CPU raffreddate a ioni

Una società californiana sta sviluppando un sistema di raffreddamento avveniristico che consuma meno, elimina più calore e non ha parti in movimento. Silenzio assicurato
Una società californiana sta sviluppando un sistema di raffreddamento avveniristico che consuma meno, elimina più calore e non ha parti in movimento. Silenzio assicurato

Si potrà presto dire addio al rumore delle ventole nei laptop, quando il processore va su di giri e occorre in qualche modo smaltire tutto quel calore in eccesso? Lo sperano quelli di Tessera , società di San Jose (California), impegnata nel “packaging” di microprocessori e attualmente al lavoro su un sistema di raffreddamento attivo ma senza ventola che sfrutta la ionizzazione molecolare per ridurre a più miti consigli i bollori delle CPU di ogni genere e formato.

Il sistema di Tessera prevede l’impiego di due elettrodi posizionati agli antipodi del processore da raffreddare: il passaggio di corrente attraverso di essi genera la ionizzazione di molecole di azoto che vengono fatte passare sulla CPU, con il risultato di trascinare via l’aria calda prodotta da quest’ultimo e raffreddare l’intero sistema.

Non si tratta certo del primo meccanismo di “cooling” senza ventola in produzione, ma a differenza degli altri quello di Tessera è attivo e, a quanto pare, estremamente efficiente nello svolgere il suo compito : l’energia richiesta per il suo funzionamento è circa la metà di quella necessaria a un sistema tradizionale basato su ventola, e l’azoto ionizzato sarebbe capace di rimuovere il 30 per cento in più di aria calda.

Il sistema di cooling di Tessera è prima di tutto rivolto a quegli ambiti di utilizzo che trarrebbero un enorme vantaggio dalla rimozione di elementi attivi come le ventole installate nel laptop, ma può in teoria adattarsi a svariati scenari applicativi inclusi sistemi ad alte prestazioni o server.

Dopo aver sperimentato il funzionamento dei principi base, dicono dalla società californiana, gli ingegneri sono ora al lavoro per risolvere i problemi pratici della tecnologia, soprattutto quelli connessi al tempo di corrosione del materiale che compone gli elettrodi e la sensibilità all’accumulo di polvere. Non dovrebbe comunque mancare ancora molto alla commercializzazione fissata per il prossimo anno.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 05 2009
Link copiato negli appunti