.

            E' sbagliato, i diritti di sfruttamento già
            durano troppo ma poi il fatto stesso che l'autore
            possa cederli è una cosa talmente ridicola da
            essere patetica. A quel punto cedesse pure il
            fatto di essere l'autore. Da oggi, studenti
            italiani, segnatevi bene questa: la Divina
            Commedia non è più di Dante Alighieri, ma di
            Pasquale Alighieri, suo pronipote fiorentino
            vivente nel 2014. Ah, e ovviamente dovete pagare
            i diritti d'autore a Pasquale
            Alighieri.
            L'autore rimane l'autore e non è cedibile, riguardo i diritti di sfruttamento che problemi ci sono? Tu magari hai una casa fatta con le tue mani, la vendi a uno che l'affitta, o sei obbligato a tenerla vita natural durante? Oppure la puoi affittare tu. Decidi, i rischi d'impresa qualcuno se li prende, tu no ovviamente, tu pretendi il lavoro degli altri gratuitamente (cosa per altro che si può fare tranquillamente, non serve mettere in sharing nulla).

            Quelli come te che attaccano a vanvera credendo
            di fare i sapientoni e che vengono messi a posto
            con una
            XXXXXXXXXX.Dimostri di non saper XXXXXXXXXXre dunque, non sei stato capace di tenere in piedi i tuoi paragoni, tanto è vero che hai cambiato discorso.Il problema tuo, e di quelli come te, è che non rispettano e riconosco il lavoro degli altri. A me va bene tutto, vuoi non pagare l'equo compenso, ok, vuoi diritti di 10 anni dalla morte dell'autore, ok, vuoi prodotti senza DRM, ok... ma il lavoro e l'investimento che qualcuno ha fatto vanno rispettatti, il lavoro principalmente. Se non mi piace come lavoro qualcuno, non compro i suoi prodotti, molto semplice, non mi serve prenderli e metterli in sharing, allo stesso modo dei benio fisici dove un ad un cattivo artigiano non compro né publicizzo il suo lavoro. Ma capisco che ci sono categorie di persone che da una parte disprezzano e dall'altra prendono, così si lavano la coscienza, contenti loro contenti tutti.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant
            Ma cosa cambi discorso??? Preso in fallo? Quante
            volte paghi l'ascolto di un CD o la visione di un
            film che hai comprato? Te lo dico io: UNA,
            esattamente come il tuo casso di idraulico o
            avvocato, se poi hai bisogno nuovamente lo
            RIPAGHI, come l'idraulico, il dottore ed il
            film/CD.UNA quindi ho pagato già quando ho comprato la VHS.E' un diritto che ho pagato per l'ETERNITA', e non è legato al supporto, né alla sua obsolescenza.Se le case decidono che il supporto è obsoleto (perché sono le case a non produrre più VHS) devono darmi il supporto aggiornato GRATIS.
            Fine, attaccati ad altro adesso.Sei tu che devi attaccarti a qualcosa...
            A parte che quella è una pubblicità e non una
            consulenza legale,Non è una pubblicità, è una campagna terroristica. Ed è stata fatta senza il pagamento dei diritti d'autore (della musica).
            tu devi decidere come vuoi comportarti.Esattamente come chi ha fatto quella campagna terroristica, cioè non pagando i diritti d'autore. Loro danno l'esempio, io lo seguo.
            A te ed a quelli come te fa comodo
            trattare le opere come beni fisici a volte, e
            come bene digitali altre volte.Eh no, sono le case a trattare le opere come beni fisici per parlare impropriamente di FURTO (cassazione sentenza 44840 del 2010 smentisce e condanna chi parla di furto per opere non fisiche), allora sono loro a dover decidere se sono beni fisici oppure no.Se lo sono, seguono i diritti dei beni fisici SEMPRE. A cominciare dal poter fare quello che si vuole con ciò che si compra.Se non lo sono, non seguono i diritti dei beni fisici MAI, a cominciare dal fatto che non possono pretendere che una serie di clausole vessatorie senza firma autografa abbiano un qualche valore.E la prova che le clausole vessatorie senza firma autografa non hanno valore sta nel fatto che sottoscrivendo online un abbonamento per un servizio (provider internet, tv satellitare, altro) e NON mandando il contratto firmato, il gestore NON è in grado di esigere alcun pagamento, nemmeno se dimostrasse che il servizio è stato fornito ed usufruito.
            Infatti mi fai
            esempi strampallati tu per primo."Non ruberesti mai un'auto" è un esempio strampalato perché la copia non è un furto, e non è un esempio fatto da me.
            Comunque tu
            comprati pure il film o il CD, nessuno ti dice
            niente se te lo rippi per vederlo nel media
            center, non ti preoccupare, ma se lo condividi un
            po' le pallllle a qualcuno girano, come dargli
            torto?Perché dovrebbero girargli le palle?I miei soldi se li è presi senza fiatare, e ha deciso lui il prezzo.Ora il film è mio, e ne faccio quello che voglio.Lui in cambio ha i miei soldi, può farne quello che vuole.Lui non ha firmato clausole che limitano l'uso dei soldi.Io non ho firmato clausole che limitano l'uso del film.Se non gli va bene quello che faccio, sono disposto al reXXXXX: si venisse a riprendere il film a sue spese, e mi ridesse tutti i miei soldi con gli interessi.
            Chi lo fa non ha rispetto per niente e per
            nessuno,Chi lo fa fa un favore all'umanità. E' un benefattore, che combatte contro l'arroganza dei potenti che pretendono di far soldi vendendo senza vendere, perché VENDERE significa una cosa ben precisa, tu ti prendi i miei soldi, io mi prendo il tuo bene E TU POI QUEL BENE NON CE L'HAI PIU' E NON PUOI PIU' VENDERLO AD ALTRI.Se invece decidi di vendere diverse volte la stessa cosa, si chiama TRUFFA e devi finire dove meriti. Non dietro le sbarre, ma sotto un ponte. Qual è il modo più facile per fartici finire? Copiare la tua roba e diffonderla gratis? Allora è ciò che farò.
            è questa la cosa grave, che come si
            ragiona in questo settore, si ragiona per tutto
            il resto, del filmetto che metti in internet non
            me ne può XXXXXXX un tubo, ma dello status mentis
            di chi ha l'arroganza di fare quello che vuole,
            quello si che mi preoccupa.L'arroganza è quella di chi sfrutta le opere altrui a fine di lucro?
            Invece no, gli lascia le sue rendite, esattamente
            come a te rimangono i bot e cct, e lo stesso
            valore delle casa che aumenta negli anni.Gli INVESTIMENTI sono un'altra cosa, e se uno li ha fatti li ha fatti, non può inventarseli lo stato per te.
            Se Faletti avesse scritto un libro una settimana
            prima di morire (pace all'anima sua) a chi
            andrebbero gli incassi? Puoi contestare il
            periodo (70 anni) ma non la logica che ci sta
            sotto. E comunque hai cambiato discorso la
            seconda volta, quindi hai cannato sia il paragone
            di prima che quello dopo, bella testolina che
            hai... e continui pure.Sei tu che stai cambiando sempre discorso.
            L'autore rimane l'autore e non è cedibile,Che strano, perché dovrebbe far sfruttare ad ALTRI una cosa SUA?
            riguardo i diritti di sfruttamento che problemi
            ci sono?Che potrebbe essere stato COSTRETTO da contratti capestro?Si chiama RIDUZIONE IN SCHIAVITU'.
            Tu magari hai una casa fatta con le tue
            mani, la vendi a uno che l'affitta, o sei
            obbligato a tenerla vita natural durante? Oppure
            la puoi affittare tu. Decidi, i rischi d'impresa
            qualcuno se li prende, tu no ovviamente, tu
            pretendi il lavoro degli altri gratuitamente
            (cosa per altro che si può fare tranquillamente,
            non serve mettere in sharing nulla).Io non pretendo niente. Se tu pretendi di avere soldi per delle COPIE, che a te non hanno comportato nessuna fatica, sei soltanto un pazzo, esattamente come uno che mettesse le mele a 100 euro al kg.E i pazzi vanno messi in condizione di non nuocere.
            Dimostri di non saper XXXXXXXXXXre dunque, non
            sei stato capace di tenere in piedi i tuoi
            paragoni, tanto è vero che hai cambiato
            discorso.Sì come no.
            Il problema tuo, e di quelli come te, è che non
            rispettano e riconosco il lavoro degli altri.Ma anche no.Io riconosco il lavoro quando non ci sono COPIE in mezzo.Vuoi fare musica, vieni a suonare davanti a me e ti pago la cifra che tu chiedi (o che decidiamo, PRIMA, INSIEME).Vuoi recitare, vuoi fare il regista? Vai nei TEATRI.Vuoi guadagnare col software? trovati sponsor, gli store sono pieni di app gratuite, eppure chi le fa ci guadagna...Se invece pretendi di far soldi vendendomi copie, sei un verme e devi fallire.
            A
            me va bene tutto, vuoi non pagare l'equo
            compenso, ok, vuoi diritti di 10 anni dalla morte
            dell'autore, ok, vuoi prodotti senza DRM, ok...
            ma il lavoro e l'investimento che qualcuno ha
            fatto vanno rispettatti, il lavoro
            principalmente. Se non mi piace come lavoro
            qualcuno, non compro i suoi prodotti, molto
            semplice, non mi serve prenderli e metterli in
            sharing, allo stesso modo dei benio fisici dove
            un ad un cattivo artigiano non compro né
            publicizzo il suo lavoro. Ma capisco che ci sono
            categorie di persone che da una parte disprezzano
            e dall'altra prendono, così si lavano la
            coscienza, contenti loro contenti
            tutti.Sì certo...
          • Ignurant scrive:
            Re: 1.300.000 euro

            E' un diritto che ho pagato per l'ETERNITA', e
            non è legato al supporto, né alla sua
            obsolescenza.
            Se le case decidono che il supporto è obsoleto
            (perché sono le case a non produrre più VHS)
            devono darmi il supporto aggiornato
            GRATIS.
            Certo, chiama l'idraulico che 30 anni fa ti ha messo i tubi in piombo e digli che li vuoi cambiare gratis, vediamo cosa ti dice. Arroganza, questa parola sconosciuta...

            Fine, attaccati ad altro adesso.
            Sei tu che devi attaccarti a qualcosa...
            Alla logica e realtà, fallo anche tu.
            Non è una pubblicità, è una campagna
            terroristica. Ed è stata fatta senza il pagamento
            dei diritti d'autore (della
            musica).Infatti vedo gente tremare per la paura, penso che siete rimasti in tre a scaricare in Italia in effetti.


            tu devi decidere come vuoi comportarti.
            Esattamente come chi ha fatto quella campagna
            terroristica, cioè non pagando i diritti
            d'autore. Loro danno l'esempio, io lo
            seguo.Non avevo dubbi.
            E la prova che le clausole vessatorie senza firma
            autografa non hanno valore sta nel fatto che
            sottoscrivendo online un abbonamento per un
            servizio (provider internet, tv satellitare,
            altro) e NON mandando il contratto firmato, il
            gestore NON è in grado di esigere alcun
            pagamento, nemmeno se dimostrasse che il servizio
            è stato fornito ed
            usufruito.Tutto quello che ti pare, vedo che sei molto preparato con i cavilli pur di dire "sono moralmente autorizzato a scaricare a fare sharing". Io la sto mettendo su un altro piano: riconosci o no il lavoro degli altri? Rispondo io per te: no.
            Perché dovrebbero girargli le palle?
            I miei soldi se li è presi senza fiatare, e ha
            deciso lui il
            prezzo.
            Ora il film è mio, e ne faccio quello che voglio.
            Lui in cambio ha i miei soldi, può farne quello
            che
            vuole.
            Lui non ha firmato clausole che limitano l'uso
            dei
            soldi.
            Io non ho firmato clausole che limitano l'uso del
            film.
            Se non gli va bene quello che faccio, sono
            disposto al reXXXXX: si venisse a riprendere il
            film a sue spese, e mi ridesse tutti i miei soldi
            con gli
            interessi.Bravissimo, prima o poi lo faranno con te e non sai quando riderò, calpesteranno il tuo lavoro, esattamente come fanno adesso persone senza scrupoli che licenziano padri di famiglia, levano i diritti dei lavoratori, lasciano a casa gente in malattia o donne in gravidanza ecc. Ti sembrano paragani fuori luogo? No, sono gli stessi principi di mancanza di rispetto per il lavoro e la vita degli altri.


            Chi lo fa non ha rispetto per niente e per

            nessuno,
            Chi lo fa fa un favore all'umanità. E' un
            benefattore, che combatte contro l'arroganza dei
            potenti che pretendono di far soldi vendendo
            senza vendere, perché VENDERE significa una cosa
            ben precisa, tu ti prendi i miei soldi, io mi
            prendo il tuo bene E TU POI QUEL BENE NON CE
            L'HAI PIU' E NON PUOI PIU' VENDERLO AD
            ALTRI.
            Se invece decidi di vendere diverse volte la
            stessa cosa, si chiama TRUFFA e devi finire dove
            meriti. Non dietro le sbarre, ma sotto un ponte.
            Qual è il modo più facile per fartici finire?
            Copiare la tua roba e diffonderla gratis? Allora
            è ciò che
            farò.
            Si si, a me va benissimo vedere come ragioni, secondo te un filmetto che costa magari due milioncini di euro, si può prenderlo la data della sua uscita (o magari anche prima) e metterlo in sharing, è tuo diritto secondo te, fallo pure. Non leggere i titoli di coda sai, giusto per avere una idea di quanta gente ci ha lavorato, senza contare spese vive e fornitori non citati. Tanto era tuo diritto, se ci hanno guadagnato tanto con il cinema è sufficiente, se non ci hanno guadagnato allora il fil faceva schifo. Tutto ragioanto con i soldi, tu gusto estetico non ne hai, prendi, consumi e condividi, come un uomo che mangia senza assoporare e rimette in circolo i suoi escrementi, come un automa. Fai pure, spegni il cervello e vai di sharing.
            Sei tu che stai cambiando sempre discorso.Rileggiti va.


            L'autore rimane l'autore e non è cedibile,
            Che strano, perché dovrebbe far sfruttare ad
            ALTRI una cosa
            SUA?Perché non vuole rotture di coioni, vuole i schei e pensare ad altro. Come lo sportivo che ha l'agente, come te che hai la banca al posto di tenerti tutto sotto il materasso. Cresci va.
            Che potrebbe essere stato COSTRETTO da contratti
            capestro?
            Si chiama RIDUZIONE IN SCHIAVITU'.
            Vedo gli autori protestare ogni giorno al telegiornale in effetti.
            Io non pretendo niente. Noooooo, non pretendi proprio nulla, un uomo schivo e ligio al suo dovere a quanto leggo. Questa è bella.
            Se tu pretendi di avereio proprio no
            soldi per delle COPIE, che a te non hanno
            comportato nessuna fatica, sei soltanto un pazzo,
            esattamente come uno che mettesse le mele a 100
            euro al
            kg.Eh si, chissà come hanno fatto quel file da 147 gb di avatar ad esempio, avranno preso un generatore di byte casuale e creato il file no? Che pirlotti che hanno speso enne milioni di dollari, avranno esagerato con i pranzi al ristorante.
            E i pazzi vanno messi in condizione di non
            nuocere.
            Più che d'accordo
            Sì come no.Infatti, come no? rileggiti, i tuoi paragoni spariti. Adesso la stai buttando nel morale, se mi fanno paura con la pubblicità allora io metto in sharing, la copia non costa nulla ecc ecc
            Vuoi fare musica, vieni a suonare davanti a me e
            ti pago la cifra che tu chiedi (o che decidiamo,
            PRIMA,
            INSIEME).Tu non sei un creativo, tu sei poco più che un giradischi, solo che hai bravura manuale nel suonare, riproduci da uno spartito piuttosto che da un file digitale. Parla con un creativo e poi fammi sapere.
            Vuoi recitare, vuoi fare il regista? Vai nei
            TEATRI.Che costano 4 volte quanto un DVD, senza contare i trasporti. Un genio dell'economia direi. Senza contare il prodotto dei teatri è differente da un film, fammi odissea 2001 nello spazio al teatro se vuoi, dubito sia emozionante come il film. Un genio proprio.
            Vuoi guadagnare col software? trovati sponsor,
            gli store sono pieni di app gratuite, eppure chi
            le fa ci
            guadagna...Insomma, non è proprio così, le app gratuite spesso tentato di incul. l'utilizzatore tra qacusiti in app e pubblicità cliccabili quasi per forza di software veramente gratuito ne esiste ma non è la maggior parte di certo.
            Se invece pretendi di far soldi vendendomi copie,
            sei un verme e devi
            fallire.
            Se lo decidi tu a me sta bene, vediamo quando qualcuno deciderà che è verme chi usa l'autocomposizione con quattro accordi da tastiera.
            Sì certo...VEdo che l'ammetti alla fine, bene, ne sono contento
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant

            E' un diritto che ho pagato per l'ETERNITA', e

            non è legato al supporto, né alla sua

            obsolescenza.

