Contrappunti/ E vai con la flat!

di Massimo Mantellini - Se ieri Telecom Italia si guardava bene dall'offrire un'offerta flat agli utenti dial-up, oggi ha cambiato linea. Ma l'attenzione è sui numeri dell'ADSL, quello vero e quello italico


Roma – E’ passata relativamente sotto silenzio la recente offerta commerciale di Telecom Italia per l’accesso a Internet senza limiti di tempo che prende il nome di Teleconomy Internet. Sarà che si tratta di una proposta di vecchio tipo, basata cioè su collegamenti con modem a 56k e quindi con una tecnologia ormai superata, travolta dal vorticoso raddoppiarsi ormai semestrale delle prestazioni della larga banda adsl che viaggia a velocità teoriche anche di 100 volte superiori.

E’ una offerta curiosa questa flat da 12 euro al mese che Telecom propone ai suoi utenti internet, specie a quelli nella ampie zone del paese non raggiunte dalla adsl, che Telecom stessa distribuisce con certosina attenzione al proprio interesse commerciale. Lo è perché si tratta della stessa offerta che Telecom in anni passati ha più volte recisamente avversato quando la banda larga era un sogno ancora di là da venire e la “banda lunga” (vale a dire la possibilità di essere collegati a Internet al di fuori della tariffazione a tempo) sarebbe stato l’unico concreto strumento per avvicinare davvero i cittadini alla rete Internet. Inutile indagare le risibili motivazioni tecniche di allora così come le – immagino – validissime opposte ragioni odierne, che fanno di Teleconomy Internet l’unica concreta possibilità di essere sempre collegati a Internet in moltissime cittadine della penisola con poche migliaia di abitanti. E lasciamo da parte anche l’ipotesi (per nulla campata in aria) che si tratti di una offerta commerciale con qualche solito aspetto di anticoncorrenzialità, nell’ormai litigiosissimo e complicato panorama delle TLC nostrane.

Del resto dire che Telecom in questi anni ha fatto il bello ed il cattivo tempo negli scenari tecnologici dell’accesso alla rete in questo paese è una affermazione tanto poco pronunciata quanto difficilmente discutibile. Un po’ come dire, guardando la frittata dall’altra parte, che gli organismi di tutela degli interessi degli utenti dei servizi di comunicazione (che pure contro ogni evidenza esistono) hanno fatto assai male il loro lavoro.

Solo il Ministro Stanca crede del resto ad una Italia sulla cresta dell’onda dello sviluppo tecnologico europeo: rispetto a qualche anno fa i trionfi, ripetuti di conferenza stampa in conferenza stampa, dal responsabile della Innovazione non riguardano più soltanto i meravigliosi risultati della telefonia mobile (vero asse portante del flebile orgoglio tecnologico italico) ma anche quelli a maggior contenuto di sostanza degli accessi a Internet a larga banda. Poco importa se nelle valutazioni ampie ed articolate di molti studi europei l’Italia continui come sempre a veleggiare nelle posizioni di assoluta retroguardia continentale, contendendo le posizioni di rincalzo a paesi come la Grecia o il Portogallo. In opposizione a questi dati il Ministro ci ha invece, anche recentemente, informati che il mercato ADSL in Italia è uno dei due o tre più vitali dell’intero continente con i sui 5,5 milioni di utenti.

Si tratta di numeri importanti sui quali meditare. Numeri sfornati da un organismo di analisi voluto dal Ministro Stanca stesso che prende il nome di Osservatorio sulla Larga Banda. Una iniziativa – devo dire – meritoria, pur con una piccola, non trascurabile, pecca.

Foste voi il Ministro, a chi affidereste un compito importante e strategico come quello del monitoraggio dello sviluppo della connettività a larga banda nel paese? Fossi io il Ministro, mi preoccuperei di investire un po’ di soldi del contribuente in una struttura il più possibile autorevole e super partes. Penserei forse ad un utile investimento di fondi pubblici in ambito universitario, magari il Politecnico di una grande città o qualche altro istituto di riconosciuta capacità scientifica. Magari immaginerei un progetto nel quale coinvolgere esperti, accademici e studenti con borse di studio e quant’altro. Fossi io il Ministro dell’Innovazione, immaginerei uno scenario simile anche per aprire un credito culturale e scientifico nei confronti della nostra bistrattata università.

Ed invece cosa fa Lucio Stanca nel segno classico di un certo “quartierismo italico”? Affida l’osservatorio della larga banda ad una società di consulenza strategica privata che si chiama Between e consente che l’osservatorio sia finanziato dai fondi di innumerevoli altri soggetti, tra i quali, senza alcuna sorpresa, spiccano i nomi noti di Telecom, Wind, Fastweb, Netsystem. Bello no?

Non basta: come scrive Salvatore Presti in un bell’ articolo sulla larga banda in un numero di Diario del dicembre scorso, Between è stata fondata nel 1998 da “François de Brabant, ex capo dell’area Strategia, pianificazione e controllo di Telecom insieme a Girolamo Di Genova (già condirettore generale di Telecom) e Gerolamo Saibene (ex Somedia e Gruppo Espresso) ” . Il responsabile dell’Osservatorio è poi Cristoforo Morandini, manco a dirlo anch’egli ex uomo Telecom.

Between poi, per qualche ragione che non sembra bello sindacare, dimentica di specificare, nei comunicati che prepara per il ministro Stanca , sul boom delle adsl in Italia, che un numero significativo (almeno 1/2) delle 5,5 milioni di linee a larga banda la cui attivazione Stanca ascrive al successo della politica di incentivazione del governo, sono ADSL a consumo in ampia misura solo occasionalmente utilizzate, per evidenti ragioni di economia d’uso. Una maniera elegante per edulcorare lo scenario, poiché la scarsa o nulla offerta di ADSL a consumo nei restanti paesi europei rende il confronto certamente non omogeneo, disegnando una situazione italiana molto più rosea di quanto non sia in realtà.

Oggi l’accesso alla larga banda è una discriminante tecnologica importante per il paese. Lo è per la pubblica amministrazione, per le aziende, per la scuola e per i singoli cittadini. Si tratta quindi di un quadro di insieme che deve essere analizzato con serietà e imparzialità. Non è che manchino i soggetti in grado di farlo. E’ mancata invece fino ad oggi la volontà di essere trasparenti.

Cominciamo per esempio dai più recenti dati Eurostat, che danno il nostro paese con un ritardo superiore ai 15 punti percentuali (31% contro il 47%) rispetto alla media europea per ciò che attiene all’accesso alla rete Internet. Poi magari, se vogliamo, facciamo pure come San Tommaso e produciamo numeri nostri per meglio fotografare la situazione tecnologica della penisola. Ma facciamolo seriamente, magari allontanando prima, con gentilezza e fermezza, i mercanti dal tempio.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    5 --
    è solo una prova scusate
  • Anonimo scrive:
    il tifo...
    Siete proprio sicuri di voler morta la Microsoft? Chi di voi se lo è chiesto seriamente pensando a tutte le possibili conseguenze di quel che potrebbe accadere. Di certo non possiamo contare sul pinguino; chi è onesto sa che non è ancora pronto per affrontare il mondo intero, in molti uffici si tornerà alla carta stampata. Sarebbe un colpo durissimo non solo per la Microsoft, chi tornerà alla carta stampata non informatizzerà i propri uffici per almeno 10 anni. Però molti di voi insistono nel fanatismo e nella convinzione che Microsoft deve morire. Bene, se continua cosi i presupposti assumono contorni sempre piu nitidi e definiti. Siete pronti a sostenere la bonta del vostro stabilissimo sistema operativo? Siete pronti a insegnare ad usarlo nel giro di pochissime ore a milioni di impiegati che sanno a malapena trovare l'icona di Word e del tasto Start? Cominciate a lasciare i vostri recapiti, perchè ve li mando tutti, uno per uno. Io non ce l'ho con linux, anzi è l'esatto opposto, ma gli anni mi hanno insegnato che gli utensili vanno usati e non amati. Se ami piu il martello nuovo di quello vecchio, cio non significa che anche quello nuovo ti puo pestare un dito, e non è Confucio!Meditate gente, meditate... non tifate mai per un sistema operativo, è la cosa piu sbagliata di questo mondo.
    • Anonimo scrive:
      Re: il tifo...
      - Scritto da: Anonimo
      Siete proprio sicuri di voler morta la Microsoft?Non per partito preso. Il problema semmai è il contrario, e cioè che è Microsoft a voler morti tutti i concorrenti... E la storia insegna che spesso e volentieri è riuscita nei suoi intenti...
  • Anonimo scrive:
    Re: Oggetto di metallo resistente atto..
    bravo continua così... :|
  • Anonimo scrive:
    Speriamo che questo contribuisca
    Speriamo che questo contribuisca, in futuro, ad eliminare il free software (non l'open source contro cui non ho niente).
    • Anonimo scrive:
      Re: Speriamo che questo contribuisca
      - Scritto da: Anonimo
      Speriamo che questo contribuisca, in futuro, ad
      eliminare il free software (non l'open source
      contro cui non ho niente).Peccato che parecchio software open source sia anche free... :D
  • Anonimo scrive:
    Invalideranno il brevetto
    è l'unica strada.non ha senso brevettare il caricamento di moduli esterni, le schede perforate usavano lo stesso concetto
  • Anonimo scrive:
    a MS quando gli fa comodo ....
    Mi sembra che MS difenda questa legge quando i brevetti sono i suoi e la attachi quando a brevettare e' qualcun'altro.Bisogna anche dire che MS era in prima fila tra le ditte che volevano introdurre i brevetti soft anche in europa.E adesso che fa' si lamenta che quancun'altro brevetta.Mi sembra che 'ste multinazionali vogliono una legge che dica "Noi possimo brevettare gli altri NO"!
    • Anonimo scrive:
      Re: a MS quando gli fa comodo ....
      - Scritto da: Anonimo
      Mi sembra che MS difenda questa legge quando i
      brevetti sono i suoi e la attachi quando a
      brevettare e' qualcun'altro.

      Bisogna anche dire che MS era in prima fila tra
      le ditte che volevano introdurre i brevetti soft
      anche in europa.

      E adesso che fa' si lamenta che quancun'altro
      brevetta.

      Mi sembra che 'ste multinazionali vogliono una
      legge che dica "Noi possimo brevettare gli altri
      NO"!

      E' sufficiente imporre un prezzo alto per registrare una "idea" presso l'ufficio brevetti. Più pulito di una legge.Mi pare che l'ufficio brevetti europeo chieda 50 sacchi: una multinazionale può permetterseli, un inventore squattrinato no.
  • Anonimo scrive:
    Re: Meno male che qui in Europa....
    - Scritto da: Anonimo
    i giudici mi sembrano
    una massa di incompetenti,non sottovalutarli e non essere troppo naif.La corruzione dei giudici e le sentenze emesse per scopi personali (x esempio fare un favore ad amici politici/economici potenti e importanti per fare carriera) non e' solo una pratica italiana...Credi che in America non ci siano giudici corrotti e corruttibili? Non essere cosi' ingenuo..
  • Anonimo scrive:
    Di chi è il merito di una invenzione
    Chi non è esperto di programmazione forse non può rendersi conto di qual' è veramente la situazione di questo caso.L' idea dei plugin è una idea assolutamente banale. E' una idea che ricorre mille volte in altri contesti informatici. Il difficile è inserire questa tecnologia all' interno di un prodotto già funzionante, farla funzionare, eliminare i bug ecc ecc. e soprattuto rischiare che tutto questo lavoro sia inutile perchè magari il mercato non se ne fa niente di questa nuova tecnica.Di tutto questo eolas non ha fatto niente. Tra il farsi venire in mente un idea ovvia e implementarla in un prodotto funzionante c'è un abisso, specialmente nel campo informatico dove bisogna risolvere una miriade di problemi collaterali la cui soluzione ovviamente non può essere brevettata perchè riguardano solo quel particolare prodotto (le problematiche di implentazione dei plugin sono diverse tra IE, mozilla, opera ecc )Quanto meno si dovrebbe richiedere a chi brevetta invenzioni nel campo informatico la realizzazione di un prototipo _completo_ e funzionante.Vorrei proprio vedere cosa avrebbe fatto la eolas in questo caso.
    • Rex1997 scrive:
      Re: Di chi è il merito di una invenzione
      - Scritto da: Anonimo
      Chi non è esperto di programmazione forse non può
      rendersi conto di qual' è veramente la situazione
      di questo caso.
      L' idea dei plugin è una idea assolutamente
      banale. E' una idea che ricorre mille volte in
      altri contesti informatici.
      Il difficile è inserire questa tecnologia all'
      interno di un prodotto già funzionante, farla
      funzionare, eliminare i bug ecc ecc. e soprattuto
      rischiare che tutto questo lavoro sia inutile
      perchè magari il mercato non se ne fa niente di
      questa nuova tecnica.
      Di tutto questo eolas non ha fatto niente.
      Tra il farsi venire in mente un idea ovvia e
      implementarla in un prodotto funzionante c'è un
      abisso, specialmente nel campo informatico dove
      bisogna risolvere una miriade di problemi
      collaterali la cui soluzione ovviamente non può
      essere brevettata perchè riguardano solo quel
      particolare prodotto (le problematiche di
      implentazione dei plugin sono diverse tra IE,
      mozilla, opera ecc )
      Quanto meno si dovrebbe richiedere a chi brevetta
      invenzioni nel campo informatico la realizzazione
      di un prototipo _completo_ e funzionante.
      Vorrei proprio vedere cosa avrebbe fatto la eolas
      in questo caso.
      Infatti il problema risiede tutto qui..Non si deve brevettare l'idea, questa è universale, ma la materialità con cui viene implimentata....Questo lascerebbe aperta anche la possibilità di implimentare l'idea in altro modo materiale diverso dal precedente...La vittoria verrà data dal mercato, dove la realizzazione dell'idea che funziona meglio e costa meno sarà la più venduta...Lo so, lo so è solo un sogno... :s :s :'( :'( :'(
  • Anonimo scrive:
    Eolas sono caxxi amari!
    Eolas sono caxxi amari! :D Strano risbucano le aziende mangia-brevetti ! Aziende come la Eolas le bandirei ! :s Ah, quanto mi manca l'Acacia dove è andata a finire ? :D :D
  • Anonimo scrive:
    numeri telefonici
    Ciao raga,come faccio a trovare il numero di telefono di uno che non è sull?elenco?Chi me lo sa dire vince un premio?ab313@katamail.com
    • Anonimo scrive:
      Re: numeri telefonici
      - Scritto da: Anonimo
      Ciao raga,

      come faccio a trovare il numero di telefono di
      uno che non è sull’elenco?

