Custom XML, la contesa alla Corte Suprema

I contendenti sono pronti a darsi battaglia nel caso che potrebbe rappresentare una svolta per il sistema legale USA in merito ai brevetti software. Microsoft, Google, EFF e l'industria contro i4i

Roma – La causa per Custom XML è quasi giunta alla sua fase conclusiva: la canadese i4i è più che mai determinata a far prevalere le sue ragioni sul brevetto per la generazione di codice XML personalizzato, infranto – a suo dire – da Microsoft Office. Microsoft è d’altro canto impegnata non solo a difendere la commercializzazione della sua suite di produttività , ma anche a chiedere alla Corte Suprema statunitense di riformare i parametri legali su cui i giudici decidono in merito alle infrazioni di brevetto.

Microsoft chiede di applicare il principio di ” preponderanza della prova ” e la giusta valutazione dei casi di prior art anche nelle circostanze come quelle sollevate da i4i nel 2007, e nel caso specifico con Redmond si è schierata una fetta importante dell’industria IT – Google, Red Hat, Dell e altre – assieme a importanti associazioni a favore dei diritti digitali come Electronic Frontier Foundation e Public Knowledge.

In attesa delle audizioni fissate per il prossimo 18 aprile, la Corte Suprema ha già ricevuto il memoriale con le argomentazioni portate avanti da i4i: la software house canadese dice di essere “fiduciosa” sul fatto che alla fine prevarrà anche in quest’ultimo grado di giudizio , così come è risultata vincente anche nelle corti inferiori.

Nel mentre, il presidente della società Loudon Owen definisce “l’attacco contro I proprietari di brevetto” e le modifiche proposte da Microsoft come “senza precedenti e foriere di un impatto devastante” per il business della proprietà intellettuale. Dovesse prevalere la posizione di Redmond, minaccia i4i, le modifiche al sistema legale “danneggerebbero in maniera drammatica la crescita di posti di lavoro in qualsiasi industria in cui sono importanti le nuove tecnologie e le invenzioni”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pippO scrive:
    coinvolge anche i lettori di documenti..
    Un po' troppo generica come affermazione!Es. Sumatrapdf non ha il problema ;)
  • gruncolo scrive:
    Adobe=schifo!
    Sempre più pena per i suoi prodotti!Ha ragione Jobs a dire che Flash fa pena! Non per essere pro apple ma ammetto che Jobs l'ha detta giusta!Ben vengano formati diversi da Flash!Tando per Adobe Reader ce ne sono di prodotti differenti e migliori!
    • punto verde scrive:
      Re: Adobe=schifo!
      Adobe purtoppo non tiene molto evidentemente allo sviluppo dei suoi prodotti.Non ci voleva Jobs per scoprirlo, l'esclusione di flash da certi prodotti apple è più una mancanza di accordo tra le due parli altrimenti il caro flash lo trovavamo anche li.
  • faccioillog in scrive:
    Essere i più sicuri
    La versione di Flash di Google Chrome è stata patchata:http://www.adobe.com/support/security/advisories/apsa11-01.htmlMarch 14, 2011 - Updated Chrome Flash Player version information (changed from 10.2.154.13 to 10.2.154.18)March 14, 2011 - Bulletin released.e poche ore dopo..http://googlechromereleases.blogspot.com/2011/03/stable-and-beta-channel-updates_15.htmlPer i restanti..ci vediamo la prossima settimana :)
    • faccioillog in scrive:
      Re: Essere i più sicuri
      - Scritto da: faccioillog in
      March 14, 2011 - Updated Chrome Flash Player
      version information (changed from 10.2.154.13 to
      10.2.154.18)
      March 14, 2011 - Bulletin released.NB: in realtà hanno errato la dicitura della versioneL'attuale versione su Google Chrome è:10,2,154,25
  • MacBoy scrive:
    Grande Adobe!
    E' la nuova Micro$oft ormai!!! AhahahA MORTE FLASH!!
Chiudi i commenti