Confessioni da un downloader

"Oggi ho la parete dei VHS, quella dei CD, un po' di vinili non ancora riversati, e tanti hard disk con musica e film collegati allo stereo e al televisore. Per me solo, privato piacere"

Roma – Ricevo spesso email riguardanti il P2P, vuoi perchè l’argomento è inerente alla rubrica Download di questo giornale che conduco da anni, ma anche per un recente commento che parlava del “cuore nobile del P2P” e del “movente” che spinge tanti scaricatori a “delinquere”.
Metto le virgolette perché la questione del copyright nell’era della condivisione, dove ogni strumento viene progettato per entrare in rete con altri e quindi (perché no?) condividerne i contenuti, è ancora terreno aperto di scontro e confronto tra le parti.
Parti che forse non ci sono, a leggere tra le righe di questa lettera di un “Anonimo scaricatore” che ama l’Industria al punto da chiedersi spesso se è un amore da portare avanti. Il punto di vista di chi scarica, ma senza sensi di colpa.
A me ha fatto bene leggerla, spero anche a voi.
Buona lettura.
LucaS

“Scarico, da sempre, sempre. Dagli anni 70, quando scaricavo ore di musica dalla radio su tantissime cassette numerate e ben catalogate. Ho scaricato intere discografie al Liceo, da compagni di scuola che mettevano a disposizione chi Branduardi, chi De Andrè. Tutto finiva su cassetta, ma le cose importanti anche su bobine di un mitico Revox. Migliore qualità, se possibile, anche allora.

Ho scaricato centinaia di film dalla Televisione, soprattutto quando le cose migliori le trasmettono ad ore impossibili ed il videoregistratore diventò per chi ama il cinema uno strumento indispensabile per crearsi un piccolo archivio di chicche da rivedere con gli amici o in solitaria passione notturna.

Poi le tecnologie sono cambiate, e la radio ho cominciato a scaricarla nel computer, su file da masterizzare e conservare. Anche i vecchi vinili sono finiti riscaricati su CD, per far spazio e per garantirne un ascolto anche quando i giradischi non si troveranno più.

Scarico, e scaricherò, ed ho sempre continuato a comprare dischi, cd, film e ad andare al cinema e a concerti, perché mai dovrei sostituire un piacere con un altro se posso averli entrambi? Non mi sono mai sentito un ladro, ho letto tanti interventi su questo ed altri siti, ho visto centinaia di spot come tutti, anche se trovo demenziale il fatto che gli avvisi anti-pirateria li facciano al cinema e sui dvd originali, e li vedo quindi soltanto quando compro e pago, ma non ci sono mica sulle versioni piratate dei film. Ovviamente.

Le tecnologie son cambiate di nuovo, e oggi basta entrare in un grande centro commerciale per capire che c’è banda per tutti (o quasi), hard disk multimediali da collegare alla TV, e infiniti supporti mobili e non per gestire musica, e film. MP3 non è certo sinonimo di pirateria, ma se le statistiche parlano chiaro sui milioni di iPod e simili nelle tasche di milioni di appassionati non ci sono certo soltanto i brani acquistati on line.

Ora, come allora, scarico per me solo, senza guadagnare nulla e senza per questo modificare il solito, piccolo budget nella mia spesa mensile dedicata al divertimento e agli hobby. Una piccola parte di un modesto stipendio da operaio imbollinato a mille euro al mese.

Non sono un economista, ma cerco di spiegarmi: ho sempre speso il 10 per cento del mio stipendio per cinema, dischi, e svago in generale. Sia quando guadagnavo un milione al mese, che quando ne guadagnavo di più. Da minorenne non era proprio un decimo della paghetta ad essere sacrificato ma molto di più, ma si sa da giovani si fa qualche eccezione. In ogni caso la spesa era quella, prefissata, con un limite.

In casa, nel frattempo, scaricavo dal 1975 in poi, nei modi appena descritti. Oggi ho la parete dei VHS, quella dei CD, un po di vinili non ancora riversati, e tanti hard disk con musica e film collegati allo stereo e al televisore. Per me solo, privato piacere.

In che modo avrei danneggiato l’industria del disco, e del cinema, se comunque più di quel 10% non ho mai voluto e potuto spendere? Come si fa a calcolare un mancato guadagno? Se dovessi pagare tutti i film che vedo (o che registro, o che scarico da chi li registra, che differenza fa?) avrei bisogno di ben altri stipendi, ma il mio lo faccio pagando già equo compenso sui supporti, canone televisivo, maggiorazioni su tutti gli strumenti di masterizzazione e registrazione.

A volte penso all’Industria e so che l’Amo, perchè sforna capolavori e anche altre cose meno gustose ma sempre godibili. L’amo perchè la sostengo in tanti modi, l’amo perchè catalogo e curo i suoi prodotti e me lo godo, e li compro quando meritano.

Ma se io l’amo tanto, perchè l’Industria è sempre così arrabbiata con me?
Più di tanto non posso dargli, ma il mio amore è sincero.

Facciamo pace, perchè al mio archivio non voglio rinunciare e siamo troppo adulti entrambi per scene pietose come la restituzione dei regali dopo una litigata.

Ricominciamo il rapporto in un modo nuovo se vuoi, ma nel frattempo non trattarmi come un malandrino: esisti anche grazie a me, e se io sparisco tu sparisci.

E questo non è bello per nessuno dei due, tesoro.

Anonimo scaricatore

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Den Lord Troll scrive:
    e se..
    diventa dipendenza per evitare di uscire e fare ALTRO ? :$
    • Ingenuo 2001 scrive:
      Re: e se..
      e se... davvero tu vuoi vivere una vita luminosa e più fragrante... ;)
      • Guybrush Threepwood scrive:
        Re: e se..
        - Scritto da: Ingenuo 2001
        e se...
        davvero tu vuoi vivere una vita luminosa e più
        fragrante... ...cancella, col coraggio, quella supplica dagli occhi tuoi: troppo spesso la saggezza e' solamente la prudenza piu' stagnante, e dietro la collina e' il sole.Eh si.Il tutto condito in salsa Rock & Blues che ci sta daddio.GT
    • Hikikomori scrive:
      Re: e se..
      - Scritto da: Den Lord Troll
      diventa dipendenza per evitare di uscire e fare
      ALTRO ?
      :$http://it.wikipedia.org/wiki/Hikikomori
      • Den Lord Troll scrive:
        Re: e se..
        uh, non sapevo che esistesse un termine appropriato per la questione .... il mio caso è ben diverso, diciamo che cerco di frenare la mia sete di genocidio italico
    • banalmente dico scrive:
      Re: e se..
      A proposito di dipendenze: prova un po' a fare a meno delle scarpe ... o della cucina a gas.La tecnologia ci vincola, ma anche ci libera. Chi vuol farsi del male trova sempre il modo ... e, chi vuole, riesce ad utilizzare positivamente qualsiasi strumento.
Chiudi i commenti