Creative lancia Audigy 2, boccia il chip 3D

La mamma della Sound Blaster sta per lanciare una nuova scheda sonora per audiofili in grado di supportare la qualità dei DVD-Audio e il surround 6.1. Cancellato invece il progetto di un chip grafico consumer


Singapore – Mentre la prima generazione di schede sonore Sound Blaster Audigy, lanciata lo scorso anno, fa ancora fatica a scalzare dal mercato la diffusissima Sound Blaster Live!, Creative sembra decisa a mantenere lo status quo nel segmento entry-level e rivolgersi, con la nuova Audigy 2, ad una nicchia di utenti dalle orecchie ben allenate.

La Audigy è dedicata agli audiofili e porta con sé funzionalità che difficilmente potranno essere immediatamente apprezzate dal più vasto pubblico di utenti consumer. La scheda è in grado di riprodurre suoni campionati a 24-bit/192KHz, la stessa qualità dei DVD-Audio, e di registrare a 24-bit/96KHz. Creative dichiara un rapporto segnale/rumore (SNR) pari a 106 db e sostiene che questa è la prima scheda sonora per computer certificata THX e capace di supportare il surround 6.1 per i film codificati in Dolby Digital EX e per i giochi che utilizzano l’ultima versione della tecnologia DirectSound 3D.

La scheda è dotata, a seconda del modello, di una o più uscite FireWire (che Creative chiama SB1394), capaci di trasferire dati ad una velocità di 400 Mbit/s. Il prodotto è accompagnato da una nuova versione del player software MediaSource, ora in grado di riprodurre DVD-Audio, comprimere l’audio nei formati MP3 e WMA, spazializzare l’audio stereofonico per mezzo del surround 6.1 e connettersi alle radio che si trovano su Internet.

La Sound Blaster Audigy 2 arriverà sul mercato ad ottobre ad un prezzo stimato di 129$ per la versione base e di 200$ per la versione Platinum. In contemporanea con queste schede Creative lancerà anche un nuovo sistema di home theater 6.1, l’Inspire 6.1 6700, ad un prezzo di circa 150$.

Creative ha poi svelato un nuovo lettore portatile di MP3, il Jukebox Zen, che si rifà da vicino all’iPod di Apple ed è in grado di archiviare fino a 20 GB di musica. Sebbene un po’ più grande del gingillo di Apple, Jukebox Zen dovrebbe costare sensibilmente meno: il prezzo verrà però annunciato soltanto il mese prossimo.


Roma – Come alcuni ricorderanno, in seguito all’acquisizione del produttore di chip grafici 3Dlabs , Creative annunciò la possibilità , per questo o il prossimo anno, di rilasciare prodotti consumer basati sul processore grafico P10 dalla sua neo acquisita.

Questo chip, che equipaggia la linea di schede grafiche professionali Wildcat VP introdotta da 3Dlabs lo scorso luglio , viene definito dal produttore una Visual Processing Unit (VPU) e contiene al suo interno oltre 200 processori a 32 bit capaci di generare una potenza di calcolo superiore ai 200 Gigaflop al secondo.

Questo chip, similmente a Parhelia di Matrox , porta con sé diverse novità d’interesse ed una notevole scalabilità, tuttavia non sembra particolarmente adatto a battagliare sul mercato dei videogiochi.

Eoin Leyden, di Creative Labs Europe, ha infatti spiegato in un’intervista a Guru3D che nonostante il P10 – e in misura minore Parhelia – abbiano notevoli potenzialità in campo professionale, sono entrambi poco adatti a concorrere testa a testa, sia in termini di prestazioni che in termini di prezzo, con il nuovo Radeon 9700 di ATI o l’imminente NV30 di Nvidia.

Leyden sostiene che al momento le opportunità per la sua azienda di ritagliarsi una fetta del mercato desktop con un chip basato sul P10 sarebbero assai scarse. Per questo motivo Creative preferisce al momento continuare la propria partnership con Nvidia e mantenere gli elevati volumi di vendita delle attuali schede grafiche firmate Creative.

Gli esperti spiegano che i processori grafici professionali OpenGL, benché molto più costosi e potenti di quelli dedicati al mercato desktop, adottano architetture e driver unicamente ottimizzati per rendere al meglio con le applicazioni professionali 3D: il risultato è che un processore come il P10, che sulla carta dovrebbe essere tecnologicamente superiore a qualsiasi chip desktop, in campo ludico non può competere con le prestazioni del Radeon 9700 o del successore del GeForce 4.

Creative non sembra però aver abbandonato del tutto l’idea di sviluppare in proprio un chip grafico in grado di competere con quelli di ATI e Nvidia. Come ha affermato Leyden, le potenzialità dell’architettura Visual Processing di 3Dlabs sono elevate: tutto sta nel trovare la formula giusta che possa rendere questa tecnologia sufficientemente economica ed efficiente con i videogiochi per competere anche sul mercato consumer.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    non è giusto
    ma è solo per chi ha dslchi non c'è l'ha?
    • Anonimo scrive:
      Re: non è giusto

      ma è solo per chi ha dsl
      chi non c'è l'ha?esiste un gioco che si riesca a giocare bene online a 56k?
      • Anonimo scrive:
        Re: non è giusto
        - Scritto da: maks

        ma è solo per chi ha dsl

        chi non c'è l'ha?