      Chi me lo sa dire vince un premio…

      ab313@katamail.com
      Hai sbagliato forum.Dovresti andare quì http://punto-informatico.it/p.asp?i=55296&r=PI oppure quì http://punto-informatico.it/forum/poc.asp?tfid=1&fid=6comunque, puoi utilizzare questo serviziohttp://elenco.libero.it/elenco/index.jspoppurehttp://www.paginebianche.it/index.htmlfermo restando che gli abbonati che cerchi non abbiano chiesto di non apparire pubblicamente sugli elenchi telefoniciCiao
  • Bruco scrive:
    Re: Ho brevettato il copia-e-incolla!

    ieri ho firmato il rogito per il duomo di
    firenze. non dico altro.LOL :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Meno male che qui in Europa....
    Illuso. Faranno passare la legge sui brevetti in un modo o nell'altro. Ci sono in gioco troppi soldi e troppo potere.
  • Anonimo scrive:
    se il brevetto fosse di M$...
    ... assisteremmo a dichiarazioni del tipo : "è assolutamente indidpensabile che noi, in M$, possiamo tutelare le nostre proprietà intellettuali, questo brevetto ci dà l'occasione di farlo""... il brevetto in questione è la naturale conseguenza dello sforzo che in M$ da sempre facciamo per portare avanti lo sviluppo del world wide web""non ci sono dubbi, la legislazione sui brevetti ci permette di tutelare questa nostra proprietà intellettuale"...... invece no... assistiamo a 'preoccupazioni' da parte di M$, capito ? i principali promotori di palladium esprimono preoccupazione...Sono contrario ai brevetti, ma spero che eolas riesca a fare un bel disastro... ovviamente è un disastro legalizzato da una legislazione sui brevetti voluta/spinta/imposta da M$
    • Anonimo scrive:
      Re: se il brevetto fosse di M$...
      - Scritto da: Anonimo
      Sono contrario ai brevetti, ma spero che eolas
      riesca a fare un bel disastro... ovviamente è un
      disastro legalizzato da una legislazione sui
      brevetti voluta/spinta/imposta da M$"Una volta un giudice giudicò chi aveva dettato le leggi. Prima cambiarono il giudice; e subito dopo la legge". (Fabrizio De Andre')
    • barotto scrive:
      Re: se il brevetto fosse di M$...
      - Scritto da: Anonimo
      legislazione sui
      brevetti voluta/spinta/imposta da M$La versione corretta è:"legislazione sui brevetti voluta/spinta/imposta ANCHE da M$"Mi risulta che tutta la grande industria MONDIALE sia a favore dei brevetti sul software. Anche Confindustria, a suo tempo, si è espressa a favore, pensa te quanto è lungimirante...
  • Anonimo scrive:
    Perry dice la sua
    http://www.xcf.berkeley.edu/~wei/viola/aboutEolasMicrosoft.html
    • Anonimo scrive:
      Brice
      7c3933e9fdb11874d47d528d97e07942 ristorantemontespertoli http://10.unfiorito.info/giornatainpista/ versionetradottaesopo prestitocasellelandi http://10.secretastanza.info/lagohotelterzaeta/ affissioniesterne albergoabruzzomare http://15.ilgiglio.info/cassetteperlettera/ ristorantebagnaradiromagna offertaregalolivorno http://1.dallosmalto.info/assicurazionebedizzole/ finanziamentoconcesio ristorantecaminetto http://10.agilieneri.info/prediche/ albodorochampionsleague carpfishingpesca http://12.uncolombo.info/lalbatroscommenti/ freegamegiocojava chinesekamasutra http://19.iseveri.info/carrucolaautofrenanti/ chiabottocristina sfondideskstopgratis http://13.secretastanza.info/calcio5imperia/ agriturismopallanza 6982c177a7c3531825330d49c70aaf96
  • Anonimo scrive:
    contrappasso
    chi di brevetto ferisce .... la notizia non è in sé buona; ma il fatto che la prima a farne le spese sia microsoft (che ha brettato tutto il brevettabile) mi sembra una trovata degna dell'inferno dantesco
    • Anonimo scrive:
      Re: contrappasso
      - Scritto da: Anonimo
      chi di brevetto ferisce .... la notizia non è in
      sé buona; ma il fatto che la prima a farne le
      spese sia microsoft (che ha brettato tutto il
      brevettabile) mi sembra una trovata degna
      dell'inferno dantescoPerò non hanno brevettato i plugin...chissà perchè ...(non certo perchè la eolas li ha inventati prima di lei)
    • Anonimo scrive:
      Jamarcus
      7362f12dca3feb05b2f2a47760303ad9 agriturismosancesariodilecce http://16.ilgiglio.info/caccait/ nuovapassatvariant offertalavorotorino http://10.unfiorito.info/voliscontativeneto/ boxdocciacristallo downloadgiocofree http://4.unfiorito.info/annunciatricitv/ automatismopersianaumbria chatmonella http://15.ilgiglio.info/incontronevers/ apparecchiaturespionaggio alloggioanziani http://3.secretastanza.info/corsopreparto/ truccoshinobi cinemaatlanticroma http://20.secretastanza.info/bibbiaesodo20/ sfondostefaniaorlando trasimenohotel http://16.displendori.info/concertojazz/ giovannagalletti ballaretoscana http://8.divinaincantatrice.info/abitareco/ pentecostali 6982c177a7c3531825330d49c70aaf96
  • Anonimo scrive:
    Eolas e opensource
    Quelli del brevetto Eolas hanno dichiarato che non chiederanno soldi per i browser opensource.
    • Anonimo scrive:
      Re: Eolas e opensource
      ...e qui si capisce perché opera non è più a pagamento... ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Eolas e opensource
        - Scritto da: Anonimo
        ...e qui si capisce perché opera non è più a
        pagamento... ;)ma mica e diventato Open source!
        • barotto scrive:
          Re: Eolas e opensource
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Anonimo

          ...e qui si capisce perché opera non è più a

          pagamento... ;)


          ma mica e diventato Open source!Appunto, e poi mi risulta che Opera sia norvegese; se la normativa sui brevetti software della Norvegia è come quella dell'EU, Opera non ha comunque nulla da temere... o no? :s
      • Anonimo scrive:
        Re: Eolas e opensource
        Opera non è a pagamento perchè Google paga al posto tuo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Eolas e opensource
        - Scritto da: Anonimo
        ...e qui si capisce perché opera non è più a
        pagamento... ;)OpenSource NON significa gratis e gratis NON significa OpenSource.Opera NON è OpenSource, è solo gratis.
    • Anonimo scrive:
      Re: Eolas e opensource
      - Scritto da: Anonimo
      Quelli del brevetto Eolas hanno dichiarato che
      non chiederanno soldi per i browser opensource.E quindi ora gli opensorci sono contenti, anzi, grazie Eolas che danneggi microsoft, il tuo brevetto è cosa buona e giusta
      • The_GEZ scrive:
        Re: Eolas e opensource
        Ciao Anonimo !
        E quindi ora gli opensorci sono contenti, anzi,
        grazie Eolas che danneggi microsoft, il tuo
        brevetto è cosa buona e giustaTanto per cambiare non hai capito una mazza ....I brevetti sono sbagliati tutti qualunque essi siano, punto e basta.La cosa che ci fa ridere a noi "Open Sorci" (che poi sono quelli che le cose le inventano), è che adesso una paladina dei brevetti come Microsoft si lamenta perche un' altro fa valere un brevetto grazie ad un sistema che lei stessa ha voluto e creato !!!!!!Se davvero i brevetti fossero così giusti e ben fatti come ha detto fino ad ora perchè microsoft non ha fatto la tanto, da lei, decantata partnership-joint-venture-in-the-space con Eolas ed ha sborsato i GIUSTI (secondo questo folle sistema brevettuale) 500M di bei dollaroni in nome dello sviluppo ?
        • GuN_jAcK scrive:
          Re: Eolas e opensource
          - Scritto da: The_GEZ
          Ciao Anonimo !


