Convegno Linux-Free Software a Imola

Si terrà Sabato 11 maggio a Palazzo Sersanti


Roma – Si chiama “Linux@work” la “giornata per scoprire Linux e i suoi vantaggi” che si terrà a Imola, a piazza Matteotti 8, Palazzo Sersanti, sabato 11 maggio alle 9,30 (ingresso gratuito).

A volere il convegno su Linux e Free Software è stato “Cultura per Imola”, centro della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, in collaborazione con l’Associazione Liberi Professionisti Giovanni Codronchi Argeli.

“Dopo un’introduzione che informerà circa gli aspetti storici del movimento Free Software – spiega una nota – esperti del settore proporranno una serie di interventi che spazieranno dalle problematiche giuridiche a quelle legate alla sicurezza informatica, da considerazioni tecniche inerenti al kernel alla presentazione di soluzioni applicative nella pubblica amministrazione, scuole e imprese, il tutto al fine di dimostrare le opportunità che l’open source rappresenta per chi sceglie di utilizzarlo”.

Altre info sono disponibili qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'ipocrisia e l'incoerenza di Gasparri
    proprio lui aveva proposto l'abolizione in campagna elettorale, che Dio mi fulmini se voto ancora una volta qualsiasi candidato di Alleanza Nazionale e della Casa delle Liberta' (di fare quel che gli pare)
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ipocrisia e l'incoerenza di Gasparri
      Senza parlare del problema Internet.......codesto personaggio aveva assicurato che Internet sarebbe stata alla portata di tutti ........omettendo di dire ,"di tutti i benestanti"..!!!???Infatti il Canone Telecom è aumentato,...le Flat sono scomparse.....si sono abbassati i costi allo scatto x le telefonate intercontinentali (di uso quotidiano..!!??).....si sta facendo una campagna di addescamento all'ADSL con prezzi al monento "bassi" (50 ?) che andranno ,quando tutti opteranno x questa, al rialzo indiscriminato...!!!Evviva il LIBERISMO....Evviva il Governo......che toglie ai poveri x dare ai ricchi!!!
  • Anonimo scrive:
    Ma lui....????.....
    Proprio così........Fate quel che dico,..non fate quel che faccio..!!!!In una nota trasmissione televisiva, il Ministro on.Gasparri (AN) ha palesemente dichiarato che lui il Canone RAI non lo paga e non lo pagherà mai....!!!Già....tanto lui può farlo.....noi NO..!!!DICIAMOLO.....(come dice l'on.LaRussa )....La legge è uguale x tutti...(ma dove l'ho letta questa c@zz@t@).........
  • Anonimo scrive:
    complimenti
    Caro Ministro,i miei complimenti per questa sua posizione, mantenere il canone è certamente la più grande idiozia che si possa fare almeno allo stato attuale delle cose. Le televisioni private sono sostenute dalla pubblicità e pertanto se vogliamo guardare i programmi trasmessi è d'obbligo accettare le interruzioni pubblicitarie ... la RAI invece dato che ha il canone come sostentamento non dovrebbe trasmettere pubblicità almeno durante i programmi, ma oggi non è così ... allora manteniamolo pure se tanto ci tenete ma almeno abbiate la decenza di bloccare la pubblicità.
    • Anonimo scrive:
      Re: complimenti
      giusto
    • Anonimo scrive:
      Re: complimenti
      Mi risulta che il canone Rai sia indicato come tassa di possesso per il proprio televisore.Alcune riflessioni :- Se non pago il canone, rischio la "piombatura" dell' apparecchio TV , quindi non vedo nulla, ma non dovrebbero bloccare solo i canali RAI ? - Se pago per il mio TV , perchè i soldi finiscono solo alla RAI ? E' come , per esempio , se i soldi del bollo auto finissero tutti alla FIAT.- Se ho un' impianto satellitare , perchè devo pagare un canone alla RAI ? Bloccatemi la ricezione "terrestre" del segnale , ma non di tutti i segnaliA voi le risposte.
      • Anonimo scrive:
        Re: complimenti
        - Scritto da: Fabio
        Mi risulta che il canone Rai sia indicato
        come tassa di possesso per il proprio
        televisore.

        Alcune riflessioni :

        - Se non pago il canone, rischio la
        "piombatura" dell' apparecchio TV , quindi
        non vedo nulla, ma non dovrebbero bloccare
        solo i canali RAI ?

        - Se pago per il mio TV , perchè i soldi
        finiscono solo alla RAI ? E' come , per
        esempio , se i soldi del bollo auto
        finissero tutti alla FIAT.

