Corea del Nord, propaganda da corsa

Un videogame per guidare tra le strade della capitale Pyongyang, nel rispetto dei limiti previsti dal codice stradale. Più che un'esperienza videoludica, un megafono per il governo

Roma – Non sarà divertente come Super Mario Kart, ma Pyongyang Racer è il primo videogioco prodotto in Corea del Nord, destinato ad un pubblico straniero per un giro virtuale tra le meraviglie architettoniche della città asiatica . Sviluppato da Nosotek – che si definisce la prima azienda occidentale nell’IT coreana – il gioco di corse automobilistiche è effettivamente noioso come pochi.

Con un finanziamento garantito dall’agenzia di viaggi britannica Koryo Group – il cui business è parecchio radicato in Corea del Nord per l’organizzazione di visite guidate e tour della zona – Pyongyang Racer prevede un giro per le strade della capitale, nel rispetto dei limiti stradali per evitare l’apparizione di terribili vigilesse .

“Non guardarmi, sono in servizio”, rimbrotta l’agente di polizia che guida il giocatore nella visita della città. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • anverone99 scrive:
    mycomment
    Come programma e' davvero completo, forse anche troppo.Il fatto e' che di questi software se ne fa sempre meno uso. E' molto piu' semplice oggi archiviare i propri documenti/software su chiavette o HD USB (su cui e' sempre possibile successivamente anche aggiornare i dati)Poi comunque e' questione di abitudini personali...
    • Sgabbio scrive:
      Re: mycomment
      Diciamo che se hai un software che ti fa tutto questo da solo, magari salvando pure lo stato di sistema, male non farebbe.
Chiudi i commenti