Contact tracing: in Francia l'app dà i numeri

Un bug dell'applicazione francese per il contact tracing ha mostrato un numero sbagliato per quanto riguarda i nuovi casi di positività a COVID-19.
Un bug dell'applicazione francese per il contact tracing ha mostrato un numero sbagliato per quanto riguarda i nuovi casi di positività a COVID-19.

Solo pochi giorni fa la Francia ha deciso di spingere la diffusione della sua applicazione per il contact tracing cambiandole nome: da StopCovid a TousAntiCovid. Una strategia rivelatasi azzeccata con oltre 500.000 nuovi download nel paese in sole 24 ore. Qualcosa in seguito all’update non è però andato per il verso giusto, tanto che il software ieri ha mostrato una cifra sbagliata relativa al volume dei nuovi contagi nel paese.

TousAntiCovid: l’app francese e quel numero sbagliato

69.854 anziché 36.437 come riportato dalle autorità transalpine. L’errore è dovuto alla procedura di calcolo che ha tenuto in considerazione anche quelli del giorno precedente (33.417), sommandole. Nulla di troppo grave, il bug verrà risolto con un semplice aggiornamento del software.

Il numero sbagliato mostrato in Francia dall'applicazione TousAntiCovid per il contact tracing

Il vero problema di TousAntiCovid rimane un altro. La scelta di non basarne lo sviluppo sul protocollo messo a disposizione da Google e Apple rende di fatto impossibile per l’applicazione interfacciarsi con quelle degli altri paesi per dar vita a una forma di interoperabilità europea come fatto dalla nostra Immuni. Inoltre, per la gestione delle informazioni è stato adottato un approccio di tipo centralizzato facendo sollevare più di un dubbio riguardante le implicazioni sulla privacy.

Screenshot per l'applicazione francese TousAntiCovid dedicata al contact tracing

Intanto la Francia ha già ufficializzato quello che può essere definito un nuovo lockdown, annunciato da Macron con l’obiettivo di far fronte alla seconda ondata di infezioni che sta già mettendo a dura prova la capacità ricettiva delle aziende ospedaliere. Il giro di vite su spostamenti e attività prenderà il via nella giornata di domani, venerdì 30 ottobre. Nel discorso del Presidente anche l’invito a scaricare l’applicazione partecipando così all’iniziativa di tracciamento.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti