Contrappunti/ Ultima fermata: Indymedia

di Massimo Mantellini - Il diluvio: si oscurano siti, si grida allo scandalo, si tira in ballo George Bush e nuove censure globali. Ma il problema è sempre quello: Internet rimane per troppi ancora un mistero


Roma – C’è un primo dato da segnalare sulla faccenda della chiusura imposta dall’FBI americana a molte filiali, compresa quella italiana, del network informativo Indymedia. Questo dato è la grande evidenza che un simile evento ha avuto sulla stampa generalista. E’ necessario ricordare che esperienze di comunicazione come Indymedia hanno da sempre riscosso poca e cattiva pubblicità sui media nostrani: questo per due (o magari tre) ragioni di facile comprensione. Perchè – come amano dire i mediattivisti – si tratta di esperienze “antagoniste” (e come tali lontane dalla sensibilità politica del cittadino medio) e perchè sono realtà nate e cresciute in larghissima parte in ambito informatico. Un posto fino a qualche tempo fa non esattamente frequentatissimo. Volendone dire una terza, si potrebbe sospettare che un’altra delle ragioni della scarsa attenzione che un network mondiale come quello di Indymedia ha ricevuto dai media italiani è che esso stesso si pone come concreta alternativa informativa al giornalismo tradizionale. Un concorrente, insomma.

Detto questo, ed osservata con meraviglia la novità dei grandi quotidiani che dedicano intere pagine al sequestro degli hard disk del più significativo esperimento mondiale di giornalismo di base, occorre indossare gli stivali di piombo per districarsi nella ridda di voci e comunicati, indiscrezioni e dichiarazioni che in questi giorni sono circolate in rete al riguardo. Se ne dà conto del resto, estesamente, in un altro articolo di PI di oggi. Gli stessi stivaloni potranno essere molto utili per separare le capre dai cavoli e riuscire così a dire qualcosa che mi interessa a proposito di “libertà” lasciando stare qualcosa d’altro che oggi mi interessa meno a proposito di “opinione politica”.

Questo perchè credo sia sfavorevole per tutti discutere di simili sequestri dicendo, come hanno fatto in molti in questi giorni, che lo ha voluto George Bush e che simili vessazioni sono ovvia e diretta estensione dell’imperialismo americano sul pianeta.

E allora il punto centrale della odiosa chiusura alla cieca di 21 siti web informativi di altrettanti paesi del globo (uno sparo nel buio incomprensibile se davvero c’era un singolo reato da perseguire) è quello della difficoltà, che non è solo dei governi imperialisti, che non è solo dei politici spaventati dall’opposizione, che non è solo dei giudici impegnati ad applicare legislazioni locali in ambiti transnazionali, della difficoltà, dicevo, di comprendere di quanto si sia ampliata la nostra libertà di comunicare in relazione allo sviluppo della rete Internet. Lo avremo detto mille volte ma come in un gioco dell’oca impazzito torniamo sempre sugli stessi passi.

Io sono personalmente offeso dalla chiusura di Indymedia non perchè mi piaccia particolarmente Indymedia ma perchè mi piace che Indymedia possa continuare a dire liberamente ciò che i suoi attivisti dicono. Mi piace perfino – e potrebbe sembrare un paradosso – che nei suoi forum ogni giorno ci siano imbecilli che esagerano e che talvolta (spesso, per la verità) diffamano e minacciano. Anche se magari, quando si supera il limite, mi piacerebbe anche ci fosse qualche tutela che consenta ai diffamati e ai minacciati di portarli eventualmente di fronte ad un giudice. E da Indymedia mi piace, in definitiva, poter continuare ad essere informato. Questo semplicemente perchè credo che più libertà di espressione sia il passo che viene subito prima di miglior libertà di espressione. Che – catalanamente parlando – più punti di vista siano meglio di meno punti di vista. E che con essi l’abitudine al confronto, la comprensione delle posizioni altrui e tutte quelle belle cose che hanno a che fare con la democrazia delle idee possano piano piano germogliare.

Se esiste un insegnamento morale che Internet ha portato con sè dalla sua nascita ad oggi è proprio quello di una vigorosa propensione ed apertura ai contributi di tutti. Anche a quelli che a noi paiono incredibili od impresentabili. Per molte persone questa è ancora oggi una idea difficile da accettare. Quanto il Federal Bureau of Investigation spegne siti di controinformazione in una ventina di paesi per inseguire le foto di due agenti svizzeri in borghese o per dar conto di non si sa bene quali denunce provenienti dall’Italia (sempre che sia davvero così) non compie solo un atto becero e controproducente, ma solleva una spada che invece che di scintillante ed affilato metallo risulta essere di un cartoncino ormai scolorito, marcio ed ammuffito. L’unica arma oggi possibile per contrastare una controinformazione non scevra da eccessi e falsità, può essere solo quella di opporle una migliore e più chiara informazione, su Internet ma anche altrove. In una specie di circolo virtuoso che oggi è fortemente sospinto dalla tecnologia. Non abbiamo altre concrete alternative: oggi lo sviluppo di Internet ridisegna equilibri e linee di forza di questioni maledettamente importanti, come il controllo mediatico dell’opinione pubblica. Da questo punto di vista, salvo imprevisti dell’ultimora, il mondo che ci attende domani sarà certamente migliore di quello che abbiamo abitato fino a ieri. Con buona pace sia degli imbecilli che dei censori.

Massimo Mantellini
Manteblog

Gli ultimi editoriali di M.M.:
Contrappunti/ Il parco buoi
Contrappunti/ Saluti dal minestrone cosmico
Contrappunti/ Quelle firme sul muro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ne sono lieto: Indymedia censurò me!
    Una volta scrissi un commento (assolutamente rispettoso, solo critico) sui dimostranti violenti di Genova in calce ad un articolo di http://italy.indymedia.org/index.phpNel giro di mezzora il mio commento è sparito.Hanno censurato indymedia? Ne sono lieto.
  • staicalmo scrive:
    L'informatica è di sinistra o di destra?
    Forse qualcuno ha già postato prima domande simili, ma io non voglio una risposta a questa domanda. Cercherò di spiegarmi e sarà lunga..Ormai pare sia tutto correlato all'informatica. Del resto mi interessa tutto ciò che attorno ad essa circuita, ruota ed orbita.Ribadisco: spero che nessuno risponda a questa domanda.In tutta onestà devo dire che NON è davvero "necessario" farlo. Mi assumo le mie responsabilità affermando che chi risponde -pur avallando la storia, la geografia, la politica, l'antropologia e la letteratura scientifica- a questa domanda, ebbene, è semplicemente... beh, lasciamo stare..Il tema è la censura di un sito web. Ciò riguarda l'informatica (ma solo perchè trattasi di sito web...).Spesso, anzi, spessissimo, leggendo la notevole mole di post in questo come in altri forum di PI, mi rendo conto che il Tema è solo la punta dell'iceberg che scatena un'orda di (non lo metto in dubbio) interessanti messaggi.Tema: "L'Italia ha oscurato indymedia"Oltre al ricercare le motivazioni e scoprire tutti i fatti, oltre a sostenere tesi ed accuse, a giudicare e divagare della ragion pura e della politica italiana e internazionale.... secondo me è importante capire quanto l'informatica sia cambiata e sia ormai immersa quasi totalmente nella vita quotidiana di ognuno di noi.A me sembra che siamo spinti ogni giorno e sempre più a farci domande del genere (vedi titolo).Ora io non so esattamente quanto fare questo genere di domande risulti poi essere nocivo piuttosto che benefico per la libertà d'espressione; per il conseguimento della verità attraverso il dialogo e lo scambio d'opinioni.Ma non vorrei davvero essere costretto a farmi mai questa domanda. Nemmeno per paura della censura.Quello che voglio dire è che il mezzo informatico non dovrebbe essere usato per decidere chi siano i buoni o i cattivi; l'informatica fatta dalla fazione di Tq1wA2 è meglio di quella fatta dalla fazione di R9wy43 (sostituire i codici con 'destra' o 'sinistra' alternativamente).Cerchiamo anche di capire perchè sta succedendo questo e cosa sta cambiando nell'informatica.Per esempio, noi italiani viviamo l'attuale presa di posizione mediatico/politica da parte di un'evidente oligarchia.Dal dizionario: oligarchìa: oligarchìa: s. f., forma di governo in cui pochi e, generalmente, facoltosi cittadini hanno in mano il potere e lo esercitano nell'interesse della classe sociale o del gruppo di cui sono rappresentanti. Quanti di noi lo sanno in Italia, malgrado tutto?E di questi che lo sanno, quanti pensano ad Internet come al nuovo mezzo (simile a quello televisivo) che possa cambiare in qualche modo i vari monopoli?Quanti temono che l'internet italiana (assurda teoria paradossale) possa oggi e in futuro essere controllata politicamente oltre che sorvegliata e pilotata dall'ennesimo grande fratello?Chi pensa che costoro abbiano ragione di crederlo, e perchè?Cosa potrebbe fare l'informatica per migliorare le nostre aspettative, la nostra vita insomma?Cosa sta facendo l'informatica?Cosa stiamo facendo noi?Cosa abbiamo fatto?Ecco, queste secondo me sono domande interessanti che mi vengono in mente leggendo la notizia su Indymedia.Molto materiale utile a rispondere l'ho trovato leggendo proprio in questi forum i vari post. Molto altro serve soltanto a fuorviare le vere motivazioni di certe azioni.Però se io oggi le faccio e qualcuno se le fa a sua volta e poi si comincia a rispondere, beh, credo che sia soltanto questo che fomenta il timore di chi non vuole che nessuno si faccia più domande.Ed è proprio a queste domande che bisogna dare risposte.Risposte che rendono insignificante quanto ineluttabile la domanda del titolo.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: rumenta

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo





    - Scritto da: Avion



    Sito disgustoso.







    Indipendenti? Forse (forse)



    economicamente, ma è
    una



    discarica di delirii, notizie

    più



    tendenziose di quelle cui

    vorrebbero



    opporsi...







    Pubblicano le facce di due
    agenti

    (veri?



    boh) scrivendoci come
    didascalia

    una


    chiara



    allusione alla vendetta. Come

    dire: se


    li



    vedete, mazzulateli.







    Vergognosissimo, soprattutto
    da chi


    vorrebbe



    fare il paladino dei diritti
    civili


    contro



    il tiranno americano.







    Dovrebbero cancellare quel
    sito,


    è un



    rifugio di pazzoidi.











    Lascio un link da leggere.









    attivissimo.blogspot.com/2004_10_01_attivissi





    perfettamente d'accordo... in
    fondo non

    ci


    vuole molto a sfogliare qualche
    pagina

    di


    indymedia per accorgersi che si
    sono

    bevuti


    il cervello... vedono fascisti e

    nazisti


    ovunque





    Come d'altronde fanno tutti quelli che
    non

    potendo banfare su indymedia hanno
    preso a

    banfare quì, ma si sfogatevi
    occupate

    byte e byte, tanto grazie a dio le
    vostre

    idiozie non usciranno mai da quì,

    perchè finchè i vostri

    commenti rimarranno puramente
    tendenziosi e

    non aperti al dialogo, sarete sempre
    isolati

    e ignorati dal mondo.

    ma LOL..... vedo che anche il TUO commento
    è improntato alla massima apertura al
    dialogo :DCon le persone che usano l'intelletto si può dialogare, con gli animali che usano solo l'istinto è impossibile.
  • Anonimo scrive:
    Re: Libertà? ma cosa blaterate?


    Ripeto, tu che non ti logghi allora chi sei?
    Solo perche' PI registra il tuo IP ti senti
    nel giusto?
    Direi proprio che hai colto il punto, non metto il nome ma se calunnio sono perfettamente riconoscibile, ti pare poco? O devo mettere un nickname veramente cool e scrivere un profilo con nome falso e storia narcisista?

    Insisto carissimo, Internet nasce a fine
    anni '60 come network rudimentale che
    connette le basi americane sparse per il
    territorio in modo da scambiare dati piu'
    efficaciamente. Si chiamava Arpanet al
    tempo. Se un luogo e' soggetto a regole, non
    e' libero, per dicotomia caro il mio Anonimo
    di Lusso.
    Devi aver letto la storia di Internet di recente se ne sei ancora così eccitato, ad ogni modo parli di Arpanet e non di Internet ed associ senza nesso la frase seguente (comunque errata a mio avviso).
    Se tu fossi un po' meno ottusangolo
    noteresti come Internet e' una
    rappresentazione digitale della realta' in
    cui viviamo. C'e' C'e' lo shopping, c'e' la
    fornitura di servizi, c'e' la comunicazione
    mainstream, e c'e' quella indipendente. E
    come nella realta' la comunicazione
    indipendente e' soffocata.
    Niente da dire sull'informazione indipendete, se poi incitasse al tuo linciaggio vorrei vedere cosa ne penseresti...
    I centri sociali, come li vedi? Sono dei
    luoghi di "anarchia", visto che sono spesso
    deregolamentati ed auto-regolamentati, ma
    sono una realta' che funziona e sono
    comunque luoghi chiusi che non danno
    fastidio a nessuno dove esprimersi. Nessuno
    ti obbliga a visitare i siti che si
    regolamentano come pare a loro, questo e' il
    vero potere della rete rispetto la
    televisione.
    Tutti i centri sociali che ho frequentato sono dei luoghi dove l'anarchia vale solo per chi deve pulire, per il resto c'è sempre un giro di "capi" che decidono cosa fare. In aggiunta ti dirò che molte delle persone che ci ho conosciute dentro le ho viste cambiare alla prima proposta di lavoro e che molti sono talmente liberi ma talmente liberi che il centro sociale e la piazza di Amsterdam sono gli unici posti che frequentano.
    You decide.
    Esatto
    E invece qualcuno vuole decidere per noi.Infatti, non voglio che decidano per me quattro anarchici con la pistola.
  • Anonimo scrive:
    quesito tecnico
    com'e' possibile oscurare 21 siti sequestrando due server?non sono stati fatti dei mirrors?e se no, come mai, trattandosi comunque di un sito che poteva/doveva aspettarselo?
    • Anonimo scrive:
      risposta poco tecnica...
      - Scritto da: Anonimo
      com'e' possibile oscurare 21 siti
      sequestrando due server?
      non sono stati fatti dei mirrors?
      e se no, come mai, trattandosi comunque di
      un sito che poteva/doveva aspettarselo?Se hai paura di grosse grane legali allora ti metti a protestare come un forsennato sulla liceità del provvedimeno. Ma i backup te li tieni ben nascosti...anzi, fai proprio finta di non averli...
    • Anonimo scrive:
      Re: quesito tecnico
      - Scritto da: Anonimo
      com'e' possibile oscurare 21 siti
      sequestrando due server?
      non sono stati fatti dei mirrors?
      e se no, come mai, trattandosi comunque di
      un sito che poteva/doveva aspettarselo?hai presente il concetto di hosting?No vero? si deduce dal quesito "tecnico" che hai postato!Per non parlare del "genio" che scritto la risposta "non tecnica" :-D
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    Va bene. D' accordo.Come volete.E che buon pro vi faccia.....
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo


    Dunque .... Non sono il ragazzo tuo,
    vista

    la mia fresca età di 43 anni.


    43 anni e ancora ragioni come un giovanotto
    imberbe che vuole cambiare il mondo a belle
    parole? Fatti una buona scorza di
    realtà prima. Sarò più
    giovane di te ma anche più
    disincantato mi sembraBene. Se questo ti sembra un pregio, buon per te.


    Guarda caso io ci credo. Non tutti
    vivono

    con il concetto di $ o ? che dir si
    voglia

    stampato maiuscolo nel cerebro ....

    Tu ci credi e mi sta bene. Non la storia e
    qui mi sembra che possiamo concludere senza
    neanche bisogno di discutere. O vuoi
    polemizzare anche qui?Assolutamente no. Io non polemizzo, rispondo a te. Se ti sembra polemizzare, direi che proietti del tuo.E comunque ci crede anche la storia, viste che per infiniti anni non è stata l' economia a trascinare i popoli, ma ben altre, e più profonde motivazioni....


    Questo è falso. Furono proprio le
    [cut per spazio]imposte alla Germania. E

    ribadisco : DI CARATTERE ECONOMICO.

    Proprio per questo. Lo leggi cosa scrivo?
    Nel secondo si voleva evitare questo e
    perciò si sono evitate le dure
    condizioni di pace e anzi si è
    prospettata
    una stretta collaborazioni economiche. Per
    inciso le durissime sanzioni a livello
    economico erano già belle e pagate
    quando hitler prese il potere (rimanevano le
    limitazioni militari). Hitler prese il
    potere cavalcando la crisi del 29 dovuta al
    protezionismo esasperato e alla chiusura
    delle singole
    economie. E inoltre in italia ci siamo
    ritrovati purtroppo col fascimo nonostante
    non avessimo riparazioni da pagare ma
    nessuno ci ha aiutato a tirarci fuori dalla
    crisi post-guerra e poff si è
    presentato mussolini. Scarsetto in storia...Anche tu . La crisi del 29 concludeva un pessimo periodo per la Germania. E in quanto all' Italia, noi eravamo demoralizzati almeno quanto lo erano in Germania. Il fascismo prese il potere ( di nuovo ) sull' onda del potere economico, e trascinato dai potenti degli zuccherifici.... oltre che da una bella serie di italiani disincantati ..... che non vedevano oltre il presente



    Sono d' accordo. Dove esiste un sistema

    economico come il nostro non si regala:
    si

    ricatta economicamente .....

    Vedila come vuoi. Funziona così e
    basta. Guardiamo come vanno effettivamente
    le cose o ci facciamo le pugnette sugli
    ideali in cui si regala tutto perchè
    siamo buoni e giusti? Dacci un taglio. Scusa
    se domani mattina mi faccio ricattare
    economicamente quando chiederò un
    capuccino al bar....O che fine umorismo. Certamente tu non hai nemmeno l'idea di dove può vivere un commercio equo e non inquinato da idee di sfruttamento economico. Mi piacerebbe molto tu fossi nato, che so, in qualche simpatico posto dove la Nike fabbricava scarpe. E fossi stato messo a 9 anni a cucirle.


    Eccome. Se proprio non ti sai guardare
    [cut per spazio]renziazioni a livello
    economico fra gli

    strati della popolazione.

    E' stato un lungo processo, ma và

    avviandosi alla conclusione...

    Sempre di capitalismo si tratta in effetti.
    Ma se devi fare un parallelismo associalo
    più correttemente a quello tedesco...
    Ho ben capito che mondo vorresti..... beh
    non funziona.Ipotesi tua. Altri la pensano come me.



    Come lo definiamo il fatto che agli

    americani basta schioccare le dita e
    [cut per spazio]il termine "asservimento",
    che

    rende altrettanto bene l' idea....

    Beh come dicevo prima. Questa è una
    faccenda dei nostri giorni. Non ti mettere a
    sparare a zero sul passato senza pensare.Non sparo a zero. Riporto fatti.



    Chiarissimo. Le armi sono argomenti
    molto

    forti. E anche i dollari. Ma lo stare
    da una

    parte o dall' altra non dovrebbe
    precludere

    l' uso del cervello.

    Vedi che le capisci le cose se lo vuoi? Simpatico. Che cosa dovrei capire ??Che il cervello deve stare acceso ?? Guarda che questo non preclude le mie idee, anzi .......
  • paperinox scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo[cut]

    infatti si é visto come é

    andata a finire.

    Questo è falso. Furono proprio le
    TROPPO DURE condizioni imposte alla Germania
    a scatenarne e mantenerne il risentimento a
    livello popolare. Hitler avrebbe avuto molte
    più difficoltà se non ci
    fossero state le durissime sanzioni a
    livello economico imposte alla Germania. E
    ribadisco : DI CARATTERE ECONOMICO.ma LOL.... forse non te ne sei accorto ma gli stai dando ragione ;)con il piano Marshall si eliminavano appunto rischi del genere, oltre a mantenere l'Italia all'interno del blocco occidentale, proprio come stabilito negli accordi di Yalta.[cut]



    Ecco che giá parli di schiavismo.

    Come lo definiamo il fatto che agli
    americani basta schioccare le dita e
    ...opss, senza critica e ragionamento
    saltiamo sulle peggiori barche con loro ??
    Lo schiavismo non è mica fatto di
    sole frustate. Lo è anche quello
    economico e culturale, ma se preferisci
    posso usare il termine "asservimento", che
    rende altrettanto bene l' idea....beh, anche se a te sicuramente non piacerà, si potrebbe parlare di buoni rapporti tra alleati ......

    (e poi

    sono io che vivo nelle favole...)
    vabbeh.

    Forse te non hai ben presente cosa era
    il

    mondo dopo il 45. O di lá o di quá.
    Chiaro?

    Chiarissimo. Le armi sono argomenti molto
    forti. E anche i dollari. Ma lo stare da una
    parte o dall' altra non dovrebbe precludere
    l' uso del cervello.


    (alternative zero e specie per un paese

    ex-belligerante). Le scelte erano due e
    tu

    continui a sostenere che abbiamo fatto
    la

    scelta sbagliata? L'italia é
    sempre

    stata molto legata agli Stati Uniti
    (anche

    per l'immigrazione) e comunque
    l'alternativa

    era poco attraente... miseria e
    schiavismo

    Comunista, naturalmente .....beh, se tieni conto che nei paesi appartenenti al blocco comunista si è andati avanti a tessere annonarie fino agli anni '60 e che anche oltre era ben difficile avere qualcosa di decente sulla tavola.....


    (quello vero, quello diretto politico

    militare che ti ritrovi i carri armati
    in

    casa vero signor Budapest e non lo

    "schiavismo" che continui tanto a
    paventare.

    Non lo pavento, anche perchè di fatto
    è così ...ti è evidentemente sfuggita l'ironia del termine "Budapest", al quale io aggiungerei anche Praga..... ma forse dovresti andare a fare questi discorsi con chi ci ha vissuto (meglio sopravvissuto) in quei paesi....[cut]

    vuoi vivere nel mondo dei puffi dove
    tutti

    dovrebbero amarsi e rispettarsi
    ecc.ecc.

    non ci siamo proprio...

    Sicuramente no. Tanto è vero, come ho
    gua ribadito, che questa "cara" nazione di
    cui parli, non ha esitato a invadere Iraq,
    Vietnam, Corea quando ne aveva bisogno per
    il proprio tornaconto ECONOMICO. Mi
    sà che qui le fette di prosciutto non
    le ho io sugli occhi ....mah, in Iraq probabilmente sì, li c'è il petrolio, ma mi dici cosa c'era di tanto importante in Vietnam e soprattutto in Corea da giustificare una "invasione"???[cut]
    Sicuro. Una cosa è chiara: la tua
    visone dei fatti è fortemente
    orientata verso il sostegno ai governi USA (
    e per inciso, non americano) . Anche se
    credo dovresti allentare questo pragmatisco,
    che ti porta solo a considerare il fatto
    senza le conseguenze.
    Tanto per gradire, ti porto un pò di
    link in rete che parlano di questi aiuti :
    www.newbrainframes.org/journal/art.php?voc_id
    Stralcio:
    "Cosí il piano Marshall, sebbene abbia
    effettivamente accelerato la ricostruzione
    europea riducendo il dollar gap
    (l'insufficienza di dollari) che frenava la
    ripresa della crescita, ha anche fatto gli
    interessi della Coca Cola, della Ford, della
    Ibm e cosí via."e nessuno lo nega, come però non dovresti negare nemmeno la crescita globale di italia ed europa proprio in conseguenza del piano Marshall, e anche degli investimenti effettuati dalle aziende americane che tu menzioni.facendo i loro interessi hanno fatto anche i nostri: la nostra industria aerospaziale, per esempio, si è sviluppata a partire dalle commesse per la costruzione di parti di aerei come l'F86.ci hanno fornito il know-how e noi lo abbiamo sfruttato.
    Oppure :
    it.wikipedia.org/wiki/Piano_Marshall
    e riporto :
    "Le critiche al Piano Marshall divennero
    prevalenti tra gli storici della scuola
    revisionista durante gli anni '60 e '70.
    Questi argomentavano che il piano era
    imperialismo economico americano, e che era
    un tentativo di prendere il controllo
    sull'Europa occidentale, allo stesso modo in
    cui l'Unione Sovietica controlava l'Europa
    orientale"magari sarò scemo, ma francamente preferisco un controllo attraverso il miele che attraverso la canna di un fucile :D
    E possiamo anche ricordare come il suddetto
    "piano marshall" sia all' origine della
    divisione dell' Europa in due blocchi dove,
    guarda caso, La NATO assorbe tutti i paesi
    che hanno accetta il piano, e Il Patto di
    Varsavia la parte est dell' europa stessa,
    sotto l' egida dell' URSS. Considerando che
    PRIMA si forma la NATO POI il Patto di
    Varsavia, potremmo anche tranquillamente
    affermare che i suddetti aiuti hanno dato il
    via alla divisione dell' Europa in due
    blocchi .....ma LOL.... begli storici..... e Yalta dove è rimasta??ma a loro forse conveniva dimenticare (e negli anni '60 e '70 è comprensibilissimo ;) ) che per mutuo accordo tra usa, gb e urss ci fu la divisione dell'europa in due sfere di influenza.....francamente io preferisco aver vissuto la mia giovinezza (siamo coetanei) in un paese che, per quanto possa essere controllato dagli stati uniti attraverso l'economia, mi ha garantito la possibilità di avere una casa, un piatto di minestra tutti i giorni e una istruzione universitaria (solo per limitarmi alle cose ovvie) senza dover essere "membro del partito" o figlio di qualche appartenente alla dirigenza politica.....e in ogni caso, come disse Kennedy, noi non abbiamo mai avuto bisogno di erigere un muro per evitare la fuga dei nostri cittadini :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Questa vicenda...
    Ho letto con piacere la tua risposta.Purtroppo ha un neo: i siti neo-nazi sequestrati non erano tedeschi, ma del triveneto e i punti venivano dati a chi pestava un questurino... Mi pare che il fatto risalga ad un paiso di anni fa', ma onn potrei esserne certo (dannata memoria:().
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"

    Comunista, naturalmente .....Beh, mettila come vuoi... quella era la realtà. Dopo qualche anno addirittura i partiti comunisti occidentali dovettero prendere atto della situazione. Non vuol dire che in campo occidentale non c'era miseria... ma si stava incomparabilmente meglio. A parte le "banali" statistiche economiche (guarda il dirupo tra le due germania che si creò da un punto di partenza sostanzialmente uguale) mi concederai che "qualche" libertà fondamentale e civile l'abbiamo avuto di più che dall'altra parte della cortina o continui a trincerarti dietro alla tua faziosità?
    Non lo pavento, anche perchè di fatto
    è così ...Mah... non credo. Non siamo arrivati al punto che: la nostra politica estera è nulla, la nostra economia è regolata da un paese esterno, forze armate straniere possono tranquillamente passeggiare per le nostre città per eliminare un governo sgradito, ecc.ecc. Questo è quello che succedeva oltre la cortina
    La Francia poteva. Noi no. Ci pensavano i
    nostri politici dell' epoca a renderlo
    impossibile.....Beh, potevamo anche noi, bastava volerlo. Che poi non lo abbiamo fatto non toglie il fatto che stato sovrano eravamo e siamo non satelli come dici a sproposito.
    Sicuramente no. Tanto è vero, come ho
    gua ribadito, che questa "cara" nazione di
    cui parli, non ha esitato a invadere Iraq,
    Vietnam, Corea quando ne aveva bisogno per
    il proprio tornaconto ECONOMICO. Mi
    sà che qui le fette di prosciutto non
    le ho io sugli occhi ....Santa pazienza!!! Ho mai detto che gli USA sono il paese del bene e della pace? NO e non esisterà mai un paese simile (forse nei tuoi desideri bagnati). Il prosciutto me lo sono levato già parecchio tempo fa. E per la cronaca: in Corea e Vietnam i motivi economici erano praticamente nulli. Quelli veri furono politici, di potenza e di contenimento. Inquadra nella guerra fredda invece di vedere tutto COME vuoi tu.
    Sicuro. Una cosa è chiara: la tua
    vis[cut per spazio]onsiderare il fatto
    senza le conseguenze.Esatto sono pragmatico. E tanto per la cronaca disapprovo in pieno l'intervento in irak. Gli Stati Uniti hanno a mio avviso sbagliato in irak (non in afghanistan) ma vedi..... non mi impunto su questioni di principio o quelli sono cattivi e quelli buoni. Vedo il mondo grigio. E mi sembra più equilibrato se lo vedi in un flusso storico mentre invece mi sembra che il tuo antiamericanismo ti faccia negare addirittura quello che di positivo hanno fatto gli Usa finora (e te scommeto mi rispondi :D non hanno fatto nulla di positivo! vabbuoh continua così che vai bene)
    Tanto per gradire, ti porto un pò di
    link in rete che parlano di questi aiuti :
    www.newbrainframes.org/journal/art.php?voc_id
    Stralcio:[cut per spazio]cita, ha anche fatto gli
    interessi della Coca Cola, della Ford, della
    Ibm e cosí via."Esatto. Non ci vedo nulla di scandaloso. L'avevo già detto che gli era convenuto. E non solo per quei motivi. Ma quello che ti sfugge è che per l'europa era fondamentale. Ora fai un semplice esercizio: pensa a un mondo senza piano marshall, aiuti al giappone, bretton woods, e gatt(oggi wto). Cosa ci vedi? Prosperità e cultura? Se sì, mi lasci veramente senza parole!!!!
    Oppure :
    it.wikipedia.org/wiki/Piano_Marshall
    [cut per spazio]ne Sovietica controlava l'Europa
    orientale"La prima parte potrebbe essere corretta (ma poi alla fine non lo è stato altrimenti saremmo qui tutti stipendiati dalle multinazionali.... anzi pensa che grazie agli aiuti di cui hai tanto orrore i giapponesi si compravano mezzi stati uniti durante gli anni 80. Tu dove eri? Sempre il prosciutto eh?) ma l'Urss controllava la sua parte in modo ben diverso. Non dava aiuti requisiva tutto per se'!!!!
    E possiamo anche ricordare come il suddetto
    "piano marshall" sia all' origine della
    [cut per spazio]..
    Bell' aiuto davvero.No la divisione c'era già e si era capito fin dal 1944-45. L'ha formalizzata. Insomma chi accettava stava con gli Usa chi no stava con l'Urss. Non era certo quello la causa. Il patto Atlantico era nato con un nucleo europeo e poi gli Usa sono entrati come partner dominante (e vorrei vedere cacciava i soldi e l'esercito più potente). E ricorda che agli europei (e ai giapponesi) la cosa andava bene perchè risparmiavano moltissimo sul bilancio di difesa (anzi gli USa poi si incazzarono pure perchè erano quelli che pagavano tutto!!!). Il Patto di Varsavia l'hanno creato per opporre giusto qualcosa alla nato e dare una parvenza di alleanza ma alla fine era Urss e basta. Dall'altra Francia e Inghilterra non erano proprio roba da nulla. La vedi la differenza?Questo è il mio ultimo messaggio perchè mi accorgo che sei troppo trincerato nel tuo antiamericanismo per vedere più in là del tuo naso. Per quel che mi riguarda tutto sono tranne che filoamericano (!!! me ne scambi) ma almeno non vedo coi paraocchi il mondo. Non ho più il tempo per star qui a risponderti e mi sembra che sia anche un po' inutile perchè non credo che cambierai molto opinione o comincerai a pensarla un po' meno monolitico. Buona fortuna e guardati attorno che è meglio (e non rifiutare tutto A PRIORI quello che viene dagli Usa solo per la tua ideologia).
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"

    Dunque .... Non sono il ragazzo tuo, vista
    la mia fresca età di 43 anni.43 anni e ancora ragioni come un giovanotto imberbe che vuole cambiare il mondo a belle parole? Fatti una buona scorza di realtà prima. Sarò più giovane di te ma anche più disincantato mi sembra
    Guarda caso io ci credo. Non tutti vivono
    con il concetto di $ o ? che dir si voglia
    stampato maiuscolo nel cerebro ....Tu ci credi e mi sta bene. Non la storia e qui mi sembra che possiamo concludere senza neanche bisogno di discutere. O vuoi polemizzare anche qui?
    Questo è falso. Furono proprio le[cut per spazio]imposte alla Germania. E
    ribadisco : DI CARATTERE ECONOMICO.Proprio per questo. Lo leggi cosa scrivo? Nel secondo si voleva evitare questo e perciò si sono evitate le dure condizioni di pace e anzi si è prospettata una stretta collaborazioni economiche. Per inciso le durissime sanzioni a livello economico erano già belle e pagate quando hitler prese il potere (rimanevano le limitazioni militari). Hitler prese il potere cavalcando la crisi del 29 dovuta al protezionismo esasperato e alla chiusura delle singole economie. E inoltre in italia ci siamo ritrovati purtroppo col fascimo nonostante non avessimo riparazioni da pagare ma nessuno ci ha aiutato a tirarci fuori dalla crisi post-guerra e poff si è presentato mussolini. Scarsetto in storia...
    Sono d' accordo. Dove esiste un sistema
    economico come il nostro non si regala: si
    ricatta economicamente .....Vedila come vuoi. Funziona così e basta. Guardiamo come vanno effettivamente le cose o ci facciamo le pugnette sugli ideali in cui si regala tutto perchè siamo buoni e giusti? Dacci un taglio. Scusa se domani mattina mi faccio ricattare economicamente quando chiederò un capuccino al bar....
    Eccome. Se proprio non ti sai guardare[cut per spazio]renziazioni a livello economico fra gli
    strati della popolazione.
    E' stato un lungo processo, ma và
    avviandosi alla conclusione...Sempre di capitalismo si tratta in effetti. Ma se devi fare un parallelismo associalo più correttemente a quello tedesco...Ho ben capito che mondo vorresti..... beh non funziona.
    Come lo definiamo il fatto che agli
    americani basta schioccare le dita e[cut per spazio]il termine "asservimento", che
    rende altrettanto bene l' idea....Beh come dicevo prima. Questa è una faccenda dei nostri giorni. Non ti mettere a sparare a zero sul passato senza pensare.
    Chiarissimo. Le armi sono argomenti molto
    forti. E anche i dollari. Ma lo stare da una
    parte o dall' altra non dovrebbe precludere
    l' uso del cervello.Vedi che le capisci le cose se lo vuoi?
  • rumenta scrive:
    Re: Censura, democrazia, buon senso
    LOL..... ;)
  • rumenta scrive:
    Re: Censura, democrazia, buon senso
    - Scritto da: gerry
    - Scritto da: pinguinello


    E qui ti volevo............

    Il fatto è che l'informazione

    è di per se faziosa, non si
    riportano

    più fatti ed opinioni, ma la
    notizia

    serve a portare il lettore dalla parte
    dello

    scrittore.

    Non c'è nessuno metodo scientifico
    per sapere se quello che ti sta di fornte
    dice (o scrive) la verità.
    In questa ottica ci sono solo due modi di
    agire (a mio avviso). O permetti a chiunque
    di decidere per se stesso secondo la sua
    coscienza oppure deleghi a qualcuno o
    qualcosa d'altro il compito di eliminare le
    falsità, secondo criteri stabiliti.