        - Se ho un' impianto satellitare , perchè
        devo pagare un canone alla RAI ? Bloccatemi
        la ricezione "terrestre" del segnale , ma
        non di tutti i segnaliAnch'io sono nelle tue stesse condizioni!Pago entrambi.Nella mia zona il segnale è pessimo perciò la decisione di ricorrere al satellitare.Che dire?Non è giusto, io sono obbligata a pagare un servizio che non ho! (RAI)Come potrebbero mettermi i piombini al televisore se è collegato all'impianto satellitare, nel caso in cui io rifiutassi di pagare il canone?E poi quanti abbonati non pagano il canone (è una questione di principio anche), Gasparri dica cosa vuole sull'utilità o meno...
        A voi le risposte.

        • Anonimo scrive:
          Re: x dfsx
          Il canone è legato al tuo televisore , non al tipo di segnale che entra ... questa è la furbata statale.Hai un TV , bene paga ! Lo usi come mobile , nemmeno collegato alla corrente elettrica , bene paga !Se il canone fosse in realtà un abbonamento al servizio pubblico , potrei essere d'accordo ed ovviamente se non ricevo questo servizio o non mi piace , non lo pago ... libero di farlo.Ma in questo caso mi viene applicata una tassa perchè ho deciso di comprare un TV , obbligandomi a finanziare la RAI , è come se per esempio comprando un tv mi trovassi obbligatoriamente da pagare (e non potendo disdire) canone RAI,D+ e Stream.Facciamo un canone per chi vuole vedere la RAI , chi paga la vede , altrimenti no.Il problema è che non potendo poi controllare chi ha pagato per vedere la RAI e chi no , hanno pensato bene di mettere il balzello sul TV , così sono sicuri di prendere buoni e cattivi.La scusa del servizio pubblico non regge, basterebbe applicare un decoder o simile , in questo modo chi ha pagato vede la RAI , chi non paga può vedere ugualmente in chiaro i programmi di servizio , come TG , discorsi pubblici , previsioni meteo. - Scritto da: dfsx


          - Scritto da: Fabio

          Mi risulta che il canone Rai sia indicato

          come tassa di possesso per il proprio

          televisore.



          Alcune riflessioni :



          - Se non pago il canone, rischio la

          "piombatura" dell' apparecchio TV , quindi

          non vedo nulla, ma non dovrebbero bloccare

          solo i canali RAI ?



          - Se pago per il mio TV , perchè i soldi

          finiscono solo alla RAI ? E' come , per

          esempio , se i soldi del bollo auto

          finissero tutti alla FIAT.



          - Se ho un' impianto satellitare , perchè

          devo pagare un canone alla RAI ?
          Bloccatemi

          la ricezione "terrestre" del segnale , ma

          non di tutti i segnali

          Anch'io sono nelle tue stesse condizioni!
          Pago entrambi.
          Nella mia zona il segnale è pessimo perciò
          la decisione di ricorrere al satellitare.
          Che dire?
          Non è giusto, io sono obbligata a pagare un
          servizio che non ho! (RAI)

          Come potrebbero mettermi i piombini al
          televisore se è collegato all'impianto
          satellitare, nel caso in cui io rifiutassi
          di pagare il canone?

          E poi quanti abbonati non pagano il canone
          (è una questione di principio anche),
          Gasparri dica cosa vuole sull'utilità o
          meno...


          A voi le risposte.



    • Anonimo scrive:
      Re: complimenti
      Diciamo piuttosto che se venisse abolito il canone la Rai avrebbe di fatto diritto a non avere più alcun limite massimo di affollamento, togliendo così pubblicità (=soldi) al maggior concorrente di Rai, che è proprio l'Azienda del capo di Gasparri...Coincidenze...Ciao!- Scritto da: pubblicità
      Caro Ministro,
      i miei complimenti per questa sua posizione,
      mantenere il canone è certamente la più
      grande idiozia che si possa fare almeno allo
      stato attuale delle cose. Le televisioni
      private sono sostenute dalla pubblicità e
      pertanto se vogliamo guardare i programmi
      trasmessi è d'obbligo accettare le
      interruzioni pubblicitarie ... la RAI invece
      dato che ha il canone come sostentamento non
      dovrebbe trasmettere pubblicità almeno
      durante i programmi, ma oggi non è così ...
      allora manteniamolo pure se tanto ci tenete
      ma almeno abbiate la decenza di bloccare la
      pubblicità.
      • Anonimo scrive:
        Re: complimenti
        Grande Chicca, in effetti hai centrato il problema.C'e' sempre un interesse personale in queste scelte e in effetti il buon Gasparri avra' fatto proprio gli interessi del Berlusca.Speriamo che il popolo italiano si svegli prima o poi...
    • Anonimo scrive:
      Re: complimenti
      - Scritto da: pubblicità
      mantenere il canone è certamente la più
      grande idiozia che si possa fare Scusa, ma di quale canone stai parlando?Disdicilo, no?http://www.associttadini.org/canonerai/Canone%20Rai.htm
Chiudi i commenti