            Se le case decidono che il supporto è obsoleto

            (perché sono le case a non produrre più VHS)

            devono darmi il supporto aggiornato

            GRATIS.
            Certo, chiama l'idraulico che 30 anni fa ti ha
            messo i tubi in piombo e digli che li vuoi
            cambiare gratis, vediamo cosa ti dice. Arroganza,
            questa parola sconosciuta...L'arroganza è quella di chi pretende di guadagnare più volte con un unico lavoro.Allora se il lavoro è stato già fatto, per lo stesso principio deve essere gratis tutte le release successive.Mica per avere il DVD al posto della VHS gli attori devono tornare sul set e girare un'altra volta tutto il film.L'idraulico invece dovrebbe tornare un'altra volta per fare un NUOVO lavoro.


            Fine, attaccati ad altro adesso.

            Sei tu che devi attaccarti a qualcosa...
            Alla logica e realtà, fallo anche tu.Sei tu che non riesci nemmeno a capire la differenza tra STESSO LAVORO IN ALTRO FORMATO e NUOVO LAVORO DIVERSO DAL PRECEDENTE.Il primo non comporta sforzi.Il secondo sì.E visto che ho già il diritto di visione devo poter continuare ad usufruirne, per una tecnologia che non sono stato io ad imporre.Ripeto, le case non fanno più le VHS.Nemmeno dei film usciti in epoca pre-DVD.Ammesso di trovarne oggi in giro, sono fondi di magazzino prodotte anni fa. Probabilmente pure rovinate dalla polvere e dalla muffa.

            Non è una pubblicità, è una campagna

            terroristica. Ed è stata fatta senza il pagamento

            dei diritti d'autore (della

            musica).
            Infatti vedo gente tremare per la paura, penso
            che siete rimasti in tre a scaricare in Italia
            in effetti.Bene quindi che te ne frega di tre che scaricano?


            tu devi decidere come vuoi comportarti.

            Esattamente come chi ha fatto quella campagna

            terroristica, cioè non pagando i diritti

            d'autore. Loro danno l'esempio, io lo

            seguo.
            Non avevo dubbi.Loro ne sanno di diritti d'autore, quindi possono far capire benissimo come si fa col loro comportamento.

            E la prova che le clausole vessatorie senza firma

            autografa non hanno valore sta nel fatto che

            sottoscrivendo online un abbonamento per un

            servizio (provider internet, tv satellitare,

            altro) e NON mandando il contratto firmato, il

            gestore NON è in grado di esigere alcun

            pagamento, nemmeno se dimostrasse che il servizio

            è stato fornito ed usufruito.
            Tutto quello che ti pare, vedo che sei molto
            preparato con i cavilli pur di dire "sono
            moralmente autorizzato a scaricare a fare
            sharing".Esattamente come disse chi in Italia mangia più di tutti grazie al copyright: "Mi sento moralmente autorizzato ad evadere questa legge dello stato".Lui che ci marcia sul copyright può farlo e pure dirlo in pubblico, perché io no?La legge è uguale per tutti, lui si sente autorizzato quindi anche io non devo esserlo.
            Io la sto mettendo su un altro piano: riconosci o
            no il lavoro degli altri? Rispondo io per te: no.Il "lavoro degli altri" non consiste nel fare copie digitali, che hanno valore (artistico ed economico) pari a ZERO.Se lavorassero, il loro lavoro andrebbe retribuito, ma una volta sola per ogni volta che lavorano, come tutti i lavori del mondo.Non hanno nessun diritto di moltiplicarsi i guadagni lavorando una volta soltanto.E' sbagliato, è iniquo, è da truffatori scansafatiche che pretendono di guadagnare una vita intera senza mai più lavorare.E no, che lavorassero tutti i giorni per guadagnarsi il pane, come fanno tutte le persone per bene, ed una volta arrivati all'età pensionabile, se hanno versato i contributi si prenderanno la pensione che gli spetta.E ai figli niente più di quanto già abbiano messo da parte i padri al momento del deXXXXX, perché ai figli di altre categorie non c'è un vitalizio di tal tipo.Allora o lo diamo ai figli di tutti o non lo diamo ai figli di nessuno.E' una questione di parità dei diritti.Una sola persona decise di moltiplicare il lavoro degli altri (fornai e pescatori): l'hanno crocifisso.

            Perché dovrebbero girargli le palle?

            I miei soldi se li è presi senza fiatare, e ha

            deciso lui il prezzo.

            Ora il film è mio, e ne faccio quello che voglio.

            Lui in cambio ha i miei soldi, può farne quello

            che vuole.

            Lui non ha firmato clausole che limitano l'uso

            dei soldi.

            Io non ho firmato clausole che limitano l'uso del

            film.

            Se non gli va bene quello che faccio, sono

            disposto al reXXXXX: si venisse a riprendere il

            film a sue spese, e mi ridesse tutti i miei soldi

            con gli interessi.
            Bravissimo, prima o poi lo faranno con te e non
            sai quando riderò, calpesteranno il tuo lavoro,
            esattamente come fanno adesso persone senza
            scrupoli che licenziano padri di famiglia, levano
            i diritti dei lavoratori, lasciano a casa gente
            in malattia o donne in gravidanza ecc. Ti
            sembrano paragani fuori luogo? No, sono gli stessi
            principi di mancanza di rispetto per il lavoro e
            la vita degli altri.Il mio lavoro non consiste non consiste delle copie.Ogni volta che percepisco un guadagno è perché mi sono dovuto fare il mazzo per guadagnarmelo, ogni singola volta per ogni singolo guadagno.Non mi sono certo limitato a fare un click su un pulsante "start" di una fotocopiatrice o di un replicatore di cd.E se ho un lavoro che mi impegna mesi mi faccio pagare una parte prima e una parte dopo. E dopo che l'ho consegnato, altri soldi non ne vedo più: se voglio continuare a guadagnare, devo lavorare ancora.E' così per tutte le persone per bene e oneste, che si fanno il mazzo e pagano le tasse.Quelli che conosci tu evidentemente non sono né onesti né tantomeno per bene.
          • Ignurant scrive:
            Re: 1.300.000 euro


            L'arroganza è quella di chi pretende di
            guadagnare più volte con un unico
            lavoro.Se tu ti compri il samsung galaxy 5, oltre ai costi di produzione, ti spalmano anche i costi di ricerca e sviluppo. Non li paga solo il primo che compra il telefono, li pagano tutti, se il tlefono ha sucXXXXX possono investire ulteriormente e fare utili, altrimenti chiudono baratta e burattini. Tu non ti fai problemi se io invento il cestino ondulato giallo e ne vendo 100 milioni in tutto il mondo guadagnando un fottio per una boiata di idea, il cestino costa 5 euro di materiale e produzione, ma lo vendo a 20, tu non protesti. Invece il film non ti va bene, l'idea replicata del cestino si, l'accetti, l'idea replicata del film no. Ti spiego io la differenza qual'è: che il film te lo puoi copiare e te ne freghi di tutto e tutti, il cestino ancora no.
            Allora se il lavoro è stato già fatto, per lo
            stesso principio deve essere gratis tutte le
            release
            successive.
            Mica per avere il DVD al posto della VHS gli
            attori devono tornare sul set e girare un'altra
            volta tutto il
            film.Non importa, loro hanno i diritti di sfruttamento fanno quello che gli pare, tu ti sei comprato il VHS? perchè non ti converti in avi quello? no, perché a te fa comodo avere in qualità blueray (che qualcuno si è smazzato a rimasterizzare), quindi non è la stessa cosa.
            L'idraulico invece dovrebbe tornare un'altra
            volta per fare un NUOVO
            lavoro.
            Perché vuoi una nuova tecnologia, ma l'acqua che esce dai rubinetti sempre quella rimane il proXXXXX
            E visto che ho già il diritto di visione devo
            poter continuare ad usufruirne, per una
            tecnologia che non sono stato io ad
            imporre.
            Ripeto, le case non fanno più le VHS.
            Nemmeno dei film usciti in epoca pre-DVD.
            Ammesso di trovarne oggi in giro, sono fondi di
            magazzino prodotte anni fa. Probabilmente pure
            rovinate dalla polvere e dalla
            muffa.
            Secondo te il problema delle major sono i film di 20 anni fa che hanno venduto in VHS? E babbo natale cosa dice a proposito di questo?

            Bene quindi che te ne frega di tre che scaricano?
            A me non me ne frega manco fossero in 20 milioni, a me frega che questa arronganza si ritrova ormai ovunque, dalla fila alla posta ai metodi di guida, ai rapporti tra colleghi, alle riunione condominiali ecc ecc.

            Esattamente come disse chi in Italia mangia più
            di tutti grazie al copyright: "Mi sento
            moralmente autorizzato ad evadere questa legge
            dello
            stato".
            Lui che ci marcia sul copyright può farlo e pure
            dirlo in pubblico, perché io
            no?
            La legge è uguale per tutti, lui si sente
            autorizzato quindi anche io non devo
            esserlo.Manco so di chi parli. Comunque prendi ad esempio sempre i migliori mi raccomando. Riina cosa dice a proposito?

            Il "lavoro degli altri" non consiste nel fare
            copie digitali, che hanno valore (artistico ed
            economico) pari a
            ZERO.
            Se lavorassero, il loro lavoro andrebbe
            retribuito, ma una volta sola per ogni volta che
            lavorano, come tutti i lavori del
            mondo.
            Non hanno nessun diritto di moltiplicarsi i
            guadagni lavorando una volta
            soltanto.Sono d'accordo, un film da 5 milioni di dollari (per stare basso), lo deve pagare solo il primo che compra il blueray a 20 euro, poi lo rippa e tutti a scaricare. L'ho detto e lo ripeto: un genio dell'economia.
            E' sbagliato, è iniquo, è da truffatori
            scansafatiche che pretendono di guadagnare una
            vita intera senza mai più
            lavorare.Infatti, di solito le major producono solo un film, i cananti solo un cd, gli attori girano solo un film... vero, non ci avevo pensato scusa.
            E no, che lavorassero tutti i giorni per
            guadagnarsi il pane, come fanno tutte le persone
            per bene, ed una volta arrivati all'età
            pensionabile, se hanno versato i contributi si
            prenderanno la pensione che gli
            spetta.E chi ti dice che non lavorino? che ne sai? leggi i titoli di coda di un film, chiama a caso un costumista, un doppiatore, un truccatore ecc ecc, fammi sapere se lavora un giorno l'anno.
            E' una questione di parità dei diritti.
            Una sola persona decise di moltiplicare il lavoro
            degli altri (fornai e pescatori): l'hanno
            crocifisso.I diritti li abbiamo uguali, se però tuo padre e mio padre non hanno fatto i creativi, gli artisti, ma gli operai per 40 anni mica è un problema degli altri, è un problema tuo e mio. Comunque l'eredità che ti hanno lasciato si vede benissimo sia nel mio che nel tuo caso, la parola rispetto non è contemplata a quanto pare.
            Il mio lavoro non consiste non consiste delle
            copie.
            Ogni volta che percepisco un guadagno è perché mi
            sono dovuto fare il mazzo per guadagnarmelo, ogni
            singola volta per ogni singolo
            guadagno.
            Non mi sono certo limitato a fare un click su un
            pulsante "start" di una fotocopiatrice o di un
            replicatore di
            cd.Tu puoi continuare a far finta per un anno intero che quel CD di cui fanno la copia l'abbiano trovato sotto un cavolo, salta a piè pari i mesi se non gli anni di lavoro che ci sta spesso dietro un lavoro, le migliaia di persone che hanno partecipato per arrivare a quel risultato. Fai finta di niente, continua così, a me fa solo che piacere. A che ci sei dimmi dove trovi i semi per l'albero di CD o blueray che lo pianto anche io in giardino.
            E se ho un lavoro che mi impegna mesi mi faccio
            pagare una parte prima e una parte dopo. E dopo
            che l'ho consegnato, altri soldi non ne vedo più:
            se voglio continuare a guadagnare, devo lavorare
            ancora.
            E' così per tutte le persone per bene e oneste,
            che si fanno il mazzo e pagano le
            tasse.Perchè tu sei un poveretto (senza offesa) che lavora da solo, allora pensi che 2001 odissea nello spazio l'ha fatto Kubrik da solo, un anticipo all'inizio, a metà lavoro ed alla consegna. Si si, va proprio così di solito. Ma vai fuori a vedere il mondo, visita le aziende, tanto il tuo client torrent lavora lo stesso nel frattempo.
            Quelli che conosci tu evidentemente non sono né
            onesti né tantomeno per
            bene.No, delinquenti principalmente.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant
            Se tu ti compri il samsung galaxy 5, oltre ai
            costi di produzione, ti spalmano anche i costi di
            ricerca e sviluppo.I costi di ricerca e sviluppo vanno moltiplicati per il costo vivo del singolo pezzo.Nel caso di una copia digitale (e non di un telefono che ha parti fisiche) il costo del singolo pezzo è ZERO.E visto che n*0=0...
            Non li paga solo il primo che
            compra il telefono, li pagano tutti, se il
            tlefono ha sucXXXXX possono investire
            ulteriormente e fare utili, altrimenti chiudono
            baratta e burattini.Tra 5 anni un S5 non se lo comprerà più nessuno, al massimo te lo REGALANO come fondo di magazzino.Me lo dici dove posso avere GRATIS il dvd (copia fisica visto che il samsung te lo regalano) di Avatar (film di 5 anni fa)?
            Tu non ti fai problemi se io
            invento il cestino ondulato giallo e ne vendo 100
            milioni in tutto il mondo guadagnando un fottio
            per una boiata di idea, il cestino costa 5 euro
            di materiale e produzione, ma lo vendo a 20, tu
            non protesti.No, sono problemi di chi lo compra, visto che non è replicabile a costo zero.Se io sono in grado di rifarlo uguale, però, nessuno mi rompe le palle.Esattamente come se sono in grado di rifare una ricetta di Carlo Cracco non viene Carlo Cracco a rompermi le palle, nemmeno se lo faccio nel mio ristorante (a scopo di lucro quindi).
            Invece il film non ti va bene,
            l'idea replicata del cestino si, l'accetti,Solo perché non abbiamo i replicatori di materia.Ma tranquillo, se sono in grado di rifare il tuo cestino con una stampante 3D, allora metterò il file per la stampante in lungo e in largo per la rete.
            l'idea replicata del film no.Perché appunto è REPLICATA, in quanto tale non è prodotto della mente umana, ma unicamente di una macchina replicatrice, che in quanto tale non ha diritti e non può averne.
            Ti spiego io la
            differenza qual'è: che il film te lo puoi copiare
            e te ne freghi di tutto e tutti, il cestino
            ancora no.No, la differenza è che il film non ha costi per la copia (se parliamo di file digitale).Quindi il suo valore è zero e qualunque cifra più alta di zero è un furto e chi la impone deve fallire perché propone prezzi fuori mercato.
            Non importa, loro hanno i diritti di sfruttamentoVanno aboliti.
            fanno quello che gli pare, tu ti sei comprato il
            VHS? perchè non ti converti in avi quello?Perché c'è la protezione macrovision?
            no,
            perché a te fa comodo avere in qualità blueray
            (che qualcuno si è smazzato a rimasterizzare),
            quindi non è la stessa cosa.Nessuno rimasterizza un piffero. I video che si usano per i BR sono già acquisiti, dalla pellicola, a 4K.Poi vengono downscalati (da un computer, non certo dall'uomo) a 1080p o inferiore.

