Danimarca, alla Baia senza problemi

Il filtro imposto al provider Tele2 non sarebbe molto efficace. Lo dicono i leader di The Pirate Bay, che riportano statistiche in crescita

Roma – Altro che Baia irraggiungibile: i netizen danesi arrivano su The Pirate Bay più di prima. A dirlo sono gli stessi gestori del sito che, dopo la sentenza che obbligava il provider Tele2 a filtrare i loro indirizzi, non si sono persi d’animo: e ora i numeri parlano di traffico in crescita del 12 percento .

Alla base di questo nuovo successo ci sarebbero due fattori: il primo, quello più ovvio, è la pubblicità ricevuta da TPB grazie alla copertura mediatica (“tutto grazie a IFPI”, si legge ). Il secondo è il lancio del sito The Jesper Bay , in lingua danese e dedicato a quella nazione, che illustra passo per passo come aggirare il blocco imposto dal tribunale.

Basta infatti scegliere di utilizzare server DNS alternativi a quelli predefiniti automaticamente da Tele2 per ricominciare a navigare tranquillamente sulle pagine della Baia. Un’operazione semplice, alla portata di tutti e illustrata con dovizia di particolari per i sistemi operativi Windows e MacOS X.

In ogni caso, fanno sapere quelli di The Pirate Bay, non sono stati ravvisati cali nell’arrivo di utenti provenienti dalle linee servite da Tele2. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti