Corea, cyber-polizia a guardia del Web

Annunciato l'addestramento di 3mila poliziotti della Rete. Forze dell'ordine al servizio degli interessi economici nazionali

Roma – Saranno oltre 3mila i cyber-poliziotti che la Corea del Sud formerà per proteggere le imprese da attacchi via Web.

A rivelarlo è l’agenzia di stampa Yonhap che ha anche specificato che gli sceriffi della Rete avranno lo scopo di tutelare le aziende coreane , prevenendo le incursioni via Internet e le fughe di dati sensibili.

La Corea del Sud, che è già dotata di un’unità cyber-militare, in caso di attacchi provvederebbe anche alla creazione di una task-force formata da civili oltre che da membri dell’apparato governativo e coordinata dal servizio di intelligence nazionale.

La formazione dei 3mila poliziotti speciali, selezionati tra esperti del settore, sarebbe dunque una misura necessaria dati i recenti attacchi informatici subiti da Seoul. Durante l’estate, pagine governative e non, come quella della Kookmin Bank, erano state bloccate da un’invasione di malware, attribuita da alcuni alla Corea del Nord.

Inoltre, la decisione di formare e mobilitare i cyber-poliziotti è ancor più motivata se si pensa che la Corea del Sud è uno dei paesi più “connessi” al mondo e dunque maggiormente sensibile ad attacchi di questo tipo. Una recente ricerca le aveva attribuito un primato da far invidia perfino agli States: la velocità di connessione a Seoul raggiungerebbe i 20,4 megabit al secondo di media, garantendole così il primo posto di questa classifica tecnologica.

Federica Ricca

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • utente scrive:
    Ma nessuno litiga ?
    Quando si parla di Linux o Windows qui su PI, qualunque sia l'argomento, di solito ci sono lunghe discussioni in cui i militanti di entrambi gli schieramenti si scontrano. Questa volta mi aspettavo che i sostenitori di Windows si sarebbero scatenati e invece niente, sono quasi deluso :(
    • Wolf01 scrive:
      Re: Ma nessuno litiga ?
      Stanno andando via tutti, PI è in decadenzaE io dico: meglio pochi ma buoni, tanto non mi interessa se scrivono XXXXXXX o trattati scientifici, a me basta passare quel quarto d'ora di pausa ogni tanto :D
      • Valeren scrive:
        Re: Ma nessuno litiga ?
        Non solo: col fatto che gli articoli sono "alla rinfusa" e non per data, può essere che stiano litigando furiosamente in un thread di due settimane fa...
        • Wolf01 scrive:
          Re: Ma nessuno litiga ?
          Infatti non per altro sto usando pressochè solo il pannello di controllo utente per ricercare le discussioni a cui ho postato per vedere se la gente mi risponde, anche perchè potrebbero avermi risposto ad un articolo dell'anno scorso :D
  • panda rossa scrive:
    Ma usenet che c'entra?
    Nel titolo dell'articolo vengono citati i newsgroup, ma l'articolo di usenet non parla.E' il solito titolo scandalistico, o manca qualcosa nell'ariticolo?
    • Valeren scrive:
      Re: Ma usenet che c'entra?
      Quando parla di Google groups si riferisce a quello: messaggio su usenet che Google indicizza e riporta, poi il trojan si trova i comandi belli comodi.
  • Funz scrive:
    Sito malevolo
    Specificare che funziona solo con IE e solo con Windows (come è probabile) o anche con altri browser / SO?
    • panda rossa scrive:
      Re: Sito malevolo
      - Scritto da: Funz
      Specificare che funziona solo con IE e solo con
      Windows (come è probabile) o anche con altri
      browser /
      SO?Non serve specificarlo: quello e' l'unico standard che M$ segue rigorosamente da sempre.Si fa prima a sottolineare quando altri client sono coinvolti: se non espressamente indicato allora sono esenti.
    • anon scrive:
      Re: Sito malevolo
      Horo (love)
  • h7 scrive:
    Siete arrivati esimi sulla notizia
    L'avevo già scritta io ieri sera...
  • Hcube scrive:
    Ingegnoso
    sono stati ingegnosi ma una bot-net è formata da centinaia di migliaia di macchine qui solo 100 ,effettivamente potrebbe trattarsi di una prova
  • Mapperfavor e scrive:
    Braccia rubate all' agricoltura
    Ma possibile che per scrivere ste XXXXXXXte vi diano pure uno stipendio ??