            L'idraulico invece dovrebbe tornare un'altra

            volta per fare un NUOVO

            lavoro.
            Perché vuoi una nuova tecnologia,Io non la voglio, me l'hanno imposta loro.
            ma l'acqua che
            esce dai rubinetti sempre quella rimane il
            proXXXXXHanno reso i rubinetti incompatibili coi tubi.
            Secondo te il problema delle major sono i film di
            20 anni fa che hanno venduto in VHS? E babbo
            natale cosa dice a proposito di questo?Quindi se non sono il problema perché non diventano pubblico dominio?
            A me non me ne frega manco fossero in 20 milioni,
            a me frega che questa arronganza si ritrova ormai
            ovunque, dalla fila alla posta ai metodi di
            guida, ai rapporti tra colleghi, alle riunione
            condominiali ecc ecc.Puoi sempre tornare nel tuo mondo ovattato.
            Manco so di chi parli.http://temi.repubblica.it/micromega-online/berlusconi-mi-sento-moralmente-autorizzato-ad-evadere-le-tasse-video/
            Comunque prendi ad esempio
            sempre i migliori mi raccomando. Riina cosa dice
            a proposito?Dovresti chiederlo al magnate del copyright che compare nel video, o meglio al suo "stalliere".
            Sono d'accordo, un film da 5 milioni di dollari
            (per stare basso), lo deve pagare solo il primo
            che compra il blueray a 20 euro, poi lo rippa e
            tutti a scaricare. L'ho detto e lo ripeto: un
            genio dell'economia.Il film non si è ripagato al botteghino?Quindi il film non vale più 20 milioni, se ne è costato 20 e ne ha incassato 30 il film ora vale -30 milioni.Quindi non c'è nessun costo da coprire. La tela è già stata venduta.Se vogliono devono quindi dare i soldi loro a me per pagarmi il tempo perso a vedere il loro cavolo di film.
            Infatti, di solito le major producono solo un
            film, i cananti solo un cd, gli attori girano
            solo un film... vero, non ci avevo pensato
            scusa.Quale parte di "guadagnare con altre forme" non hai capito?
            E chi ti dice che non lavorino?Lo stai dicendo tu, ti lamenti che devono avere i soldi da me.Guarda che se io pago o non pago il DVD di un film già fatto loro da me non avranno neanche un centesimo.Quei soldi vanno ad altri. Quelli che dici tu sono stati già pagati.
            che ne sai? leggi
            i titoli di coda di un film, chiama a caso un
            costumista, un doppiatore, un truccatore ecc ecc,
            fammi sapere se lavora un giorno l'anno.Chiedilo tu alle comparse di Cinecittà... in particolare a quelle a cui De Laurentiis ha detto che andrà a girare in Cina.
            I diritti li abbiamo uguali, se però tuo padre e
            mio padre non hanno fatto i creativi, gli
            artisti, ma gli operai per 40 anni mica è un
            problema degli altri, è un problema tuo e mio.No, è un problema della società perché crea una disparità che non ha motivo di esserci.
            Comunque l'eredità che ti hanno lasciato si vede
            benissimo sia nel mio che nel tuo caso, la parola
            rispetto non è contemplata a quanto pare.Io mostro rispetto per chi me ne mostra a sua volta. Non per chi pretende soldi per darmi qualcosa che so farmi da solo, perché fare copie è una cosa che so fare da solo.
            Tu puoi continuare a far finta per un anno intero
            che quel CD di cui fanno la copia l'abbiano
            trovato sotto un cavolo,Il CD è un <b
            oggetto promozionale </b
            che serve a far capire "volete sapere come sono bravo e quali brani vi posso eseguire dal vivo" a chi ascolta.Non potrebbe essere altrimenti, visto che al giorno d'oggi i cd non vengono registrati così al primo colpo senza aggiustamenti.Tra autotuning, e passaggi più complicati ripetuti diverse volte, del cantante e degli strumentisti non rimane più niente.Il CD è quindi la pubblicità del concerto, e come tutte le pubblicità, deve essere gratuito. Nessuno paga per avere pubblicità. Al contrario, alcuni per riceverla si fanno pagare.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant
            salta a piè pari i mesi
            se non gli anni di lavoro che ci sta spesso
            dietro un lavoro, le migliaia di persone che
            hanno partecipato per arrivare a quel risultato.Al massimo un centinaio. Un CD non è un film eh, se no dicevi DVD.Ma tutti quelli che lavorano facendo pubblicità i soldi li vedono dopo.SE li vedono, perché non è comunque scontato.Sono investimenti, ed esattamente come quando investi in borsa, potrebbero andare male.Nessuna legge salva il sedere di chi fa investimenti sbagliati in borsa, non vedo perché dovrebbero farlo (ed invece lo fanno) quando si investe in un prodotto multimediale (audio o video che sia).
            Fai finta di niente, continua così, a me fa solo
            che piacere. A che ci sei dimmi dove trovi i semi
            per l'albero di CD o blueray che lo pianto anche
            io in giardino.Si chiama masterizzatore, ma non lo uso più tanto. Quello che mi interessa lo ascolto o lo guardo in streaming, se poi mi piace me lo scarico, altrimenti nemmeno quello.
            Perchè tu sei un poveretto (senza offesa) che
            lavora da solo, allora pensi che 2001 odissea
            nello spazio l'ha fatto Kubrik da solo, un
            anticipo all'inizio, a metà lavoro ed alla
            consegna.Continui a mischiare audio con video. I film devono guadagnare (e lo fanno) tramite le <b
            SALE CINEMATOGRAFICHE </b
            e i <b
            PASSAGGI TELEVISIVI </b
            .Ho già spiegato che al cinema si paga sempre uguale a prescindere da quanto è costato girare il film, segno quindi che paghi la sala, non la pellicola.La musica deve guadagnare tramite i <b
            concerti dal vivo </b
            .Chi scrive musica deve guadagnare tramite le <b
            commissioni </b
            .
            Si si, va proprio così di solito. Ma
            vai fuori a vedere il mondo, visita le aziende,
            tanto il tuo client torrent lavora lo stesso nel
            frattempo.Ma vacci tu a vedere il mondo, magari fuori dagli uffici della siae e delle sedi delle major, e di qualche videotecaro rimasto all'epoca in cui si noleggiavano i film (pirati) in super8.Mai sentito parlare di web 2.0?Secondo te tra una live di Yotobi e un cinepanettone io cosa mi guardo?
            No, delinquenti principalmente.Non avevo dubbi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 luglio 2014 15.08-----------------------------------------------------------
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant


            Chi lo fa non ha rispetto per niente e per


            nessuno,

            Chi lo fa fa un favore all'umanità. E' un

            benefattore, che combatte contro l'arroganza dei

            potenti che pretendono di far soldi vendendo

            senza vendere, perché VENDERE significa una cosa

            ben precisa, tu ti prendi i miei soldi, io mi

            prendo il tuo bene E TU POI QUEL BENE NON CE

            L'HAI PIU' E NON PUOI PIU' VENDERLO AD

            ALTRI.

            Se invece decidi di vendere diverse volte la

            stessa cosa, si chiama TRUFFA e devi finire dove

            meriti. Non dietro le sbarre, ma sotto un ponte.

            Qual è il modo più facile per fartici finire?

            Copiare la tua roba e diffonderla gratis? Allora

            è ciò che farò.
            Si si, a me va benissimo vedere come ragioni,
            secondo te un filmetto che costa magari due
            milioncini di euro,E' esattamente come un QUADRO di un pittore più o meno famoso.
            si può prenderlo la data della sua uscita (o
            magari anche prima) e metterlo in sharing,E' l'unica risposta a chi pretende con una spesa di due milioni di non smettere più di guadagnare con quel lavoro nemmeno se ha raddoppiato il ricavo solo con la sala (che continuano a essere piene alla faccia dello sharing, forse perché non tutti a casa hanno uno schermo da 10.000 pollici).
            è tuo diritto secondo te, fallo pure. Certo che lo faccio, non devo certo avere il permesso. Ho due occhi, ho due orecchie e ho una connessione a internet che pago appositamente.Altrimenti a cosa mi servono i 100 mega, me lo dici? A leggere la posta?
            Non leggere i titoli di coda sai, giusto per
            avere una idea di quanta gente ci ha lavorato,
            senza contare spese vive e fornitori non citati.Leggili tu i titoli di coda:"Il film è stato realizzato grazie all'utilizzo del credito d'imposta previsto dalla legge 24/12/2007 n. 244"Quindi l'ho pagato IO, e di conseguenza ne ho tutti i diritti, al pari di tutti gli altri cittadini italiani che pagano regolarmente le tasse e generano quei soldi pubblici con cui è stato fatto.
            Tanto era tuo diritto, se ci hanno guadagnato
            tanto con il cinema è sufficiente,Infatti quello che si ricorda di un film è l'incasso al botteghino.Non certo i dvd.
            se non ci hanno guadagnato allora il fil faceva schifo.Esatto.
            Tutto ragioanto con i soldi,Esattamente come chi pretende di VENDERE delle COPIE spacciandole per COPIE ORIGINALI (copia originale non esiste, una cosa o è una copia o è un originale).
            tu gusto estetico non ne hai, prendi, consumi e condividi,E chi te l'ha detto? Rileggiti tutte le volte che ho parlato dei film che in Italia non si trovano, non sono mai arrivati in sala, e che possiamo vedere solo grazie a Ghezzi. Non certo grazie ai produttori né ai distributori italiani.
            come un uomo che mangia senza assoporare e rimette in circolo
            i suoi escrementi, come un automa.
            Fai pure, spegni il cervello e vai di sharing.Sai fare meglio di così.

            Sei tu che stai cambiando sempre discorso.
            Rileggiti va.


            L'autore rimane l'autore e non è cedibile,

            Che strano, perché dovrebbe far sfruttare ad

            ALTRI una cosa SUA?
            Perché non vuole rotture di coioni, vuole i schei
            e pensare ad altro.Prendesse esempio dal pittore.Il pittore fa un quadro, lo dà alla casa d'aste.La casa d'aste lo vende e si prende una percentuale.Il resto se lo prende il pittore.Il pittore poi se non dipinge più non campa di rendita.
            Come lo sportivo che ha l'agente, come te che hai la
            banca al posto di tenerti tutto sotto il materasso.
            Cresci va.Ma cresci tu. Tu credi che un'opera sia come gli zecchini d'oro di Pinocchio. E i produttori sono per te come il gatto e la volpe.

            Che potrebbe essere stato COSTRETTO da contratti

            capestro?

            Si chiama RIDUZIONE IN SCHIAVITU'.
            Vedo gli autori protestare ogni giorno al
            telegiornale in effetti.Esci tu dal tuo mondo ovattato e informati dagli artisti veri, non quelli che vedi al telegiornale.Quelli che si sono pentiti di aver LORO pagato la siae.

            Io non pretendo niente.
            Noooooo, non pretendi proprio nulla, un uomo schivo e
            ligio al suo dovere a quanto leggo. Questa è bella.Un uomo che accetta il progresso e lo cavalca, non lo ostacola.http://www.partito-pirata.it/2014/07/lindustria-culturale-vuole-rivoluzionare-web-reciproco

            Se tu pretendi di avere
            io proprio noSe non tu, quelli che tu difendi.

            soldi per delle COPIE, che a te non hanno

            comportato nessuna fatica, sei soltanto un pazzo,

            esattamente come uno che mettesse le mele a 100

            euro al kg.
            Eh si, chissà come hanno fatto quel file da 147 gb di
            avatar ad esempio, avranno preso un generatore di byte
            casuale e creato il file no? Che pirlotti che hanno speso
            enne milioni di dollari, avranno esagerato con i pranzi
            al ristorante.Quanto ha guadagnato Avatar solo nella prima settimana di programmazione nelle sale NONOSTANTE la pirateria?E dimmi, qual è il secondo film italiano (il primo è "La vita è bella" uscito in epoca pre-banda larga) ad aver guadagnato più di tutti gli altri film italiani?Per caso è un certo "Benvenuti al Sud" che era disponibile su megaupload e megavideo a qualità DVD il giorno PRIMA che uscisse nelle sale?

            E i pazzi vanno messi in condizione di non

            nuocere.
            Più che d'accordoBene.

            Sì come no.
            Infatti, come no? rileggiti, i tuoi paragoni spariti. Adesso
            la stai buttando nel morale, se mi fanno paura con la
            pubblicità allora io metto in sharing, la copia non costa
            nulla ecc eccPerché, la copia costa qualcosa? Te ne faccio quante ne vuoi. GRATIS. E come me possono farlo anche loro. GRATIS.

            Vuoi fare musica, vieni a suonare davanti a me e

            ti pago la cifra che tu chiedi (o che decidiamo,

            PRIMA, INSIEME).
            Tu non sei un creativo, tu sei poco più che un giradischi,
            solo che hai bravura manuale nel suonare, riproduci da uno
            spartito piuttosto che da un file digitale.Guarda che non mi limito a suonare musica altrui.
            Parla con un creativo e poi fammi sapere.Ne conosco tanti, tutti XXXXXXXti perché la siae non li paga ma intanto i soldi se li prende.

            Vuoi recitare, vuoi fare il regista? Vai nei

            TEATRI.
            Che costano 4 volte quanto un DVD, senza contare i trasporti.E stranamente sono pieni.Però al teatro non ci trovi i vari Gabriel Garko.Ci trovi gli attori VERI.Non quelli che per dire una battuta devono provarla 100 volte.
            Un genio dell'economia direi. Senza contare il prodotto dei teatri
            è differente da un film, fammi odissea 2001 nello spazio al teatro
            se vuoi, dubito sia emozionante come il film. Un genio proprio.Ma che c'azzecca, la fantascienza è ovvio che rende meglio in un film, ma allora torniamo al discorso di prima: quanto ha guadagnato Avatar NONOSTANTE IL FATTO CHE L'ABBIA PIRATATO MEZZO MONDO?
          • Ignurant scrive:
            Re: 1.300.000 euro


            E' l'unica risposta a chi pretende con una spesa
            di due milioni di non smettere più di guadagnare
            con quel lavoro nemmeno se ha raddoppiato il
            ricavo solo con la sala (che continuano a essere
            piene alla faccia dello sharing, forse perché non
            tutti a casa hanno uno schermo da 10.000
            pollici).
            Adesso ti faccio uscire di testa, mi dispiace. Ti faccio notare che il tuo status mentis dice "Io posso scaricare/mettere in sharing quello che mi pare perchè hanno già guadagnato abbastanza". Bene. Traduzione: "io decido quanto debbano guadagnare gli altri", corollario "non esiste il guadagno, il lavoro deve essere retribuito tanto da coprire le spese e le necessità primarie", per assurdo "se ho già una dimora di mia proprietà il mio lavoro può essere scontato dei 400/500 euro di affitto o mutuo che non pago". Giusto? Hai mai letto Marx?Io vorrei tanto sapere se i tuoi clienti ti chiedono la dichiarazione dei redditi per decidere quanto pagarti, lo fanno? E avrei un'altra domanda: quanto si può guadagnare al mese? qual'è lo stipendio giusto? 1200? 1500? fammi sapere che mi regolo
            Certo che lo faccio, non devo certo avere il
            permesso. Ho due occhi, ho due orecchie e ho una
            connessione a internet che pago
            appositamente.
            Altrimenti a cosa mi servono i 100 mega, me lo
            dici? A leggere la
            posta?
            Io avrei anche un cervello, vedo che tu non lo menzioni invece, ci sarà un motivo.
            Leggili tu i titoli di coda:
            "Il film è stato realizzato grazie all'utilizzo
            del credito d'imposta previsto dalla legge
            24/12/2007 n.
            244"
            Quindi l'ho pagato IO, e di conseguenza ne ho
            tutti i diritti, al pari di tutti gli altri
            cittadini italiani che pagano regolarmente le
            tasse e generano quei soldi pubblici con cui è
            stato
            fatto.
            E si, certo, sapevo che ti guardi i cinepanettoni, stai lottando per la libera circolazione di quella roba.
            Infatti quello che si ricorda di un film è
            l'incasso al
            botteghino.
            Non certo i dvd.Dal quale valuti se il film è bello o meno, se debba essere condiviso o meno.

            Esattamente come chi pretende di VENDERE delle
            COPIE spacciandole per COPIE ORIGINALI (copia
            originale non esiste, una cosa o è una copia o è
            un
            originale).Nel digitale può esistere una copia uguale all'originale che è diversa dalla copia fatta dalla cam al cinema.

            E chi te l'ha detto? Rileggiti tutte le volte che
            ho parlato dei film che in Italia non si trovano,
            non sono mai arrivati in sala, e che possiamo
            vedere solo grazie a Ghezzi. Non certo grazie ai
            produttori né ai distributori
            italiani.Proprio per quelli le major si strappano i capelli.

            Prendesse esempio dal pittore.
            Il pittore fa un quadro, lo dà alla casa d'aste.
            La casa d'aste lo vende e si prende una
            percentuale.
            Il resto se lo prende il pittore.
            Il pittore poi se non dipinge più non campa di
            rendita.
            Può anche prendere esempio dal lattaio, non è quello il punto, il punto è che il lavoro di creazione e l'investimento che ci fai non è paragonabile al lavoro del pittore o dello scultore.

            Ma cresci tu. Tu credi che un'opera sia come gli
            zecchini d'oro di Pinocchio. E i produttori sono
            per te come il gatto e la
            volpe.Veramente i produttori prendono i soldi loro e li investono, quando farai lo stesso tu, a rischio tuo, con i soldi tuoi, allora potrai parlare.

            Esci tu dal tuo mondo ovattato e informati dagli
            artisti veri, non quelli che vedi al
            telegiornale.
            Quelli che si sono pentiti di aver LORO pagato la
            siae.Pieno il mondo direi

            Un uomo che accetta il progresso e lo cavalca,
            non lo
            ostacola.Questo mi era chiarissimo, clonano anche i bancomat con il progresso, perché non cavalcarlo?

            Se non tu, quelli che tu difendi.Io difendo il lavoro degli altri, e neppure quello dei famosi che non me ne può XXXXXXX di meno, ma quello delle migliaia di persone che ci sono dietro progetti che nemmpure hai idea di come fanno a nascere.

