Copyright, presi i ninja dello streaming

In manette cinque amministratori del sito di streaming NinjaVideo. Avrebbero guadagnato mezzo milione di dollari in tre anni d'attività illecita. Sono ora accusati di crimini contro il diritto d'autore. Il sito è stato sigillato
In manette cinque amministratori del sito di streaming NinjaVideo. Avrebbero guadagnato mezzo milione di dollari in tre anni d'attività illecita. Sono ora accusati di crimini contro il diritto d'autore. Il sito è stato sigillato

Avrebbero guadagnato più di mezzo milione di dollari in tre anni di distribuzione illecita di film e programmi televisivi . Un gruppo di cinque amministratori della piattaforma di streaming NinjaVideo è così finito nelle grinfie degli agenti federali statunitensi, ora accusato di attività criminose in violazione massiva del copyright.

Ad esprimersi è stato un grand jury della città di Alexandria, in Virginia: i responsabili di Ninjavideo – tra cui i due founder Hana Beshara e Matthew Smith – avrebbero sfruttato illegalmente milioni di visitatori mensili , attirati dalla presenza di contenuti in streaming condivisi in violazione del diritto d’autore.

Supportato dalla pubblicità, NinjaVideo offriva ai suoi utenti la possibilità di abbonarsi in modalità premium al prezzo di 25 dollari al mese . Un amministratore residente in Grecia gestiva l’intera base di uploader nel Vecchio Continente. Si può usare il passato: l’ormai celebre Operation In Our Sites ha posto i suoi sigilli sul dominio della piattaforma.

Nessun rimpianto da parte della stessa Beshara, che ha diffuso online un video in cui si è scagliata contro i potenti signori di Hollywood. “L’abbiamo fatto per amore del gioco. È stato così divertente – ha spiegato Beshara, alias Phara – Non ci saranno mai rimpianti su NinjaVideo “. Gli accusati si ripresenteranno in aula il prossimo 16 settembre.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

13 09 2011
Link copiato negli appunti