          E quindi ora gli opensorci sono contenti, anzi,

          grazie Eolas che danneggi microsoft, il tuo

          brevetto è cosa buona e giusta

          Tanto per cambiare non hai capito una mazza ....
          I brevetti sono sbagliati tutti qualunque essi
          siano, punto e basta.
          La cosa che ci fa ridere a noi "Open Sorci" (che
          poi sono quelli che le cose le inventano), è che
          adesso una paladina dei brevetti come Microsoft
          si lamenta perche un' altro fa valere un brevetto
          grazie ad un sistema che lei stessa ha voluto
          e creato !!!!!!
          Se davvero i brevetti fossero così giusti e ben
          fatti come ha detto fino ad ora perchè microsoft
          non ha fatto la tanto, da lei, decantata
          partnership-joint-venture-in-the-space con Eolas
          ed ha sborsato i GIUSTI (secondo questo folle
          sistema brevettuale) 500M di bei dollaroni in
          nome dello sviluppo ?quoto e confermo!
        • Anonimo scrive:
          Re: Eolas e opensource
          amen fratello :|
      • Anonimo scrive:
        Re: Eolas e opensource
        - Scritto da: Anonimo
        E quindi ora gli opensorci sono contenti, anzi,
        grazie Eolas che danneggi microsoft, il tuo
        brevetto è cosa buona e giustaM$ ha fortemente voluto e spinto per i brevetti in Europa, dunque si merita quello che ha trovato. Semplice. Non è questione di guerra contro M$ o essere contenti che a M$ le cose vanno male, è una pura e semplice soddisfazione personale nel vedere che proprio chi voleva a tutti i costi i brevetti in Europa facendo letteralmente carte false per convincere i politici ad approvarle ora si trova in difficoltà proprio a causa dei brevetti che ha tanto voluto. Ben gli sta. Fine della questione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Eolas e opensource
      - Scritto da: Anonimo
      Quelli del brevetto Eolas hanno dichiarato che
      non chiederanno soldi per i browser opensource.che non ne hanno certo come Microsoft.questo episodio dimostra cmq, se mai ce ne fosse stato bisogno ( Moggi mode on :as: ) quanto i brevetti sul SW e come siano utilizzati da anni ( cioè tutto fuorchè il motivo per cui è nato il brevetto) siano una piaga e non una tutela...Le pretese di EOLAS sn assurde se viste da un pdv esterno e fatto di sola logica, ma calate in quel contesto di lassismo e caos giuridico che è il sistema ( dei brevetti) statunitense, ha perfettamente senso.Sn assolutamente con Microsoft in questa causa, ma devo anche dar ragione a chi diceva prima che "hai voluto la bicicletta e ora pedali".Avessero utilizzato un sistema imperniato sul diritto d'autore come avviene in Europa n ci troveremmo davanti ad assurdità simili che sn perfettamente identiche ( nella loro idiozia) al brevetto su doppi click e sul "componenti HW messi insieme per fare qlc".IMHO
      • Anonimo scrive:
        Re: Eolas e opensource
        Ciao, mi piace il tuo appunto ma da "profano" della materia non lo capisco. A me pare che non ci sia grande differenza tra il sistema dei brevetti (statunitense?) e il diritto di autore (europeo?). Potresti darmi una spiegazione di due righe e qualche indicazione (fonti come documenti siti ecc) per capire meglio questa differenza?Grazie e ciao--Francesco
        Avessero utilizzato un sistema imperniato sul
        diritto d'autore come avviene in Europa n ci
        troveremmo davanti ad assurdità simili che sn
        perfettamente identiche ( nella loro idiozia) al
        brevetto su doppi click e sul "componenti HW
        messi insieme per fare qlc".


        IMHO
  • Anonimo scrive:
    il concetto è giusto ma...
    ...l'applicazione è sbagliata. mi spiego: se andiamo a vedere tutti i brevetti (dei quali il 95% non riguardano qualcosa di specifico ma un concetto, cosa che di fatto li rende paradossali ma negli USA si divertono così e che ci vuoi fare) che viola un software qualsiasi l'elenco risulterà molto ma molto lungo.ora: a me sta bene che i detentori dei brevetti possano rivendicare dei diritti, però il problema di fondo è LA MISURA in cui possano farlo. mi spiego: se io realizzo un software che viola 120 brevetti (che ripeto con i brevetti assurdi che ci sono oggi è cosa molto ma molto facile) e dalla sua commercializzazione traggo un ricavo di 10 milioni di euri (ricavo inteso spese a parte) è giusto che io ne riconosca una parte (tanto maggiore quanto più importanti risultino le parti di codice che violano i brevetti) ai detentori dei brevetti... ma che si facciano pagare i 500 milioni di dollari così come noccioline, senza una valutazione degli effettivi benefici a livello di mercato derivanti dall'integrazione di quella tecnologia è un'assurdità... a questo aggiungiamoci anche che chi produce il software LO SA SOLO DOPO se ha violato dei brevetti (a parte per quelli più famosi), la cosa risulta veramente di una stupidità senza confini... in pratica una piccola azienda che sviluppa software rischia di dover pagare per un singolo brevetto - che magari riguarda una componente che è irrilevante nella complessità del pacchetto che viene proposto - una cifra maggiore di tutto ciò che potrebbe mai ricavare in vita sua dal software stesso...a me sembra che negli USA ci si stia impegnando per uccidere il mercato, ma anche in modo molto cruento... e anche qui dobbiamo tenere le orecchie ben tese...
    • Anonimo scrive:
      Re: il concetto è giusto ma...
      - Scritto da: Anonimo
      ...l'applicazione è sbagliata. mi spiego: se
      andiamo a vedere tutti i brevetti (dei quali il
      95% non riguardano qualcosa di specifico ma un
      concetto, cosa che di fatto li rende paradossali
      ma negli USA si divertono così e che ci vuoi
      fare) che viola un software qualsiasi l'elenco
      risulterà molto ma molto lungo.

      ora: a me sta bene che i detentori dei brevetti
      possano rivendicare dei diritti, però il problema
      di fondo è LA MISURA in cui possano farlo. mi
      spiego: se io realizzo un software che viola 120
      brevetti (che ripeto con i brevetti assurdi che
      ci sono oggi è cosa molto ma molto facile) e
      dalla sua commercializzazione traggo un ricavo di
      10 milioni di euri (ricavo inteso spese a parte)
      è giusto che io ne riconosca una parte (tanto
      maggiore quanto più importanti risultino le parti
      di codice che violano i brevetti) ai detentori
      dei brevetti... ma che si facciano pagare i 500
      milioni di dollari così come noccioline, senza
      una valutazione degli effettivi benefici a
      livello di mercato derivanti dall'integrazione di
      quella tecnologia è un'assurdità... a questo
      aggiungiamoci anche che chi produce il software
      LO SA SOLO DOPO se ha violato dei brevetti (a
      parte per quelli più famosi), la cosa risulta
      veramente di una stupidità senza confini... in
      pratica una piccola azienda che sviluppa software
      rischia di dover pagare per un singolo brevetto -
      che magari riguarda una componente che è
      irrilevante nella complessità del pacchetto che
      viene proposto - una cifra maggiore di tutto ciò
      che potrebbe mai ricavare in vita sua dal
      software stesso...

      a me sembra che negli USA ci si stia impegnando
      per uccidere il mercato, ma anche in modo molto
      cruento... e anche qui dobbiamo tenere le
      orecchie ben tese...Senza contare la durata di un brevetto, adesso non mi ricordo il numero esatto, mi sembrano 20 anni con la possibilita' di rinnovo per altri 20 anni alla scadenza. Io non so' se vi ricordate com'era l'IT 20 anni fa'...Forse e' ragionevole come lasso di tempo per avere un ritorno per un brevetto industriale, dove in genere ci sono grosse immobilizzazioni, ma per il software IMHO e' assurdo.
      • Anonimo scrive:
        Re: il concetto è giusto ma...
        - Scritto da: Anonimo

        a me sembra che negli USA ci si stia impegnando

        per uccidere il mercato, ma anche in modo molto

        cruento... e anche qui dobbiamo tenere le

        orecchie ben tese...