            Quanto ha guadagnato Avatar solo nella prima
            settimana di programmazione nelle sale NONOSTANTE
            la
            pirateria?
            E dimmi, qual è il secondo film italiano (il
            primo è "La vita è bella" uscito in epoca
            pre-banda larga) ad aver guadagnato più di tutti
            gli altri film
            italiani?
            Per caso è un certo "Benvenuti al Sud" che era
            disponibile su megaupload e megavideo a qualità
            DVD il giorno PRIMA che uscisse nelle
            sale?A me non interessa quello perché, lo ripeto, io non guardo i soldi, io non scarico un film o lo metto in sharing perché decido che hanno guadagnato abbastanza, io non sto dicendo che domani falliscono. Io sto dicendo che c'è gente come te che decide quanto debbano guadagnare gli altri e che il loro lavoro non conta e costa nulla, essende copia digitale. E questo, lo ripeto, si riflette in tutti gli aspetti della vita.

            Perché, la copia costa qualcosa? Te ne faccio
            quante ne vuoi. GRATIS. E come me possono farlo
            anche loro.
            GRATIS.Facciamo così: fai tu un lavoro da 5 miliodi di dollari e poi io le copie. A no, tu guardacaso vuoi stare dalla parte delle copie vero?
            Guarda che non mi limito a suonare musica altrui.Altrui? perché dici altrui? l'opera è di tutti una volta suonata, o no? E dimmi un po', ti pagano come Allevi? No? chissà perché. Del resto da qualche parte deve pur scaturire tutta questa frustrazione e denigrazione del prossimo.
            Ne conosco tanti, tutti XXXXXXXti perché la siae
            non li paga ma intanto i soldi se li
            come no, nomi niente mi raccomando
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant
            Adesso ti faccio uscire di testa, mi dispiace. Ti
            faccio notare che il tuo status mentis dice "Io
            posso scaricare/mettere in sharing quello che mi
            pare perchè hanno già guadagnato abbastanza".
            Bene. Traduzione: "io decido quanto debbano
            guadagnare gli altri", corollario "non esiste il
            guadagno, il lavoro deve essere retribuito tanto
            da coprire le spese e le necessità primarie", per
            assurdo "se ho già una dimora di mia proprietà il
            mio lavoro può essere scontato dei 400/500 euro
            di affitto o mutuo che non pago". Giusto? Hai mai
            letto Marx?Non mi sono limitato a "leggerlo": l'ho studiato.
            Io vorrei tanto sapere se i tuoi clienti ti
            chiedono la dichiarazione dei redditi per
            decidere quanto pagarti, lo fanno? E avrei
            un'altra domanda: quanto si può guadagnare al
            mese? qual'è lo stipendio giusto? 1200? 1500?
            fammi sapere che mi regoloQuanto basta per una vita dignitosa. Visto che parliamo di libera professione non si può parlare di stipendio, ma volendo arrotondare possiamo dire che 2000 siano più che sufficienti contando anche che uno spesso ha famiglia e che nessuno l'ha obbligato a vivere nel lusso. Se vuole vivere nel lusso può sempre andare a lavorare, facendo i concerti, facendo teatro, facendo qualcosa che gli procuri il guadagno giorno per giorno.
            Io avrei anche un cervello, vedo che tu non lo
            menzioni invece, ci sarà un motivo.Quello dà la capacità di intelligere ciò che vedi e ascolti.
            E si, certo, sapevo che ti guardi i
            cinepanettoni,Perché "Benvenuti al Sud" è un cinepanettone?O magari lo è quella XXXXXta di "6 giorni sulla terra"?
            stai lottando per la libera
            circolazione di quella roba.Guarda che tutti i film fatti in Italia ed usciti dopo il 2007 hanno quella roba nei titoli di coda.Mica solo i cinepanettoni.Dimmene uno (non cinepanettone ed uscito dopo il 2007) che non ce l'ha.
            Dal quale valuti se il film è bello o meno, se
            debba essere condiviso o meno.No, dal quale valuto solo se ha incassato più di quanto è costato e quindi non faccio alcun danno mettendolo in sharing.
            Nel digitale può esistere una copia uguale
            all'originale che è diversa dalla copia fatta
            dalla cam al cinema.Se parliamo di film recenti l'originale è perlomeno in 4K (se digitale) o in pellicola (se analogico).Quindi qualunque copia diversa dal 4K non sarà più "originale" perché avrà subito, nel migliore dei casi, una riduzione del dettaglio, se non anche una ricompressione (visto che tanto il BR quanto il DVD usano video ed audio compressi).
            Proprio per quelli le major si strappano i
            capelli.Quindi se non frega alle major perché dovrebbe XXXXXXX a me?
            Può anche prendere esempio dal lattaio, non è
            quello il punto, il punto è che il lavoro di
            creazione e l'investimento che ci fai non è
            paragonabile al lavoro del pittore o dello
            scultore.Invece sì, perché il pittore e lo scultore creano esattamente come lo sceneggiatore e il compositore.Solo che lo scultore in genere poi non va a mettere la statua in uno stampo per venderne le copie e tenersi l'originale lui.Pur essendo tale tecnologia di copia disponibile, a costo abbastanza irrisorio, da secoli.
            Veramente i produttori prendono i soldi loro e li
            investono, quando farai lo stesso tu, a rischio
            tuo, con i soldi tuoi, allora potrai
            parlare.Non li investono perché c'è lo stato che gli copre il sedere se non rientrano.Non si può parlare di investimento se non esiste un fattore di rischio.Una giocata alla roulette è meglio investita.
            Pieno il mondo direiIl 60% degli autori iscritti alla SIAE è in perdita:http://brunosaetta.it/attualita/la-siae-e-il-diritto-dautore.html
            Questo mi era chiarissimo, clonano anche i
            bancomat con il progresso, perché non
            cavalcarlo?Perché clonando il bancomat i soldi spariscono da un conto, quindi si crea un danno misurabile e dimostrabile.A differenza della copia di un DVD, che non crea nessun danno dimostrabile (non hai nessun elemento per dimostrare che in mancanza della copia io avrei comprato l'originale) né misurabile (i tuoi soldi ed il tuo conto in banca sono rimasti identici).
            Io difendo il lavoro degli altri,No, tu stai difendendo i parassiti che sfruttano il lavoro degli altri e fanno lobbismo sui governi unicamente per trarne vantaggio economico a sé stessi, a discapito dei cittadini e delle più elementari regole di democrazia e di privacy (quello che faccio in rete, con i miei amici, sono fattacci miei; e tu, che non sei nemmeno lo stato ma un'azienda privata che ha pure la residenza in un paradiso fiscale e quindi nemmeno finanzi il mio stato, non devi metterci il becco).
            e neppure
            quello dei famosi che non me ne può XXXXXXX di
            meno, ma quello delle migliaia di persone che ci
            sono dietro progetti che nemmpure hai idea di
            come fanno a nascere.Tipo il 60% degli iscritti alla SIAE che non riesce neanche a coprire la quota di iscrizione?http://brunosaetta.it/attualita/la-siae-e-il-diritto-dautore.html
            A me non interessa quello perché, lo ripeto, io
            non guardo i soldi, io non scarico un film o lo
            metto in sharing perché decido che hanno
            guadagnato abbastanza, io non sto dicendo che
            domani falliscono. Io sto dicendo che c'è gente
            come te che decide quanto debbano guadagnare gli
            altriCerto.E' esattamente quello che fanno tutti i datori di lavoro con gli impiegati e gli operai.Noi siamo i datori di lavoro di questa marmaglia.Senza i nostri soldi, loro chiuderebbero.Se non sono d'accordo, possono sempre decidere di scioperare.Sono 30 anni che dicono che la pirateria ammazza il cinema e la musica e il software e continuano a produrne.Sto ancora aspettando che smettano.
            e che il loro lavoro non conta e costa
            nulla, essende copia digitale.Infatti la copia digitale costa e conta zero.
            E questo, lo
            ripeto, si riflette in tutti gli aspetti della
            vita.Se hanno fatto della vita un business basato applicando le regole del 1790 a prodotti del 2014, non è colpa mia.
            Facciamo così: fai tu un lavoro da 5 miliodi di
            dollari e poi io le copie. A no, tu guardacaso
            vuoi stare dalla parte delle copie vero?Io prima di dare il lavoro a chicchessia mi farei dare i soldi che voglio farci.Come faresti a copiare qualcosa che ho solo io, se non sono disposto a dartelo se non in cambio della cifra che ho deciso?Dopo che mi hai dato i soldi, l'opera è tua, fanne quello che ti pare.Esattamente come quando ordini al ristorante, nessuno ti obbliga a mangiare quello che hai ordinato, basta solo che lo paghi.Se vuoi esaminarlo o metterlo in un contenitore per replicartelo con calma a casa, sei liberissimo di farlo.
            Altrui? perché dici altrui?Per far capire a te perché tu non ci arrivi.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant
            l'opera è di tutti
            una volta suonata, o no? E dimmi un po', ti
            pagano come Allevi? No? chissà perché. Del resto
            da qualche parte deve pur scaturire tutta questa
            frustrazione e denigrazione del prossimo.Allevi non sa suonare e fa roba commerciale.Se vuoi sentire uno bravo, ascolta Stefano Bollani.Ma tu non eri quello che diceva che io guardo i cinepanettoni?
            come no, nomi niente mi raccomandoBasta che guardi sul sito siae, inserisci una parola generica (chessò "amore") e cerchi poesie, racconti, libri, canzoni e film con dentro questa parola, e vedi l'elenco degli autori.Di tutti quelli che vedi, 6 su 10 non rientrano dei costi di iscrizione.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant

            Vuoi guadagnare col software? trovati sponsor,

            gli store sono pieni di app gratuite, eppure chi

            le fa ci guadagna...
            Insomma, non è proprio così, le app gratuite spesso tentato di
            incul. l'utilizzatore tra qacusiti in app e pubblicità cliccabili
            quasi per forza di software veramente gratuito ne esiste ma non
            è la maggior parte di certo.Se non vuoi quelle cose sei libero di pagare, non voglio impedirtelo. Ma lascia agli altri la possibilità di scegliere tra versione con pubblicità ma gratis e versione a pagamento senza pubblicità.Ovviamente con le stesse altre caratteristiche.Questa è la libertà di scelta.Se voglio vedere un film in streaming fammelo vedere mettimi pure 10 spot pubblicitari prima, ma poi deve essere GRATIS.Non impedire a me di vederlo GRATIS.Gli sponsor pagheranno al posto mio.Non vuoi la pubblicità? Paga pure, mica voglio impedirtelo. Ma la tua non deve essere un'imposizione, non deve essere l'unico modo di vedere il film, deve essere una delle tante possibilità.Vale lo stesso per qualunque altra cosa.Spotify per la musica funziona in questo modo.E funziona benissimo.Perché non dovrebbe essere lo stesso per un software, per un film o per un libro? (stiamo comunque sempre parlando di formati elettronici non di bene fisico)

            Se invece pretendi di far soldi vendendomi copie,

            sei un verme e devi fallire.
            Se lo decidi tu a me sta bene, vediamo quando qualcuno deciderà
            che è verme chi usa l'autocomposizione con quattro accordi da
            tastiera.Per me possono crepare, ma tanto finché si noterà la differenza la gente che ne capisce non gli dà retta.

            Sì certo...
            VEdo che l'ammetti alla fine, bene, ne sono contentoAnch'io.
          • Ignurant scrive:
            Re: 1.300.000 euro


            Se non vuoi quelle cose sei libero di pagare, non
            voglio impedirtelo. Ma lascia agli altri la
            possibilità di scegliere tra versione con
            pubblicità ma gratis e versione a pagamento senza
            pubblicità.
            Ovviamente con le stesse altre caratteristiche.
            Questa è la libertà di scelta.Ci mancherebbe, sto dicendo che non gratis nessuna delle due, stai solo pagando in un altro modo. La roba gratis è ben poca.
            Se voglio vedere un film in streaming fammelo
            vedere mettimi pure 10 spot pubblicitari prima,
            ma poi deve essere
            GRATIS.DEVE! Ma non pretendi nulla mi pare.
            Non impedire a me di vederlo GRATIS.NO! E' un tuo diritto!!! E chi te lo impedisce?
            Gli sponsor pagheranno al posto mio.Basta che paghi qualcun altro che non sia io. A proposito, lo usano già questo sistema, accendi la TV ed è pieno di film con pubblicità.
            Non vuoi la pubblicità? Paga pure, mica voglio
            impedirtelo. Ma la tua non deve essere
            un'imposizione, non deve essere l'unico modo di
            vedere il film, deve essere una delle tante
            possibilità.L'importante che tra le tante possibilità ce ne sia una che preveda di vederlo aggratis da casa, possibilmente salvarlo e condividerlo.
            Vale lo stesso per qualunque altra cosa.
            Spotify per la musica funziona in questo modo.
            E funziona benissimo.Una pacchia. Usa quello allora, che problemi ci sono? Io l'ho detto 6 ore fa che ci sono mezzi legalissimi per vedere/ascoltare quello che ti pare.
            Perché non dovrebbe essere lo stesso per un
            software, per un film o per un libro? (stiamo
            comunque sempre parlando di formati elettronici
            non di bene
            fisico)
            Non lo so. Vedo che per magia ti sta bene che se vendo un libro cartaceo l'autore ed editore prenda una percentuale, se vendono un epub no. Quando si dice la coerenza. Ma è spiegato dal principo precedente in effetti: basta che ci sia un metodo per averlo aggratis, che paghi qualcun altro.
            Anch'io.ciao
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Ignurant
            Ci mancherebbe, sto dicendo che non gratis
            nessuna delle due, stai solo pagando in un altro
            modo. La roba gratis è ben poca.Se vogliono e riescono a guadagnarci senza costringere gli utenti a pagare di tasca loro io non ho mai avuto nulla in contrario. L'errore è pretendere di far soldi dalle tasche degli utenti.

            Se voglio vedere un film in streaming fammelo

            vedere mettimi pure 10 spot pubblicitari

            prima, ma poi deve essere

            GRATIS.

            DEVE! Ma non pretendi nulla mi pare.E ci mancherebbe altro che dopo essermi sorbito 10 pubblicità debba pure pagare!! Ma ci fai o ci sei??

            Non impedire a me di vederlo GRATIS.

            NO! E' un tuo diritto!!! E chi te lo impedisce?Certo che è un mio diritto.Come è un tuo diritto quello di devolvere tutto il tuo stipendio all'arciconfraternita segreta delle major americane.Solo fatti fare la ricevuta, perché dirottare soldi su conti correnti situati alle isole Cayman non è ben visto dalla Guardia di Finanza e fa scattare i controlli incrociati.

            Gli sponsor pagheranno al posto mio.

            Basta che paghi qualcun altro che non sia io. A
            proposito, lo usano già questo sistema, accendi
            la TV ed è pieno di film con pubblicità.Peccato non siano recenti e comunque la TV è solo uno dei mezzi di diffusione, peraltro pure abbastanza scomodo perché devi sottostare ai palinsesti.Serve un servizio stile Popcorn TV, ma con molti più film e anche recenti. Una roba tipo Netflix dove uno però sia libero1) di scegliere di pagare ogni film (senza pubblicità)2) oppure di scegliere di pagare un abbonamento mensile (senza pubblicità)3) oppure di scegliere di non pagare (e vedersi la pubblicità)Pensa, se ci fosse un servizio del genere e funzionasse, potrei persino pensare di abbonarmici, se il costo non fosse proibitivo.Ma il catalogo dovrebbe essere vasto almeno quanto quello di Netflix e non dei surrogati ridicoli che sono usciti ora tipo Infinity o Sky Online (dove non c'è una versione gratuita, dove peraltro nemmeno tutti i film sono inclusi ma anzi una buona parte pretendono soldi A PARTE oltre quelli dell'abbonamento).[yt]UohUQUuF7PI[/yt]

            Non vuoi la pubblicità? Paga pure, mica
            voglio

            impedirtelo. Ma la tua non deve essere

            un'imposizione, non deve essere l'unico modo
            di

            vedere il film, deve essere una delle tante

            possibilità.

            L'importante che tra le tante possibilità ce ne
            sia una che preveda di vederlo aggratis da casa,
            possibilmente salvarlo e condividerlo.Nel momento in cui si vede gratis e c'è certezza che non lo cancellino dal servizio (o peggio lo rendano a pagamento) non c'è motivo di salvarlo, né di condividerlo.Esattamente come per la musica. Chi se la scarica più quando c'è Spotify e Youtube?

            Vale lo stesso per qualunque altra cosa.

            Spotify per la musica funziona in questo
            modo.

            E funziona benissimo.

            Una pacchia. Usa quello allora, che problemi ci
            sono?E infatti lo faccio, uso Spotify e Youtube (che paga tutti i diritti grazie al ContentID), ma per i film non ci sta niente del genere. E sarebbe ora che ci fosse.
            Io l'ho detto 6 ore fa che ci sono mezzi
            legalissimi per vedere/ascoltare quello che ti
            pare.E infatti gratis non vuol dire illegale.Se sono gratis vanno bene.Se non ci sono alternative gratis legali, è ovvio che uno si rivolge all'illegale. Ma è colpa di chi non fa alternative gratis legali, o meglio, di chi non permette che ci siano (perché figurati se nessuno ci ha pensato).

