Cuba: quella blogger non può lasciare l'isola

Troppo scomodo il premio che in Spagna vogliono assegnare alla più celebre blogger cubana. Così scomodo che L'Avana le nega il permesso per il viaggio. La reazione: ci trattano come bambini
Troppo scomodo il premio che in Spagna vogliono assegnare alla più celebre blogger cubana. Così scomodo che L'Avana le nega il permesso per il viaggio. La reazione: ci trattano come bambini

L’Avana – Le sue idee sono scomode da sempre ed ora dinanzi all’autrice di Generacion Y , uno dei più seguiti blog cubani, si para un muro di divieti: le autorità del paese hanno deciso che la 32enne Yoani Sanchez passi i prossimi giorni in patria anziché in Spagna, dove l’autorevole quotidiano El pais avrebbe voluto consegnarle il premio “Ortega y Gasset”.

la celebre blogger Ad annunciare l’avvenuta censura del suo tempo e delle sue idee è stata la stessa blogger. Alle agenzie ha spiegato di aver dovuto cancellare il volo e ha stigmatizzato la mancata autorizzazione al viaggio: “È un altro modo – ha detto – per ricordarci che siamo come piccoli bambini che abbisognano del permesso dei genitori per allontanarsi da casa”.

Il fatto che il regime cubano sia ricorso ad una misura restrittiva di questo tipo stupisce fino a un certo punto: Sanchez e il suo blog sono da tempo nel mirino della censura informatica de L’Avana, censura che la stessa blogger, come altri, combatte da tempo . Il blog di Sanchez risiede su server tedeschi e viene letto moltissimo anche all’estero.

In realtà è proprio la censura ai danni del suo blog ad aver spinto El Pais ad orientarsi su Generacion Y , uno spazio ricco di segnalazioni e testimonianze sulla vita quotidiana dei cubani, spesso raccontata con una franchezza forse imbarazzante per il regime.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 05 2008
Link copiato negli appunti