    Io mi domando se sia utile proteggere il
    cittadino dalle bugie o se sia meglio
    cercare di insegnarli a difendersi da solo.ma LOL.... decisamente la seconda che hai detto!!il fatto è che questo però impedirebbe una "corretta" gestione dello stato, e quindi i "cittadini" (tra virgolette perchè sono + consumatori che cittadini ormai :( ) vanno tenuti sedati e rintronati tramite calcio, grandi fratelli, isole e cagate varie.... molto più comodi da gestire e dirigere :D
  • giustiziadivina scrive:
    Re: Indymedia lerciaio informatico
  • Anonimo scrive:
    che schifo....
    Citazione da "il dittatore dello stato libero di bananas" film di woody allen del 1971:"Differences of views should be tolerated, but not when they are too different."A volte la realtà supera la comicità....Io non sono mai stato particolarmente daccordo con le posizioni di indymedia ma non mi sarei mai sognato di vederlo censurare in questo modo...Che schifo....
  • Silenx scrive:
    Censura
    E' bello censurare i siti : se lo fa lo stato va tutto bene, se lo facessi io commetterei un crimine. ok i modi sarebbero diversi, non mi presenterei da un provider e gli smonterei tutto. sarebbe piu' consono per una persona ( non nel mio caso ) oscurare il sito da remoto, e' giudicato un crimine e' vero, ma alla fine penso che anche loro abbiano commesso un crimine .... perche' loro possono e decidono per gli altri ... e' come se uscisse un articolo su un giornale, non sta bene a qualcuno in alto e ritirano tutte le copie .... se viene fatto su internet tutto ok, ma se succedesse davvero cio' che ho detto ( dei giornali ), succederebbe un putiferio. e' la stessa cosa, ma perche' la gente tace?(linux)(apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: Censura
      - Scritto da: Silenx
      E' bello censurare i siti : se lo fa lo
      stato va tutto bene, se lo facessi io
      commetterei un crimineForse perchè esistono strutture dello Stato deputate ad applicare e far rispettare le leggi......NOTA BENE: non sto esprimendo giudizi sul fatto di IndyMedia, semplicemente faccio un discorso più generale: non possiamo farci giustizia da soli, come singoli cittadini, esistono organi preposti per questo
      • Anonimo scrive:
        Re: Censura
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Silenx

        E' bello censurare i siti : se lo fa
        lo

        stato va tutto bene, se lo facessi io

        commetterei un crimine

        Forse perchè esistono strutture dello
        Stato deputate ad applicare e far rispettare
        le leggi......

        NOTA BENE: non sto esprimendo giudizi sul
        fatto di IndyMedia, semplicemente faccio un
        discorso più generale: non possiamo
        farci giustizia da soli, come singoli
        cittadini, esistono organi preposti per
        questoche di giustizia non ne fanno....vedi telecom sky parmalat cirio etc etc;-)salutiMr R
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo

    Infatti era una faccenda risaputa non
    serviva che la sbandierassi in giro come
    fosse chissá che.Quindi mi confermi la tua assidua frequentazione ....


    Beh ragazzo mio. Dunque .... Non sono il ragazzo tuo, vista la mia fresca età di 43 anni.
    Se credi che esistano i
    benefattori a sto mondo...Guarda caso io ci credo. Non tutti vivono con il concetto di $ o ? che dir si voglia stampato maiuscolo nel cerebro ....
    infatti si é visto come é
    andata a finire.Questo è falso. Furono proprio le TROPPO DURE condizioni imposte alla Germania a scatenarne e mantenerne il risentimento a livello popolare. Hitler avrebbe avuto molte più difficoltà se non ci fossero state le durissime sanzioni a livello economico imposte alla Germania. E ribadisco : DI CARATTERE ECONOMICO.
    mettevano delle condizioni. Solo nelle
    favole si regala.... Sono d' accordo. Dove esiste un sistema economico come il nostro non si regala: si ricatta economicamente .....


    Ma và.... incredibile. Forse

    perchè, in previsione, lo
    schiavismo

    economico americano si è rivelato

    molto duro per l' Italia e la sua
    cultura ??Eccome. Se proprio non ti sai guardare attorno, ti faccio notare come il nostro sistema economico sia ormai un brutto plagio di quello americano, con forti differenziazioni a livello economico fra gli strati della popolazione. E' stato un lungo processo, ma và avviandosi alla conclusione...

    Ormai siamo solo un satellite che
    gravita

    intorno agli USA ..... con sommo
    dispiacere

    di chi capisce cosa significa questo.

    Ecco che giá parli di schiavismo. Come lo definiamo il fatto che agli americani basta schioccare le dita e ...opss, senza critica e ragionamento saltiamo sulle peggiori barche con loro ??Lo schiavismo non è mica fatto di sole frustate. Lo è anche quello economico e culturale, ma se preferisci posso usare il termine "asservimento", che rende altrettanto bene l' idea....
    (e poi
    sono io che vivo nelle favole...) vabbeh.
    Forse te non hai ben presente cosa era il
    mondo dopo il 45. O di lá o di quá. Chiaro?Chiarissimo. Le armi sono argomenti molto forti. E anche i dollari. Ma lo stare da una parte o dall' altra non dovrebbe precludere l' uso del cervello.
    (alternative zero e specie per un paese
    ex-belligerante). Le scelte erano due e tu
    continui a sostenere che abbiamo fatto la
    scelta sbagliata? L'italia é sempre
    stata molto legata agli Stati Uniti (anche
    per l'immigrazione) e comunque l'alternativa
    era poco attraente... miseria e schiavismoComunista, naturalmente .....
    (quello vero, quello diretto politico
    militare che ti ritrovi i carri armati in
    casa vero signor Budapest e non lo
    "schiavismo" che continui tanto a paventare.Non lo pavento, anche perchè di fatto è così ...

    fatto una cosa solo dimostrativa ma
    abbastanza inutile).La Francia poteva. Noi no. Ci pensavano i nostri politici dell' epoca a renderlo impossibile.....
    vuoi vivere nel mondo dei puffi dove tutti
    dovrebbero amarsi e rispettarsi ecc.ecc.
    non ci siamo proprio...Sicuramente no. Tanto è vero, come ho gua ribadito, che questa "cara" nazione di cui parli, non ha esitato a invadere Iraq, Vietnam, Corea quando ne aveva bisogno per il proprio tornaconto ECONOMICO. Mi sà che qui le fette di prosciutto non le ho io sugli occhi ....


    Tranquillo. IO ci vedo benissimo e anche

    molto più lontano di te.
    Tua opinione (molto opinabile secondo me)Eh, gia, mia opinione.....

    non sai dove stà di casa.

    Ti consiglio caldamente una visita

    oculistica: credo tu ne abbia DAVVERO

    bisogno.....
    Sicuro di non voler venire con me? :DSicuro. Una cosa è chiara: la tua visone dei fatti è fortemente orientata verso il sostegno ai governi USA ( e per inciso, non americano) . Anche se credo dovresti allentare questo pragmatisco, che ti porta solo a considerare il fatto senza le conseguenze.Tanto per gradire, ti porto un pò di link in rete che parlano di questi aiuti :http://www.newbrainframes.org/journal/art.php?voc_id=566&tid=6Stralcio:"Cosí il piano Marshall, sebbene abbia effettivamente accelerato la ricostruzione europea riducendo il dollar gap (l'insufficienza di dollari) che frenava la ripresa della crescita, ha anche fatto gli interessi della Coca Cola, della Ford, della Ibm e cosí via."Oppure :http://it.wikipedia.org/wiki/Piano_Marshalle riporto :"Le critiche al Piano Marshall divennero prevalenti tra gli storici della scuola revisionista durante gli anni '60 e '70. Questi argomentavano che il piano era imperialismo economico americano, e che era un tentativo di prendere il controllo sull'Europa occidentale, allo stesso modo in cui l'Unione Sovietica controlava l'Europa orientale"E possiamo anche ricordare come il suddetto "piano marshall" sia all' origine della divisione dell' Europa in due blocchi dove, guarda caso, La NATO assorbe tutti i paesi che hanno accetta il piano, e Il Patto di Varsavia la parte est dell' europa stessa, sotto l' egida dell' URSS. Considerando che PRIMA si forma la NATO POI il Patto di Varsavia, potremmo anche tranquillamente affermare che i suddetti aiuti hanno dato il via alla divisione dell' Europa in due blocchi .....Bell' aiuto davvero.SCUSATE I TAGLI. Ho finito i 7000 caratteri ....
  • Anonimo scrive:
    Indymedia
    meno male , pulendo cosi la sinistra si otterra' gente che usa il cervello e non il didietro per dare notizie firmato uno di sinistra che si vergogna di esserlo ultimamente
  • TafkaL scrive:
    Come è difficile essere di sinistra
    ...o anche no global o pacifista o quello che volete voi.Le idee sono giuste e sacrosante, ma se quelli che vedo in giro sono persone di sinistra, pacifisti o noglobal.... che Dio me ne scampi.Della serie: come sputtanare un'idea giusta.Quando vedo l'ottusità, la faziosità e la demenza dei cosidetti noglobal mi viene quasi voglia di iscrivermi a forza nuova (scherzo ovviamente :) )Amano definirsi antagonisti, ma quando ti schieri ciecamente da una parte e rifiuti perfino di accettare l'evidenza perchè va contro il pensiero preconfezionato, allora non sei un antagonista: sei un pirla e basta.Sono contro qualsiasi censura, anche quelle a fin di bene (soprattutto quelle, le più subdole e quindi pericolose), perchè ritengo che sia giusto che ognuno possa farsi la sua opinione liberamente, attingendo a tutte le possibili informazioni ma, per favore, cerchiamo di essere persone civili.Altrimenti si fa solo il gioco di chi non aspetta altro che un pretesto per attacarti.Indymedia espone idee giustissime e sacrosante, peccato però che siano presentate in maniera indecente.A me sinceramente non me ne può fregare di meno, ma chiunque abbia un minimo di cervello capisce che gli insulti e le volgarità gratuite sono la manna dal cielo per i "torvi reazionari", che così hanno buon gioco a chiudere e censurare.Per non parlare dei problemi che creano a me (e a tanti come me); io che credo di essere più antagonista, pacifista, noglobal, antiamericano ecc di tanti altri, ma a differenza di questi, non mi lancio in insulti e volgarità contro chiunque non la pensi come me.Come mi piacerebbe potermi definire un noglobal, ma ormai questo significa dire "sono un black block".Chi non la pensa come me non è mio nemico, anzi. Per me è un'occasione di confrontare e quindi verificare la bontà delle mie idee, di vedere le cose da altri punti di vista, magari anche di convincere chi non la pensa come me.E se un'idea di "destra" è valida, non la rifiuto solo perchè è di "destra", ma la accetto e la faccio mia, senza nessun problema.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come è difficile essere di sinistra
      - Scritto da: TafkaL
      E se un'idea di "destra" è valida,
      non la rifiuto solo perchè è
      di "destra", ma la accetto e la faccio mia,
      senza nessun problema.Straquoto in toto e ti faccio i miei complimenti di uomo "di destra". Se ci fossero (da ambo le parti) persone con la tua stessa apertura mentale, forse non esisterebbero neppure Indymedia o Forza Nuova........
      • Anonimo scrive:
        Re: Come è difficile essere di sinistra
        - Scritto da: Anonimo
        Se ci
        fossero (da ambo le parti) persone con la
        tua stessa apertura mentale, forse non
        esisterebbero neppure Indymedia o Forza
        Nuova........
        se ci fossero ovunque persone con una certa apertura mentale (basterebbero anche meno di 360°), non avrebbe nemmeno troppo senso parlare di "ambo le parti", ci sarebbe un'unica parte che presta ascolto alle varie parti di cui è composta per mantenersi in uno stato di equilibrio, cercando di contenere le proprie "oscillazioni" per evitare la rovinosa caduta a cui andrebbe incontro se si sbilanciasse o si fermasse del tutto...e se anche continuassero a esistere estremisti violenti di una fazione e i suoi opposti equivalenti dell'altra, sarebbero soltanto voci fuori dal coro, di cui nessuno si preoccuperebbe, incapaci di raccogliere consensi...ma pare che i tempi per questo genere di "visioni" non siano ancora del tutto maturi, siamo ancora schiavi di comportamenti istintivi animaleschi ed è ancora troppo facile agire sulle grandi masse con il solito giochetto della paura indotta e del "dagli all'untore!", usato da destre, sinistre, democratici, fondamentalisti e tutti gli *isti in generale (si, generalizzare è sbagliato... per fortuna, spero).Si censura ciò che fa paura, ma con la censura non si azzittisce nessuno, si fa crescere soltanto un silenzioso malcontento che prima o poi riesploderà, amplificato ogni volta...E la paura in questi casi sembar essere di due tipi:1) ho paura di quello che dici perchè non ho la coscienza a posto e le tue accuse potrebbero essere vere2) ho paura di te, perchè sei solito scagliare pietre al primo sospetto, anche infondatoe se tutti avessimo quell'apertura mentale che ci si augurava non esisterebbe nessuna paura...
        • Anonimo scrive:
          Re: Come è difficile essere di sinistra
          e se ci fosse un sistema così, in cui si sceglie in base alle idee e al valore delle persone e non in base alle ideologie... un momento, ma sistemi così ci sono, e guarda un po', da queste parti sono molto malvisti da un'intera orda di politici, commentatori e gente comune che non fanno quasi altro che lamentarsi del fatto che non ci sono più differenze fra destra e sinistra, che ci stiamo americanizzando ecc ecc ecc... Si dovrebbe imparare che è facile presentare la propria idea con belle parole e il suo contrario in modo negativo, ma che la realtà è che ogni sistema ha i suoi pro e i suoi contro, è la tragedia della vita...
    • Anonimo scrive:
      Re: Come è difficile essere di sinistra
      Da personsa di destra non posso che rispettare la tua visione e se nella sinistra ci fossero piu' persone come te ci sarebbe sicuramente piu' equilibrio tra le parti
      • reflection scrive:
        Re: Come è difficile essere di sinistra
        - Scritto da: Anonimo
        Da personsa di destra non posso che
        rispettare la tua visione e se nella
        sinistra ci fossero piu' persone come te ci
        sarebbe sicuramente piu' equilibrio tra le
        partiPero' ragazzi, due quote ad un post di grande intelligenza, due quote che dicono rispettivamente "Se ci fosse intelligenza certi gruppi sparirebbero" e "Tu bravo ma aiuto i comunisti!"... Invece di quotare esprimete per bene le vostre idee se differiscono dall'autore del post :s
    • Tetsuo scrive:
      Re: Come è difficile essere di sinistra
      - Scritto da: TafkaL
      ...o anche no global o pacifista o quello
      che volete voi.[cut]Mi ritrovo anche io nelle tue parlole...e non ho altro da aggiungere....
      Come mi piacerebbe potermi definire un
      noglobal, ma ormai questo significa dire
      "sono un black block"....l'assocaione che viene fatta tra noglobal e black block non e' casuale....e' stata voluta e appogiata... non e' la prima volta che succedono cose di questo tipo.I media nazionali sono il mezzo di diffusione...tutti ne parlano e alla fine la gente assimila e' "impara"Un po come e' successo al termine Hacker.Gli e' stato attribuito il significato di pirata informatico.Insomma un delinquente da perseguire e rinchiudere.Il succo della questione e' "Criminalizzare"Sostanzialmente per due motivi:1 avere la possibilità di intervenire duramente,2 Far perdere il consenso della popolazione che normalmente potrebbe simpatizare per movimenti di questo tipo Da chi viene fatto questo gioco?Da chi detine il potere (e che lo vuole mantenere ) !Da chi vede nei cambiamenti una posibile minaccia alla propria leadership.Il tutto misto ad un'ignoranza enciclopedica
      Chi non la pensa come me non è mio
      nemico, anzi. Per me è un'occasione
      di confrontare e quindi verificare la
      bontà delle mie idee, di vedere le
      cose da altri punti di vista, magari anche
      di convincere chi non la pensa come me.
      E se un'idea di "destra" è valida,
      non la rifiuto solo perchè è
      di "destra", ma la accetto e la faccio mia,
      senza nessun problema.Parole sante
      • allanon scrive:
        Re: Come è difficile essere di sinistra
        Non avevo mai sentito parlare prima del sito Indymedia, ma una considerazione è comunque doveroso farla, a prescindere da quali siano le motivazioni che hanno portato alla sua chiusura.Se io scrivessi in questa sede post diffamatori, ingiuriosi o quant'altro sarei sicuramente responsabile civilmente e penalmente di ciò che ho scritto, ma questo non giustificherebbe la chiusura di PI, questo mi sembra ovvio. Tuttalpiù sarebbe doveroso censurare il mio commento e procedere per accertare la mia identità.Se PI inoltre publicasse un articolo ingiurioso o diffamatorio ne sarebbero responsabili l'autore e l'editore che ne ha consentito la publicazione, ma il provvedimento di chiusura di PI rimarrebbe comunque un atto illeggittimo fin tanto che una sentenza non abbia accertato le responsabilità.Ora, in giro ho visto una marea di commenti sulla vicenda, ma mi sembra che la ragione per cui Indymedia sia stato chiuso rimane ancora oscura, presumo quindi che non ci sia stata nessuna sentenza che possa giustificare l'oscuramento del sito.Quello che mi lascia perplesso e mi spaventa, non è il fatto che il sito sia stato chiuso, per ipotesi posso anche presumere che gli editori o i giornalisti che ci lavoravano abbiano commesso un qualche tipo di reato, ma la leggerezza con la quale sia sia oscurato il sito prima ancora di accertare colpe e responsabilità a livello giudiziario.L'unica cosa che mi consola e che esistono tecnologie quali freenet utili ad impedire qualsiasi atto di censura.
        • Anonimo scrive:
          Re: Come è difficile essere di sinistra
          - Scritto da: allanon
          Non avevo mai sentito parlare prima del sito
          IndymediaNeanche io

          Se io scrivessi in questa sede post
          diffamatori, ingiuriosi o quant'altro sarei
          sicuramente responsabile civilmente e
          penalmente di ciò che ho scritto, ma
          questo non giustificherebbe la chiusura di
          PI, questo mi sembra ovvio. Tuttalpiù
          sarebbe doveroso censurare il mio commento e
          procedere per accertare la mia
          identità.Mi pare cosi' ovvio che non c'e' neppure bisogno di dire che si e' daccordo!

          Se PI inoltre publicasse un articolo
          ingiurioso o diffamatorio ne sarebbero
          responsabili l'autore e l'editore che ne ha
          consentito la publicazione, ma il
          provvedimento di chiusura di PI rimarrebbe
          comunque un atto illeggittimo fin tanto che
          una sentenza non abbia accertato le
          responsabilità.Avevamo capito non occorreva ribadire il concetto

          Ora, in giro ho visto una marea di commenti
          sulla vicenda, ma mi sembra che la ragione
          per cui Indymedia sia stato chiuso rimane
          ancora oscura, presumo quindi che non ci sia
          stata nessuna sentenza che possa
          giustificare l'oscuramento del sito.

          Quello che mi lascia perplesso e mi
          spaventa, non è il fatto che il sito
          sia stato chiuso, per ipotesi posso anche
          presumere che gli editori o i giornalisti
          che ci lavoravano abbiano commesso un
          qualche tipo di reato, ma la leggerezza con
          la quale sia sia oscurato il sito prima
          ancora di accertare colpe e
          responsabilità a livello giudiziario.
          Beato te che sei solo preoccupato io sono seriamente indeciso se considerare questa una societa' democratica!
          L'unica cosa che mi consola e che esistono
          tecnologie quali freenet utili ad impedire
          qualsiasi atto di censura.E qui invece non siamo per nulla daccordo! che ci si debba ridurre a praticare "tecnologie sotterranee" nate con lo scopo (piu' che giustificabile ma diverso) di tutelare la privacy per esprimere una opinione alla luce del sole non mi pare possa consolare nessuno!Stiamo parlando di un sito pubblico, di uno strumento di informazione l'opzione della "clandestinita'" non e' praticabile se si vive in una democrazia.La liberta' di pensiero va tutelata alla luce del sole! :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Come è difficile essere di sinistra
          - Scritto da: allanon
          Non avevo mai sentito parlare prima del sito
          Indymedia, ma una considerazione è
          comunque doveroso farla, a prescindere da
          quali siano le motivazioni che hanno portato
          alla sua chiusura.
          Visto che non hai mai saputo nulla di Indymedia potresti anche non fare commenti visto che probabilmente non hai mai navigato nelle sue squallide pagine...SI perchè come tu non sai in quelle pagine più di una volta sono state pubblicate foto di ragazzi militanti nei partiti di Destra con l'incitamento a pestarli....Per non parlare poi dello squallido videogame FOIBA 2000linkato da indymedia in cui bisognava buttare con un calcio gli italiani in una Foiba....Credo che queste porcherie non meritino solo una censura....Voglio proprio vedere te se pubblicavano la tua foto con incitazioni a pestarti se difendevi ancora le libertà digitali che qualcuno in questo forum cita spesso a casaccio:@
    • Anonimo scrive:
      Plaudo, mi siete veramente piaciuti
      Un post di questo genere non può che avere un applauso, senza dimenticare anche il contenuto della prima risposta che è meritevole altrettanto.Largo alle giuste ideolegie che accomunano la gente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come è difficile essere di sinistra
      Ecco, questo è un post intelligente! Un po' lungo ma vale la pena leggerlo. Complimenti!
  • Anonimo scrive:
    Re: Proposta
    - Scritto da: Slurpolo
    Per la redazione di PI: poiché pare
    che molti siano contrari all'esistenza di
    spazi dove chi vuole può dire quello
    che vuole (magari anche anonimamente),
    perché non mettete l'obbligo di
    registrarsi per scrivere sul forum,
    eliminando i commenti anonimi?

    Sono pronto a scommettere che molti
    cosiddeti "troll" sparirebbero.Puo darsi. Purtroppo rimarranno molti altri troll fra i registrati ....
    • reflection scrive:
      Re: Proposta
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Slurpolo

      Per la redazione di PI: poiché
      pare

      che molti siano contrari all'esistenza
      di

      spazi dove chi vuole può dire
      quello

      che vuole (magari anche anonimamente),

      perché non mettete l'obbligo di

      registrarsi per scrivere sul forum,

      eliminando i commenti anonimi?



      Sono pronto a scommettere che molti

      cosiddeti "troll" sparirebbero.

      Puo darsi. Purtroppo rimarranno molti altri
      troll fra i registrati ....Si ma almeno quelli tendono a meritarsi un filo piu' di rispetto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Libertà? ma cosa blaterate?

    I centri sociali, come li vedi? Sono dei
    luoghi di "anarchia", visto che sono spesso
    deregolamentati ed auto-regolamentati, ma
    sono una realta' che funziona e sono
    comunque luoghi chiusi che non danno
    fastidio a nessuno dove esprimersi. Nota: non sono quello di prima.Riguardo ai centri sociali, pur apprezzando la loro volonta'di aggregare/sperimentare/fare cultura, devo lamentare il fattoche spesso scadono nella violenza e nell'illegalita'!Esempio1:Conosco gente che e' stata picchiata dai Leoncavallini (solo per non essere della stessa parte politica).Esempio2: Mi risulta che spesso vengano "okkupate" abusivamente stutture..se le regole le rispetto anke io , anke voi...la protesta si puo' farelo stesso
  • Anonimo scrive:
    Indymedia lerciaio informatico
    propaganda della più infame,benvenuto oscuramento!
  • Anonimo scrive:
    Hanno fatto bene...
    Che si sappia anche all'estero che l'informazione riguardo l'Italia e' "cosa nostra" :D
  • Anonimo scrive:
    Re: GODO!!!
    meglio studiare sulle figurine panini che su un libro di uno storico ebreo (il 99% di quelli che si usano nelle scuole)
    • Anonimo scrive:
      Re: GODO!!!
      - Scritto da: Anonimo
      meglio studiare sulle figurine panini che su
      un libro di uno storico ebreo (il 99% di
      quelli che si usano nelle scuole)?
    • Anonimo scrive:
      Re: GODO!!!
      - Scritto da: Anonimo
      meglio studiare sulle figurine panini che su
      un libro di uno storico ebreo (il 99% di
      quelli che si usano nelle scuole)Ecco che ne esce il ratto dalle fogne ......
    • Anonimo scrive:
      Re: GODO!!!
      - Scritto da: Anonimo
      meglio studiare sulle figurine panini che su
      un libro di uno storico ebreo (il 99% di
      quelli che si usano nelle scuole)Ecco un bel commento nazistoide, quindi adesso sequestreranno gli HD di PI?Se tutti voi probi cittadini che avete inneggiato alla chiusura di Indymedia foste coerenti, dovreste chiedere lo stesso!
    • Anonimo scrive:
      Re: GODO!!!
      - Scritto da: Anonimo
      meglio studiare sulle figurine panini che su
      un libro di uno storico ebreo (il 99% di
      quelli che si usano nelle scuole)Ehi!!!Ma guarda che adesso gli "ebrei" sono amici!E anche i "plutocrati americani" sono amici!Aggiornati, amico fascista: ilvento é cambiato a favore di chi ha vinto la guerra!!!...:DLe teorie degli estremisti non fanno ridere?!
      • Anonimo scrive:
        Re: GODO!!!
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        meglio studiare sulle figurine panini
        che su

        un libro di uno storico ebreo (il 99% di

        quelli che si usano nelle scuole)
        Ehi!!!
        Ma guarda che adesso gli "ebrei" sono amici!
        E anche i "plutocrati americani" sono amici!
        Aggiornati, amico fascista: ilvento é
        cambiato a favore di chi ha vinto la
        guerra!!!Perche' invece di insultarvi a vicenda non cercate un dialogo costruttivo?
  • Anonimo scrive:
    Internet è un grande spazio di libertà..
    Internet è un grande spazio di libertà e come tale va censurato!! :| verizione rivista e corretta di quanto affermato da Stanca.
  • Anonimo scrive:
    Re: Censura, democrazia, buon senso
    - Scritto da: rumenta
    certo, ci vuole tempo, io lo sto facendo da
    parecchi anni, dal '78 per l'esattezza, ma i
    risultati si vedono, e il fatto sconcertante
    è che oggi non penso di potermi
    fidare di nessun politico.....In realtà è abbastanza prevedibile, considerato che giocano tutti nella stessa squadra (e quelli che non giocano sono quelli che non vedi in campagna elettorale).
  • Anonimo scrive:
    Re: Censura, democrazia, buon senso
    - Scritto da: rumenta

    certo, ci vuole tempo, io lo sto facendo da
    parecchi anni, dal '78 per l'esattezza, ma iTi prego metti su un sito con le tue conclusioni.Credo che sarebbe una buonissima idea
  • Slurpolo scrive:
    Proposta
    Per la redazione di PI: poiché pare che molti siano contrari all'esistenza di spazi dove chi vuole può dire quello che vuole (magari anche anonimamente), perché non mettete l'obbligo di registrarsi per scrivere sul forum, eliminando i commenti anonimi?Sono pronto a scommettere che molti cosiddeti "troll" sparirebbero.
  • Anonimo scrive:
    Re: Chiusa una delle tante pattumiere
    quoto in pieno, non saprei che altro aggiungere
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"

    Esatto. Ma io sapevo già la cosa e
    non mi ha certo stupito. E in quanto alle
    favole, mi sembra tu sia un assiduo
    frequentatore.....Infatti era una faccenda risaputa non serviva che la sbandierassi in giro come fosse chissá che.



    Il piano Marshall é stata una
    manna

    vera per l'italia e anche per gli Usa.

    Sopratutto per gli USA...Beh ragazzo mio. Se credi che esistano i benefattori a sto mondo.... chiaramente era vantaggioso per tutti e due. Se dici soprattutto per gli Usa... ci sarebbe molto da argomentare (tua opinione). Posso solo ricordarti cosa é successo dopo la prima guerra mondiale. Lí (e la situazione del secondo dopoguerra era pure peggio) tutti vennero lasciati per contro proprio e infatti si é visto come é andata a finire. Il Piano Marshall si inseriva in un disegno di ripresa economica generalizzata in modo da spuntare le rivalitá economiche (e quindi politiche) del primo dopoguerra. Un corollario di Bretton Woods se vogliamo. Senza avrebbe avuto poco senso. Chiaramente se lo volevi gli Usa mettevano delle condizioni. Solo nelle favole si regala....
    Ma và.... incredibile. Forse
    perchè, in previsione, lo schiavismo
    economico americano si è rivelato
    molto duro per l' Italia e la sua cultura ??
    Ormai siamo solo un satellite che gravita
    intorno agli USA ..... con sommo dispiacere
    di chi capisce cosa significa questo.Ecco che giá parli di schiavismo. (e poi sono io che vivo nelle favole...) vabbeh. Forse te non hai ben presente cosa era il mondo dopo il 45. O di lá o di quá. Chiaro? (alternative zero e specie per un paese ex-belligerante). Le scelte erano due e tu continui a sostenere che abbiamo fatto la scelta sbagliata? L'italia é sempre stata molto legata agli Stati Uniti (anche per l'immigrazione) e comunque l'alternativa era poco attraente... miseria e schiavismo (quello vero, quello diretto politico militare che ti ritrovi i carri armati in casa vero signor Budapest e non lo "schiavismo" che continui tanto a paventare.Se consideri l'italia un paese satellite forse non sai bene di cosa parli. Non sai come funziona e funzionava la politica tra gli stati. L'Italia faceva parte di un blocco e da quel blocco poteva uscirne quando voleva (la francia lo fece in modo plateale salvo accorgersi ovviamente di aver fatto una cosa solo dimostrativa ma abbastanza inutile). Se ADESSO consideri la politica italiana troppo orientata a Washington sono opinioni tue (cmq la condivido abbastanza) ma sarebbe il caso che ti levi un po' di prosciutto e non ti metta a sparare a zero su un paese solo perché adesso hai la luna storta.Guardati indietro alla storia e fai un giudizio piú bilanciato. Certo che se tu vuoi vivere nel mondo dei puffi dove tutti dovrebbero amarsi e rispettarsi ecc.ecc. non ci siamo proprio...
    Tranquillo. IO ci vedo benissimo e anche
    molto più lontano di te.Tua opinione (molto opinabile secondo me)
    Il fesso ero io. E comunque riempire la
    pancia senza pensare al futuro non è
    certo stata una grande idea....
    Senza dimenticare che la crisi italiana
    sarebbe stata superabile, anche se con
    qualche tempo in più. Quei soldi, a
    detta di molti, non sono certo finiti in
    aiuti agli italiani .... ma potrebbe essere
    una fola.Si é pensato al futuro non temere. I soldi sono finiti al "sistema italia" insomma generi alimentari, macchinari, know how ecc.ecc. per rimettere in grado di camminare un paese (come in europa e in giappone). Senti non mi verrai a dire che non é vero. Senza quegli aiuti e senza l'aiuto delle esportazioni italiane in europa e stati uniti il "miracolo" restava solo un miraggio. Se te dici che la crisi italiana era superabile IO ho moooolti dubbi (e molti storici ne avrebbero ancora di piú). Ah scusa forse era meglio aderire al comecon e aspettare gli aiuti sovietici.
    Oh, nonononono. Assolutamente no. Hai una
    forte carenza verso il rosso, con acuti
    visivi solo verso il nero. Il bianco, poi,
    non sai dove stà di casa.
    Ti consiglio caldamente una visita
    oculistica: credo tu ne abbia DAVVERO
    bisogno.....Sicuro di non voler venire con me? :-D
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo
    Cosa perfettamente risaputa. Che ci fossero
    state pressioni. Sei te che continui a
    vedere nero e bianco.
    Sveglia non si vive nel mondo delle favole.Esatto. Ma io sapevo già la cosa e non mi ha certo stupito. E in quanto alle favole, mi sembra tu sia un assiduo frequentatore.....

    Il piano Marshall é stata una manna
    vera per l'italia e anche per gli Usa.Sopratutto per gli USA...
    Ovviamente aveva un significato politico e
    infatti l'Urss obbligó i suoi satelliti a
    non aderirvi.Ma và.... incredibile. Forse perchè, in previsione, lo schiavismo economico americano si è rivelato molto duro per l' Italia e la sua cultura ?? Ormai siamo solo un satellite che gravita intorno agli USA ..... con sommo dispiacere di chi capisce cosa significa questo.

    Ragazzo mio non vedi piú in lá del tuo naso.Tranquillo. IO ci vedo benissimo e anche molto più lontano di te.
    é ovvio che gli Usa si siano fatti i
    loro interessi (come ora) e anche l'italia
    se lí é fatti (col piffero che si
    mangiava in italia senza il marshall come
    qualche fesso scriveva qualche post prima).Il fesso ero io. E comunque riempire la pancia senza pensare al futuro non è certo stata una grande idea.... Senza dimenticare che la crisi italiana sarebbe stata superabile, anche se con qualche tempo in più. Quei soldi, a detta di molti, non sono certo finiti in aiuti agli italiani .... ma potrebbe essere una fola.

    Io ci vedo benissimo, e a piú colori mentre
    te tutto in bianco e nero o meglio in bianco
    contro nero.Oh, nonononono. Assolutamente no. Hai una forte carenza verso il rosso, con acuti visivi solo verso il nero. Il bianco, poi, non sai dove stà di casa.Ti consiglio caldamente una visita oculistica: credo tu ne abbia DAVVERO bisogno.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Chiusa una delle tante pattumiere
    - Scritto da: Anonimo
    Tralasciando il fatto di come vengano
    trattate in maniera obiettiva le notizie,
    tralasciando i post di giubilo x la strage
    di Nassiria o per l'incidente dell'agente
    che ha ucciso quel teppista di giuliani (la
    lista sarebbe lunghissima), e peccato che il sito sià giù al momento, altrimenti avremmo potuto tutti leggere le perle che ci avrebbero rifilato sull'atto terroristico avvenuto in Egitto.:@
  • Anonimo scrive:
    Chiusa una delle tante pattumiere
    Tralasciando il fatto di come vengano trattate in maniera obiettiva le notizie, tralasciando i post di giubilo x la strage di Nassiria o per l'incidente dell'agente che ha ucciso quel teppista di giuliani (la lista sarebbe lunghissima), vorrei solo ricordare un post di un tale che, leggendo una notizia e i thread inerenti a questa, si sia vergognato del livello raggiunto non trovando più grosse differenze fra i frequentatori di indymedia e i tanto odiati fascisti di mussoliniana memoria.Dal canto mio non provo che soddisfazione nel veder chiuso (ahimè solo x il momento) un sito che sputa veleno (eufemismo) e che istiga all'odio verso il prossimo sulla base di notizie il più delle volte non verificabili o comunque "trattate" adeguatamente (in puro stile vetero-comunista o fascista che poi è la stessa cosa).Il tutto in linea con l'idea che "libertà di informazione" significhi "libertà di violentare la realtà per i propri fini" (cosa ahimè comune da molte parte e in molte realtà politiche).
  • Anonimo scrive:
    Re: Rivoluzione da scrivania
    - Scritto da: Anonimo
    Parte l'agente, stacca l'hard disk:
    tutti con le dita arrabbiate?

    Poi, cause, tribunali, e euro da pagare.
    Già, perché ora la gogna
    è quella.

    Internet ospitatutto: scarsi di idee,
    parassiti di qualche zero.

    Mi raccomando, evolvetevi!Utilizzando un italiano più corrente, ed evitando di assumere robaccia quando si scrive, si può sapere che cavolo vuoi dire ????
  • reflection scrive:
    Re: Rivoluzione da scrivania
    - Scritto da: Anonimo
    Parte l'agente, stacca l'hard disk:
    tutti con le dita arrabbiate?

    Poi, cause, tribunali, e euro da pagare.
    Già, perché ora la gogna
    è quella.

    Internet ospitatutto: scarsi di idee,
    parassiti di qualche zero.