        Senza contare la durata di un brevetto, adesso
        non mi ricordo il numero esatto, mi sembrano 20
        anni con la possibilita' di rinnovo per altri 20
        anni alla scadenza. Io non so' se vi ricordate
        com'era l'IT 20 anni fa'...

        Forse e' ragionevole come lasso di tempo per
        avere un ritorno per un brevetto industriale,
        dove in genere ci sono grosse immobilizzazioni,
        ma per il software IMHO e' assurdo.Al di la' del fatto che i 20 anni non sono rinnovabili, il punto chiave, hai ragione, è che la durata è sproporzionata all'effettiva utilità del brevetto ed è anche causa di aberrrazioni (capita spesso che un azienda abbastanza grande da fare ricerca e brevetti decida di non utilizzare quello che ha scoperto perchè non gli conviene -magari per gli investimenti in impianti che dovrebbe fare- contando anche sul fatto che c'è tempo. Se la durata del brevetto fosse differenziata sulla base della materia, dei costi effettivi sostenuti per la ricerca, e sulla dimensione del beneficiario, a mio parere sarebbe meglio). Un brevetto sul software di due anni per la multinazionale e di cinque per il singolo programmatore squattrinato potrebbe essere un idea percorribile.
    • Anonimo scrive:
      Re: il concetto è giusto ma...
      No, il problema nasce proprio dal fatto che il concetto NON è giusto :)Il software è protetto dal copyright, il brevetto sul software NON è giusto, non avvantaggia la società (che è lo scopo dei brevetti).Se il brevetto fosse giusto sempre, perché non brevettare nel cinema? O in architettura? O in matematica? O in narrativa? Sai quanti vantaggi?Già prarlare di "PROPRIETA' INTELLETTUALE" è sbagliato... non è vero che tutto quello che penso è mio, e ne ho diritto solo io. Il brevetto nasce per settori dove se uno non investe ingenti risorse e capitali non può ottenere il risultato, e dal risultato è facile che un concorrente produca al stessa cosa senza i costi di ricerca.Nel software è proprio il contrario... l'idea ce l'ho anche io, il difficile è implementarla, testarla, perfezionarla...Attenzione a non concedere ai pro-brevetti nemmeno un millimetro che non spetta loro, non cadiamo nel loro gioco di "pensiero pre-elaborato" e di confusione di ambitiMarco
      • Anonimo scrive:
        Re: il concetto è giusto ma...

        Un brevetto sul software di due anni per la
        multinazionale e di cinque per il singolo
        programmatoreio la penso così e non é un discorso filosofico, bisogna essere pratici e realisti. Una multinazionale paga ed investe per creare nuove idee, non é giusto che il giorno dopo la ditta che non investe gli possa fare concorrenza.Allo stesso modo se io ho un'idea (illuminante o frutto di ricerche di mercato, o qualsiasi altra cosa), é giusto che abbia il tempo di commercializzarla e farmi conoscere, mentre non sarebbe giusto che una multinazionale che ha già una distribuzione capillare la includa distruggendo immediatamente tutto il mio lavoro.Ex Cardinale Ratzinger
  • bouncey2k scrive:
    Re: Ho brevettato il copia-e-incolla!
    - Scritto da: Anonimo

    ragazzi vi frego tutti; ho aperto il primo
    ufficio brevetti nel lontano
    milleeantaniqualcosa.
    mio dio come gongolo.
    ieri ho firmato il rogito per il duomo di
    firenze. non dico altro.Anche tu di Firenze? Anche tu col tarapio topeico? :D==================================Modificato dall'autore il 03/10/2005 0.44.09
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho brevettato il copia-e-incolla!
      - Scritto da: bouncey2k
      - Scritto da: Anonimo



      ragazzi vi frego tutti; ho aperto il primo

      ufficio brevetti nel lontano

      milleeantaniqualcosa.

      mio dio come gongolo.

      ieri ho firmato il rogito per il duomo di

      firenze. non dico altro.

      Anche tu di Firenze? Anche tu col tarapio
      topeico? :D

      ==================================
      Modificato dall'autore il 03/10/2005 0.44.09No, mi permetta. No io, eh scusi noi siamo in quattro. Come se fosse antani anche per lei soltanto in due, oppure in quattro anche scribai con cofandina; come antifurto, per esempio. Tarapio tapioco come se fosse Antani, la supercazzola prematurata con dominus reveriscum blinda. Io sono un uomo d'affari, blinda la supercazzola prematurata, una cosa d'assegni, tarapia tapioca, tapioca torapia, dollari, sterline, allaccia scarpa, scarpallaccia, dico d'albergo, ma tu?Sì, ma la sbiriguda della sbrindolona come se fosse Antani come facevo? Ho provato con la supercazzola con scappellamento paraplegico a sinistra, ma non funzionava, faceva tu-tu. Nel senso anafestico. Eh sì. Come farà di capo d'altitudine, no?Ma lei se la blinda la supercazzola prematurata come se fosse anche un po' di Casentino che perdura anche come cappotto. Sbiriguda veniale, la supercazzola prematurata. Insoma fifty fifty come fosse mea culpa, alla supercazzola.La supercazzola è poco prematurata per onnire agli assergi del traffolo di distinguenza. Quintana... o setta! Intanto, trivia la confraternita... pulitina... Eeeh, professore? non le dico, antani, come trazione per due anche se fosse supercazzola bitumata, ha lo scappellamento a destra.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho brevettato il copia-e-incolla!
    - Scritto da: Anonimo
    Perfetto, vai in USA che incassi.

    Qui ti ricordo che non è valido :D (happy)In realtà probabilmente riusciresti a spuntarla in molti uffici brevetti, non è vietato espressamente anche se nella maggior parte poi riusciresti a contestarlo
  • Anonimo scrive:
    Re: Ho brevettato il copia-e-incolla!
    Io ho brevettato la scorreggia:Metodo ipermediale per comunicare attraverso hardware rettale sensazioni ed altro ;) Su su da bravi contribuite al mantenimento del brevetto
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho brevettato il copia-e-incolla!
      - Scritto da: Anonimo
      Io ho brevettato la scorreggia:

      Metodo ipermediale per comunicare attraverso
      hardware rettale sensazioni ed altro ;)

      Su su da bravi contribuite al mantenimento del
      brevettoEhi, io parlo coi rutti!!! È valido come esempio di prior-art? Sempre di gas intestinali si tratta.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho brevettato il copia-e-incolla!
        - Scritto da: Anonimo

        Io ho brevettato la scorreggia:



        Metodo ipermediale per comunicare attraverso

        hardware rettale sensazioni ed altro ;)



        Su su da bravi contribuite al mantenimento del

        brevetto

        Ehi, io parlo coi rutti!!! È valido come esempio
        di prior-art? Sempre di gas intestinali si tratta.Non puoi dimostrare che non l'hai imparato a fare dal brevetto
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho brevettato il copia-e-incolla!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Io ho brevettato la scorreggia:



        Metodo ipermediale per comunicare attraverso

        hardware rettale sensazioni ed altro ;)



        Su su da bravi contribuite al mantenimento del

        brevetto

        Ehi, io parlo coi rutti!!! È valido come esempio
        di prior-art? Sempre di gas intestinali si
        tratta.Ehi ehi ehi!!!Fermi tutti è un brevetto mio, anzi il mio è più esteso e comprende qualsiasi forma di arte effettuata tramite l'utilizzo di gas intestinali.Ed ho anche documenti che provano quanto affermato.Quindi prima di dare fuoco ad una scoreggia, passate a pagare!!!!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho brevettato il copia-e-incolla!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Io ho brevettato la scorreggia:



        Metodo ipermediale per comunicare attraverso

        hardware rettale sensazioni ed altro ;)



        Su su da bravi contribuite al mantenimento del

        brevetto

        Ehi, io parlo coi rutti!!! È valido come esempio
        di prior-art? Sempre di gas intestinali si
        tratta.Eh no, i gas intestinali sono "frutto" di fermentazione anaerobia. I rutti sono solo aria nello stomaco.Ma puoi ottenere un brevetto per un "metodo di immagazzinamento di gas atmosferici nello stomaco e successiva riemissione con effetti sonori".
  • Anonimo scrive:
    Freghiamocene degli USA
    Che facciano quello che vogliono, per adesso ci stacchiamo da loro ma se si cercano di fare in Europa queste cose rivoluzione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Freghiamocene degli USA
      - Scritto da: Anonimo
      Che facciano quello che vogliono, per adesso ci
      stacchiamo da loro ma se si cercano di fare in
      Europa queste cose rivoluzione.See.. come per il decreto urbani....Bisognerebbe convincere gli italiani che se questo succedesse da noi non avrebbero più il calcio, e allora si che sarebbe rivoluzione. Ma come fare?
      • Anonimo scrive:
        Re: Freghiamocene degli USA
        - Scritto da: Anonimo

        Che facciano quello che vogliono, per adesso ci

        stacchiamo da loro ma se si cercano di fare in

        Europa queste cose rivoluzione.

        See.. come per il decreto urbani....
        Bisognerebbe convincere gli italiani che se
        questo succedesse da noi non avrebbero più il
        calcio, e allora si che sarebbe rivoluzione. Ma come fare?Di sicuro non chiedendosi come fare
      • Anonimo scrive:
        Re: Freghiamocene degli USA
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Che facciano quello che vogliono, per adesso ci

        stacchiamo da loro ma se si cercano di fare in

        Europa queste cose rivoluzione.

        See.. come per il decreto urbani....
        Bisognerebbe convincere gli italiani che se
        questo succedesse da noi non avrebbero più il
        calcio, e allora si che sarebbe rivoluzione. Ma
        come fare?Infatti io spero nei krukki :D
      • Rex1997 scrive:
        Re: Freghiamocene degli USA
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Che facciano quello che vogliono, per adesso ci

        stacchiamo da loro ma se si cercano di fare in

        Europa queste cose rivoluzione.

        See.. come per il decreto urbani....
        Bisognerebbe convincere gli italiani che se
        questo succedesse da noi non avrebbero più il
        calcio, e allora si che sarebbe rivoluzione. Ma
        come fare? Basta brevettare il gol .....:Dpoi si possono brevettare in subordine i triangoli, la punizione in campo e da bordo campo...di cose brevettabili ne esistono a iosa, come nel software....:(
        • Anonimo scrive:
          Re: Freghiamocene degli USA
          io brevetto lo scudetto alla juve....
        • Bruco scrive:
          Re: Freghiamocene degli USA

          Basta brevettare il gol .....:D

          poi si possono brevettare in subordine i
          triangoli, la punizione in campo e da bordo
          campo...LOL :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Freghiamocene degli USA
          - Scritto da: Rex1997

          Basta brevettare il gol
          Io brevetto lo sputo in campo e la pulizia del naso in campo con il dito che chiude una narice e soffio dall'altra narice verso terra.. Con quello che si vede nelle partite... FACCIO I MILIARDI.... DI EURO !!!!!!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Freghiamocene degli USA
          - Scritto da: Rex1997

          Basta brevettare il gole poi brevetto la gamba tesa... e le spinte, e gli insulti all'arbitro..e poi mi ritiro a vita privata a spendere i miliardi di miliardi di dollari che faccio ogni week-end..
          • Anonimo scrive:
            Re: Freghiamocene degli USA
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Rex1997



            Basta brevettare il gol


            e poi brevetto la gamba tesa... e le spinte, e
            gli insulti all'arbitro..

            e poi mi ritiro a vita privata a spendere i
            miliardi di miliardi di dollari che faccio ogni
            week-end..
            E io brevetto le scorreggine e se non mi paghi le royalties ti gonfierai come un palloncino :D .
  • kaioh scrive:
    M$ si annettera Eolas e forse risparmia
    strategia già collaudata in passato
    • Anonimo scrive:
      Re: M$ si annettera Eolas e forse rispar
      - Scritto da: kaioh
      strategia già collaudata in passatoEolas è una società dell'università, dovrebbe ammettersi l'università ma penso che sia più economico pagare il dazio.
    • Anonimo scrive:
      Re: M$ si annettera Eolas e forse rispar
      - Scritto da: kaioh
      strategia già collaudata in passatoDici che se se la comprano risparmiano?Secondo te quanto vale una società a cui è stato riconosciuto il diritto di farsi dare 521 milioni di dollari?Io dico almeno 521 milioni di dollari.....
      • Anonimo scrive:
        Re: M$ si annettera Eolas e forse rispar
        avessi 40 miliardi di dollari e con solo mezzo potessi comprarmi il diritto su plugin e affini, non esiterei un secondo a staccare l' assegno
        • Anonimo scrive:
          Re: M$ si annettera Eolas e forse rispar
          - Scritto da: Anonimo
          avessi 40 miliardi di dollari e con solo mezzo
          potessi comprarmi il diritto su plugin e affini,
          non esiterei un secondo a staccare l' assegnoio mi comprerei 40 miliardi di dollari in caramelle
          • Anonimo scrive:
            Re: M$ si annettera Eolas e forse rispar

            io mi comprerei 40 miliardi di dollari in
            caramelle
            Io finanzierei lo sviluppo di ReactOS !www.reactos.orgMarco Ravich
        • Anonimo scrive:
          Re: M$ si annettera Eolas e forse rispar
          - Scritto da: Anonimo
          avessi 40 miliardi di dollari e con solo mezzo
          potessi comprarmi il diritto su plugin e affini,
          non esiterei un secondo a staccare l' assegnoE se io avessi i diritti sui plugin col cavolo che te li venderei, visto che il tribunale già mi ha assicurato il mezzo miliardo senza fare niente...Ma non c'è nessuno che sa ragionare qui?Spiegatemi come fa ms ad annettersi eolas e risparmiare...
          • Anonimo scrive:
            Re: M$ si annettera Eolas e forse rispar

            Ma non c'è nessuno che sa ragionare qui?
            Spiegatemi come fa ms ad annettersi eolas e
            risparmiare...la compri e togli di mezzo tutta la concorrenza non dando in licenza il brevetto....usare il cervello? no?
          • Anonimo scrive:
            Re: M$ si annettera Eolas e forse rispar
            - Scritto da: Anonimo


            Ma non c'è nessuno che sa ragionare qui?