    nell'impossibilità di uscire dalla pagina fraudolenta se non attraverso una chiusura forzata del browser.ma disabilitate Javascript CANI !!!e se ti viene aperto un sito diverso da quello che ti aspetti ma chi ti dice che devi cliccare "OK" ad ogni prompt che ti viene proposto ??

    Veicolando traffico malevolo sulla porta TCP/IP 8080 la "botnet di botnet" iniettava codice malevolo su siti legittimi,... da oggi usare un proxy e' il MALE !!!

    In ogni caso, pare che la falla aperta nei server Linux non sia da imputare al pinguino: di errore umano e password prevedibili si tratterebbe, e dunque gli admin che hanno fatto il proprio dovere possono dormire (ancora) sonni tranquilli.... vorrei vedere chi da la colpa a Linux se ti beccano user:root pass:root
    • vitello tonnato scrive:
      Re: Braccia rubate all' agricoltura
      Io come password di root ho messo "abc" dormo sonni tranquilli. Eh, certo che sono proprio scemi ad usare "root" come password di root ;)
      • Lord Kap scrive:
        Re: Braccia rubate all' agricoltura
        - Scritto da: vitello tonnato
        Io come password di root ho messo "abc" dormo
        sonni tranquilli. Eh, certo che sono proprio
        scemi ad usare "root" come password di root ;) LOL! Eppure credevo che 1234 fosse quella più sicura! ;) -- Saluti, Kap
    • 4.3BSD scrive:
      Re: Braccia rubate all' agricoltura
      - Scritto da: Mapperfavor e
      ma disabilitate Javascript CANI !!!
      e se ti viene aperto un sito diverso da quello
      che ti aspetti ma chi ti dice che devi cliccare
      "OK" ad ogni prompt che ti viene proposto
      ??Il problema è che alcuni "utonti" non si rendono nemmeno conto di essere su un sito sospetto.


      Veicolando traffico malevolo sulla porta
      TCP/IP 8080 la "botnet di botnet" iniettava
      codice malevolo su siti legittimi,

      ... da oggi usare un proxy e' il MALE !!!Che c'entrano i proxy?Sta parlando di un secondo server web "nascosto" che sta in ascolto sulla porta 8080 invece che sulla 80.
      ... vorrei vedere chi da la colpa a Linux se ti
      beccano user:root
      pass:rootPer non parlare delle varie: 12qwaszx, qwerty & co...Cmq difficilmente entrano da root, anche perché spesso il login remoto da amministratore è disabilitato di default.In genere tentano di bucare il server entrando come utenti normali, provano centinaia di nomi e password. Una volta entrati guardano che distro è in uso, la versione del kernel e se è disponibile un local root exploit.
      • panda rossa scrive:
        Re: Braccia rubate all' agricoltura
        - Scritto da: 4.3BSD
        - Scritto da: Mapperfavor e


        ma disabilitate Javascript CANI !!!

        e se ti viene aperto un sito diverso da quello

        che ti aspetti ma chi ti dice che devi cliccare

        "OK" ad ogni prompt che ti viene proposto

        ??

        Il problema è che alcuni "utonti" non si rendono
        nemmeno conto di essere su un sito
        sospetto.Basterebbe usare un browser invece che quella robaccia preinstallata.Ho appena provato and andare su quel sito li' che dice l'articolo, e il buon FF mi propone la solita pagina violacea di avvertimento che quel sito e' tarocco!
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Braccia rubate all' agricoltura
      vai a farti vedere da uno bravo, non sei tanto ok con la "CPU"
Chiudi i commenti