            Perché non dovrebbe essere lo stesso per un

            software, per un film o per un libro? (stiamo

            comunque sempre parlando di formati
            elettronici

            non di bene

            fisico)



            Non lo so. Vedo che per magia ti sta bene che se
            vendo un libro cartaceo l'autore ed editore
            prenda una percentuale, se vendono un epub no.Perché il cartaceo ha un costo vivo a prescindere ed il costo di un libro essendo fatto a livello industriale è generalmente più basso di quanto costerebbe stamparselo e rilegarselo a casa propria.Quindi finché tale costo rimane più basso di quanto costerebbe stamparmelo io, mi è indifferente se l'autore e l'editore si prendano una percentuale.Nel caso dei libri più cari, come quelli scolastici o universitari, dove il costo del libro in vendita è superiore a quello del libro fotocopiato,invece, è giusto andare di fotocopie o anche di scansioni perché è segno che autore ed editore ci vogliono marciare e vogliono farlo sulla pelle e sulle tasche degli studenti e delle loro famiglie (ed il diritto allo studio è enormemente più importante di un diritto di sfruttamento economico, che non a caso è definito di SFRUTTAMENTO).
            Quando si dice la coerenza. Ma è spiegato dal
            principo precedente in effetti: basta che ci sia
            un metodo per averlo aggratis, che paghi qualcun
            altro.Non hai capito niente e non mi stupisce.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 luglio 2014 15.56-----------------------------------------------------------
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            Lindustria culturale vuole rivoluzionare il web. E reciproco.Apprendiamo oggi che il Sig. Polillo, editore e presidente di Confindustria Cultura Italia, ha deciso di esprimere al mondo quella che è la sua concezione di web in questo recente articolo apparso online, sul sito ufficiale di Laura Boldrini. E probabilmente, non solo la sua.Mai lettura è stata più dolorosa, dellapprendere che qualcuno preferisca anteporre gli interessi economici di pochi ai diritti di molti. Ma il culmine del dolore sfocia nel momento in cui il web viene considerato al pari di una qualsiasi Azienda, al pari di un qualsiasi mercato economico, in unottica meramente finanziaria orientata al profitto. Profitto, inutile dirlo, generato ai danni di tutti.Cè troppa mistificazione, in tutto questo. Si tratta di un attacco frontale atto a sminuire chi, come noi, il web lo difende a spada tratta. Vogliono etichettarci come difensori di non si sa quale potente lobby economica inesistente, quando in realtà gli unici a trarre profitto da possibili limitazioni del diritto allespressione dei netizens sono proprio quelle Aziende rappresentate dalla Confederazione.Non esistono produttori di cultura, la cultura deve essere di tutti. Non esiste il furto di film o di qualsiasi altra opera intellettuale digitale, ne esiste la condivisione su larga scala. Lavvento di Internet ha cambiato molte cose, ma quello che molti non hanno ancora realizzato è che il web può essere un enorme propulsore per leconomia. Il problema è lapproccio.La cultura non ha bisogno di essere creata, veicolata, plasmata a misura di conto corrente. La cultura ha bisogno di essere diffusa e condivisa a titolo gratuito, generando interesse mediatico ed attenzione, per poi essere eventualmente monetizzata tramite canali alternativi. La cultura è il nostro passato, il nostro presente, e vogliamo che sia anche il nostro futuro. Ma in un mondo nel quale linformazione viaggia in tempo reale, che senso ha cercare di applicare ragionamenti capitalistici che nulla hanno a che vedere con il concetto stesso di cultura? Che senso ha proporre al pubblico prodotti che non desiderano a prezzi poco appetibili, quando si potrebbe abbracciare il crowd-funding per fornire loro ciò che desiderano alla giusta cifra?Lindustria dei contenuti vittima del 2.0 non ha saputo adeguarsi a quello che è lo spirito libero, un po anarchico, del web. Non ha saputo capire che per attuare quella transizione dal reale al virtuale di cui si parla, bisogna rivedere i fondamenti stessi di un sistema capitalistico che non tiene conto degli interessi dellutente finale. E quella stessa industria oggi è lì, alla porta, pronta a sfondarla ed a fare irruzione per arrestare tutti coloro che hanno scelto la Rete come casa: godendo nel privare la gente della loro felicità.E visto che, a dire di altri, la nostra è una posizione di assoluto dominio nel mondo del web lasciatecelo dire, in conclusione, evidentemente non siamo gli unici a pensarla così. Là fuori è pieno di Pirati che inconsapevolmente militano nel perseguire i nostri stessi obiettivi. Ed è solo grazie a loro che oggi possiamo scrivere la presente risposta in quello che consideriamo essere un angolo di utopia, ci rattrista solo vedere che altre persone invece di godersi le infinite possibilità di tutta questa tecnologia pensano invece ad inseguire una gioia effimera e decisamente egoista.http://www.partito-pirata.it/2014/07/lindustria-culturale-vuole-rivoluzionare-web-reciproco/
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            contenuto non disponibile
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: 1.300.000 euro
        - Scritto da: Allibito
        Sono diverse le parole di cui non conosci il
        significato e tutto il tuo discorso fa acqua da
        tutte le parti.Sì come no...
        1) Non capisco chi altri si accontenta di
        guadagnare quanto stabilito da te e non quanto
        stabilisca il mercato.E il mercato cos'è? IL MERCATO SIAMO NOI, quanto NOI siamo disposti a pagare, e si fa una media tra tutti quanti, se la stragrande maggioranza è disposta a pagare ZERO, la media sarà talmente bassa che i ricavi pubblicitari basteranno a coprirla abbondantemente.Del resto, è già così per la musica, con Spotify e con ContentID su Youtube. Non vedo perché dovrebbe essere diverso per altro.
        2) inutile per chi? per te forse, sarebbe come
        dire aboliamo i treni perchè io vado sempre in
        macchina. Tu sei padrone di vedere film come
        credi, altri non la pensano come te e hanno il
        piacere di acquistare l'opera del loro artista
        preferito nel formato che preferiscono e credo
        che meritino il tuo rispetto.Ma infatti io non impedisco a nessuno di pagare per vedere, magari seduto in una comoda poltrona di un cinema con schermo da 10000 pollici e in mezzo a centinaia di persone. TU vuoi impedire a me di NON pagare se sto seduto nel mio salone e guardo il mio televisore che ho comprato, mentre tu non hai comprato il proiettore e lo schermo del cinema ed è per questo che devi pagare il biglietto per andarci, e lo paghi uguale a prescindere se il film è costato 100 euro o 100 milioni, segno che tu stai pagando il cinema, non il film. Infatti al produttore del film vanno solo una parte di quei soldi, mica tutti.
        3)Sei ancora libero di farlo tu, crea un'opera e
        poi divulgala come meglio credi,Già lo faccio.Anche queste cose che scrivo sono opere dell'ingegno, visto che non sto scrivendo caratteri a caso.Questo non impedisce a te di vederli e anche di rispondermi, nonostante il tuo atteggiamento mi stia sui maroni.
        sembri un genio
        della finanza che ha capito ciò che centinaia di
        manager non riescono a capire,Infatti è esattamente così. Spotify lo ha dimostrato. ContentID di Youtube lo ha dimostrato. La stragrande maggioranza della musica oggi è ascoltabile da Internet gratis e legalmente. Una cosa che i plurilaureati manager delle case discografiche hanno sempre contrastato, fin da prima di Napster.
        ma le opere
        purtroppo per te sono loro e a loro spetta
        decidere.Non sono più loro nel momento in cui le hanno PUBBLICATE, così come io non posso impedirti di leggere questo messaggio loro non possono impedirmi di ascoltare la musica che voglio. Anche se tu non paghi, e anche se io non pago.
        I costi sono stati ammortizzati? Come
        dire che se compro una macchina da noleggiare,
        una volta raggiunto la spesa per l'acquisto,
        posso regalarla. Prova a dividere anche le
        perdite, allora. :-)Se la macchina una volta regalata rimanesse comunque nella tua piena disponibilità al punto che potresti usarla tutte le volte che vuoi, perché non dovresti regalarne delle copie digitali che non ti costa nulla produrre? Per fare una copia digitale non devi pagare operai, non devi pagare materiali, non devi pagare energia, non devi pagare trasporto. A te non costa nulla e la macchina non te la toglie. Quindi perché non dovresti farne una copia digitale?
        4) Tasto ironia on - Lo so che sono tutti in
        perdita e i gestori sono tutti buoni samaritani,
        so anche che gli asini volano e il nostro Signore
        è morto di freddo, ma sfruttare il lavoro e gli
        investimenti di altri non è ammesso dalla legge,
        anche se si capisce benissimo che lo facciano con
        scopi umanitari, il simpatico gestore di Mega ne
        è una dimostrazione evidente. Tasto ironia
        off.Mi spiegheresti come farebbe un utente di un forum a guadagnare soldi mettendo dei link a degli hash di torrent? Eppure è esattamente quello che dicono di chi fa release su scambioetico.In tempi di crisi potrebbe essere un bel business da fare, naturalmente con opere di mia creazione, senza bisogno di far pagare nessuno. Regalo le mie opere al mondo e ci guadagno pure.
        I produttori non conosceranno la parola
        "volontariato" ,ma i tuoi amici non conoscono le
        parole "lavorare, ideare, investire, realizzare,
        produrre, distribuire ecc ecc". Divulgare e
        lucrare quel che ha fatto un altro, non è proprio
        un comportamento da tenere ad esempio.Fare delle copie digitali non è un lavoro.L'opera è già stata creata, se ha ricevuto soldi per via tradizionale (analogica, supporto fisico, cinema) bene, altrimenti se vuole prenderli dalle nuove tecnologie deve imparare a seguirne le regole. Le regole sono: tutto ciò che è digitale è gratuito, chi divulga è libero di guadagnare come gli pare ma non chiedendo soldi a chi riceve, perché continua ad essere in possesso del file e quindi non sta rinunciando a nulla, pertanto tale mancata perdita non c'è motivo di retribuirla (a differenza di un supporto fisico che ha dei costi).Pretendere soldi per una JPG della foto della Gioconda è ridicolo, e non perché la Gioconda è stata dipinta secoli fa, ma perché la JPG di un quadro non prevede nessuno sforzo e quindi non può prevedere compenso.
        • Allibito scrive:
          Re: 1.300.000 euro
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          E il mercato cos'è? IL MERCATO SIAMO NOI, quanto
          NOI siamo disposti a pagare, e si fa una media
          tra tutti quanti, se la stragrande maggioranza è
          disposta a pagare ZERO, la media sarà talmente
          bassa che i ricavi pubblicitari basteranno a
          coprirla
          abbondantemente.
          Del resto, è già così per la musica, con Spotify
          e con ContentID su Youtube. Non vedo perché
          dovrebbe essere diverso per
          altro.Sbagliato, tu non fai parte del mercato, ne fanno parte solo chi vende e chi compra, tu sei fuori dal mercato e le tue idee non possono interessare nessuno. Devi uscire da P.I. e scoprirai che fuori c'è un mondo...YT non paga i diritti ed è costretto a rimuovere i contenuti.
          Ma infatti io non impedisco a nessuno di pagare
          per vedere, magari seduto in una comoda poltrona
          di un cinema con schermo da 10000 pollici e in
          mezzo a centinaia di persone. Infatti al produttore del film vanno
          solo una parte di quei soldi, mica
          tutti.Al produttore vanno tutti i diritti, tranne la parte spettante alla filiera, naturalmente, ma sei sempre fuori, tu puoi comprarti anche una sala cinema, ma sempre devi comprare le immagini che vuoi proiettare, a meno che non proietti il filmino della tua comunione.LE OPERE NON SONO TUE, puoi scegliere solo se e cosa comprare, non puoi pensare di decidere per le cose di altri.

          3)Sei ancora libero di farlo tu, crea
          un'opera
          e

          poi divulgala come meglio credi,

          Già lo faccio.Hai rinunciato a guadagni milionari immagino, anche io ho fatto un paio di filmati e l'ho messi su youtube, non per questo mi sento di pretendere film (veri) gratis da altri.
          Anche queste cose che scrivo sono opere
          dell'ingegno, visto che non sto scrivendo
          caratteri a caso.
          Questo non impedisce a te di vederli e anche di
          rispondermi, nonostante il tuo atteggiamento mi
          stia sui
          maroni.Lo vedi che la cosa è reciproca? hahahah.Dimentichi la sottile differenza tra le cose senza senso che scrivi e un'opera d'ingegno, non basta mettere due note in fila o tre fotogrammi o quattro lettere per pretendere i diritti e non saresti comunque obbligato, rimani libero di continuare a donare perle di saggezza al mondo, nessuno te lo impedirà.

          Infatti è esattamente così. Spotify lo ha
          dimostrato. ContentID di Youtube lo ha
          dimostrato. La stragrande maggioranza della
          musica oggi è ascoltabile da Internet gratis e
          legalmente. Una cosa che i plurilaureati manager
          delle case discografiche hanno sempre
          contrastato, fin da prima di
          Napster.Napster non pagava i diritti a nessuno, la storia va studiata. Anche tu sei libero di fare accordi con i detentori dei diritti e poi regalare le visioni sperando di recuperare dalla pubblicità, non è proibito, ma sempre acquistando i diritti.

          ma le opere

          purtroppo per te sono loro e a loro spetta

          decidere.

          Non sono più loro nel momento in cui le hanno
          PUBBLICATE, così come io non posso impedirti di
          leggere questo messaggio loro non possono
          impedirmi di ascoltare la musica che voglio.
          Anche se tu non paghi, e anche se io non
          pago.Se non capisci le regole del mercato legato al diritto d'autore diventa difficile parlare con te, prima cerca di documentarti.

          I costi sono stati ammortizzati? Come

          dire che se compro una macchina da
          noleggiare,

          una volta raggiunto la spesa per l'acquisto,

          posso regalarla. Prova a dividere anche le

          perdite, allora. :-)

          Per
          fare una copia digitale non devi pagare operai,
          non devi pagare materiali, non devi pagare
          energia, non devi pagare trasporto. A te non
          costa nulla e la macchina non te la toglie.
          Quindi perché non dovresti farne una copia
          digitale? Qui ti volevo, ancora una volta non sei documentato, leggi qualcosa sulla storia della protezione agli artisti e scoprirai che nasce proprio con la facilità di copia, prima infatti non serviva, nessuno copiava una statua o un manoscritto (anche se qualche eccezione c'era).

          Mi spiegheresti come farebbe un utente di un
          forum a guadagnare soldi mettendo dei link a
          degli hash di torrent? Eppure è esattamente
          quello che dicono di chi fa release su
          scambioetico.
          In tempi di crisi potrebbe essere un bel business
          da fare, naturalmente con opere di mia creazione,
          senza bisogno di far pagare nessuno. Regalo le
          mie opere al mondo e ci guadagno
          pure.Ripeto, ti risulta vietato? Non vedo perchè invece debba essere obbligatorio, sono modi diversi di fare business, qualcuno come scrivi ci prova ma a sue spese e non conosciamo i risultati.

          I produttori non conosceranno la parola

          "volontariato" ,ma i tuoi amici non
          conoscono
          le

          parole "lavorare, ideare, investire,
          realizzare,

          produrre, distribuire ecc ecc". Divulgare e

          lucrare quel che ha fatto un altro, non è
          proprio

          un comportamento da tenere ad esempio.