    Mi raccomando, evolvetevi!Scusa, in italiano non telegrafico come suonerebbe il tuo post?
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    Cosa perfettamente risaputa. Che ci fossero state pressioni. Sei te che continui a vedere nero e bianco.Sveglia non si vive nel mondo delle favole.Il piano Marshall é stata una manna vera per l'italia e anche per gli Usa. Ovviamente aveva un significato politico e infatti l'Urss obbligó i suoi satelliti a non aderirvi.Ragazzo mio non vedi piú in lá del tuo naso. É ovvio che gli Usa si siano fatti i loro interessi (come ora) e anche l'italia se lí é fatti (col piffero che si mangiava in italia senza il marshall come qualche fesso scriveva qualche post prima).Io ci vedo benissimo, e a piú colori mentre te tutto in bianco e nero o meglio in bianco contro nero.
  • Anonimo scrive:
    Rivoluzione da scrivania
    Parte l'agente, stacca l'hard disk:tutti con le dita arrabbiate?Poi, cause, tribunali, e euro da pagare.Già, perché ora la gogna è quella.Internet ospitatutto: scarsi di idee, parassiti di qualche zero.Mi raccomando, evolvetevi!
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"

    perfettamente d'accordo... in fondo non ci
    vuole molto a sfogliare qualche pagina di
    indymedia per accorgersi che si sono bevuti
    il cervello... vedono fascisti e nazisti
    ovunqueE già. Praticamente come certa gente che vede i cattivi comunisti ( quelli che mangiano i bambini, per intenderci ) dappertutto. Anche alle manifestazioni pacifiste.E che usano il manganello per essere sicuri.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: sterlina
    non è vero, l'hanno creata i fisici
    al CERN
    Solo in seguito gli americani si sono
    accorti delle possibilità militari e
    in seguito di quelle commerciali... cosa
    quest'ultima che ha permesso la diffusione
    così come la conosciamo oramaddechè ??? ARPANET (la "madre" dell'odierna Internet) non c'entra nulla col CERN, che invece mise a punto il web come lo intendiamo oggi...
  • Anonimo scrive:
    Re: SCHIFO DI PAESEEEEEEEEEE
    Bel post pieno di UTILI argomentazioni
    • Anonimo scrive:
      Re: SCHIFO DI PAESEEEEEEEEEE
      - Scritto da: Anonimo
      Bel post pieno di UTILI argomentazioniLe stesse che vanno forte fra la gente comune.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo


    HAHAHAHAAH lo stesso che ha infilato
    basi

    missilistiche un pò in tutta
    Italia,

    lo stesso che ha trasformato L' America
    del

    Sud in un campo lavoro, lo stesso che ha

    invaso L' Iraq e il Vietnam ( oltre la
    Corea

    ), lo stesso che esporta grano
    transgenico

    in India per schiavizzare i contadini,
    lo

    stesso ..... posso andare avnti per
    ore. E

    inoltre, ci terrei ad informarti che gli

    italiano mangiavano anche senza gli

    americani. Del cellulare faccio

    tranquillamente a meno, e internet
    sarebbe

    funzionata anche senza di loro.

    A proposito: sei scarso nelle
    motivazioni. E

    cieco.

    E te sei scarso in storia. E ragioni in
    termini di bene e male. Gli Usa non sono
    l'impero del male e neanche del bene
    sono.... gli Usa. E sul fatto che gli
    italiani mangiavano anche senza gli
    americani ci stiamo dimenticando di un piano
    marshall o sbaglio...??

    Tirati via i Rayban che vedi tutto in
    bicromia.Quanto a scarsità mi batti. Sopratutto in italiano.E a proposito del "piano marshall" ti invito a leggere il link http://www.cronologia.it/storia/tabello/tabe1542.htmdi cui riporto un simpatico stralcio" Il 18 APRILE si svolgono le elezioni in Italia. La DC ottiene il 49% dei voti e la maggioranza assoluta.MARSHALL, era stato ancora più esplicito all'Università di Berkeley il 20 marzo: a un mese dalle elezioni. Aveva affermato che gli aiuti economici agli italiani, che erano già diventati in tre mesi 176 milioni di $, sarebbero cessati nel caso di una vittoria elettorale in Italia delle Sinistre. Le due minacce fatte arrivare su tutti i pulpiti d'Italia e zelantemente rinvigorite in ogni più sperduta contrada dai Comitati Civici: paventando lo spettro dello stomaco vuoto e anche l'anima dannata, "confezionarono" "il miracolo"! "Non male vero ? E visto che io porto, secondo te, i Rayban, a te consiglio caldamente un paio di occhiali da vista.La miopia, in particolare quella CHE NON VUOL VEDERE, è assai più grave.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: sterlina

    - Scritto da: Avion


    Certo, l'hanno solo creata, internet.

    non è vero, l'hanno creata i fisici
    al CERN
    Solo in seguito gli americani si sono
    accorti delle possibilità militari e
    in seguito di quelle commerciali... cosa
    quest'ultima che ha permesso la diffusione
    così come la conosciamo oraBeata ignoranza.... ancora non si sa in giro la differenza tra internet e web?
  • Anonimo scrive:
    Re: SCHIFO DI PAESEEEEEEEEEE
    - Scritto da: Anonimo
    Con questo governo di mafiosi, politici
    corrotti, o gente che è strapiena di
    conflitti d'interesse, vedo che le
    libertà FONDAMENTALI delle persone
    sono calcolate come la carta igienica.Ecco, questo è il tipico post che non sfigurerebbe su Indymedia: sensazionalistico, ad alzo zero, demagogico, anonimo....Fai i nomi, se questo governo non ti piace (e ne hai tutti i diritti) scrivi qui nome e cognome di chi dovrebbe governarci, poi ne discutiamo....
    • Anonimo scrive:
      Re: SCHIFO DI PAESEEEEEEEEEE
      - Scritto da: Anonimo
      - Scritto da: Anonimo

      Con questo governo di mafiosi, politici

      corrotti, o gente che è
      strapiena di

      conflitti d'interesse, vedo che le

      libertà FONDAMENTALI delle
      persone

      sono calcolate come la carta igienica.

      Ecco, questo è il tipico post che non
      sfigurerebbe su Indymedia:
      sensazionalistico, ad alzo zero, demagogico,
      anonimo....

      Fai i nomi, se questo governo non ti piace
      (e ne hai tutti i diritti) scrivi qui nome e
      cognome di chi dovrebbe governarci, poi ne
      discutiamo....Mi sembra che i post con i nomi non manchino ......
      • Anonimo scrive:
        Re: SCHIFO DI PAESEEEEEEEEEE
        - Scritto da: Anonimo

        Fai i nomi, se questo governo non ti
        piace

        (e ne hai tutti i diritti) scrivi qui
        nome e

        cognome di chi dovrebbe governarci, poi
        ne

        discutiamo....


        Mi sembra che i post con i nomi non manchino
        ......Io vedo solo il nome di Berlusconi, mai uno che abbia le palle di dire "Per me il premier ideale, da cui sarei onorato di essere rappresentato é....."Chi scegli ?-Prodi?-D'Alema?-Rutelli?-Fassino?-Berrtinotti?(.....aggiungete a piacere i nomi degli altri 150 leader della sx italiana...)A me Berlusconi non sta simpatico, anzi.... Ma TU chi proponi sia meglio ?
        • Anonimo scrive:
          Re: SCHIFO DI PAESEEEEEEEEEE
          Anche a me Berlusconi non sta simpaticissimo... eufemismo :-D ... peró il ragazzo ha ragione... le alternative non sono tanto meglio....
      • Anonimo scrive:
        Re: SCHIFO DI PAESEEEEEEEEEE
        - Scritto da: Anonimo

        Mi sembra che i post con i nomi non manchino
        ......come al solito tutti a criticare e nessuno che propone alternative.a criticare siamo tutti buoni ma per farlo senza dare alternative conviene stare zitti si fa piu' bella figura
  • Anonimo scrive:
    SCHIFO DI PAESEEEEEEEEEE
    Con questo governo di mafiosi, politici corrotti, o gente che è strapiena di conflitti d'interesse, vedo che le libertà FONDAMENTALI delle persone sono calcolate come la carta igienica.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"


    Un bel link per i poveracci dietro un
    proxy?

    Mi dispiace.... dovresti usare qualche
    software di tunnelling, se da te
    funziona.....Mannaggia non mi vanno.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"

    HAHAHAHAAH lo stesso che ha infilato basi
    missilistiche un pò in tutta Italia,
    lo stesso che ha trasformato L' America del
    Sud in un campo lavoro, lo stesso che ha
    invaso L' Iraq e il Vietnam ( oltre la Corea
    ), lo stesso che esporta grano transgenico
    in India per schiavizzare i contadini, lo
    stesso ..... posso andare avnti per ore. E
    inoltre, ci terrei ad informarti che gli
    italiano mangiavano anche senza gli
    americani. Del cellulare faccio
    tranquillamente a meno, e internet sarebbe
    funzionata anche senza di loro.
    A proposito: sei scarso nelle motivazioni. E
    cieco.E te sei scarso in storia. E ragioni in termini di bene e male. Gli Usa non sono l'impero del male e neanche del bene sono.... gli Usa. E sul fatto che gli italiani mangiavano anche senza gli americani ci stiamo dimenticando di un piano marshall o sbaglio...??Tirati via i Rayban che vedi tutto in bicromia.
  • Anonimo scrive:
    la sola verità...
    è che la libertà è sempre relativa non è assoluta, chi dice il contrario non sa di cosa sta parlando!libertà non è poter dire o fare quello che si vuole, quella si chiama anarchia ed una utopia non meno stupida di quella comunista.ci sono dei limiti oltre i quali non è dato andare ed IndyMedia li ha superati spesso e volentieri... chi rompe paga.il fatto stesso che IndyMedia non voglia archviare i file di Log la dice lunga sul loro rispetto per le regole.
    • reflection scrive:
      Re: la sola verità...
      - Scritto da: Anonimo
      è che la libertà è
      sempre relativa non è assoluta, chi
      dice il contrario non sa di cosa sta
      parlando!

      libertà non è poter dire o
      fare quello che si vuole, quella si chiama
      anarchia ed una utopia non meno stupida di
      quella comunista.

      ci sono dei limiti oltre i quali non
      è dato andare ed IndyMedia li ha
      superati spesso e volentieri... chi rompe
      paga.

      il fatto stesso che IndyMedia non voglia
      archviare i file di Log la dice lunga sul
      loro rispetto per le regole.


      Le regole le dovrebbe dare la politica, ma la classe dirigente MONDIALE e' talmente ritardata che non riesce a stare dietro le innovazioni quotidiane della Rete. Le leggi, in Italia, le fanno Microsoft e Sky nel campo delle TLC, quindi si capisce dove stiamo...Riguardo i log, perche' devo essere costretto a tener traccia di tutti quelli che passano per il mio sito? E' suolo privato, lo pago fior di quattrini e voglio gestirmelo come stracappero mi pare. Se poi pubblico materiali sensibili ovviamente questo comportera' un problema, ma di chi e' la colpa maggiore? Di Indymedia che ha pubblicato quelle foto o del governo Svizzero che s'e' fatto sfuggire informazioni riservate?
      • Anonimo scrive:
        Re: la sola verità...
        - Scritto da: reflection

        - Scritto da: Anonimo

        è che la libertà è

        sempre relativa non è assoluta,
        chi

        dice il contrario non sa di cosa sta

        parlando!



        libertà non è poter dire o

        fare quello che si vuole, quella si
        chiama

        anarchia ed una utopia non meno stupida
        di

        quella comunista.



        ci sono dei limiti oltre i quali non

        è dato andare ed IndyMedia li ha

        superati spesso e volentieri... chi
        rompe

        paga.



        il fatto stesso che IndyMedia non voglia

        archviare i file di Log la dice lunga
        sul

        loro rispetto per le regole.








        Le regole le dovrebbe dare la politica, ma
        la classe dirigente MONDIALE e' talmente
        ritardata che non riesce a stare dietro le
        innovazioni quotidiane della Rete. Le leggi,
        in Italia, le fanno Microsoft e Sky nel
        campo delle TLC, quindi si capisce dove
        stiamo...

        Riguardo i log, perche' devo essere
        costretto a tener traccia di tutti quelli
        che passano per il mio sito? E' suolo
        privato, lo pago fior di quattrini e voglio
        gestirmelo come stracappero mi pare.ma ci sei o ci fai? devi custodirli per legge! Se poi
        pubblico materiali sensibili ovviamente
        questo comportera' un problema, ma di chi e'
        la colpa maggiore? Di Indymedia che ha
        pubblicato quelle foto o del governo
        Svizzero che s'e' fatto sfuggire
        informazioni riservate?
  • reflection scrive:
    Freedom is not free.
    Lo diceva una maglietta venduta negli USA qualche anno fa.Se la liberta' e', come condiviso da tutti, qualcosa che finisce dove inizia quella altrui, e dunque non e' libera di espandersi, e' una liberta' non libera, quindi non e' liberta'.La liberta' e' piu' utopica del comunismo e l'uomo buono di Rousseau una chimera.
    • Anonimo scrive:
      Re: Freedom is not free.
      - Scritto da: reflection
      Lo diceva una maglietta venduta negli USA
      qualche anno fa.

      Se la liberta' e', come condiviso da tutti,
      qualcosa che finisce dove inizia quella
      altrui, e dunque non e' libera di
      espandersi, e' una liberta' non libera,
      quindi non e' liberta'.

      La liberta' e' piu' utopica del comunismo e
      l'uomo buono di Rousseau una chimera.Quindi? Possiamo andare in giro a sgozzare la gente?
      • reflection scrive:
        Re: Freedom is not free.
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: reflection

        Lo diceva una maglietta venduta negli
        USA

        qualche anno fa.



        Se la liberta' e', come condiviso da
        tutti,

        qualcosa che finisce dove inizia quella

        altrui, e dunque non e' libera di

        espandersi, e' una liberta' non libera,

        quindi non e' liberta'.



        La liberta' e' piu' utopica del
        comunismo e

        l'uomo buono di Rousseau una chimera.
        Quindi? Possiamo andare in giro a sgozzare
        la gente?Quindi saresti libero di usare il cervello, ma non esistendo la liberta' eviti di farlo...
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Avion

    Sito disgustoso.



    Indipendenti? Forse (forse)

    economicamente, ma è una

    discarica di delirii, notizie più

    tendenziose di quelle cui vorrebbero

    opporsi...



    Pubblicano le facce di due agenti (veri?

    boh) scrivendoci come didascalia una
    chiara

    allusione alla vendetta. Come dire: se
    li

    vedete, mazzulateli.



    Vergognosissimo, soprattutto da chi
    vorrebbe

    fare il paladino dei diritti civili
    contro

    il tiranno americano.



    Dovrebbero cancellare quel sito,
    è un

    rifugio di pazzoidi.





    Lascio un link da leggere.


    attivissimo.blogspot.com/2004_10_01_attivissi

    perfettamente d'accordo... in fondo non ci
    vuole molto a sfogliare qualche pagina di
    indymedia per accorgersi che si sono bevuti
    il cervello... vedono fascisti e nazisti
    ovunqueCome d'altronde fanno tutti quelli che non potendo banfare su indymedia hanno preso a banfare quì, ma si sfogatevi occupate byte e byte, tanto grazie a dio le vostre idiozie non usciranno mai da quì, perchè finchè i vostri commenti rimarranno puramente tendenziosi e non aperti al dialogo, sarete sempre isolati e ignorati dal mondo.
    • rumenta scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo



      - Scritto da: Avion


      Sito disgustoso.





      Indipendenti? Forse (forse)


      economicamente, ma è una


      discarica di delirii, notizie
      più


      tendenziose di quelle cui
      vorrebbero


      opporsi...





      Pubblicano le facce di due agenti
      (veri?


      boh) scrivendoci come didascalia
      una

      chiara


      allusione alla vendetta. Come
      dire: se

      li


      vedete, mazzulateli.





      Vergognosissimo, soprattutto da chi

      vorrebbe


      fare il paladino dei diritti civili

      contro


      il tiranno americano.





      Dovrebbero cancellare quel sito,

      è un


      rifugio di pazzoidi.








      Lascio un link da leggere.





      attivissimo.blogspot.com/2004_10_01_attivissi



      perfettamente d'accordo... in fondo non
      ci

      vuole molto a sfogliare qualche pagina
      di

      indymedia per accorgersi che si sono
      bevuti

      il cervello... vedono fascisti e
      nazisti

      ovunque


      Come d'altronde fanno tutti quelli che non
      potendo banfare su indymedia hanno preso a
      banfare quì, ma si sfogatevi occupate
      byte e byte, tanto grazie a dio le vostre
      idiozie non usciranno mai da quì,
      perchè finchè i vostri
      commenti rimarranno puramente tendenziosi e
      non aperti al dialogo, sarete sempre isolati
      e ignorati dal mondo.ma LOL..... vedo che anche il TUO commento è improntato alla massima apertura al dialogo :D
  • ilGiusto scrive:
    internet libera da spazzatura
    Internet è il più grande strumento di sviluppo che abbiamo oggi nella nostra civiltà, internet è libera di informare ma non si deve essere liberi di disinformare, internet non deve essere sporcata da siti simili, siano di sinistra che di destra.Per come la vedo io questa non è stata censura, questa è stata un opera di pulizia, al pari dello spazzino che toglie le foglie secche dalla strada.Bisognerebbe togliere questa spazzatura, come lo si dovrebbe fare per ogni tipo di propaganda politica.Internet è uno strumento di INFORMAZIONE non uno strumento di propaganda.==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 11.56.56
    • massim69 scrive:
      Re: internet libera da spazzatura
      e chi decide cos'è spazzatura e cosa non lo è?chi decide cosa è giusto leggere?tu?Purtroppo vedo che il mondo non è maturo per sfruttare questa tecnologia...
      • ilGiusto scrive:
        Re: internet libera da spazzatura
        - Scritto da: massim69
        e chi decide cos'è spazzatura e cosa
        non lo è?

        chi decide cosa è giusto leggere?

        tu?E allora lo decidi tu?Non puoi celarti dietro ad un banale "chi decide cosa".Per me la situazione è questa: il fatto che esista o meno un sito estremo di sx o di dx non me ne frega una ceppa.Io non li leggo, non mi interessano, non li condivido, non li appoggio, non li alimento.Una candela accesa prima o poi si spegne se non c'è più lo stoppino da bruciare...
        Purtroppo vedo che il mondo non è
        maturo per sfruttare questa tecnologia...dici eh?Io vedo un bel po' di presunzione...
        • massim69 scrive:
          Re: internet libera da spazzatura
          mi hai dato una risposta che contraddice le tue precedenti parole...ti decidi?
        • Anonimo scrive:
          Re: internet libera da spazzatura
          - Scritto da: ilGiusto
          Per me la situazione è questa: il
          fatto che esista o meno un sito estremo di
          sx o di dx non me ne frega una ceppa.
          Io non li leggo, non mi interessano, non li
          condivido, non li appoggio, non li alimento.Altro che presunzione...quà siamo all'onnipotenza.Il fatto che a te non te ne freghi niente di qualcosa vuol dire che non deve esistere?Ah già...tu sei il giusto......un altro unto dal signore eh?puah...
          • ilGiusto scrive:
            Re: internet libera da spazzatura
            - Scritto da: Anonimo
            Altro che presunzione...quà siamo
            all'onnipotenza.
            Il fatto che a te non te ne freghi niente di
            qualcosa vuol dire che non deve esistere?
            Ah già...tu sei il giusto......un
            altro unto dal signore eh?
            puah...Huh? :) Rilassatevi ragazzi.Mi vien da ridere a pensare che basta un semplice parere diverso dal vostro concetto di "libertà" per uscire con questi post lapidari.Eppoi, "unto dal signore"... Sei farcito di televisione a quanto pare... Spegnila e esci all'aria aperta.
          • Anonimo scrive:
            Re: internet libera da spazzatura
            - Scritto da: ilGiusto
            Huh? :) Rilassatevi ragazzi.
            Mi vien da ridere a pensare che basta un
            semplice parere diverso dal vostro concetto
            di "libertà" per uscire con questi
            post lapidari.Se dici delle vaccate poi non lamentarti delle risposte.
            Eppoi, "unto dal signore"... Sei farcito di
            televisione a quanto pare...
            Spegnila e esci all'aria aperta.In questo thread mi sembra che quello meno lucido di mente sia tu. Rileggi un po' quello che hai scritto.
        • Anonimo scrive:
          Re: internet libera da spazzatura
          Non è che il mondo è pronto per questa tecnologia, il fatto è che le opinioni di tutti devono essere liberamente dette e pubblicate. Se questo non avviene, utile o inutile che sia il sito, significa che non ci sono quelle libertà di qui tanto si parla. Poi se qualcuno gioca sporco e limita queste libertà è un altro concetto....
      • Anonimo scrive:
        Re: internet libera da spazzatura
        Chi stabilisce cosa è giusto e cosa no?Il Giusto, ovviamente!Che razza di arrogante e intollerante di idee che non collimino con le sue.Semmai fino a 10 minuti fa non sapeva cosa fosse Indymedia, ma siccome l'ha detto Landolfi...
        • ilGiusto scrive:
          Re: internet libera da spazzatura
          - Scritto da: Anonimo
          Chi stabilisce cosa è giusto e cosa
          no?
          Il Giusto, ovviamente!
          Che razza di arrogante e intollerante di
          idee che non collimino con le sue.Chi è arrogante e chi no?
    • reflection scrive:
      Re: internet libera da spazzatura
      - Scritto da: ilGiusto
      Internet è il più grande
      strumento di sviluppo che abbiamo oggi nella
      nostra civiltà, internet è
      libera di informare ma non si deve essere
      liberi di disinformare, internet non deve
      essere sporcata da siti simili, siano di
      sinistra che di destra.
      Per come la vedo io questa non è
      stata censura, questa è stata un
      opera di pulizia, al pari dello spazzino che
      toglie le foglie secche dalla strada.
      Bisognerebbe togliere questa spazzatura,
      come lo si dovrebbe fare per ogni tipo di
      propaganda politica.

      Internet è uno strumento di
      INFORMAZIONE non uno strumento di
      propaganda.E allora bandiamo la politica da Rai1, Rai2, Rai3, Canale5, Italia1 e Rete4. Ogni TG su ognuna di queste reti e' fazioso e parziale, quindi bandiamoli tutti. E togliamo la politica dal Corriere della Sera e da La Repubblica, e impicchiamo i redattori del Manifesto e de Il Giornale!Ma guarda te cosa tocca sentire.
      • ilGiusto scrive:
        Re: internet libera da spazzatura
        - Scritto da: reflection

        E allora bandiamo la politica da Rai1, Rai2,
        Rai3, Canale5, Italia1 e Rete4. Ogni TG su
        ognuna di queste reti e' fazioso e parziale,
        quindi bandiamoli tutti. E togliamo laBhè si potrebbe fare anche meglio: non ascoltiamoli più, non diamogli share.C'è un TG che non ha nulla di parziale e di fazioso è "Leonardo" il tg scientifico di rai3. Non lo caga nessuno....La vertà è che ci meritiamo ciò che abbiamo.
        • reflection scrive:
          Re: internet libera da spazzatura
          - Scritto da: ilGiusto

          - Scritto da: reflection



          E allora bandiamo la politica da Rai1,
          Rai2,

          Rai3, Canale5, Italia1 e Rete4. Ogni TG
          su

          ognuna di queste reti e' fazioso e
          parziale,

          quindi bandiamoli tutti. E togliamo la

          Bhè si potrebbe fare anche meglio:
          non ascoltiamoli più, non diamogli
          share.

          C'è un TG che non ha nulla di
          parziale e di fazioso è "Leonardo" il
          tg scientifico di rai3.
          Non lo caga nessuno....Quando andavo a scuola lo guardavo tutti i sacrosanti giorni :)
          • Anonimo scrive:
            Re: internet libera da spazzatura


            C'è un TG che non ha nulla di

            parziale e di fazioso è
            "Leonardo" il

            tg scientifico di rai3.

            Non lo caga nessuno....

            Quando andavo a scuola lo guardavo tutti i
            sacrosanti giorni :)Beh ma qui si scade nel solito discorso.... quando la gente viene intervistata per strada su cosa vorrebbero di piú dalla televisione TUTTI sono lí a pavoneggiarsi nel chiedersi piú informazione e piú documentari e cultura SALVO poi seguire in massa i vari reality show che fanno audience da paura anche se praticamente in concomitanza.E i programmi che si volevano tanto? Quattro gatti di spettatori e poi giustamente le tv li sbattono in seconda o terza serata (e come dargli torto ?).La televisione italiana é lo specchio perfetto della societá dello stivale. Guardiamo la tv per guardarci noi stessi. Se la tv é becera é perché noi siamo beceri.
        • rumenta scrive:
          Re: internet libera da spazzatura
          - Scritto da: ilGiusto

          - Scritto da: reflection



          E allora bandiamo la politica da Rai1,
          Rai2,

          Rai3, Canale5, Italia1 e Rete4. Ogni TG
          su

          ognuna di queste reti e' fazioso e
          parziale,

          quindi bandiamoli tutti. E togliamo la

          Bhè si potrebbe fare anche meglio:
          non ascoltiamoli più, non diamogli
          share.

          C'è un TG che non ha nulla di
          parziale e di fazioso è "Leonardo" il
          tg scientifico di rai3.
          Non lo caga nessuno....

          La vertà è che ci meritiamo
          ciò che abbiamo.ma LOL.... vuoi dire che ci meritiamo TE???????mi chiedo cosa posso aver fatto di così efferato nella mia vita precedente.........
    • Anonimo scrive:
      Re: internet libera da spazzatura
      - Scritto da: ilGiusto
      Internet è il più grande
      strumento di sviluppo che abbiamo oggi nella
      nostra civiltà, internet è
      libera di informare ma non si deve essere
      liberi di disinformare, internet non deve
      essere sporcata da siti simili, siano di
      sinistra che di destra.
      Per come la vedo io questa non è
      stata censura, questa è stata un
      opera di pulizia, al pari dello spazzino che
      toglie le foglie secche dalla strada.
      Bisognerebbe togliere questa spazzatura,
      come lo si dovrebbe fare per ogni tipo di
      propaganda politica.

      Internet è uno strumento di
      INFORMAZIONE non uno strumento di
      propaganda.


      ==================================
      Modificato dall'autore il 11/10/2004 11.56.56Da come la vedo io, uno che ha come nick "ilgiusto", ha gia espresso la propria personalità.Per cui è anche facile commentare: certe parole hanno il peso delle suddette foglie, ma al vento.....
      • ilGiusto scrive:
        Re: internet libera da spazzatura
        - Scritto da: Anonimo
        Da come la vedo io, uno che ha come nick
        "ilgiusto", ha gia espresso la propria
        personalità.Vedi che basta poco?Addirittura un nick...Siamo troppo presi da questa guerra di ideologie, presunzione e supponenza.Bisognerebbe essere più indifferenti a ciò che accade, sia esso buono o cattivo.Si vivrebbe meglio.
        • Anonimo scrive:
          ilgiusto: che bella filosofia di vita!
          - Scritto da: ilGiustoEd Egli, scutando la folla, disse:
          Siamo troppo presi da questa guerra di
          ideologie, presunzione e supponenza.
          Bisognerebbe essere più indifferenti
          a ciò che accade, sia esso buono o
          cattivo.
          Si vivrebbe meglio.O vate!! Il tuo Sapiente Verbo ricada sulle nostre teste opportunamente ingelatinate!più indifferenza per ciò che accade. ma sì, fottiamocene della società che ci circonda. lasciamoci guidare dalla corrente dei consumi e che il resto si fotta! bene, anche tu "ti distingui dall'uomo comune" eh? grande, bello il tuo cellulare, figo! ehi, ma questi pantaloni, toghissimi!! sballo! ma dove li hai comprati?? uau! stiloso. andiamo per locali dove c'è bella gente! vai! la coca l'hai portata?questa sì che è vita!! stiamo bene, siamo tutti felici, viviamo in un mondo perfetto. il bancomat funziona sempre. ilgiusto sei un vero fighetto trendy!Ti svelo una cosa: quella che tu credi essere la tua ragazza, beh, in realtà è un'assistente sociale.
    • giustiziadivina scrive:
      Re: internet libera da spazzatura
      - Scritto da: ilGiusto
      Internet è il più grande.........
      propaganda.Fortuna che ti firmi ilGiusto...Hai un gran senso di cio' che e' GIUSTO e della GIUSTIZIA...:s
    • fasibia scrive:
      Re: internet libera da spazzatura

      Per come la vedo io questa non è
      stata censura, questa è stata un
      opera di pulizia, al pari dello spazzino che
      toglie le foglie secche dalla strada.rogo dei libri, 10 maggio 1933.Raramente ho letto qualcuno stupido come te, caro il mio Giusto.
    • Anonimo scrive:
      Re: internet libera da spazzatura
      Mi sembri una capra, che bela e si muove in branco dove gli dice il pastore.... BEEEH BEHHH
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: internet libera da spazzatura
      - Scritto da: ilGiusto
      Internet è il più grande
      strumento di sviluppo che abbiamo oggi nella
      nostra civiltà,ciao!ne sei cosi' sicuro?e' "solo" uno strumento di comunicazione, e per lo sviluppo servono una serie di elementi. Fatti una ciotola di internet per pranzo. non so se mi spiego. < internet è
      libera di informare ma non si deve essere
      liberi di disinformare, internet non deve
      essere sporcata da siti simili, siano di
      sinistra che di destra.
      Per come la vedo io questa non è
      stata censura, questa è stata un
      opera di pulizia, al pari dello spazzino che
      toglie le foglie secche dalla strada.e questo lo chiami sviluppo ? o meglio "il piu grande strumento di sviluppo" ?LA RAMAZZA ?!?! ;)
      Internet è uno strumento di
      INFORMAZIONE non uno strumento di
      propaganda.informazione, disinformazione, propaganda e delirioperche' no? tuttoe nienteSe internet e' lo specchio del mondo.. non puo' essere privo di foglie secche. Le foglie secche le tolgono solo sulle strade di citta', il resto del paesaggio ne e' pieno. Esci dalla metropoli e te ne accorgeraie le foglie secche non sono spazzatura, cosi' come non lo e' l informazione , la propaganda, o la comunicazione in senso lato.altrimenti lo spazzino potrebbe anche arrivare a pulire questo tuo intervento... come la mettiamo ? ;) ciaoLucaS
      • ilGiusto scrive:
        Re: internet libera da spazzatura
        - Scritto da: LucaSchiavoni

        - Scritto da: ilGiusto

        Internet è il più grande

        strumento di sviluppo che abbiamo oggi
        nella

        nostra civiltà,

        ciao!
        ne sei cosi' sicuro?
        e' "solo" uno strumento di comunicazione, e
        per lo sviluppo servono una serie di
        elementi. Abbastanza sicuro, dico che internet può essere paragonato alla trasmissione radio, televisiva, all'invizione dei trasporti, ...In qualche modo e in pochissimo tempo ha cambiato il modo di vivere, lavorare e pensare.Credo che preso cosi' com'è sia un importantissimo strumento di sviluppo. Ovviamente intendo internet nel senso di veicolo informativo, non solo pagine web di tipo giornalistico.
        Fatti una ciotola di internet per pranzo.
        non so se mi spiego.Si ok, siamo d'accordo. :)
        e questo lo chiami sviluppo ?

        o meglio "il piu grande strumento di
        sviluppo" ?

        LA RAMAZZA ?!?! ;)No aspetta, non girare. Il discorso "ramazza" era per chiarire che ci sono persone che usano la tecnologia di internet per scopi propagandistici, e ciò non è bello. La propaganda è molto simile al plagio, e non vedo nulla di bello nel plagio.
        informazione, disinformazione, propaganda e
        delirio

        perche' no?
        Perchè c'è un limite a tutto, il buon senso dovrebbe essere la base di tutte le ideologie... Altro che democrazia.