            Spiegatemi come fa ms ad annettersi eolas e

            risparmiare...

            la compri e togli di mezzo tutta la concorrenza
            non dando in licenza il brevetto....

            usare il cervello? no?Per comprarla devi pagare tutti i soldi che la concorrenza pagherebbe per avere la licenza....Tornate a giocare a monopoli, va...
  • Anonimo scrive:
    Hanno voluto la bicicletta?
    Hanno voluto la bicicletta, al di la dell'oceano, con questa nuova, fantastica normativa sui brevetti?Bene, che adesso pedalino!!!Mi vengono i brividi solo a pensare che anche noi al di qua dell'oceano, per la miopia di certe lobby, abbiamo rischiato di ritrovarci nella stessa identica melma.Miope = colui che non vede neanche il proprio naso.
    • bugybugy scrive:
      Re: Hanno voluto la bicicletta?
      - Scritto da: Anonimo
      Miope = colui che non vede neanche il proprio
      naso.Scusa, in questo caso la situazione era questa:Miope = colui che senza dignità è disposto a vendere le sue chiappette e quelle del vecchio continente per qualche mazzetta!
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno voluto la bicicletta?
        - Scritto da: bugybugy

        - Scritto da: Anonimo


        Miope = colui che non vede neanche il proprio

        naso.

        Scusa, in questo caso la situazione era questa:

        Miope = colui che senza dignità è disposto a
        vendere le sue chiappette e quelle del vecchio
        continente per qualche mazzetta!Il mio miope era rivolto ai lobbisti che pensando di fare soldi facili, non hanno visto gli scogli che li attendevano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Hanno voluto la bicicletta?
      e adesso pedaliamo!chi credi che pagherà, alla fine, per tutto questo?E se decidessero di prendersela con firefox, buttandolo fuori dal mercato?
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno voluto la bicicletta?
        - Scritto da: Anonimo
        e adesso pedaliamo!
        chi credi che pagherà, alla fine, per tutto questo?
        E se decidessero di prendersela con firefox,
        buttandolo fuori dal mercato?Facciamo festa
        • Anonimo scrive:
          Re: Hanno voluto la bicicletta?
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          e adesso pedaliamo!

          chi credi che pagherà, alla fine, per tutto
          questo?

          E se decidessero di prendersela con firefox,

          buttandolo fuori dal mercato?

          Facciamo festaE' ovvio che chi posta messaggi come questi sul forum è pagato per farlo.Altrimenti -- che lo utilizzi oppure no -- che interesse avrebbe a vedere svanire un prodotto come Firefox?
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno voluto la bicicletta?
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            e adesso pedaliamo!


            chi credi che pagherà, alla fine, per tutto

            questo?


            E se decidessero di prendersela con firefox,


            buttandolo fuori dal mercato?



            Facciamo festa

            E' ovvio che chi posta messaggi come questi sul
            forum è pagato per farlo.

            Altrimenti -- che lo utilizzi oppure no -- che
            interesse avrebbe a vedere svanire un prodotto
            come Firefox?Non dannarti così per così poco.Se frequenti questo forum per un po' di tempo ti accorgerai di alcune cose:1 - la gente pagata da questa o quella casa per spammare nei forum esiste realmente, ma sono in pochi;2 - la maggior parte dei frequentatori di questo forum, sono dei troll di professione (o per passione). In ogni caso, sono sempre i soliti 4 o 5, che pur di trollare andrebbero contro persino alla loro madre;3 - la maggior parte degli interventi di questo forum, ha il solo scopo di attirare flame;4 - in tutto questo la redazione, ci sguazza a più non posso.Quindi quando leggi di queste fesserie ("Facciamo festa") non ti dannare l'anima più di tanto. Ormai questo sito è buono solo per passarsi il tempo a prendere per il cuBo altra gente nei forum, dato che anche la qualità delle notizie spesso rasenta il ridicolo.
          • xander2k scrive:
            Re: Hanno voluto la bicicletta?
            - Scritto da: Anonimo
            Quindi quando leggi di queste fesserie ("Facciamo
            festa") non ti dannare l'anima più di tanto.
            Ormai questo sito è buono solo per passarsi il
            tempo a prendere per il cuBo altra gente nei
            forum, dato che anche la qualità delle notizie
            spesso rasenta il ridicolo.Che sito proporresti in sostituzione? Ne sto cercando uno... Grazieee!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno voluto la bicicletta?
            - Scritto da: xander2k

            - Scritto da: Anonimo


            Quindi quando leggi di queste fesserie
            ("Facciamo

            festa") non ti dannare l'anima più di tanto.

            Ormai questo sito è buono solo per passarsi il

            tempo a prendere per il cuBo altra gente nei

            forum, dato che anche la qualità delle notizie

            spesso rasenta il ridicolo.

            Che sito proporresti in sostituzione? Ne sto
            cercando uno... Grazieee!!!Mah, tempo fa avevo visto un certo ritorno di attività su www.lithium.it, ma sembra essere già finita, anche se il forum è sempre attivo. Però se non ci sono notizie ad approfondimenti, un forum serve a poco.Altrove, fin'ora non ho trovato nulla. Bazzico un po' di siti (come un po' tutti), ma non ne ho ancora trovato uno serio e completo. Credo la pubblicità li stia ammazzando tutti (per attirare gente, non bisogna essere troppo tecnici, e devi occuparti soprattutto di fesserie).
        • GuN_jAcK scrive:
          Re: Hanno voluto la bicicletta?
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          e adesso pedaliamo!

          chi credi che pagherà, alla fine, per tutto
          questo?

          E se decidessero di prendersela con firefox,

          buttandolo fuori dal mercato?

          Facciamo festama quanto puoi essere intelligente te? forse l'unica cosa che sai fare con la tua "intelligenza" è trollare... -.-
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno voluto la bicicletta?
        - Scritto da: Anonimo
        e adesso pedaliamo!
        chi credi che pagherà, alla fine, per tutto
        questo?Chi acquista prodotti M$ e gli americani.
        E se decidessero di prendersela con firefox,
        buttandolo fuori dal mercato?Non ci sarebbero problemi. Metterebbero in liquidazione la Mozilla Foundation, dato che soldi non ne ha più di tanto.Ma qui in Europa, dove tale brevetto non ha (per fortuna) valore, lo sviluppo di Firefox potrebbe proseguire senza problemi.E' uno dei vantaggi dell'open source; il codice non ha padrone e può schivare certe prodezze legalesi.
  • Anonimo scrive:
    Questa è grossa...
    Io utente linux che mi metto a fare il tifo per microsoft perché vinca la causa e non paghi il becco di un quattrino a questa gentaglia.No perché se microsoft decide di pagare tutti ma proprio tutti gli altri sono finiti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa è grossa...
      - Scritto da: Anonimo
      Io utente linux che mi metto a fare il tifo per
      microsoft perché vinca la causa e non paghi il
      becco di un quattrino a questa gentaglia.non credo che il mondo vada diviso in pro-ms e pro-windows....da utente contento di tecnologia ms penso che quando ms sbaglia deve pagare....parimenti però mi aspetto la stessa inparzialità da parte di chi i prodotti ms non li usa.qui ms si è trovata solo nel mezzo di uno dei tentativi di imbrigliare la tecnologia e la conoscenza tra i più pericolosi.