          Fare delle copie digitali non è un lavoro.
          L'opera è già stata creata, se ha ricevuto soldi
          per via tradizionale (analogica, supporto fisico,
          cinema) bene, altrimenti se vuole prenderli dalle
          nuove tecnologie deve imparare a seguirne le
          regole. Le regole sono: tutto ciò che è digitale
          è gratuito, chi divulga è libero di guadagnare
          come gli pare ma non chiedendo soldi a chi
          riceve, perché continua ad essere in possesso del
          file e quindi non sta rinunciando a nulla,
          pertanto tale mancata perdita non c'è motivo di
          retribuirla Devi anche qui studiare un pò, non compri il supporto ma l'opera e quanto sia facile la copia non cambia le regole.
          ma perché la JPG di un
          quadro non prevede nessuno sforzo e quindi non
          può prevedere
          compensNon hai l'opera con una foto.Ancora un errore, non ne azzecchi una. esiste la foto e la foto d'autore, scopri le differenze.Una è protetta
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            Sbagliato, tu non fai parte del mercato, ne fanno
            parte solo chi vende e chi compra, tu sei fuori
            dal mercato e le tue idee non possono interessare
            nessuno. Devi uscire da P.I. e scoprirai che
            fuori c'è un mondo...Questo discorso devi farlo a quelli che tu difendi. Sono loro che non vedono la realtà. La realtà è che NESSUNO è più disposto a spendere soldi per ascoltare musica che non sia un concerto dal vivo.
            YT non paga i diritti ed è costretto a rimuovere
            i contenuti.Stupidaggine come poche e la conferma sta pure sul sito dell'AGCOM.http://www.agcom.it/documents/10179/0/Documento/d0f29c43-5267-400d-a198-1a48ba63a940Pagine 6, 7, 8 e 9.
            Al produttore vanno tutti i diritti, tranne la
            parte spettante alla filiera, naturalmente, ma
            sei sempre fuori, tu puoi comprarti anche una
            sala cinema, ma sempre devi comprare le immagini
            che vuoi proiettare, a meno che non proietti il
            filmino della tua comunione.
            LE OPERE NON SONO TUE, puoi scegliere solo se e
            cosa comprare, non puoi pensare di decidere per
            le cose di altri.Se il cinema è tuo ti ci vedi quello che ti pare. Ci mancherebbe altro. Esattamente come quando hanno fatto vedere le partite dell'Italia.Ma se il cinema non è tuo lo paghi esattamente come si paga il ristorante, visto che non sei tu ad aver fornito le materie prime, non sei tu ad aver cucinato e non sei tu ad aver servito al tavolo. Ma se ti compri le materie prime e ti cucini da solo a casa tua, anche una ricetta di un cuoco famoso, nessun cuoco potrà pretendere alcunché, nemmeno se lo offri a 100 invitati. Non vedo perché se invece ti suoni tu un pezzo di qualcuno dovresti pagare.
            Hai rinunciato a guadagni milionari immagino,
            anche io ho fatto un paio di filmati e l'ho messi
            su youtube, non per questo mi sento di pretendere
            film (veri) gratis da altri.Ognuno fa quello che è capace di fare, nelle sue possibilità artistiche e tecnologiche.
            Lo vedi che la cosa è reciproca? hahahah.
            Dimentichi la sottile differenza tra le cose
            senza senso che scrivi e un'opera d'ingegno, non
            basta mettere due note in fila o tre fotogrammi o
            quattro lettere per pretendere i dirittiEppure è proprio così.http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-52fcc1de-37ce-4f9c-961c-a67408c02ee0.htmlDON PELLEGRINOPoi son cose, musiche che soltanto a vederle...C'è da inorridire. Un violoncellista dilettante che fa delle composizioni e gliele suonano cosi', dando ad intendere che sia un concerto. Purtroppo per la legge va bene. E allora.
            e non
            saresti comunque obbligato, rimani libero di
            continuare a donare perle di saggezza al mondo,
            nessuno te lo impedirà.Non posso impedirti di leggerle, perché le ho PUBBLICATE.
            Napster non pagava i diritti a nessuno, la storia
            va studiata. Anche tu sei libero di fare accordi
            con i detentori dei diritti e poi regalare le
            visioni sperando di recuperare dalla pubblicità,
            non è proibito, ma sempre acquistando i
            diritti.E dov'è il servizio analogo per i FILM?
            Se non capisci le regole del mercato legato al
            diritto d'autore diventa difficile parlare con
            te, prima cerca di documentarti.Perché NETFLIX in Italia sta avendo problemi a sbarcare?
            Qui ti volevo, ancora una volta non sei
            documentato, leggi qualcosa sulla storia della
            protezione agli artisti e scoprirai che nasce
            proprio con la facilità di copia, prima infatti
            non serviva, nessuno copiava una statua o un
            manoscritto (anche se qualche eccezione
            c'era).Gli amanuensi hanno copiato per secoli. E' grazie alle loro copie e ai loro atti di pirateria immonda che abbiamo potuto avere acXXXXX alle opere dell'antichità che altrimenti ad oggi sarebbero inesorabilmente perdute.Più o meno quello che avviene con tutte quelle cose che i detentori dei diritti si rifiutano di pubblicare.Un esempio a caso, il doppiaggio italiano di Biancaneve del 1938, che è stato possibile recuperare solo grazie ai pirati:https://www.youtube.com/watch?v=DvO_E-7mmsse che la Disney ha RIFIUTATO di includerlo nel BR di Biancaneve NONOSTANTE gli sia stato fornito GRATUITAMENTE da chi ha fatto il lavoro di restauro dai super8 pirata.Se non era per chi si è sbattuto GRATIS, nessuno avrebbe potuto rivedere (meglio: risentire) ai giorni nostri il doppiaggio storico. E la Disney non li ha nemmeno ringraziati.
            Ripeto, ti risulta vietato? Non vedo perchè
            invece debba essere obbligatorio, sono modi
            diversi di fare business, qualcuno come scrivi ci
            prova ma a sue spese e non conosciamo i
            risultati.I detentori dei diritti sostengono che con la pubblicità i pirati guadagnino milioni. Quando si tratta però di fare lo stesso adducono la scusa che non si guadagna nulla.E' un po' come l'assurdità secondo cui scaricare qualcosa senza pagare contemporaneamente va vietata perché danneggia il mercato se quel qualcosa è legale (caso delle opere protette da copyright) ma contemporaneamente va vietata perché incentiva il mercato e fa guadagnare chi produce (caso della pedoXXXXXgrafia).Semplicemente è un assurdo, piegato unicamente alle lobby, perché il fatto che un mercato venga danneggiato oppure no dal download gratuito è indifferente dal fatto se quel mercato è legale o meno.Secondo me, il mercato NON viene affatto danneggiato da un download gratuito. Ma se così non fosse, ed avessero invece ragione le major, allora per coerenza va resa legale la fruizione gratuita di materiale pedoXXXXXgrafico, perché (stando al ragionamento pro major) danneggia chi il materiale lo crea e lo vende (e quindi elimina le violenze).
            Devi anche qui studiare un pò, non compri il
            supporto ma l'opera e quanto sia facile la copia
            non cambia le regole.Se comprassi l'opera, dovrebbe venirmi sostituita gratuitamente quando il supporto diventa obsoleto.Se ho una VHS originale, dovevo avere gratis il DVD e poi il BR.Invece pretendono che li paghi a prezzo pieno.Quindi non ho comprato l'opera.Inoltre se comprassi l'opera, avrei pieni diritti su di essa, compreso il diritto di farci copie e anche quello di lucrarci.
            Non hai l'opera con una foto.
            Ancora un errore, non ne azzecchi una. esiste la
            foto e la foto d'autore, scopri le differenze.Una
            è protettaLa foto di un quadro non è una foto artistica, il fotografo non ha dovuto fare altro che mettere a fuoco la tela.Guarda che non è molto diverso dal mettere il quadro sul piano di uno scanner o di una fotocopiatrice.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 luglio 2014 22.19-----------------------------------------------------------
  • Aniello Caputo scrive:
    ...
    ma che me ne frega a me!
  • ziovax scrive:
    1.300.000 euro
    che potevano essere nelle casse degli aventi diritto, se solo avessero offerto un servizio analogo.
    • Allibito scrive:
      Re: 1.300.000 euro
      - Scritto da: ziovax
      che potevano essere nelle casse degli aventi
      diritto, se solo avessero offerto un servizio
      analogo.Aridaje.... non devi essere bravo in matematica. Quella cifra divisa fra gli aventi diritto di tutti i film e di tutta la musica sarebbe una rovina, diverso è non pagare nulla e sfruttarli illecitamente. Ma come vedi non si può.
      • ziovax scrive:
        Re: 1.300.000 euro
        Chi stabilisce se il mercato vale di più?Per quanto mi riguarda, se faranno un offerta come google play o spotify, forse la prenderò in considerazione.Per ora, stanno bene così.
        • Allibito scrive:
          Re: 1.300.000 euro
          - Scritto da: ziovax
          Chi stabilisce se il mercato vale di più?
          Per quanto mi riguarda, se faranno un offerta
          come google play o spotify, forse la prenderò in
          considerazione.
          Per ora, stanno bene così.Quando la Range Rover sport costerà 7.000 full optional, la comprerò, fino ad allora stanno bene così.b (rotfl)
          • krane scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: ziovax

            Chi stabilisce se il mercato vale di più?

            Per quanto mi riguarda, se faranno un offerta

            come google play o spotify, forse la prenderò

            in considerazione.

            Per ora, stanno bene così.
            Quando la Range Rover sport costerà 7.000 full
            optional, la comprerò, fino ad allora stanno
            bene così.b
            (rotfl)Esattamente, nel frattempo trovo qualcuno che mi presta la sua mentre non la usa.
          • Allibito scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Allibito

            - Scritto da: ziovax


            Chi stabilisce se il mercato vale di
            più?


            Per quanto mi riguarda, se faranno un
            offerta


            come google play o spotify, forse la
            prenderò


            in considerazione.


            Per ora, stanno bene così.


            Quando la Range Rover sport costerà 7.000
            full

            optional, la comprerò, fino ad allora stanno

            bene così.b

            (rotfl)

            Esattamente, nel frattempo trovo qualcuno che mi
            presta la sua mentre non la
            usa.Con il termine "presta" dovrebbe essere sottinteso il suo consenso, senza parliamo di qualcos'altro.
          • krane scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: krane

            Esattamente, nel frattempo trovo qualcuno

            che mi presta la sua mentre non la usa.
            Con il termine "presta" dovrebbe essere
            sottinteso il suo consenso, senza parliamo
            di qualcos'altro.Naturalmente, ma mica tutti son tirchi come te... Magari la mia macchina la usasse qualcuno mente a me non serve, invece sta li' per settimane a fare la ruggine.
          • ziovax scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: ziovax

            Chi stabilisce se il mercato vale di più?

            Per quanto mi riguarda, se faranno un offerta

            come google play o spotify, forse la prenderò in

            considerazione.

            Per ora, stanno bene così.

            Quando la Range Rover sport costerà 7.000 full
            optional, la comprerò, fino ad allora stanno bene
            così.b
            (rotfl)Come al solito: non capirete mai... pensate che sia solo una questione di prezzo.
          • krane scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: ziovax
            - Scritto da: Allibito
            Come al solito: non capirete mai... pensate
            che sia solo una questione di prezzo.Non solo pensano sia una questione di prezzo, pa pensano anche di essere loro a deciderlo e che l'acquirente compri comunque.
          • Allibito scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: ziovax

            - Scritto da: Allibito


            Come al solito: non capirete mai... pensate

            che sia solo una questione di prezzo.

            Non solo pensano sia una questione di prezzo, pa
            pensano anche di essere loro a deciderlo e che
            l'acquirente compri
            comunque.Qui siete in due a non capire per il momento. Io ho una merce da vendere, ne decido il prezzo e l'acquirente può scegliere solo se comprarla o no. Questo è il mercato, saranno premiate le scelte migliori e la merce migliore. Non MAI, in nessun caso, l'acquirente che decide il prezzo e le modalità di vendita.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            contenuto non disponibile
          • Allibito genio indiscusso della fuga scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: unaDuraLezione
            Spotify dimostra ESATTAMENTE il contrario.
            Ora, buona arrampicata sugli specchi per la
            risposta
            (rotfl)ora ti risp... AH! devo scappare, scusa!
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: ziovax


            - Scritto da: Allibito




            Come al solito: non capirete mai... pensate


            che sia solo una questione di prezzo.



            Non solo pensano sia una questione di prezzo, pa

            pensano anche di essere loro a deciderlo e che

            l'acquirente compri

            comunque.

            Qui siete in due a non capire per il momento.
            Io ho una merce da vendere, ne decido il prezzo e
            l'acquirente può scegliere solo se comprarla o
            no. Questo è il mercato, saranno premiate le
            scelte migliori e la merce migliore. Non MAI, in
            nessun caso, l'acquirente che decide il prezzo e
            le modalità di vendita.No, tu non vendi nessuna merce, tu pretendi di vendere delle copie della tua merce, che te la tieni ben stretta. Per di più, su quelle copie imposti tante di quelle condizioni del genere "non puoi", mentre pretendi di usare i soldi che ti si dà in cambio con la massima libertà possibile, senza consentirci di decidere quale utilizzo tu possa o non possa fare.Per essere ancora più chiaro, tu pretendi soldi senza dare in cambio niente che possa esserci utile, e per di più pretendendo anche di decidere dopo che ti abbiamo dato i soldi cosa dovremmo fare con ciò che abbiamo COMPRATO.Come se il fruttivendolo togliesse il nocciolo dalle pesche e dicesse pure che non puoi frullarle ma devi per forza mangiartele così come te le vende... ah e non puoi sbucciarle perché sarebbe reverse engineering: devi mangiarle intere, senza guardare come son fatte dentro.
          • krane scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: ziovax


            - Scritto da: Allibito


            Come al solito: non capirete mai... pensate


            che sia solo una questione di prezzo.

            Non solo pensano sia una questione di prezzo, pa

            pensano anche di essere loro a deciderlo e che

            l'acquirente compri

            comunque.
            Qui siete in due a non capire per il momento.
            Io ho una merce da vendere, ne decido il prezzo e
            l'acquirente può scegliere solo se comprarla o
            no. Questo è il mercato, saranno premiate le
            scelte migliori e la merce migliore. Non MAI, in
            nessun caso, l'acquirente che decide il prezzo e
            le modalità di vendita.Benissimo, e cosa ci vuoi vendere una licenza ? Non mi interessa.
          • ziovax scrive:
            Re: 1.300.000 euro
            - Scritto da: Allibito
            Qui siete in due a non capire per il momento.
            Io ho una merce da vendere, ne decido il prezzo e
            l'acquirente può scegliere solo se comprarla o
            no. Questo è il mercato, Ma non dire sciocchezze: se tu tenti di vendere una cosa ad un prezzo troppo elevato o con condizioni d'uso sconvenienti o su un supporto deteriorabile o di difficile reperibilità o con protezioni che osteggiano la fruizione, lo vendi col quasi.Dovrai assolutamente applicare un prezzo più conveniente, migliorare le condizioni d'uso, metterlo su un supporto affidabile e duraturo, renderlo disponibile con facilità e favorirne la fruizione senza protezioni.Allora, probabilmente, lo venderai a chi è interessato.Questo è il mercato.
            saranno premiate le
            scelte migliori e la merce migliore.Appunto: attendiamo scelte migliori e merce migliore, che al momento non ci sono.
            Non MAI, in
            nessun caso, l'acquirente che decide il prezzo e
            le modalità di
            vendita.Infatti: le mie prestazioni non costano meno di 10.000 euro all'ora, solo che non mi fa lavorare nessuno... chiedo una legge che mi permetta di lavorare alle mie condizioni, sennò nisba, mi accontento della tassa imposta a chi pensa di poter usufruire del mio lavoro che non faccio.Questo secondo il vostro ragionamento.
      • Un signore scrive:
        Re: 1.300.000 euro

        Aridaje.... non devi essere bravo in matematica.
        Quella cifra divisa fra gli aventi diritto di
        tutti i film e di tutta la musica sarebbe una
        rovina, diverso è non pagare nulla e sfruttarli
        illecitamente. Ma come vedi non si
        può.No infatti.
  • Merdok scrive:
    GODO!!!! DDLSTORAGE al tappeto
    Finalmente hanno buttato questo bitlocker.si era capito da un bel pezzo che era gestito da gente vicina a ddlhitsgli utenti real-debrid ringraziano :D
    • Microfott scrive:
      Re: GODO!!!! DDLSTORAGE al tappeto
      - Scritto da: Merdok
      Finalmente hanno buttato questo bitlocker.
      si era capito da un bel pezzo che era gestito da
      gente vicina a
      ddlhits
      gli utenti real-debrid ringraziano :DNon c'ho capito un XXXXX.
      • Zack scrive:
        Re: GODO!!!! DDLSTORAGE al tappeto
        - Scritto da: Microfott
        - Scritto da: Merdok

        Finalmente hanno buttato questo bitlocker.

        si era capito da un bel pezzo che era gestito da

        gente vicina a

        ddlhits

        gli utenti real-debrid ringraziano :D

        Non c'ho capito un XXXXX.Neanche lui ...
  • bestiaccia65 scrive:
    Non ti preoccupare
    Non ti preoccupare. Anch'io ho un account premium. La finanza becca chi lucra. Chi scarica non deve avere paura .
    • Roberto gigante scrive:
      Re: Non ti preoccupare
      grazie
      • bestiaccia65 scrive:
        Re: Non ti preoccupare
        Leggi qui. http://www.laleggepertutti.it/42344_scaricare-file-coperti-dal-diritto-dautore-legale-o-no
        • bubba scrive:
          Re: Non ti preoccupare
          - Scritto da: bestiaccia65
          Leggi qui.

          http://www.laleggepertutti.it/42344_scaricare-filediglielo che e' vecchia come il cucco pero'... fatti addirittura precedenti alla oscena legge urbani (poi parzialmente abrogata) e che riguardava 2 gestori di un sito ftp...
  • Roberto gigante scrive:
    informazione
    ragazzi scusate ma gli utenti che avevano contratto premium possono stare VERAMENTE tranquilli? almeno cosi ho letto quihttp://www.chiccheinformatiche.com/avevo-un-account-premium-su-ddlstorage-corro-qualche-rischio/posso star tranquillo?grazie
    • bubba scrive:
      Re: informazione
      - Scritto da: Roberto gigante
      ragazzi scusate ma gli utenti che avevano
      contratto premium possono stare VERAMENTE
      tranquilli?