        Se internet e' lo specchio del mondo.. non
        puo' essere privo di foglie secche. Le
        foglie secche le tolgono solo sulle strade
        di citta', il resto del paesaggio ne e'
        pieno. Esci dalla metropoli e te ne
        accorgeraiSempre per il discorso del buon senso: lasciare le foglie secche su una strada di un pase civilizzato vale a dire con tutta probabilità: intasare fogne, portare muffa, alimentare agenti potenzialmente pericolosi (topi, pantegane, virus, ...)Quando c'è una struttura sociale da mantere stabile bisogna per forza di cosa moderare il comportamento degli elementi di quella struttura.Certo è che se lasci le foglie fuori nel campo loro marciscono senza far danno a nessuno. Ora basta pero' con le similitudini eh :)
        altrimenti lo spazzino potrebbe anche
        arrivare a pulire questo tuo intervento...
        come la mettiamo ? ;) bhè, hai ragione, ma questo non prescinde dal buon senso.ciao
        • Luca Schiavoni scrive:
          Re: internet libera da spazzatura
          - Scritto da: ilGiusto
          Credo che preso cosi' com'è sia un
          importantissimo strumento di sviluppo.importante si, importantissimo pure.ma non "il piu grande" allora.. gia' ti sei ridimensionato. meno male. almeno su questo. sul resto invece.. le spari sempre piu grosse.
          Ovviamente intendo internet nel senso di
          veicolo informativo, non solo pagine web di
          tipo giornalistico. si ovviamente , parli con uno che naviga sicuramente da prima di te. 8)
          No aspetta, non girare.
          Il discorso "ramazza" era per chiarire che
          ci sono persone che usano la tecnologia di
          internet per scopi propagandistici, e
          ciò non è bello.perche ?e chi decide cosa e' bello e cosa no?solo avendo una visione del tutto puoi crearti il "tuo" bello ed il tuo "brutto"Per alcuni il brutto e' Raul Bova e la Marini.Per alcuni il bello e' girare nudi. Per altri il brutto e' avere bambini. Il mondo e' bello perche' e' vario, o lasciamo solo il bello "secondo alcuni" disponibile alle future generazioni?E tu un sito internet inneggiante al nazismo, o coi gatti in bottiglia, lo censureresti? So gia' la risposta. Io no. Perche' allora dovrei cancellare anche le persone ed i pensieri di chi li ha creati.Eliminarle fisicamente intendo. Tra la censura e l omicidio io non vedo nessuna differenza. E' comunque l eliminazione di qualcosa di vivo, a vantaggio di un singolo o di un gruppo. < La propaganda
          è molto simile al plagio, e non vedo
          nulla di bello nel plagio.e pensi che il plagio sparirebbe se ci fosse solo informazione come dice qualcuno, invece che la libera circolazione di tutte le idee? o forse il plagio e' proprio mandare solo "alcune" informazioni, ed eliminare le foglie secche?
          Perchè c'è un limite a tutto,
          il buon senso dovrebbe essere la base di
          tutte le ideologie... Altro che democrazia.Questo e' il tipo di frasi che puo' dire un dittatore, un mussolini, un hitler, o un fondamentalista religiosose permetti il tuo buonsenso non e' il mioe grazie al cielo
          Sempre per il discorso del buon senso:
          lasciare le foglie secche su una strada di
          un pase civilizzato vale a dire con tutta
          probabilità: intasare fogne, portare
          muffa, alimentare agenti potenzialmente
          pericolosi (topi, pantegane, virus, ...)le foglie secche non fanno danni.Hai mai visto una foglia secca trasformarsi in un topo? O trasmettere virus? Sono le fogne e i tombini progettati male a farne.Sono le citta' progettate male, incapaci di convivere con la natura circostante.. Chi vede il dito, e chi la luna. Ma almeno ti rendi conto che l italia e' rimasta al buio perche e' caduto un albero si? e il buonsenso cosa dice?di eliminare tutti gli alberi italiani cosi' non si tranciano piu' linee elettriche? boh. pop! sigh! sniff!
          bhè, hai ragione, ma questo non
          prescinde dal buon senso.buon senso, razza e morale comune.ma siiia sto punto... ciao :|LucaS==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 14.31.57
          • Anonimo scrive:
            Re: internet libera da spazzatura
            - Scritto da: LucaSchiavoni
            Hai mai visto una foglia secca trasformarsi
            in un topo?
            O trasmettere virus? Io ho visto ortaggi e vegetali vari trasformarsi in politici.
          • Anonimo scrive:
            Re: internet libera da spazzatura
            Luca mi permetto di "darti una regolata".....La libertà del singolo finisce dove inizia quella di un'altro.Se utilizzi internet o altri mezzi per offendere, diffamare, asserire (e NON "SUPPORRE" ...occhio alla differenza!) il falso contro terzi stai andando a calpestare l'altrui libertà.Nel caso specifico NON SO cosa Indymedia ha fatto (o non ha fatto), rimane il principio che la libertà NON E' ASSOLUTA e non lo potrà, amio parere giustamente, mai essere.Il singolo è libero di pensare quello che vuole e di esprimere un'OPINIONE ("credo che...", "il mio parere è....") e sempre SENZA OFFENDERE e/o "sputare" su terzi.Questa è CIVILTA' e DEMOCRAZIA. Se qualcuno (e NON mi riferisco a Indymedia, ma il discorso vale nel senso più ampio in assoluto) la fa "fuori dalla tazza" è meglio censurarlo piuttosto che dargli libertà lesive verso terzi.Non sono nessuno per decidere cosa è giusto o no, ma ho la presunzione di ritenermi abbastanza maturo (e non credo alcuni lo siano) da capire quando esprimo un'opinione con rispetto, quando lo faccio senza rispetto e quando faccio DISINFORMAZIONE (non controinformazione), dove l'INFORMAZIONE, per sua natura viene (e lo dovrebbe!) essere rappresentata come un DATO DI FATTO.... il che presume che chi la pubblica (l'informazione) "sia nel GIUSTO".So che è difficile affrontare qesti discorsi... ma qualcuno dovrebbe invece che stare a sputare veleno (tutti ne abbiamo e se tutti lo sputassimo che mondo sarebbe???) esprimesse con rabbia MA con RISPETTO le proprie idee forse certi casini non succederebbero.Ciao
          • reflection scrive:
            Re: internet libera da spazzatura
            - Scritto da: LucaSchiavoni
            Ma almeno ti rendi conto che l italia e'
            rimasta al buio perche e' caduto un albero
            si?

            e il buonsenso cosa dice?

            di eliminare tutti gli alberi italiani cosi'
            non si tranciano piu' linee elettriche? boh.
            pop! sigh! sniff!Tenendo conto che il presidente della nazione piu' potente al mondo, che sara' rieletto questo novembre, ha detto che "Bisogna abbattere gli alberi per prevenire gli incendi" direi che il tuo discorso non fa una piega.
          • Anonimo scrive:
            Re: internet libera da spazzatura
            - Scritto da: reflection
            Tenendo conto che il presidente della
            nazione piu' potente al mondo, che sara'
            rieletto questo novembre, ha detto che
            "Bisogna abbattere gli alberi per prevenire
            gli incendi" direi che il tuo discorso non
            fa una piega.che io sappia da anni gia' lo fanno anche in italiasi chiamano linee taglia fuoco nelle quali tolgono gli alberie che c'entra ? Zia
          • reflection scrive:
            Re: internet libera da spazzatura
            - Scritto da: ilGiusto
            Appunto, io intendevo internet come
            "veicolo" informativo NON come nave che
            solca le pagine web. (eppoi il "sicuramente"
            tradisce una supponenza illecita, non
            giurerei troppo sulle date...)Allora mi intrometto pure io che da un pezzetto bazzico sulla wan delle wan :)
            La visione del tutto non puoi averla (ne
            pretenderla) da informazione
            propagandistica. Ti pare?Ora, trovami nel mondo un'informazione completa.Non esiste. L'informazione non e' fatta da fatti ma da persone, quello che succede e' che ogni bit di informazione giornalistica riflettera' le visioni del suo creatore. L'unico modo per sopperire a questo e' creare il piu' ampio parco di esperienze parziali e propagandistiche e ricamarvi attorno il proprio pensiero.
            Quale di quelle che hai detto ti sembrano di
            buon senso? Sono quasi sicuro che hai dato
            le mie stesse risposte... forse una linea di
            senso comune esista...Etica ed estetica vanno a braccetto: per nessuna delle due esiste una sola lettura univoca. Per me, oltretutto, avere un bambino ora sarebbe un dramma, quindi almeno un po' rischiamo di differire, ti pare? ;)
            Spero tu non intenda il "bello" o "brutto"
            in senso grammaticale.
            Comunque si, hai ragione. La percezione del
            brutto o del bello è molto
            soggettiva, come la percezione della
            realtà di uno stupratore dopo
            tutto...Eh?
            Non andrei a vederli, quindi non avrebbero
            senso di esistere (per me, ovviamente).Ecco, e allora perche' i siti nazisti non li vai a vedere ergo non ti infastidiscono ma Indymedia si'? Coerenza?
          • Luca Schiavoni scrive:
            Re: internet libera da spazzatura
            - Scritto da: ilGiusto
            Appunto, io intendevo internet come
            "veicolo" informativo NON come nave che
            solca le pagine web. (eppoi il "sicuramente"
            tradisce una supponenza illecita, non
            giurerei troppo sulle date...)con PI collaboro dal 1996, ma ero gia' on line da un bel po. BBS e dintorni prima. Non voleva essere supponenza, volevo solo farti capire che non sono un entusiasta della Rete dell ultim ora. Sono uno di quelli che pagava bollette da un milione e 600mila lire. :|

            e chi decide cosa e' bello e cosa no?

            Di nuovo, il buon senso.il buon senso di chi? della maggioranza? il tuo ? il mio ? di un capo eletto ?qui parliamo di un sito che viene oscurato.non si parla di buon senso.si parla di censuradove c'e' la censura non c'e' il senso, ne' buono ne' cattivo.c'e' solo il silenzio, una bocca tappata.. qualsiasi cosa dica e' sempre una bocca tappataanzi. se la tappi non saprai mai cosa voleva dire.
            La visione del tutto non puoi averla (ne
            pretenderla) da informazione
            propagandistica. Ti pare?la visione del tutto puoi averla solo se leggi e vedi tutto!! ma sei la contraddizione fatta persona eh.Me le offri su un piatto d'argento. E quale quotidiano, giornale, tv, radio.. ti da la visione del tutto? nessuno! te lo da , forse, solo la somma di tutte le fonti disponibili, anche Indymedia. perche' no. e che tutto sarebbe senzaqualcosa ? un tutto .. permesso solo da sto fantomatico buon senso .. il solo "tutto" a cui viene permesso o meno. ? e che cavolo di tutto sarebbe .. il tutto senza qualcosa? un mezzo tutto ? un quasi tutto? un tuttino ? andiamo sul metafisico eh..

            E tu un sito internet inneggiante al

            nazismo, o coi gatti in bottiglia, lo

            censureresti? So gia' la risposta.

            Non andrei a vederli, quindi non avrebbero
            senso di esistere (per me, ovviamente).e invece bisogna liberare internet da altra spazzaturama sei lo stesso del primo messaggio del thread o nel frattempo hai cambiato 22 personalita' ?
            Ecchemminchia...
            Hai ragione, effettivamente la linea del
            buon senso non è percorribile.

            :( :(perche'.. per te esiste una differenza tra il reprimere un idea, e il reprimere una persona?e cosa resta di una persona quando gli togli il libero arbitrio e la possibilita' di scegliere e dire la propria?
            Credo che tu non abbia capito quello che
            intendevo...ho capito che tu giudichi qualcosa spazzatura, e la spazzatura non la vuoi vedere. anzi. levatela proprio di tornoal rogo.che poi ora vuoi rimangiarti tutto.. buon appetito..
            Comunque calma ciccio, c'è già
            troppo astio nel mondo. Non ti ci mettere
            anche tu.non accetto di essere chiamato "ciccio" da un filo censore .scusa.fra l altro la spazzatura , come nella vita reale, non puoi mai eliminarla. puoi solo spostarla da un posto all altro aspettando che marcisca. E anche se la elimini tutta non e' che il mondo diventa piu pulito, anzi. Diventa solo meno umanonoi siamo quel che mangiamo, e quel che buttiamo. E siamo noi la spazzatura.anche tu. E se tu puoi esprimere qui la tua opinione allora e' giusto che anche Indymedia, i nazisti e chiunque altro possa farlo. Altrimenti non e' piu internet, diventa "internet del buon senso"sai che palle. :|ciao!LucaSps - buon senso di chi poi ? boh. ==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 20.20.56==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 20.23.44
    • Anonimo scrive:
      Re: internet libera da spazzatura
    • Anonimo scrive:
      Il Giusto= intellettuale nuova destra
    • Anonimo scrive:
      Re: internet libera da spazzatura
      "Internet è uno strumento di INFORMAZIONE non uno strumento di propaganda".Internet è uno strumento. Punto e basta. Chi dice che non può essere utilizzato per la propaganda? Detto questo, mi pare che parlare di attentato alla libertà sia fuori luogo.A quanto pare, si tratta di fatti che hanno una rilevanza penale non proprio trascurabile. Se ospiti in casa tua persone che commettono fatti penalmente rilevanti, non puoi meravigliarti se la polizia bussa alla tua porta....Non c'è libertà senza responsabilità.
  • Anonimo scrive:
    Come al solito...
  • Anonimo scrive:
    Infami le opinioni su Nassirya
    Passi la libertà di opinione, ma l'apologia di reato e l'istigazione a delinquere vanno punite.
    • reflection scrive:
      Re: Infami le opinioni su Nassirya
      - Scritto da: Anonimo
      Passi la libertà di opinione, ma
      l'apologia di reato e l'istigazione a
      delinquere vanno punite.Abbiamo un Presidente del Consiglio che istiga al lavoro nero. Abbiamo Ministri che istigano a pulirsi il culo col tricolore.Perche' loro no e Indymedia si'? (domanda retorica)
      • Anonimo scrive:
        Re: Infami le opinioni su Nassirya
        - Scritto da: reflection

        - Scritto da: Anonimo

        Passi la libertà di opinione, ma

        l'apologia di reato e l'istigazione a

        delinquere vanno punite.

        Abbiamo un Presidente del Consiglio che
        istiga al lavoro nero. Abbiamo Ministri che
        istigano a pulirsi il culo col tricolore.

        Perche' loro no e Indymedia si'? (domanda
        retorica)la lega che ha addirittura le tv per smerdare la bandiera italiana..........
      • Anonimo scrive:
        Re: Infami le opinioni su Nassirya

        Abbiamo un Presidente del Consiglio che
        istiga al lavoro nero. Abbiamo Ministri che
        istigano a pulirsi il culo col tricolore.Dimentichi un ministro che dice: "con la mafia bisogna conviverci".
        • Anonimo scrive:
          Re: Infami le opinioni su Nassirya
          - Scritto da: Anonimo
          Dimentichi un ministro che dice: "con la
          mafia bisogna conviverci".Ci sarebbe da fare un discorso su Maastricht, Falcone e Borsellino... (avvenimenti del tutto slegati tra loro, sia chiaro... no?)
    • Anonimo scrive:
      Re: Infami le opinioni su Nassirya
      - Scritto da: Anonimo
      Passi la libertà di opinione, ma
      l'apologia di reato e l'istigazione a
      delinquere vanno punite.Ma cosa vuoi punire, con un presidente del consiglio che incita all' evasione fiscale......O che si fà fare le leggi per non finire SUBITO in galera....Ma ragiona, và .....
    • Anonimo scrive:
      Re: Infami le opinioni su Nassirya
      - Scritto da: Anonimo
      Passi la libertà di opinione, ma
      l'apologia di reato e l'istigazione a
      delinquere vanno punite.E alcuni scalmanati della lega che fanno? allora?cheddici cheddici
  • Anonimo scrive:
    [OT] Curiosità
    Ma c'è qualcuno che mi direbbe cosa intendete su sto forum come "Troll"... bazzico in parecchi posti ma è la prima volta che lo sento così usato.Visto che suppongo non vi riferiate al mostro grosso roccioso e rigenerante del fantasy :D mi è sembrato che intendeste usarlo per referenziare gli utenti pc occasionali, o sbaglio?
    • reflection scrive:
      Re: [OT] Curiosità
      - Scritto da: Anonimo
      Ma c'è qualcuno che mi direbbe cosa
      intendete su sto forum come "Troll"...
      bazzico in parecchi posti ma è la
      prima volta che lo sento così usato.

      Visto che suppongo non vi riferiate al
      mostro grosso roccioso e rigenerante del
      fantasy :D mi è sembrato che
      intendeste usarlo per referenziare gli
      utenti pc occasionali, o sbaglio?Dicasi Troll un essere che come il sottoscritto e' legato alle sue idee in maniera quasi rugginosa e testarda.
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] Curiosità
      - Scritto da: Anonimo
      Ma c'è qualcuno che mi direbbe cosa
      intendete su sto forum come "Troll"...
      bazzico in parecchi posti ma è la
      prima volta che lo sento così usato.

      Visto che suppongo non vi riferiate al
      mostro grosso roccioso e rigenerante del
      fantasy :D mi è sembrato che
      intendeste usarlo per referenziare gli
      utenti pc occasionali, o sbaglio?Il termine è più ampio.Ha anche il valore di "stupido testone", nell' eccezione di uno che parla di cose che non conosce, come se le conoscesse.Hai presente il carattere e l' intelligenza di un troll ????
      • Anonimo scrive:
        Re: [OT] Curiosità

        Ha anche il valore di "stupido testone",
        nell' eccezione di uno che parla di cose che
        non conosce, come se le conoscesse.
        Hai presente il carattere e l' intelligenza
        di un troll ????Lol ho compreso il paragone. Grazie per aver soddisfatto la mia curiosità.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Quelo
    - Scritto da: Avion

    Sito disgustoso.

    Indipendenti? Forse (forse)

    economicamente, ma è una

    discarica di delirii, notizie più

    tendenziose di quelle cui vorrebbero

    opporsi...

    Quello che sfugge a te, come ad altri,
    è che nei paesi democratici chiunque
    dovrebbe avere il diritto di esprimere le
    proprie idee, anche se scomode, o persino
    errate se così la vuoi mettere. E'
    una questione di principio.

    Altrimenti spiegami perchè dovremmo
    essere meglio dei regimi che contestiamo e
    dove mandiamo i soldati.

    In pratica siamo al "reato d'opinione". Come
    ha detto qualcuno, a forza di esportare
    democrazia stiamo rimanendo senza...una cosa è fare informazione, un'altra è fare i processi senza gli imputati e i loro avvocati, abusando della propria visibilitàquesta è la caratteristiche che contraddistingue questo generei di brigatisti dell'informazione
    • Anonimo scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Anonimo
      Come

      ha detto qualcuno, a forza di esportare

      democrazia stiamo rimanendo senza...

      una cosa è fare informazione,
      un'altra è fare i processi senza gli
      imputati e i loro avvocati, abusando della
      propria visibilitàEh, già. Un pò come fanno i giornali italiani, tipo quello di Bologna, che linciano al grande pubblico chiunque pur di vendere ( vedi caso dei "bambini di satana" ).Se ho ben capito, tu intendi che l' informazione è santa, tranne quella che critica il governo e i suoi strumenti..... come si chiama? Imparzialità ? ..... certo, certo .....

      questa è la caratteristiche che
      contraddistingue questo generei di
      brigatisti dell'informazioneQuesto modo di ragionare, accusando implicitamente di terrorismo chi và contro, mi sembra faziosa e scarsa.Di obiettività storica.
  • Anonimo scrive:
    Indymedia server a Londra ???
    Rimango stupito del fatto che Indymedia utilizzasse un provider USA con sede a Londra.E' come allevare galline nella tana della volpe , non vi pare ??ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Indymedia ?!
    si così ci schedano come i due poliziotti....avevo già sentito parlare dell'abitudine di certaparte politica di fotografare o filmare le personeper poi aspettarle sotto casa....come la peggiore squadraccia da ventennio!!!!
  • grassman scrive:
    Italia come la Cina, o peggio?
    Non so se qualcuno ha visitato il sito Indymedia. Io si, costantemente.Si tratta di un sito schierato, ma è un reato?Oggi forse si. Adesso dicono se sul forum erano apparsi messaggi offensivi nei confronti degli EROI di nassirja.Possibile che se un troll scrive minchiate su un sito allora il sito va chiuso?Se domani succedesse lo stesso a PI per quello che scrive qualche troll (e ce ne sono non pochi) su questo sito, sarebbe giusto?La scienza ha tirato fuori un sistema di comunicazione economico, globale e democratico. Ai politici non va bene, e dopo la demonizzazione arriva la vera e propria guerra. Su tutti i fronti.Addio mia amata libertà.
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia come la Cina, o peggio?
      - Scritto da: grassman
      Non so se qualcuno ha visitato il sito
      Indymedia.
      Io si, costantemente.

      Si tratta di un sito schierato, ma è
      un reato?
      Oggi forse si.

      Adesso dicono se sul forum erano apparsi
      messaggi offensivi nei confronti degli EROI
      di nassirja.
      Possibile che se un troll scrive minchiate
      su un sito allora il sito va chiuso?
      Se domani succedesse lo stesso a PI per
      quello che scrive qualche troll (e ce ne
      sono non pochi) su questo sito, sarebbe
      giusto?

      La scienza ha tirato fuori un sistema di
      comunicazione economico, globale e
      democratico. Ai politici non va bene, e dopo
      la demonizzazione arriva la vera e propria
      guerra. Su tutti i fronti.

      Addio mia amata libertà.GIUSTISSIMO!!!Quella dei messaggi offensivi contro i soldati di Nassirja è soltanto una scusa mediocre, ( già utilizzata per sminuire la manifestazione avvenuta durante la visita di Bush a Roma ). Se un per colpa di un Troll o molti Troll va oscurato un sito, allora ne vanno oscurati molti!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia come la Cina, o peggio?
      - Scritto da: grassman
      Non so se qualcuno ha visitato il sito
      Indymedia.
      Io si, costantemente.Pure io......
      Si tratta di un sito schierato, ma è
      un reato?No, anche se (personalmente) non condivido i modi con cui si esprimono le idee in quel sito
      Adesso dicono se sul forum erano apparsi
      messaggi offensivi nei confronti degli EROI
      di nassirja.Non erano EROI, erano ragazzi come me e te che sono morti. Si può condividere o meno le scelte di vita e le idee degli altri, ma di fronte alla morte ci vorrebbe un po' di umano rispetto, tutto qui, cosa che su Indy è mancato in tutto e per tutto
      Possibile che se un troll scrive minchiate
      su un sito allora il sito va chiuso?Non nascondiamoci dietro a un dito, quella dei troll è una scusa...... Qui su PI vengono spostati quasi subito, su Indy non accade, tutto qui............
      La scienza ha tirato fuori un sistema di
      comunicazione economico, globale e
      democratico. per usi militari, non dimentichiamocelo
      Addio mia amata libertà.No, non credo..... Il fatto che siamo qui a discuterne con diversi punti di vista dimostra che non è così
      • Anonimo scrive:
        Re: Italia come la Cina, o peggio?
        -

        Adesso dicono se sul forum erano apparsi

        messaggi offensivi nei confronti degli
        EROI

        di nassirja.

        Non erano EROI, erano ragazzi come me e te
        che sono morti. Si può condividere o
        meno le scelte di vita e le idee degli
        altri, ma di fronte alla morte ci vorrebbe
        un po' di umano rispetto, tutto qui, cosa
        che su Indy è mancato in tutto e per
        tuttoGli eroi non esistono piu' , ce li presentano come tali per comodita';pensate a come e' stato trattato il povero Baldoni, colpevole solo di essere dichiaratamente della parte politica opposta..........Se questo e' il rispetto che hanno questi signori per la vita allora non sono migliori di quelli che su Indymedia inveivano........
        • Anonimo scrive:
          Re: Italia come la Cina, o peggio?
          - Scritto da: Anonimo
          Gli eroi non esistono piu' , ce li
          presentano come tali per comodita';
          pensate a come e' stato trattato il povero
          Baldoni, colpevole solo di essere
          dichiaratamente della parte politica
          opposta..........
          Se questo e' il rispetto che hanno questi
          signori per la vita allora non sono migliori
          di quelli che su Indymedia inveivano........Tra i TG che li definiscono eroi e Indy che li definisce merde c'è un largo spazio di discussione..... Non riesco ad avere una visione così manichea della vita, non venitemi a dire che tutto ciò che c'è su Indymedia è giusto e condivisibile (così come non lo è per la maggior parte dei mass media)Io ho paura di questa continua estremizzazione di qualsiasi evento della nostra vita. Ascoltare grida di dolore per "lesa libertà" quasi tutti i giorni, rischia di banalizzare il concetto stesso di libertà
    • ilGiusto scrive:
      Re: Italia come la Cina, o peggio?
      - Scritto da: grassman
      Non so se qualcuno ha visitato il sito
      Indymedia. ahimè si...

      Si tratta di un sito schierato, ma è
      un reato?Non si tratta solo di schieramento... stai parlando di un sito che è paragonabile ad uno di propaganda nazista (skin, ...).Tu lo appoggieresti un sito nazi?Certo si puo' dire "ogniuno è libero di scrivere ciò che vuole", ma è vero anche che ogniuno è libero finchè non lede la libertà di qualcun altro...

      La scienza ha tirato fuori un sistema di
      comunicazione economico, globale e
      democratico. La scienza finanziata da capitali militari.
      Ai politici non va bene, e dopoQuesto si... E' vero che per i politici la "libertà" è una restrizione del loro potere...Per questo non dovrebbe esistere neanche un solo sito che faccia propaganda politica, almeno per non alimentarla.
      • Incubus scrive:
        Re: Italia come la Cina, o peggio?
        - Scritto da: ilGiusto

        Si tratta di un sito schierato, ma
        è

        un reato?

        Non si tratta solo di schieramento... stai
        parlando di un sito che è
        paragonabile ad uno di propaganda nazista
        (skin, ...).
        Tu lo appoggieresti un sito nazi?Non conosco tale sito quindi non ne posso accennare. Ma secondo te i siti di propoganda nazista vengono chiusi?La lega fa tantissime cose a sfondo razzista, violando anche delle leggi, altri inneggiano al fascismo (vietato nella costituzione per altro) Fanno qualcosa per chiudere questi?
        • Anonimo scrive:
          Re: Italia come la Cina, o peggio?
          Bella democrazia.... perchè inneggiare al fascismo è reato e inneggiare al comunismo come fanno sempre i soliti cani dei centri sociali con le bandiere del Che ( un assassino ) è permesso?se questa è libertà....
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia come la Cina, o peggio?
      Mi trovi d'accordo tranne sul titolo (fin troppo provocatorio)
    • Anonimo scrive:
      Re: Italia come la Cina, o peggio?
      io credi che se un idiota applaudisse all'attentanto contro i nostri soldati su Punto Informatico verrebbe cancellato il topic ...ma su indymedia è rimasto ben in evidenza con l'approvazione di tutti i militanti dei centri sociali che concordavano...E' tutto un altro discorso sai.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma Landolfi...
    - Scritto da: Anonimo
    anche io provo giubilo se un tizio con un
    passmontagna assale una camionetta con un
    estintore in mano e si becca una pallottolaChe dire ... speriamo che in un secondo tempo risulti essere tuo figlio.
  • Lamb scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"

    Spero che non sia censura su PI, ma un
    involontario errore.Ciaomi sembra davvero incredibile, se e' successo mi dispiace moltissimo, veramente non so che dire, ovviamente il T-1000 non cancella nulla senno' gli reinnestiamo il chip emozionale. Passo comunque la cosa a Zanzibar perche' dia un occhio.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    Mi piacerebbe sapere perchè sono stati CANCELLATI e non spostati i nostri due post successivi, tenendo conto che erano estremamente civili e discorsivi, senza offese e di carattere oggettivamente corretto.Spero che non sia censura su PI, ma un involontario errore.Gradirei una risposta.Grazie
  • reflection scrive:
    Re: Indymedia ?!
    ... e imparate anche a mostrare i vostri nomi e cognomi se non avete paura di dire quello che pensate, codardini di staceppa.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: mr_setter
    - Scritto da: Avion

    Dovrebbero cancellare quel sito,
    è un

    rifugio di pazzoidi.

    Voltaire: "Non sono d'accordo con te ma
    darei la mia vita perchè tu possa
    sempre esprimere ciò che pensi!"

    (troll)eheheheheh... quoto al 100%
  • fabianope scrive:
    avete fatto bene....
    ...e visto che siete cosi' bravi, dopo aver scongiurato il pericolo di una nuova tenebrosa et sovversiva "dittatura del proletariato" passate ora a beccare quelli che diffondono le immagini di civili sgozzati in Iraq e piu' o meno legati ad osama (no, state attenti: non quello dei penarelli!) ed i siti pedofili di cui sono zeppi certi paesi come ad esempio le ex-terre dello zar, che non hanno ancora neanche una legislazione anti-pedofilia (ma i cui capi di stato sono stimatissimi dal ns. stimatissimo premier!!)BUON LAVORO!!!
  • Anonimo scrive:
    Libertà? ma cosa blaterate?
    Se c'è di mezzo la politica in un sito allora la libertà l'ha già bruciata sul nascere, Internet non è nato per queste schifezze ovvero propaganda, cinismo e maleducazione, sia che provongano da destra che da sinistra. Qualcuno crede che Internet sia terra di nessuno, il far-west digitale, ma non è così, abbiate il coraggio di parlare e battervi per le vostre idee nelle piazze del vostro paese senza nascondervi in qualche server in giro per il mondo.
    • reflection scrive:
      Re: Libertà? ma cosa blaterate?
      - Scritto da: Anonimo
      Se c'è di mezzo la politica in un
      sito allora la libertà l'ha
      già bruciata sul nascere, Internet
      non è nato per queste schifezze
      ovvero propaganda, cinismo e maleducazione,
      sia che provongano da destra che da
      sinistra. Qualcuno crede che Internet sia
      terra di nessuno, il far-west digitale, ma
      non è così, abbiate il
      coraggio di parlare e battervi per le vostre
      idee nelle piazze del vostro paese senza
      nascondervi in qualche server in giro per il
      mondo.E allora i quotidiani sono nati per cosa? E la televisione?I mezzi di informazione nascono per informare. Internet ha un approccio diverso da ogni altro mezzo di informazione, ed ogni medium ha un approccio a se'.Internet non e' nato per fare propaganda in effetti, ma per essere piu' efficienti da un punto di vista bellico. Se ti piace allora scarichiamo tutti un programma per fare grid e aiutare il pentagono, cosi' lo riportiamo all'origine...
      • Anonimo scrive:
        Re: Libertà? ma cosa blaterate?


        E allora i quotidiani sono nati per cosa? E
        la televisione?
        Tutti mezzi che riportano chiaramente il nome dei responsabili e dei giornalisti
        I mezzi di informazione nascono per
        informare. Internet ha un approccio diverso
        da ogni altro mezzo di informazione, ed ogni
        medium ha un approccio a se'.
        Ne sono certo, il fatto che contesto è che se il mezzo non registra (diciamo pure che maschera) chi scrive gli articoli allora mi sembra più un passamontagna per giornalisti che un luogo dove esporre le proprie idee con responsabilità, da qui deriva il mio invito ad andare nele piazze che voleva suonare più come un "metteteci la vostra faccia", non come non usate più internet, televisione e giornali.
        Internet non e' nato per fare propaganda in
        effetti, ma per essere piu' efficienti da un
        punto di vista bellico. Se ti piace allora
        scarichiamo tutti un programma per fare grid
        e aiutare il pentagono, cosi' lo riportiamo
        all'origine...Internet nasce come mezzo di comunicazione non come terra di nessuno dove si può tirare il sasso e nascondere la mano. Quello che mi infastidisce è l'affermazione "censurare/oscurare va contro lo stesso senso di Internet dove le informazioni girano libere..." ma chi l'ha detto? ma dove è scritto? c'è una RFC a riguardo? si è confuso uno spazio non ancora regolamentato come un luogo dove fare quello che si vuole, ma non è vero, non è così. Anche la parola è libera, anche l'etere con le sue onde radio e la televisione è libero ma ci sono regole e responsabilità per chi le utilizza.A me non frega nulla che il sito oscurato sia di destra o di sinistra e non so neppure se sia stato legittimo o no, non sono a favore della censura e sostengo la libertà di parola, quello che contesto è l'associazione di Internet ad una filosofia anarchica, chi crede che lo sia prenderà batoste come questa, forse a torto, forse a ragione, ma almeno si imparerà ad essere responsabili delle proprie azioni.
        • reflection scrive:
          Re: Libertà? ma cosa blaterate?
          - Scritto da: Anonimo




          E allora i quotidiani sono nati per
          cosa? E

          la televisione?



          Tutti mezzi che riportano chiaramente il
          nome dei responsabili e dei giornalistiE quindi stare ad ascoltare un simpatico anonimo come te e' cosa sbagliata. Vedro' di tenerne conto.
          Ne sono certo, il fatto che contesto
          è che se il mezzo non registra
          (diciamo pure che maschera) chi scrive gli
          articoli allora mi sembra più un
          passamontagna per giornalisti che un luogo
          dove esporre le proprie idee con
          responsabilità, da qui deriva il mio
          invito ad andare nele piazze che voleva
          suonare più come un "metteteci la
          vostra faccia", non come non usate
          più internet, televisione e giornali.Ripeto, tu che non ti logghi allora chi sei? Solo perche' PI registra il tuo IP ti senti nel giusto?
          Internet nasce come mezzo di comunicazione
          non come terra di nessuno dove si può
          tirare il sasso e nascondere la mano. Quello
          che mi infastidisce è l'affermazione
          "censurare/oscurare va contro lo stesso
          senso di Internet dove le informazioni
          girano libere..." ma chi l'ha detto? ma dove
          è scritto? c'è una RFC a
          riguardo? si è confuso uno spazio non
          ancora regolamentato come un luogo dove fare
          quello che si vuole, ma non è vero,
          non è così. Anche la parola
          è libera, anche l'etere con le sue
          onde radio e la televisione è libero
          ma ci sono regole e responsabilità
          per chi le utilizza.

          A me non frega nulla che il sito oscurato
          sia di destra o di sinistra e non so neppure
          se sia stato legittimo o no, non sono a
          favore della censura e sostengo la
          libertà di parola, quello che
          contesto è l'associazione di Internet
          ad una filosofia anarchica, chi crede che lo
          sia prenderà batoste come questa,
          forse a torto, forse a ragione, ma almeno si
          imparerà ad essere responsabili delle
          proprie azioni.Insisto carissimo, Internet nasce a fine anni '60 come network rudimentale che connette le basi americane sparse per il territorio in modo da scambiare dati piu' efficaciamente. Si chiamava Arpanet al tempo. Se un luogo e' soggetto a regole, non e' libero, per dicotomia caro il mio Anonimo di Lusso.Se tu fossi un po' meno ottusangolo noteresti come Internet e' una rappresentazione digitale della realta' in cui viviamo. C'e' C'e' lo shopping, c'e' la fornitura di servizi, c'e' la comunicazione mainstream, e c'e' quella indipendente. E come nella realta' la comunicazione indipendente e' soffocata.I centri sociali, come li vedi? Sono dei luoghi di "anarchia", visto che sono spesso deregolamentati ed auto-regolamentati, ma sono una realta' che funziona e sono comunque luoghi chiusi che non danno fastidio a nessuno dove esprimersi. Nessuno ti obbliga a visitare i siti che si regolamentano come pare a loro, questo e' il vero potere della rete rispetto la televisione.You decide.E invece qualcuno vuole decidere per noi.
    • mra scrive:
      Re: Libertà? ma cosa blaterate?
      Il fatto è che, grazie alla rapida diffusione che ha avuto, il WWW ormai è finito con prepotenza sotto gli occhi dello stesso tipo di cultura nella quale circolavano stampa e televisione, che lo vede come "terra di conquista" per il modo di agire che ha avuto sui (più facili da controllare) media precedenti...E' quindi più che normale che voglia estendere anche su questo mezzo il sistema di leggi, controlli e regolamentazioni che ha adottato fin'ora. E episodi come questo, non discuto qui se giusti o sbagliati che possano essere, paiono quantomeno "prevedibili" in questo clima...Ma per la sua stessa natura. il Web non è facile da imbrigliare, e soprattutto sembra mettere in crisi il limite più grosso del "vecchio sistema", il suo essere strettamente dipendente dalla terraferma e dai suoi confini. Il WWW vola, e le leggi sono a piedi, e la massiccia e lenta macchina burocratica ce la sta mettendo tutta per corrergli dietro, ma pare arrancare... che sia la volta buona per una bonifica nella palude stagnante del "vecchio ordinamento" di idee?==================================Modificato dall'autore il 12/10/2004 10.02.11
  • reflection scrive:
    Re: Ma Landolfi...
    - Scritto da: Anonimo
    Secondo post intelligente.
    Assalire un militare comporta delle
    conseguenze.Signori, se sapete solo che "un tizio in passamontagna stava tirando un estintore su una camionetta ed e' stato colpito per autodifesa" andatevi a studiare come sono andate le cose.E' vero che quel che dite e' successo, ma almeno realizzate perche' prima di dare fiato alle vostre fornaci dell'oblio. Sono stati messi ragazzi senza un filo d'esperienza a bordo di quei blindati, sono stati dotati di pistole che erano terrorizzati ad usare perche' inesperti. I proiettili di gomma? Mistero della fede (e se pensate che le rubber bullet non fanno nulla, vi invito a prenderne una su di una gamba).Ergo scendete dal piedistallo ed informatevi. Si chiama punto-informatico, non punto-disinformatico.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma Landolfi...
      - Scritto da: reflection

      - Scritto da: Anonimo

      Secondo post intelligente.

      Assalire un militare comporta delle

      conseguenze.

      Signori, se sapete solo che "un tizio in
      passamontagna stava tirando un estintore su
      una camionetta ed e' stato colpito per
      autodifesa" andatevi a studiare come sono
      andate le cose.
      E' vero che quel che dite e' successo, ma
      almeno realizzate perche' prima di dare
      fiato alle vostre fornaci dell'oblio.

      Sono stati messi ragazzi senza un filo
      d'esperienza a bordo di quei blindati, sono
      stati dotati di pistole che erano
      terrorizzati ad usare perche' inesperti. Si deve quindi desumere che degli agenti esperti avrebbero dovuto restarsene tranquilli a farsi spappolare la testa a colpi d'estintore anziche sparare ad un delinquente.
      I proiettili di gomma? Mistero della fede (e
      se pensate che le rubber bullet non fanno
      nulla, vi invito a prenderne una su di una
      gamba).

