Coronavirus: la rete è un bene di pubblica utilità

Coronavirus: la rete è un bene di pubblica utilità

La rete è un bene di pubblica utilità poiché fondamentale per consentire all'Italia di resistere al Coronavirus: si soddisfino le esigenze degli utenti.
La rete è un bene di pubblica utilità poiché fondamentale per consentire all'Italia di resistere al Coronavirus: si soddisfino le esigenze degli utenti.

La conseguenza prima del blocco degli spostamenti avvenuto in questi giorni di emergenza per il Coronavirus è stato un forte innalzamento del traffico dati registrato dalle abitazioni. Due i motivi: gli usi privati, con un forte aumento dello streaming e dei giochi online, e professionale, con un primo (inatteso, per certi versi sgangherato, in molti casi improvvisato) impatto con la realtà del telelavoro. Ecco perché tra le nuove misure del DPCM 17 marzo è previsto un investimento speciale sulle reti a supporto del traffico dati, abilitando gli operatori a fare tutto quanto possibile per far sì che le reti di comunicazione reggano.

Articolo 82: la rete è un bene di pubblica utilità

La misura è relativa all’articolo 82 del testo promulgato nelle ultime ore dalla Gazzetta Ufficiale dopo giorni di ipotesi e recita specificatamente che:

Le imprese che svolgono attività di fornitura di reti e servizi di comunicazioni elettroniche […] intraprendono misure e svolgono ogni utile iniziativa atta a potenziare le infrastrutture e a garantire il funzionamento delle reti e l’operatività e continuità dei servizi.

Inoltre:

Le imprese fornitrici di servizi di comunicazioni elettroniche accessibili al pubblico adottano tutte le misure necessarie per potenziare e garantire l’accesso ininterrotto ai servizi di emergenza

Soprattutto, in virtù del fatto che le condizioni sono di fatto mutate e per molti sono cambiate le esigenze nel giro di pochi giorni, “Le imprese fornitrici di reti e servizi di comunicazioni elettroniche soddisfano qualsiasi richiesta ragionevole di miglioramento della capacità di rete e della qualità del servizio da parte degli utenti, dando priorità alle richieste provenienti dalle strutture e dai settori ritenuti “prioritari” dall’unità di emergenza della PdC o dalle unità di crisi regionali“.

A tal fine, per autorizzarne ogni movimento ed intervento sul territorio, le aziende impegnate in tali servizi vengono correlate ad un vero e proprio concetto di “pubblica utilità“, tali per cui hanno non solo il diritto, ma un vero e proprio dovere, di operare tutti i necessari interventi di manutenzione della rete che si rendano necessari da qui al 30 giugno 2020.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 18 mar 2020
Link copiato negli appunti