      almeno cosi ho letto qui
      http://www.chiccheinformatiche.com/avevo-un-accoun

      posso star tranquillo?
      graziealla grande.... quei 3 metri cubi di divieti e sanzioni sulla legge 633/41 li hanno messi tanto per ridere... (in specie gli Art. 71-sexies/2,3 art. 171, 171-ter/2 , 174-ter )
    • Allibito scrive:
      Re: informazione
      - Scritto da: Roberto gigante
      ragazzi scusate ma gli utenti che avevano
      contratto premium possono stare VERAMENTE
      tranquilli?

      almeno cosi ho letto qui
      http://www.chiccheinformatiche.com/avevo-un-accoun

      posso star tranquillo?
      grazieDormi guardingo è più appropriato ...
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: informazione
      - Scritto da: Roberto gigante
      ragazzi scusate ma gli utenti che avevano
      contratto premium possono stare VERAMENTE
      tranquilli?

      almeno cosi ho letto qui
      http://www.chiccheinformatiche.com/avevo-un-accoun

      posso star tranquillo?
      grazieSe non hai usato l'account per INVIARE materiale protetto nessuno potrà farti nulla. Non è illegale scaricare, l'ha detto la polizia postale.http://youtu.be/IaZ37YRGaos?t=5m10s
  • Cuccureddu scrive:
    Comunicato DDLStorage
    30/05/2014: "DDLStorage.com informa che non ha nessun rapporto con la piattaforma DDLHits.com, se non l'iniziale acronimo "DDL", che risulta raggiungibile e completamente operativo", si legge nella nota. "Inoltre, DDLStorage.com è legalmente appartenente ad una società italiana regolarmente iscritta alla Camera di Commercio, come indicato sulla homepage del relativo sito ufficiale".
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Comunicato DDLStorage
      contenuto non disponibile
    • ThEnOra scrive:
      Re: Comunicato DDLStorage
      - Scritto da: Cuccureddu
      30/05/2014: "DDLStorage.com informa che non ha
      nessun rapporto con la piattaforma DDLHits.com,
      se non l'iniziale acronimo "DDL", che risulta
      raggiungibile e completamente operativo", si
      legge nella nota. "Inoltre, DDLStorage.com è
      legalmente appartenente ad una società italiana
      regolarmente iscritta alla Camera di Commercio,
      come indicato sulla homepage del relativo sito
      ufficiale".(rotfl)(rotfl)(rotfl) Come no...!?!
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    DDLStorage
    Al Momento Risulta OffLine ma l'host ci fa sapere che stanno cercando di ripristinare nel più breve tempo possibile il problema.L'hosting ci fa sapere che al momento sono al lavoro per cercare una soluzione alternativa.Fonte: il sito italiano NON censurato ;)
    • bubba scrive:
      Re: DDLStorage
      - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
      Al Momento Risulta OffLine ma l'host ci fa sapere
      che stanno cercando di ripristinare nel più breve
      tempo possibile il
      problema.
      L'hosting ci fa sapere che al momento sono al
      lavoro per cercare una soluzione
      alternativa.

      Fonte: il sito italiano NON censurato ;)si in effetti sembra tutto piuttosto vivo :) Tizio scriveva sulla pagna FB ieri, che la suddetta "andava in ferie per un po e di godersi l'estate", dopo ovviamente aver comunicato nuovi fqdn...
  • relix scrive:
    IRC...
    Sempiterna :)
  • prova123 scrive:
    Bravi ... bene ...
    ma a fronte dei mesi di stipendio pagati regolarmente, alla fine quanto denaro è stato portato nelle casse dello stato ?secondo me ZERO.
    • Allibito scrive:
      Re: Bravi ... bene ...
      - Scritto da: prova123
      ma a fronte dei mesi di stipendio pagati
      regolarmente, alla fine quanto denaro è stato
      portato nelle casse dello stato
      ?
      secondo me ZERO.Se catturi uno stalker o uno spacciatore, lo satato non guadagna soldi e paga stipendi...
      • SDS scrive:
        Re: Bravi ... bene ...
        Il problema è proprio che lo stato non ha potuto mangiarci sopra altrimenti lo stesso stato verosimilmente avrebbe anche spinto su la piattaforma !
      • Un signore scrive:
        Re: Bravi ... bene ...

        Se catturi uno stalker o uno spacciatore, lo
        satato non guadagna soldi e paga
        stipendi...Quelle sono figure pericolose per l'incolumità delle persone, i pirati informatici no anzi da molti sono visti positivamente e la caccia alle streghe danneggia chi la fa.
        • Un signore scrive:
          Re: Bravi ... bene ...

          Quelle sono figure pericolose per l'incolumità
          delle persone, i pirati informatici no anzi da
          molti sono visti positivamente e la caccia alle
          streghe danneggia chi la
          fa.Mi riferisco a te e le tue campagne qui e in ambiti di settore.Quindi dimettiti :)
        • Allibito scrive:
          Re: Bravi ... bene ...
          - Scritto da: Un signore

          Se catturi uno stalker o uno spacciatore, lo

          satato non guadagna soldi e paga

          stipendi...

          Quelle sono figure pericolose per l'incolumità
          delle persone, i pirati informatici no anzi da
          molti sono visti positivamente e la caccia alle
          streghe danneggia chi la
          fa.Se non ti sembrano figure pericolose abbiamo una diversa visione del pericolo e delle leggi. Se qualcuno danneggia un altro va punito anche se l'altro non sono io. Tu puniresti solo uno stalker che infastidisce te o a prescindere. No, qui ci guadagni qualche filmetto quindi non vanno puniti, alla faccia di migliaia di danneggiati.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Un signore


            Se catturi uno stalker o uno spacciatore,
            lo


            satato non guadagna soldi e paga


            stipendi...



            Quelle sono figure pericolose per l'incolumità

            delle persone, i pirati informatici no anzi da

            molti sono visti positivamente e la caccia alle

            streghe danneggia chi la

            fa.

            Se non ti sembrano figure pericolose abbiamo una
            diversa visione del pericolo e delle leggi. Se
            qualcuno danneggia un altro va punito anche se
            l'altro non sono io. Tu puniresti solo uno
            stalker che infastidisce te o a prescindere. No,
            qui ci guadagni qualche filmetto quindi non vanno
            puniti, alla faccia di migliaia di
            danneggiati.Se la punizione, vuol dire radere al suole, interi edifici, strade o città solo perchè ci stanno dei criminali...allora la mia risposta è no.
          • Un signore scrive:
            Re: Bravi ... bene ...

            Se non ti sembrano figure pericolose abbiamo una
            diversa visione del pericolo e delle leggi. Se
            qualcuno danneggia un altro va punito anche se
            l'altro non sono io. Tu puniresti solo uno
            stalker che infastidisce te o a prescindere. No,
            qui ci guadagni qualche filmetto quindi non vanno
            puniti, alla faccia di migliaia di
            danneggiati.Considerati gli incassi di film, il fatto che la produzione prosegua e il tenore di vita di produttori, registi, attori, manager e cantanti, è difficile affermare che la pirateria danneggi realmente chi le opere le crea. Se il problema è che danneggiano lei, non può interessarmi altrimenti dovrei auspicare la chiusura anche dei servizi legali più convenienti del suo negozio.Il resto sono le solite polemiche di chi anni fa invocava anche le disconnessioni degli innocenti.Ora mi scusi, ho un contenuto digitale da visionare.Né lei né alcun suo collega guadagnerà dalla mia visione. L'autore invece sì e questo è ciò che deve essere.
          • 2014 scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: Un signore
            Ora mi scusi, ho un contenuto digitale da
            visionare.
            Né lei né alcun suo collega guadagnerà dalla mia
            visione. L'autore invece sì e questo è ciò che
            deve
            essere.ROTFL ROTFLE come guadagnerebbe l'autore?
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: 2014
            - Scritto da: Un signore

            Ora mi scusi, ho un contenuto digitale da

            visionare.

            Né lei né alcun suo collega guadagnerà dalla
            mia

            visione. L'autore invece sì e questo è ciò
            che

            deve

            essere.
            ROTFL ROTFL
            E come guadagnerebbe l'autore?http://www.agcom.it/documents/10179/0/Documento/d0f29c43-5267-400d-a198-1a48ba63a940pagine 6, 7, 8 e 9
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Un signore


            Se catturi uno stalker o uno spacciatore,
            lo


            satato non guadagna soldi e paga


            stipendi...



            Quelle sono figure pericolose per l'incolumità

            delle persone, i pirati informatici no anzi da

            molti sono visti positivamente e la caccia alle

            streghe danneggia chi la

            fa.

            Se non ti sembrano figure pericolose abbiamo una
            diversa visione del pericolo e delle leggi. Se
            qualcuno danneggia un altroDimostra il danno.Film disponibile gratis -
            lo scaricoFilm non disponibile gratis -
            non pago, aspetto che sia disponibile gratis o me lo faccio prestare gratis da qualcun altroOra dimostra ( <B
            MA DEVI DIMOSTRARLO!!! </B
            ) come possa esserci un danno visto che IN NESSUN CASO pagherei per vedere il film, se è gratis bene (non me ne importa se pigliano i soldi dalla pubblicità) altrimenti si possono attaccare al kaiser.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 luglio 2014 12.01-----------------------------------------------------------
          • Allibito scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: Allibito

            - Scritto da: Un signore



            Se catturi uno stalker o uno
            spacciatore,

            lo



            satato non guadagna soldi e paga



            stipendi...





            Quelle sono figure pericolose per
            l'incolumità


            delle persone, i pirati informatici no
            anzi
            da


            molti sono visti positivamente e la
            caccia
            alle


            streghe danneggia chi la


            fa.



            Se non ti sembrano figure pericolose abbiamo
            una

            diversa visione del pericolo e delle leggi.
            Se

            qualcuno danneggia un altro

            Dimostra il danno.
            Film disponibile gratis -
            lo scarico
            Film non disponibile gratis -
            non pago,
            aspetto che sia disponibile gratis o me lo faccio
            prestare gratis da qualcun
            altro
            Ora dimostra ( <B
            MA DEVI DIMOSTRARLO!!!
            </B
            ) come possa esserci un danno visto
            che IN NESSUN CASO pagherei per vedere il film,
            se è gratis bene (non me ne importa se pigliano i
            soldi dalla pubblicità) altrimenti si possono
            attaccare al
            kaiser.
            --------------------------------------------------
            Modificato dall' autore il 07 luglio 2014 12.01
            --------------------------------------------------Certo, come no.Ne faresti a meno, ci credo. Facile a dirsi quando l'alternativa arraffona e scaricona è a portata di click. Se questa alternativa non ci fosse consumeresti sicuramente di più.
          • Fai il login scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Certo, come no.
            Ne faresti a meno, ci credo. Facile a dirsi
            quando l'alternativa arraffona e scaricona è a
            portata di click. Se questa alternativa non ci
            fosse consumeresti sicuramente di più.Altrimenti ti metti a piangere ?
          • Allibito scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: Fai il login
            - Scritto da: Allibito

            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


            Certo, come no.

            Ne faresti a meno, ci credo. Facile a dirsi

            quando l'alternativa arraffona e scaricona è
            a

            portata di click. Se questa alternativa non
            ci

            fosse consumeresti sicuramente di più.

            Altrimenti ti metti a piangere ?No, altrimenti faccio come te: scrivo commenti idioti.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: Allibito


            - Scritto da: Un signore




            Se catturi uno stalker o uno

            spacciatore,


            lo




            satato non guadagna soldi e
            paga




            stipendi...







            Quelle sono figure pericolose per

            l'incolumità



            delle persone, i pirati
            informatici
            no

            anzi

            da



            molti sono visti positivamente e la

            caccia

            alle



            streghe danneggia chi la



            fa.





            Se non ti sembrano figure pericolose
            abbiamo

            una


            diversa visione del pericolo e delle
            leggi.

            Se


            qualcuno danneggia un altro



            Dimostra il danno.

            Film disponibile gratis -
            lo scarico

            Film non disponibile gratis -
            non pago,

            aspetto che sia disponibile gratis o me lo
            faccio

            prestare gratis da qualcun

            altro

            Ora dimostra ( <B
            MA DEVI
            DIMOSTRARLO!!!

            </B
            ) come possa esserci un danno
            visto

            che IN NESSUN CASO pagherei per vedere il
            film,

            se è gratis bene (non me ne importa se
            pigliano
            i

            soldi dalla pubblicità) altrimenti si possono

            attaccare al

            kaiser.


            --------------------------------------------------

            Modificato dall' autore il 07 luglio 2014
            12.01


            --------------------------------------------------

            Certo, come no.
            Ne faresti a meno, ci credo.Come faccio a meno della Ferrari o della vacanza ai Caraibi.
            Facile a dirsi
            quando l'alternativa arraffona e scaricona è a
            portata di click. Se questa alternativa non ci
            fosse consumeresti sicuramente di
            più.La mia spesa in ambito multimediale sarebbe esattamente la stessa di ora. A meno che non mi dai i soldi in più tu, non li userei certo per i film esattamente come non li uso ora.
          • krane scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Certo, come no.
            Ne faresti a meno, ci credo. Facile a dirsi
            quando l'alternativa arraffona e scaricona è a
            portata di click. Se questa alternativa non ci
            fosse consumeresti sicuramente di più.E' stato proprio averne tanta a portata di click che ha fatto capire a tanti quanta spazzatura viene trasmessa, meglio una bella partita a monopoli.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Bravi ... bene ...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Allibito

            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


            Certo, come no.

            Ne faresti a meno, ci credo. Facile a dirsi

            quando l'alternativa arraffona e scaricona è
            a

            portata di click. Se questa alternativa non
            ci

            fosse consumeresti sicuramente di più.

            E' stato proprio averne tanta a portata di click
            che ha fatto capire a tanti quanta spazzatura
            viene trasmessa, meglio una bella partita a
            monopoli.Che aiuta anche a capire quanto sbagliato sia il capitalismo e l'ingordigia di chi pur avendo tanto vuole sempre di più in danno di chi avrà sempre di meno.E bada che io a Monopoli vinco spesso, proprio perché conosco questo meccanismo perverso. Che ammetto in un gioco così come posso ammettere un omicidio in un romanzo, ma non ammetto nella realtà.
      • prova123 scrive:
        Re: Bravi ... bene ...
        Noto che o non hai letto o peggio non hai capito di che cosa si parla nel thread: <b
        Guardia di Finanza </b
        non Polizia, Carabinieri, etc. :)
  • francesco spina scrive:
    come raggiungerlo
    Ragazzi ho letto questo articolo e pare andare, se qualcuno ha materiale da salvare.. visto che c'era anche materiale LEGALE!!!http://www.chiccheinformatiche.com/come-raggingere-il-sito-ddlstorage-com-dopo-il-suo-oscuramento/
  • Free Internet scrive:
    ...
    Messaggio per i soliti noti:[yt]Bt_kR7u6mM4[/yt]
  • bubba scrive:
    breaking news!!!
    http://www.webnews.it/2013/05/29/guardia-di-finanza-chiude-ddlhits/ah si opps e' del 2013. Qui 900eu/gg quindi 27000 al mese.Qui si parla anche di 118.000 accessi unici giornalieri. Anche considerando l'ASSURDO di 1 acXXXXX=1 D/L sono 3,5milioni di D/L-mese. Nella immagine nell'articolo, sempre nel 2013, 150000 al mese. Una certa discrepanza ! E si parla di 52 milioni di D/L mese, una certa discrepanza!Sara' mica che son numeri /dev/urandom ?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: breaking news!!!
      contenuto non disponibile
      • bubba scrive:
        Re: breaking news!!!
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: bubba


        http://www.webnews.it/2013/05/29/guardia-di-finanz



        ah si opps e' del 2013. Qui
        <guadagnavano



        900eu/gg quindi 27000 al

        mese.

        confondi il forum (anzi uno dei forum connessi)
        con il
        cyberlocker.What? io leggo "usavano regolarmente ogni giorno la super-piattaforma digitale per SCARICARE, in altissima definizione e qualità digitale, musica, FILM, videogiochi e software, sempre aggiornatissima anche con le ultime uscite commerciali e in contemporanea con le anteprime cinematografiche e musicali.In poco tempo il nuovo portale aveva raggiunto dimensioni tali da attirarsi le simpatie di un pubblico prevalentemente italiano (oltre il 92% di utenti) permettendogli di assumere la posizione di leader nazionale nello specifico settore con oltre 118.000 ACCESSI unici giornalieri e un GUADAGNO approssimativo di oltre novecento dollari al giorno."e' uno strano forum :)

        Qui si parla anche di 118.000 accessi unici

        giornalieri. Anche considerando l'ASSURDO di
        1

        acXXXXX=1 D/L sono 3,5milioni di D/L-mese.