      Ergo scendete dal piedistallo ed
      informatevi. Si chiama punto-informatico,
      non punto-disinformatico.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma Landolfi...
        - Scritto da: Anonimo
        Si deve quindi desumere che degli agenti
        esperti avrebbero dovuto restarsene
        tranquilli a farsi spappolare la testa a
        colpi d'estintore anziche sparare ad un
        delinquente.
        Si deve desumere che un agente esperto si sarebbe accorto di quello che succedeva, ed avrebbe agito in modo diverso.Per esempio scendendo e sparando in aria.Oppure, appena avuto sentore di quello che stava per succedere si sarebbero spostati.Ma due garzoncelli di 20' anni con la pistola, probabilmente non avrebbero ragionato. E basta.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma Landolfi...
    - Scritto da: Anonimo
    anche io provo giubilo se un tizio con un
    passmontagna assale una camionetta con un
    estintore in mano e si becca una pallottolaio non provo mai giubilo quando qualcuno si becca una pallotola, è questa la differenza tara me e te: tale è e tale rimarrà, invalicabile.Vergognati delle tue parole.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma Landolfi...
    Secondo post intelligente.Assalire un militare comporta delle conseguenze.
  • Metamondo scrive:
    Attentato alle libertà digitali
    http://metamondo.iobloggo.com/archive.php?blogid=4019&eid=2767677Le parole del brano/video/manifesto Metamondo sono sempre più attuali (www.metamondo.org)Questo sequestro fa impallidire i precedenti post sull'argomento 'libertà e censura': non consegnamo le chiavi della Rete, p2p 451, spammageddon e Usa....«Aver oscurato il sito è stata una cosa buona e giusta: non si trattava di controinformazione, ma di un sito che sputava fango e veleno» dice AN.Io non sono comunista, tuttavia lo considero un atto terroristico nei confronti del Metamondo.Sono spariti 300GB di dati e sono state sequestrate le parole di migliaia di persone.Manca solo la richiesta di riscatto e la consegna alla CNN del video con la decapitazione delle testine degli hard-disk...
    • Anonimo scrive:
      Re: Attentato alle libertà digitali
      su INDYMEDIA venivano pubblicate foto di ragazzi militanti in partiti di destra con l'incitamento al pestaggio ....Ma ti sembra che si possa parlare di libertà digitale? Non esiste in nessuna costituzione la libertà digitale
  • Anonimo scrive:
    Indymedia ?!
    Credo siano fra le fonti più faziose di informazione, e rimbambiscono tanti giovani portandoli a cercare le cause delle loro sfighe negli altri cattivi, quando invece togliendosi la paglia dal fondoschiena si raggiungono risultati impensabili.Insomma il lavoro è proprio una bella cosa, però bisogna avere voglia di faticare, cosa non facile per certi ragazzi.Quello che è successo a Genova lo abbiamo visto tutti, uno si deve fare massacrare dai loro amici pacifisti (armati di spranghe) per non essere un violento e pericoloso assassino carabiniere.Il materiale fazioso si ricrea, ne hanno a tonnellate, la faziosità delle loro idee c'è sempre, il danno è recuperabile per la parte mediatica, mentre invece le facoltà intellettive non c'è nulla da fare, sono così e rimangono così, d'altronde la vita è la loro e la possono buttare al vento credendo alle loro favolette, se così credono... liberi....
    • reflection scrive:
      Re: Indymedia ?!
      - Scritto da: Anonimo
      Quello che è successo a Genova lo
      abbiamo visto tutti, uno si deve fare
      massacrare dai loro amici pacifisti (armati
      di spranghe) per non essere un violento e
      pericoloso assassino carabiniere.Una mia amica era a Genova, e faceva parte di una manifestazione non-violenta. Tutti stesi per terra. I carabinieri sono arrivati, hanno intimato di alzarsi a tutti quanti, che non si sono mossi per protesta.Risultato: e' tornata a casa con un occhio nero e diverse contusioni.Poi non conosco nessuno che era nella scuola Diaz, ma voi cari pseudo-uomini non vi interessate di cosi' tanta pochezza, tanto vi piace conoscere solo la parte di storia che fa comodo a voi.Andate a vergognarvi e imparate a tenere chiuso quel forno di castronerie, please.
    • Anonimo scrive:
      Re: Indymedia ?!
      - Scritto da: Anonimo
      Credo siano fra le fonti più faziose
      di informazione, e rimbambiscono tanti
      giovani portandoli a cercare le cause delle
      loro sfighe negli altri cattivi, quando
      invece togliendosi la paglia dal
      fondoschiena si raggiungono risultati
      impensabili.
      Insomma il lavoro è proprio una bella
      cosa, però bisogna avere voglia di
      faticare, cosa non facile per certi ragazzi.

      Quello che è successo a Genova lo
      abbiamo visto tutti, uno si deve fare
      massacrare dai loro amici pacifisti (armati
      di spranghe) per non essere un violento e
      pericoloso assassino carabiniere.

      Il materiale fazioso si ricrea, ne hanno a
      tonnellate, la faziosità delle loro
      idee c'è sempre, il danno è
      recuperabile per la parte mediatica, mentre
      invece le facoltà intellettive non
      c'è nulla da fare, sono così e
      rimangono così, d'altronde la vita
      è la loro e la possono buttare al
      vento credendo alle loro favolette, se
      così credono... liberi....Uè ciccio pasticcio, guarda che se non l'hai ancora capito qui non è in discussione l'opinione sul contenuto di Indymedia, può piacere oppure no, ma in entrambe in casi si aggiunge un automatico "chissenefrega". Questo perchè una vera discussione nel merito riguarda la liceità del sequestro dei loro hard disk, a prescindere da ogni filtro ideologico, cosa che a quanto pare la tua scarsa onestà intellettuale(?) non ti permette di intraprendere. E poi, francamente è ora di finirla con questa presunta libertà a delinquere dei siti web di cui Stanca si fa porta bandiera. Poche balle, esistono le querele, e se nessuno ne ha mai sporta alcuna nei confronto di indymedia significa che quanto riportato non era sufficientemente lesivo l'onore e la reputazione dei loro protagonisti. Detto questo, lascio al solo pubblico ludibrio la digressione in merito alle presunte "facoltà intellettive" che tiri in ballo alla fine, leggere commenti del genere mi fa stare meglio.
  • gerry scrive:
    Re: Censura, democrazia, buon senso
    - Scritto da: pinguinello
    E qui ti volevo............
    Il fatto è che l'informazione
    è di per se faziosa, non si riportano
    più fatti ed opinioni, ma la notizia
    serve a portare il lettore dalla parte dello
    scrittore. Non c'è nessuno metodo scientifico per sapere se quello che ti sta di fornte dice (o scrive) la verità.In questa ottica ci sono solo due modi di agire (a mio avviso). O permetti a chiunque di decidere per se stesso secondo la sua coscienza oppure deleghi a qualcuno o qualcosa d'altro il compito di eliminare le falsità, secondo criteri stabiliti.Io mi domando se sia utile proteggere il cittadino dalle bugie o se sia meglio cercare di insegnarli a difendersi da solo.
  • pipo scrive:
    Ma lo storico esiste sempre!
    Se provate ad andare al sito di archivio storico di internet http://www.archive.org/web/web.php troverete molto di quello che è stato sequestrato
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma lo storico esiste sempre!
      - Scritto da: pipo
      Se provate ad andare al sito di archivio
      storico di internet
      www.archive.org/web/web.php troverete molto
      di quello che è stato sequestrato Io invece mi rifiuto di pensare che la gente di Indymedia sia talmente incapace e sprovveduta da non avere da qualche parte un opportuno backup.
  • Haran_Banjo scrive:
    Casa delle Libertà
    "" Da destra Mario Landolfi (portavoce di Alleanza Nazionale) ha fatto sapere di ritenere l'oscuramento "cosa buona e giusta: non si trattava di controinformazione, ma di un sito che sputava fango e veleno, pieno di oscenità". ""Ha parlato Gesù Cristo, che può giudicare cosa devo vedere/sapere e cosa no.... del resto, abbiamo a capo del governo (con la "g" minuscola) uno che è stato mandato dal Signore....L'unica cosa che SECONDO ME (se qualcun altro la pensa diversamente, 'azzi suoi) è da distruggere è la pedofilia e roba simile... per il resto, censurare in questo modo è solo roba da dittatori di paesi del terzo mondo quale in effetti siamo. W Berluscazz, W la libertà d'opinione! :'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Casa delle Libertà
      Caro On.Mario Landolfi, censurate i siti con contenuti pedofili, quelli sono delle vere oscenità!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Casa delle Libertà
        - Scritto da: Anonimo
        Caro On.Mario Landolfi, censurate i siti
        con contenuti pedofili, quelli sono delle
        vere oscenità!!!Indymedia non era meglio......hanno fatto bene a chiuderli
        • Alessandrox scrive:
          Non era meglio?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Caro On.Mario Landolfi, censurate i
          siti

          con contenuti pedofili, quelli sono
          delle

          vere oscenità!!!

          Indymedia non era meglio......hanno fatto
          bene a chiuderliIo non conosco Indymedia ne i suoi contenuti ma in un paese DEMOCRATICO dovrebbe essere PERLOMENO CHIARO E LIMPIDO il motivo per cui si effettua un sequestro.Ma siccome questa chiarezza non c'e assolutamente. Non basta dire "era un sito che sputava fango ecc. ecc."... perche' allora si puo' dire di chiunque per qualsiasi futile motivo e condannarlo al sequestro e alla censura.TU che sembri tanto convinto sapresti spiegarmi PERCHE'' il sito di Indymedia e' stato sequestrato? Che reato ha commesso? Cosa avrebbe fatto di tanto male?Aspetto una risposta
          • Anonimo scrive:
            Re: Non era meglio?
            - Scritto da: Alessandrox

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo


            Caro On.Mario Landolfi, censurate
            i

            siti


            con contenuti pedofili, quelli sono

            delle


            vere oscenità!!!



            Indymedia non era meglio......hanno
            fatto

            bene a chiuderli

            Io non conosco Indymedia ne i suoi contenuti
            ma in un paese DEMOCRATICO dovrebbe essere
            PERLOMENO CHIARO E LIMPIDO il motivo per cui
            si effettua un sequestro.Beh, il sequestro è stato fatto in Inghilterra dove la legge è appunto questa. In Italia normalmente quando uno viene arrestato viene anche sputtanato sulla pubblica piazza. Poi magari viene scagionato con mille scuse, ma lo sputtanamento rimane. In tutta franchezza non so cosa sia meglio...
          • Alessandrox scrive:
            Re: Non era meglio?
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Alessandrox



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            Caro On.Mario Landolfi,
            censurate

            i


            siti



            con contenuti pedofili,
            quelli sono


            delle



            vere oscenità!!!





            Indymedia non era meglio......hanno

            fatto


            bene a chiuderli



            Io non conosco Indymedia ne i suoi
            contenuti

            ma in un paese DEMOCRATICO dovrebbe
            essere

            PERLOMENO CHIARO E LIMPIDO il motivo
            per cui

            si effettua un sequestro.

            Beh, il sequestro è stato fatto in
            Inghilterra dove la legge è appunto
            questa. In Italia normalmente quando uno
            viene arrestato viene anche sputtanato sulla
            pubblica piazza. Poi magari viene scagionato
            con mille scuse, ma lo sputtanamento rimane.
            In tutta franchezza non so cosa sia
            meglio...Cioe' fammi capire....vorresti dire che nel nostro paese la LEGGE dice che si puo' essere accusati e condannati senza ne prove ne processi ma solo sula base di voci e indizi?A prescindere dal fatto che spesso e volentieri le leggi non vengono rispettate nemmeno da chi dovrebbe farle rispettare... (ma questo e' un'altro discorso) sei sicuro di quello che affermi?
  • samu scrive:
    politica e web
    che bello! chiudono il sito di un tizio perche' il nome del dominioera www.porcamad***a.com e nessuno dice niente.Toccano indymedia, poco indipendente e molto politico e subito partono interrogazioni parlamentari a destra e a manca. La sx indignata a priori, la dx soddisfatta a priori, la massa beota che sparla, ma di fatto ancora non si sanno i motivi ufficialidel sequestro, per cui credo che prima di iniziare ad urlare alla censura sarebbe il caso di sapere perche' e' successo.p.s. ai webmaster di indymedia : si sa che le operazioni della polizia sono rozze e imprecise e comunque si sa che esiste il pericolo di crash dei dischi; tenere una copia di backup dei siti e delle configurazioni no eh ? che incompetenti
    • Anonimo scrive:
      Re: politica e web

      perche' il nome del dominio
      era www.porcamad***a.com e nessuno dice
      niente.senti furbo la bestemmia è reato e pertanto non poteveno che fargli cambiare nome al sito, se indymedia aveva dei contenuti illegali era sufficiente notificare loro dell'obbligo di togliere quei contenuti e poi eventualmente imporne il sequestro, sequestrare tutto e chiaramente un abusoricomincia dall'asilo che ti conviene
      • Anonimo scrive:
        Re: politica e web
        informarsi prima di postare: la bestemmia e' reato IN ITALIA il sito era in USA e il DNS credo in slovacchia registrati sotto generalita' inesistenti ma la polpost ha controllato il numero da cui veniva uploadato il contenutopoi che la home page col trans vestito da suora che si ficcava dietro il crocefisso fosse di cattivo gusto e' un' altra cosa...- Scritto da: Anonimo

        perche' il nome del dominio

        era www.porcamad***a.com e nessuno dice

        niente.

        senti furbo la bestemmia è reato e
        pertanto non poteveno che fargli cambiare
        nome al sito,
        se indymedia aveva dei contenuti illegali
        era sufficiente notificare loro dell'obbligo
        di togliere quei contenuti e poi
        eventualmente imporne il sequestro,
        sequestrare tutto e chiaramente un abuso

        ricomincia dall'asilo che ti conviene
        • Anonimo scrive:
          Re: politica e web
          [cut]
          poi che la home page col trans vestito da
          suora che si ficcava dietro il crocefisso
          fosse di cattivo gusto e' un' altra cosa...[cut]:D:D:D:D:D:D:D:D
    • Anonimo scrive:
      Re: politica e web
      - Scritto da: samu[...]
      p.s. ai webmaster di indymedia : si sa che
      le operazioni della polizia sono rozze e
      imprecise e comunque si sa che esiste il
      pericolo di crash dei dischi; tenere una
      copia di backup dei siti e delle
      configurazioni no eh ? che incompetenti
      Ho tralasciato la parte su porcamadonna.com perchè devo scappare al lavoro , magari la commento quando torno.Invece mi trovi moooolto più che d'accordo per questa tua seconda osservazione. IL BACKUP TI SALVA LA VITA!!!Barone dello Zwanlandshire(linux)
  • Anonimo scrive:
    Italian Crackdown II
    1984: Nasce FidoNet, prima e la più diffusa rete di BBS1994: parte "Hardware 1", l’Italia viene travolta da una forte ondata di repressione poliziesca: dalle procure di Torino e Pesaro parte la più grande operazione di polizia informatica della storia.2004: Indymedia...
    • Anonimo scrive:
      Re: Italian Crackdown II
      - Scritto da: Anonimo
      1994: parte "Hardware 1", l?Italia
      viene travolta da una forte ondata di
      repressione poliziesca: dalle procure di
      Torino e Pesaro parte la più grande
      operazione di polizia informatica della
      storia.....derivata dall'approvazione (5 MESI PRIMA!!!) della legge sulla criminalità informatica.Oppure credi che il governo Berlusconi I, appena insediato, non abbia avuto meglio da fare che andare a sbaraccare le BBS dell'epoca?Che ci sia stato un disinteresse politico generalizzato è verissimo, ma per carità smettiamola di urlare alla censura addirittura su presunte basi storiche.....
      2004: Indymedia...Non amo la censura, ma nemmeno Indymedia.... Se fossi padre, fratello o figlio di uno dei militari morti a Nassirya, non credo che avrei sopportato tutto il veleno e la cattiveria gratuita che in quel sito sono stati mostrati.....
      • Anonimo scrive:
        Re: Italian Crackdown II
        Dovrebbe essere la forza del messaggio di una idea a determinare se ha successo o se è destinata al fallimento, non la censura.
        • Anonimo scrive:
          Re: Italian Crackdown II

          Dovrebbe essere la forza del messaggio di
          una idea a determinare se ha successo o se
          è destinata al fallimento, non la
          censura.Con la censura è più facile
  • Anonimo scrive:
    GODO!!!
    Perche' sono sicuro che materiale per un'inchiesta ce ne sia a iosa, reati da interrompere ce ne siano, fosse anche solo il reato piu' amato (persino prima dello sfasciare vetrine ed imbrattare muri) dai comunisti: l'apologia di reato che loro fanno passare per liberta' di parola (leggi liberta' di sproloquio).
    • Anonimo scrive:
      Re: GODO!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Perche' sono sicuro che materiale per
      un'inchiesta ce ne sia a iosa, reati da
      interrompere ce ne siano, fosse anche solo
      il reato piu' amato (persino prima dello
      sfasciare vetrine ed imbrattare muri) dai
      comunisti: l'apologia di reato che loro
      fanno passare per liberta' di parola (leggi
      liberta' di sproloquio).E pure io godo... visto che indymedia sembra sempre aver avuto carta bianca in tutto e per tutto... loro si' possono avere libertà di insultare e scrivere quel che gli pare su chi non gli garba... mentre se qualcuno prova a controbattere alle loro tesi o fa il loro stesso gioco all'opposto... viene visto come un servo del potere e dei potenti....La verità è che fanno la controinformazione che interesssa solo a loro... condendola pure con un mare di stronzate...Sono certo che di materiale per inchieste giudiziarie c'è nè in abbondanza!!:D
      • reflection scrive:
        Re: GODO!!!
        - Scritto da: Anonimo
        E pure io godo... visto che indymedia sembra
        sempre aver avuto carta bianca in tutto e
        per tutto... loro si' possono avere
        libertà di insultare e scrivere quel
        che gli pare su chi non gli garba... mentre
        se qualcuno prova a controbattere alle loro
        tesi o fa il loro stesso gioco
        all'opposto... viene visto come un servo del
        potere e dei potenti....
        La verità è che fanno la
        controinformazione che interesssa solo a
        loro... condendola pure con un mare di
        stronzate...
        Sono certo che di materiale per inchieste
        giudiziarie c'è nè in
        abbondanza!!:DMi piace la sincerita' del tuo approccio: almeno dimostri che il neofascista non vuole la liberta' di parola... Lode a te, onesto guerriero!
      • Anonimo scrive:
        Re: GODO!!!
        brutto eh riuscire a godere solo cosi'mah contenti voi ...- Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Perche' sono sicuro che materiale per

        un'inchiesta ce ne sia a iosa, reati da

        interrompere ce ne siano, fosse anche
        solo

        il reato piu' amato (persino prima dello

        sfasciare vetrine ed imbrattare muri)
        dai

        comunisti: l'apologia di reato che loro

        fanno passare per liberta' di parola
        (leggi

        liberta' di sproloquio).

        E pure io godo... visto che indymedia sembra
        sempre aver avuto carta bianca in tutto e
        per tutto... loro si' possono avere
        libertà di insultare e scrivere quel
        che gli pare su chi non gli garba... mentre
        se qualcuno prova a controbattere alle loro
        tesi o fa il loro stesso gioco
        all'opposto... viene visto come un servo del
        potere e dei potenti....
        La verità è che fanno la
        controinformazione che interesssa solo a
        loro... condendola pure con un mare di
        stronzate...
        Sono certo che di materiale per inchieste
        giudiziarie c'è nè in
        abbondanza!!:D
      • Anonimo scrive:
        Re: GODO!!!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Perche' sono sicuro che materiale per

        un'inchiesta ce ne sia a iosa, reati da

        interrompere ce ne siano, fosse anche
        solo

        il reato piu' amato (persino prima dello

        sfasciare vetrine ed imbrattare muri)
        dai

        comunisti: l'apologia di reato che loro

        fanno passare per liberta' di parola
        (leggi

        liberta' di sproloquio).

        E pure io godo...Ti è rimasto solo questo modo, mi sà ....
        visto che indymedia sembra
        sempre aver avuto carta bianca in tutto e
        per tutto... loro si' possono avere
        libertà di insultare e scrivere quel
        che gli pare su chi non gli garba... mentre
        se qualcuno prova a controbattere alle loro
        tesi o fa il loro stesso gioco
        all'opposto... viene visto come un servo del
        potere e dei potenti....Belle parole. Ma false.
        La verità è che fanno la
        controinformazione che interesssa solo a
        loro... condendola pure con un mare di
        stronzate...
        Sono certo che di materiale per inchieste
        giudiziarie c'è nè in
        abbondanza!!:DSi ..... ma contro chi ha fatto questo sequestro, probabilmente.
    • Anonimo scrive:
      Re: GODO!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Perche' sono sicuro che materiale per
      un'inchiesta ce ne sia a iosa, reati da
      interrompere ce ne siano, fosse anche solo
      il reato piu' amato (persino prima dello
      sfasciare vetrine ed imbrattare muri) dai
      comunisti: l'apologia di reato che loro
      fanno passare per liberta' di parola (leggi
      liberta' di sproloquio).Che differenza di vedute rispetto alla civiltà..... e sopratutto che scarsa memoria storica. Ma dove hai studiato, sulle figurine Panini ????
    • Anonimo scrive:
      Re: GODO!!!
  • sinadex scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"

    PACIFICAAHAHAHAHAHHAHAH
    Ma chi, quelli che si presentano con un
    furgone pieno di randelli e poi assaltano
    una camionetta dei carabinieri per pestarli
    e si incazzano pure se gli ammazzano
    l'amichetto facendo le povere vittime
    indifese contro i bastardi pulotti fascisti?
    rotflhai ragione, quelli che sono stati riempiti di mazzate mentre erano stesi a terra o che dormivano erano momentaneamente senza mazze...:sperò, per non fagli fare la figura di quelli sprovveduti (andare senza mazze, ma scherziamo!?!?) li hanno forniti di coltelli e bottiglie moltovpoi ne hanno sorteggiato uno, per fargli fare la bella figura del coraggioso davanti ai compagni, hanno detto cha ha aggredito e accoltellato un poliziotto==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 3.21.29
  • sinadex scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"

    Ahem .... temo di no. Ho parecchi
    documentari esteri, sia francesi che
    tedeschi em figurati, persino americani, e
    tutti riportano interessanti foto e
    documenti video mai mandati in onda in
    Italia, e che danno davvero ragione ad Indy.
    Ma naturalemente sono falsi ....... vero ??mi puoi dare info a riguardo? mi interesserebbe
  • Tony Sarnano scrive:
    Indymedia senza precauzioni?
    Ho trovato interessanti e pertinenti le seguenti considerazioni fatte da Paolo Attivissimo:
    [...] i responsabili di Indymedia, consci di avere a
    che fare spesso con informazioni scottanti e fastidiose
    per i potenti di turno, avrebbero dovuto riflettere più
    attentamente prima di depositare i propri server in
    territorio inglese.
    Ci sono molti altri paesi che offrono garanzie superiori.
    Inoltre, da un punto di vista strettamente informatico, mi
    stupisce la mancanza apparente di un backup
    (Indymedia afferma di aver "perso molto del materiale
    presente" sui propri server") [...]http://attivissimo.blogspot.com/2004/10/ixt-due-righe-veloci-sul-caso.html A parte le interessanti considerazioni sulle ricadute legali dell'hosting in territorio britannico (non sono ferrato in materia), devo dire che anche io sono sobbalzato nel leggere dai comunicati di Indymedia che tra il materiale sequestrato sono andati persi circa 300 gigabyte di archivi (tra cui quelli inereinti i fatti del G8 a Genova, risalente al "lontano" 2001!). Insomma, mi chiedo: possibile che questo materiale sia andato perso e che in tutto questo tempo nessuno abbia pensato ad una qualche forma di backup? Capirei fossero andati persi i post degli ultimi due o tre giorni, ma qui si tratta di anni in cui il materiale (anche di prezioso valore documentario) si è accumulato senza che nessuno si sia dato pena di fare copie di sicurezza!!!Ciò premesso vorrei esprimere tutta la mia indignazione per quanto accaduto a Indymedia e per le modalità con cui è stato attuato il sequestro (credo che difficilmente riusciranno a spiegarci che le misure adottate non sono state spropositate, al limite dell'abuso di potere o dell'intimidazione, quale che sia l'infrazione contestata).Pur essendomi trovato spesso in disaccordo con posizioni espresse su Indymedia, non condividendone in molti casi l'impianto ideologico, trovo gravissimo che sia stata spenta una voce indipendente che nel bene e nel male era ed è un punto di riferimento fondamentale per chi riesce ancora ad esercitare un giudizio critico su ciò che legge e non si accontenta di sorbire la sbobba che Vespa ci cucina premurosamente a Porta a Porta e, in generale, dei media mainstream. Questi ultimi ormai si limitano quasi soltanto a ricamare sensazionalismi e a trarre conclusioni preconcette a partire da tre-righe-tre di Ansa, di Reuters o di Associated Press, prese come oro colato, senza verifica alcuna.La libertà di espressione è una ricchezza della democrazia (sempre che esista ancora...), a prescindere dal nostro eventuale disaccordo da talune prese di posizione.Proprio in queste occasioni i Marii Landolfi di turno dimostrano quanto siano ancora radicate in AN le vecchie consuetudini fasciste e quanto da quelle parti piaccia ancora oggi indulgere alla censura. Poco è cambiato, anche dopo il Congresso di Fiuggi...:(==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 3.10.21
  • reflection scrive:
    Citazioni.
    Giusto un paio di citazioni per riflettere prima che me ne vado a letto."Sicuramente con la sinistra al governo la rai ha subito processi di lottizzazione enormi. Ma io, in tutta sincerita', preferisco la lottizzazione alla censura."- Gad Lerner"Non puoi separare la pace dalla liberta', perche' nessuno puo' essere in pace finche' non ha la sua liberta'"- Malcolm XShalom/Salaam (Pace in ebraico e in arabo... sono cosi' simili eppure cosi' diverse...)Edit: devo smettermela di postare alle 3 di notte. Ovviamente mancava un "non" nella frase del buon vecchio Malcolm Little.==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 10.01.31
  • Anonimo scrive:
    Immagine (vale per TUTTI)
    Indymedia campava di "scalpore", per logo pubblicare un bambino passato in un macinacaffe' era "notizia". Questa non e' liberta' di stampa e' essere stronzi. Erano il rotten delle "news" e giustamente sono stati oscurati.Per loro contava "l'immagine", non importa quanto raccapricciante fosse, l'importante era che se ne parlasse... bravi, ma la gente con un minimo di buon senso e' in grado di discernere la "notizia" dalla "notizia a tutti i costi", per questo motivo siete morti... per lo stesso motivo moriranno tutti gli altri. Smettetela di lamentarvi e cominciate a fare giornalismo serio, invece di limitarvi al gossip delle stronxate.
    • reflection scrive:
      Re: Immagine (vale per TUTTI)
      - Scritto da: Anonimo
      Indymedia campava di "scalpore", per logo
      pubblicare un bambino passato in un
      macinacaffe' era "notizia". Questa non e'
      liberta' di stampa e' essere stronzi. Erano
      il rotten delle "news" e giustamente sono
      stati oscurati.
      Per loro contava "l'immagine", non importa
      quanto raccapricciante fosse, l'importante
      era che se ne parlasse... bravi, ma la gente
      con un minimo di buon senso e' in grado di
      discernere la "notizia" dalla "notizia a
      tutti i costi", per questo motivo siete
      morti... per lo stesso motivo moriranno
      tutti gli altri. Smettetela di lamentarvi e
      cominciate a fare giornalismo serio, invece
      di limitarvi al gossip delle stronxate.Invece il TG5, per dirne uno tra tanti, non fa la notizia a tutti i costi, appena appena...
      • Anonimo scrive:
        Re: Immagine (vale per TUTTI)
        - Scritto da: reflection
        Invece il TG5, per dirne uno tra tanti, non
        fa la notizia a tutti i costi, appena
        appena.......magari non urla "10,100,1000 Nassirya", e questo è già tanto, credimi
        • Anonimo scrive:
          Re: Immagine (vale per TUTTI)
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: reflection

          Invece il TG5, per dirne uno tra tanti,
          non

          fa la notizia a tutti i costi, appena

          appena...

          ....magari non urla "10,100,1000 Nassirya",
          e questo è già tanto, credimiGli slogan sono slogan ,le bugie di molti TG sno e rimangono bugie.E poi porta a porta è molto peggio. Il palstico della casa di cogne quante volte è andato in onda.Ti fa paura vedere le budella? Ti vergogni di vedere gli effetti collaterali della nostra tecnologia?
        • Anonimo scrive:
          Re: Immagine (vale per TUTTI)
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: reflection

          Invece il TG5, per dirne uno tra tanti,
          non

          fa la notizia a tutti i costi, appena

          appena...

          ....magari non urla "10,100,1000 Nassirya",
          e questo è già tanto, credimiAl di la di non urlare quanto sopra, basterebbe che non urlasse......e quaesto sarebbe già sufficente a non sfondarmi i timpani ogni volta che va in onda!:(
    • Anonimo scrive:
      Re: Immagine (vale per TUTTI)
      Ecco un altro Troll che non ha mai letto indymedia, ...Sì! Si è solo soffermato a gurdare le figure... :'(
    • Anonimo scrive:
      Re: Immagine (vale per TUTTI)
      Smettetela di lamentarvi e
      cominciate a fare giornalismo serio, invece
      di limitarvi al gossip delle stronxate.Denunciare la morte di un bambino sotto un bombardamento è una stronzata?Ti fa impressione vedere il risultato della guerra preventiva dell'amico&alleato contro una città di 5(!) milioni di abitanti?
  • Anonimo scrive:
    Questa vicenda...
    ha un grosso pregio: ha messo in luce come, al di là dei contenuti, i simpatizzanti di destra e di sinistra si equivalgano sul piano dei metodi.Vi sputate in faccia la parola Comunista e Fascista per insultarvi a vicenda, vi accusate dei medesimi crimini, vi rinfacciate comportamenti analoghi.Da queste pagine sgorga una tale violenza verbale che non dubito che, se vi trovaste faccia a faccia, sgorgherebbe il sangue...E non vi accorgete come, in questa storia, i torti si trovino da entrambe le parti: ammesso che la ricostruzione delineata da Attivissimo sia rispondente ai fatti, pubblicare le fotografie di poliziotti in incognito unitamente a didascalie che incitano più o meno velatamente alla violenza è un reato da qualunque parte lo si voglia guardare.Certo, si grida "dalli al pulotto" quando costoro intervengono ad una manifestazione no-global, si grida alla vendetta... al poliziotto violento, il fascista in divisa che si ripara dietro il distintivo...E voi cosa pensate che abbiano fatto gli attivisti neo-nazisti quando questi stessi poliziotti hanno oscurato network di estrema destra dove si pubblicavano le foto di poliziotti e si davano punti, in un gioco perverso, a chi malmenava omosessuali, ectracomunitari e questurini?Io penso che avranno gridato ai poliziotti servi dello Stato comunista e israelita...D' altra parte, oscurare un network contenente decine di siti e GB di materiale per due foto (diciamo una paginetta web...) è un po' come se, andando a casa di una poveraccio per sequestrare un HD contenente due mp3, la polizia gli portasse via anche il frigorifero e la lavatrice... a dir poco sproporzionato.Al punto che, bisogna ammetterlo, sorge il dubbio che il sequestro sia solo una scusa per oscurare l' intero network, questo bisogna ggiungerlo.Un' ultima nota: ammetto di non aver mai visitato un sito di Indymedia e di non sapere nulla di quanto vi si pubblicava.Non saprei certo dire se fosse un faro luminoso di libera informazione o una raccolta di sciocchezze deliranti...la cosa tragica è che forse non lo potrò mai verificare di persona.
    • reflection scrive:
      Re: Questa vicenda...
      - Scritto da: Anonimo
      ha un grosso pregio: ha messo in luce come,
      al di là dei contenuti, i
      simpatizzanti di destra e di sinistra si
      equivalgano sul piano dei metodi.
      Vi sputate in faccia la parola Comunista e
      Fascista per insultarvi a vicenda, vi
      accusate dei medesimi crimini, vi
      rinfacciate comportamenti analoghi.
      Da queste pagine sgorga una tale violenza
      verbale che non dubito che, se vi trovaste
      faccia a faccia, sgorgherebbe il sangue...Il sangue non sgorgherebbe, la furia che si riesce a mettere nelle parole quando si ha di fronte un millioncino di pixles e' diverso da quella che si mette in campo quando si hanno due occhi che ti guardano.Sono d'accordissimo col tuo post. Pero' vorrei solo aggiungere che il problema in tutto cio' e' che da parte di alcuni soggetti in questa vicenda c'e' una tendenza a sottovalutare, che sia per ignoranza o per malafede non lo so, determinati passaggi della vicenda. Hai detto bene, da tutto questo e' solo nato un pretesto per chiudere un network che aveva agilmente spalato quintali di fango sulla gestione delle forze dell'ordine a Genova, per questa l'ira funesta del pelide Landolfi contro il network si scateno'.
    • Anonimo scrive:
      Re: Questa vicenda...
      - Scritto da: Anonimo
      ha un grosso pregio: ha messo in luce come,
      al di là dei contenuti, i
      simpatizzanti di destra e di sinistra si
      equivalgano sul piano dei metodi.
      Vi sputate in faccia la parola Comunista e
      Fascista per insultarvi a vicenda, vi
      accusate dei medesimi crimini, vi
      rinfacciate comportamenti analoghi.Certo. Peccato che alcune parole sono vere, e altre false.
      Da queste pagine sgorga una tale violenza
      verbale che non dubito che, se vi trovaste
      faccia a faccia, sgorgherebbe il sangue...
      E non vi accorgete come, in questa storia, i
      torti si trovino da entrambe le parti:
      ammesso che la ricostruzione delineata da
      Attivissimo sia rispondente ai fatti,
      pubblicare le fotografie di poliziotti in
      incognito unitamente a didascalie che
      incitano più o meno velatamente alla
      violenza è un reato da qualunque
      parte lo si voglia guardare.Potresti avere ragione. Ma la differenza la fanno due fatti diversi :1) far rimuovere solo le foto, e incriminare la persona che lo ha fatto ( se incriminabile è )2) Sequestrare più di un sito completo, sopprimendo TUTTE le informazioni, in particolare QUELLE ESTREMAMENTE SGRADITE a chi ha commissionato l'azione ....
      Certo, si grida "dalli al pulotto" quando
      costoro intervengono ad una manifestazione
      no-global, si grida alla vendetta... al
      poliziotto violento, il fascista in divisa
      che si ripara dietro il distintivo...Vuoi le prove ? O ti limiti a viaggiare nel mezzo, senza guardare i fatti ?
      E voi cosa pensate che abbiano fatto gli
      attivisti neo-nazisti quando questi stessi
      poliziotti hanno oscurato network di estrema
      destra dove si pubblicavano le foto di
      poliziotti e si davano punti, in un gioco
      perverso, a chi malmenava omosessuali,
      ectracomunitari e questurini?In Italia MAI successo. Solo in Germania, e lo hanno fatto perchè, nonostante tutto, LORO sono una democrazia assai migliore della nostra .... Se non altro MOLTO più seria, dove un deputato sospettato di reati si dimette da solo .... non come dai noi, che si incolla alla sedia!
      Io penso che avranno gridato ai poliziotti
      servi dello Stato comunista e israelita...
      D' altra parte, oscurare un network
      contenente decine di siti e GB di materiale
      per due foto (diciamo una paginetta web...)
      è un po' come se, andando a casa di
      una poveraccio per sequestrare un HD
      contenente due mp3, la polizia gli portasse
      via anche il frigorifero e la lavatrice... a
      dir poco sproporzionato.Eh, già ....
      Al punto che, bisogna ammetterlo, sorge il
      dubbio che il sequestro sia solo una scusa
      per oscurare l' intero network, questo
      bisogna ggiungerlo.Ottimo. Vedo che hai un cervello che ragiona ....

      Un' ultima nota: ammetto di non aver mai
      visitato un sito di Indymedia e di non
      sapere nulla di quanto vi si pubblicava.
      Non saprei certo dire se fosse un faro
      luminoso di libera informazione o una
      raccolta di sciocchezze deliranti...
      la cosa tragica è che forse non lo
      potrò mai verificare di persona.E sai perchè non potrai mai farlo ??Perchè tanti, come te, non fanno sentire la loro voce, rifiutandosi di decidere come comportarsi: certi atteggiamenti autoritari vanno osteggiati, non scusati.Saluti
  • reflection scrive:
    Re: Censura, democrazia, buon senso
    - Scritto da: pinguinello


    hemmmm..... scusa, ma se elimini la

    "controinformazione", anche quella
    ridicola,

    come fanno le persone a scegliere??



    non trovi forse che ci sia bisogno di
    tutto

    e del contrario di tutto per potersi
    formare

    una idea che sia personale e non
    inculcata

    dall'unica informazione disponibile??