        esiste un gioco che si riesca a giocare bene
        online a 56k?hey Maks, ti dimentichi degli scacchi via mail ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: non è giusto
        Sul DC si giocava bene con un 33.6, quindi... Il gioco in 56K è possibile. Però in banda larga è ancora più bello: l'importante è che la connessione venga gestita bene. Ho paura che alcuni sviluppatori non ottimizzino il gioco online e che avremo dei lag anche con ADSL! Speriamo non sia così!
  • Anonimo scrive:
    Il pad S non e' stato presentato a Siviglia...
    Piccolo appuntino: il pad S non e' stato presentato a Siviglia, e' gia' in circolazione da molti mesi in Jap... ;)A Siviglia hanno soltanto confermato il lancio europeo per il primo novembre. :PCmq grande spettacolo per MS.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il pad S non e' stato presentato a Siviglia...
      - Scritto da: ChReAn
      Piccolo appuntino: il pad S non e' stato
      presentato a Siviglia, e' gia' in
      circolazione da molti mesi in Jap... ;)
      A Siviglia hanno soltanto confermato il
      lancio europeo per il primo novembre. :P
      Cmq grande spettacolo per MS.e' stato presentato per l'europa, suvvia che cavilloso... tra l'altro e' ben + brutto del controller standardNick
      • Anonimo scrive:
        Re: Il pad S non e' stato presentato a Siviglia...

        tra l'altro e' ben + brutto del
        controller standard...ma è MOLTO più comodo dell'originale! l'unico problema rimane il prezzo: perchè noi europei lo dobbiamo pagare 40? quando in USA costa 30$ (infatti l'ho preso lì! ^^ )
  • Anonimo scrive:
    Non vediamo l'ora
    sono passato a xbox proprio per il multiplayer,dopo che la sola di ps2 dopo 2 anni ancora noncombina nulla, tra adattatori broadband eharddisk caccia e metti
    • Anonimo scrive:
      Re: Non vediamo l'ora
      - Scritto da: Agor


      sono passato a xbox proprio per il
      multiplayer,
      dopo che la sola di ps2 dopo 2 anni ancora
      non
      combina nulla, tra adattatori broadband e
      harddisk caccia e metti

      Vaporware a colpi di xDSL (ce l'hanno tutti in Italia...) e credit cards on line AHAHAHAHAHAH!Non riescono a fare un controller decente e vogliono il numero della tua carta di credito...vai vai, collegati in xDSL!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Non vediamo l'ora
        Non credo che "il joypad decente" e il "vaporware della xDSL" siano argomentazioni valide per giudicare Microsoft.Come in tutte le cose, ci sono pro e contro. Sicuramente per Xbox e il gioco On-line ci sono moltissimi Pro: solo il fatto che il "modem" e l'HD sono integrati pongono la scatolona MS in netto vantaggio rispetto alla concorrenza.Il fatto che supporti solo broadband è sì un fatto negativo, ma considerato il successo che sta avendo l'ADSL in Italia, non credo che ci sia da preoccuparsi.Il fatto che, poi, tutti i giochi gireranno su server Live è certamente una buona premessa: un solo canone per tutti i giochi.Purtroppo si bada sempre più alla forma e poco alla sostanza.Al di là dei discorsi di pro Xbox o pro PS2, credo che Xbox Live debba essere guardato con rispetto da tutti i gamers.Per quanto riguarda il pad, è solo una questione di abitudine. Comunque, ricordatevi che LA prima console di nuova generazione a sfruttare il gioco on-line è stato il DC (e ancor prima il Saturn...) e non la PS2 come alcuni giornali vogliono dare ad intendere.
        • Anonimo scrive:
          Dettagli aggiuntivi su Xbox live
          Volevo aggiungere che J Allard, capo progetto X Box, ha dichiarato la mattina dopo la conferenza che stanno valutando delle altre soluzioni alternative alla carta di credito in quanto si rendono conto che in Europa e soprattutto in Giappone la carta di credito non sia ancora molto diffusa, l'idea piu' pratica e' quella di vendere delle tessere prepagate come quelle per i cellulari, che saranno gestite dai negozi retail. La domanda tra l'altro la fece un giornalista italiano che nel corso della conferenza si e' specializzato in domande irriverenti, tendenziose ma pertinenti (una clamorosa a Ed Friers: qual'e' la prima cosa che ti e' passata per la mente quando avete perso l'esclusiva di GTA3?")
          • Anonimo scrive:
            Re: Dettagli aggiuntivi su Xbox live
            - Scritto da: Cristian Pellizzari
            Volevo aggiungere che J Allard, capo
            progetto X Box, ha dichiarato la mattina
            dopo la conferenza che stanno valutando
            delle altre soluzioni alternative alla carta
            di credito in quanto si rendono conto che in
            Europa e soprattutto in Giappone la carta di
            credito non sia ancora molto diffusa,Sopratutto in Giappone???? Mi sa che 'sto sig. Allard ha preso qualche abbaglio... l'idea
            piu' pratica e' quella di vendere delle
            tessere prepagate come quelle per i
            cellulari, che saranno gestite dai negozi
            retail. La domanda tra l'altro la fece un
            giornalista italiano che nel corso della
            conferenza si e' specializzato in domande
            irriverenti, tendenziose ma pertinenti (una
            clamorosa a Ed Friers: qual'e' la prima cosa
            che ti e' passata per la mente quando avete
            perso l'esclusiva di GTA3?")
Chiudi i commenti