      No perché se microsoft decide di pagare tutti ma
      proprio tutti gli altri sono finiti.la vedo male purtroppo :(
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa è grossa...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Io utente linux che mi metto a fare il tifo per

        microsoft perché vinca la causa e non paghi il

        becco di un quattrino a questa gentaglia.

        non credo che il mondo vada diviso in pro-ms e
        pro-windows....e qual è la differenza?
        • Anonimo scrive:
          Re: Questa è grossa...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Io utente linux che mi metto a fare il tifo
          per


          microsoft perché vinca la causa e non paghi il


          becco di un quattrino a questa gentaglia.



          non credo che il mondo vada diviso in pro-ms e

          pro-windows....

          e qual è la differenza?emmmm scusa evidentemente era così: pro-ms eanti-windows....
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa è grossa...
      - Scritto da: Anonimo
      Io utente linux che mi metto a fare il tifo per
      microsoft perché vinca la causa e non paghi il
      becco di un quattrino a questa gentaglia.

      No perché se microsoft decide di pagare tutti ma
      proprio tutti gli altri sono finiti.io invece spero che inizino ad aprire gli occhi e vedere che la legge dei brevetti sul software è una boiata e che la cambino ... c'è già un fronte abbastanza forte in USA che cerca per lo meno di mettere dei limiti a questa legge
      • Anonimo scrive:
        Re: Questa è grossa...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Io utente linux che mi metto a fare il tifo per

        microsoft perché vinca la causa e non paghi il

        becco di un quattrino a questa gentaglia.



        No perché se microsoft decide di pagare tutti ma

        proprio tutti gli altri sono finiti.

        io invece spero che inizino ad aprire gli occhi e
        vedere che la legge dei brevetti sul software è
        una boiata e che la cambino ... c'è già un fronte
        abbastanza forte in USA che cerca per lo meno di
        mettere dei limiti a questa leggeE la microsoft vuole passare da "first to invent" al "first to file" :( .
  • Anonimo scrive:
    In UE rimarremo comunque fuori.
    I brevetti sul software sono una mostruosità USA e in UE non arriveranno.Questo caso illustra benissimo il rischio che abbiamo corso.
    • Anonimo scrive:
      Re: In UE rimarremo comunque fuori.
      - Scritto da: Anonimo
      I brevetti sul software sono una mostruosità USA
      e in UE non arriveranno.Speriamo.
      Questo caso illustra benissimo il rischio che
      abbiamo corso.E che corriamo ancora. Ci riproveranno, stanne certo!
      • Anonimo scrive:
        Re: In UE rimarremo comunque fuori.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        I brevetti sul software sono una mostruosità USA

        e in UE non arriveranno.

        Speriamo. con il contributo di tutti che si è già manifestato

        Questo caso illustra benissimo il rischio che

        abbiamo corso.

        E che corriamo ancora. Ci riproveranno, stanne
        certo!e saremo pronti anche allora brandendo questi bei risultati degli uffici brevettizi USA come "esempi trash"
    • Marlenus scrive:
      Re: In UE rimarremo comunque fuori.
      - Scritto da: Anonimo
      I brevetti sul software sono una mostruosità USA
      e in UE non arriveranno.
      Questo caso illustra benissimo il rischio che
      abbiamo corso.Secondo te quando M$ deciderà di scaricare sugli acquirenti i suoi costi, dove saranno maggiori, in un mercato competitivo come gli USA o in uno come quello europeo, dove tutto costa almeno il 30% in più?
  • Anonimo scrive:
    Brevetti SW USA?
    Che noia.Hanno rotto i maroni.Che si scornino tra loro in infinite battaglie legali che di sicuro ingrassano gli avvocati.
  • Anonimo scrive:
    Cara Micro$oft....
    ...hai voluto i brevetti?? Ora metti a 90 e paga!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Cara Micro$oft....
      - Scritto da: Anonimo
      ...hai voluto i brevetti?? Ora metti a 90 e paga!!No bello. Se M$ paga, eolas sarà legittimata a chiedere soldi anche a Mozilla, Opera... in realtà a tutti quelli che fanno programmi pluginnabili. E voglio vedere se si potrà ancora fare qualcosa free... ... e anche gli utenti windows dovrebbero preoccuparsi: quanti dei VOSTRI euro sarete costretti a sborsare alla M$ in più perché poi li deve dare a Eolas?
      • Anonimo scrive:
        Re: Cara Micro$oft....
        - Scritto da: Anonimo
        No bello. Se M$ paga, eolas sarà legittimata a
        chiedere soldi anche a Mozilla, Opera...Opera no visto che è europea, al massimo abbandonerà il mercato statunitense.
  • Anonimo scrive:
    Metodo ipermediale per...
    ...metodolizzare l'ipermedialità dell'ipermediale del blablabla del cucucù e del bababà dove cucù è diverso da kuku e che per farla breve fra 50 pagine di blablablibloblu voi che avrete letto questo saggio di profonda brevettabilità sarete in debito con me di tutti i vostri averi :D
  • Anonimo scrive:
    e FIREFOX?
    Mi sa che e' nei guai quanto M$. Cmq non riesco a capire che razza di gente prenda queste decisioni all'ufficio brevetti americano.
    • Anonimo scrive:
      Re: e FIREFOX?
      In realtà estendendo il brevetto sarebbero nei guai tutti i programmi in grado di caricare estensioni da file esterni al pacchetto base.Chi si offre di piazzare una bomba sotto la sede della Eolas ? (sempre che tale spunto di ipermedialità non sia già brevettato)
      • Anonimo scrive:
        Re: e FIREFOX?
        - Scritto da: Anonimo
        In realtà estendendo il brevetto sarebbero nei
        guai tutti i programmi in grado di caricare
        estensioni da file esterni al pacchetto base.Esatto!Ma Eolas non ha interesse tanto a spremere la Mozilla Foundation, quanto la vacca grassa MS.Ergo, a loro interesse mungere il più possibile e non far valere le loro pretese (altrimenti lo chiedevano a tutti)
        • manta scrive:
          Re: e FIREFOX?

          Ma Eolas non ha interesse tanto a spremere la
          Mozilla Foundation, quanto la vacca grassa MS.speriamo
        • Anonimo scrive:
          Re: e FIREFOX?
          Miopia linuxiana... congratulazioni...- Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          In realtà estendendo il brevetto sarebbero nei

          guai tutti i programmi in grado di caricare

          estensioni da file esterni al pacchetto base.

          Esatto!

          Ma Eolas non ha interesse tanto a spremere la
          Mozilla Foundation, quanto la vacca grassa MS.

          Ergo, a loro interesse mungere il più possibile e
          non far valere le loro pretese (altrimenti lo
          chiedevano a tutti)
          • Anonimo scrive:
            Re: e FIREFOX?
            - Scritto da: Anonimo
            Miopia linuxiana... congratulazioni...No affatto, io spero (anche se non se lo meritano, perchè questo troiaio lo hanno voluto anche loro) che vincano la causa.E' solo la spiegazione del perchè Eolas tenta di mungere MS e non Mozilla o Opera.Piuttosto, tu sei un fenomeno, sei riuscito a quotare stile-outlook pure qui su PI, dove il quoting è automatico :)

            Esatto!



            Ma Eolas non ha interesse tanto a spremere la

            Mozilla Foundation, quanto la vacca grassa MS.



            Ergo, a loro interesse mungere il più possibile
            e

            non far valere le loro pretese (altrimenti lo

            chiedevano a tutti)
          • Anonimo scrive:
            Re: e FIREFOX?

            Piuttosto, tu sei un fenomeno, sei riuscito a
            quotare stile-outlook pure qui su PI, dove il
            quoting è automatico :)
            yup, incredibile ma veromelo
          • Anonimo scrive:
            5 --
          • Anonimo scrive:
            Re: e FIREFOX?
            Si comincia a mungere dalla mucca piu' grassa, poi le altre....Temo che verrà ribrevettata la ruota (già accaduto e poi annullato in Australia, se ben ricordo)
Chiudi i commenti