    Si stava facendo una discussione di metodo,
    come fa il fruitore di un servizio
    informativo a scegliere chi sia attendibile
    se due servizi dicono cose completamente
    opposte su un fatto successo in Irak, luogo
    dove uno non si può recare
    direttamente a verificare cosa sta
    succedendo? Credo ad Agnoletto o Berlusconi?
    Vado a simpatia? Faccio il "tifo" per il mio
    partito? E infine, se tutte e due le parti
    attaccano l'altro demonizzando l'avversario,
    come si fa ad uscire da questa spirale
    perversa?C'e' un modo semplice: avere cultura.Se uno si informa e crea una visione globale degli eventi e delle situazioni, ne comprende cause e sbocchi futuri, potra' costruirsi la PROPRIA idea, che sara' sempre diversa da quella di chiunque altro, e sara' sempre e sempre giusta perche' unica.Naturalmente per motivi politici bisogna sottacere le situazioni scomode. Per un rappresentante di AN dire che il terrorismo deriva dalla poverta' e lo sfruttamento sarebbe suicidio politico perche andrebbe a giustificare situazioni di terrore nate dal disagio sociale. Ricordo La Russa a Ballaro' totalmente a disagio dopo un servizio che parlava della strage di Beslan e un signore ceceno che diceva "I russi hanno ucciso due dei miei tre figli, sono entrati in casa e hanno ucciso mia madre 90enne senza una ragione... Se dovessero uccidere anche il mio ultimo figlio, perche' non dovrei imbracciare un fucile e diventare terrorista?".Come fai a dire, con un minimo di senno e sensibilita', che quest'uomo non ha ragione? E infatti LaRussa e' entrato in un imbarazzo catartico.Sia chiaro, la sinistra di scheletri nell'armadio ne ha tantissimi. Ma studiando, leggendo quotidiani etc, si possono individuare al volo senza farsi trascinare dalla facile demagogia che ci ottura le orecchie ogni giorno...Ma e' piu' semplice recepire supini che attivarsi per capire...
  • reflection scrive:
    La gogna bipartisan e l'e-manganello.
    Penso di capire entrambe le parti.Lo stato svizzero si e' sicuramente inerpicato per benino sapendo che le facce dei suoi poliziotti erano emerse in maniera plateale su di un network perlopiu' frequentato da persone che spesso e volentieri partecipano alle manifestazioni no global (con e senza sanpietrini da lanciare).I no-global, d'altrocanto, hanno pubblicato quelle foto, presumo, con uno scopo di contro-gogna: per loro i poliziotti sono spesso i nemici. E per gli amici destrosi: prima di dire che i poliziotti sono giudicati nemici solo dai criminali, vi inviterei a prendere mazzate mentre state panciallaria con le mani alzate in segno di protesta, o vi inviterei ad essere persone di colore negli stati uniti degli anni 80.C'e' sicuramente stato un abuso da parte di Indymedia. Informazioni di carattere riservato sono state pubblicate ed e' stato sicuramente varcato il limite, ma bisogna anche capire perche' lo fanno: forse tra quelle foto c'era il volto del prossimo poliziotto appena ventenne che, preso dal panico, non sapendo che diavolo fare, spara un colpo non sa dove e colpisce mortalmente qualcuno. Ma il circuito noglobal non ha fatto un errore da un punto di vista etico-giuridico, bensi' ha commesso un grave errore strategico: ha dato in mano ai governi neofascisti una motivazione facile per poter essere attaccato, e in questo caso, anche se forse temporaneamente, affondato. Berlusconi e Bush non attendevano altro.==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 10.15.06
    • Anonimo scrive:
      Re: La gogna bipartisan e l'e-manganello
      ne dubito, in svizzera l'istruzione in polizia e' decisamente meglio di quello "aumma aumma" italiano. basti pensare che non hanno i carabinieri e le loro patetiche barzellette.in svizzera qualche mese fa dei doganieri svizzeri hanno dovuto fermare uno straniero clandestino con la forza. questo straniero, dopo essere stato espulso dalla svizzera, non ha avuto niente di meglio da fare che andare a casa di uno dei doganieri che nel frattempo era al lavoro e sgozzare la moglie incinta di 2 bambini.mi sembra piu' che normale che la svizzera, che in fatto di privacy e' ben piu' avanti di altre nazioni, direi quasi paranoica della privacy, tenti dunque di difendere l'identita' dei propri agenti.se questo a voi fa cosi skifo, allora potete accogliere l'america e il patriot act a braccia aperte (arrivera' anche qui in italia, non temete)
    • Anonimo scrive:
      Re: La gogna bipartisan e l'e-manganello.
      A me vine da pensare che l'italia ha fatto uno scambio con gli svizzeri, io ti sego il sito e te mi dai le rogatorie
  • Anonimo scrive:
    ce' un precedente
    in svizzera qualche mese fa dei doganieri svizzeri hanno dovuto fermare uno straniero clandestino con la forza. questo straniero, dopo essere stato espulso dalla svizzera, non ha avuto niente di meglio da fare che andare a casa di uno dei doganieri che nel frattempo era al lavoro e sgozzare la moglie incinta di 2 bambini.mi sembra piu' che normale che la svizzera, che in fatto di privacy e' ben piu' avanti di altre nazioni, direi quasi paranoica della privacy, tenti dunque di difendere l'identita' dei propri agenti.se questo a voi fa cosi skifo, allora potete accogliere l'america e il patriot act a braccia aperte (arrivera' anche qui in italia, non temete)
  • Anonimo scrive:
    Io odio la politica perché...
    Io odio la politica perché:1) ...spesso viene usata come mezzo per giustificare azioni infami (tipo: "stavo assaltando una camionetta della polizia e un tizio lì dentro si è permesso di reagire").2) ...quando ci scappa il morto, si sfrutta il cadavere per dimostrare qualcosa a qualcuno. I cadaveri e i morti dovrebbero essere lasciati in pace, anche quelli che son morti per conseguenza di profonde idiozie.3) ...ogni volta che qualcuno fa una merdata, evidenzia le schifezze dei suoi oppositori, come se le loro giustificassero o togliessero peso alle sue.4) ...ogni volta che succede qualcosa di profondamente sbagliato (tipo la chiusura di un sito di libera opinione), spinge la gente a congetturare panzane circa le ragioni del gesto. E quando le ragioni vengono divulgate, quelli che sbagliavano nelle congetture cercano di giustificarsi senza mai ammettere di aver avuto torto.5) ...fa credere alla gente che i seguaci di un'ideologia abbiano più o meno diritti dei seguaci di un'altra, o che siano sopra la legge.6) ...decuplica il numero dei troll sui forum online.7) ...trasforma tutti in idealisti o "simpatizzanti politici" quando nella stragrande maggioranza dei casi si tratta solo di grandissime TESTE DI C....avolo.
  • Anonimo scrive:
    Attenzione: forse L'FBI non c'entra.
    Si tratterebbe di un provvedimento della polizia londinese, dove si trovano materialmente i server.http://story.news.yahoo.com/news?tmpl=story&cid=1509&ncid=738&e=6&u=/afp/20041008/tc_afp/us_internet_justice
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: incuso

    - Scritto da: Anonimo

    La frase è chiaramente a doppio

    senso, e indica, con molta

    probabilità, la vendetta.

    Ora, al massimo la frase manca di, come

    citato da altissimo, fair play.

    Quella di Attivissimo è una litote! Grazie per la chiarificazione, anche se non necessaria. Era ovvio.


    UUhhh bella motivazione. Peccato che se
    lo

    fanno difficilmente io potro ottenere la

    requisizione del sito dall' FBI.

    Dall'FBI no, dal nostro sistema forse
    sì, certo faticando un po' di
    più. Ahem ... un bel pò di più, visto che ho subito un furto circa 6 anni fà , da parte di persone conosciute, viste nell' atto, e denunciate. Sono ancora in attesa della mia roba e di una sentenza.....


    Oh, senza dubbio. Per quello i naziskin
    sono

    persone ben accettate dallo Stato.

    Beh, mi sembra un po' grossa. Che i naziskin
    siano ritenuti un fenomeno meno preoccupante
    di certi altri movimenti posso capirlo, ma
    da qui ad essere ben accetti...Ahem .... il fatto che siano liberi di picchiare ed uccide ( vedi i fatti di Milano ), sono naturalmente una esagerazione ..... vero ? E comunque era una forma di voluta esagerazione ....


    E questo non giustificherebbe un bel

    pò di risentimento???

    Se sono esseri umani, possono provare
    voglia

    di rifarsi, anche se solo con le
    parole...

    Lo comprendo ma non lo approvo.Fortunato. Altri nemmeno comprendono. E comunque per 2 ( due ) foto, requisire tutto non ti sembra puzzi di voluta esagerazione ?????

    M.
    P.S. e ora chiudo che si fa notte :)
    --
    incuso.altervista.org Buonanotte. E saluti
  • pinguinello scrive:
    Re: Censura, democrazia, buon senso

    certo, ci vuole tempo, io lo sto facendo da
    parecchi anni, dal '78 per l'esattezza,Beh....io all'epoca ero appena nato. :)
    risultati si vedono, e il fatto sconcertante
    è che oggi non penso di potermi
    fidare di nessun politico.....E qui ti volevo............Il fatto è che l'informazione è di per se faziosa, non si riportano più fatti ed opinioni, ma la notizia serve a portare il lettore dalla parte dello scrittore. Spesso si fa in buona fede una sorta di apostolato, convincendo l'interlocutore che l'altro è il demonio, che va fermato qui e subito. E naturalmente per essere più convincenti si viene a patti con i fatti, dando un'interpretazione parziale e mostrando alcuni aspetti e tenedone in ombra altri.
  • Terra2 scrive:
    Non ho altro da aggiungere...
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=765527
  • incuso scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo
    La frase è chiaramente a doppio
    senso, e indica, con molta
    probabilità, la vendetta.
    Ora, al massimo la frase manca di, come
    citato da altissimo, fair play. Quella di Attivissimo è una litote!
    UUhhh bella motivazione. Peccato che se lo
    fanno difficilmente io potro ottenere la
    requisizione del sito dall' FBI. Dall'FBI no, dal nostro sistema forse sì, certo faticando un po' di più.
    Oh, senza dubbio. Per quello i naziskin sono
    persone ben accettate dallo Stato. Beh, mi sembra un po' grossa. Che i naziskin siano ritenuti un fenomeno meno preoccupante di certi altri movimenti posso capirlo, ma da qui ad essere ben accetti...
    E questo non giustificherebbe un bel
    pò di risentimento???
    Se sono esseri umani, possono provare voglia
    di rifarsi, anche se solo con le parole...Lo comprendo ma non lo approvo.M.P.S. e ora chiudo che si fa notte :)--http://incuso.altervista.org
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    Forse lui, no.Ma io 'ero.E il sangue, IO, l' ho visto. E tutto quello che ho letto corrisponde al vero.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: pinguinello


    Sito critico. Che da' molto fastidio ad
    una

    certa parte di gente. In genere la

    più rozza dal punto di vista
    sociale.

    Certo certo, chi non è con me
    è contro di me, se non sei della mia
    idea sei un rozzo dell'età della
    pietra....con questo atteggiamento se ne fa
    molta di strada!No. Temo che la critica sia più precisa: ho parlato di punto di vista sociale. Indy, per quanto a volte eccessiva, è sicuramente una serie di siti che ha a cuore il sociale, e la convivenza pacifica. Visto che nemmeno sò chi sei, perchè dovrei essere contro di te?Se lo fossi ricadrei nel razzismo, vuoto e becero. Che è poi la paura del diverso ....


    O guarda. Un crimine ..... specialmente
    dopo

    che i suddetti cari poliziotti ne hanno

    combinate di cotte e di crude. Vogliamo

    essere seri ? Cos'è che
    distingue un

    picchiatore da un celerino ? Il fatto
    che il

    secondo è regolarmente
    stipendiato

    dallo Stato .....

    Ma per favore finiamola con questa storia
    dei bravi manifestanti che recando un mazzo
    di viole vengon dalla campagna in sul calar
    del sole! Le responsabilità stanno
    sempre da tutte e due le parti, che ti credi
    che il cellerino lo allevano come i pitbul?Si. Lo allevano esattamente così. Creando un forte spirito di squadra e esasperando le contraddizioni sociali. Proprio così.
    O trovi che pigliare serci in testa sia
    divertente? Alle manifestazioni ci siamo
    stati tutti, nei centri sociali ci sono
    cresciuto, e li ho conosciuto gente
    PERICOLOSA che puntualmente mandava in vacca
    le manifestazioni, gente che andava con le
    SPRANGHE e smontava i sanpietrini.Vero. Ma in questo caso parlavamo di una PACIFICA manifestazione di PACIFISTI a Genova.E di strani facinorosi che si facevano fotografare con i celerini. Come mai ?? E perchè i celerini picchiavano fotografi, addetti stampa e CATTOLICI PACIFISTI di tutto il mondo ????
  • sterlina scrive:
    Re: Ma questo sito si chiama . informatico ?
    - Scritto da: Anonimo
    L'informazione deve essere libera.mumble mumble... frase troppo generica per essere d'accordo. permettimi una modifica:l'informazione deve essere libera, ma anche corretta:)
  • rumenta scrive:
    Re: Censura, democrazia, buon senso
    - Scritto da: pinguinello


    hemmmm..... scusa, ma se elimini la

    "controinformazione", anche quella
    ridicola,

    come fanno le persone a scegliere??



    non trovi forse che ci sia bisogno di
    tutto

    e del contrario di tutto per potersi
    formare

    una idea che sia personale e non
    inculcata

    dall'unica informazione disponibile??

    Si stava facendo una discussione di metodo,
    come fa il fruitore di un servizio
    informativo a scegliere chi sia attendibile
    se due servizi dicono cose completamente
    opposte su un fatto successo in Irak, luogo
    dove uno non si può recare
    direttamente a verificare cosa sta
    succedendo? Credo ad Agnoletto o Berlusconi?
    Vado a simpatia? Faccio il "tifo" per il mio
    partito? E infine, se tutte e due le parti
    attaccano l'altro demonizzando l'avversario,
    come si fa ad uscire da questa spirale
    perversa?ci si riferisce al maggior numero di fonti possibile, in prima battuta, e poi si RICORDA chi ha detto che cosa e quando....alla fine, come dopo il disgelo, spuntano le cazzate, e allora sai chi considerare affidabile.certo, ci vuole tempo, io lo sto facendo da parecchi anni, dal '78 per l'esattezza, ma i risultati si vedono, e il fatto sconcertante è che oggi non penso di potermi fidare di nessun politico.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma questo sito si chiama . informatico ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma questo sito si chiama . informatico ?
  • Anonimo scrive:
    Al più presto legge su reati di opinione
    Li vogliamo abolire si o no?Perchè tutti si scatenano quando accadono cose del genere ma poi non si fa nulla per risolvere il problema alla radice?Quelli di Indymedia, antiamericanisti convinti, ospitano il loro sito presso un provider americano. Il motivo è semplice: là esiste una cosa chiamata primo emendamento che tutela la libertà di opinione al massimo livello. In questo caso, però, la richiesta di sequestro è arrivata dall'Italia o dalla Svizzera, dove l'opinione non è tutelata allo stesso modo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Al più presto legge su reati di opinione
      - Scritto da: Anonimo
      Li vogliamo abolire si o no?
      Perchè tutti si scatenano quando
      accadono cose del genere ma poi non si fa
      nulla per risolvere il problema alla radice?
      Quelli di Indymedia, antiamericanisti
      convinti, ospitano il loro sito presso un
      provider americano. Il motivo è
      semplice: là esiste una cosa chiamata
      primo emendamento che tutela la
      libertà di opinione al massimo
      livello. In questo caso, però, la
      richiesta di sequestro è arrivata
      dall'Italia o dalla Svizzera, dove
      l'opinione non è tutelata allo stesso
      modo.L'unico post intelligente, finora...
      • Anonimo scrive:
        Re: Al più presto legge su reati di opinione
        Credo che il problema sia di COME esponi la tua opinione, non di cosa dici.E li' ne giravano di veramente pesanti...
        • Anonimo scrive:
          Come se non ci fossero siti simili
          - Scritto da: Anonimo
          Credo che il problema sia di COME esponi la
          tua opinione, non di cosa dici.

          E li' ne giravano di veramente pesanti...E' solo una scusa. ci sono centinaia di siti dove la gente scrive quello che vuole e c'è roba anche più pesante. Decine di forum dove si inneggia ad Hitler o eccidi di massa. solo due esempi:http://www.tifonet.it/notizie/articolo.php?codice=10944&sn=tnhttp://www.tifonet.it/notizie/articolo.php?codice=10942&sn=tnLa libertà di parola o c'è o non c'è. Perché uno può offendere i napoletani ma non i soldati? Che ci sono categorie di intoccabili? E quello che scrive Feltri sul suo giornale, non è aberrante? Oppure il TG di Tele Padania, l'hai mai visto? Perché quelli possono esprimere la propria opinione e uno sfigato qualsiasi no?Io sono per la libertà di opinione. Continui Feltri a scrivere le sue farneticazioni razziste, continui ogni sito a pubblicare le opinioni di chi vuole.
    • Anonimo scrive:
      Re: Al più presto legge su reati di opin

      Quelli di Indymedia, antiamericanisti
      convinti, ospitano il loro sito presso un
      provider americano. Il motivo è
      semplice: là esiste una cosa chiamata
      primo emendamento che tutela la
      libertà di opinione al massimo
      livello.La non hanno problemi di opinione, perché l'opinione é stempre la stessa: 1500 testate giornalistiche, 1500 commenti uguali alla stessa notizia.Almeno in Italia abbiamo Libero e L'Unità a sparar stupidaggini e rendere l'informazione un pò più varia.
    • Anonimo scrive:
      Indymedia antiamericano???
      - Scritto da: Anonimo
      Li vogliamo abolire si o no?
      Perchè tutti si scatenano quando
      accadono cose del genere ma poi non si fa
      nulla per risolvere il problema alla radice?Qui credo siamo tutti d'accordo.
      Quelli di Indymedia, antiamericanisti
      convinti,Indymedia è nato negli USA perché fatto da ragazzi/e statunitensi nel 1999 per controinformare sul vertice di Seattle. La maggior parte dei siti del network sono legati a realtà territoriali statunitensi.Come fanno ad essere "antiamericani"? Mah. Si vede che parli di ciò che non conosci.
      ospitano il loro sito presso un
      provider americano.Indymedia italia era ospitato in UK.
      Il motivo è
      semplice: là esiste una cosa chiamata
      primo emendamento che tutela la
      libertà di opinione al massimo
      livello.forse non sei al corrente del Patriot Act. Il primo emendamento è solo teorico.
      In questo caso, però, la
      richiesta di sequestro è arrivata
      dall'Italia o dalla Svizzera, dove
      l'opinione non è tutelata allo stesso
      modo.Guarda che forse in Italia la libertà d'opinione è minore che altrove, ma non credere che negli USA sia così estesa. Certo, paragonandola all'Italia sembra illimitatata.
  • sterlina scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: sterlina

    - Scritto da: Avion


    Certo, l'hanno solo creata, internet.

    non è vero, l'hanno creata i fisici
    al CERN
    Solo in seguito gli americani si sono
    accorti delle possibilità militari e
    in seguito di quelle commerciali... cosa
    quest'ultima che ha permesso la diffusione
    così come la conosciamo oraCERN: solo il wwwè vero, ho scritto una gran cavolata :$ e lo riconosco
  • Anonimo scrive:
    Ma questo sito si chiama . informatico ?
    non capisco cosa ci sia di "informatico" nell'articolo proposto.Questa è solo politica, cosa che su un quotidiano di informatica proprio non dovrebbe esserci.Iluminatemi, ma io proprio non capisco il senso di avere un articolo che tratta del sequestro di indymedia su questo "giornale"
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma questo sito si chiama . informatico ?
    • sterlina scrive:
      Re: Ma questo sito si chiama . informatico ?
      - Scritto da: Anonimo
      non capisco cosa ci sia di "informatico"
      nell'articolo proposto.
      Questa è solo politica, cosa che su
      un quotidiano di informatica proprio non
      dovrebbe esserci.
      Iluminatemi, ma io proprio non capisco il
      senso di avere un articolo che tratta del
      sequestro di indymedia su questo "giornale"non sarà forse perché parla dell'oscurazione di un sito internet, caso (per fortuna) ancora visto come "eccezionale"?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma questo sito si chiama . informatico ?
      Informatica = scienza dell'informazioneL'informazione deve essere libera.I gestori di un qualsiasi sito(anche p.i.) si domandano, in questi casi: e se domani capitasse a me? (in molti casi per un procedimento del genere basta anche una denuncia infondata)
    • Terra2 scrive:
      Re: Ma questo sito si chiama . informati

      Iluminatemi, ma io proprio non capisco il
      senso di avere un articolo che tratta del
      sequestro di indymedia su questo "giornale"Ed a spiegartelo non basterebbero tutte le parole di questo mondo, temo...Consigli per gli acquisti: http://www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?shop=2057&c=PCUJG73RRQFSI==================================Modificato dall'autore il 11/10/2004 2.12.22
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma questo sito si chiama . informatico ?
      Piuttosto semplice.Come in ogni rivista o forum, c'è una parte dedicata a "Internet e Reti locali".Ciao - Scritto da: Anonimo
      non capisco cosa ci sia di "informatico"
      nell'articolo proposto.
      Questa è solo politica, cosa che su
      un quotidiano di informatica proprio non
      dovrebbe esserci.
      Iluminatemi, ma io proprio non capisco il
      senso di avere un articolo che tratta del
      sequestro di indymedia su questo "giornale"
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma questo sito si chiama . informati
      - Scritto da: Anonimo
      non capisco cosa ci sia di "informatico"informatica=informazione automatica
      nell'articolo proposto.
      Questa è solo politica, cosa che su
      un quotidiano di informatica proprio non
      dovrebbe esserci.
      Iluminatemi, ma io proprio non capisco il
      senso di avere un articolo che tratta del
      sequestro di indymedia su questo "giornale"mah ... penso che tu ci possa arrivare da solo ... e poi non capisco una cosa : è tabù parlare di politica o di tutto quello che la politica va a toccare ?
    • nimrhael scrive:
      Re: Ma questo sito si chiama . informati
      - Scritto da: Anonimo
      non capisco cosa ci sia di "informatico"
      nell'articolo proposto.
      Questa è solo politica, cosa che su
      un quotidiano di informatica proprio non
      dovrebbe esserci.
      Iluminatemi, ma io proprio non capisco il
      senso di avere un articolo che tratta del
      sequestro di indymedia su questo "giornale"Personalmente non mi sembra che sia così difficile da capire, soprattutto se si conosce un po' Punto Informatico.La notizia parla del sequestro di un sito web (informativo), e l'argomento siti web mi sembra che abbia a che fare con l'informatica.Inoltre PI ha da sempre seguito e dato informazione su sequestri (giusti o sbagliati che siano) o su risvolti legali che abbiano a che fare con siti web.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Un pò di storia per i Trolls
    No comment. (sarebbero troppi)http://www.apogeonline.com/openpress/libri/529/ (The Italian Crackdown)Barone dello Zwanlandshire(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"

    non è vero, l'hanno creata i fisici
    al CERN
    Solo in seguito gli americani si sono
    accorti delle possibilità militari e
    in seguito di quelle commerciali... cosa
    quest'ultima che ha permesso la diffusione
    così come la conosciamo oraCaz*o stai dicendo??? Internet è stata creata dai militari americani, finanziati dall'ARPA al fine di poter comunicare fra centri miliari negli Stati Uniti anche in caso di guerra nucleare.Il CERN (anzi, uno scienziato del CERN, Tim Berners-Lee, circa 20 anni dopo la realizzazione di ARPANET) inventò quello che oggi è conosciuto come WEB.Ma la storia voi la imparate su Topolino?Bye, Luca
  • sterlina scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Avion

    Sito disgustoso.


    Sappiamo che i "siti" di tuo gusto sono il
    TG4 con le scosciate del Fede che fanno a
    gara a chi è + figa.
    Le "notizie" passano il terza o quarta linea
    e si danno solo quelle di moda e quelle che
    leccano il culo al
    PADRONE........sììì&igrapermettimi: il tuo è un classico commento inutile!perché non impari a scrivere qualcosa di intelligente sul forum invece delle cavolate così vecchie che nessuno ricorda più chi le ha inventate?tra l'altro, forse sei lo stesso "anonimo" che ha scritto tanti altri commenti nel thread... e allora REGISTRATI così che non si pensi che sei uno che posta solo perché non ha niente da fare!
    • Anonimo scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: sterlina

      - Scritto da: Anonimo



      - Scritto da: Avion


      Sito disgustoso.




      Sappiamo che i "siti" di tuo gusto sono
      il

      TG4 con le scosciate del Fede che fanno
      a

      gara a chi è + figa.

      Le "notizie" passano il terza o quarta
      linea

      e si danno solo quelle di moda e quelle
      che

      leccano il culo al


      PADRONE........sììì&igra

      permettimi: il tuo è un classico
      commento inutile!
      perché non impari a scrivere qualcosa
      di intelligente sul forum invece delle
      cavolate così vecchie che nessuno
      ricorda più chi le ha inventate?

      tra l'altro, forse sei lo stesso "anonimo"
      che ha scritto tanti altri commenti nel
      thread... e allora REGISTRATI così
      che non si pensi che sei uno che posta solo
      perché non ha niente da fare!Non sono io, anche se ti piacerebbe....... Non credo si possa pensare che posto perchè non ho nulla da fare. Al limite lo pensa chi NON HA NULLA DAVVERO DA FARE.Le persone che lavorano, e pensano, in genere ritengono che anche gli altri lo facciano.Giusto, no ?
  • pinguinello scrive:
    Re: Censura, democrazia, buon senso

    hemmmm..... scusa, ma se elimini la
    "controinformazione", anche quella ridicola,
    come fanno le persone a scegliere??

    non trovi forse che ci sia bisogno di tutto
    e del contrario di tutto per potersi formare
    una idea che sia personale e non inculcata
    dall'unica informazione disponibile??Si stava facendo una discussione di metodo, come fa il fruitore di un servizio informativo a scegliere chi sia attendibile se due servizi dicono cose completamente opposte su un fatto successo in Irak, luogo dove uno non si può recare direttamente a verificare cosa sta succedendo? Credo ad Agnoletto o Berlusconi? Vado a simpatia? Faccio il "tifo" per il mio partito? E infine, se tutte e due le parti attaccano l'altro demonizzando l'avversario, come si fa ad uscire da questa spirale perversa?
  • Avion scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: sterlina

    - Scritto da: Avion


    Certo, l'hanno solo creata, internet.

    non è vero, l'hanno creata i fisici
    al CERN
    Solo in seguito gli americani si sono
    accorti delle possibilità militari e
    in seguito di quelle commerciali... cosa
    quest'ultima che ha permesso la diffusione
    così come la conosciamo oraA me risulta che l'abbiano inventata gli americani, mentre il CERN ha concepito il web.
  • incuso scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: sterlina
    - Scritto da: Avion

    Certo, l'hanno solo creata, internet.

    non è vero, l'hanno creata i fisici
    al CERN
    Solo in seguito gli americani si sono
    accorti delle possibilità militari e
    in seguito di quelle commerciali... cosa
    quest'ultima che ha permesso la diffusione
    così come la conosciamo oraNo, internet l'hanno proprio inventata negli USA. Al CERN hanno inventato il WWW che non mi sembra particolarmente rilevante dal punto di vista militare.M.--http://incuso.altervista.org
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Avion

    - Scritto da: Anonimo


    HAHAHAHAHAHAHAHA. Dunque..... per tua

    sfortuna ho frequentato i suddetti
    celerini,

    anche se per poco, e la differenza
    invece

    è solo quella da me citata.
    Spero che

    tu un giorno possa provare la loro idea
    di

    ordine .... te lo meriti in pieno.

    In quanto alle interviste al G8, posso

    contraddirti in pieno. I genovesi erano

    sì incazzati, ma non cpn la
    gente,

    bensì con il caro governo
    Berlusconi

    che aveva deciso di fare di Genova un

    agnello sacrificale. E se se ne sono
    accorti

    i genovesi stessi, pensa a quelli
    arrivati

    lì dopo ....
    Posso ricordarti che il G8 ci fu poco dopo
    le elezioni (un mese, sbaglio?) e che Genova
    era stata scelta da chi c'era al governo
    prima?Lo sappiamo tutti. Ho già dato risposta in altro thread, per cosa intendevo



    Lo stesso che ti permette, ora, di
    usare


    internet, cellulare e magnare
    tranquillo


    senza arrabattarti come ancora
    succede

    in


    Russia e nei paesi ex-comunisti
    oggi.



    HAHAHAHAAH lo stesso che ha infilato
    basi

    missilistiche un pò in tutta
    Italia,

    lo stesso che ha trasformato L' America
    del

    Sud in un campo lavoro, lo stesso che ha

    invaso L' Iraq e il Vietnam ( oltre la
    Corea

    ), lo stesso che esporta grano
    transgenico

    in India per schiavizzare i contadini,
    lo

    stesso ..... posso andare avnti per
    ore. E

    inoltre, ci terrei ad informarti che gli

    italiano mangiavano anche senza gli

    americani.
    Certo, aspetta che chiedo ai miei nonni
    quanto mangiavano e quanto bene.Chiediglielo. I miei se la cavavano bene ....


    Del cellulare faccio

    tranquillamente a meno
    Quindi non ce l'hai, giusto?No, lo possiedo, e per di più un modello avanzato con Symbian. Di tecnologia tedesca, fra le altre cose.....Il fatto che 60 anni fà ci sparavamo addosso, non significa che debba portare rancore in eterno ... al contrario di certe ideologie.


    e internet sarebbe

    funzionata anche senza di loro.
    Certo, l'hanno solo creata, internet. E sei
    sicuro che adesso avresti i $oldi per
    permetterti di stare al tuo bel pc a
    smanettare su internet a tempo
    indeterminato? Negli ex-paesi comunisti,
    sono pochi quelli che possono permetterselo.Ahem ... ma tu queste notizie le trovi sul giornalino dei piccoli ??Quando non c'era internet, c'era comunque la rete fido, e funzionava benissimo. Se Internet è diventata grande è stato perchè gli scienziati e le università, e non i militari americani, vi hanno speso sopra forze e denari. Chiaro ? Forze di pace, e non di guerra...


    A proposito: sei scarso nelle
    motivazioni. E

    cieco.


    rotfl
    perché la penso diversamente da te,
    giusto?No, assolutamente. Solo perchè hai problemi a leggere la storia, i fatti, e le motivazioni. Ti consigli di approfondire di più, senza accontentarti dei telegiornali di Fede......
  • Anonimo scrive:
    Re: Come far esplodere un centro sociale?
  • Anonimo scrive:
    Re: La responsabilita' penale e' persona
    - Scritto da: Avion
    Ma poi, come perseguire chi non è
    rintracciabile causa mancanza dei log?
    In linea di massima, si persegue chi ha reso
    possibile il reato."Rendere possibile" il reato e' una espressione molto vaga. Se io lascio il mio portafoglio bene in vista su una panchina di Hyde Park mentre sono intento a leggere in giornale, "rendo possibile" che qualcuno me lo rubi con destrezza e si eclissi. Ma solo la polizia del paese di Acchiappacitrulli, non riuscendo a rintracciare l'autore, metterebbe in prigione me, perche' ho avuto il torto di non tenere il portafoglio in tasca. La libertta' di parola, poi, e' un diritto costituzionalmente garantito, nei paesi democratici. Quindi non si puo' perseguire nessuno perche' rende possibile esercitare un diritto garantito dalla costituzione. Si puo' perseguire solo chi abbia *personalmente* commesso un reato, parlando. Non chi l'ha lasciato parlare. Io. come singolo cittadino, non ho il diritto di mettere a tacere gli altri.
    Il paragone con lo speaker's corner è
    interessante, ma non appropriato: se uno
    parlando commette un reato, lo si prende
    direttamente. Non e' detto. Io posso non essere presente e mi puo' venir riferito da terzi che uno speaker sconosciuto (e magari con la barba finta) mi ha diffamato.
    Su indymedia, come detto
    sopra, non è possibile - non
    immediatamente, almeno.Immagino che sui router che conducono al server di Indynedia siano stati collocati strategici sniffer. Se cosi' e', il sequestro dei server e' inutile, rispetto allo scopo dichiarato. Se cosi' non e', il sequestro dei server di Indymedia rimane inutile, rispetto allo scopo dichiarato.Buonanotte.
  • Anonimo scrive:
    Come far esplodere un centro sociale?
  • sterlina scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Avion
    Certo, l'hanno solo creata, internet.non è vero, l'hanno creata i fisici al CERNSolo in seguito gli americani si sono accorti delle possibilità militari e in seguito di quelle commerciali... cosa quest'ultima che ha permesso la diffusione così come la conosciamo ora
  • Anonimo scrive:
    Re: Onore a Punto Informatico
    - Scritto da: Avion
    Giusta risposta: han fatto una cavolata
    pubblicando foto di poliziotti in borghese e
    hanno ricevuto la giustissima mazzata sul
    capo.

    Libertà di informazione non è
    libertà di violazione della legge e
    della privacy. Soprattutto di poliziotti,
    con richiesta mica tanto velata di fare
    vendetta se li si rivede.

    Se ci mettevano le loro facce, su internet,
    cosa avrebbero detto?Ma non dire cazzate.Come cazzo fai a difendere quella gentaglia,.....sicuramente devi essere una di loro qui in incognito a lanciare esche come quelli che vanno ingiro x la rete a cercare di raccattare presunti pedofili con meschini tranelli.
  • Avion scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Avion

    Sito disgustoso.


    Sappiamo che i "siti" di tuo gusto sono il
    TG4 con le scosciate del Fede che fanno a
    gara a chi è + figa.
    Le "notizie" passano il terza o quarta linea
    e si danno solo quelle di moda e quelle che
    leccano il culo al
    PADRONE........sììì&igraEcco l'altro dodicenne di indymedia
    • Anonimo scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion

      - Scritto da: Anonimo



      - Scritto da: Avion


      Sito disgustoso.




      Sappiamo che i "siti" di tuo gusto sono
      il

      TG4 con le scosciate del Fede che fanno
      a

      gara a chi è + figa.

      Le "notizie" passano il terza o quarta
      linea

      e si danno solo quelle di moda e quelle
      che

      leccano il culo al


      PADRONE........sììì&igra

      Ecco l'altro dodicenne di indymediaOltre a te, intendi ???
  • sterlina scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo
    Non mi sono spiegato bene, evidentemente.
    Non ho detto che il governo Berlusconi ha
    deciso di fare il G8 a Genova, ma di farne
    un agnello sacrificale. Nel senso che si
    è preferito usare Genova in ogni
    caso, invece di spostare lo stesso in una
    zona più adatta. Dopo le elezioni, si
    sono manifestati in fretta i problemi
    relativi all' uso di Genova come
    città per il G8. E da parecchie
    parti, genovesi compresi, ci sono state
    forti richieste di spostare quello che stava
    diventando da un congresso pacifico ad un
    forte scontro frontale con i pacifisti.
    IN OGNI CASO se non ci fosse stato l'
    intervento di questi strani facinorosi (
    strani in quanto spesso fotografati con i
    celerini) e lo strano atteggiamento dei
    Carabinieri ( che avevano ricevuto ordini
    precisi ), NON AVREMMO AVUTO gli scontri che
    invece sono accaduti. E questo è
    DECISAMENTE strano, visto che la stragrande
    maggioranza dei no global erano PACIFISTI
    ITALIANI di provenienza perfini cattolica, e
    sicuramente non venuti per scatenare risse.
    Sono stato chiaro, ora ?chiarissimo, e infatti ti ho votato positivamente ;)però confermi quanto sapevo, i problemi sono cominciati dopo le elezioni ovvero al primo impegno internazionale del governo, cosa che mi lascia perplesso sulla bontà di alcuni "movimenti". Dico di nuovo: alcuni movimenti, non tutti, perché fortunatamente ci sono anche manifestanti pacifici.Personalmente però non avrei apprezzato un incontro fatto su un'isola in mezzo al mare solo per evitare disordini, in quel caso la mia non possibilità di manifestare e di esprimere la propria opinione mi avrebbe veramente fatto sentire oppresso da un regime...
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Avion

    - Scritto da: Anonimo







    Gente che fa il suo lavoro e che ha


    l'appoggio dei cittadini, quando
    vede i


    manifestanti bruciargli i
    cassonetti

    sotto


    casa e tirare sassi (oggetti

    notoriamente


    innocui, soprattutto quando sono
    belli


    grossi)



    Oh, beh, che abbia l' appoggio dei
    cittadini

    mi stupirebbe. Io direi che hanno la
    paura

    degli stessi. Specialmente dopo i fatti
    di

    Genova....