        non è assurdo, anzi è sottostimato:si ma al CONTRARIO. Per 1000 che fanno un acXXXXX unico, 1 scarichera'. Ed e' sottostimato. Considerando i 10000 crawler poi.
        un acXXXXX unico = molte pagine visitate, ed ogni
        pagina rappresenta un
        contenuto.
        Un contenuto veniva messo sul cyberlocker
        spezzato in decine (talvolta centinaia, mi
        dicono!) di file in modo da costringerti a fare
        l'account
        premium.non saprei... dai cosidetti cyberlocker ho anche scaricato delle cose alla bisogna, ma mai voluto fare account, men che meno a pagamento... ne installare custom client o upparci (beh se escludiamo gdrive per i capzi miei..)
        non so se i conti tornino o meno, la cosa sicura
        che tutto era predisposto all'unico scopo di
        pirateria lucrativa, a differenza di quanto
        avviene con qualsiasi altro cyberlocker che è
        perfettamente idoneo per file legali e risponde
        prontamente alle richiesta
        DMCA.in realta' nessuno dei punti con 'pagare' e' illegale... chiaramente c'e' qualche problema (per l'uploader pero' -in teoria, perche' sappiamo che agli azzeccagarbugli piace giocare facile- se l'u/l per incentivare le visite al proprio file, ci mette roba (c) e ancor peggio se cio' e' incentivato dal gestore....ma ormai da molto tempo, sebbene il mio incentivo sia ZERO, non li condanno piu'.... i proci di MPAA e affini seduti in parlamento han fatto ogni battaglia possibile di enforcment, senza MAI toglie una virgola di privilegio al sistema, ormai totalmente anacronistico, nell'era della copia digitale... allora ben vengano le alternative...
  • Marco T scrive:
    Ddlhits...
    ddlhits è MORTO da piu di un anno....Ddlstorage è perfettamente funzionante (dato che comunque è solo un sito di storage che segue le norme vigenti e avvisa a lettere cubitali che non è permesso l'utilizzo del servizio per materiale coperto da diritto d'autore)Dove sta tutta sta megaoperazione?Stan cercando di deviare un fiume con un bicchiere, ma probabilmente dovevan in un qualche modo far finta di non poltrire dalla mattina alla sera e dare una parvenza di merito allo stipendio.Stiamo rasentando il ridicolo oramai.
  • Sg@bbio scrive:
    ma Ddlstorage lo vedo.
    ddlstorage.com lo vedo ancora visibile, in tutta onesta ? Blocco DNS ?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: ma Ddlstorage lo vedo.
      contenuto non disponibile
      • Sg@bbio scrive:
        Re: ma Ddlstorage lo vedo.
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: Sg@bbio

        ddlstorage.com lo vedo ancora visibile, in
        tutta

        onesta ? Blocco DNS

        ?

        da me blocco IP.
        Comunque, per una volta, han colpito il bersaglio
        giusto.Come se facessero saltare in aria l'intera autostrada
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: ma Ddlstorage lo vedo.
          contenuto non disponibile
          • Sg@bbio scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Sg@bbio


            Come se facessero saltare in aria l'intera

            autostrada

            nah... ddlstorage e forum connessi erano fatti
            solo ed esclusivamente per la pirateria a scopo
            lucrativo.
            Non stiamo parlando di un cyberlocker come gli
            altri che vengono usati in modo lecito da milioni
            di
            persone.Il concetto non cambia molto visto che hanno oscurato interi IP per un solo sito (che tra l'altro ha già cambiato dominio)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            contenuto non disponibile
          • ... scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            - Scritto da: unaDuraLezione
            (cheè italiano di
            sicuro).in base a cosa affermi ciò?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            contenuto non disponibile
          • si si scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: ...


            in base a cosa affermi ciò?

            intuito femminilecome se fossi femmina.si si.
          • ThEnOra scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            - Scritto da: unaDuraLezione

            nah... ddlstorage e forum connessi erano fatti
            solo ed esclusivamente per la pirateria a scopo
            lucrativo.
            Non stiamo parlando di un cyberlocker come gli
            altri che vengono usati in modo lecito da milioni
            di
            persone.Di legale conosco solo Dropbox... gli altri, un po' e un po'... :D
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            contenuto non disponibile
          • Sg@bbio scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: ThEnOra



            Di legale conosco solo Dropbox... gli altri,
            un

            po' e un po'...

            :D

            chiunque risponda tempestivamente alel richieste
            DMCA è PERFETTAMENTE
            legale.Ma per lui tutti i siti dove si possono contenere FILE sono illegali e pro cirminali contro l'umanità.
          • ThEnOra scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            Non si dicono le bugie...
          • ThEnOra scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            Beh, anche DDLStorage rimuoveva... anzi, erano anche più veloci di rapidgator e mega.co.nz... peccato poi che se lasci i film cancellati nel cestino degli uploader... ;)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            contenuto non disponibile
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            - Scritto da: ThEnOra
            peccato poi che se lasci i film cancellati nel
            cestino degli uploader... ;)Questo è totalmente falso. Tanto è vero che1) gli uploader ci mettevano tempo a ricaricare daccapo i file cancellati2) se anche fingessero di metterci tempo, l'hash dell'indirizzo non sarebbe cambiato (per rendertene conto basta caricare un file tuo, spostarlo nel cestino e poi rimetterlo pubblico, e vedere che il link non cambia)
          • ThEnOra scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: ThEnOra

            peccato poi che se lasci i film cancellati
            nel

            cestino degli uploader... ;)

            Questo è totalmente falso. Tanto è vero che
            1) gli uploader ci mettevano tempo a ricaricare
            daccapo i file
            cancellatiProbabilmente gli admin di DDLStorage non ti davano il premium aggratis
            2) se anche fingessero di metterci tempo, l'hash
            dell'indirizzo non sarebbe cambiato (per
            rendertene conto basta caricare un file tuo,
            spostarlo nel cestino e poi rimetterlo pubblico,
            e vedere che il link non
            cambia)Perchè parli di cose che non conosci? ;)
      • luther scrive:
        Re: ma Ddlstorage lo vedo.
        come blocco ip, chiedo scusa, se con una comune vpn vi si accede tranquillamente?!!!
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: ma Ddlstorage lo vedo.
          contenuto non disponibile
          • eheheh scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            ddlstorage a me è raggiungibile tramite semplice adsl alice telecom
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            contenuto non disponibile
          • eheheh scrive:
            Re: ma Ddlstorage lo vedo.
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: eheheh

            ddlstorage a me è raggiungibile tramite
            semplice

            adsl alice

            telecom


            dipende dall'ispe allora che blocco è? a macchia di leopardo? :-)
      • NemoTizen scrive:
        Re: ma Ddlstorage lo vedo.
        direi di no io ci lavoro con ddlstorage... e non sono un pirata.Altri soldi pubblici buttati al vento quando c'è gente in parlamento che ruba davvero i miliardi e sta ancora li... bah!Con il premium andavi a 7MB al sec quasi sempre mega è ottimo ma è più complicato e non sempre arrivi al max della velocità essendo i server gestiti da tante società diverse.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 luglio 2014 21.13-----------------------------------------------------------
        • saccottino scrive:
          Re: ma Ddlstorage lo vedo.
          Tra Google Microsoft Dropbox & co TU hai scelto DDL per il tuo LAVORO!?...... ma LOL! (è la prima volta in 15 anni di internet chi scrivo LOL(2) sentiti onorato!!!)
    • preciseio scrive:
      Re: ma Ddlstorage lo vedo.
      - Scritto da: Sg@bbio
      ddlstorage.com lo vedo ancora visibile, in tutta
      onesta ? Blocco DNS
      ?onestà
    • preciseio scrive:
      Re: ma Ddlstorage lo vedo.
      - Scritto da: Sg@bbio
      ddlstorage.com lo vedo ancora visibile, in tutta
      onesta ? Blocco DNS
      ?onestà
  • tucumcari scrive:
    mi raccomando l'urgenza!
    "Il nuovo provvedimento, emesso d'urgenza dal sostituto procuratore della Repubblica ".Certo con tutto tra Expo e Mose e il resto che gli va dietro provocando danni (questi si reali) l'urgenza era davvero indispensabile....
    • tucumcari scrive:
      Re: mi raccomando l'urgenza!
      - Scritto da: tucumcari
      "Il nuovo provvedimento, emesso d'urgenza dal
      sostituto procuratore della Repubblica
      ".

      Certo con tutto tra Expo e Mose e il resto che
      gli va dietro provocando danni (questi si reali)
      l'urgenza era davvero
      indispensabile....I soliti sprechi di danaro pubblico. Imbelli allo sbaraglio.
      • tucumcari scrive:
        Re: mi raccomando l'urgenza!
        Il solito cretino
        • tucumcari scrive:
          Re: mi raccomando l'urgenza!
          - Scritto da: tucumcari
          Il solito cretinoMai perdere l'aplomb, poi la gente che legge pensa che tu sia seccato, e invece ti diverti un mondo. Su con la vita, e fuori con le faccine!(rotfl) :D :) :D ;) :|
    • 2014 scrive:
      Re: mi raccomando l'urgenza!
      - Scritto da: tucumcari
      "Il nuovo provvedimento, emesso d'urgenza dal
      sostituto procuratore della Repubblica
      ".

      Certo con tutto tra Expo e Mose e il resto che
      gli va dietro provocando dannise 1300000 euro ti fanno schifo, dalli pure a me :D
      • tucumcari scrive:
        Re: mi raccomando l'urgenza!
        - Scritto da: 2014
        - Scritto da: tucumcari

        "Il nuovo provvedimento, emesso d'urgenza dal

        sostituto procuratore della Repubblica

        ".



        Certo con tutto tra Expo e Mose e il resto che

        gli va dietro provocando danni
        se 1300000 euro ti fanno schifo, dalli pure a me
        :DNon ho guardato all'importo, sinceramente. Io parlo di priorità: ma guarda tu che strano, l'urgenza quando c'è la pirateria si trova, quando si tratta di mazzette non si trova mai.
        • 2014 scrive:
          Re: mi raccomando l'urgenza!
          - Scritto da: tucumcari
          - Scritto da: 2014

          - Scritto da: tucumcari


          "Il nuovo provvedimento, emesso
          d'urgenza
          dal


          sostituto procuratore della Repubblica


          ".





          Certo con tutto tra Expo e Mose e il
          resto
          che


          gli va dietro provocando danni

          se 1300000 euro ti fanno schifo, dalli pure
          a
          me

          :D
          Non ho guardato all'importo, sinceramente. Io
          parlo di priorità: ma guarda tu che strano,
          l'urgenza quando c'è la pirateria si trova,
          quando si tratta di mazzette non si trova
          mai.Se ci fosse l'urgenza per la pirateria sai quanti furboni sarebbero in galera?
          • Sg@bbio scrive:
            Re: mi raccomando l'urgenza!
            - Scritto da: 2014
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: 2014


            - Scritto da: tucumcari



            "Il nuovo provvedimento, emesso

            d'urgenza

            dal



            sostituto procuratore della Repubblica



            ".







            Certo con tutto tra Expo e Mose e il

            resto

            che



            gli va dietro provocando danni


            se 1300000 euro ti fanno schifo, dalli pure

            a

            me


            :D

            Non ho guardato all'importo, sinceramente. Io

            parlo di priorità: ma guarda tu che strano,

            l'urgenza quando c'è la pirateria si trova,

            quando si tratta di mazzette non si trova

            mai.
            Se ci fosse l'urgenza per la pirateria sai quanti
            furboni sarebbero in
            galera?Con i carceri strapieni? LOL
          • ... scrive:
            Re: mi raccomando l'urgenza!
            - Scritto da: Sg@bbio
            - Scritto da: 2014

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: 2014



            - Scritto da: tucumcari




            "Il nuovo provvedimento, emesso


            d'urgenza


            dal




            sostituto procuratore della
            Repubblica




            ".









            Certo con tutto tra Expo e Mose e il


            resto


            che




            gli va dietro provocando danni



            se 1300000 euro ti fanno schifo, dalli
            pure


            a


            me



            :D


            Non ho guardato all'importo, sinceramente. Io


            parlo di priorità: ma guarda tu che strano,


            l'urgenza quando c'è la pirateria si trova,


            quando si tratta di mazzette non si trova


            mai.

            Se ci fosse l'urgenza per la pirateria sai
            quanti

            furboni sarebbero in

            galera?

            Con i carceri strapieni? LOLallora in siberia
          • preciseio scrive:
            Re: mi raccomando l'urgenza!
            - Scritto da: Sg@bbio
            Con i carceri strapieni? LOLle carceri
          • preciseio scrive:
            Re: mi raccomando l'urgenza!
            - Scritto da: Sg@bbio

            Con i carceri strapieni? LOLle carceri
          • tucumcari scrive:
            Re: mi raccomando l'urgenza!
            - Scritto da: 2014
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: 2014


            - Scritto da: tucumcari

            Non ho guardato all'importo, sinceramente. Io

            parlo di priorità: ma guarda tu che strano,

            l'urgenza quando c'è la pirateria si trova,

            quando si tratta di mazzette non si trova

            mai.
            Se ci fosse l'urgenza per la pirateria sai quanti
            furboni sarebbero in
            galera?A me piacerebbe un procedimento d'urgenza per mandare in galera i troll. Un giorno tornano in liberta', lo do' per scontato, ma si commenta sul forum in maniera rilassata per un po', la cosa non ha prezzo.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: mi raccomando l'urgenza!
            - Scritto da: 2014
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: 2014


            - Scritto da: tucumcari



            "Il nuovo provvedimento, emesso

            d'urgenza

            dal



            sostituto procuratore della Repubblica



            ".







            Certo con tutto tra Expo e Mose e il

            resto

            che



            gli va dietro provocando danni


            se 1300000 euro ti fanno schifo, dalli pure

            a

            me


            :D

            Non ho guardato all'importo, sinceramente. Io

            parlo di priorità: ma guarda tu che strano,

            l'urgenza quando c'è la pirateria si trova,

            quando si tratta di mazzette non si trova

            mai.
            Se ci fosse l'urgenza per la pirateria sai quanti
            furboni sarebbero in
            galera?Mai viste condanne <b
            definitive </b
            per pirateria in Italia superiori ai 3 anni. E qualora non lo sapessi, sotto i 3 anni non vai in galera.
          • tucumcari scrive:
            Re: mi raccomando l'urgenza!
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: 2014

            - Scritto da: tucumcari


            - Scritto da: 2014



            - Scritto da: tucumcari
            Mai viste condanne <b
            definitive
            </b
            per pirateria in Italia superiori ai
            3 anni. E qualora non lo sapessi, sotto i 3 anni
            non vai in
            galera.Si e no, condanne per pirateria ce ne sono state anche di pesanti, ma erano mischiate a condanne per altro, tipicamente riciclaggio e millantato credito.Poi c'è stata una condanna oltre i tre anni, molto vecchia, per una pubblicità di un capo di vestiario degli anni '70 fatta da Oliviero Toscani. Pirateria blasfema.
        • tucumcari scrive:
          Re: mi raccomando l'urgenza!
          Ancora tu?Ma non dovevamo vederci più? (Cit. Giulio Rapetti "Mogol")
          • tucumcari scrive:
            Re: mi raccomando l'urgenza!
            Su forza, sei indietro col lavoro.Metti i commenti in automatico, e svelto. Alla famosa Miss K. la P.P. e riguardo alla celebre azienda ROTFLER e al comunicato stampa.
      • bubba scrive:
        Re: mi raccomando l'urgenza!
        - Scritto da: 2014
        - Scritto da: tucumcari

        "Il nuovo provvedimento, emesso d'urgenza dal

        sostituto procuratore della Repubblica

        ".



        Certo con tutto tra Expo e Mose e il resto che

        gli va dietro provocando danni
        se 1300000 euro ti fanno schifo, dalli pure a me
        :Dma almeno il grafico lo hai guardato? supponendo che i dati esposti abbiano attinenza con la realta', partono dal 2012! Una vera urgenza insomma :)
      • Allibito scrive:
        Re: mi raccomando l'urgenza!
        - Scritto da: 2014
        - Scritto da: tucumcari

        "Il nuovo provvedimento, emesso d'urgenza dal

        sostituto procuratore della Repubblica

        ".



        Certo con tutto tra Expo e Mose e il resto che

        gli va dietro provocando danni
        se 1300000 euro ti fanno schifo, dalli pure a me
        :DQuello era solo il guadagno illecito, i danni arrecati all'erario e alla filiera sono ben più elevati.
        • Un signore scrive:
          Re: mi raccomando l'urgenza!

          Quello era solo il guadagno illecito, i danni
          arrecati all'erario e alla filiera sono ben più
          elevati.L'erario certamente non ne ha subiti visto che da qualche partel'IVA viene comunque pagata per connessioni, hardware, ecc.La filiera ovvero la sua videoteca non c'entra nulla.
Chiudi i commenti