Consip sì, ma non per Linux

Ne parla un lettore che, dovendo utilizzare Consip per gli acquisti in rete di un centro di ricerca, si è scontrato con una diffusa specie di discriminazione tecnologica
Ne parla un lettore che, dovendo utilizzare Consip per gli acquisti in rete di un centro di ricerca, si è scontrato con una diffusa specie di discriminazione tecnologica


Roma – Gentile Redazione, sono un sysman che lavora per un Istituto di Ricerca, e a causa delle procedure di acquisto di materiale informatico sono costretto ad utilizzare il cosiddetto “mercato elettronico” del sito Consip: www.acquistinretepa.it .

Il primo problema si ha già all’accesso alla pagina di login: il certificato ssl è scaduto. Ma il problema grande arriva in seguito: il sito funziona solo con MS Internet Explorer.

Sono un utente linux e, nonostante abbia provato diversi browser, non riesco a sfogliare le categorie dei prodotti. Ho provato a utilizzare tutti i possibili browser opensource per linux (mozilla, firefox, konqueror, galeon, etc.) e ho sempre lo stesso problema.

Il problema è lato server, infatti l’html prodotto è differente a seconda dei browser dei client. Con Mozilla mancano i link!

Ho già segnalato la questione al contatto tecnico del sito qualche MESE fa, ma il problema ancora persiste. Trovo incredibile che un servizio così importante per la pubblica amministrazione, nonché obbligatorio, funzioni solamente per chi possiede un browser Microsoft.

Tra l’altro il sito ha ulteriori problemi con gli strumenti di ricerca e i filtri, che comportano grosse perdite di tempo nella ricerca dei prodotti.

Probabilmente la colpa non è da imputare al webmaster del sito: spesso nella PA si lavora in regime di emergenza, con poco personale e pochi soldi. Ma il problema è antipatico e forse antidemocratico.

Se ci perdiamo in cose semplici come un sito di E-Com, cosa succederà quando saranno offerti servizi di firma digitale, sportelli virtuali e altro?

Saluti,
lettera firmata

Ciao
non so se a causa della tua segnalazione ma sulla home page del sito in basso a sinistra ora appare un link “Verifica la configurazione del tuo browser per accedere alle aree protette”, pagina dove si dice espressamente che gli unici browser funzionanti nelle pagine del sito sono Internet Explorer dalla versione 5 in poi e Netscape, dalla 4.7 in su.
Lecito dunque pensare che si tratti di una scelta precisa e consapevole.
Un saluto, La redazione

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 03 2005
Link copiato negli appunti