    Ma ce la fai?
    Gli prendono a pedate chi gli spacca la
    città e ne hanno paura? Di chi ha
    paura l'agnello, del lupo o del fattore che
    lo caccia a fucilate?Strano paragone...... in ogni caso l'agnello ha come destino o il ventre del lupo, o quello del fattore. Come dire che dovrei scegliere il male minore, per vivere qualche anno di più ben tosato, per essere poi cucinato in padella ????Bello, bello .....



    PACIFICAAHAHAHAHAHHAHAH


    Ma chi, quelli che si presentano
    con un


    furgone pieno di randelli e poi

    assaltano


    una camionetta dei carabinieri per

    pestarli


    e si incazzano pure se gli
    ammazzano


    l'amichetto facendo le povere
    vittime


    indifese contro i bastardi pulotti

    fascisti?


    rotfl



    Fai confusione. Guardati un pò di

    informazione vera, e verifica le strane
    foto

    fatte dai facinorosi assieme ai
    celerini.

    Se, naturalmente, non ritieni tutto
    quello

    che non è dalla tua parte come

    informazione falsa.....

    MMmmhhhh.... dove ho già visto
    questo

    atteggiamento .....


    Su indymedia! Lì c'è sempre
    solo informazione vera e attendibile mentre
    tutti gli altri dicono bugie.Ahem .... temo di no. Ho parecchi documentari esteri, sia francesi che tedeschi em figurati, persino americani, e tutti riportano interessanti foto e documenti video mai mandati in onda in Italia, e che danno davvero ragione ad Indy.Ma naturalemente sono falsi ....... vero ??



    Per combattere bestie, si diventa

    bestie.


    Solo che poi loro tornano dalla

    famiglia e


    ridiventano perone normali.



    HAHAHAHAHAH... è per questo che
    ogni

    tanto un celerino impazzisce e fà

    fuori la famiglia??? Perchè sono

    tornati normali ?? Allora viva le
    persone

    strane....


    Solo i celerini, eh?
    Mappiantala. Argomentazione idiota.Idiota ?? No, solo fatti. Basta leggere i giornali, per vedere l' impressionante casistica.



    Le altre bestie tornano nei centri

    sociali a


    rosicare e restano bestie.



    Come quelli che si nascondono nelle
    cantine

    davanti ad un bel ceppo con scure a
    cantare

    canti fascisti .....
    Nascondersi? Perché?
    Ma va'.
    E poi i canti del regime sono pure belli.NON AVEVO DUBBI !
    Stranamente, quelli li pubblicano, mentre
    non ho mai visto album di canti sovietici.Figurati ..... fra i balilla certa roba non gira....
  • Anonimo scrive:
    ENDURING INDYMEDIA
    Sono sconcertato e abbattuto.Vabbe, tiriamoci su con sto giochillo a tema:http://www.molleindustria.it/indy.html
  • Avion scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo
    HAHAHAHAHAHAHAHA. Dunque..... per tua
    sfortuna ho frequentato i suddetti celerini,
    anche se per poco, e la differenza invece
    è solo quella da me citata. Spero che
    tu un giorno possa provare la loro idea di
    ordine .... te lo meriti in pieno.
    In quanto alle interviste al G8, posso
    contraddirti in pieno. I genovesi erano
    sì incazzati, ma non cpn la gente,
    bensì con il caro governo Berlusconi
    che aveva deciso di fare di Genova un
    agnello sacrificale. E se se ne sono accorti
    i genovesi stessi, pensa a quelli arrivati
    lì dopo ....Posso ricordarti che il G8 ci fu poco dopo le elezioni (un mese, sbaglio?) e che Genova era stata scelta da chi c'era al governo prima?

    Lo stesso che ti permette, ora, di usare

    internet, cellulare e magnare tranquillo

    senza arrabattarti come ancora succede
    in

    Russia e nei paesi ex-comunisti oggi.

    HAHAHAHAAH lo stesso che ha infilato basi
    missilistiche un pò in tutta Italia,
    lo stesso che ha trasformato L' America del
    Sud in un campo lavoro, lo stesso che ha
    invaso L' Iraq e il Vietnam ( oltre la Corea
    ), lo stesso che esporta grano transgenico
    in India per schiavizzare i contadini, lo
    stesso ..... posso andare avnti per ore. E
    inoltre, ci terrei ad informarti che gli
    italiano mangiavano anche senza gli
    americani.Certo, aspetta che chiedo ai miei nonni quanto mangiavano e quanto bene.
    Del cellulare faccio
    tranquillamente a menoQuindi non ce l'hai, giusto?
    e internet sarebbe
    funzionata anche senza di loro. Certo, l'hanno solo creata, internet. E sei sicuro che adesso avresti i $oldi per permetterti di stare al tuo bel pc a smanettare su internet a tempo indeterminato? Negli ex-paesi comunisti, sono pochi quelli che possono permetterselo.
    A proposito: sei scarso nelle motivazioni. E
    cieco.
    rotflperché la penso diversamente da te, giusto?
  • Anonimo scrive:
    Re: [OT]
    - Scritto da: sterlina

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo




    .....


    In quanto alle interviste al G8,
    posso


    contraddirti in pieno. I genovesi
    erano


    sì incazzati, ma non cpn la

    gente,


    bensì con il caro governo

    Berlusconi


    che aveva deciso di fare di Genova
    un


    agnello sacrificale. E se se ne
    sono

    accorti

    ....



    Ehm... chi è stato che ha deciso
    di

    fare il G8 a Genova ?

    arrivi tardi :D ti ho battuto di un minutoMi allenerò meglio... :-(
  • Anonimo scrive:
    E il primo emendamento ?
    ....
    • Anonimo scrive:
      Re: E il primo emendamento ?
      Se l'organizzazione avesse avuto sede negli usa, nessuno avrebbe potuto osare tanto, in virtù, appunto, del primo emendamento.In questo caso la richiesta è partita da un paese (Italia o Svizzera) in cui la tutela dell'opinione è molto precaria: l'fbi non ha fatto altro che dare seguito ad un procedimento richiesto da un'autorità estera nei confronti di un'organizzazione del paese richiedente.In pratica, non è giurisdizione americana.Non so se tecnicamente fattibile, ma quelli di Indymedia dovrebbero chiedere una sorta di "asilo politico" proprio agli usa.
      • Anonimo scrive:
        Re: E il primo emendamento ?
        - Scritto da: Anonimo
        Se l'organizzazione avesse avuto sede negli
        usa, nessuno avrebbe potuto osare tanto, in
        virtù, appunto, del primo
        emendamento.
        In questo caso la richiesta è partita
        da un paese (Italia o Svizzera) in cui la
        tutela dell'opinione è molto
        precaria: l'fbi non ha fatto altro che dare
        seguito ad un procedimento richiesto da
        un'autorità estera nei confronti di
        un'organizzazione del paese richiedente.
        In pratica, non è giurisdizione
        americana.
        Non so se tecnicamente fattibile, ma quelli
        di Indymedia dovrebbero chiedere una sorta
        di "asilo politico" proprio agli usa.già proprio a loro, anche se su Indymedia c'era pubblicato come Bush ha falsificato la sua vittoria
      • reflection scrive:
        Re: E il primo emendamento ?
        - Scritto da: Anonimo
        Se l'organizzazione avesse avuto sede negli
        usa, nessuno avrebbe potuto osare tanto, in
        virtù, appunto, del primo
        emendamento.
        In questo caso la richiesta è partita
        da un paese (Italia o Svizzera) in cui la
        tutela dell'opinione è molto
        precaria: l'fbi non ha fatto altro che dare
        seguito ad un procedimento richiesto da
        un'autorità estera nei confronti di
        un'organizzazione del paese richiedente.
        In pratica, non è giurisdizione
        americana.
        Non so se tecnicamente fattibile, ma quelli
        di Indymedia dovrebbero chiedere una sorta
        di "asilo politico" proprio agli usa.Su su, fa il bravo. Non venirmi a dire che un paese che infiltra agenti FBI in borghese in sedute pacifiste di 4 gatti rispetti il primo emendamento. Leggiti il patriot act e dimmi se non ti pare violazione della costituzione.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: sterlina

    - Scritto da: Anonimo


    In quanto alle interviste al G8, posso

    contraddirti in pieno. I genovesi erano

    sì incazzati, ma non cpn la
    gente,

    bensì con il caro governo
    Berlusconi

    che aveva deciso di fare di Genova un

    agnello sacrificale. E se se ne sono
    accorti

    i genovesi stessi, pensa a quelli
    arrivati

    lì dopo ....


    a dire il vero è stato il governo
    precedente che ha preso accordi per il G8 a
    Genova... salvo poi dimenticarsene due mesi
    dopo aver perso le elezioni e sono quindi
    andati anche loro lì a manifestare...Non mi sono spiegato bene, evidentemente. Non ho detto che il governo Berlusconi ha deciso di fare il G8 a Genova, ma di farne un agnello sacrificale. Nel senso che si è preferito usare Genova in ogni caso, invece di spostare lo stesso in una zona più adatta. Dopo le elezioni, si sono manifestati in fretta i problemi relativi all' uso di Genova come città per il G8. E da parecchie parti, genovesi compresi, ci sono state forti richieste di spostare quello che stava diventando da un congresso pacifico ad un forte scontro frontale con i pacifisti.IN OGNI CASO se non ci fosse stato l' intervento di questi strani facinorosi ( strani in quanto spesso fotografati con i celerini) e lo strano atteggiamento dei Carabinieri ( che avevano ricevuto ordini precisi ), NON AVREMMO AVUTO gli scontri che invece sono accaduti. E questo è DECISAMENTE strano, visto che la stragrande maggioranza dei no global erano PACIFISTI ITALIANI di provenienza perfini cattolica, e sicuramente non venuti per scatenare risse.Sono stato chiaro, ora ?
  • Avion scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo




    Gente che fa il suo lavoro e che ha

    l'appoggio dei cittadini, quando vede i

    manifestanti bruciargli i cassonetti
    sotto

    casa e tirare sassi (oggetti
    notoriamente

    innocui, soprattutto quando sono belli

    grossi)

    Oh, beh, che abbia l' appoggio dei cittadini
    mi stupirebbe. Io direi che hanno la paura
    degli stessi. Specialmente dopo i fatti di
    Genova....
    Ma ce la fai?Gli prendono a pedate chi gli spacca la città e ne hanno paura? Di chi ha paura l'agnello, del lupo o del fattore che lo caccia a fucilate?

    PACIFICAAHAHAHAHAHHAHAH

    Ma chi, quelli che si presentano con un

    furgone pieno di randelli e poi
    assaltano

    una camionetta dei carabinieri per
    pestarli

    e si incazzano pure se gli ammazzano

    l'amichetto facendo le povere vittime

    indifese contro i bastardi pulotti
    fascisti?

    rotfl

    Fai confusione. Guardati un pò di
    informazione vera, e verifica le strane foto
    fatte dai facinorosi assieme ai celerini.
    Se, naturalmente, non ritieni tutto quello
    che non è dalla tua parte come
    informazione falsa.....
    MMmmhhhh.... dove ho già visto questo
    atteggiamento .....
    Su indymedia! Lì c'è sempre solo informazione vera e attendibile mentre tutti gli altri dicono bugie.

    Per combattere bestie, si diventa
    bestie.

    Solo che poi loro tornano dalla
    famiglia e

    ridiventano perone normali.

    HAHAHAHAHAH... è per questo che ogni
    tanto un celerino impazzisce e fà
    fuori la famiglia??? Perchè sono
    tornati normali ?? Allora viva le persone
    strane....
    Solo i celerini, eh?Mappiantala. Argomentazione idiota.

    Le altre bestie tornano nei centri
    sociali a

    rosicare e restano bestie.

    Come quelli che si nascondono nelle cantine
    davanti ad un bel ceppo con scure a cantare
    canti fascisti .....Nascondersi? Perché?Ma va'.E poi i canti del regime sono pure belli. Stranamente, quelli li pubblicano, mentre non ho mai visto album di canti sovietici.
  • sterlina scrive:
    [OT]
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    .....

    In quanto alle interviste al G8, posso

    contraddirti in pieno. I genovesi erano

    sì incazzati, ma non cpn la
    gente,

    bensì con il caro governo
    Berlusconi

    che aveva deciso di fare di Genova un

    agnello sacrificale. E se se ne sono
    accorti
    ....

    Ehm... chi è stato che ha deciso di
    fare il G8 a Genova ?arrivi tardi :D ti ho battuto di un minuto
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    il governo D'Alema
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Avion

    - Scritto da: Anonimo




    Certo, se lo fà un sito

    dichiaratamente critico.

    AAHAHHAHAHAHAHAH


    per informare la

    gente con che polizia abbiamo a che
    fare,

    Gente che fa il suo lavoro e che ha
    l'appoggio dei cittadini, quando vede i
    manifestanti bruciargli i cassonetti sotto
    casa e tirare sassi (oggetti notoriamente
    innocui, soprattutto quando sono belli
    grossi)Oh, beh, che abbia l' appoggio dei cittadini mi stupirebbe. Io direi che hanno la paura degli stessi. Specialmente dopo i fatti di Genova....


    è subito caso politico. Ma non

    è certo un mistero che i suddetti

    celerini e MOLTA polizia ha ampie
    simpatie

    per certe forze violente e di destra.
    Oppure

    il caso della scuola di Genova è

    stato inventato ? Vogliamo dichiarare o
    no

    la rabbia per questi atteggiamenti che

    schiacciano gente pacifica?

    PACIFICAAHAHAHAHAHHAHAH
    Ma chi, quelli che si presentano con un
    furgone pieno di randelli e poi assaltano
    una camionetta dei carabinieri per pestarli
    e si incazzano pure se gli ammazzano
    l'amichetto facendo le povere vittime
    indifese contro i bastardi pulotti fascisti?
    rotflFai confusione. Guardati un pò di informazione vera, e verifica le strane foto fatte dai facinorosi assieme ai celerini. Se, naturalmente, non ritieni tutto quello che non è dalla tua parte come informazione falsa.....MMmmhhhh.... dove ho già visto questo atteggiamento .....


    Io non ho simpatia per chi fà
    della

    violenza una bandiera. Ma nemmeno per le

    cosidette forze dell' ordine che fanno
    della

    loro divisa scudo per diventare peggio
    di

    bestie.

    Bestie arroganti, prepotenti e

    vigliacche.....

    Per combattere bestie, si diventa bestie.
    Solo che poi loro tornano dalla famiglia e
    ridiventano perone normali.HAHAHAHAHAH... è per questo che ogni tanto un celerino impazzisce e fà fuori la famiglia??? Perchè sono tornati normali ?? Allora viva le persone strane....
    Le altre bestie tornano nei centri sociali a
    rosicare e restano bestie.Come quelli che si nascondono nelle cantine davanti ad un bel ceppo con scure a cantare canti fascisti .....
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo
    .....
    In quanto alle interviste al G8, posso
    contraddirti in pieno. I genovesi erano
    sì incazzati, ma non cpn la gente,
    bensì con il caro governo Berlusconi
    che aveva deciso di fare di Genova un
    agnello sacrificale. E se se ne sono accorti....Ehm... chi è stato che ha deciso di fare il G8 a Genova ?
  • rumenta scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Avion[cut]

    O guarda. Un crimine ..... specialmente
    dopo

    che i suddetti cari poliziotti ne hanno

    combinate di cotte e di crude. Vogliamo

    essere seri ? Cos'è che
    distingue un

    picchiatore da un celerino ? Il fatto
    che il

    secondo è regolarmente
    stipendiato

    dallo Stato .....



    No, li distingue il fatto che il primo
    distrugge senza alcun valido motivo solo per
    sfogare i propri istinti animali (altre
    motivazioni? perché presentarsi a una
    manifestazione pacifica con sciarpe e caschi
    per nascondersi, mazze, sanpietrini e
    quant'altro?), mentre il secondo mantiene
    l'ordine e la gente che si vede dei pazzi
    furiosi che gli distruggono l'auto e disfano
    la strada sotto casa "per salvare il mondo"
    sta pure con lui. Ricordi il G8 a Genova?
    Intervistavano i genovesi per strada
    incazzati neri, poi arriva uno sbraitando
    "eh sì, la libertà di
    manifestare ao' insomma" e quelli l'han
    preso a mazzate. Saranno forse stati un po'
    stanchi di essere salvati da loro?ma LOL.... e difatti ne hanno rinviati a giudizio un bel pacchettino, di questi agenti così carini, intelligenti e rispettosi delle leggi.....hai presente la caserma di bolzaneto??no, vero??che ne sai allora di quel che pensavano i genovesi...ne avevamo le palle piene del g8 già un mese prima che iniziasse, con la città sconvolta dai lavori, per poi raggiungere il massimo quando ci hanno chiusi nel pollaio della zona rossa.....ma che c.... parli se non hai idea di quello che dici.....






    Vergognosissimo, soprattutto da chi

    vorrebbe


    fare il paladino dei diritti civili

    contro


    il tiranno americano.



    Tiranno non è la parola giusta.
    Io

    preferisco invasore. E al limite
    bugiardo,

    massacratore, perfido, infido .... ect

    ect.....



    Lo stesso che ti permette, ora, di usare
    internet, cellulare e magnare tranquillo
    senza arrabattarti come ancora succede in
    Russia e nei paesi ex-comunisti oggi.si, è proprio vero, e anche giusto, paragonare quel m..... (BIIIPPP) di bush con statisti del calibro di JFK o Reagan....mi spiace per te ma l'epoca degli usa baluardo della libertà è finita da un pezzo.... ma forse ti è sfuggito.e concludo ricordandoti che avendo scritto quanto si legge poco sopra dovresti avere chiaro nella testolina che la libertà di opinione e di espressione va data a TUTTI.neanche a me piacciono i faziosi, ma anche a loro va data la possibilità di esprimersi, altrimenti che razza di libertà diventa......
  • sterlina scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo
    In quanto alle interviste al G8, posso
    contraddirti in pieno. I genovesi erano
    sì incazzati, ma non cpn la gente,
    bensì con il caro governo Berlusconi
    che aveva deciso di fare di Genova un
    agnello sacrificale. E se se ne sono accorti
    i genovesi stessi, pensa a quelli arrivati
    lì dopo ....a dire il vero è stato il governo precedente che ha preso accordi per il G8 a Genova... salvo poi dimenticarsene due mesi dopo aver perso le elezioni e sono quindi andati anche loro lì a manifestare...
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione
    - Scritto da: incuso
    Entro certi limiti. L'apologia di reato
    esiste, e non penso che sia tipica dei
    regimi totalitari. Non mi sembra così
    sbagliato vietare di inneggiare al crimine.Hai detto bene, esiste l'apologia di reato. E' una fattispecie prevista, peccato che la responsabilità penale sia personale , lo sanno anche le matricole di giurisprudenza, SOCIETAS DELINQUERE NON POTEST Quindi al limite era perseguibile il singolo individuo, non il sito in sè e chi lo gestisce.
    Nei regimi -quelli veri- non si possono
    esprimere opinioni in generale.Oh, no, puoi farlo. Purchè siano quelle approvate dal regime.
  • Anonimo scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Avion

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Avion


    Sito disgustoso.



    Sito critico. Che da' molto fastidio ad
    una

    certa parte di gente. In genere la

    più rozza dal punto di vista
    sociale.



    No. Dà fastidio a chi cerca
    informazione vera, non "indypendente" e
    contaminata pesantemente da ideologie che
    non fanno vedere, a chi scrive gli articoli,
    più in là del "manganello del
    celerino".Ideologie? Possiamo parlarne. Se, prima, allontaniamo il suddetto manganello, a tutt'oggi pronto a scagliarsi verso chi ragiona.




    Pubblicano le facce di due agenti
    (veri?


    boh) scrivendoci come didascalia
    una

    chiara


    allusione alla vendetta. Come
    dire: se

    li


    vedete, mazzulateli.



    O guarda. Un crimine ..... specialmente
    dopo

    che i suddetti cari poliziotti ne hanno

    combinate di cotte e di crude. Vogliamo

    essere seri ? Cos'è che
    distingue un

    picchiatore da un celerino ? Il fatto
    che il

    secondo è regolarmente
    stipendiato

    dallo Stato .....

    No, li distingue il fatto che il primo
    distrugge senza alcun valido motivo solo per
    sfogare i propri istinti animali (altre
    motivazioni? perché presentarsi a una
    manifestazione pacifica con sciarpe e caschi
    per nascondersi, mazze, sanpietrini e
    quant'altro?), mentre il secondo mantiene
    l'ordine e la gente che si vede dei pazzi
    furiosi che gli distruggono l'auto e disfano
    la strada sotto casa "per salvare il mondo"
    sta pure con lui. Ricordi il G8 a Genova?
    Intervistavano i genovesi per strada
    incazzati neri, poi arriva uno sbraitando
    "eh sì, la libertà di
    manifestare ao' insomma" e quelli l'han
    preso a mazzate. Saranno forse stati un po'
    stanchi di essere salvati da loro?HAHAHAHAHAHAHAHA. Dunque..... per tua sfortuna ho frequentato i suddetti celerini, anche se per poco, e la differenza invece è solo quella da me citata. Spero che tu un giorno possa provare la loro idea di ordine .... te lo meriti in pieno.In quanto alle interviste al G8, posso contraddirti in pieno. I genovesi erano sì incazzati, ma non cpn la gente, bensì con il caro governo Berlusconi che aveva deciso di fare di Genova un agnello sacrificale. E se se ne sono accorti i genovesi stessi, pensa a quelli arrivati lì dopo ....A proposito.... innumerevoli sono le foto che ritraggono i presunti violenti fare foto ricordo proprio con i celerini stessi ....






    Vergognosissimo, soprattutto da chi

    vorrebbe


    fare il paladino dei diritti civili

    contro


    il tiranno americano.



    Tiranno non è la parola giusta.
    Io

    preferisco invasore. E al limite
    bugiardo,

    massacratore, perfido, infido .... ect

    ect.....



    Lo stesso che ti permette, ora, di usare
    internet, cellulare e magnare tranquillo
    senza arrabattarti come ancora succede in
    Russia e nei paesi ex-comunisti oggi.HAHAHAHAAH lo stesso che ha infilato basi missilistiche un pò in tutta Italia, lo stesso che ha trasformato L' America del Sud in un campo lavoro, lo stesso che ha invaso L' Iraq e il Vietnam ( oltre la Corea ), lo stesso che esporta grano transgenico in India per schiavizzare i contadini, lo stesso ..... posso andare avnti per ore. E inoltre, ci terrei ad informarti che gli italiano mangiavano anche senza gli americani. Del cellulare faccio tranquillamente a meno, e internet sarebbe funzionata anche senza di loro. A proposito: sei scarso nelle motivazioni. E cieco.






    Dovrebbero cancellare quel sito,

    è un


    rifugio di pazzoidi.








    Lascio un link da leggere.





    attivissimo.blogspot.com/2004_10_01_attivissi



    Ho la sensazione che tu il link non lo
    abbia

    proprio usato.

    O io ho capito il contrario di quello
    che

    volevi dire ( a volte l' ironia potrebbe

    essere molto sottile ), o tu devi
    imparare a

    capire quello che leggi.

    Sei sicuro di aver letto?Io si.Tu ????
  • Anonimo scrive:
    Ma Landolfi...
    Ma Landolfi e molti che scrivono qui hanno mai letto Indymedia, o parlano tanto per dare aria alle corde vocali e solo sul sentito dire?
    • reflection scrive:
      Re: Ma Landolfi...
      - Scritto da: Anonimo
      Ma Landolfi e molti che scrivono qui hanno
      mai letto Indymedia, o parlano tanto per
      dare aria alle corde vocali e solo sul
      sentito dire?Landolfi sa leggere e probabilmente ha letto Indymedia diverse volte. Ha detto una cosa verissima, e cioe' che Indymedia sputa veleno: peccato che lo sputa sparando le verita' che infastidiscono personcine che hanno, ad esempio, trovato giubilo nella morte di Carlo Giuliani, vedi Landolfi.
  • Anonimo scrive:
    La responsabilita' penale e' personale
    Il newswire di Indymedia e' uno spazio su cui chiunque puo' pubblicare; l'IP di chi interviene non viene loggato.Similmente, allo Speaker's Corner in Hyde Park chiunque puo' parlare, senza bisogno di presentarsi. Molti di quelli che ci parlano sono pazzoidi.Immaginiamo che qualche speaker, con le sue parole, commetta un reato. Sarebbe giustificato sequestrare l'intero parco, anziche' indagare sul singolo speaker? Se l'intero parco venisse messo sotto sequestro, impedendo alla gente di accedervi, non sarebbe piu' possibile parlare allo Speaker's Corner. Non sarebbe piu' possibile *per nessuno*. Una polizia che agisse cosi' sarebbe una polizia che non persegue una singola persona che ha commesso un reato, ma impedisce *a tutti* di parlare. I paesi democratici hanno in genere costituzioni che proteggono la liberta' di parola.Ammettiamo pure che qualcuno abbia commesso un reato, pubblicando una notizia sul newswire. E' proporzionata la misura di sequestrare due interi hard disk? Se occorrevano gli hard disk per l'indagine o per la prova di un reato, sarebbe stato sufficiente farne una copia. Se in un luogo singole persone hanno commesso un reato, la responsabilita' penale e' soltanto loro. Non si possono perseguire tutti per un (presunto) reato che (forse) e' stato commesso da alcuni.
    • Avion scrive:
      Re: La responsabilita' penale e' persona
      - Scritto da: Anonimo
      Il newswire di Indymedia e' uno spazio su
      cui chiunque puo' pubblicare; l'IP di chi
      interviene non viene loggato.
      Similmente, allo Speaker's Corner in Hyde
      Park chiunque puo' parlare, senza bisogno di
      presentarsi. Molti di quelli che ci parlano
      sono pazzoidi.

      Immaginiamo che qualche speaker, con le sue
      parole, commetta un reato. Sarebbe
      giustificato sequestrare l'intero parco,
      anziche' indagare sul singolo speaker?
      Se l'intero parco venisse messo sotto
      sequestro, impedendo alla gente di
      accedervi, non sarebbe piu' possibile
      parlare allo Speaker's Corner. Non sarebbe
      piu' possibile *per nessuno*.

      Una polizia che agisse cosi' sarebbe una
      polizia che non persegue una singola persona
      che ha commesso un reato, ma impedisce *a
      tutti* di parlare. I paesi democratici hanno
      in genere costituzioni che proteggono la
      liberta' di parola.

      Ammettiamo pure che qualcuno abbia commesso
      un reato, pubblicando una notizia sul
      newswire. E' proporzionata la misura di
      sequestrare due interi hard disk?
      Se occorrevano gli hard disk per l'indagine
      o per la prova di un reato, sarebbe stato
      sufficiente farne una copia.

      Se in un luogo singole persone hanno
      commesso un reato, la responsabilita'
      penale e' soltanto loro. Non si possono
      perseguire tutti per un (presunto) reato che
      (forse) e' stato commesso da alcuni.
      Finalmente si parla in maniera intelligente, cappero.Tieni conto che la questione del sequestro parte perché ci sono le famose foto e se gli chiedevano di toglierle quelli gli ridevano in faccia.Ora: i poliziotti sono svizzeri e la foto è fatta in Svizzera.Non si sa bene perché, ma gli svizzeri girano la questione agli italiani.La società che dà housing a indymedia è americana, qundi si passa la palla all'FBI.Ma i server sono in una filiale britannica, quindi si chiamano i colleghi inglesi.Ma poi, come perseguire chi non è rintracciabile causa mancanza dei log?In linea di massima, si persegue chi ha reso possibile il reato.Il paragone con lo speaker's corner è interessante, ma non appropriato: se uno parlando commette un reato, lo si prende direttamente. Su indymedia, come detto sopra, non è possibile - non immediatamente, almeno.
  • Avion scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Anonimo

    Certo, se lo fà un sito
    dichiaratamente critico. AAHAHHAHAHAHAHAH
    per informare la
    gente con che polizia abbiamo a che fare,Gente che fa il suo lavoro e che ha l'appoggio dei cittadini, quando vede i manifestanti bruciargli i cassonetti sotto casa e tirare sassi (oggetti notoriamente innocui, soprattutto quando sono belli grossi)
    è subito caso politico. Ma non
    è certo un mistero che i suddetti
    celerini e MOLTA polizia ha ampie simpatie
    per certe forze violente e di destra. Oppure
    il caso della scuola di Genova è
    stato inventato ? Vogliamo dichiarare o no
    la rabbia per questi atteggiamenti che
    schiacciano gente pacifica?PACIFICAAHAHAHAHAHHAHAHMa chi, quelli che si presentano con un furgone pieno di randelli e poi assaltano una camionetta dei carabinieri per pestarli e si incazzano pure se gli ammazzano l'amichetto facendo le povere vittime indifese contro i bastardi pulotti fascisti?rotfl
    Io non ho simpatia per chi fà della
    violenza una bandiera. Ma nemmeno per le
    cosidette forze dell' ordine che fanno della
    loro divisa scudo per diventare peggio di
    bestie.
    Bestie arroganti, prepotenti e
    vigliacche.....Per combattere bestie, si diventa bestie.Solo che poi loro tornano dalla famiglia e ridiventano perone normali.Le altre bestie tornano nei centri sociali a rosicare e restano bestie.
  • Shuren scrive:
    Censura, democrazia, buon senso
    Un po' di pensieri e dubbi sul tema in questione.Sono per la libertà di pensiero e di parola.La democrazia dovrebbe garantire queste libertà, tuttavia non lo fa. Probabilmente sbagliando. A mio parere è preferibile un regime totalitario che l'illusione della libertà che da la democrazia.A questo punto si pone un problema: il buon senso delle persone.Quanti di noi se ne fregherebbero di essere insultati? Quanti di noi saprebbero tollerare le idee degli altri? Quanti di noi urterebbero la sensibilità, le ideologie, degli altri?Saper gestire la libertà non è facile. E le persone associano troppo spesso a libertà pensieri distorti della stessa. Si è liberissimi di dire che Berlusconi è un pagliaccio, che Bertinotti è un mangiabambini, ma queste affermazioni non rischiano di creare una sorta di terreno fertile per estremismi tanto simpatici a noi essere umani?Non è una difesa alla censura. E' un presupposto di discussione e miglioramento per avere una società davvero libera da restrizioni create dalla società stessa.
    • pinguinello scrive:
      Re: Censura, democrazia, buon senso
      Credo che tu abbia colto uno degli aspetti fondamentali.Aggiungerei......la continua demonizzazione "dell'avversario", oltre ad essere infruttuosa sul lungo termine e poco credibile, ho sempre trovato che sia poco liberale e un po' infantile. Credo che ci vorrebbe (qui in italia sicuramente, la situazione all'estero non la conosco) un po' più di onestà intellettuale nel riconoscere che l'altro non esiste per distruggere il mondo, ma semplicemente ha un altra visione di esso. Adesso però sono un po OT.
      • Anonimo scrive:
        Re: Censura, democrazia, buon senso
        - Scritto da: pinguinello
        Credo che tu abbia colto uno degli aspetti
        fondamentali.
        Aggiungerei......la continua demonizzazione
        "dell'avversario", oltre ad essere
        infruttuosa sul lungo termine e poco
        credibile, ho sempre trovato che sia poco
        liberale e un po' infantile. Credo che ci
        vorrebbe (qui in italia sicuramente, la
        situazione all'estero non la conosco) un po'
        più di onestà intellettuale
        nel riconoscere che l'altro non esiste per
        distruggere il mondo, ma semplicemente ha un
        altra visione di esso. Adesso però
        sono un po OT.Genericamente parlando hai ragione. Questo però non toglie che a volte l'altro stia veramente cercando di distruggere il mondo. Anche se uno è paranoico non significa che non può avere dei veri nemici.
        • pinguinello scrive:
          Re: Censura, democrazia, buon senso

          Genericamente parlando hai ragione. Questo
          però non toglie che a volte l'altro
          stia veramente cercando di distruggere il
          mondo. Anche se uno è paranoico non
          significa che non può avere dei veri
          nemici.Molto spesso però mi sembra di vedere le scene dei vecchi films americani in cui i cattivissimi russi con un accento ridicolo scatenavano "l'impero del male" comunista contro i poveri e liberi del resto del mondo. E sinceramente in questo panorama l'utente che vuole informarsi si trova spaesato, bisogna credere al texano che sventola Bin Laden come si faceva secoli fa con il crudele Saladino, oppure credere alla "controinformazione", che molto spesso è talmente preconcetta dal diventare anche loro ridicoli? Su quale basi scegliere quale è la vera verità.
          • rumenta scrive:
            Re: Censura, democrazia, buon senso
            - Scritto da: pinguinello


            Genericamente parlando hai ragione.
            Questo

            però non toglie che a volte
            l'altro

            stia veramente cercando di distruggere
            il

            mondo. Anche se uno è paranoico
            non

            significa che non può avere dei
            veri

            nemici.

            Molto spesso però mi sembra di vedere
            le scene dei vecchi films americani in cui i
            cattivissimi russi con un accento ridicolo
            scatenavano "l'impero del male" comunista
            contro i poveri e liberi del resto del
            mondo. E sinceramente in questo panorama
            l'utente che vuole informarsi si trova
            spaesato, bisogna credere al texano che
            sventola Bin Laden come si faceva secoli fa
            con il crudele Saladino, oppure credere alla
            "controinformazione", che molto spesso
            è talmente preconcetta dal diventare
            anche loro ridicoli? Su quale basi scegliere
            quale è la vera verità.hemmmm..... scusa, ma se elimini la "controinformazione", anche quella ridicola, come fanno le persone a scegliere??non trovi forse che ci sia bisogno di tutto e del contrario di tutto per potersi formare una idea che sia personale e non inculcata dall'unica informazione disponibile??
    • Anonimo scrive:
      Re: Censura, democrazia, buon senso
      in svizzera qualche mese fa dei doganieri svizzeri hanno dovuto fermare uno straniero clandestino con la forza. questo straniero, dopo essere stato espulso dalla svizzera, non ha avuto niente di meglio da fare che andare a casa di uno dei doganieri che nel frattempo era al lavoro e sgozzare la moglie incinta di 2 bambini.mi sembra piu' che normale che la svizzera, che in fatto di privacy e' ben piu' avanti di altre nazioni, direi quasi paranoica della privacy, tenti dunque di difendere l'identita' dei propri agenti.se questo a voi fa cosi skifo, allora potete accogliere l'america e il patriot act a braccia aperte (arrivera' anche qui in italia, non temete)
    • Anonimo scrive:
      Re: Censura, democrazia, buon senso
      La politica moderna si basa sulla demonizzazione dell'avversario.Che facciamo?Arrestiamo tutti i politici perché hanno educato intere generazioni all'odio?La parte più divertente e che se uno dei due schieramenti, qualunque essi siano o di qualunque paese si parli, riuscisse a eliminare l'altro, all'interno dello stesso schieramento si verificherebbe una scissione che porterebbe alla creazione di altre divergenze.Questo perché la politica si basa sull'assioma "io ho ragione, tu hai torto e quindi devi stare zitto".
  • incuso scrive:
    Re: La finta informazione
    - Scritto da: Quelo
    Quello che sfugge a te, come ad altri,
    è che nei paesi democratici chiunque
    dovrebbe avere il diritto di esprimere le
    proprie idee, anche se scomode, o persino
    errate se così la vuoi mettere. E'
    una questione di principio.Entro certi limiti. L'apologia di reato esiste, e non penso che sia tipica dei regimi totalitari. Non mi sembra così sbagliato vietare di inneggiare al crimine.
    Altrimenti spiegami perchè dovremmo
    essere meglio dei regimi che contestiamo e
    dove mandiamo i soldati.Nei regimi -quelli veri- non si possono esprimere opinioni in generale.M.--http://incuso.altervista.org
  • Avion scrive:
    Re: La finta informazione "indypendente"
    - Scritto da: Quelo
    Quello che sfugge a te, come ad altri,
    è che nei paesi democratici chiunque
    dovrebbe avere il diritto di esprimere le
    proprie idee, anche se scomode, o persino
    errate se così la vuoi mettere. E'
    una questione di principio.

    Altrimenti spiegami perchè dovremmo
    essere meglio dei regimi che contestiamo e
    dove mandiamo i soldati.

    In pratica siamo al "reato d'opinione". Come
    ha detto qualcuno, a forza di esportare
    democrazia stiamo rimanendo senza...Quello che sfugge a te, invece, è che il sequestro è partito per questioni di sicurezza dei poliziotti e non perché facevano informazione "indypendente"
    • Anonimo scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion
      Quello che sfugge a te, invece, è che
      il sequestro è partito per questioni
      di sicurezza dei poliziotti e non
      perché facevano informazione
      "indypendente"Perchè secondo te, l'FBI si preoccupa di due poliziotti italiani...E tu gli credi...
      • Avion scrive:
        Re: La finta informazione "indypendente"
        - Scritto da: Quelo
        Perchè secondo te, l'FBI si preoccupa
        di due poliziotti italiani...

        E tu gli credi...Evvai di gentaglia che manco ha letto le informazioni.Tempo buttato, manco ti rispondo più, va'
        • Anonimo scrive:
          Re: La finta informazione "indypendente"
          - Scritto da: Avion
          Evvai di gentaglia che manco ha letto le
          informazioni.(Gentaglia lo dici alla tua famiglia di bigotti)Tu leggi l'articolo, e credi che sia partito tutto qui in Italia, immagino? Ok, è un idea. Io mi sono fatto un idea diversa. Magari è sbagliata, eh!Ma vorrei aver diritto ad averla lo stesso. Da' così fastidio?
          • Avion scrive:
            Re: La finta informazione "indypendente"
            - Scritto da: Quelo
            - Scritto da: Avion

            Evvai di gentaglia che manco ha letto le

            informazioni.

            (Gentaglia lo dici alla tua famiglia di
            bigotti)

            Tu leggi l'articolo, e credi che sia partito
            tutto qui in Italia, immagino? Ok, è
            un idea. Io mi sono fatto un idea diversa.
            Magari è sbagliata, eh!

            Ma vorrei aver diritto ad averla lo stesso.
            Da' così fastidio?Sì, se non hai informazioni a supporto. Sono castelli campati in aria e discutere con te diventa una perdita di tempo.
          • shamael scrive:
            Re: La finta informazione "indypendente"
            - Scritto da: Avion

            - Scritto da: Quelo

            - Scritto da: Avion


            Evvai di gentaglia che manco ha
            letto le


            informazioni.



            (Gentaglia lo dici alla tua famiglia di

            bigotti)



            Tu leggi l'articolo, e credi che sia
            partito

            tutto qui in Italia, immagino? Ok,
            è

            un idea. Io mi sono fatto un idea
            diversa.

            Magari è sbagliata, eh!



            Ma vorrei aver diritto ad averla lo
            stesso.

            Da' così fastidio?

            Sì, se non hai informazioni a
            supporto. Sono castelli campati in aria e
            discutere con te diventa una perdita di
            tempo.Non vorrei sembrare oltremodo puntiglioso, ma se le tue fonti sono (e suppongo non possa essere altrimenti) quelle di tutti i "non addetti ai lavori", cioe' siti di informazione e in generale servizi giornalistici su un qualche tipo di media (anzi medium, che non ne posso piu' di questa anglofilia!), basi le tue tesi su qualcosa di riferito da terzi, che quindi, a voler essere rigorosamente logici, non e' poi tanto meno "campato per aria" del ragionamento di un singolo (che per fortuna si puo' ancora formulare...a quando lo psicoreato? :()...Sono d'accordo sul fatto che quelle foto con quelle (presunte) didascalie andassero rimosse, ma scusa, per un paio di foto sequestrano 300Gb? In che risoluzione erano? ;)Dopotutto, non mi sembrerebbe inverosimile che l'FBI o chi altro abbia colto la palla al balzo...
    • Anonimo scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion

      - Scritto da: Quelo

      Quello che sfugge a te, come ad altri,

      è che nei paesi democratici
      chiunque

      dovrebbe avere il diritto di esprimere
      le

      proprie idee, anche se scomode, o
      persino

      errate se così la vuoi mettere.
      E'

      una questione di principio.



      Altrimenti spiegami perchè
      dovremmo

      essere meglio dei regimi che
      contestiamo e

      dove mandiamo i soldati.



      In pratica siamo al "reato d'opinione".
      Come

      ha detto qualcuno, a forza di esportare

      democrazia stiamo rimanendo senza...

      Quello che sfugge a te, invece, è che
      il sequestro è partito per questioni
      di sicurezza dei poliziotti e non
      perché facevano informazione
      "indypendente"ma cos'hai la palla di vetro?nessuno ancora sa nulla e tu già sputi la tua sentenzama fammi il favooooore
  • Anonimo scrive:
    Re: Onore a Punto Informatico
    - Scritto da: Avion
    Giusta risposta: han fatto una cavolata
    pubblicando foto di poliziotti in borghese e
    hanno ricevuto la giustissima mazzata sul
    capo.

    Libertà di informazione non è
    libertà di violazione della legge e
    della privacy. Soprattutto di poliziotti,
    con richiesta mica tanto velata di fare
    vendetta se li si rivede.

    Se ci mettevano le loro facce, su internet,
    cosa avrebbero detto?Ma non dire CAZZATE. Vatti a nascondere se hai il cervello ottenebrato dai fumi dell' alcool.
  • Anonimo scrive:
    Re: Onore a Punto Informatico
    - Scritto da: Anonimo
    patetico...
    leggendo questo post mi ricordava la
    rivendicazione delle BR al sequestro di
    Moro...
    oltre ad accendere un pc riesci ogni tanto
    ad accendere anche il cervello?mmmm...... tu l'avrai anche acceso, ma se da acceso riesci a scrivere solo queste cagate era meglio se lo lasciavi spento :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Onore a Punto Informatico
    - Scritto da: Anonimo
    patetico...
    leggendo questo post mi ricordava la
    rivendicazione delle BR al sequestro di
    Moro...
    oltre ad accendere un pc riesci ogni tanto
    ad accendere anche il cervello?Io invece trovo pericoloso che gente destrorsa come tu sei di sicuro possa definire "patetico" un post che cerca di difendere la libertà di parola e di informazione.Già, ma voialtri capite solo altri metodi e altri linguaggi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Onore a Punto Informatico
    - Scritto da: Avion
    Giusta risposta: han fatto una cavolata
    pubblicando foto di poliziotti in borghese e
    hanno ricevuto la giustissima mazzata sul
    capo.

    Libertà di informazione non è
    libertà di violazione della legge e
    della privacy. Soprattutto di poliziotti,
    con richiesta mica tanto velata di fare
    vendetta se li si rivede.

    Se ci mettevano le loro facce, su internet,
    cosa avrebbero detto?Boh... però, visto che i dischi contenevano delle email si sono lamentati per la violazione della privacy......e della privacy dei due poliziotti invece ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Onore a Punto Informatico
    Guarda avion che se ho capito bene non hanno censurato solo indymedia .it, ma anche la versione americana etc...
  • Anonimo scrive:
    Re: Onore a Punto Informatico
    io no di sicuro ma definire quel sito indipendente democratico e libero è la più grossa fesseria che si possa dire. e poi ci si lamenta che c'è gente che vota il berlusca....se questa è l'alternativa.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Onore a Punto Informatico
      non capisco perchè i commenti contro sono inutili....questa è la vostra democrazia e libertà di opinione....ripetoSIETE PATETICI!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Onore a Punto Informatico
      non sono indipendenti e non danno liberta di espressione esattamente come indymedia...cmq non mi risulta che fede o feltri abbiano mai incitato a pestare agnoletto o casarini....
      • Anonimo scrive:
        Re: Onore a Punto Informatico
        - Scritto da: Anonimo
        non sono indipendenti e non danno liberta di
        espressione esattamente come indymedia...
        cmq non mi risulta che fede o feltri abbiano
        mai incitato a pestare agnoletto o
        casarini....Non mi occupo di politica, ma ti ricordo che si possono pestare a sangue le persone senza neanche toccarle con un dito: bastano alcune frasi ad effetto come quelle sparate abitualemte da un certo Fedelix.....
      • Anonimo scrive:
        Re: Onore a Punto Informatico
        - Scritto da: Anonimo
        non sono indipendenti e non danno liberta di
        espressione esattamente come indymedia...
        cmq non mi risulta che fede o feltri abbiano
        mai incitato a pestare agnoletto o
        casarini....A me risulta che Feltri abbia pubblicato i nomi e cognomi di persone condannate (e che avevano scontato la loro pena) per reati di tipo sessuale esponendoli alla pubblica gogna. Ed il tutto per vendere 4 copie in più. Questo è veramente disgustoso. Se vuoi poi possiamo parlare dell'elenco dei deputati che avevano votato contro la guerra in Afghanistan pubblicato sempre dal buon Feltri sotto a un titolo che recitava + o - "Ecco gli amici di Bin Laden"....e potrei continuare.
  • Anonimo scrive:
    Fascisti!
    :| che palle!
    • Anonimo scrive:
      Re: Fascisti!
      - Scritto da: Anonimo
      :| che palle!Guarda che poi oscurano anche Punto Infiormatico...... :PQuesto covo di comunisti dove gli IP vengono loggati ma sono "protetti" dalla legge sulla "privacy".Barone dello Zwanlandshire(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Fascisti!

        Guarda che poi oscurano anche Punto
        Infiormatico...... :p
        Questo covo di comunisti dove gli IP vengono
        loggati ma sono "protetti" dalla legge sulla
        "privacy".seeeee, la legge sulla privacy all'italiana...
  • Anonimo scrive:
    Re: Onore a Punto Informatico
    - Scritto da: Anonimo
    patetico...
    leggendo questo post mi ricordava la
    rivendicazione delle BR al sequestro di
    Moro...
    oltre ad accendere un pc riesci ogni tanto
    ad accendere anche il cervello?a quanto pare tu no....
  • Anonimo scrive:
    Ricomincia .....
    Ma guarda guarda ..... Invece del manganello sugli oppositori, ora che possono, certe forze passano direttamente al sequestro.Come sempre, la storia si ripete.........
    • Avion scrive:
      Re: Ricomincia .....
      vi siete trasferiti in massa da indymedia per sbraitare come anatre?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ricomincia .....
        - Scritto da: Avion
        vi siete trasferiti in massa da indymedia
        per sbraitare come anatre?Se è per questo ho già risposto a quello che hai starnazzato prima ....Oh, scusa, volevo dire esposto .....
        • Anonimo scrive:
          Re: Ricomincia .....
          avion lascia perdere sta gente....l'unica libertà di parola che conoscono è solo quella che esce dalla loro boccaPATETICIIIIIIIIIIIIII
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricomincia .....
            - Scritto da: Anonimo
            avion lascia perdere sta gente....
            l'unica libertà di parola che
            conoscono è solo quella che esce
            dalla loro bocca

            PATETICIIIIIIIIIIIIIIhihihihihihih.... adoro chi d'ha del patetico. In genere è perchè da' via del suo ......
      • Anonimo scrive:
        Re: Ricomincia .....
        - Scritto da: Avion
        vi siete trasferiti in massa da indymedia
        per sbraitare come anatre?Per forza......non sapevano più dove postare...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ricomincia .....
        - Scritto da: Avion
        vi siete trasferiti in massa da indymedia
        per sbraitare come anatre?Ma vatti a nascondere.Ne hai già dette abbastanza di cazzate su questo gravissimo attacco e atto di censura contro Indymedia e contro INTERNET.Vatti a nascondere!
        • Avion scrive:
          Re: Ricomincia .....
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Avion

          vi siete trasferiti in massa da
          indymedia

          per sbraitare come anatre?
          Ma vatti a nascondere.
          Ne hai già dette abbastanza di
          cazzate su questo gravissimo attacco e atto
          di censura contro Indymedia e contro
          INTERNET.
          Vatti a nascondere!Oh povero :(t'hanno rotto il giocattolino? :(Ora dove potrai organizzare la lotta armata contro il demonio USA? :(La censura esiste a Cuba e in Cina, terre notoriamente comuniste, mica qui :)Qui si sequestrano le prove di reato e si salvaguarda la sicurezza dei cittadini :)Ora che fai, pubblichi una mia foto con il mio indirizzo e mi aspettate sotto casa? :(
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricomincia .....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricomincia .....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricomincia .....
            - Scritto da: Avion

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Avion


            vi siete trasferiti in massa da

            indymedia


            per sbraitare come anatre?

            Ma vatti a nascondere.

            Ne hai già dette abbastanza di

            cazzate su questo gravissimo attacco e
            atto

            di censura contro Indymedia e contro

            INTERNET.

            Vatti a nascondere!

            Oh povero :(

            t'hanno rotto il giocattolino? :(No, assolutamente. Non è il giocattolino ad essere rotto, è la libertà d'opinione.

            Ora dove potrai organizzare la lotta armata
            contro il demonio USA? :(Mmmmm .... si passa alle accuse di terrorismo, o mi sbaglio ??

            La censura esiste a Cuba e in Cina, terre
            notoriamente comuniste, mica qui :)Già. Proprio vero. Quì non esiste la censura... Ma sei gia arrivato alla maggior età ?

            Qui si sequestrano le prove di reato e si
            salvaguarda la sicurezza dei cittadini :)

            Ora che fai, pubblichi una mia foto con il
            mio indirizzo e mi aspettate sotto casa? :(Non sarebbe il mio stile. Al limite pubblichiamo la foto del tuo profilo, che è già noto. Al chè sorge un dubbio: sei donna/donna o ti nascondi dietro un paravento di femminilità, per altro strana data la tua aggressività verbale .......
          • Anonimo scrive:
            Re: Ricomincia .....

            Qui si sequestrano le prove di reato e si
            salvaguarda la sicurezza dei cittadini :)e no caro le prove si acquisiscono non si sequestrano, si può ricorrere al sequestro di un bene o alla sua copia. La differenza c'è e non è piccola.A meno che il vero scopo non sia un altro ovvero cercare di distruggere le informazioni come già fatto altre volte, vedi la notte degli arresti di Genova quando la polizia ha distrutto deliberatamente PC e sequstrato illegalmente gli HD.
        • DuDe scrive:
          Re: Ricomincia .....
          - Scritto da: Anonimo
          Ma vatti a nascondere.
          Ne hai già dette abbastanza di
          cazzate su questo gravissimo attacco e atto
          di censura contro Indymedia e contro
          INTERNET.
          Vatti a nascondere!Non esageriamo, addirittura INTERNET hanno oscurato un sito, ma vogliamo vedere perche'? ( senza nessuna polemica) io fino ad ora mica ho capito perche' indymedia e' stato oscurato, quello che di certo capito e' che la svizzera ha chiesto all'italia di oscurare tale sito a fronte di prove, ora come ho letto da qualche parte, sarebbe stato piu' opportuno tirar via la parte che agli svizzeri dava fastidio e lasciare il resto, tie' ci metto pure che avrebbero potuto obbligare indymedia a mettere al posto del materiale scomodo, un avviso che tale materiale e' stato sequestrato bla, bla, bla questo sarebbe stato a mio avviso piu' giusto.Mo da qui a dire che e' in pericolo internet , secondo me ce ne vuole
      • Anonimo scrive:
        Re: Ricomincia .....
        - Scritto da: Avion
        vi siete trasferiti in massa da indymedia
        per sbraitare come anatre?no, e non serve condividere le idee di quelli di indymedia per capire che comunqure si è trattao di un abuso in puro stampa fascista
  • Avion scrive:
    La finta informazione "indypendente"
    Sito disgustoso.Indipendenti? Forse (forse) economicamente , ma è una discarica di delirii, notizie più tendenziose di quelle cui vorrebbero opporsi...Pubblicano le facce di due agenti (veri? boh) scrivendoci come didascalia una chiara allusione alla vendetta. Come dire: se li vedete, mazzulateli.Vergognosissimo, soprattutto da chi vorrebbe fare il paladino dei diritti civili contro il tiranno americano.Dovrebbero cancellare quel sito, è un rifugio di pazzoidi.Lascio un link da leggere.http://attivissimo.blogspot.com/2004_10_01_attivissimo_archive.html
    • Anonimo scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion
      Sito disgustoso.Sito critico. Che da' molto fastidio ad una certa parte di gente. In genere la più rozza dal punto di vista sociale.

      Indipendenti? Forse (forse)
      economicamente, ma è una
      discarica di delirii, notizie più
      tendenziose di quelle cui vorrebbero
      opporsi...

      Pubblicano le facce di due agenti (veri?
      boh) scrivendoci come didascalia una chiara
      allusione alla vendetta. Come dire: se li
      vedete, mazzulateli.O guarda. Un crimine ..... specialmente dopo che i suddetti cari poliziotti ne hanno combinate di cotte e di crude. Vogliamo essere seri ? Cos'è che distingue un picchiatore da un celerino ? Il fatto che il secondo è regolarmente stipendiato dallo Stato .....

      Vergognosissimo, soprattutto da chi vorrebbe
      fare il paladino dei diritti civili contro
      il tiranno americano.Tiranno non è la parola giusta. Io preferisco invasore. E al limite bugiardo, massacratore, perfido, infido .... ect ect.....

      Dovrebbero cancellare quel sito, è un
      rifugio di pazzoidi.


      Lascio un link da leggere.
      attivissimo.blogspot.com/2004_10_01_attivissiHo la sensazione che tu il link non lo abbia proprio usato.O io ho capito il contrario di quello che volevi dire ( a volte l' ironia potrebbe essere molto sottile ), o tu devi imparare a capire quello che leggi.
      • incuso scrive:
        Re: La finta informazione "indypendente"
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Avion

        Sito disgustoso.

        Sito critico. Che da' molto fastidio ad una
        certa parte di gente. In genere la
        più rozza dal punto di vista sociale.Certo pubblicare le foto di due persone con espliciti riferimenti a pestarli invece è tipico delle persone colte e raffinate. Non so (e spero di no) se tutto il resto del sito fosse così ma questa è sicuramente incitamento alla violenza. Non so dalle tue parti ma questo si chiama fascismo.M.--http://incuso.altervista.org
        • Anonimo scrive:
          Re: La finta informazione "indypendente"
          - Scritto da: incuso

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Avion


          Sito disgustoso.



          Sito critico. Che da' molto fastidio ad
          una

          certa parte di gente. In genere la

          più rozza dal punto di vista
          sociale.

          Certo pubblicare le foto di due persone con
          espliciti riferimenti a pestarli invece
          è tipico delle persone colte e
          raffinate. Non so (e spero di no) se tutto
          il resto del sito fosse così ma
          questa è sicuramente incitamento alla
          violenza. Non so dalle tue parti ma questo
          si chiama fascismo.

          M.
          --
          incuso.altervista.org Simpatico ... ma se non sai perchè quoti ?Fra le altre cose, di simili situazioni fasciste l' Italia è piena. Inoltre i riferimenti a pestarli, in effetti, non c'erano. Erano solo indicati due personaggi, con le relative foto, con l' elenco degli abusi commessi.Se lo fà lo Stato è normale, invece ??E se lo fanno una marea di siti nazi-fascisti inneggianti alla violenza e non minimamente toccati dallo stesso Stato, cosa affermiamo, che è pubblicità progresso ??Certo, se lo fà un sito dichiaratamente critico. per informare la gente con che polizia abbiamo a che fare, è subito caso politico. Ma non è certo un mistero che i suddetti celerini e MOLTA polizia ha ampie simpatie per certe forze violente e di destra. Oppure il caso della scuola di Genova è stato inventato ? Vogliamo dichiarare o no la rabbia per questi atteggiamenti che schiacciano gente pacifica?Io non ho simpatia per chi fà della violenza una bandiera. Ma nemmeno per le cosidette forze dell' ordine che fanno della loro divisa scudo per diventare peggio di bestie.Bestie arroganti, prepotenti e vigliacche.....
      • Avion scrive:
        Re: La finta informazione "indypendente"
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Avion

        Sito disgustoso.

        Sito critico. Che da' molto fastidio ad una
        certa parte di gente. In genere la
        più rozza dal punto di vista sociale.
        No. Dà fastidio a chi cerca informazione vera, non "indypendente" e contaminata pesantemente da ideologie che non fanno vedere, a chi scrive gli articoli, più in là del "manganello del celerino".

        Pubblicano le facce di due agenti (veri?

        boh) scrivendoci come didascalia una
        chiara

        allusione alla vendetta. Come dire: se
        li

        vedete, mazzulateli.

        O guarda. Un crimine ..... specialmente dopo
        che i suddetti cari poliziotti ne hanno
        combinate di cotte e di crude. Vogliamo
        essere seri ? Cos'è che distingue un
        picchiatore da un celerino ? Il fatto che il
        secondo è regolarmente stipendiato
        dallo Stato .....
        No, li distingue il fatto che il primo distrugge senza alcun valido motivo solo per sfogare i propri istinti animali (altre motivazioni? perché presentarsi a una manifestazione pacifica con sciarpe e caschi per nascondersi, mazze, sanpietrini e quant'altro?), mentre il secondo mantiene l'ordine e la gente che si vede dei pazzi furiosi che gli distruggono l'auto e disfano la strada sotto casa "per salvare il mondo" sta pure con lui. Ricordi il G8 a Genova? Intervistavano i genovesi per strada incazzati neri, poi arriva uno sbraitando "eh sì, la libertà di manifestare ao' insomma" e quelli l'han preso a mazzate. Saranno forse stati un po' stanchi di essere salvati da loro?



        Vergognosissimo, soprattutto da chi
        vorrebbe

        fare il paladino dei diritti civili
        contro

        il tiranno americano.

        Tiranno non è la parola giusta. Io
        preferisco invasore. E al limite bugiardo,
        massacratore, perfido, infido .... ect
        ect.....
        Lo stesso che ti permette, ora, di usare internet, cellulare e magnare tranquillo senza arrabattarti come ancora succede in Russia e nei paesi ex-comunisti oggi.



        Dovrebbero cancellare quel sito,
        è un

        rifugio di pazzoidi.





        Lascio un link da leggere.


        attivissimo.blogspot.com/2004_10_01_attivissi

        Ho la sensazione che tu il link non lo abbia
        proprio usato.
        O io ho capito il contrario di quello che
        volevi dire ( a volte l' ironia potrebbe
        essere molto sottile ), o tu devi imparare a
        capire quello che leggi.Sei sicuro di aver letto?
      • pinguinello scrive:
        Re: La finta informazione "indypendente"

        Sito critico. Che da' molto fastidio ad una
        certa parte di gente. In genere la
        più rozza dal punto di vista sociale.Certo certo, chi non è con me è contro di me, se non sei della mia idea sei un rozzo dell'età della pietra....con questo atteggiamento se ne fa molta di strada!
        O guarda. Un crimine ..... specialmente dopo
        che i suddetti cari poliziotti ne hanno
        combinate di cotte e di crude. Vogliamo
        essere seri ? Cos'è che distingue un
        picchiatore da un celerino ? Il fatto che il
        secondo è regolarmente stipendiato
        dallo Stato .....Ma per favore finiamola con questa storia dei bravi manifestanti che recando un mazzo di viole vengon dalla campagna in sul calar del sole! Le responsabilità stanno sempre da tutte e due le parti, che ti credi che il cellerino lo allevano come i pitbul? O trovi che pigliare serci in testa sia divertente? Alle manifestazioni ci siamo stati tutti, nei centri sociali ci sono cresciuto, e li ho conosciuto gente PERICOLOSA che puntualmente mandava in vacca le manifestazioni, gente che andava con le SPRANGHE e smontava i sanpietrini.
    • Anonimo scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion
      Sito disgustoso.
      Indipendenti? Forse (forse)
      economicamente , ma è una
      discarica di delirii, notizie più
      tendenziose di quelle cui vorrebbero
      opporsi...Quello che sfugge a te, come ad altri, è che nei paesi democratici chiunque dovrebbe avere il diritto di esprimere le proprie idee, anche se scomode, o persino errate se così la vuoi mettere. E' una questione di principio.Altrimenti spiegami perchè dovremmo essere meglio dei regimi che contestiamo e dove mandiamo i soldati.In pratica siamo al "reato d'opinione". Come ha detto qualcuno, a forza di esportare democrazia stiamo rimanendo senza...
    • Anonimo scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion
      Sito disgustoso.
      Sappiamo che i "siti" di tuo gusto sono il TG4 con le scosciate del Fede che fanno a gara a chi è + figa.Le "notizie" passano il terza o quarta linea e si danno solo quelle di moda e quelle che leccano il culo al PADRONE........sììììììììììììììììììììì BUANAAAAA..................
    • mr_setter scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion
      Dovrebbero cancellare quel sito, è un
      rifugio di pazzoidi.Voltaire: "Non sono d'accordo con te ma darei la mia vita perchè tu possa sempre esprimere ciò che pensi!"(troll)
    • paperinox scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion
      Sito disgustoso.opinione personale e quindi opinabilissima..... a meno che tu non pensi che il tuo giudizio non sia il Vangelo.... oh, a proposito, non è lì che sta scritto "non giudicare e non sarai giudicato"??

      Indipendenti? Forse (forse)
      economicamente , ma è una
      discarica di delirii, notizie più
      tendenziose di quelle cui vorrebbero
      opporsi...altro bel giudizio... complimenti.... venendo da te sarà sicuramente vero....

      Pubblicano le facce di due agenti (veri?
      boh) scrivendoci come didascalia una chiara
      allusione alla vendetta. Come dire: se li
      vedete, mazzulateli.

      Vergognosissimo, soprattutto da chi vorrebbe
      fare il paladino dei diritti civili contro
      il tiranno americano.si, in effetti si sentiva proprio il bisogno di sequestrare 2 server.si vede che c'era una foto per ciascuno ;)

      Dovrebbero cancellare quel sito, è un
      rifugio di pazzoidi.se lo dici tu si farà sicuramente :D
    • gerry scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion
      Sito disgustoso.Se chiudessero tutti i siti che io ritengo disgustosi, internet sarebbe veramente desolata
    • Anonimo scrive:
      Re: La finta informazione "indypendente"
      - Scritto da: Avion
      Sito disgustoso.

      Indipendenti? Forse (forse)
      economicamente, ma è una
      discarica di delirii, notizie più
      tendenziose di quelle cui vorrebbero
      opporsi...

      Pubblicano le facce di due agenti (veri?
      boh) scrivendoci come didascalia una chiara
      allusione alla vendetta. Come dire: se li
      vedete, mazzulateli.

      Vergognosissimo, soprattutto da chi vorrebbe
      fare il paladino dei diritti civili contro
      il tiranno americano.

      Dovrebbero cancellare quel sito, è un
      rifugio di pazzoidi.


      Lascio un link da leggere.
      attivissimo.blogspot.com/2004_10_01_attivissiperfettamente d'accordo... in fondo non ci vuole molto a sfogliare qualche pagina di indymedia per accorgersi che si sono bevuti il cervello... vedono fascisti e nazisti ovunque
  • Anonimo scrive:
    Onore a Punto Informatico
    Che sta dando il giusto rilievo ad un operazione Internazionale partita dall' Italia (a quanto pare) e condotta dalla ormai famigerata FBI (che usa a quanto pare metodi da ex KGB sovietico) di attacco alla Rete e alla Libera Informazione con il sequestro in UK e il consequente oscuramento di un organo di informazione globale in Rete come Indymedia; x alcuni discutibile quanto si vuole, ma informazione comunque libera e non addomensticata dal PADRONE NANO foraggiatore di turno.Questo attacco alla LIBERA INFORMAZIONE deve preoccupare e deve sollevare la massima indignazione da parte di tuti coloro cui stanno a cuore libertà e DEMOCRAZIA (quella vera), e non la finta democrazia di cui ormai spesso c'è la reale sensazione che si stia instaurando specie da poi che il texano Bush ha dato il via alla GUERRA UNILATERALE E PREVENTIVA appoggiata da Blair e Berlusconi.L' attacco a Indymedia nei termini e modi con cui è statto portato è gravissimo e lesivo sicuramente ancora una volta del Diritto Internazionale e della libertà di Stampa oltre che di pensiero, e richiede le giuste risposte.
    • pinguinello scrive:
      Re: Onore a Punto Informatico
      Io prima di gridare allo scandalo aspetterei prima di scoprire le ragioni del sequestro, poi eventualmente starò con te a gridare contro. Magari avevano buoni motivi.Forse sono troppo ottimista.
      • Anonimo scrive:
        Re: Onore a Punto Informatico
        - Scritto da: pinguinello
        Io prima di gridare allo scandalo aspetterei
        prima di scoprire le ragioni del sequestro,
        poi eventualmente starò con te a
        gridare contro. Magari avevano buoni motivi.
        Forse sono troppo ottimista.Ah sì?E quali sarebbero? Quelli del destrorso Landolfi memore dei suoi antenati del Minculpop che si frega le mani?
        • pinguinello scrive:
          Re: Onore a Punto Informatico
          - Scritto da: Anonimo
          Ah sì?
          E quali sarebbero? Quelli del destrorso
          Landolfi memore dei suoi antenati del
          Minculpop che si frega le mani?Beh, sai, a me non è mai piaciuto dare retta alle voci di coridoio, preferisco i fatti documentati, altrimenti si va davvero a credere che Elvis non è morto ma è stato rapito dagli alieni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Onore a Punto Informatico
            - Scritto da: pinguinello

            - Scritto da: Anonimo

            Ah sì?

            E quali sarebbero? Quelli del destrorso

            Landolfi memore dei suoi antenati del

            Minculpop che si frega le mani?

            Beh, sai, a me non è mai piaciuto
            dare retta alle voci di coridoio, preferisco
            i fatti documentati, altrimenti si va
            davvero a credere che Elvis non è
            morto ma è stato rapito dagli alieni.Sì, ma intanto quelli prima ti sparano, poi ti chiedono di alzare le mani.(linux)(linux)Dammi retta, è gentaglia; gente con la quale non ci devi nemmeno andare a bere il caffè.
          • Anonimo scrive:
            Re: Onore a Punto Informatico
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: pinguinello



            - Scritto da: Anonimo


            Ah sì?


            E quali sarebbero? Quelli del
            destrorso


            Landolfi memore dei suoi antenati
            del


            Minculpop che si frega le mani?



            Beh, sai, a me non è mai piaciuto

            dare retta alle voci di coridoio,
            preferisco

            i fatti documentati, altrimenti si va

            davvero a credere che Elvis non è

            morto ma è stato rapito dagli
            alieni.

            Sì, ma intanto quelli prima ti
            sparano, poi ti chiedono di alzare le
            mani.(linux)(linux)
            Dammi retta, è gentaglia; gente con
            la quale non ci devi nemmeno andare a bere
            il caffè.Non. Lo so. Non mi è mai capitato di prendere un caffè con un alieno. Ma da oggi eviterò accuratamente...
          • Anonimo scrive:
            Re: Onore a Punto Informatico
            a me risulta che quando hanno sparato di fronte avevano un "bravo" ragazzo con le mani alzate...si alzate....ma con un bell'estintore pronto a sfondare qualche cranio
          • Anonimo scrive:
            Re: Onore a Punto Informatico
            - Scritto da: Anonimo
            a me risulta che quando hanno sparato di
            fronte avevano un "bravo" ragazzo con le
            mani alzate...
            si alzate....
            ma con un bell'estintore pronto a sfondare
            qualche cranioCome i PULOTTI SUDAMERICANI della scuola DIAZ di Genova che hanno fracasato crani e ossa a manganellate a gente che dormiva portando poi dentro false prove tipo molotov o altro e che adesso sono tutti sotto processo?Come i PULOTTI SUDAMERICANI che fracassavano facce e schiene a calci coi loro scarponi ferrati a gente che era distesa a terra e che non aveva fatto nulla di male se non partegipare pacificamente ad una manifestazione?Ti riferisci a questi elementi fascisti che una volta condannati dovrebbero essere trasferiti in Sudamerica come fanno adesso con quelli di Lampedusa?Ecco cosa DENUNCIAVA Indymedia. Denunciava queste DISTORSIONI della DEMOCRAZIA.
          • Anonimo scrive:
            Re: Onore a Punto Informatico
          • Anonimo scrive:
            Re: Onore a Punto Informatico
          • pinguinello scrive:
            Re: Onore a Punto Informatico

            Intanto adesso i tribunali gli romperanno il
            CULO a loro, poi li vedremo senza divisa
            come sfileranno x le strade.Per fare un intervento facile facile:ma invece quelli che a genova facevano azioni di guerra civile e davano fuoco alle macchine? Perchè non scontano la loro pena? Troppo difficile prenderli? Ma si sa, quelli erano solo ragazzi vivaci, poi il resto se lo sono inventati i media no?
      • Akiro scrive:
        Re: Onore a Punto Informatico

        Io prima di gridare allo scandalo aspetterei
        prima di scoprire le ragioni del sequestro,
        poi eventualmente starò con te a
        gridare contro. Magari avevano buoni motivi.
        Forse sono troppo ottimista.i buoni motivi dovrebbero esser di domino pubblico, altrimenti sembra un sequestro "preventivo"...
    • Anonimo scrive:
      Re: Onore a Punto Informatico
      patetico...leggendo questo post mi ricordava la rivendicazione delle BR al sequestro di Moro...oltre ad accendere un pc riesci ogni tanto ad accendere anche il cervello?
    • Avion scrive:
      Re: Onore a Punto Informatico
      Giusta risposta: han fatto una cavolata pubblicando foto di poliziotti in borghese e hanno ricevuto la giustissima mazzata sul capo.Libertà di informazione non è libertà di violazione della legge e della privacy. Soprattutto di poliziotti, con richiesta mica tanto velata di fare vendetta se li si rivede.Se ci mettevano le loro facce, su internet, cosa avrebbero detto?
    • pierosereni scrive:
      Re: Onore a Punto Informatico
      E poi ci meravigliamo quando in Cina o in altri paesi si procede alla censura dei siti internet!Si va dimostrando anche nel democratico Occidente quanto sia labile e a rischio la libertà di espressione e di informazione.Quanto è avvenuto con Indymedia è di una gravità eccezionale, costituisce un segnale molto allarmante; fa capire quanto la possibilità di esprimersi sulla rete sia pari a quella di censurare.
Chiudi i commenti